Phishing, gli arresti di Pescara

Sono cinque le persone finite agli arresti nella nuova operazione effettuata dalla Polizia Postale
Sono cinque le persone finite agli arresti nella nuova operazione effettuata dalla Polizia Postale

Pescara – Suscita grande interesse anche sui media generalisti una nuova operazione dei cybercop italiani che sono riusciti a sgominare una organizzazione criminale dedita a truffare gli utenti Internet del Belpaese. Cinque sono gli arrestati.

nella rete dei truffatori Gli inquirenti hanno spiegato che la polizia di Pescara era andata a monte di una serie di email di phishing che, come sempre in questi casi, miravano a far accedere le proprie vittime a siti pericolosi, truccati però come siti web del tutto legittimi, per poter sottrarre codici di account bancari, numeri di carte di credito, password e via dicendo.

I cybercop, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Pescara, hanno eseguito negli ultimi due giorni cinque ordinanze di custodia cautelare, con una persona agli arresti domiciliari. L’ipotesi di reato è che fossero tutti parte di una sola organizzazione che si snodava tra Pescara, Perugia e la Calabria.

Per il momento è stata rivelata solo l’identità di uno degli accusati, una persona arrestata a Perugia già nota alle Forze dell’Ordine per precedenti per altri generi di reati.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

06 03 2008
Link copiato negli appunti