Ora Linux ha un paladino

Il difensore del codice libero, dello stato dell'arte, di quanto esiste ma nessuno ha brevettato. Sponsor illustri per un progetto che combatte i patent troll

Roma – C’è chi vive delle idee altrui brevettando, prima che chiunque altro ci abbia anche solo pensato, tecnologie o idee che sono patrimonio comune da tempo. Un problema che costa tempo e denaro a chi viene coinvolto in dispute legali che possono durare anni , e che più di una volta hanno fatto sudare freddo la comunità che si raccoglie attorno a Linux e al software libero. Problema che oggi potrebbe finire in soffitta, visto che a guardia delle libertà del Pinguino scende in campo una fondazione apposita.

Si chiama Linux Defender , ed è sponsorizzata da Open Invention Network (vale a dire una coalizione che spazia da Sony a IBM, da Novell a RedHat), Linux Foundation e dall’associazione che da tempo offre assistenza al FLOSS, Software Freedom Law Center . L’obiettivo dichiarato è quello di combattere i “cattivi brevetti”, quelli cioè che registrano tecnologie che sono allo stato dell’arte da tempo, che rischiano di compromettere lo sviluppo e la crescita del software libero.

“Si tratta di una iniziativa importante – ha spiegato Jim Zemlin , CEO di Linux Foundation – che garantirà alla community maggiore confidenza nel codice sviluppato. In questo modo la community acquisisce uno strumento relativo alla proprietà intellettuale che consentirà di limitare le distrazioni create dalle organizzazioni che si divertono a giocare il gioco del FUD ( fear, uncertainty and doubt : paura, incertezza e dubbio – ndr)”.

A supporto di quanto viene sviluppato nei garage o negli uffici dai volenterosi dell’open source verranno costruite delle vere e proprie “memorie difensive” anticipate: tutti, dalle aziende ai singoli utenti, sono invitati a partecipare per fornire informazioni, descrizioni, schede tecniche e specifiche di quanto conoscono o hanno sviluppato – e che non intendono brevettare – così da poter costruire un solido bastione di carte bollate da opporre al patent troll di turno se si dovesse presentare il problema.

Gli ideatori del progetto parlano di una “no-fly zone” allestita attorno a Linux, per metterlo al sicuro da brutte esperienze passate come il caso SCO . Tutto quanto finirà nel kernel Linux dovrà essere documentato anche sotto il profilo legale, onde evitare che il furbastro di turno possa turbare la tranquillità degli sviluppatori: l’idea è quella di segnalare i documenti redatti anche ai vari repository che vengono consultati dagli uffici brevetti prima di assegnare le patent , in modo tale da sgombrare preventivamente il campo da ogni tipo di pretesa illegittima.

Se poi invece chi detiene già un brevetto discutibile dovesse farsi sotto per pretendere un risarcimento , gli utenti potranno utilizzare un apposito strumento online con il quale generare automaticamente una memoria difensiva atta alla bisogna. Non occorrerà alcuna competenza sul piano legale, ma solo sul piano tecnico, per ottenere i documenti necessari a respingere il primo assalto: gli strumenti saranno gli stessi già utilizzati per inserire le specifiche del proprio lavoro all’interno del sistema.

