Password in cambio di lavoro

Nei colloqui di selezione vengono richieste le credenziali di accesso ai social network per "controllare" i candidati. Una vizio comune anche alle università

Roma – Un datore di lavoro o un allenatore sportivo che accede all’account di Facebook o di Twitter per leggere i commenti o vedere le foto dei dipendenti o degli atleti violerebbe le leggi contro la pirateria informatica. A meno che non siano gli stessi lavoratori/studenti a rivelare i propri dati personali. E sembra proprio questa la strada che stanno seguendo molti manager e molte scuole per tenere d’occhio impiegati e sportivi.

Nel Maryland , ad esempio, i responsabili delle risorse umane del Department of Corrections , l’ente che si occupa della sorveglianza dei detenuti, chiedono agli aspiranti dipendenti login e password di Facebook per controllare amici, bacheca e fotografie. In molti stati USA, anche gli studenti che praticano sport nei college sono stati costretti ad accettare l’amicizia del proprio allenatore , o rivelare i propri dati di accesso all’account del social network. Un caso emblematico è rappresentato dalla University of North Carolina che ha inserito nel proprio regolamento la norma in base alla quale un allenatore o un amministratore “deve avere accesso e monitorare regolarmente il contenuto e i post dei membri della squadra sui social network “; ma sopratutto specifica che “il dipartimento di atletica si riserva anche il diritto di avere altri membri dello staff che controllino i messaggi degli atleti”. I college si stanno rivolgendo ad aziende specializzate nel monitoraggio dei social media per richiedere programmi specifici che automatizzino il compito. Tali software offrono “la valutazione della reputazione” e sono in grado di lanciare allarmi se i profili degli altleti sono un po’ troppo sopra le righe.

Le pratiche usate dagli esperti delle risorse umane del Department of Corrections del Maryland erano venute già a galla lo scorso anno, quando Robert Collins, un giovane che era aveva sostenuto un colloquio al Dipartimento, denunciò all’ American Civil Liberties Union (ACLU) che, durante un colloquio, fu costretto a rivelare il proprio nome utente e la password di Facebook. Il Department of Corrections dovette sospendere per 45 giorni questa singolare pratica di selezione del personale. L’ente ha ora dichiarato che il controllo dei profili degli aspiranti lavoratori sui social network è necessario per evitare di assumere guardie con potenziali legami a una banda criminale. Inoltre ha sottolineato il carattere assolutamente volontario della rivelazione dei dati personali e ha fatto sapere che solo cinque degli 80 neoassunti ha negato l’accesso.

Per i college, al contrario, questa “abitudine” sembra obbligatoria: niente login? niente sport. Per l’avvocato Bradley Shear queste richieste di accesso violano il primo emendamento : “Stanno dicendo agli studenti che se si vuole giocare si deve avere l’allenatore tra gli amici. Questo è molto preoccupante – ha dichiarato Shear – Forse queste pratiche vanno bene se si vive in un regime totalitario, ma abbiamo ancora una costituzione che ci protegge”.

“Questa è una violazione della privacy” ha affermato Melissa Coretz Goemann, la direttrice del settore legislativo della ACLU del Maryland. Goemann ha inoltre sollevato un problema di non poco conto: “La corsa al monitoraggio delle persone viola i termini e le condizioni di servizio di Facebook”. Il portavoce del sito in blu, Frederic Wolens, conferma e avverte: solo il titolare dell’indirizzo di posta elettronica è considerato il proprietario dell’account Facebook e “vietiamo a chiunque di richiedere le informazioni di accesso che appartengano a qualcun altro”.

Rispetto allo “spionaggio” degli atleti delle università, il controllo dei lavoratori sembra essere meno diffuso: ma non è un fenomeno trascurabile. Basti ricordare il celebre caso in cui Apple ha licenziato un impiegato britannico che postava commenti negativi sui prodotti dell’azienda su Facebook. Ma non si tratta solo di social network: un dipendente del governo australiano ha perso il lavoro perché troppo interessato alle grazie femminili, e non è certo il primo caso di dipendenti che trovano la via della porta per aver usato il PC aziendale per scopi privati non in linea con le policy di decoro.

