Partito il concorso MS Imagine Cup 2006

Annuncio


Milano – Microsoft ha annunciato l’attivazione del concorso Microsoft Imagine Cup 2006 che prevede il coinvoglimento di studenti delle superiori e universitati di mezzo mondo, che si sfideranno nei singoli paesi per giungere alle finali mondiali che si terranno in India il prossimo agosto.

Imagine Cup 2006. Imagine a world where technology enables us to live healthier lives è la quarta edizione di questo genere di concorso per Microsoft, che – per dirla con una nota – “offre la possibilità di utilizzare la tecnologia per realizzare progetti in grado di migliorare la vita delle persone”.

In particolare, questa edizione richiede a tutti i partecipanti di realizzare applicazioni pensando a un mondo in cui la tecnologia consenta agli individui di vivere meglio. Per partecipare è anche a disposizione il download gratuito di Visual Studio 2005 Express Edition che, se registrato, potrà essere utilizzato senza limiti di tempo.

“Chi se non le giovani e brillanti menti di tutto il mondo possono rendere migliore questa società? Crediamo molto nella forza e nella vivacità creativa dei giovani, e ci auguriamo che, come lo scorso anno, i progetti dei nostri studenti possano essere la testimonianza di quell’eccellenza e creatività che da sempre caratterizza il nostro Paese”, ha dichiarato Marco Comastri, amministratore delegato di Microsoft Italia.

Le iscrizioni si chiudono il 15 maggio per la categoria software design a livello italiano. I partecipanti al concorso competeranno, a livello mondiale, nelle seguenti categorie: Software Design, Algorithm, Visual Gaming, Information Technology, Interface Designer, Short Film. A livello locale, si terrà la finale per la categoria Software Design, prevista entro giugno. In palio per i vincitori il viaggio a Delhi per partecipare alla finale mondiale, Xbox 360 e Smartphone per chi salirà sul podio al secondo e terzo posto.

Tutte le info e le iscrizioni sono disponibili sul sito dedicato

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    12% a day for 12 days
    [url=http://www.12by12daily.net/?ref=27801]Click here to join 12by12Daily[/url]You've probably heard of DadnDaves, a long running autosurf program. It's been around since about April 2005. As you'd know, very few paid surf programs last anywhere near that long. And I attribute the longevity of his first paid surf site to Dave's hard work and abilities and reputation as an honest broker. In this business, integrity is somewhat rare.12by12Daily was launched on July 12th 2006. Membership passed 4000 (including us) on its FIRST DAY. Meteoric! And since then has continued to grow strongly. The latest membership figure I read was over 33,000.The predictors of success from the beginningKEY FACTOR IN SUCCESSOne of the critical determinants of whether you can trust a paid surf program is the administrator.-- Many times, we dont even know who they are.-- They have no history, no established identity.-- So how can you trust them?On the other hand, Dave Cannard has proven himself to be an honest, hard-working admin who has struggled against some very BIG challenges and is winning.Yes, there are members still waiting to get paid by dadndaves (his first surf program, still running after 14+ months). I know because I am one of them! But I am able to separate this new venture from the difficulties he has had with his dadndaves.Those difficulties were not of his making, from all that I understand. StormPay cost him bigtime, like it did with a lot of other site -- but Dave didnt cave in or run. Other pressures too (hackers, gold price, DDOS?, etc), but the same dogged response to make this work for his members. Personally, I value that tenacity and integrity. (I hope I am not over-stating that, and I dont think I am.)Thx for the response. In answering your question about the admin's (David Cannard's) integrity I would have to say I trust him explicitly. The reason I say this is because he also manages/owns another program called DadNDave's. That program has been around for about a year and I do know the members appear to be quite happy with Dave's managing techniques. So if true colors (meaning he's a scammer) were to surface they would have a long, long time ago.This program was designed after another program that ran for 8 months +. It was called 12dailypro. Unfortunately it was located in the United States and was shut down by the government for violation of Securities and Exchange laws. Only because some college students made and handed out flyers that stated it was an "Investment" which is a big no-no in the eyes of the S.E.C.. Many pointed a finger at an e-currency called StormPay for 12dailypro meeting with it's demise. Truth of the matter is StormPay was acting on a request put out by another U.S. government agency to freeze 12dailypro's account. Just so you clearly understand that StormPay wasn't the bad guy here. Government intervention was. For the record; Dave Cannard is located in Australia where the laws, rules, and regulations are much more relaxed. Hence; the geographic location of this program greatly enhances its' longevity..We also have to look at Martin Pavion who is the admin in their forum located at http://www.12by12dailyforum.autosurfinfo.com/. Let me tell you a little something about Martin. He also was in 12dailypro but because of his experience and wisdom he advised his downline to pull their funds out of the program and not invest anymore. This was done 3 weeks before the program met with it's demise. Somehow that just makes me feel very confident and comfortable.The only regret that I have is that I don't currently have $9,000 dollars. Why $9,000..? Because I wouldn't hesitate to put it in this program even if it were my life's savings. Not sure if you heard of the 3x3x3 plan but in case you haven't here's how it works. First upgrade = $3,000. Upgrade 6-7 days later with another $3,000. Upgrade with the 3rd 6-7 days later. By doing this, 3 weeks later you will be getting paid on a weekly basis.How much will you get paid. Well, when any of these 3 upgrades expires the total payout will be $4,320 or a profit of $1,320. That means you'd be making $1,320 on a weekly basis. It also means you would break even in only 7 weeks. From there on out it's pure profit and I expect this program to be around for at least a year. Can you imagine what your profit would be at the end of a year..? In case you're wondering, it would be $59,400 which doesn't include your initial $9,000 which was pulled out in the first 7 weeks. There was a great many people that were doing this with 12dailypro. Towards the end 12dailypro was cycling millions per day. So can you kinda see why I'm excited about this..? Can you also see why I'm excited to get in on the ground floor..?In summary we have a lot going for us here.1) A very knowledgeable, experienced and trustworthy admin.2) An equally knowledgeable, experience and trustworthy forum admin (I like to use him as a watchdog that would inform us of any pending bumps in the road)3) A program that is modeled after the biggest, best and most popular Autosurf ever known.4) Everyone needs to have an "Active" upgrade in order to get paid. I strongly believe this will add a tremendous amount of longevity to the program. Remember: It's not just YOU that has to have an active upgrade to get paid - EVERYBODY needs to have one. Therefor, that's assurance in the fact that you WILL be paid..!So...If you're interested in 12% a day for 12 days = 44% profit, here's Dave's new site: [url=http://www.12by12daily.net/?ref=27801]12by12Daily[/url]
  • rdm1 scrive:
    Re: Risposta
    concludo la tua ricerca. Alla fine qualche volta hai espresso opinioni del tutto valide e ammirevoli.Ti ho escluso dalla classifica dei miei troll preferiti.Ciao.
  • rdm1 scrive:
    Re: Risposta
    interessante anche questo tuo pensiero:http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1145342&tid=1145342&p=1&r=PIvediamo di approfondire ancora il tuo personaggio...(differentemente da quanto affermi, non ci vuole chissa' quanto tempo per andare su google ed informarsi) ti sto studiando chissa che non scopro qualcosa di interessante(so gia' nome e cognome ... ma magari era quello che volevi).Ciao.
  • rdm1 scrive:
    Re: Risposta

