NVIDIA TITAN Xp, più core allo stesso prezzo

NVIDIA toglie i veli alla GPU erede della TITAN X. Potenza inaspettata e prezzo interessante data la tipologia di prodotto, ma i clienti della GTX 1080 Ti potrebbero storcere il naso

Roma – A gran sorpresa, senza che alcuna indiscrezione trapelasse a fare da apripista, NVIDIA presenta TITAN Xp, il refresh della GPU TITAN X (sul mercato da neanche un anno) disponibile già al momento del lancio allo stesso prezzo della versione precedente: 1.349 euro.


La peculiarità è che per la prima volta in un prodotto commerciale l’architettura Pascal riuscirà a sfruttare appieno i 60 SM a disposizione, facendo salire la conta dei core CUDA a 3.840 (a 1,6GHz), contro i 3.548 riscontrabili nella Titan X (un incremento sostanziale del 7 per cento). Aumentata anche la banda passante, che passa da 480GB/s a 547,7GB/s (incremento del 14 per cento) oppure da 134 MB/s per core a 142,6 MB/s.

La summa di queste migliorie abbinate al Boost clock da 1.582MHz e ai 12GB di memoria GDDR5X a 11.4 Gbps si traduce in una capacità di calcolo nominale di 14,15 TFLOPs e nella capacità di supportare una risoluzione fino a un massimo di 8K a 60Hz.

Da un punto di vista estetico è quasi impossibile trovare differenze sostanziali rispetto alla versione precedente, ma interessante è la scelta di ottenere la massima dissipazione di calore possibile grazie all’utilizzo di una camera di raffreddamento a vapore inserita all’interno di una struttura di alluminio pressofuso .

Una GPU di questo tipo rappresenterebbe il tocco finale per qualunque gaming PC Windows di alto livello, ma NVIDIA ha deciso di pensare anche agli utenti macOS: i driver beta per macchine Apple, infatti, verranno rilasciati per la prima volta in assoluto nel corso del mese di aprile 2017. Significativo il rilascio di questi driver, in quanto forniscono alla casa di Cupertino la possibilità di lavorare al prossimo MacBook Pro con la consapevolezza di avere il supporto delle GPU più potenti attualmente in circolazione.

È curioso notare che NVIDIA abbia deciso di lanciare questa GPU a breve distanza dalla GTX 1080 Ti , scheda grafica che avrebbe dovuto rappresentare non plus ultra da un punto di vista prestazionale; una decisione che da un certo punto di vista potrebbe dunque indispettire gli acquirenti che non hanno avuto la pazienza di aspettare (forse per questo la presentazione di TITAN Xp è avvenuta quasi in sordina), ma che ha perfettamente senso con i ritmi di refresh che l’azienda porta avanti ormai dal 2015.

Il nome della TITAN Xp, priva del prefisso GTX, lascia però pensare che questa GPU non sia stata pensata per gli appassionati di videogiochi. Anche perché per far girare un qualunque gioco a 4K e 60fps, tecnicamente, è più che sufficiente la GTX 1080 Ti (che resta una scheda di tutto rispetto ad un prezzo allettante).

Gabriele La Torre

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • prova123 scrive:
    Caro Donald
    bacetti ... Kim ... ... non mi chiamo Basinger :D
  • panda rossa scrive:
    La solita rivalsa contro la persona
    Ancora una volta non viene sottolineato il punto della questione.Perche' questo governo vorrebbe avere i dati di chi posta commenti anonimi?Una volta che scopre chi ha postato, che cosa fa?Ne' piu' ne' meno cio' che farebbe qualunque dei cosiddetti "stati canaglia" quando postano commenti contro il regime.E' proprio a questo che serve l'anonimato: a tenere separati l'idea dalla persona.Se non sei d'accordo con l'idea, devi contrastare l'idea, e non andare a reprimere la persona.Son tutti capaci a fare i democratici coi metodi medievali!
    • ... scrive:
      Re: La solita rivalsa contro la persona
      - Scritto da: panda rossa
      Ancora una volta non viene sottolineato il punto
      della
      questione.

      Perche' questo governo vorrebbe avere i dati di
      chi posta commenti
      anonimi?

      Una volta che scopre chi ha postato, che cosa fa?

      Ne' piu' ne' meno cio' che farebbe qualunque dei
      cosiddetti "stati canaglia" quando postano
      commenti contro il
      regime.

      E' proprio a questo che serve l'anonimato: a
      tenere separati l'idea dalla
      persona.

      Se non sei d'accordo con l'idea, devi contrastare
      l'idea, e non andare a reprimere la
      persona.

      Son tutti capaci a fare i democratici coi metodi
      medievali!Ma ne hai parlato al tuo kapó del fatto che per scrivere nel forum del sito pentastellato bisogna essere registrati ? E che per essere registrati bisogna iscriversi ? E che per iscriversi bisogna compilare modulo a questo link ?http://www.movimento5stelle.it/iscriviti.phpLo sai che se sul forum scrivi qualcosa che non piace ti reprimono invece di contrastare l'idea ?
  • xte scrive:
    Vogliamo risolvere il problema?
    Ovvero mantenere il diritto di parola? Ok, solo sistemi distribuiti. Si può partire dalle vecchie news "modernizzate" in salsa completamente distribuita dove i newserver son semplici initiator per la DHT.Sarebbe bene in genere che tutti fossero consapevoli che ogni "servizio" o "prodotto" terzo è di terzi e come tale non particolarmente affidabile, un software opensource, sviluppato da una community, non da una singola azienda, è abbastanza di tutti. Un software/architettura distribuita è abbastanza di tutti, un software sul modello client-server è del proprietario dei server.Banale, ma molti, pur sapendolo, non ci pensano né se ne preoccupano, solo perché ad oggi non han avuto alcun o ben pochi problemi marginali.
    • ... scrive:
      Re: Vogliamo risolvere il problema?
      [img]http://m.memegen.com/079ox6.jpg[/img]
      • xte scrive:
        Re: Vogliamo risolvere il problema?
        Non preoccuparti, è un discorso troppo elaborato per un troll :DTi stuzzico anche: sai che Twitter si può classificare come una specie di RSS peggiorato? Indovina il perché.
Chiudi i commenti