PhpBook.it, un libro-wiki sul PHP

Si tratta di un'opera in costante divenire, accessibile gratuitamente


Milano – Da un’idea di Davide Michel Morelli, conosciuto in rete con il soprannome ZioBudda , nasce il progetto PhpBook.it ? Il primo libro libero dedicato al PHP .

“Con questo progetto si intende creare quello che fino ad ora è mancato nel panorama italiano: la scrittura di un testo informatico dedicato al linguaggio di programmazione PHP basato non più sulla conoscenza di una singola persona (l’autore), ma sull’intero panorama degli sviluppatori italiani che possono collaborare liberamente senza nessun obbligo di tempo e voglia nella realizzazione di un documento sempre attuale e continuamente revisionato”, ha spiegato Morelli a Punto Informatico. “In questo modo la conoscenza di un singolo verrà unita con la conoscenza di tutti gli altri ed il risultato finale sarà un libro scritto da tutti e per tutti, senza limitazione alcuna sia nell’utilizzo, sia nella revisione, sia nell’ampliamento”.

La struttura portante del progetto, la cui home page si trova all’url www.phpbook.it , si basa su quel tipo di risorsa di collaborazione web-based detta wiki .

“Essendo questo un progetto collaborativo, – ha continuato Morelli – non è richiesto nessun tipo di conoscenza particolare, ma vi è un unico obbligo, oltre a quelli che esistono in tutti gli ambienti di questo tipo: la registrazione all’interno del portale. In questo modo è possibile tenere traccia degli utenti e delle pagine da loro modificate, controllando così che tutto il progetto prosegua per il meglio”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    mi sembra sensato
    indipendentemente da come siano andati i fatti, secondo me denunciare qualcuno perché mi ha scritto 2 sms pieni di insolenze è privo di senso. allora denunciamo anche tutti quelli che ci danno dello str**zo in macchina, o la tutta la curva nord perché insulta la curva sud. cosè? non posso dire a una che è una str***a e non la sopporto?il tipo in questione ha mandato 2 (due) messaggi a LEI, non al mondo intero. non sarà molto elegante, ma non mi sembra che abbia fatto niente di così grave da meritare una denuncia.
    • Anonimo scrive:
      Re: mi sembra sensato

      il tipo in questione ha mandato 2 (due) messaggi
      a LEI, non al mondo intero. non sarà molto
      elegante, ma non mi sembra che abbia fatto niente
      di così grave da meritare una denuncia.Vallo a spiegare al giudice che mi ha condannato a pagare le spese processuali, dopo avermi assolto!!! per il reato di diffamazione, perche avevo detto che una persona aveva trascurato i suoi impegni ed era stata poco seria.Ed era vero, ma siccome il poverino e' povero..........4200 euro di spese anche se sono stato assolto.Questa e' la giustizia in Italia.
    • Fiamel scrive:
      Re: mi sembra sensato
      - Scritto da: Anonimo
      indipendentemente da come siano andati i fatti,
      secondo me denunciare qualcuno perché mi ha
      scritto 2 sms pieni di insolenze è privo di
      senso. allora denunciamo anche tutti quelli che
      ci danno dello str**zo in macchina, o la tutta la
      curva nord perché insulta la curva sud. Non e' la quantita' che conta nell'offesa. Detto questo pero' anche a me sembra esagerato multare con 500 euro, nel senso che non e' stata una cosa pubblica e se non ti piace la puoi ignorare. Beh, e' un'opinione.Pero' su una cosa non sono assolutamente d'accordo. Cioe' che una legge fatta per tutelare contro le molestie dipenda dal mezzo (cellulare, telefono, voce), invece che dalla modalita' in senso generico: offesa in pubblico o in privato, offesa semipermanente (es. scritta su un muro) o no, ecc...In pratica: se uno offende a voce dal vivo non fa cosa diversa dall'offendere per telefono.Questo e' un classico caso di legge fatta male perche' il proprio contenuto la lega alla conoscenza attuale (telefono come strumento vocale) invece che al solo concetto di molestia.
  • Anonimo scrive:
    Lo sappiamo chi ci molesta
    Grazie, se dovessero denunciare qualcuno per molestia sms, il governo dovrebbe essere il primo !!! :$
    • Anonimo scrive:
      Re: Lo sappiamo chi ci molesta
      - Scritto da: Anonimo
      Grazie, se dovessero denunciare qualcuno per
      molestia sms, il governo dovrebbe essere il primo
      !!! :$E' proprio per questo che la cassazione ha sancito la non punibilità di un molestatore via sms: altrimenti poi avremmo tutti potuto denunciare s*lv*o---------
      • awerellwv scrive:
        Re: Lo sappiamo chi ci molesta
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Grazie, se dovessero denunciare qualcuno per

        molestia sms, il governo dovrebbe essere il
        primo

        !!! :$

        E' proprio per questo che la cassazione ha
        sancito la non punibilità di un molestatore via
        sms: altrimenti poi avremmo tutti potuto
        denunciare s*lv*o---------e percheè no? anche la TIM la VODAFONE e la WIND con le loro infinite promozioni truffa via sms
        • manta scrive:
          Re: Lo sappiamo chi ci molesta

          e percheè no? anche la TIM la VODAFONE e la WIND
          con le loro infinite promozioni truffa via smsconcordo
          • Edo scrive:
            Re: Lo sappiamo chi ci molesta


            concordoanch'io
          • Solvalou scrive:
            Re: Lo sappiamo chi ci molesta
            - Scritto da: Edo




            concordo

            anch'ionon per aumentare il noise del thread ma la prima cosa che ho pensato leggendo la notizia e' appunto l'interesse dei gestori a rompere le scatole con gli sms pubblicitari.
  • Anonimo scrive:
    Insomma
    Sentirsi dare della Put...... e vederselo recapitare è una cosa diversa ah bhè... buono a sapersi...Il giorno che al giudice che ha emesso questa brillante sentenza giungerà un sms con scritto "Cornuto!" vedremo se sarà ancora considerato "messaggino" :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Insomma
      - Scritto da: Anonimo
      Sentirsi dare della Put...... e vederselo
      recapitare è una cosa diversa ah bhè... buono a
      sapersi...
      Il giorno che al giudice che ha emesso questa
      brillante sentenza giungerà un sms con scritto
      "Cornuto!" vedremo se sarà ancora considerato
      "messaggino" :Dche stronzate dite, ragazzi.invece di molestia sarà ingiuria.e stop.
    • Anonimo scrive:
      Re: Insomma
      concordo, il principio è il medesimo, cambia solo il mezzo con cui lo si fa. Secondo me era proprio il giudice che ha scritto quei messaggi! :p
      • Anonimo scrive:
        Re: Insomma
        Forse dovreste rileggervi l'articolo.La Cassazione ha svolto un lavoro egregio:l'ipotesi di reato era basata erroneamente sull'art. 660 del codice penale.Copio/incollo:i messaggi offensivi inviati ad una persona possono semmai qualificare il reato di cui all'art. 594 recante l'ingiuria: "Chiunque offende l'onore o il decoro di una persona presente è punito con la reclusione fino a sei mesi o con la multa fino a 516 euro. Alla stessa pena soggiace chi commette il fatto mediante comunicazione telegrafica o telefonica, o con scritti o disegni diretti alla persona offesa. La pena è della reclusione fino ad un anno o della multa fino a 1.032 euro, se l'offesa consiste nella attribuzione di un fatto determinato. Le pene sono aumentate qualora l'offesa sia commessa in presenza di più persone."
Chiudi i commenti