    Sebbene alcuni trucchi che tu hai segnalato non
    siano i miei, devo dire che sono corretti....
    volendo essere esatti, io rileggerei quello che c'e' scritto.
    Il ciarlatano qui sei tu principalmente perchè:
    se lo dici tu ne sono convinto anche io
    1) Non hai un profilo e questo è chiaramente un
    modo per nascondersi in modo da non dover
    specificare le tue credenziali di Idraulico o
    Muratore...
    non ho bisogno di pubblicizzarmi qui
    2) Avevi detto che non avresti perso tempo con
    me, invece hai eseguito una serie di ricerche che
    hanno richiesto del tempo (Evidentemente ne hai
    di tempo...poco lavoro in questo periodo?).
    mi ha incuriosito il tuo profilo ... sai ...e per quanto riguarda il mio lavoro non ho bisogno di dirlo a te come va'.
    3) Hai specificato dei link in cui sono presenti
    articoli fondamentalmente corretti... citandoli
    come scemenze... con un chiaro intento di gettare
    ombre.
    rileggili bene ... convinto tu !
    4) Purtroppo io non posso vedere il tuo sito
    perchè in realtà non ne hai nessuno, e non hai le
    conoscenze per crearlo (forse con qualche tool
    automatico...).
    l'ho ma non ho bisogno di pubblicizzarmi con un sito.
    5) Se nascesse un albo dei sviluppatori (cosa che
    io auspico da sempre) finalmente ci libereremmo
    di gente come te...(La prima cosa che proporrei
    sarebbe la laurea in informatica obbligatoria)...
    oh! qui concordiamo ... bravo!peccato che io sia ampiamente compreso nel tuo albo e che e' quello che spero da tempo ...
    Ricorda inoltre che io uso molto il software
    open, ma questo non vuol dire che non ci vedo.
    Quando uso Linuzzo o Windows i difetti li vedo...
    Quando programmo in Java, Php, Asp ecc... vedo i
    difetti che hanno...
    googlando si capisce che personaggio sei. Google ... lo conosci? fai una ricerchina su te stesso poi ne riparliamo (e' tutto pubblico).O devo fornirti un'altra serie di link?
    ... ed evito gli atteggiamenti da stadio (come
    invece fai tu)...
    nessun atteggiamento da stadio. E' solo "analisi di troll".
    PS: Io non sono contro l'open ma contro il
    software gratuito e per il momento contro la
    GPL...qui ti contraddici da solo. mah! Forse per la GPL sei contrario sul punto che ti vieta di copiare software open source e rivenderlo a caro prezzo?Magari mi metto a leggere il tuo sito cosi' faccio come qualcuno che e' diventato ricco (sempre leggendo il tuo sito).Bye... (io che ancora perdo tempo) ...
  • Anonimo scrive:
    Risposta
    Sebbene alcuni trucchi che tu hai segnalato non siano i miei, devo dire che sono corretti....Il ciarlatano qui sei tu principalmente perchè:1) Non hai un profilo e questo è chiaramente un modo per nascondersi in modo da non dover specificare le tue credenziali di Idraulico o Muratore...2) Avevi detto che non avresti perso tempo con me, invece hai eseguito una serie di ricerche che hanno richiesto del tempo (Evidentemente ne hai di tempo...poco lavoro in questo periodo?).3) Hai specificato dei link in cui sono presenti articoli fondamentalmente corretti... citandoli come scemenze... con un chiaro intento di gettare ombre.4) Purtroppo io non posso vedere il tuo sito perchè in realtà non ne hai nessuno, e non hai le conoscenze per crearlo (forse con qualche tool automatico...).5) Se nascesse un albo dei sviluppatori (cosa che io auspico da sempre) finalmente ci libereremmo di gente come te...(La prima cosa che proporrei sarebbe la laurea in informatica obbligatoria)...Ricorda inoltre che io uso molto il software open, ma questo non vuol dire che non ci vedo. Quando uso Linuzzo o Windows i difetti li vedo...Quando programmo in Java, Php, Asp ecc... vedo i difetti che hanno...... ed evito gli atteggiamenti da stadio (come invece fai tu)...PS: Io non sono contro l'open ma contro il software gratuito e per il momento contro la GPL...
  • Euronymous scrive:
    Re: e figuriamoci...
    Bella l'hai fatto nero complimenti concordo in tutto peccato che non leggerai mai il mio post tra un ora aggiornano pi
  • rdm1 scrive:
    Re: e figuriamoci...
    e' interessante anche fare qualche googlatina:http://groups.google.it/group/it.comp.os.linux.iniziare/browse_thread/thread/567a625bc637ac8/a11ca4a65dd7a549?lnk=st&q=http%3A%2F%2Fwww.chicercatrova2000.it&rnum=1#a11ca4a65dd7a549e' bellissima poi questa spammata megagalatticahttp://groups.google.it/group/it.lavoro.informatica/browse_thread/thread/24785df7f21d2b91/3c4e87f35696a015?lnk=st&q=http%3A%2F%2Fwww.chicercatrova2000.it&rnum=6#3c4e87f35696a015adesso magari mi metto a leggere il tuo sito e divento bill gates ... ma fammi il piacere ...cio' fa capire chi sei in realta'. bye bye bye.==================================Modificato dall'autore il 06/03/2006 21.17.59
  • rdm1 scrive:
    Re: e figuriamoci...
    da dove hai preso l'immagine che e' qui'http://www.chicercatrova2000.it/CorsoXml/struttura.htm?
  • rdm1 scrive:
    Re: e figuriamoci...
    anche qui:http://www.chicercatrova2000.it/java/Meccan.aspe quihttp://www.chicercatrova2000.it/Html/Css.asp(gia' dalle prime 3 righe)sembra strano tu sia ben documentato su linux... e in alcuni articoli (tuoi?) ne parli anche bene ...
  • rdm1 scrive:
    Re: e figuriamoci...
    sto guardando il tuo sito:http://www.chicercatrova2000.it/Tricks/read_it.asp?IDT=60http://www.chicercatrova2000.it/Tricks/read_it.asp?IDT=232http://www.chicercatrova2000.it/Tricks/read_it.asp?IDT=100...mi fermo qui ma sto proseguendo.Domanda: sei veramente sicuro di non aver scritto scemenze? ... alla faccia del consulente ...
  • rdm1 scrive:
    Re: e figuriamoci...

    ...e questo studio con 0,32 difetti x 1000 non è
    un GET THE FACTS alla pinguina?ma tu pensi che sia sufficiente leggersi un "C for Dummies" o un "SQL per utonti" per aprir bocca?La qualita' del sito (a livello tecnico) che indichi e' sufficientemente scadente che se e' fatto da te ... meglio tacere.Inoltre ho letto il tuo profilo, non ho tempo da perdere con te. Bravo quindi sissi bravo!Come ti definisci? Consulente sviluppatore ... e?peccato che l'informatica non sia regolamentata come nel campo medico civile o edile.Certi Incapaci sarebbero a zappare.==================================Modificato dall'autore il 06/03/2006 20.26.51
  • Anonimo scrive:
    Re: e figuriamoci...
    - Scritto da: rdm1


    http://www.chicercatrova2000.it/news/leggi.asp?ID=

    hai citato un sito veramente "autorevole" (mi
    sembra il Novella2000 dell'informatica).
    Quindi sono a favore dell'open... mentre i "GET
    THE FACT" invece sono corretti?
    Ma smettila !...e questo studio con 0,32 difetti x 1000 non è un GET THE FACTS alla pinguina?
  • rdm1 scrive:
    Re: e figuriamoci...

    http://www.chicercatrova2000.it/news/leggi.asp?ID=hai citato un sito veramente "autorevole" (mi sembra il Novella2000 dell'informatica).Quindi sono a favore dell'open... mentre i "GET THE FACT" invece sono corretti?Ma smettila !
  • Anonimo scrive:
    e figuriamoci...
    ...innanzitutto lo studio rientra in una iniziativa "a favore dell'open source" e quindi i risultati non sarebbero mai stati contro......inoltre mi piacerebbe sapere come hanno fatto a confrontarli con quelli closed, dato che sono appunto closed! Mah! Misteri dell'open source!...gli hanno dato 1,23 milioni di dollari non per fare la ricerca ma per corrompere sufficienti ricercatori affinchè non si accorgessero dell'80% dei difetti nel codice...Meno male che altri li vedono:http://www.chicercatrova2000.it/news/leggi.asp?ID=383
  • Anonimo scrive:
    Re: Questa era una notizia da prima pagi
    dalle cantine (come dicono i pro-windows) allo spazio!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!GRANDEEEEEEEEE (linux)(linux)(linux)(linux)(linux)
  • Anonimo scrive:
    Re: Questa era una notizia da prima pagi
    anche questo e' molto interessante:http://www.technetra.com/writings/recent/linux_at_nasa_esa_htmlvedo tanti nomini ESA, NASA, LAMP e Linux.e il vostro winludic dov'e'?heheheheheeheh
  • Anonimo scrive:
    Re: Questa era una notizia da prima pagi

    Mac OS X ha base open suorce pure lui anzi è più
    sicuro di Linux perchè deriva da BSD...Sì ma solo la base deriva da *BSD, e comunque il kernel vero e proprio è chiuso, come permette la licenza BSD. Quindi non sai se le modifiche lo hanno peggiorato.Il resto (interfaccia grafica, applicazioni, ecc.) è tutto closed, quindi di nuovo non si può valutarlo appieno.
    • Anonimo scrive:
      Re: Questa era una notizia da prima pagi
      - Scritto da: Anonimo

      Mac OS X ha base open suorce pure lui anzi è più

      sicuro di Linux perchè deriva da BSD...

      Sì ma solo la base deriva da *BSD, e comunque il
      kernel vero e proprio è chiuso, come permette la
      licenza BSD. Quindi non sai se le modifiche lo
      hanno peggiorato.ma non sai nemmeno se lo ha milgioratoresta il fatto che *BSD è mediamente più sicuro anche di Linux, figuriamoci di M$...
      Il resto (interfaccia grafica, applicazioni,
      ecc.) è tutto closed, quindi di nuovo non si può
      valutarlo appieno.no ma l'interfaccia grafica di sicuro lo ha reso più userfriendly della concorrenza e questo è la giusta funzione, per le applicazioni poi ogniuna fa testo a se...
  • Anonimo scrive:
    Re: Questa era una notizia da prima pagi

    Sì, sicuro, è come dici tu. La NSA usa Linux per
    stare sicura.. eh! Ma quanto siete immaturi e
    creduloni !la NSA non so ma alla NASA si'http://flightlinux.gsfc.nasa.gov/hai presente nasa.gov?aaaaaaaaaaaaaaaaa fessacchio' !vavavavavvavavavaa
  • Anonimo scrive:
    winaretti fessacchioniiiiiiiiii !
    Vi riporto un bel passo dell'articolo:"Coverity ha passato a setaccio i sorgenti di 31 applicazioni open source, per un totale di 15 milioni di linee di codice. La società afferma che la qualità dei programmi esaminati è piuttosto elevata, talvolta superiore a quella dei prodotti closed-source, e questo sarebbe soprattutto vero per Apache, il kernel di Linux e MySQL. "... La società afferma che la qualità dei programmi esaminati è piuttosto elevata ........talvolta superiore a quella dei prodotti closed-source, ***e questo sarebbe soprattutto vero*** per Apache, il kernel di Linux e MySQL.....KERNEL LINUX!!! (...sarebbe soprattutto vero...)che siano tutti comunisti al Coverity?oppure magari si sono sbagliati ed hanno analizzato windozzolo?oppure?
  • Anonimo scrive:
    Re: La sicurezza deve essere open
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    è banale pensare che i software closed source

    siano sicuri....

