PA e Microsoft per l'istruzione

Firmato a Roma un protocollo di intesa. L'azienda di Redmond si impegnerà a fornire software gratuitamente per i progetti degli istituti scolastici e della ricerca

Roma – Continua il percorso congiunto di Microsoft e Pubblica Amministrazione: dopo il primo accordo sottoscritto ad agosto 2008, un nuovo protocollo di intesa è stato siglato oggi nella Capitale. Questa volta sarà il mondo dell’istruzione a essere interessato dall’iniziativa , grazie all’impegno del Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione del Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca.

L’ obiettivo del programma è “sostenere la qualità dell’offerta formativa delle istituzioni scolastiche, da una parte operando per la formazione dei docenti e per l’utilizzo generalizzato della multimedialità nella didattica, dall’altra attuando specifiche iniziative sperimentali”. Il tutto mediante “l’accesso diffuso alle tecnologie da parte degli insegnanti e delle loro classi” e “la sperimentazione di nuove tecnologie specificatamente dedicate a docenti e studenti”.

In questo senso Microsoft si impegna tra l’altro a fornire a titolo gratuito software (sistemi operativi e applicativi) sia alle scuole che al MIUR, a sostenere iniziative di ricondizionamento dei personal computer e altre attività che contribuiscano alla riduzione del digital divide in ambito scolastico. L’obiettivo resta quello di “innovare la didattica e i processi di apprendimento attraverso l’uso della tecnologia e di contenuti didattici multimediali”: un concetto già espresso in passato dal ministro Gelmini, e già concretizzatosi con l’ adozione delle lavagne multimediali negli istituti scolastici.

Microsoft, inoltre, lavorerà per “promuovere un uso sicuro e responsabile della rete Internet da parte dei minori e promuovere la diffusione di una cultura di maggiore consapevolezza delle potenzialità della rete”. Inoltre, si attiverà per garantire “agli studenti condizioni agevolate d’acquisto di soluzioni e prodotti, nell’intento di migliorare il loro percorso formativo e l’acquisizione di competenze e strumenti per un successivo inserimento nel mondo del lavoro”. Infine l’azienda statunitense curerà anche il versante e-learning collaborando alla “realizzazione di servizi di collaborazione e formazione, online e in presenza del personale docente”, fornendo “i propri contenuti multimediali, denominati digital literacy , per trasmettere adeguate conoscenze e abilità nell’uso delle nuove tecnologie a docenti e studenti”.

Da parte loro, i ministeri interessati manterranno piena autonomia nelle decisioni relative a quali software adottare e a quando e come avvalersi della collaborazione di Microsoft. Inoltre, “Sosterranno, in tutti i casi in cui lo si riterrà opportuno, l’utilizzo da parte di docenti e studenti dei contenuti formativi messi a disposizione da Microsoft come Digital Literacy e promuoveranno la comunicazione delle attività e delle iniziative oggetto del presente protocollo d’intesa attraverso i canali di comunicazione dei Ministeri”.

L’accordo avrà durata triennale.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Rotfl scrive:
    Ben gli sta
    Questi tizi hanno scassato le pelotas a Samsung perchè ha chiamato un cellulare "Black Jack", sostenendo che il nome era troppo simile al loro Blackberry. Ma per piacere, ben vi sta! Spero che il contorto sistema di brevetti USA si rivolga sempre più verso chi ne abusa.
  • HAL scrive:
    Guadagni
    La società ha guadagnato circa 400 milioni di dollari, meno del previsto ma ha guadagnato un sacco. Chi mi spiega il senso della discesa dell'11%? E le aziende che perdono dovrebbero darsi fuoco?
  • anonimo utente scrive:
    l'itaggliano
    [...] Spesa non prevista che non poteva lasciare indifferenti gli umori degli investitori, facendo reggistrate guadagni di 4 punti percentuali [...](rotfl)
    • Lybra1983 scrive:
      Re: l'itaggliano
      - Scritto da: anonimo utente
      [...] Spesa non prevista che non poteva lasciare
      indifferenti gli umori degli investitori, facendo
      reggistrate guadagni di 4 punti
      percentuali
      [...]

      (rotfl)Ma tu non capisci... é perché l'azienda era canadesA!!! :D
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: l'itaggliano
      è un complottosistemato, grazie ;)L
  • L.A.Seneca scrive:
    reggistrare!
    Il bb ritengo sia troppo poco intuitivo, finalmente perde qualche punto. Forza iPhone!P.S. reggistrare va con una g...come anche libbro e compatibbile vanno con 1 b!
    • DR.House scrive:
      Re: reggistrare!
      - Scritto da: L.A.Seneca
      Il bb ritengo sia troppo poco intuitivo,
      finalmente perde qualche punto. Forza
      iPhone!

      P.S. reggistrare va con una g...come anche libbro
      e compatibbile vanno con 1
      b!Hai ragione, non è user friendly ma è destinato a un target mirato, lo può usare solo chi ha due neuroni connessi e funzionanti, per l'iphone i requisti sono inferiori.
    • Steve Robinson Hakkabee scrive:
      Re: reggistrare!
      mia opinione, la tastiera qwerty sotto il display é molto più pratica per gli SMS, punto a favore dei BB.
Chiudi i commenti