Obama e la nuova era della cybersicurezza

Il Presidente firma un ordine esecutivo che legherà il governo federale al settore privato. Obiettivo: condividere le informazioni per la difesa delle infrastrutture critiche. Estendendo nelle imprese il pattugliamento pubblico

Roma – Il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha annunciato la ratifica di un ordine esecutivo che introdurrà tra le varie agenzie federali un pacchetto di misure standard in materia di sicurezza cibernetica. In altre parole , tutte quelle aziende che si ritrovano a gestire le cosiddette infrastrutture critiche dovranno adottare i nuovi standard della cybersicurezza, implementando misure aggiuntive per alimentare la condivisione delle informazioni . Come sulle piattaforme social, i dati dovranno essere scambiati tra le imprese e le agenzie federali, in modo da arricchire l’arsenale informativo e proteggersi al meglio dagli attacchi provenienti dall’estero.

Come già paventato in passato, Barack Obama ha ricordato , citando il provvedimento nel discorso sullo Stato dell’Unione tenuto nella notte, che gli Stati Uniti dovranno affrontare un volume sempre crescente di cyberattacchi provenienti dai vari paesi nemici. “Sappiamo che le nazioni e le società straniere riescono a trafugare i nostri segreti aziendali”, ha spiegato Obama. Ultimo caso, quello che ha coinvolto le fonti giornalistiche dei quotidiani Wall Street Journal e New York Times , nel mirino si presume della Cina.

I nuovi standard della cybersicurezza annunciati dal Presidente resteranno tuttavia volontari, permettendo alle imprese con infrastrutture critiche di sfruttare la protezione governativa. Lo stesso Obama ha però sottolineato come queste stesse aziende non potranno usufruire di una vera esenzione da responsabilità in caso di attacco , una predisposizione contenuta nel testo di legge bocciato in Senato nello scorso agosto.

Con l’introduzione di nuove misure per la tutela delle infrastrutture informatiche, il testo del Cybersecurity Act era naufragato sul blocco imposto dai senatori repubblicani. Quel sistema avrebbe portato le principali aziende del Web a consegnare alle autorità nazionali le informazioni necessarie per la prevenzione di crimini e identificazione dei sospetti . Uno scenario da incubo per la privacy degli utenti a stelle e strisce.

Stando alle indiscrezioni , all’ordine esecutivo diramato da Obama farà seguito l’introduzione di una nuova versione dello stesso Cybersecurity Act, solo apparentemente modificato nelle parti più delicate che avevano scatenato la protesta dei consumatori, delle aziende sul Web, degli attivisti . Il testo di CISPA sarebbe pronto a tornare al vaglio del Senato senza proporre alcuna sostanziale miglioria.

Nelle stesse ore, la Casa Bianca ha anche avviato il nuovo corso della diretta streaming per il tradizionale discorso State of the Union (sullo Stato dell’Unione). Minacciato dal collettivo hacker Anonymous – che aveva promesso di oscurare la diretta video – l’esperimento si è comunque svolto senza particolare difficoltà.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • luigistellato scrive:
    fibrastore.it
    Ciao!Vi consiglio di visitare questo nuovo e-commerce dedicato interamente alle forniture in fibra ottica, illuminazione a LED e materiale elettrico in generale. http://fibrastore.it/Adatto per piccoli installatori ma anche per grandi aziende, con pagamenti e sconti personalizzati.
  • z0na abit4bil3 scrive:
    6 Gennajo 2013..
    L'articolo:http://punto-informatico.it/3682651/PI/News/lte-frequenze-liberate.aspxI commenti:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3682651(Stiamo ancora ridendo dal mese scorso...)
  • Surak 2.0 scrive:
    In soldoni
    50 miliardi per il piano iniziale-
    500 milioni di abitanti (circa)= 100 euro a testa in X anni. Cioè nulla.Diciamo che il problema è probabilmente più in posizioni dominanti e Paesi che già stanno a posto ed altri no (quindi i primi pagano e gli altri prendono). Dovrebbero finanziarlo in altra maniera
  • attonito scrive:
    Ecco qui il flame del mercoledi'
    su Punto-Letamaio non puo' mancare la guerra di meta' settimana, ecco qui.http://www.tomshw.it/cont/news/cook-oled-terribili-galaxy-discutibili-solo-apple-e-perfetta/43097/1.htmlMi raccomando, copincollatela subito, ma non sstate a disturbare Galimberti: per queste notiziuole, un Vecchio qualunque e' piu' che sufficente.
  • attonito scrive:
    ma che XXXXXXX!
    Luca, io vi passo notizie flammose e tu mi cancelli il post?!? ma XXXXXXXXXXXX, XXXXXXX!
  • attonito scrive:
    OT: PI, ecco ghiotta notizia da copiare
    Ecco una "sparata" di Cookhttp://www.tomshw.it/cont/news/cook-oled-terribili-galaxy-discutibili-solo-apple-e-perfetta/43097/1.htmlche dovete subito mettere in prima pagina: e' perfetta per scatenare il solito flame di meta' settimana.Direi di affidare la cosa a Vecchio, la notizia e' di basso cabotaggio, inutile disturbare Galimberti per queste cosucce.
  • boxgabry scrive:
    Constatazione
    Se ha questo aggiungiamo la situazione italiana riguardo appunto la connettivita' a banda larga viene da piangere....
    • Leguleio scrive:
      Re: Constatazione
      - Scritto da: boxgabry
      Se ha questo aggiungiamo la situazione italiana
      riguardo appunto la connettivita' a banda larga
      viene da
      piangere....Ti riferisci a quei Comuni o quartieri cittadini in cui nemmeno arriva l'ADSL?http://www3.varesenews.it/italia/articolo.php?id=46487http://www.notizie-online.it/content/view/23848/1/
      • Ignazio scrive:
        Re: Constatazione