    ??


    allo stato attuale si possono usare sistemi

    completamenti automatizzati per scovare le

    vulnerabilità dei software (sia che siano open

    che closed source)....

    Allo stato attuale non esiste quello che dici. Il
    debugging è manuale, ci sono le persone a farlo!
    Gli strumenti disponibili sono ausili per il
    programmatore, non sostituti.


    il closed source inoltre non permette di

    patcharlo rapidamente il che lo rende a lungo

    termine una vera e propria mina vagante per la

    sicurezza....

    Perchè, il produttore dorme e scoperto il bug non
    lo risolve perchè gli piace ? Che idiozie !Evidentemente... Basta guardare il tempo con cui vengono chiusi i bug...
  • Anonimo scrive:
    Re: Questa era una notizia da prima pagi
    - Scritto da: Anonimo
    non è una novità che il software opensource sia
    molto robusto, oltre ad essere facilmente
    patchabile....

    non ricordo bene se 3 o 4 anni fa, la NSA
    analizzò il kernel di linux e gli assegnò il
    massimo livello di sicurezza.....

    a confronto windows, macos e soci sono dei
    colabrodoMac OS X ha base open suorce pure lui anzi è più sicuro di Linux perchè deriva da BSD...
  • Anonimo scrive:
    Re: Questa era una notizia da prima pagi
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    non è una novità che il software opensource sia

    molto robusto, oltre ad essere facilmente

    patchabile....



    non ricordo bene se 3 o 4 anni fa, la NSA

    analizzò il kernel di linux e gli assegnò il

    massimo livello di sicurezza.....



    a confronto windows, macos e soci sono dei

    colabrodo

    Sì, sicuro, è come dici tu. La NSA usa Linux per
    stare sicura.. eh! Ma quanto siete immaturi e
    creduloni !...E tuo cuggino che lavora all'NSA cosa dice ?
  • Anonimo scrive:
    Re: Questa era una notizia da prima pagi
    - Scritto da: Anonimo
    non è una novità che il software opensource sia
    molto robusto, oltre ad essere facilmente
    patchabile....

    non ricordo bene se 3 o 4 anni fa, la NSA
    analizzò il kernel di linux e gli assegnò il
    massimo livello di sicurezza.....

    a confronto windows, macos e soci sono dei
    colabrodoSì, sicuro, è come dici tu. La NSA usa Linux per stare sicura.. eh! Ma quanto siete immaturi e creduloni !
  • Anonimo scrive:
    Re: La sicurezza deve essere open
    - Scritto da: Anonimo
    è banale pensare che i software closed source
    siano sicuri....??
    allo stato attuale si possono usare sistemi
    completamenti automatizzati per scovare le
    vulnerabilità dei software (sia che siano open
    che closed source)....Allo stato attuale non esiste quello che dici. Il debugging è manuale, ci sono le persone a farlo! Gli strumenti disponibili sono ausili per il programmatore, non sostituti.
    il closed source inoltre non permette di
    patcharlo rapidamente il che lo rende a lungo
    termine una vera e propria mina vagante per la
    sicurezza....Perchè, il produttore dorme e scoperto il bug non lo risolve perchè gli piace ? Che idiozie !
  • Anonimo scrive:
    Re: La sicurezza deve essere open

    Perchè secondo te il balzo tecnologico degli
    ultimi 60 anni è frutto dell'ingegno umano ? E
    come mai prima degli anni '40 non ci sono stati
    balzi tecnologici equivalenti a quello che
    viviamo ?questa come associazione ai winari mi mancava.Ora credete anche agli alieni.E' bellissimo !!!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: La sicurezza deve essere open
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    - Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: Anonimo




    Vallo a dire ai sistemi "closed"




    proprietari del Dipartimento della




    Difesa americano, che meno




    "open" si può: vagli a dire che




    per rendere i loro sistemi




    ultra-sofisticati e blindati ancora




    più sicuri devono pubblicare




    i codici su Internet.



    Quelli che sviluppano e pubbicano



    SELinux ?



    http://www.nsa.gov/selinux/


    Quelle sono idiozie per il pubblico di


    allocchi come te che ci cadono. Pensare


    che i sistemi super segreti di livelli


    militari ignoti alla popolazione funzionino


    con Linux è da bambini.

    Certo: sicuramente usano i computer

    avanzatissimi che hanno smontato dall'ufo

    di Roswell.
    Perchè secondo te il balzo tecnologico degli
    ultimi 60 anni è frutto dell'ingegno umano ? E
    come mai prima degli anni '40 non ci sono
    stati balzi tecnologici equivalenti a quello che
    viviamo ?Certo hai ragione, tranquillo, nessuno pensa il contrario qui ! Ora stai buonino che presto arrivano 2 amici vestiti di bianco che ti fanno provare una camicia con le maniche lunghe lunghe.
  • Anonimo scrive:
    Re: La sicurezza deve essere open
    è banale pensare che i software closed source siano sicuri....allo stato attuale si possono usare sistemi completamenti automatizzati per scovare le vulnerabilità dei software (sia che siano open che closed source)....il closed source inoltre non permette di patcharlo rapidamente il che lo rende a lungo termine una vera e propria mina vagante per la sicurezza....
  • Anonimo scrive:
    Re: Questa era una notizia da prima pagi
    non è una novità che il software opensource sia molto robusto, oltre ad essere facilmente patchabile....non ricordo bene se 3 o 4 anni fa, la NSA analizzò il kernel di linux e gli assegnò il massimo livello di sicurezza.....a confronto windows, macos e soci sono dei colabrodo
  • Anonimo scrive:
    Re: La sicurezza deve essere open
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    - Scritto da: Anonimo



    Vallo a dire ai sistemi "closed"



    proprietari del Dipartimento della



    Difesa americano, che meno



    "open" si può: vagli a dire che



    per rendere i loro sistemi
    ultra-sofisticati



    e blindati ancora più sicuri devono



    pubblicare i codici su Internet.


    Quelli che sviluppano e pubbicano SELinux ?


    http://www.nsa.gov/selinux/


    Quelle sono idiozie per il pubblico di allocchi

    come te che ci cadono. Pensare che i sistemi

    super segreti di livelli militari ignoti alla

    popolazione funzionino con Linux è da

    bambini.

    Certo: sicuramente usano i computer avanzatissimi
    che hanno smontato dall'ufo di Roswell.Perchè secondo te il balzo tecnologico degli ultimi 60 anni è frutto dell'ingegno umano ? E come mai prima degli anni '40 non ci sono stati balzi tecnologici equivalenti a quello che viviamo ?
  • Anonimo scrive:
    Re: La sicurezza deve essere open
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    Vallo a dire ai sistemi "closed"


    proprietari del Dipartimento della


    Difesa americano, che meno


    "open" si può: vagli a dire che


    per rendere i loro sistemi ultra-sofisticati


    e blindati ancora più sicuri devono


    pubblicare i codici su Internet.

    Quelli che sviluppano e pubbicano SELinux ?

    http://www.nsa.gov/selinux/
    Quelle sono idiozie per il pubblico di allocchi
    come te che ci cadono. Pensare che i sistemi
    super segreti di livelli militari ignoti alla
    popolazione funzionino con Linux è da
    bambini.Certo: sicuramente usano i computer avanzatissimi che hanno smontato dall'ufo di Roswell.
  • Anonimo scrive:
    Re: La sicurezza deve essere open
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Anonimo

    Vallo a dire ai sistemi "closed" proprietari del

    Dipartimento della Difesa americano, che meno

    "open" si può: vagli a dire che per rendere i

    loro sistemi ultra-sofisticati e blindati ancora

    più sicuri devono pubblicare i codici su

    Internet.

