Politica, una questione di sicurezza informatica

Si moltiplicano i casi di attacchi hacker in occasione di elezioni politiche. Se ne riparla in USA dopo che Trump ha licenziato il direttore dell'FBI, ma anche in Francia dopo il caso Macron Leaks. Anche il Regno Unito non sembra salvarsi

Roma – Ce l’ha insegnato la Clinton o meglio il caso che l’ha coinvolta nelle ultime elezioni presidenziali USA: un passo falso sulla gestione della corrispondenza può mettere a repentaglio la sicurezza nazionale esponendo a gravi pericoli. Le accuse volte agli hacker russi di aver condizionato le presidenziali, rubando email alla segretaria del partito Democratico, al suo staff e ad altri membri del Consiglio, con tanto di intervento dell’ FBI a sostegno della tesi, hanno prodotto solo smentite da parte del Cremlino e della sua intelligence sospettata di celarsi dietro ai numerosi atti di sabotaggio.

hack

Ma non ci sono solo le comunicazioni trafugate. Durante le stesse elezioni sono stati appurati anche alcuni casi di manomissione elettronica dei seggi elettorali o quanto meno tentativi di intromissione . Delle elezioni sotto scacco verrebbe da dire, al quale si aggiunge un’eccessiva leggerezza nella protezione dei dati anche di personaggi di spicco della politica, che invece dovrebbero farsi garanti della sicurezza. Ha fatto molto discutere in merito l’ostentazione dell’attuale presidente in carica Donald Trump nell’utilizzo del suo smartphone personale (un Samsung Galaxy) anziché un cellulare “blindato” e protetto dalla Difesa americana.

Oggi si riaccende la discussione su questi temi, dopo che Trump ha ufficializzato di aver licenziato il direttore dell’FBI James Comey (sostituito da Andrew McAbe), accompagnando la decisione con queste parole: “L’FBI è una delle istituzioni più apprezzate e rispettate della nostra nazione e la giornata di oggi rappresenta un nuovo inizio per il nostro fiore all’occhiello nell’applicazione della legge”. Il motivo della sua uscita è dettato dal modo in cui è stato chiuso proprio lo scandalo che ha riguardato Hilary Clinton , ovvero con il riconoscimento alla segretaria di una sua sostanziale innocenza per mancanza di volontà di violare la legge (nonostante l’utilizzo per la corrispondenza di account gestiti su un server privato e quindi negligenza in termini di protezione dei dati).

La scelta di Trump di destituire una carica come il direttore dell’FBI è stata duramente criticata da Anthony Romero, direttore esecutivo dell’Unione americana delle libertà civili , che ha dichiarato che “l’indipendenza del direttore dell’FBI deve assicurare che il presidente non agisca oltre la legge. Per il presidente Trump licenziare l’uomo responsabile dell’indagine sui legami della propria campagna con i russi, minaccia questo principio fondamentale”. Ricordiamo infatti che gli interventi degli hacker russi potrebbero di fatto aver favorito Trump in termini di voti. E questo tema, secondo altri , potrebbe essere un ulteriore motivo della destituzione di Comey: evitare indagini comprovanti un intervento russo pro Trump.

Si tratta di un’interferenza politica ai danni dell’FBI aspramente criticata anche da Edward Snowden che in alcuni tweet ha affermato la sua contrarietà all’accaduto riassumendola così: “ogni americano dovrebbe condannare una tale interferenza politica nel lavoro dell’FBI”. In modo provocatorio WikiLeaks ha proposto tra l’altro di assumere Comey.

hack

La EFF , Electronic Frontier Foundation (organizzazione non profit a difesa delle libertà civili nel mondo digitale), pur non condividendo molte scelte dell’ex direttore dell’FBI (in particolare sull’ingerenza in termini di controllo della vita privata dei cittadini) si dice “profondamente preoccupata per la destituzione del Direttore Comey e per quanto riguarda l’indipendenza dell’ufficio e la sua capacità di condurre indagini imparziali, anche in minacce alla nostra sicurezza digitale e all’integrità delle nostre elezioni”.

Che l’operato di Comey fosse poco gradito a Trump era comunque già stato più volte palesato in alcuni interventi pubblici e lettere specialmente dopo che l’ex direttore a luglio aveva difeso la Clinton in una maniera ritenuta inopportuna.

