Torvalds: sui brevetti MS sta bleffando

Torvalds: sui brevetti MS sta bleffando

Linus sostiene che le rivendicazioni di Microsoft sulle proprietà intellettuali di Linux sono FUD. Il big di Redmond, secondo Torvalds, non ricorrerà mai al tribunale
Linus sostiene che le rivendicazioni di Microsoft sulle proprietà intellettuali di Linux sono FUD. Il big di Redmond, secondo Torvalds, non ricorrerà mai al tribunale

È noto come Microsoft affermi che Linux e altri popolari software a codice aperto violino oltre 230 suoi brevetti. Una dichiarazione già criticata, smentita e dileggiata da molti sostenitori dell'open source, e su cui ora ha voluto esprimersi anche il papà di Linux, Linus Torvalds, intenzionato a dissipare quelli che considera “timori infondati”.

“L'aggressiva difesa con cui Microsoft protegge la sua proprietà intellettuale, che include l'affermazione secondo cui Linux viola un certo numero di suoi brevetti, non è altro che marketing”, ha asserito Torvalds in una intervista condotta dall'executive director di Linux Foundation , Jim Zemlin.

Il celebre sviluppatore ha poi aggiunto: “Non credo che Microsoft utilizzerebbe i propri brevetti come un'arma”, per lo meno non in modo diretto, ricorrendo al tribunale. Torvalds ritiene infatti che, tra le cose che frenano Microsoft dall'usare i brevetti come un'arma legale contro Linux, vi sia il timore di destare le attenzioni indesiderate dell'antitrust americano, che in passato l'ha già condannata per aver esercitato forme di monopolio e pratiche anti-concorrenziali.

In compenso, secondo il babbo del Pinguino, Microsoft non esita a “usare qualsiasi cosa”, inclusi i brevetti, per creare FUD (Fear Uncertainty Doubt) e avvantaggiarsi della propria forza di marketing. “Tutto ciò che possiamo fare – ha detto Torvalds – è rispondere a Microsoft con i fatti, continuando a migliorare Linux e convincendo un numero sempre maggiore di aziende che l'open source è più forte di qualsiasi monopolio”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

05 02 2008
Link copiato negli appunti