    Quelli che sviluppano e pubbicano SELinux ?
    http://www.nsa.gov/selinux/Quelle sono idiozie per il pubblico di allocchi come te che ci cadono. Pensare che i sistemi super segreti di livelli militari ignoti alla popolazione funzionino con Linux è da bambini.
  • Anonimo scrive:
    Re: La sicurezza deve essere open
    Vallo a dire ai sistemi "closed" proprietari del Dipartimento della Difesa americano, che meno "open" si può: vagli a dire che per rendere i loro sistemi ultra-sofisticati e blindati ancora più sicuri devono pubblicare i codici su Internet.Se lo fai, fallo da un Internet Cafè e poi scappa velocemente che i Patriot sono già in arrivo.
    • Anonimo scrive:
      Re: La sicurezza deve essere open
      - Scritto da: Anonimo
      Vallo a dire ai sistemi "closed" proprietari del
      Dipartimento della Difesa americano, che meno
      "open" si può: vagli a dire che per rendere i
      loro sistemi ultra-sofisticati e blindati ancora
      più sicuri devono pubblicare i codici su
      Internet.Quelli che sviluppano e pubbicano SELinux ?http://www.nsa.gov/selinux/
      Se lo fai, fallo da un Internet Cafè e poi scappa
      velocemente che i Patriot sono già in arrivo.
    • Anonimo scrive:
      Re: La sicurezza deve essere open
      - Scritto da: Anonimo
      Vallo a dire ai sistemi "closed" proprietari del
      Dipartimento della Difesa americano, che meno
      "open" si può:Zelig! A Zelig dovresti andare, davvero!
    • Anonimo scrive:
      Re: La sicurezza deve essere open
      - Scritto da: Anonimo
      Vallo a dire ai sistemi "closed" proprietari del
      Dipartimento della Difesa americano, che meno
      "open" si può: vagli a dire che per rendere i
      loro sistemi ultra-sofisticati e blindati ancora
      più sicuri devono pubblicare i codici su
      Internet.Scusa una domanda, ma i cluster con cosa li fanno?le banane? win32 ahahahahhahaNB il sw della nsa e' gia' indicato nell'altro post...Io ti rimando solo a beowulf ed alla Nasaciao...
  • Anonimo scrive:
    Re: Questa era una notizia da prima pagi
    Ma per piacere....Si parla di "buona qualità", non di eccelsa......Si parla di "mediamente", non di assoluti....Cos'è ??? Aspettavate qualcuno che Vi dicesse che il SW Open fosse "mediamente" buono ???
  • Anonimo scrive:
    Re: a proposito di Sicurezza
    - Scritto da: Anonimo
    sapete segnalarmi un buon antispyware free?hijackthis
  • Anonimo scrive:
    Re: PROMOSSO, MA BOCCIATO DAL MERCATO
    - Scritto da: rock and troll
    ah ah vorrei proprio vedere 10 prodotti che usano
    100% open source e sono durati piu' di 6 mesi!!!lo stack tcp/ip di windows dal 2000 in poi
  • Anonimo scrive:
    Re: ma che significa open?
    - Scritto da: Anonimo
    guarda che ha ragione. L'algoritmo del DES ad
    esempio e' pubblico come quello dell'RSA e tutti
    gli altri. Sono pubblici. Ora tu prova a violarmi
    un DES a 128 bit ... dato che l'algoritmo e'
    pubblico.E' vero. La crittografia, su cui si basano tutte le moderne tecniche di sicurezza dell'informazione, e' aperta (considerando l'etimologia della parola sembra una battuta), cioe' l'algoritmo usato per crittare i dati DEVE essere noto a piu' persone possibile per sperare di essere il piu' possibile sicuro.
    Bravo! quanta beata ignoranza.Evitiamo pero' gli attacchi personali, che a nulla servono.
  • Anonimo scrive:
    5 --
    scusate ... ma ormai si e' capito che questo "Rock & Troll" e' un troll. Perche' alimentarlo. Non rispondetegli ... sparira' da solo.
  • Anonimo scrive:
    Re: PI ha pagine ASP...
    quando è nato PI, l'ASP era la soluzione + ovvia.se non sbaglio l'accoppiata PHP+MySQL è diventata una soluzione interessante nel 2000.
    • Anonimo scrive:
      Re: PI ha pagine ASP...
      - Scritto da: Anonimo
      quando è nato PI, l'ASP era la soluzione + ovvia.
      se non sbaglio l'accoppiata PHP+MySQL è diventata
      una soluzione interessante nel 2000.ASP e IIS non erano così tanto stabili 6-8 anni fa.
  • Anonimo scrive:
    a proposito di Sicurezza
    sapete segnalarmi un buon antispyware free?
  • picdp scrive:
    Re: sempre superiore a quella dei prod
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: picdp

    fidati: open = affidabile

    closed = ???????



    fidati: open = software anonimo volatile e
    scadentestupidaggine
    closed = software x fare soldi, quindi funge benestupidaggine ancora più grossa. hai mai sentito la storia del tetto del convento?un tizio viene chiamato dalle suore per riparare il tetto di un convento. terminato il lavoro rompe qualche tegola da un'altra parte, in modo che dopo qualche mese viene chiamato di nuovo.un giorno sta male e chiama il figlio, che ripara il tetto.quando il figlio torna a casa, l padre gli dice:-hai riparato il tetto?-si, papà-e l'hai rotto da un'altra parte?-no, papà-e mo ti magni sto c***ola morale è che le cose migliori sono quelle il cui scopo primario non è il lucro.==================================Modificato dall'autore il 06/03/2006 13.37.32
  • Anonimo scrive:
    Re: ma che significa open?

    Miti, scempiaggini. Se un professionista ha il
    codice sorgente che gestisce il tuo antifurto
    stai sicuro che entra senza bisogno della chiave,
    il codice perfetto non esiste nè esisterà mai
    finchè saranno umani a scriverlo almeno, quindi
    le analogie fatte sopra vanno bene per dibattiti
    accademici lontani dalla realtà, le cose nel
    mondo reale e quando i programmi funzionano sono
    un bel pò diverse e chiunque con un minimo di
    esperienza di programmazione seria conosce la
    differenza fra teoria e pratica e cosa va fatto e
    cosa non va fatto per garantire la sicurezza di
    un prodotto.Tutti a vantare grandi esperienze e capacità, magari confondendo quanto chiede un'azienda (per varie finalità e/o incapacità di chi stabilisce le linee d'azione) ed i principi di base: ma leggetevi qualche articolo o libro di gente come Bruce Schneier, uno che lavora da anni nel settore e ha realizzato giusto un paio degli algoritmi più famosi nella crittografia (BlowFish e TwoFish). Per esempio datevi una scorsa al suo libro "Secret & Lies", in italiano mi sembra lo abbiano titolato "Sicurezza digitale. Miti da sfatare, strategie da adottare". Si spiega chiaramente anche per chi conosce l'informatica ma non è un esperto di crittografia e di information security.
    • Anonimo scrive:
      Re: ma che significa open?
      - Scritto da: Anonimo

      Miti, scempiaggini. Se un professionista ha il

      codice sorgente che gestisce il tuo antifurto

      stai sicuro che entra senza bisogno della
      chiave,

      il codice perfetto non esiste nè esisterà mai

      finchè saranno umani a scriverlo almeno, quindi

      le analogie fatte sopra vanno bene per dibattiti

      accademici lontani dalla realtà, le cose nel

      mondo reale e quando i programmi funzionano sono

      un bel pò diverse e chiunque con un minimo di

      esperienza di programmazione seria conosce la

      differenza fra teoria e pratica e cosa va fatto
      e

      cosa non va fatto per garantire la sicurezza di

      un prodotto.
      Tutti a vantare grandi esperienze e capacità,
      magari confondendo quanto chiede un'azienda (per
      varie finalità e/o incapacità di chi stabilisce
      le linee d'azione) ed i principi di base: ma
      leggetevi qualche articolo o libro di gente come
      Bruce Schneier, uno che lavora da anni nel
      settore e ha realizzato giusto un paio degli
      algoritmi più famosi nella crittografia (BlowFish
      e TwoFish).
      Per esempio datevi una scorsa al suo libro
      "Secret & Lies", in italiano mi sembra lo abbiano
      titolato "Sicurezza digitale. Miti da sfatare,
      strategie da adottare". Si spiega chiaramente
      anche per chi conosce l'informatica ma non è un
      esperto di crittografia e di information
      security.Ma sì, creiamo i miti degli esperti di sicurezza che scrivono romanzi... questa sì che è professionalità.
  • Anonimo scrive:
    uffa!!!...
    Diranno quelli dell'M$, adesso ci tocca commissionare la solita ricerca "libera" da cui risulteranno essere i nostri prodotti i piu' sicuri.
  • Anonimo scrive:
    Re: PI ha pagine ASP...
    - Scritto da: Anonimo
    e con questo ho detto tutto .... :D :D (ghost)Vuol dire che per un po' starai zitto ??
  • pikappa scrive:
    Re: PI ha pagine ASP...
    - Scritto da: Anonimo
    e con questo ho detto tutto .... :D :D (ghost)Embè?
  • Anonimo scrive:
    Re: PI ha pagine ASP...
    - Scritto da: Anonimo
    e con questo ho detto tutto .... :D :D (ghost)Già. Tanto anarchici sinistroidi pro-Linux pro-Open Source che usano server Microsoft :D
  • Anonimo scrive:
    Re: PI ha pagine ASP...
    - Scritto da: Anonimo
    e con questo ho detto tutto .... :D :D (ghost)Se sono dei bonzi mica è colpa mia ;) ... esiste anche Sun Chili!ASP eh.Se gli vanno bene i server window$ contenti loro, quando crashano e/o hanno bisogno del reboottino mensile.
  • Anonimo scrive:
    Re: PI ha pagine ASP...
    ho letto adesso il tuo post...Cos'hai detto? Lo sai vero che le pagine asp le puoi mettere su un server linux con apache? sicuramente si...
  • Anonimo scrive:
    Re: sempre superiore a quella dei prod
    - Scritto da: picdp
    fidati: open = affidabile
    closed = ???????
    fidati: open = software anonimo volatile e scadenteclosed = software x fare soldi, quindi funge bene
  • Anonimo scrive:
    Re: sei OT
    cdv
  • Anonimo scrive:
    Re: PROMOSSO, MA BOCCIATO DAL MERCATO

    beh forse si puo' trovare linux dentro un router
    o simili cose...ma e' roba di nicchia!!!Tenendo conto che sono i router o simili cose che tengono su Internet...penso che o sei stupido, o ignorante, o stai facendo una trollata, mi sbilancerei piu` sulla terza.Contento?
    • Anonimo scrive:
      Re: PROMOSSO, MA BOCCIATO DAL MERCATO
      - Scritto da: Anonimo


      beh forse si puo' trovare linux dentro un router

      o simili cose...ma e' roba di nicchia!!!

