Polonia, aerei a rischio crack

Migliaia di passeggeri sono stati costretti a terra a causa di un attacco contro il sistema informatico della compagnia di bandiera. Il rischio sarebbe sistemico, anche se non tutti sono convinti della versione ufficiale

Roma – Week-end di passione per 1.400 passeggeri pronti all’imbarco nell’aeroporto di Varsavia-Chopin, con 10 voli della compagnia aerea statale polacca (LOT) cancellati e un’altra dozzina ritardata a causa di un presunto attacco informatico subito dai sistemi informatici della società.

Stando a quanto sostiene la compagnia, l’attacco avrebbe riguardato i computer deputati al trasferimento dei piani di volo aggiornati agli aerei: sistemi “allo stato dell’arte”, secondo LOT, che sono rimasti inaccessibili per cinque ore prima di riprendere il loro normale funzionamento.

I sistemi di LOT servono a calcolare le centinaia di variabili necessarie a stabilire una rotta sicura, oltre che a ottimizzare i voli per ridurre al minimo i consumi di carburante, e sono evidentemente indispensabili per il normale funzionamento della compagnia. I voli delle altre compagnie, e lo stesso aeroporto di Varsavia-Chopin non hanno altresì risentito minimamente dell’attacco, se non per questioni logistiche. Lo stesso sembra valere per i dati gestiti dal sistema, contingenza che farebbe pensare ad un attacco DDoS.

LOT parla espressamente di cracker in azione contro i suoi sistemi, e avverte le altre compagnie aeree che si appoggiano a infrastrutture analoghe riguardo ai rischi che la disavventura possa ripetersi altrove.

La discussione sulla reale natura del disservizio di LOT è però ancora in corso , e c’è chi propone una spiegazione alternativa con una causa un po’ più terrena come un baco software o un problema causato da un operatore distratto.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bubba scrive:
    che noiaaaaaaaaaaaa
    < In one example Getty cited, a search for stock photos of coffee shop on Google.com showed a page with ads and results from Google Images above a link to coffee shop photos on gettyimages.com
    lo faccio e vedo in testa 2 link con ads (normale.. paghi e hai i link sponsorizzati. getty paghi di piu.) e sotto .. gettyimages! e sotto ancora una riga da google images. e sotto ancora altri normali link. E' tutto nella norma. Anzi grasso che cola essere in quella posizione... che cippa si lamenta? < chiamando in causa anche il diritto d'autore, che la Grande G minaccia con la pratiche di scraping: Google, con il proprio servizio di ricerca di immagini, indicizza la fotografie del catalogo di Getty
    ma ci prende per il gulo? l'attivita CENTRALE di google (e di tutti i search) E' lo scraping! lo scraping puo' essere tranquillamente manovrato da robots.txt , sitemap e altre meraviglie nate in seguito. Se NON vuoi essere "crawlato" da google, usale, ste meraviglie. Invece degli azzeccagarbugli, paga un sysadm :PTra l'altro getty e' stata pure trascinata in tribunale per questioni di foto non sue, con la sua licenza pero' :P
Chiudi i commenti