POS, cambiamenti in vista per il 2023

POS, cambiamenti in vista per il 2023

I POS e i relativi pagamenti sono obbligatori, ma dal 2023 sono previste novità. Intanto, si può richiedere il credito d'imposta con myPOS
I POS e i relativi pagamenti sono obbligatori, ma dal 2023 sono previste novità. Intanto, si può richiedere il credito d'imposta con myPOS

Dal 30 giugno, liberi professionisti, commercianti, artigiani, tabaccai, strutture ricettive e tassisti sono tenuti ad accettare pagamenti con bancomat e carte di credito tramite POS.

Adesso ADM (Agenzia Dogane e Monopoli) ha stabilito che l’obbligo non si applica ai valori postali, bollati e generi di monopolio.

In particolare, ADM ha stabilito che, per la vendita di determinati beni, i commercianti possono rifiutarsi di accettare pagamenti elettronici se sono titolari di patentino e di generi di monopolio.

Insomma, sono questi i casi in cui accettare pagamenti in contanti anziché con carta di debito o di credito per articoli come tabacchi, sigarette, marche da bollo e francobolli.

Per tutti gli altri prodotti il pagamento tramite terminale resta obbligatorio. Optando per le soluzioni myPOS, si può richiedere un credito d’imposta del 30% o 100% sulle commissioni.

POS myPOS e credito d’imposta: come richiederlo

POS

La legge 157/2019 ha introdotto la possibilità di richiedere un credito d’imposta del 30% sui costi di commissione per tutti i servizi di pagamento digitali.

Il decreto fiscale 99/2021 ha poi aumentato il credito d’imposta dal 30 al 100% nel caso in cui l’esercente rispetti determinati requisiti.

Il credito d’imposta del 30% è a favore delle attività che hanno un fatturato fino a 400.000 euro all’anno.

Invece, il credito d’imposta del 100% è ad appannaggio degli esercenti che hanno POS collegati a registratori telematici e con ricavi e compensi che superano i 400.000 euro all’anno.

Basta soltanto optare per una delle soluzioni myPOS in questa pagina e richiedere il credito d’imposta compilando il modello F24 e dichiarando i costi di commissione pagati.

Le altre novità per il 2023

Tra le altre novità previste per il 2023 per bancomat e carte di credito, la riforma fiscale avviata da Draghi riprenderà piede.

Le nuove regole dovrebbero estendere l’esenzione per alcune categorie di commercianti e stabilire la soglia di importi sotto la quale non si potranno accettare pagamenti di carte di credito e debito.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 4 nov 2022
Link copiato negli appunti