PEC, class action radicale

Il Ministero dell'Economia. Il Comune di Roma, la Regione Basilicata e la Campania. Tutti non si sono adeguati alla normativa: impedendo ai cittadini di comunicare per via telematica. Agorà Digitale avvia la procedura legale

Roma – I Radicali hanno avviato la procedura per la prima Class Action italiana per i diritti digitali dei cittadini : a essere chiamati in causa il Ministero dell’Economia e delle Finanze, le Regioni Basilicata e Campania e il Comune di Roma. Al centro della questione l’uso della Posta Elettronica Certificata ( PEC ), che sarebbe impedito ai cittadini: nonostante la normativa in materia abbia garantito il diritto di utilizzare la PEC nelle comunicazioni con le pubbliche amministrazioni, le inadempienze degli enti coinvolti hanno di fatto impedito la possibilità di goderne.

Questi enti, infatti, non hanno pubblicato in homepage l’indirizzo di PEC cui avrebbero potuto rivolgersi i cittadini . Il termine ultimo per mettersi in regola scadeva il 30 giugno 2009. L’inadempienza di tale obbligo previsto dall’articolo 54, comma 2-ter, del Decreto legislativo 82/2005 (c.d. Codice dell’Amministrazione digitale), ha significato che i cittadini non potessero accedere al servizio previsto per legge, incorrendo negli oneri derivanti dal passare dai canali burocratici tradizionali.

Nonostante il Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione abbia espresso ottimismo circa i numeri di adozione della PEC, lo stesso Ministro Brunetta il mese scorso aveva spronato le amministrazioni fannullone a darsi una mossa, minacciando ire e conseguenze per chi non si adeguasse in tempo.

Per questo i Radicali Italiani e Agorà digitale, l’ associazione nata con l’obiettivo di promuovere i diritti civili in Rete, hanno deciso di ricorrere in tribunale tentando di avviare (ai sensi del D. Lgs 198/2009) una Class Action cui potranno aderire tutti i cittadini che si considereranno lesi dall’inadempienza .

Gli enti pubblici coinvolti hanno ancora 90 giorno per mettersi in regola prima che scatti l’azione giudiziaria vera e propria . Mario Staderini, Segretario di Radicali Italiani e Luca Nicotra, Segretario di Agorà Digitale, hanno dichiarato che “la violazione delle leggi da parte delle istituzioni, vera peste del nostro Paese, impedisce a milioni di italiani di accedere ai servizi digitali e di ridurre tempi e costi. I diritti digitali dei cittadini non possono rimanere solo sulla carta: abbiamo iniziato con queste Amministrazioni, ma proseguiremo con le altre migliaia che ancora oggi sono fuorilegge.”

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ullala scrive:
    quello che ho sempre pensato
    del wimaxhttp://maxifasso.files.wordpress.com/2010/06/bufala-casertana.jpg
    • collione scrive:
      Re: quello che ho sempre pensato
      si ma quella fa il latte per le mozzarelleil wimax non fa un tubo (rotfl)
      • ullala scrive:
        Re: quello che ho sempre pensato
        - Scritto da: collione
        si ma quella fa il latte per le mozzarelle

        il wimax non fa un tubo (rotfl)Hai ragione è pure peggio!
  • pippuz scrive:
    LTE e WiMax
    Speriamo che nella lotta fra le due tecnologie a rimetterci non siano i consumatori; chi ha investito pesantemente nel wimax, in caso di declino di questa tecnologia, cercherà di rifarsi sulle spalle degli utenti, che in molti casi sono "costretti" a scegliere il wimax in quanto è l'unica possibilità.
    • maranric scrive:
      Re: LTE e WiMax

      "costretti" a scegliere il wimax in quanto è
      l'unica
      possibilità.in QUALE caso? in nessun caso, semmai.Wimax è attivo in pochissime zone d'Italia...zone dove tra l'altro è gia' attiva l'adsl terrestre o l'hiperlan 2.
      • Ozymandias scrive:
        Re: LTE e WiMax
        - Scritto da: maranric

        "costretti" a scegliere il wimax in quanto è

        l'unica

        possibilità.

        in QUALE caso? in nessun caso, semmai.
        Wimax è attivo in pochissime zone d'Italia...zone
        dove tra l'altro è gia' attiva l'adsl terrestre o
        l'hiperlan
        2.Se il WiMax è un cavallo morto, dell'Hyperlan2 manco è rimasto lo scheletro, e l'ADSL terrestre ha il problema del filo...Comunque, che WiMax fosse una bufala si era capito già al tempo dell'assegnazione delle frequenze. Non c'era molto da sperare in un sistema di acXXXXX mobile che non consente, però, lo switchover tra nodi.Mi dispiace per chi ci ha investito, anche pesantemente, e gli auguro comunque di ritagliarsi una nicchia e recuperare l'investimento.
        • maranric scrive:
          Re: LTE e WiMax

          Se il WiMax è un cavallo morto, dell'Hyperlan2
          manco è rimasto lo scheletro, e l'ADSL terrestre
          ha il problema del
          filo...ma che caspita dici? a parte che si scrive hiperlan (con la I), è ormai parecchio diffusa e funziona bene, io ho una 10mbit reale e non la cambierei mai con una adsl terrestre, senza contare che posso tranquillamente abbandonare Telecom essendo indipendente dal doppino di rame...quindi, W Hiperlan!!
  • bertuccia scrive:
    giù il cappello
    per una volta un titolo come si deve :D
    • asdf scrive:
      Re: giù il cappello
      Ora pure gli articolisti si danno ai tappeti! (rotfl)
      • Alfonso Maruccia scrive:
        Re: giù il cappello
        I wanted to feed the troll a bit :-D
        • bertuccia scrive:
          Re: giù il cappello
          - Scritto da: Alfonso Maruccia
          I wanted to feed the troll a bit :-Dil giorno che uscirà un articolo[linux | microsoft | apple] al tappetopotrà succedermi di tuttoma sarò morto felice :D(hehe se lo fai tu sa già chi NON sarà al tappeto)
          • ullala scrive:
            Re: giù il cappello
            - Scritto da: bertuccia
            - Scritto da: Alfonso Maruccia

            I wanted to feed the troll a bit :-D

            il giorno che uscirà un articolo

            [linux | microsoft | apple] al tappeto

            potrà succedermi di tutto
            ma sarò morto felice :D

            (hehe se lo fai tu sa già chi NON sarà al tappeto)Ma anche se lo fa Annunziata sappiamo già tutti chi non sarà al tappeto!no? :DEppoi francamente marù non è che ci "prenda" sempre ... ma in quanto a trolleggiare in confronto a Annunziata è un dilettante!
      • Anonimo per finta scrive:
        Re: giù il cappello
        Forse voleva fare pubblicità: http://www.fieradeltappeto.it/ :-D
Chiudi i commenti