Un’idea, quella di ribattere alla contestazione dei brevetti sul piano legale, che Linux Foundation porta avanti da tempo. Anche se l’atmosfera nell’ambiente sembra più rilassata che in passato, i paladini del Pinguino non intendono abbassare la guardia . Non si tratta comunque di una iniziativa contro il merito dei brevetti software: gli organizzatori fanno sapere di essere neutrali sull’argomento, purché le rivendicazioni di chi registra le patent siano di “alta qualità” e non semplici definizioni generiche buone solo per racimolare qualche soldo in tribunale.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Redemptor scrive:
    Datemi un'anziana, vi dirò cosa droppa.
    Ebbene si. L'articolo in questione - nonostante tutti i commenti contrari che sono stati postati - ha una base di veritiero.Gioco a World of Warcraft da quasi 4 anni ormai, e ne sono stato totalmente traviato fin dal primo momento, lo ammetto. Violenze su persone, animali e oggetti inanimati, sono diventate per me il vero condimento della vita. Tantochè - infatti - ho capito che era venuto il momento di organizzarmi di conseguenza : Dopo una lunga e attenta preparazione, sono riuscito a fare in modo che il mio cane rispondesse a comandi quali "Kill Command!", "Intimidation!" e quant'altro, in modo da neutralizzare in poco tempo quei nemici che la jungla urbana - così come la vita - ci propone di giorno in giorno.E fu così che vecchine, vecchini, bambini e animali, ma anche vecchinidi, bambali, anibini e veccali, non diventarono altro per me, se non fonti costanti di pelli, denaro e oggetti preziosi, ottimi per fare qualche soldo una volta venduti all'apposito commerciante.C'è solo una cosa che contesto a World of Warcraft : Nel gioco, quando uccidi qualcosa, non escono sangue nè budella a fiumi. Cosa che nella realtà, succede.Chissà. Forse è

    PER QUESTO MOTIVO
  • Il Fhaiga scrive:
    I soliti allarmisti...
    Ma come mai P.I. e' sempre cosi' allarmistico ?Vedete di testare cio' che andate a commentare invece di basarvi sul messaggio di un coglione che farebbe bene a giocare a monopoly.Wrath e' al momento credo il gioco piu' famoso al mondo...e non credo che lo sia per il motivo che ha lamentato "Richard Bartle" che sara' anche un esperto di videogame, ma forse di quelli su Mame 32.La saga di Warcraft si basa su un mondo fantasy dove c'e' violenza ?Ed il Signore degli Anelli non aveva eguali basi ?Facciamola finita per favore e ricordiamoci che uno squilibrio mentale non puo' derivare ne da un film, ne da un libro e tantomeno da un videogioco.E' piu' da squilibrati portare avanti discorsi come questi e sarebbe meglio tacere anziche' allarmare il mondo intero con certe idiozie.L'unica pecca di WoW e delle sue espansioni e' che e' talmente bello da giocare che non vorresti smettere mai.
  • francososo scrive:
    E' giusto scervellarsi per giochi
    E' giusto scervellarsi per giochi violenti che di reale non hanno niente se non lo scopo di farci divertire ?Sinceramente è meglio sfogarsi sui giochi come Manhunt, Wow & co che fare i finti " democratici" come a Guantanamo !
  • Anonimo Veneziano scrive:
    Come fà uno che gioca a War of Warcraft
    ... poter commentare World of Warcraft? Sono 2 giochi diversi.Per la redazione: WORLD OF WARCRAFT, non WAR.
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: Come fà uno che gioca a War of Warcraft
      Corretto, grazie! :DEra un retaggio di vecchie giocate notturne... ;)L
      • Mr.God scrive:
        Re: Come fà uno che gioca a War of Warcraft
        - Scritto da: Luca Annunziata
        Era un retaggio di vecchie giocate notturne... ;)

