Nvidia, trimestre più che positivo

Risultati superiori alle aspettative grazie alla diffusione di Tegra e Sandy Bridge. La prossima scommessa mobile riguarda un quad-core per tablet Android e Windows 8

Roma – Periodo decisamente florido per Nvidia. Il rapporto sul secondo trimestre fiscale del 2011 indica che le soluzioni grafiche del chipmaker californiano si trovano nel 50 per cento dei notebook prodotti e che questa quota di mercato continuerà a salire nel corso di tutto il 2011.

L’azienda ha registrato un utile migliore del previsto, pari a 151,6 milioni di dollari. Lo scorso anno, in questo stesso periodo, veniva invece segnalata una perdita di 141 milioni di dollari. A conti fatti i ricavi sono saliti del 25 per cento.

Il risultato è stato ottenuto grazie alla collaborazione con Intel per la piattaforma Sandy Bridge e con il business vincente dei chip Tegra, attualmente utilizzati in console, tablet e smartphone da aziende come Motorola, Samsung, Sony, Toshiba e Acer.

Le vendite di GPU professionali dedicate alle workstation si sono risollevate , ma i prossimi sforzi del costruttore si concentreranno principalmente sul settore mobile con i “superpoteri” grafici di Kal-EL , evoluzione del Tegra 2 che mette insieme 4 processori ARM Cortex A9 e una GPU GeForce, pronta per il 3D stereoscopico, costituita da 12 core.

I primi tablet equipaggiati con questo potente chipset arriveranno il prossimo settembre, mentre per vedere i quad-core in azione sugli smartphone bisognerà attendere i primi mesi del 2012.

Nel progettare le sue soluzioni mobile Nvidia sta puntando molto sul sistema operativo di Google, ma il futuro di Kal-EL non è tutto incentrato su Android. Il portavoce di Santa Clara ha lasciato intendere che il nuovo system-on-a-chip quad-core strizzerà l’occhio anche ai tablet Windows 8 e ai computer portatili.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • pallino pinco scrive:
    niente giochi, niente utenti
    questa è solo robaccia... dove sono i gruppi? le pagine? e i giochi veri?è inutile sbandierare milioni di utenti come attivi, quando loggano 2 secondi e poi escono perché non c'è niente da fare... senza cityville non possono sperare di competere con facebook... i giochi sono il modo migliore (se no l'unico) per fidelizzare e monetizzare gli utenti...
  • R3d Wo1f scrive:
    Anche sui giochi puntano sulla qualità
    Rimanendo sul tema dell'articolo c'è da dire che anche sui giochi stanno dimostrando di non voler lasciare nulla al caso...niente cineserie per ora...A qualcuno faranno torcere il muso ma son un'ottima attrazione per la piattaforma,alla fine son i numeri quelli che contano per un social e questi cercheranno in tutti i modi di ottenerli.Io lo sto usando anche su android è un social piacevole da usare con un'ottima struttura capace di attirare anche i piu diffidenti.
  • Ottopuz scrive:
    La video chat e' molto piu' innovativa
    Si ma la vera rivoluzione resta Hangouts..la video chat di Google+ e' molto piu avanti...http://www.atlantisway.com/articoli/web/item/568-perch%C3%A8-con-hangouts-google-dimostra-di-poter-battere-facebook
    • The Dude scrive:
      Re: La video chat e' molto piu' innovativa
      - Scritto da: Ottopuz
      Si ma la vera rivoluzione resta Hangouts..la
      video chat di Google+ e' molto piu
      avanti...

      http://www.atlantisway.com/articoli/web/item/568-pVideoritrovo.... :(
    • Anonymous scrive:
      Re: La video chat e' molto piu' innovativa
      - Scritto da: Ottopuz
      Si ma la vera rivoluzione resta Hangouts..la
      video chat di Google+ e' molto piu
      avanti...

      http://www.atlantisway.com/articoli/web/item/568-pIndubbio, ma lo sai.. non puoi lasciare qualcuno fuori, che continui ad andare su FB, altrimenti ci sarà sempre una certa "riluttanza". Occorre salutare con assoluta stima l'idea di Google nel tenere tale feature disattiva per default e quindi di non adottare quell'anda di voler propinare XXXXXXX a tutti i costi, che ha sempre avuto FB e sembra stia prendendo piede pure su LinkedIn (con il Social Advertising).
Chiudi i commenti