Gabriella Tesoro

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • fossi figo scrive:
    Premium Play
    e ora sarà Mediaset a fare causa a Google... almeno in Italia... non c'è alcun commento sulla qualità dei due servizi, solo che il logo Google play (che integra anche servizi di video streaming) cozza evidentemente con l'offerta streamin chiamata "Premium Play" ... e guarda caso il logo è sempre il "triangolo" del tasto play...
    • becker scrive:
      Re: Premium Play
      il simbolo del tasto play non è vincolato è uno standard utilizzato da tutti i produttori di apparecchi elettronici quindi anche Mediaset non ha usato simbolo "esclusivo" originale.
    • Mela avvelenata scrive:
      Re: Premium Play
      [img]http://3.bp.blogspot.com/_cO0IpLClLOQ/TG3R2nv5aJI/AAAAAAAABw0/Gx4twEFTsao/s1600/Facepalm.jpg[/img]A volte non ho proprio parole...
  • Luco da mobile e sloggato scrive:
    Musichi
    "Musichi"?
  • Shu scrive:
    Dimensioni app
    Per la precisione, il Market/Play non permette di pubblicare applicazioni oltre i 50 MB. La novità è che si possono hostare sul Market, collegati alla app, due file fino a 2 GB l'uno, che l'applicazione può scaricare.In questo modo:- non si deve cercare un hosting/housing per tenerci i file, coi costi conseguenti di banda e hosting- non ci si deve inventare nuovi modi di scaricare quei file al primo avvio dell'app- sono automaticamente collegati all'appBye.
  • TheOriginalFanboy scrive:
    Per sfidare iTunes...
    ci vuole iTunes... ed ecco che ancora una volta Google ci prova.sicuramente avrà più sucXXXXX tra qualche mese rispetto all'apple store. android è ovunque, in mano a chiunque , in mano a persone che neanche sanno che si possono fare determinate cose, com'era notizia di qualche tempo fa.
    • mela avvelenata scrive:
      Re: Per sfidare iTunes...
      - Scritto da: TheOriginalFanboy
      ci vuole iTunes... ed ecco che ancora una volta
      Google ci
      prova.

      sicuramente avrà più sucXXXXX tra qualche mese
      rispetto all'apple store. android è ovunque, in
      mano a chiunque , in mano a persone che neanche
      sanno che si possono fare determinate cose,
      com'era notizia di qualche tempo
      fa.Un pò come iOS...nè più, nè meno! ;)
    • Ego scrive:
      Re: Per sfidare iTunes...
      - Scritto da: TheOriginalFanboy
      ci vuole iTunes... ed ecco che ancora una volta
      Google ci
      prova.parli di quell'aborto di codice che ha preso la medaglia come peggior programma esistente sulla faccia della terra? parli proprio di quell'itunes?
      • Sgabbio scrive:
        Re: Per sfidare iTunes...
        - Scritto da: Ego
        - Scritto da: TheOriginalFanboy

        ci vuole iTunes... ed ecco che ancora una
        volta

        Google ci

        prova.


        parli di quell'aborto di codice che ha preso la
        medaglia come peggior programma esistente sulla
        faccia della terra? parli proprio di
        quell'itunes?fornte?
        • Ego scrive:
          Re: Per sfidare iTunes...
          scrivi su google "itunes peggior programma" e leggi
          • aphex twin scrive:
            Re: Per sfidare iTunes...
            - Scritto da: Ego
            scrivi su google "itunes peggior programma" e
            leggi"itunes peggior programma" mi ritorna 443'000 risultatima anche se cerco "android fa schifo" mi ritorna 1'060'000e nessuna delle due affermazioni é vera.
          • ostacolo scrive:
            Re: Per sfidare iTunes...
            - Scritto da: aphex twin
            - Scritto da: Ego

            scrivi su google "itunes peggior programma" e

            leggi

            "itunes peggior programma" mi ritorna 443'000
            risultati

            ma anche se cerco "android fa schifo" mi ritorna
            1'060'000

            e nessuna delle due affermazioni é vera.ti stai smentendo, tu hai scritto più volte che fa schifo android e infinite volte ho letto di gente che si lamenta di itunes, c'è stato un periodo che la gente aveva paura di collegare l'ipod perchè automaticamente faceva la sincronizzazione che durava ore ed ore, mai nulla di altrettanto schifoso è stato scritto per windows, forse solo quicktime player
          • aphex twin scrive:
            Re: Per sfidare iTunes...
            Fammi vedere dove ho scritto "android fa schifo" oppure taci.
          • Nome e Cognome scrive:
            Re: Per sfidare iTunes...
            Dio esiste:......1.670.000 G-ResultsDio non esiste:..6.710.000 G-ResultsBabbo Natale esiste:......892.000 G-ResultsBabbo Natale non essiste:.524.000 G-ResultsErgo, preso come assioma che babbo natale non esista, inquanto è frutto unicamente della pubblicità della coca cola, posso affermare con assoluta certezza (6 a 1) l'esistenza di Dio.
          • Mettiuz scrive:
            Re: Per sfidare iTunes...
            Oppure si può affermare che la coca cola è più credibile della bibbia :D
        • krane scrive:
          Re: Per sfidare iTunes...
          - Scritto da: Sgabbio
          - Scritto da: Ego

