Ecco il nuovo Edge, da oggi per Windows e macOS

Debutto per la nuova incarnazione di Microsoft Edge, quella basata su Chromium: niente più beta, in download la versione definitiva del browser.
Debutto per la nuova incarnazione di Microsoft Edge, quella basata su Chromium: niente più beta, in download la versione definitiva del browser.

Microsoft ha mantenuto le promesse, dando il via al rilascio della versione definitiva del nuovo Edge alla metà di gennaio. Si apre dunque una nuova era per il browser di Redmond, ora basato su Chromium (proprio come Google Chrome). Da oggi è possibile scaricare il software per computer e dispositivi con sistema operativo Windows e macOS, direttamente dalle pagine del sito ufficiale.

Edge Chromium: ecco la versione definitiva

Nuovo engine, nuovo logo e nuovo corso per l’interfaccia di accesso alle informazioni online proposta da Microsoft, che così facendo intende tagliare i ponti con il difficile passato di Internet Explorer e con quello del motore EdgeHTML. Quella offerta oggi in download è la release 79, con supporto a più di 90 lingue di tutto il mondo (italiano compreso). Debutta al termine di una fase beta avviata nell’estate scorsa con l’obiettivo di raccogliere i feedback necessari al perfezionamento del codice.

Microsoft Edge: la versione finale del browser con motore Chromium arriva oggi su Windows e macOS

C’è anche uno store per le estensioni così da ampliare le funzionalità del browser grazie al supporto delle componenti aggiuntive sviluppate da terze parti. La 80 di Edge arriverà all’inizio di febbraio, dopodiché la software house prevede di pubblicare un nuovo aggiornamento ogni sei settimane. Stessa tempistica per la Beta, mentre la Dev riceverà update settimanali e la Canary giornalieri: ricordiamo ad ogni modo che queste incarnazioni, pur contenendo funzionalità non ancora giunte nella versione definitiva, possono includere bug e criticità non risolte.

La protezione contro il tracking offerta dal nuovo Edge di Microsoft

Tra le funzionalità integrate quelle inedite dedicate alla privacy: nello screenshot qui sopra le impostazioni relative alla Protezione dal rilevamento ovvero al blocco dei tracker che acquisiscono informazioni sull’attività durante la navigazione. Un’esigenza sempre più manifestata dagli utenti e finalmente tenuta in considerazione dalle software house impegnate nello sviluppo dei browser.

Fonte: Microsoft
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti