Torvalds: sui brevetti MS sta bleffando

Linus sostiene che le rivendicazioni di Microsoft sulle proprietà intellettuali di Linux sono FUD. Il big di Redmond, secondo Torvalds, non ricorrerà mai al tribunale

Roma – È noto come Microsoft affermi che Linux e altri popolari software a codice aperto violino oltre 230 suoi brevetti. Una dichiarazione già criticata, smentita e dileggiata da molti sostenitori dell’open source, e su cui ora ha voluto esprimersi anche il papà di Linux, Linus Torvalds, intenzionato a dissipare quelli che considera “timori infondati”.

“L’aggressiva difesa con cui Microsoft protegge la sua proprietà intellettuale, che include l’affermazione secondo cui Linux viola un certo numero di suoi brevetti, non è altro che marketing”, ha asserito Torvalds in una intervista condotta dall’executive director di Linux Foundation , Jim Zemlin.

Il celebre sviluppatore ha poi aggiunto: “Non credo che Microsoft utilizzerebbe i propri brevetti come un’arma”, per lo meno non in modo diretto, ricorrendo al tribunale. Torvalds ritiene infatti che, tra le cose che frenano Microsoft dall’usare i brevetti come un’arma legale contro Linux, vi sia il timore di destare le attenzioni indesiderate dell’antitrust americano, che in passato l’ha già condannata per aver esercitato forme di monopolio e pratiche anti-concorrenziali.

In compenso, secondo il babbo del Pinguino, Microsoft non esita a “usare qualsiasi cosa”, inclusi i brevetti, per creare FUD (Fear Uncertainty Doubt) e avvantaggiarsi della propria forza di marketing. “Tutto ciò che possiamo fare – ha detto Torvalds – è rispondere a Microsoft con i fatti, continuando a migliorare Linux e convincendo un numero sempre maggiore di aziende che l’open source è più forte di qualsiasi monopolio”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Andrea M scrive:
    e palm?
    Palm ha fatto sapere che cè un ulteriore ritardo di un anno per l'uscita dei suoi dispositivi basati su GNU/Linux. Che ruolo ha Palm in questa situazione? Rappresenta un ulteriore fork?
    • iRoby scrive:
      Re: e palm?
      Io credo che aziende come Palm stiano applicando cautela e aspettino di vedere le reazioni nei confronti dei prodotti di vendor più audaci o più danarosi che sopravviverebbero ad un eventuale flop.
  • NoMoney scrive:
    Ma la motorola..
    Non stava pensando di mollare il mercato mobile?
  • Domokun scrive:
    Frammentazione? No grazie...
    Siamo appena entrat nell'era dei mobile linux based, e già si vedono 3 diversi fork... ma quando capiranno che frammentati non si vince????
    • iRoby scrive:
      Re: Frammentazione? No grazie...
      C'è poco da fare, il mercato della telefonia è ricco, e più cordate di aziende puntano ad imporre il loro standard.Non è colpa di Linux, ma della lotta che è appena iniziata in questo mercato.Winzozz Mobile ha di certo i mesi contati... :)WM è troppo windows-centrico e alla fin fine non ha la stessa versatilità di una piattaforma che puoi personalizzare senza pagare royalty a nessuno.
Chiudi i commenti