        http://www3.varesenews.it/italia/articolo.php?id=4

        http://www.notizie-online.it/content/view/23848/1/Analisi approssimativa: dire che 2973 comuni su 8100 sono scoperti non dice molto.Se sommi il numero di residenti dei 2973 comuni più piccoli d'italia venire anche di meno del 15% che Telecom dichiara scoperto.Per non dire: quanti degli 8100 comuni hanno un cinema o un panificio o sono raggiunti dal servizio di consegna delle poste?Se non è conveniente non possiamo pretendere che un azienda privata dia copertura in perdita: o ristatalizziamo la rete, o facciamo degli investimenti con le regioni che coprono i comuni disagiati a loro spese.
        • Surak 2.0 scrive:
          Re: Constatazione
          - Scritto da: Ignazio


          http://www3.varesenews.it/italia/articolo.php?id=4




          http://www.notizie-online.it/content/view/23848/1/

          Analisi approssimativa: dire che 2973 comuni su
          8100 sono scoperti non dice
          molto.
          Se sommi il numero di residenti dei 2973 comuni
          più piccoli d'italia venire anche di meno del 15%
          che Telecom dichiara
          scoperto.magari... sotto i mille abitanti ci sono circa 2000 comuni:http://www.gazzettadisondrio.it/367-quanti_siamo__comune_per_comune__pedesina_e_mena.htmlvedere il quarto paragrafoMeno di 100= 47Tra 100 e 500= 792Tra 500 e 1000= 1128................1967, se anche fossero tutti da mille (e non lo sono ovviamente) darebbero 2 milioni di persone cioè 1/30 della popolazione.Poi qualcuno si chiede perchè s'impuntano a voler far chiudere 110 Province e non 8100 Comuni
          Per non dire: quanti degli 8100 comuni hanno un
          cinema o un panificio o sono raggiunti dal
          servizio di consegna delle
          poste?Non solo hanno la consegna della posta, ma hanno pure l'ufficio postale (dubito ve ne sia uno senza) seppure magari aperto a turno, dato che viene considerato un diritto, ad eccezione ovviamente di quelli più lilipuziani
          Se non è conveniente non possiamo pretendere che
          un azienda privata dia copertura in perdita: o
          ristatalizziamo la rete, o facciamo degli
          investimenti con le regioni che coprono i comuni
          disagiati a loro
          spese.C'è chi lo pretende (dietro a vari pretesti).
        • prova123 scrive:
          Re: Constatazione
          - Scritto da: Ignazio
          Se non è conveniente non possiamo pretendere che
          un azienda privata dia copertura in perdita: o
          ristatalizziamo la rete, o facciamo degli
          investimenti con le regioni che coprono i comuni
          disagiati a loro
          spese.Se non è conveniente allora NON SI PRENDONO IN GIRO LE PERONE STIPULANDO CONTRATTI RELATIVI A ADSL con banda ridicola (
  • JoannesN58 scrive:
    Banda larga
    Ma perché partono sempre dalla parte sbagliata?
  • Guido La Vespa scrive:
    Europa: chiacchiere e distintivo