      Tenendo conto che sono i router o simili cose che
      tengono su Internet...penso che o sei stupido, o
      ignorante, o stai facendo una trollata, mi
      sbilancerei piu` sulla terza.
      Contento?Cisco non usa Linux. Ha un proprio OS.
  • Anonimo scrive:
    Re: Test e riTest
    Anche chi sta in USA e prova a fare quello che hai detto tu. Ciao
  • Anonimo scrive:
    PI ha pagine ASP...
    e con questo ho detto tutto .... :D :D (ghost)
  • Anonimo scrive:
    Re: PROMOSSO, MA BOCCIATO DAL MERCATO

    beh forse si puo' trovare linux dentro un router
    o simili cose...ma e' roba di nicchia!!!Vorrei avere io la PICCOLISSIMA NICCHIA che ha ADESSO linux & C.... Ecco mi basta la NICCHIA DI APACHE!!!!
  • Pinguazzo scrive:
    Re: PROMOSSO, MA BOCCIATO DAL MERCATO
    - Scritto da: rock and troll
    ah ah vorrei proprio vedere 10 prodotti che usano
    100% open source e sono durati piu' di 6 mesi!!!
    1. oracle RDBMS2. rockstar game (ogg vorbis su GTA)3. ID software (doom, quake)4. RH AS5. SuSE ES6. motorola7. google search8. TomTom9. apache10. OOo11. emoothwall12. nokia13. nec14. server e ws Sun15. IBM....(Pinguazzo che la gente non sa quello che scrive...)
    • rock and troll scrive:
      Re: PROMOSSO, MA BOCCIATO DAL MERCATO
      - Scritto da: Pinguazzo

      - Scritto da: rock and troll

      ah ah vorrei proprio vedere 10 prodotti che
      usano

      100% open source e sono durati piu' di 6 mesi!!!



      1. oracle RDBMS
      2. rockstar game (ogg vorbis su GTA)
      3. ID software (doom, quake)
      4. RH AS
      5. SuSE ES
      6. motorola
      7. google search
      8. TomTom
      9. apache
      10. OOo
      11. emoothwall
      12. nokia
      13. nec
      14. server e ws Sun
      15. IBM....hai circunnavigato il problema...anchio allora dicevo APPLE, oppure non so sony perche' ha realizzato un linux per play2... ma dai!! Forse tomtom e' l'unico che secondo me ci azzecca! e' un prodotto commerciale e non di nicchia!
      • pikappa scrive:
        Re: PROMOSSO, MA BOCCIATO DAL MERCATO
        - Scritto da: rock and troll

        - Scritto da: Pinguazzo



        - Scritto da: rock and troll


        ah ah vorrei proprio vedere 10 prodotti che

        usano


        100% open source e sono durati piu' di 6
        mesi!!!






        1. oracle RDBMS

        2. rockstar game (ogg vorbis su GTA)

        3. ID software (doom, quake)

        4. RH AS

        5. SuSE ES

        6. motorola

        7. google search

        8. TomTom

        9. apache

        10. OOo

        11. emoothwall

        12. nokia

        13. nec

        14. server e ws Sun

        15. IBM....

        hai circunnavigato il problema...anchio allora
        dicevo APPLE, oppure non so sony perche' ha
        realizzato un linux per play2... ma dai!!


        Forse tomtom e' l'unico che secondo me ci
        azzecca! e' un prodotto commerciale e non di
        nicchia!http://punto-informatico.it/p.asp?i=58174&r=PIci mettiamo pure queste daiE poi perchè avrebbe circumnavigato il problema? hai detto bene, Apple a partire da OSX 10.0 usa software OpenSource per il proprio sistema operativo
      • Pinguazzo scrive:
        Re: PROMOSSO, MA BOCCIATO DAL MERCATO
        - Scritto da: rock and troll[...]
        hai circunnavigato il problema...anchio allora
        dicevo APPLE, oppure non so sony perche' ha
        realizzato un linux per play2... ma dai!! [...]Ahem, guarda che anche il "cuore" di macosx e opensource...(Pnguazzo che nei sorci aperi ci sguazza mentre arieggia la cantina)
        • rock and troll scrive:
          Re: PROMOSSO, MA BOCCIATO DAL MERCATO
          - Scritto da: Pinguazzo

          - Scritto da: rock and troll
          [...]

          hai circunnavigato il problema...anchio allora

          dicevo APPLE, oppure non so sony perche' ha

          realizzato un linux per play2... ma dai!!
          [...]

          Ahem, guarda che anche il "cuore" di macosx e
          opensource...

          (Pnguazzo che nei sorci aperi ci sguazza mentre
          arieggia la cantina)appunto e' hardware proprietario con software che in parte e' open e in partee non... semplicemente una constatazione...NON PUOI VENDERE SOLUZIONI 100% open, a meno che non ti butti sulle consulenze!
  • Anonimo scrive:
    Re: Questa era una notizia da prima pagi
    - Scritto da: Anonimo
    In pratica è stato smentito il get the fact
    secondo me doveva andare in prima pagina assieme
    alla risposta di nowell al gtfpare che per certe cose non esista la par condicio, ma la sordina.
  • rock and troll scrive:
    PROMOSSO, MA BOCCIATO DAL MERCATO
    ah ah vorrei proprio vedere 10 prodotti che usano 100% open source e sono durati piu' di 6 mesi!!!piccoli esempi...linspire....chi lo usa?gpx2.....non e' venduta neanche in italia...lettori ogg/vorbis....solo la kiss li fa....ma cmq nessuno li compra per questo motivo!beh forse si puo' trovare linux dentro un router o simili cose...ma e' roba di nicchia!!!
  • mda scrive:
    Re: La sicurezza deve essere open
    - Scritto da: Anonimo
    Tenere closed software di sicurezza è una
    scempiagine.
    Una cassaforte sicura è una cassaforte dove anche
    conoscendo i meccanismi che la fanno funzionare
    continua a rimanere sicura.
    Di una cassaforte di cui non si conosce il
    meccanismo.. non si può essere CERTI che sia
    sicura invece.Quoto
  • Anonimo scrive:
    Re: ma che significa open?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    Idiozie. Se tutti conoscono gli algoritmi, se

    tutto è aperto e visibile, è ovvio che uno è

    esposto e non solo un super esperto entra nelle

    protezioni ma anche studenti alle prime armi e

    neofiti che provano per imparare.



    Tra studenti alle prime armi e super-esperti CE
    NE PASSA...
    Se il software è open-sorcio solo pochissimi
    esperti
    potranno tentare di sfruttarne le sue
    vulnerabilità, perchè stai pure certo che tutte o
    quasi tutte le vulnerabilità conosciute saranno
    immediatamente patchate! e la maggioranza delle
    persone o studenti non saranno in grado
    (tecnicamente) di bypassarle [punto].
    Gli studenti alle prime armi non sono in grado
    [punto].
    Nessuno nasce super-esperto, l'esperienza viene
    col tempo anche se uno ha una solida base teorica
    di partenza..

    Il software closed è meno sicuro non perchè è
    meno sicuro ma perchè ci vuole più tempo per
    correggere le falle e gli addetti che si occupano
    di queste cose sono un numero nettamente
    inferiore ai programmatori che partecipano a un
    grande progetto open-sorcio.

    In questo senso il codice open è più protetto di
    quello closed.

    Ciao.quoto al 100& ma aggiungo:un buco del closed è meno visibile...
  • Anonimo scrive:
    Re: ma che significa open?
    - Scritto da: Anonimo

    Idiozie. Se tutti conoscono gli algoritmi, se
    tutto è aperto e visibile, è ovvio che uno è
    esposto e non solo un super esperto entra nelle
    protezioni ma anche studenti alle prime armi e
    neofiti che provano per imparare.
    Tra studenti alle prime armi e super-esperti CE NE PASSA...Se il software è open-sorcio solo pochissimi espertipotranno tentare di sfruttarne le sue vulnerabilità, perchè stai pure certo che tutte o quasi tutte le vulnerabilità conosciute saranno immediatamente patchate! e la maggioranza delle persone o studenti non saranno in grado (tecnicamente) di bypassarle [punto].Gli studenti alle prime armi non sono in grado [punto].Nessuno nasce super-esperto, l'esperienza viene col tempo anche se uno ha una solida base teorica di partenza..Il software closed è meno sicuro non perchè è meno sicuro ma perchè ci vuole più tempo per correggere le falle e gli addetti che si occupano di queste cose sono un numero nettamente inferiore ai programmatori che partecipano a un grande progetto open-sorcio.In questo senso il codice open è più protetto di quello closed.Ciao.
  • Anonimo scrive:
    Re: ma che significa open?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Open in sicurezza permette la cosidetta

    "valutazione nel caso peggiore".