          - Scritto da: TheOriginalFanboy


          ci vuole iTunes... ed ecco che


          ancora una volta Google ci


          prova.

          parli di quell'aborto di codice che ha

          preso la medaglia come peggior programma

          esistente sulla faccia della terra? parli

          proprio di quell'itunes?
          fornte?Effettivamente le volte che ricordo che qualcuno viene in sala macchine a chiedere qualcosa riguardo ad apple e' sempre solo il recupero della propri files di itunes, ma respingo perche' non conosco...
    • zupermario scrive:
      Re: Per sfidare iTunes...
      - Scritto da: TheOriginalFanboy
      ci vuole iTunes... Sei pazzo?
  • ioioio scrive:
    uff
    povero ruppolo
  • rumorino scrive:
    Ooops...
    Vi sentite sicuri con Android?http://www.macgeneration.com/unes/voir/131112/securite-ios-a-pris-une-grosse-avance-sur-android
    • Paolo scrive:
      Re: Ooops...
      - Scritto da: rumorino
      Vi sentite sicuri con Android?In tutta sincerita' sia io che una decina di miei colleghi abbiamo Android di fascia alta e nessuno ha mai avuto alcun problema di sicurezza. Anzi, uno dei colleghi prima aveva un iPhone, ma aveva dovuto fare il XXXXXXXXX per avere app a lui indispensabili, poi è passato ad un galaxy S2 e riesce ad avere le stesse funzioni senza fare il root (quindi ha anche aumentato la sua sicurezza).
      http://www.macgeneration.com/unes/voir/131112/secuBeh, mi sarei stupito se un sito che si chiama macgeneration.com avesse detto il contrario. E' tuttavia un fatto che Apple, pur avendo il controllo completo del sistema operativo e pur dovendo supportare solo 2 device (iphone e ipad), rilascia update di iOS con tempi paragonabili a quelli di Android.
      • Smirionda scrive:
        Re: Ooops...
        E quali sarebbero queste applicazioni indispensabili?
        • mela avvelenata scrive:
          Re: Ooops...
          - Scritto da: Smirionda
          E quali sarebbero queste applicazioni
          indispensabili?Angry Birds! :D
          • panda rossa scrive:
            Re: Ooops...
            - Scritto da: mela avvelenata
            - Scritto da: Smirionda

            E quali sarebbero queste applicazioni

            indispensabili?

            Angry Birds! :D...e il XXXXX! :$-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 07 marzo 2012 16.17-----------------------------------------------------------
    • panda rossa scrive:
      Re: Ooops...
      - Scritto da: rumorino
      Vi sentite sicuri con Android?

      http://www.macgeneration.com/unes/voir/131112/secuOste? Come' il vino dell'osteria di fronte?Aceto!
      • rumorino scrive:
        Re: Ooops...
        se ti degnassi di leggere l'articolo, nonché i nomi delle persone intervenute per parlare dell'argomento (non pretendo che tu riesca a capire le questioni tecniche) avresti un briciolo di credibilità in più...
        • panda rossa scrive:
          Re: Ooops...
          - Scritto da: rumorino
          se ti degnassi di leggere l'articolo, nonché i
          nomi delle persone intervenute per parlare
          dell'argomento (non pretendo che tu riesca a
          capire le questioni tecniche) avresti un briciolo
          di credibilità in
          più...Si, certo.L'oste, la moglie dell'oste e tutti i camerieri!Portami una analisi tecnica fatta da terzi e non dalle parti in causa se vuoi la credibilita'.
          • rumorino scrive:
            Re: Ooops...
            L'analisi "è" tecnica ed è stata fatta da Charlie Miller nel corso dellRSA Conference di San Francisco.Ripeto, se continui a banfare senza nemmeno leggere, evidentemente vuoi solo trolleggiare
          • panda rossa scrive:
            Re: Ooops...
            - Scritto da: rumorino
            L'analisi "è" tecnica ed è stata fatta da Charlie
            Miller nel corso dellRSA Conference di San
            Francisco.Chi e'? Quello che ha ripetutamente bucato la roba con la mela dietro?
            Ripeto, se continui a banfare senza nemmeno
            leggere, evidentemente vuoi solo
            trolleggiareQuesto e' il forum di PI, che pretendi.In ogni caso postami un link di un sito non di parte con l'analisi di Miller e lo leggero'.Io sui siti marchiati mela non ci vado.Sarebbero capaci di rifilarmi contenuti dedicati, dopo aver visto il mio user agent.
          • rumorino scrive:
            Re: Ooops...
            - Scritto da: panda rossa

            L'analisi "è" tecnica ed è stata fatta da Charlie

            Miller nel corso dellRSA Conference di San

            Francisco.

            Chi e'? Quello che ha ripetutamente bucato la
            roba con la mela dietro?appunto...