    Ma qual è il problema? Prima c'era i2010, il grande obiettivo di un continente in cui ricerca e sviluppo (rtd come lo chiamano gli euroburocrati) fossero al centro dello sviluppo economico. L'obiettivo è miseramente fallito e gli euroburocrati da 7.000 al mese (+ allowances + benefits + reimbursements) hanno inventato i2020. Quando questo fallirà ci sarà i2030, una volta inventato il nome il problema non è più loro.
  • armstrong scrive:
    gli operatori TLC
    ma questi "grandi imprenditur" se sono così convinti, perchè non tirano fuori i LORO soldi? :D
    • Guido La Vespa scrive:
      Re: gli operatori TLC
      Già, infatti dovrebbero tirarli fuori. Solo preferiscono che prima lo stato faccia tutto, poi arriva mr. colaninno che lo compra per un tozzo di pane. Stendo un velo pietoso sulla gestione di telecom italia da parte di quegli imprenditori. Poi quando c'è da fare investimenti mr. colaninno sparisce, però nelle liste del pd riappare suo figlio. Misteri.
      • bubba scrive:
        Re: gli operatori TLC
        - Scritto da: Guido La Vespa
        Già, infatti dovrebbero tirarli fuori. Solo
        preferiscono che prima lo stato faccia tutto, poi
        arriva mr. colaninno che lo compra per un tozzo
        di pane. Stendo un velo pietoso sulla gestione di
        telecom italia da parte di quegli imprenditori.
        Poi quando c'è da fare investimenti mr. colaninno
        sparisce, però nelle liste del pd riappare suo
        figlio.
        Misteri.gran brutta storia quella di telecom! eravamo 'obbligati' a privatizzare e tramite ingegnerie finanziarie si e' fatta una manovra, cercando "capitani coraggiosi".In giro c'erano solo ignavi o speculatori pero'. Un dito (non mano!) ce lo mise la Ifil di agnelli, ma era tutto fragilissimo... poi arrivano gli affamati.. il colaninno ( VS bernabe'.. l'unico che penso non volesse un bottino), e poi gnutti, geronzi, la lussemburghese Bell, il Tronchetto dell'infelicita' & benetton.. e altri XXXXXX che non ricordo.
    • Ignazio scrive:
      Re: gli operatori TLC
      - Scritto da: armstrong
      ma questi "grandi imprenditur" se sono così
      convinti, perchè non tirano fuori i LORO soldi?
      :DPerché capitale=rischio.Nel mondo delle telecomunicazioni la gente pretende di spendere sempre meno, e per le TLC il rischio di non rientrare dall'investimento è grande.Le TLC sono uno dei pochi settori dove i costi sono calati enormemente e ora siamo al livelli che determinano l'incapacità delle aziende di finanziarsi. Troppe piccole TLC con troppi pochi soldi.Ci siamo abituati che internet è piena di cose gratuite, ma Gmail, senza che tu paghi l'ADSL o il traffico da crll, non funziona.Ora certo che alle aziende TLC piace l'idea che la gente per stare conenssa vogliano la linea sempre aperta, ma quanti utenti sono disposti a pagare di più per avere filmati HD via rete, o poter aprire un documento dal cloud come se fosse in locale?
      • armstrong scrive:
        Re: gli operatori TLC
        - Scritto da: Ignazio
        - Scritto da: armstrong

        ma questi "grandi imprenditur" se sono così

        convinti, perchè non tirano fuori i LORO
        soldi?