    Metti un antifurto in casa e poi dai al ladro le

    chiavi, la mappa e i dettagli tecnici

    dell'apparecchio. Se il ladro non riesce
    comunque

    a entrare, il sistema ha retto al caso peggiore
    e

    sei ragionevolmente in una botte di ferro.



    Se invece la sicurezza del tuo antifurto fa

    affidamento anche su elementi che si suppongono

    non conosciuti dal ladro (la cosidetta e

    famigerata "security through obscurity"), rischi

    di subire un furto nel caso questi elementi

    vengano scoperti o indovinati.



    Non mi ricordo dove l'abbia letto, ma un
    concetto

    base della sicurezza nella crittografia

    asimmetrica è che tutto il sistema deve essere

    conosciuto, tranne la chiave privata.

    Miti, scempiaggini. Se un professionista ha il
    codice sorgente che gestisce il tuo antifurto
    stai sicuro che entra senza bisogno della chiave,
    il codice perfetto non esiste nè esisterà mai
    finchè saranno umani a scriverlo almeno, quindi
    le analogie fatte sopra vanno bene per dibattiti
    accademici lontani dalla realtà, le cose nel
    mondo reale e quando i programmi funzionano sono
    un bel pò diverse e chiunque con un minimo di
    esperienza di programmazione seria conosce la
    differenza fra teoria e pratica e cosa va fatto e
    cosa non va fatto per garantire la sicurezza di
    un prodotto.mamma mia, il bello è che, data l'ora del tuo post, sarai anche andato a dormire con la sicurezza (scusa il gioco di parole) di aver detto qualcosa di intelligente...sei disarmante, se dopo tutti i post di questo thread (se non hai mai letto una riga dell'argomento) non hai capito che in crittografia conoscere l'algoritmo di cifratura non ti da nessun vantaggio se non conosci la chiave.
  • Anonimo scrive:
    Re: Questa era una notizia da prima pagi
    Sono d'accordo, si doveva dare più importanza e visibilità a questa notizia
  • cla scrive:
    Re: La sicurezza deve essere open
    Una realtà Open sicura è una comunità in cui gli hacker non remano contro e non cerano notorietà (leggi, aspetta almeno 10 giorni a pubblicare l'advisory in modo che si possa avvertire la community di patchare), sennò fanno favori solo agli script kiddie ...Cla!
  • Anonimo scrive:
    Re: ma che significa open?

    Miti, scempiaggini. Se un professionista ha il
    codice sorgente che gestisce il tuo antifurto
    stai sicuro che entra senza bisogno della chiaveQuindi pgp, gpg, ssl, ssh, etc non sono sicuri?Mi sembra che siamo nel ridicolo.
  • Anonimo scrive:
    Re: ma che significa open?

    Che marea di idiozie. A parte miti e falsità
    quelli come te pro-linux, pro-GPL, pro-GNU non
    sanno dire ?e' un dato di fatto che la marea di idiozie che si legge su questi forum spetta a voi winariSaluti
  • Anonimo scrive:
    Re: ma che significa open?
    guarda che ha ragione. L'algoritmo del DES ad esempio e' pubblico come quello dell'RSA e tutti gli altri. Sono pubblici. Ora tu prova a violarmi un DES a 128 bit ... dato che l'algoritmo e' pubblico.Bravo! quanta beata ignoranza.
  • Anonimo scrive:
    Questa era una notizia da prima pagina
    In pratica è stato smentito il get the fact secondo me doveva andare in prima pagina assieme alla risposta di nowell al gtf http://www.novell.com/it-it/linux/truth/response.html
  • Anonimo scrive:
    Re: La sicurezza deve essere open
    - Scritto da: Anonimo
    Tenere closed software di sicurezza è una
    scempiagine.
    Una cassaforte sicura è una cassaforte dove anche
    conoscendo i meccanismi che la fanno funzionare
    continua a rimanere sicura.
    Di una cassaforte di cui non si conosce il
    meccanismo.. non si può essere CERTI che sia
    sicura invece.Questa è detta security by obscurity, tipico di M$
  • Anonimo scrive:
    tieniti la schifezza, nessuno ti invidia
    se ti va di idolatrare le porcherie supertrombate di b. gates e di fare delle figuracce da poveraccio comequella presente, fai pure, ma nessuno qui invidia latua esibizione di ignoranza
  • Anonimo scrive:
    Re: ma che significa open?
    - Scritto da: albino13

    - Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: Anonimo


    Open in sicurezza permette la cosidetta


    "valutazione nel caso peggiore".





    Metti un antifurto in casa e poi dai al ladro
    le


    chiavi, la mappa e i dettagli tecnici


    dell'apparecchio. Se il ladro non riesce

    comunque


    a entrare, il sistema ha retto al caso
    peggiore

    e


    sei ragionevolmente in una botte di ferro.



    oh, sei proprio un figo, ma che scuole hai
    fatto?

    :)

    la tua semplicita' e' disarmante, sicuramente

    sarai antipaticissimo, comunque complimenti.

    mai stato iscritto all'universita' ad
    informatica? mai aperto un libro di sicurezza?
    oppure semplicemente un po' di logica, c'e'
    l'hai?
    il sempliciotto sei tu, la tua ignoranza e la
    volonta di affermarla e' ridicola.Tu non hai mai programmato un pezzo di codice serio in vita tua, questo è il problema. Ti sei limitato a codici semplici se mai hai programmato, ti manca la visione di come funzionano realmente le cose in progetti complessi e quali sono le problematiche. E quando devi progettare qualcosa che è rivolto al mercato della sicurezza e criptazione devi avere ben chiare le problematiche e la differenza fra teoria universitaria che lascia il tempo che trova e non è applicabile alla realtà e la realtà vera con tutte le sue problematiche e limitazioni. La teoria bisogna saperla discernere fra inutile ed utile, non tutto quello che sta sui libri è applicabile, e quando lo è va verificato che la qualità sia adatta al prodotto voluto--spesso ciò richiede anni di investimenti buttati ed errori su errori, quindi le multinazionali scartano e mettono al bando le teorie risultate inutili e cercano altre strade, che spesso vengono trovate nella fretta di ottenere il prodotto in tempi ancora accettabili e limitare i danni dovuti ai ritardi.
  • Alessandrox scrive:
    Re: ma che significa open?
    - Scritto da: AnonimoOttime argomentazioni, mi hai convinto.
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    - Scritto da: Anonimo



    open source per un bel sparagestionale lo



    capisco. Ma in tema come la sicurezza ha
    senso



    una piattaforma open? che fanno gli USA

    mettono



    in rete i sorgenti del sw della sicurezza



    nazionale?



    Boh!


    teoria, tutto il mondo può guardarlo,


    controllarlo e correggere i problemi rendendo
    il


    software iper sicuro


    pratica: lo controllano 4 gatti eccetto chi ci


    deve fare qualcosa di losco e se c'è un
    difetto


    si trova prima



    Teoria: tutto il mondo può guardarlo,

    controllarlo e correggere i problemi rendendo il

    software iper sicuro
    Idiozie. Se tutti conoscono gli algoritmi, se
    tutto è aperto e visibile, è ovvio che uno è
    esposto e non solo un super esperto entra nelle
    protezioni ma anche studenti alle prime armi e
    neofiti che provano per imparare.

    Pratica: la piattaforma notoriamente di gran

    lunga più colpita da malware assortiti che ne

    sfruttano le vulnerabilità _NON_ è open
    source...
    I malware e virus sono creati dalla stessa
    Microsoft e consociati per venderti antivirus e
    antispyware.. Se non fosse per questo e per il
    grande bacino di utenza non esisterebbero virus,
    stanne certo. Distinti Saluti
  • Anonimo scrive:
    Re: ma che significa open?
    - Scritto da: Anonimo
    Open in sicurezza permette la cosidetta
    "valutazione nel caso peggiore".

    Metti un antifurto in casa e poi dai al ladro le
    chiavi, la mappa e i dettagli tecnici
    dell'apparecchio. Se il ladro non riesce comunque
    a entrare, il sistema ha retto al caso peggiore e
    sei ragionevolmente in una botte di ferro.

    Se invece la sicurezza del tuo antifurto fa
    affidamento anche su elementi che si suppongono
    non conosciuti dal ladro (la cosidetta e
    famigerata "security through obscurity"), rischi
    di subire un furto nel caso questi elementi
    vengano scoperti o indovinati.