Il tutto avviene mentre nel Regno Unito si freme per l’elezione del nuovo presidente (manca meno di un mese) in un’aria turbolenta, in cui aleggia la minaccia delle fake news ma soprattutto mentre in Francia, dopo l’esultanza per la vittoria del nuovo presidente, si indaga su quello che è stato definito Macron Leaks : l’ennesimo caso di email trafugate e pubblicate online da parte di hacker russi (secondo Trend Micro e altre società di sicurezza) ai danni di un politico in occasione delle votazioni.

Macron

Come confermato da “En Marche” di cui Macron è segretario: “il movimento è stato vittima di un attacco hacker massivo”. “I documenti che stanno circolando sono stati ottenuti in un attacco hacker avvenuto alcune settimane fa ai danni di caselle di posta privata e professionale di più persone”. Si tratta di documenti di svariato genere, da discussioni di budget a contratti d’affitto, appalti ecc.

L’organo di vigilanza francese sul corretto andamento delle elezioni, ha prontamente chiesto alla stampa di non diffondere i contenuti trafugati . Ma a poco è servito l’invito visto che alcuni “indipendenti” hanno replicato i messaggi su Twitter e altri social network mediante l’utilizzo di bot istruiti a tal proposito. Nonostante gli esperti confermino che il furto di documenti in questo caso non avrebbe avuto alcun potere di modificare l’opinione dei francesi che si accingevano ormai a votare, rimanere aperto il quesito sul tema della sicurezza e votazioni. Possiamo permetterci che ogni votazione sia accompagnata da una bagarre simile? E cosa accadrebbe se i casi sporadici divenissero sistematici e sapientemente pilotati da hacker al servizio dei “più forti”? La cyber-politica non è poi così lontana.

Mirko Zago

fonte immagini: 1 , 2

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • rico scrive:
    Android x86 persistente
    E' possibile dare max 4 GB di memoria aggiuntiva (persistenza) a questa chiavetta.Dopo averlo montato con UNetbootin, si apre il terminale e si dà:dd if=/dev/zero of=data.img bs=1M count=1 seek=4000 Cioè facciamo un file img da 4000 MBOra dovremo "formattare" il file immagine data.img in ext2 dando da terminale:mkfs.ext2 -j data.imgci verrà chiesto di confermare la formattazione, una volta convalidato avremo il nostro data.img pronto da essere salvato nella pendrive.Basta quindi spostare / copiare il file data.img nella pendrive ed ecco la nostra modalità persistente in Android X86.Per gli utenti che utilizzano windows è possibile creare un file data.img in ext2 grazie al tool TopoResize.
  • Mistral scrive:
    Non serve la VM
    MEmu e passa la paura.http://www.memuplay.com/
    • 4a59c111eb3 scrive:
      Re: Non serve la VM
      Si è possibile, ma perchè? Chi vorrebbe giocare su PC con giochi dalle funzionalità ridotte per girare su schermi piccoli e con input limitato?
  • dex scrive:
    Con VirtualBOX ...
    Articolo interessante.In questo modo usando virtualBox posso crearmi una macchina Android da tenere live sul PC (senza dover rispegenere), ed eventualmente installarla.E infatti googlando...http://www.osboxes.org/android-x86/Resta da capire la compatibilità delle applicazioni, ma appena installato vedrò.
    • 7fb9224f7bb scrive:
      Re: Con VirtualBOX ...
      In teoria sarebbe una buona idea. La VM che ti arriva con Android Studio è lenta e pesante. Però per usarla seriamente per sviluppare dovresti essere in grado di impostare una connessione USB al contrario (da VM a host) non so se si può fare una cosa del genere su Virtual Box, a dire il vero non c'ho mai provato e non so se la funzionalità esiste.Il problema è che la connessione USB ti serve per attaccarti col debugger.
      • Mao99 scrive:
        Re: Con VirtualBOX ...
        Io ho provato per curiosità l'emulatore Nox Player, funziona bene, è veloce e se trascini il file di setup APK (senza usare internet quindi) lo installa e successivamente il file di setup potrai cancellarlo per risparmiare spazio su HD.
        • a922f2bc1d1 scrive:
          Re: Con VirtualBOX ...
          Si puoi testare tranquillamente le app, ma debuggare mi sa che non è tanto facile. Ci riesci solo se esiste un'alternativa al bridge via USB con tutti i controlli sugli accessi di root.
Chiudi i commenti