            Ripeto, se continui a banfare senza nemmeno

            leggere, evidentemente vuoi solo

            trolleggiare

            Questo e' il forum di PI, che pretendi.quindi stai trolleggiando?basta saperlo e sarai trattato come tale
            In ogni caso postami un link di un sito non di
            parte con l'analisi di Miller e lo leggero'.

            Io sui siti marchiati mela non ci vado.
            Sarebbero capaci di rifilarmi contenuti dedicati,
            dopo aver visto il mio user agent.ma piantala...
          • aphex twin scrive:
            Re: Ooops...
            - Scritto da: panda rossa
            Io sui siti marchiati mela non ci vado.
            Sarebbero capaci di rifilarmi contenuti dedicati,
            dopo aver visto il mio user
            agent.Tu devi vivere veramente male.
          • ostacolo scrive:
            Re: Ooops...
            - Scritto da: aphex twin
            - Scritto da: panda rossa

            Io sui siti marchiati mela non ci vado.

            Sarebbero capaci di rifilarmi contenuti
            dedicati,

            dopo aver visto il mio user

            agent.

            Tu devi vivere veramente male.devi amarla proprio tanto apple per accettare tanta vaselina tra le chiappe
          • Ego scrive:
            Re: Ooops...
            - Scritto da: rumorino
            L'analisi "è" tecnica ed è stata fatta da Charlie
            Miller nel corso dellRSA Conference di San
            Francisco.

            Ripeto, se continui a banfare senza nemmeno
            leggere, evidentemente vuoi solo
            trolleggiarela stessa persona che dopo essere stata cacciata da apple per aver scoperto un bug, da inizio dell'anno lavora in collaborazione con apple per scoprirne i bug, non è che mi stai dicendo una fonte proprio affidabile eh, mi parli di uno che viene pagato da apple, è chiaro no?
          • aphex twin scrive:
            Re: Ooops...
            - Scritto da: Ego
            da inizio
            dell'anno lavora in collaborazione con apple per
            scoprirne i bug,Link ? Io non ne trovo traccia di questa "collaborazione"
          • ostacolo scrive:
            Re: Ooops...
            - Scritto da: aphex twin
            - Scritto da: Ego

            da inizio

            dell'anno lavora in collaborazione con apple
            per

            scoprirne i bug,

            Link ? Io non ne trovo traccia di questa
            "collaborazione"e da quando in qua sei in grado di fare le ricerche? cerchi le app per android nei siti di programmi per windows ed adesso ti metti a cercare informazioni su miller?
          • aphex twin scrive:
            Re: Ooops...
            Anche tu non mi dai risposta.Che sia l'ennesima razzata quotidiana ? Dopo che Apple paga il congresso per farsi fare leggi ad hoc , paga giudici TEDESCHI per sentenze a suo favore , paga Annunziata per i suoi articoli su PI , oggi salta fuori l'ennesima razzata. Charlie Miller , dopo essere stato cacciato del programma di sviluppo Apple , gli viene chiesto di collaborare con la stessa.Secondo me ci credete davvero in quello che scrivete.
          • aphex twin scrive:
            Re: Ooops...
            Continuo a non vedere link , ok la prendo come l'ennesima razzata
    • eyeyeyeyey scrive:
      Re: Ooops...
      - Scritto da: rumorino
      Vi sentite sicuri con Android?

      http://www.macgeneration.com/unes/voir/131112/secuRaga, state parlando di quanto sono sicuri due sistemi che ospitano i contenuti su loro server? Il personal computing sta sparendo: nessun problema adesso perché siamo nella fase di accettazione del paradigma terminale/mainframe (scusate se non uso i termini thin-client/cloud). Ma quando si sarà imposto, ahi ahi ahi.
    • eyeyeyeyey scrive:
      Re: Ooops...
      - Scritto da: rumorino
      Vi sentite sicuri con Android?

      http://www.macgeneration.com/unes/voir/131112/secuRaga, state parlando di quanto sono sicuri due sistemi che ospitano i contenuti su loro server? Il personal computing sta sparendo: nessun problema adesso perché siamo nella fase di accettazione del paradigma terminale/mainframe (scusate se non uso i termini thin-client/cloud). Ma quando si sarà imposto, ahi ahi ahi.
    • HermanHesse Quello TOSTO! scrive:
      Re: Ooops...
      Si, certo, come no.(ROTFL)Una volta su un sito sloveno che si chiamava Alienuskan ho letto che i potenti della terra sono alieni. Tutti. Anche tu.
    • il solito bene informato scrive:
      Re: Ooops...
      - Scritto da: rumorino
      Vi sentite sicuri con Android?

      http://www.macgeneration.com/unes/voir/131112/secunon capisco il dialetto milanese stretto...
Chiudi i commenti