    Non mi ricordo dove l'abbia letto, ma un concetto
    base della sicurezza nella crittografia
    asimmetrica è che tutto il sistema deve essere
    conosciuto, tranne la chiave privata.Miti, scempiaggini. Se un professionista ha il codice sorgente che gestisce il tuo antifurto stai sicuro che entra senza bisogno della chiave, il codice perfetto non esiste nè esisterà mai finchè saranno umani a scriverlo almeno, quindi le analogie fatte sopra vanno bene per dibattiti accademici lontani dalla realtà, le cose nel mondo reale e quando i programmi funzionano sono un bel pò diverse e chiunque con un minimo di esperienza di programmazione seria conosce la differenza fra teoria e pratica e cosa va fatto e cosa non va fatto per garantire la sicurezza di un prodotto.
  • Alessandrox scrive:
    Re: ma che significa open?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    Teoria: tutto il mondo può guardarlo,


    controllarlo e correggere i problemi rendendo
    il


    software iper sicuro





    Pratica: la piattaforma notoriamente di gran


    lunga più colpita da malware assortiti che ne


    sfruttano le vulnerabilità _NON_ è open

    source...

    ma anche la più diffusa. Firefox come si è

    diffuso ha mostrato molte debolezze

    In genere prontamente corrette: questa era la
    teoria...
    La pratica è nota a tutti...Tu confondi pratica e teoriarileggi quello che hai scrittoSe in genere le falle sono prontamente corrette questa sara' la pratica no?==================================Modificato dall'autore il 06/03/2006 2.42.48
  • Anonimo scrive:
    Re: ma che significa open?
    - Scritto da: Anonimo


    servizi è molto più basso: non bisogna attendere

    i tempi biblici della softwarehouse che detiene
    i

    sorgenti.

    basti pensare a windows: tra la scoperta di una

    falla e la patch passano mesi, su linux, che è

    open in genere basta qualche ora.

    ma il fatto importante e' che anche il
    responsabile della sicurezza della vostra azienda
    potra' trovare il perche' di certe anomalie
    setacciando il codice, e comunicandolo ai
    produttori, che se non vogliono essere screditati
    e non piu' supportati economicamente, devono
    correggere e giustificare le loro mancanze. con
    il closed mandi un'email al draga che ti dice che
    nessun dato personale sara' inviato alla sua
    azienda, e tu devi credergli, senno' ti denuncia
    perche usi il SUO soft senza approvare anche la
    sua ideologia.Che marea di idiozie. A parte miti e falsità quelli come te pro-linux, pro-GPL, pro-GNU non sanno dire ?
  • Anonimo scrive:
    Re: ma che significa open?
    - Scritto da: TADsince1995

    - Scritto da: Anonimo

    open source per un bel sparagestionale lo

    capisco. Ma in tema come la sicurezza ha senso

    una piattaforma open? che fanno gli USA mettono

    in rete i sorgenti del sw della sicurezza

    nazionale?



    Boh!

    Beh, non è affatto detto che se ci sono i
    sorgenti sia più vulnerabile, per esempio ci sono
    programmi di crittografia open, l'output di
    questi programmi è inviolabile a prescindere se
    c'è o non c'è il sorgente a disposizione.Sì, vabbè. Credici pure.
    Inoltre affidarsi a un prodotto di cui non si
    hanno i sorgenti per applicazioni mission
    critical è una pura follia e una contraddizione
    in termini.

    TAD?? Non vuol dire nulla. Assolutamente nulla. Altrimenti qualsiasi industria dovrebbe programmarsi in proprio ogni sistema di gestione di impianti industriali di qualsiasi tipo controllato da sistemi real time ed embedded. Il che non esiste, non avviene proprio. Il lavoro lo fanno ditte esterne su commissione al massimo, in appalto. Oppure si comprano i prodotti finiti belli e pronti e poi si hanno programmatori che fanno manutenzione ma che raramente hanno accesso ai sorgenti.
  • Alessandrox scrive:
    Re: ma che significa open?
    Era l' unica risposta sensata che si poteva dare a chi palesemente spara cavolate senza sapere nulla....- Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: Anonimo





    - Scritto da: Anonimo



    open source per un bel sparagestionale lo



    capisco. Ma in tema come la sicurezza ha
    senso



    una piattaforma open? che fanno gli USA

    mettono



    in rete i sorgenti del sw della sicurezza



    nazionale?







    Boh!


    teoria, tutto il mondo può guardarlo,


    controllarlo e correggere i problemi rendendo
    il


    software iper sicuro


    pratica: lo controllano 4 gatti eccetto chi ci


    deve fare qualcosa di losco e se c'è un
    difetto


    si trova prima



    Ottima argomentazione.

    Mi hai convinto.
    ma una battuta diversa la sai dire?
  • albino13 scrive:
    Re: ma che significa open?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Open in sicurezza permette la cosidetta

    "valutazione nel caso peggiore".



    Metti un antifurto in casa e poi dai al ladro le

    chiavi, la mappa e i dettagli tecnici

    dell'apparecchio. Se il ladro non riesce
    comunque

    a entrare, il sistema ha retto al caso peggiore
    e

    sei ragionevolmente in una botte di ferro.

    oh, sei proprio un figo, ma che scuole hai fatto?
    :)
    la tua semplicita' e' disarmante, sicuramente
    sarai antipaticissimo, comunque complimenti.mai stato iscritto all'universita' ad informatica? mai aperto un libro di sicurezza? oppure semplicemente un po' di logica, c'e' l'hai? il sempliciotto sei tu, la tua ignoranza e la volonta di affermarla e' ridicola.
  • Anonimo scrive:
    Re: ma che significa open?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: Anonimo


    open source per un bel sparagestionale lo


    capisco. Ma in tema come la sicurezza ha senso


    una piattaforma open? che fanno gli USA
    mettono


    in rete i sorgenti del sw della sicurezza


    nazionale?





    Boh!

    teoria, tutto il mondo può guardarlo,

    controllarlo e correggere i problemi rendendo il

    software iper sicuro

    pratica: lo controllano 4 gatti eccetto chi ci

    deve fare qualcosa di losco e se c'è un difetto

    si trova prima

    Teoria: tutto il mondo può guardarlo,
    controllarlo e correggere i problemi rendendo il
    software iper sicuroIdiozie. Se tutti conoscono gli algoritmi, se tutto è aperto e visibile, è ovvio che uno è esposto e non solo un super esperto entra nelle protezioni ma anche studenti alle prime armi e neofiti che provano per imparare.
    Pratica: la piattaforma notoriamente di gran
    lunga più colpita da malware assortiti che ne
    sfruttano le vulnerabilità _NON_ è open source...I malware e virus sono creati dalla stessa Microsoft e consociati per venderti antivirus e antispyware.. Se non fosse per questo e per il grande bacino di utenza non esisterebbero virus, stanne certo.
  • albino13 scrive:
    Re: ma che significa open?
    - Scritto da: Anonimo
    Open in sicurezza permette la cosidetta
    "valutazione nel caso peggiore".

    Metti un antifurto in casa e poi dai al ladro le
    chiavi, la mappa e i dettagli tecnici
    dell'apparecchio. Se il ladro non riesce comunque
    a entrare, il sistema ha retto al caso peggiore e
    sei ragionevolmente in una botte di ferro.

    Se invece la sicurezza del tuo antifurto fa
    affidamento anche su elementi che si suppongono
    non conosciuti dal ladro (la cosidetta e
    famigerata "security through obscurity"), rischi
    di subire un furto nel caso questi elementi
    vengano scoperti o indovinati.

    Non mi ricordo dove l'abbia letto, ma un concetto
    base della sicurezza nella crittografia
    asimmetrica è che tutto il sistema deve essere
    conosciuto, tranne la chiave privata.in qualunque corso di sicurezza informatica che si rispetti ;)
  • AlphaC scrive:
    Re: La sicurezza deve essere open
    - Scritto da: Anonimo
    Tenere closed software di sicurezza è una
    scempiagine.
    Una cassaforte sicura è una cassaforte dove anche
    conoscendo i meccanismi che la fanno funzionare
    continua a rimanere sicura.
    Di una cassaforte di cui non si conosce il
    meccanismo.. non si può essere CERTI che sia
    sicura invece.quoto
  • Anonimo scrive:
    Re: apache!
    Berkley DB è uno granellino di sabbia nel deserto Apache!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: apache!
      Ma apache non è un webserver ? da quando ha un motore SQL al suo interno?! ... sicuri che non era MySQL ? ^.-mah ...
      • Anonimo scrive:
        Re: apache!

        Ma apache non è un webserver ?
        da quando ha un motore SQL al suo interno?! ...
        sicuri che non era MySQL ? ^.-

        mah ...La sleepycat produce anche "semplici" librerie per la creazione e l'accesso rapido a piccoli file di database, utilissimi in molte applicazioni che non richiedono un pesante supporto basato su sql.
  • AlphaC scrive:
    Re: apache!
    - Scritto da: Anonimo
    ma se oracle ha comprato il suo motore:
    http://punto-informatico.it/p.asp?i=57921

    come fa' apache ad essere open? open in che
    senso, gpl?

    "Il colosso continuerà a distribuire il database
    di Sleepycat sotto due diverse licenze: una open
    source e una commerciale. Niente dovrebbe
    cambiare, quindi, per i numerosi prodotti open
    source che utilizzano Berkeley DB: tra questi vi
    sono BSD Unix, Apache, OpenLDAP, OpenOffice e
    diverse distribuzioni di Linux. "

    questo e' un esempio dell'inutilita' di
    sviluppare con licenza bsd, o forse il contrario,
    certo che e' triste, o forse no ...Apache usa berkeleydb solo in taluni casi, dove hai letto che è il suo motore?Comunque esistono varie versioni di berkeleydb tutte open, e come tu stesso hai citato quello della sleepycat verra' comunque distribuito con licenza open, mal che vada esistono i fork. Questa e' la forza dell'open source.
  • Anonimo scrive:
    Re: ma che significa open?
    - Scritto da: Anonimo
    Open in sicurezza permette la cosidetta
    "valutazione nel caso peggiore".