        LWhore of Warcraft?
  • Rognardo scrive:
    'sto tipo è un po' fuori dalla realtà
    dicevo... a me sembra che 'sto tipo sia un po' fuori dalla realtà, non sono uno psicanalista, ma le affermzioni di costui dovrebbero essere preoccupanti, per i suoi cari, insomma: è fulminato... vorrei dirgli che i vidogiochi, sono giochi, i films, i libri, sono strumenti ludici, che se non si piglia una pausa dal mondo irreale, questo qui fa la fine di quella flippata della protagonista di "Misery non deve morire".
    • OldDog scrive:
      Re: 'sto tipo è un po' fuori dalla realtà
      Io non ho giocato a WoW, ma negli anni qualcosa ho visto in altri game. Per esempio, diversi anni fa ci fu un problema con una scena che compariva quando sconfiggevi una fazione nemica ad Alpha Centauri di Sid Meiers (spin-off della serie Civilization). In quell'animazione il leader nemico veniva (apparentemente) torturato con scariche elettriche mentre era legato mani e piedi.Comprendo la voglia di non confondere vita reale con videogioco, ma resta il fatto che la costante desensibilizzazione fatta in questi anni, soprattutto da cinema e TV ma anche da alcuni videogame, non potete liquidarla con una battuta e una pernacchia. (IMHO)Come letto in uno dei post, da anni ci ripetono che la tortura, si vabbè i diritti civili, ma se torturiamo GLI ALTRI ha sempre una buona ragione. Chi sono gli altri? I terroristi, i soldati avversari, i civili sospetti, i manifestanti molesti, i cittadini antipatici... prima o poi basta essere "non con noi" e si è dalla parte sbagliata.Quindi va bene riconoscere l'esistenza storica della tortura, OK calare i personaggi di fantasia in un plausibile mondo di violenza, ma pretendere che NOI torturiamo per superare un livello di gioco?Per chi dice: "ma in tutto il gioco si uccide", varrebbe la pena leggere qualche testo serio sulla carica di violenza sadica e sopraffazione che separa un soldato che spara in combattimento e uno che nelle retrovie o a battaglia finita infierisce su prigionieri e feriti. Sapete quali tecniche di desensibilizzazione si debbono usare per addestrare una persona equilibrata a commettere violenze simili? Volete pagarne una di tasca vostra?Fate un passo indietro, tirate un momento il fiato e non lasciate che una simulazione di gioco diventi più importante di questi messaggi continui, che martellano le zone primitive del nostro cervello per ridurci nelle marionette che fanno comodo ad alcuni. Poi giocate pure, ma restate con la vostra testa ben accesa, per favore.Grazie
  • lucas scrive:
    Quelli che sparano queste ca**ate....
    Quelli che sparano queste ca**ate dovrebbero lasciar perdere i videogiochi, evidentemente non sono in grado di distinguere la realtà dalla finzione... Ma perpiacere! abbiate un minimo di decenza!
  • Commodore Force scrive:
    Già su Creatures per commodore64...
    ...esistevano le torture, anzi era il cuore del videogioco e parlo di inizio anni 90. La tortura andrebbe fatta chi scrive questi articoli!
    • VittorioM scrive:
      Re: Già su Creatures per commodore64...
      in dungeon keeper ( http://it.wikipedia.org/wiki/Dungeon_Keeper ) esisteva la sala delle torture dove infilare nemici da convincere a passare dalla parte del giocatore o le proprie creature per far lavorare meglio le altreper far scavare più velocemente i propri folletti li si poteva prendere a schiaffi con schizzi di sangue in giro e troppi schiaffi causavano la morte del follettoe nessuno ha mai detto nulla
      • Mr.God scrive:
        Re: Già su Creatures per commodore64...
        - Scritto da: VittorioM
        in dungeon keeper (
        http://it.wikipedia.org/wiki/Dungeon_Keeper )
        esisteva la sala delle torture dove infilare
        nemici da convincere a passare dalla parte del
        giocatore o le proprie creature per far lavorare
        meglio le
        altre
        per far scavare più velocemente i propri folletti
        li si poteva prendere a schiaffi con schizzi di
        sangue in giro e troppi schiaffi causavano la
        morte del
        folletto

        e nessuno ha mai detto nullaMi hai battuto sul tempo! Gioco mitico!!
  • una ragazza scrive:
    ma... la storia com'è?
    Perdonate la richiesta di Spoiler.... ma come ci si arriva a torturare il tizio?Io ha WOW ho giocato solo ai primi di strategia, quindi a questo non mi ci sono ancora avvicinata, ma sono curiosa di sapere se per torturare devi giocare dalla parte dei "cattivi" o degli brutti e grossi orchi. (Nessun orco si offenda, io adoro gli orchi!)Allora tutto ha un senso... hai scelto il lato malvagio, STACCE E NON ROMPERE!
    • VittorioM scrive:
      Re: ma... la storia com'è?
      la quest è di livello 71 nella zona della borean tundra. il primo step cambia a seconda se si gioca orda o alleanza: alleanza "Nick of Time" orda "Too Close For Comfort". la storia parte dal fatto che un'importante maga della fazione dei Kirin Tor è stata rapita e le tracce portano ad un campo del Cult of the Damned (mi pare, è passato un po' di tempo) che sarebbe una fazione che patteggia per il flagello dei nonmorti.un esponente del cult of the dammned viene catturato ma non intende rivelare dove questa maga è tenuta prigioniera, i kirn tor non possono torturare un prigioniero ma devono sapere dove andare per salvare questa maga quindi allo step numero 5 della quest viene chiesto al giocatore di fare click 3 volte su un oggetto per convincere il prigioniero a collaborare. l'oggetto è Neural Needler - Use: Inflicts incredible pain to target, but does no permanent damage.maggiori dettagli qui http://thottbot.com/q11648
  • robbiano mattia scrive:
    fai ridere
    aahahah sapete distringuere un gioco dalla realtà ?sveglia
  • Fabio scrive:
    nome gioco
    a parte che il gioco si chiama World of Warcraft e non War of Warcraft.... in genere per questo tipo di missioni è sufficiente trovare il personaggio e non perseguire alcun tipo di tortura.. e poi è cmq un gioco in cui ci sono delle fazioni in lotta.. quindi non vedo il problema
  • diegooo1972 scrive:
    Torture in WOW come in film & C.
    Sai che novita'. Dall 11 settembre gli Hollywood ha posto sempre piu' spesso la questione della giusta torturara, visto che in extremis si potrebbero salvare migliaia di vite estorcendo informazioni. Qui il punto non e' se sia lecito o meno. Qui si tratta al limite di alzare l' età minima di gioco. I telefilm tipo "24 ore" sono pieni di queste cose e nessuno si scandalizza. Pero' Non si capisce perche' solo adesso se ne preiccupino quando WOW e' costellato da prigionieri toorturati ed esperiemtni magici su malcapitati di turno sin dagli arbori. L' unico cambiamento e' sul fatto che questa volta siamo noi a torturare. Non è poi del tutto corretto. in altre missioni ci viene chiesto di usare pozioni magiche su cavie da laboratorio umane o non. Non e' poco ? Forse puo' essere giusto chiedere un alzamento dell' eta minima del player. Non sta a me valutarlo. Ma per piacere non facciamo etica su una cosa del genere quando in ogni altro aspetto della vita occidentale l' etica non esiste. Proteggere i piu' piccoli e' importante. Fare etica su WOW in questo modo meno. WOW e affini rappresentano un problema ben piu' profondo. Gli mmorpg danno assuefazione come previsto da toneellate di letteratura su mondi virtuali di ogni genere. Ma nessuno ne parla almeno in italia. E' sufficente chiedere a giocatori e a chi "ha smesso" per sentirne parlare come di una droga. E' sufficiente scrivere "wow + disintossicato" su un motore di ricerca per capire quante persone riguardi questo problema. Ma davvero c'e' qualcuno che non lo sa ?
    • Drummer scrive:
      Re: Torture in WOW come in film & C.
      Qualche giorno fa in un articolo di PI si parlava di come i MMORPG stiano uccidendo i vecchi GdR alla D&D. Chiunque abbia mai giocato a D&D o affini (io sono tuttora un master di una campagna che dura da 18 anni) sa bene che i giocatori quasi mai assumono il ruolo di impavidi paladini senza macchia in cerca di pulzelle da liberare dai draghi, ma piuttosto si calano nella parte di giustizieri senza scrupoli pronti a commettere qualsiasi misfatto, dall'uccidere al rubare al torturare allo stuprare, pur di realizzare il loro scopo. E ora a quanto pare anche i giochi online si stanno spostando verso questa direzione.La differenza è solo che una partita ad un GdR tradizionale si svolge tra le rassicuranti mura domestiche, al riparo da qualsiasi intrusione di media benpensanti, mentre per i giochi come WoW fino ad ora si è sempre cercato di mantenere una facciata di buonismo per non incorrere nelle ire dei soliti moralisti. Che sia un bene o un male questo non lo so, credo solo che sia nella natura umana, e quindi tanto meglio sfogare la propria voglia di violenza contro personaggi immaginari, che tenersela dentro per poi magari vederla esplodere improvvisamente nel mondo reale.My 2 cents.
  • mura scrive:
    Re: Cioè questo si lamenta...
    Nono hai capito benissimo questo si lamenta proprio di quello che hai descritto tu.E pensa che pochi giorni fa c'era pure chi si lamentava che Mario fosse un videogame violento contro i pupazzetti per cui tutto ciò che proviene da oltreoceano (se non ho capito male in questo caso) oramai non mi stupisce più come assurdità.
  • Biggus Dikkus scrive:
    Grossi imbecilli
    A me sta gente fa venire il voltastomaco.Per tutto il gioco si ammazza ogni tipo di essere vivente, dai cinghiali agli umani, e questo si fa delle pippe per la tortura? ma perchè non va su Kessel a minare il sale?
  • Nemo scrive:
    Io non mi sento offeso
    Far esplodere un mostro con mille schizzi di sangue non è la stessa cosa? A proposito avete presente la corpse explosion? veramente molto coreografica...L'ho fatta anche io la quest in questione, passatemi il "giuoco" di parole, e apparte la grande noia causata dall'attesa interminabile per la fine del discorsetto della personcina da accoppare, non mi ha fatto molta impressione.Per meglio dire non molta più impressione di una cannibalizzazione fatta da un non morto, cosa che per altro non mi ha istigato al cannibalismo.La violenza in wow c'è anche se certe volte può sembrare gratuita, ma fa parte del gioco.Mi sembra che sia così dall'alba dei videogiochi, ma aspettate no è vero c'è sempre Pong...Io non mi sento offeso, voi?
  • fede scrive:
    che pagliacciata
    che pagliacciate per un minimo di "violenza" (che nemmeno violenza si può definire) su un mucchio di poligoni che non si avvicinano nemmeno alla realtà...
  • Paolo scrive:
    La distorsione delle notizie
    Per una volta ero sul luogo del "crimine" quando si è verificato, circa 3 settimane fa, quando ho fatto per la prima volta quella quest e quasi subito sui blog del settore sono usciti i commenti e le perplessità citate dall'articolo.Ora, a tre settimane di distanza, si nota l'estrema lentezza con cui la notizia ha raggiunto i siti generalisti e come in pratica sia stato evidenziato il lato "scandalistico" a dispetto di tante altre riflessioni.Appena uscita dai blog del settore, la notizia perde completamente dei contenuti veri... ed è facile dimostrarlo... basta rispondere alla domanda: qual'è il vero problema?
    • Domokun scrive:
      Re: La distorsione delle notizie
      Invece di fare inutili e saccenti giri di parole, perchè non ce la racconti tu questa storia?
      • fangulo ai caratteri non ammessi scrive:
        Re: La distorsione delle notizie
        - Scritto da: Domokun
        Invece di fare inutili e saccenti giri di parole,
        perchè non ce la racconti tu questa
        storia?Attento che poi il nerd schiavo di wow ti azzanna al collo, mai dare l'impressione di criticarli, se no reagiscono peggio dei bimbiminkia fan dei tokyo hotel.
        • exMetallica scrive:
          Re: La distorsione delle notizie
          Domanda: ma a voi due cosa vi hanno fatto i giocatori di WoW ? (comunque condivido quella cosa dei Tokyo Hotel) :)
          • fangulo ai caratteri non ammessi scrive:
            Re: La distorsione delle notizie
            - Scritto da: exMetallica
            Domanda: ma a voi due cosa vi hanno fatto i
            giocatori di WoW ?A me nulla, però ce ne stanno certi così scimmiati che reagiscono male anche alle critiche più blande, la rete a certa gente fa male, si meriterebbero un periodo a giocare solo a Zork, così magari si disintossicano :)
