Perseverance raccoglie altri due campioni di roccia

Perseverance raccoglie altri due campioni di roccia

Perseverance ha raccolto altri due campioni di roccia sedimentaria su Marte, mentre Ingenuity attende migliori condizioni atmosferiche per il volo.
Perseverance ha raccolto altri due campioni di roccia sedimentaria su Marte, mentre Ingenuity attende migliori condizioni atmosferiche per il volo.

Ingenuity è momentaneamente fermo in attesa delle condizioni atmosferiche adatte per effettuare il 30esimo volto. Il suo compagno di viaggio Perseverance prosegue invece le attività scientifiche. La NASA ha confermato la raccolta di altri due campioni di roccia all’interno del delta del fiume che miliardi di anni fa alimentava il cratere Jezero.

Perseverance ha raccolto 13 campioni su Marte

Seguire il lavoro di astrobiologo di Perseverance non è semplice perché la NASA non pubblica un post per ogni campionamento (al massimo viene annunciato il successo dell’operazione su Twitter). È stata quindi allestita una pagina che fornisce tutti i dettagli di ogni campione. Finora sono stati raccolti 13 campioni, uno dei quali contiene solo l’atmosfera marziana.

I primi 8 campioni di roccia, raccolti nel cratere Jezero, sono di tipo igneo. Gli ultimi 4, raccolti nel delta del fiume, sono di tipo sedimentario. Il 12esimo campione, denominato Bearwallow, è stato prelevato il 3 agosto dalla roccia Wildcat Ridge, come il precedente Hazeltop del 27 luglio. Per ogni campione sono state pubblicate diverse immagini.

Perseverance dovrà raccogliere in totale 38 campioni. Al termine delle attività scientifiche, la NASA sceglierà i campioni da riportare sulla Terra con la missione Mars Sample Return. Recentemente sono state apportate alcune modifiche al programma. L’agenzia spaziale statunitense e quella europea hanno deciso di eliminare il Fetch Rover e di usare due elicotteri per raccogliere i campioni, come alternativa a Perseverance.

In base alle roadmap attuale, Earth Return Orbiter e Sample Retrieval Lander verranno lanciati in autunno 2027 e estate 2028, rispettivamente. I campioni dovrebbero arrivare sulla Terra nel 2033.

Fonte: NASA
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 8 ago 2022
Link copiato negli appunti