    Metti un antifurto in casa e poi dai al ladro le
    chiavi, la mappa e i dettagli tecnici
    dell'apparecchio. Se il ladro non riesce comunque
    a entrare, il sistema ha retto al caso peggiore e
    sei ragionevolmente in una botte di ferro.oh, sei proprio un figo, ma che scuole hai fatto? :) la tua semplicita' e' disarmante, sicuramente sarai antipaticissimo, comunque complimenti.
  • Anonimo scrive:
    Re: ma che significa open?
    Open in sicurezza permette la cosidetta "valutazione nel caso peggiore".Metti un antifurto in casa e poi dai al ladro le chiavi, la mappa e i dettagli tecnici dell'apparecchio. Se il ladro non riesce comunque a entrare, il sistema ha retto al caso peggiore e sei ragionevolmente in una botte di ferro.Se invece la sicurezza del tuo antifurto fa affidamento anche su elementi che si suppongono non conosciuti dal ladro (la cosidetta e famigerata "security through obscurity"), rischi di subire un furto nel caso questi elementi vengano scoperti o indovinati.Non mi ricordo dove l'abbia letto, ma un concetto base della sicurezza nella crittografia asimmetrica è che tutto il sistema deve essere conosciuto, tranne la chiave privata.
  • Anonimo scrive:
    apache!
    ma se oracle ha comprato il suo motore:http://punto-informatico.it/p.asp?i=57921come fa' apache ad essere open? open in che senso, gpl?"Il colosso continuerà a distribuire il database di Sleepycat sotto due diverse licenze: una open source e una commerciale. Niente dovrebbe cambiare, quindi, per i numerosi prodotti open source che utilizzano Berkeley DB: tra questi vi sono BSD Unix, Apache, OpenLDAP, OpenOffice e diverse distribuzioni di Linux. "questo e' un esempio dell'inutilita' di sviluppare con licenza bsd, o forse il contrario, certo che e' triste, o forse no ...
  • Anonimo scrive:
    Re: La sicurezza deve essere open
    straquoto, complimenti per l'apertura mentale :)
  • Anonimo scrive:
    La sicurezza deve essere open
    Tenere closed software di sicurezza è una scempiagine.Una cassaforte sicura è una cassaforte dove anche conoscendo i meccanismi che la fanno funzionare continua a rimanere sicura.Di una cassaforte di cui non si conosce il meccanismo.. non si può essere CERTI che sia sicura invece.
  • Anonimo scrive:
    Re: ma che significa open?

    programmi di crittografia open, l'output di
    questi programmi è inviolabile a prescindere se
    c'è o non c'è il sorgente a disposizione.

    Inoltre affidarsi a un prodotto di cui non si
    hanno i sorgenti per applicazioni mission
    critical è una pura follia e una contraddizione
    in termini.

    TADquoto mucho.
  • Anonimo scrive:
    Re: ma che significa open?

    servizi è molto più basso: non bisogna attendere
    i tempi biblici della softwarehouse che detiene i
    sorgenti.
    basti pensare a windows: tra la scoperta di una
    falla e la patch passano mesi, su linux, che è
    open in genere basta qualche ora.ma il fatto importante e' che anche il responsabile della sicurezza della vostra azienda potra' trovare il perche' di certe anomalie setacciando il codice, e comunicandolo ai produttori, che se non vogliono essere screditati e non piu' supportati economicamente, devono correggere e giustificare le loro mancanze. con il closed mandi un'email al draga che ti dice che nessun dato personale sara' inviato alla sua azienda, e tu devi credergli, senno' ti denuncia perche usi il SUO soft senza approvare anche la sua ideologia.
  • Anonimo scrive:
    Re: ma che significa open?
    - Scritto da: Anonimo

    Teoria: tutto il mondo può guardarlo,

    controllarlo e correggere i problemi rendendo il

    software iper sicuro



    Pratica: la piattaforma notoriamente di gran

    lunga più colpita da malware assortiti che ne

    sfruttano le vulnerabilità _NON_ è open
    source...
    ma anche la più diffusa. Firefox come si è
    diffuso ha mostrato molte debolezzeIn genere prontamente corrette: questa era la teoria...La pratica è nota a tutti...
  • Anonimo scrive:
    Re: ma che significa open?

    Teoria: tutto il mondo può guardarlo,
    controllarlo e correggere i problemi rendendo il
    software iper sicuro

    Pratica: la piattaforma notoriamente di gran
    lunga più colpita da malware assortiti che ne
    sfruttano le vulnerabilità _NON_ è open source...ma anche la più diffusa. Firefox come si è diffuso ha mostrato molte debolezze
  • Anonimo scrive:
    Re: ma che significa open?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    open source per un bel sparagestionale lo

    capisco. Ma in tema come la sicurezza ha senso

    una piattaforma open? che fanno gli USA mettono

    in rete i sorgenti del sw della sicurezza

    nazionale?



    Boh!
    teoria, tutto il mondo può guardarlo,
    controllarlo e correggere i problemi rendendo il
    software iper sicuro
    pratica: lo controllano 4 gatti eccetto chi ci
    deve fare qualcosa di losco e se c'è un difetto
    si trova primaTeoria: tutto il mondo può guardarlo, controllarlo e correggere i problemi rendendo il software iper sicuroPratica: la piattaforma notoriamente di gran lunga più colpita da malware assortiti che ne sfruttano le vulnerabilità _NON_ è open source...
  • picdp scrive:
    Re: ma che significa open?
    - Scritto da: Anonimo
    open source per un bel sparagestionale lo
    capisco. bene
    Ma in tema come la sicurezza ha senso
    una piattaforma open? mai sentito parlare di crittografie open?il listato è a disposizione di tutti, le chiavi solo di chi le detiene
    che fanno gli USA mettono
    in rete i sorgenti del sw della sicurezza
    nazionale?

    Boh!no, il discorso è un po' più lungo: open vuol dire sicurezza perchè il tempo per curare eventuali falle sui programmi che gestiscono i servizi è molto più basso: non bisogna attendere i tempi biblici della softwarehouse che detiene i sorgenti.basti pensare a windows: tra la scoperta di una falla e la patch passano mesi, su linux, che è open in genere basta qualche ora.
  • Anonimo scrive:
    Re: ma che significa open?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: Anonimo


    open source per un bel sparagestionale lo


    capisco. Ma in tema come la sicurezza ha senso


    una piattaforma open? che fanno gli USA
    mettono


    in rete i sorgenti del sw della sicurezza


    nazionale?





    Boh!

    teoria, tutto il mondo può guardarlo,

    controllarlo e correggere i problemi rendendo il

    software iper sicuro

    pratica: lo controllano 4 gatti eccetto chi ci

    deve fare qualcosa di losco e se c'è un difetto

    si trova prima

    Ottima argomentazione.
    Mi hai convinto.ma una battuta diversa la sai dire?
  • Anonimo scrive:
    Re: ma che significa open?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    open source per un bel sparagestionale lo

    capisco. Ma in tema come la sicurezza ha senso

    una piattaforma open? che fanno gli USA mettono

    in rete i sorgenti del sw della sicurezza

    nazionale?



    Boh!
    teoria, tutto il mondo può guardarlo,
    controllarlo e correggere i problemi rendendo il
    software iper sicuro
    pratica: lo controllano 4 gatti eccetto chi ci
    deve fare qualcosa di losco e se c'è un difetto
    si trova primaOttima argomentazione.Mi hai convinto.
  • TADsince1995 scrive:
    Re: ma che significa open?
    - Scritto da: Anonimo
    open source per un bel sparagestionale lo
    capisco. Ma in tema come la sicurezza ha senso
    una piattaforma open? che fanno gli USA mettono
    in rete i sorgenti del sw della sicurezza
    nazionale?

    Boh!Beh, non è affatto detto che se ci sono i sorgenti sia più vulnerabile, per esempio ci sono programmi di crittografia open, l'output di questi programmi è inviolabile a prescindere se c'è o non c'è il sorgente a disposizione.Inoltre affidarsi a un prodotto di cui non si hanno i sorgenti per applicazioni mission critical è una pura follia e una contraddizione in termini.TAD
  • Anonimo scrive:
    Re: ma che significa open?
    - Scritto da: Anonimo
    open source per un bel sparagestionale lo
    capisco. Ma in tema come la sicurezza ha senso
    una piattaforma open? che fanno gli USA mettono
    in rete i sorgenti del sw della sicurezza
    nazionale?

    Boh!teoria, tutto il mondo può guardarlo, controllarlo e correggere i problemi rendendo il software iper sicuropratica: lo controllano 4 gatti eccetto chi ci deve fare qualcosa di losco e se c'è un difetto si trova prima
  • Anonimo scrive:
    ma che significa open?
    open source per un bel sparagestionale lo capisco. Ma in tema come la sicurezza ha senso una piattaforma open? che fanno gli USA mettono in rete i sorgenti del sw della sicurezza nazionale?Boh!
  • Anonimo scrive:
    talvolta superiore a quella dei prodotti
    closed-sourcemi accontenterei :D
    • picdp scrive:
      Re: sempre superiore a quella dei prod
      fidati: open = affidabileclosed = ???????==================================Modificato dall'autore il 06/03/2006 0.26.16
Chiudi i commenti