            (comunque condivido quella cosa dei Tokyo Hotel)
            :)
  • Rikypg scrive:
    oltre a cio.....
    ci sono anche quest per difendere gli animali dai cacciatori, ma come al solito si parla solo di ciò che fa notizia.....Torture? ma Hostel? Saw? su quello nessuno dice nulla? Li si che ci sono vere torture!mah....
    • Anonimo Codardo scrive:
      Re: oltre a cio.....
      Gia', le quest del D.H.E.T.A.!Appena finite, disgustato da tanto buonismo, sono corso dal buon vecchio Nesingwary a fare un po' di quest per lui... :)
    • Antipop scrive:
      Re: oltre a cio.....
      - Scritto da: Rikypg
      ci sono anche quest per difendere gli animali dai
      cacciatori, ma come al solito si parla solo di
      ciò che fa
      notizia.....
      Torture? ma Hostel? Saw? su quello nessuno dice
      nulla? Li si che ci sono vere
      torture!
      mah....Si, ma io che ho visto i vari Hostel e Saw, non è che poi vado in giro a torturare la gente (peraltro, da appassionato horrorofilo, non mi sono sembrati neanche granchè). Io credo sia molto più grave che quando sono uscite le foto dei fatti di Abu Grahib, ad esempio, ho sentito amici miei dire "hanno fatto bene, a quei 4 arabi di m***a!". E questi hanno bambini, quindi immaginatevi come possono venire su. E dall'altra parte, quando hanno mostrato le immagini di Daniel Pearl decapitato e simili, molti arabi avranno detto "hanno fatto bene, a quei 4 americani di m***a!" E quelli hanno bambini, quindi immaginatevi come possono venire su.Che depressione.
  • Jab di Melborn scrive:
    Bruti Zporchi elfacci...!!!!
    ...Hano fattu bbene...!!...chillo era nu erfaccio zozzo e tuti sano che li erfi ce hanno da morì, megghio ancora se torturatti......Urgh...!!Jab l'OGRE
  • 0verture scrive:
    Re: Cioè questo si lamenta...
    I Draghi non li affronti mica in punta di spada, ma con un fiore !Una rosa in bocca, una margherita in mano, un tulipano in c... e via al galoppo contro l'infida bestia !
  • Magenta scrive:
    E' giusto
    Se va bene ammazzare ammazzare ammazzare e ammazzare mostri per avanzare, derubarli e vestirsi con i loro gusci e pelli, usare i loro oggetti e usarli come materiale allora lasciare uno vivo ma sofferente mi sembra perfino generoso.
  • riddler scrive:
    Povero ciccio
    Hanno tradito le sue aspettative... e magari si tratta di una quest da death knight, un non morto al servizio del signore del male. Eh si, terribile constatare che i cattivi non sono tutti pacioccosi omini delle caramelle come in ghostbusters...
    • Andrea scrive:
      Re: Povero ciccio
      ehhh no ha ragione, io volevo finire un paio di quest ma la blizzard non mi ha dato la possibilita' di evitare di uccidere tutti quei mostri...io volevo parlargli civilmente...incitano alla violenza :(
    • Michele scrive:
      Re: Povero ciccio
      Non si tratta di una quest dei Death Knight (che sono ben più... ...come dire... ...bastarde), ma di una quest "di strada" per un sacco di gente (Ally, principalmente, direi), fatta anch'io. Era stato comunque preannunciato che questa espansione di WoW sarebbe stata un po' meno pervasa di "buonismo", e così è. Includerei nelle considerazioni anche il capo tribù a Howling Fjord che dice a tutti i suoi di sopprimere i neonati con qualche problema, ed i draghi che per ricaricarsi mangiano le unità ostili.Che dire, a me sembra più "bilanciato" così, troppo "fair play" edulcorato, finora. Se poi mi dici che qualche under-12 potrebbe farsi qualche problema, beh... ...non dovrebbe giocare a WoW, la chat di battleground è più diseducativa di qualsiasi cosa possano inserire nel gioco ;)
    • cvb scrive:
      Re: Povero ciccio
      Io sinceramente sono rimasto più scioccato dal numero di quest incentrate sulla cacca... tua o di altri mostri...Ho dovuto mettere le mani nella cacca di lupo e far tremare la terra dopo aver preso un lassativo....Mah... cmq quando ho fatto quella quest da Ally ero sicuro che qualcuno prima o poi avrebbe detto qualche idiozia del genere....
Chiudi i commenti