Il nuovo Edge (con Chromium) per i vecchi Windows

La nuova versione del browser Edge, basata su Chromium, è ora disponibile anche per le vecchie edizioni del sistema operativo Windows.

Il nuovo Edge (con Chromium) per i vecchi Windows

Quasi la metà degli utenti PC a livello globale, siano essi appartenenti all’ambito consumer oppure a quello professionale, è ancora ferma a edizioni del sistema operativo Microsoft antecedenti la più recente (fonte StatCounter). Windows 10 è ad oggi presente sul 56,5% delle macchine in circolazione, mentre Windows 7 gira ancora sul 33,6% dei PC, nonostante la scadenza del supporto ormai alle porte, fissata per l’inizio del prossimo anno. Seguono Windows 8.1 con il 5,8% e le altre con percentuali inferiori.

Non è dunque difficile comprendere quali siano le motivazioni che hanno spinto il gruppo di Redmond a rendere disponibile la nuova versione del suo browser Edge, quella basata su Chromium, per le incarnazioni più datate della piattaforma.

Edge con Chromium su Windows 7, 8 e 8.1

La release Canary del nuovo Edge è disponibile per il download su Windows 7, Windows 8 e Windows 8.1. In questo modo anche coloro che per le più svariate ragioni si trovano ancora bloccati a una di queste edizioni del sistema operativo (spesso in ambito aziendale), possono far affidamento a un browser moderno nonché aggiornato. Sarà presto inclusa anche la cosiddetta modalità Internet Explorer annunciata nei mesi scorsi all’evento Build 2019 e pensata per garantire la necessaria compatibilità richiesta da alcune realtà enterprise. Per scaricare il pacchetto e avviare l’installazione non bisogna far altro che visitare il sito Edge Insider dal PC in questione.

La versione del browser Edge basata su Chromium per Windows 7

Trattandosi di una build Canary non mancano gli aspetti da sistemare. A renderlo noto è direttamente Microsoft, nel post condiviso sulle pagine del blog ufficiale per annunciare l’iniziativa: mancano ad esempio il supporto alla Dark Mode e al sign-in con ADD (Azure Active Directory), ma il gruppo di Redmond dichiara di essere già al lavoro per porvi rimedio. Nel caso di dubbi, problemi o anomalie, gli utenti possono premere F1 per accedere al supporto oppure far riferimento allo strumento integrato per l’invio dei feedback, così da contribuire ai futuri sviluppi del software.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Fonte: Windows
Chiudi i commenti