        :D

        Perché capitale=rischio.
        Nel mondo delle telecomunicazioni la gente
        pretende di spendere sempre meno, e per le TLC il
        rischio di non rientrare dall'investimento è
        grande.Quindi siamo alle solite: guadagni privati e perdite pubbliche? :D
    • bradipao scrive:
      Re: gli operatori TLC
      - Scritto da: armstrong
      ma questi "grandi imprenditur" se sono così
      convinti, perchè non tirano fuori i LORO soldi?
      :DInfatti... le aziende di telecomunicazioni fanno miliardi a palate e poi vogliono anche che sia lo stato (noi) a pagare le nuove infrastrutture, così da poter incassare ancora di più dai clienti (noi).Sono solo io a notare l'assurdità?
  • Feet on the Ground scrive:
    Decisione saggia
    Mi pare giusto: prima le cose serie, poi i giocattoli.
    • . . . scrive:
      Re: Decisione saggia
      La connettività oggi E' una cosa seria.
      • krane scrive:
        Re: Decisione saggia
        - Scritto da: . . .
        La connettività oggi E' una cosa seria.Ma loro preferiscono gli aeroplanini, i soldatini...
        • ces scrive:
          Re: Decisione saggia
          - Scritto da: krane
          - Scritto da: . . .

          La connettività oggi E' una cosa seria.

          Ma loro preferiscono gli aeroplanini, i
          soldatini...E lo stato italiano preferisce buttare miliardi per aprire buchi nelle montagne :
          • thebecker scrive:
            Re: Decisione saggia
            - Scritto da: ces
            E lo stato italiano preferisce buttare miliardi
            per aprire buchi nelle montagne
            :La storia fin dall'inizio ci insegna che le vie comunicazioni, sia naturali sia create dall'uomo sono state sempre imporanti per la prosperita dell'uomo! Si può criticare la gestione italiana, gli sprechi, corruzione.ecc. Non credo che i francesi dall'altro lato sono dei fessi e invece noi siamo i furbi che non vogliamo l'alta velocità.
          • armstrong scrive:
            Re: Decisione saggia
            - Scritto da: thebecker
            - Scritto da: ces


            E lo stato italiano preferisce buttare miliardi

            per aprire buchi nelle montagne

            :

            La storia fin dall'inizio ci insegna che le vie
            comunicazioni, sia naturali sia create dall'uomo
            sono state sempre imporanti per la prosperita
            dell'uomo!E la fibra non sarebbe una via di comunicazione?

            Si può criticare la gestione italiana, gli
            sprechi, corruzione.ecc.


            Non credo che i francesi dall'altro lato sono dei
            fessi e invece noi siamo i furbi che non vogliamo
            l'alta
            velocità.credi male
          • Teo_ scrive:
            Re: Decisione saggia
            - Scritto da: thebecker
            - Scritto da: ces


            E lo stato italiano preferisce buttare miliardi

            per aprire buchi nelle montagne

            :

            La storia fin dall'inizio ci insegna che le vie
            comunicazioni, sia naturali sia create dall'uomo
            sono state sempre imporanti per la prosperita
            dell'uomo!

            Si può criticare la gestione italiana, gli
            sprechi, corruzione.ecc.Infatti i neutrini non avevano bisogno di un tunnel di 700 e passa chilometri per arrivare al Gran Sasso.
          • Ignazio scrive:
            Re: Decisione saggia

            E lo stato italiano preferisce buttare miliardi
            per aprire buchi nelle montagneè connettività anche quella
      • Feet on the Ground scrive:
        Re: Decisione saggia
        - Scritto da: . . .
        La connettività oggi E' una cosa seria.La connettività c'è già, ma non c'è bisogno al momento che TUTTI i cittadini UE abbiano la banda larga.Per cercare lavoro basta il 2G, ed è l'unico uso serio della connettività che deve interessare l'Europa oggi come oggi.
        • mcmcmcmcmc scrive:
          Re: Decisione saggia
          - Scritto da: Feet on the Ground
          - Scritto da: . . .

          La connettività oggi E' una cosa seria.

          La connettività c'è già, ma non c'è bisogno al
          momento che TUTTI i cittadini UE abbiano la banda
          larga.

          Per cercare lavoro basta il 2G, ed è l'unico uso
          serio della connettività che deve interessare
          l'Europa oggi come
          oggi.ma quindi non investendo in banda larga si creano posti di lavoro? Perchè mi sfugge il nesso. Occuparsi di banda larga, facendolo bene, sarebbe un vantaggio. Cosa vuole dire farlo bene? Vuole dire investirci e non buttarci soldi. Creerebbe lavoro, servizi migliori e a minor costo, a vantaggio dei cittadini. Mantenendola pubblica, sta banda larga, creerebbe anche entrate, che i vari players/compagnie telefoniche se vogliono utilizzare la banda per fornire i loro servizi devono pagare.E' ovvio che la banda larga non sia il problema, ma non è nemmeno la causa dei problemi e potrebbe dare una mano a risolverli, questi problemi.
          • Feet on the Ground scrive:
            Re: Decisione saggia
            Balle. Meno il pubblico ci mette il naso, meglio è. Esistono i privati per queste cose. Se non vi piace l'economia di mercato andate a vivere nella Corea del Nord. ;)
          • Trollollero scrive:
            Re: Decisione saggia
            - Scritto da: Feet on the Ground
            Balle. Meno il pubblico ci mette il naso, meglio
            è.Veramente e' il contrario : meno si lasciano servizi fondamentali in mano ad entita' votate al solo profitto e meglio e'.
            Esistono i privati per queste cose. Se non vi
            piace l'economia di mercato andate a vivere nella
            Corea del Nord.
            ;)Un altro che crede alla favola del mercato che si autoregola e risolve tutti i mali.....
          • armstrong scrive:
            Re: Decisione saggia
            - Scritto da: Feet on the Ground
            Balle. Meno il pubblico ci mette il naso, meglio
            è. Esistono i privati per queste cose. Se non vi
            piace l'economia di mercato andate a vivere nella
            Corea del Nord.Fortuna che noi siamo pieni di capitani coraggiosi... Alla Schettino :D
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: Decisione saggia
            - Scritto da: Feet on the Ground
            Balle. Meno il pubblico ci mette il naso, meglio
            è. Esistono i privati per queste cose. Se non vi
            piace l'economia di mercato andate a vivere nella
            Corea del Nord.
            ;)prendo l'occhiolino come indicatore di battuta. Perchè se non fosse una battuta dimostrerebbe che non ci hai capito garn chè.Le infrastrutture devono essere pubbliche. I privati ne devono poter affittare l'utilizzo.A sentire te anche l'acqua non dovrebbe essere pubblica. E' così?Il tuo discorso di dare tutto ai privati, potrebbe andare bene a fronte di un piano di sviluppo strategico di lunga durata, in cui è il pubblico che dice al privato che intende fare, cosa e come fare. Il pubblico (stato) decide e pianifica. Il privato esegue e, se è bravo, guadagna.Al momento, nel caso telecom, la rete la sta evolvendo il pubblico e telecom la utilizza a gratis, semplificando il discorso (vedi un po' la fibra posata da Lepida in Emilia).
          • Ignazio scrive:
            Re: Decisione saggia
            - Scritto da: Feet on the Ground
            Balle. Meno il pubblico ci mette il naso, meglio
            è. Esistono i privati per queste cose. A prezzi di mercato i trasporti pubblici sarebbero morti.Meglio un po' di finanziamenti e farli esistere.Così come è sensato finanziare interventi mirati di copertura delle località più periferiche.
          • webwizard scrive:
            Re: Decisione saggia
            - Scritto da: Feet on the Ground
            Balle. Meno il pubblico ci mette il naso, meglio
            è. Esistono i privati per queste cose. Se non vi
            piace l'economia di mercato andate a vivere nella
            Corea del Nord. ;)Controballe. Qualsiasi infrastruttura nazionale deve essere a gestione governativa. Lasciarla in mano ai privati è una XXXXXXXta, per almeno due motivi:1) Non garantisce il servizio anche dove non è remunerativo. Solo perché un comune ha meno di diecimila abitanti, non è un motivo valido per cui non abbia, ad esempio, strade o servizi idrici.2) Non garantisce la concorrenza leale. Il caso dell'ultimo miglio di telecom è emblematico...
        • . . . scrive:
          Re: Decisione saggia
          - Scritto da: Feet on the Ground
          - Scritto da: . . .

          La connettività oggi E' una cosa seria.

          La connettività c'è già, ma non c'è bisogno al
          momento che TUTTI i cittadini UE abbiano la banda
          larga.Ah si ?!!
          Per cercare lavoro basta il 2G, ed è l'unico uso
          serio della connettività che deve interessare
          l'Europa oggi come
          oggi.Riflessione profonda non c'è che dire.
    • dalek scrive:
      Re: Decisione saggia
      in italia esistono solo 2 categorie di persone:i ricchi (tutti i parlamentari)i poveri (tutto il popolo italiano)
Chiudi i commenti