Privacy, gli obblighi degli Amministratori di Sistema

di A. Lisi e G. Garrisi (Studio Lisi) - Le nuove prescrizioni privacy per i titolari del trattamento relativamente alle attribuzioni delle funzioni di Amministratore di Sistema. Il quadro e i dettagli

Il tema legato all’implementazione di misure di sicurezza e del rispetto della normativa sulla privacy è stato da sempre al centro dell’attenzione di quanti si trovano a gestire grandi banche dati o ad essere titolari o responsabili del trattamento o della conservazione all’interno di importanti aziende.

Per quest’ultimi, infatti, sono state previste nuove cautele da rispettare nella scelta e nomina degli amministratori di sistema. L’individuazione precisa e responsabile di tali soggetti, infatti, riveste una notevole importanza, perché è una delle scelte fondamentali all’interno di un’azienda e contribuisce a incrementare la complessiva sicurezza dei trattamenti svolti. Basti pensare, infatti, che molto spesso l’amministratore di sistema è dotato di una particolare posizione a cui spetta anche la capacità di stabilire – in raccordo con il titolare e/o eventuali altri responsabili dei relativi trattamenti – chi può accedere in modo privilegiato alle risorse del sistema informativo e a tutti i dati personali aziendali (anche sensibili): per tale motivo gli amministratori di sistema devono essere scelti con particolare attenzione, poiché i rischi che possono correre le banche dati o le reti informatiche sono sempre più elevati.

Dopo le recenti e numerose modifiche normative o “di prassi” a cui abbiamo assistito negli ultimi tempi, ecco che viene pubblicato un ulteriore provvedimento del Garante Privacy che introduce un nuovo adempimento in materia di gestione e protezione dei dati personali trattati attraverso sistemi informatici e di garanzia della sicurezza degli stessi dati e sistemi.

Il Garante Privacy, infatti, con un provvedimento del 27 novembre 2008 (“Misure e accorgimenti prescritti ai titolari dei trattamenti effettuati con strumenti elettronici relativamente alle attribuzioni delle funzioni di amministratore di sistema”) , ha introdotto l’obbligo per gli amministratori di sistema (compresi coloro che svolgono la mansione di amministratore di rete, di data base o i manutentori), di conservare gli “access log” per almeno sei mesi in archivi immodificabili e inalterabili .

Devono, cioè, essere adottati sistemi idonei alla registrazione degli accessi logici, ai sistemi di elaborazione e agli archivi elettronici da parte degli amministratori di sistema e, novità forse più importante, gli access log devono avere le caratteristiche di completezza, inalterabilità e possibilità di verifica della loro integrità adeguate al raggiungimento dello scopo di verifica per cui sono richieste; ciò vuol dire che le registrazioni devono avere i riferimenti temporali certi e la descrizione dell’evento che le ha generate e devono essere conservate per un congruo periodo (non inferiore a sei mesi). Come non pensare a processi di conservazione digitale in linea con regole tecniche previste dall’art. 71 del Codice dell’amministrazione digitale e oggi contenute nella deliberazione CNIPA n. 11/2004 e nel DPCM 13 gennaio 2004?

I titolari dovranno altresì favorire una più agevole conoscenza, nell’ambito della propria organizzazione, dell’esistenza di eventuali amministratori di sistema: è importante garantire, in questo modo, la conoscibilità dell’esistenza di tali figure e di chi svolge ruoli analoghi all’interno di tutti gli enti e le organizzazioni; viene precisato, inoltre, che gli amministratori di sistema, indipendentemente se nominati incaricati o responsabili del trattamento, devono essere sempre persone fisiche ben individuate all’interno del DPS e il loro nomi devono essere comunicati o resi conoscibili da tutti i soggetti interessati.

A parere di chi scrive, quindi, per evitare spiacevoli sanzioni, ogni titolare dovrà verificare che tale elencazione sia stata effettuata nell’ambito del prossimo aggiornamento annuale del DPS e, nei casi in cui il titolare non sia tenuto a redigerlo, si dovrà provvedere ad inserire il nominativo degli amministratori di sistema in un documento interno da mantenere aggiornato e disponibile in caso di accertamenti anche da parte del Garante.

Se poi l’attività degli amministratori di sistema riguarda, anche indirettamente, servizi o sistemi che permettono il trattamento di informazioni di carattere personale di lavoratori, i titolari pubblici e privati, in qualità di datori di lavoro, sono tenuti a rendere nota o conoscibile l’identità degli amministratori di sistema all’interno delle proprie organizzazioni attraverso apposita informativa ex art. 13 d.lgs. 196/2003 (in alternativa si possono utilizzare anche strumenti di comunicazione interna quali l’intranet aziendale, ordini di servizio a circolazione interna etc.). Sono fatti salvi, in ogni caso, i casi di esclusione per legge di tale forma di pubblicità o conoscibilità.

Nel caso, poi, di servizi di amministrazione di sistema affidati in outsourcing, il titolare avrà l’obbligo conservare gli estremi identificativi delle persone fisiche preposte quali amministratori di sistema.

I titolari del trattamento avranno, altresì, un obbligo di verifica annuale sull’operato degli amministratori di sistema, per controllare la rispondenza o meno alle misure organizzative, tecniche e di sicurezza rispetto ai trattamenti dei dati personali previste dalla normativa vigente.
In tema di esclusioni, tale provvedimento non si applica ai titolari che rientrano nel beneficio delle esenzioni privacy oggetto delle recenti misure di semplificazione, previste per le piccole e medie imprese o per i professionisti che trattano dati personali per le sole finalità amministrative e contabili.

Proviamo ora ad esaminare i motivi per i quali il Garante ha ritenuto necessario introdurre tale ulteriore adempimento:
1 – In primo luogo, gli amministratori di sistema, o coloro che gestiscono l’accesso a banche dati, sono generalmente preposti a operazioni da cui discendono grandi responsabilità ed elevate criticità rispetto alla protezione dei dati personali a cui hanno accesso. Ricordiamo, infatti, che per sua natura l’amministratore di sistema è dotato di una capacità di azione propria e di un rapporto fiduciario che lo lega al titolare nello svolgimento delle relative mansioni (ruolo così importante per le aziende e per le grandi organizzazioni pubbliche e private, tanto da farlo nominare a volte anche quale responsabile del trattamento). Ma anche nelle piccole realtà tale figura riveste una certa importanza, perché dovrebbe essere preposto a compiti di vigilanza e controllo del corretto utilizzo del sistema informatico gestito e utilizzato;

2 – In secondo luogo, le attività di backup o disaster recovery (regolamentate anche nel Codice Privacy), l’organizzazione dei flussi di rete, la gestione dei supporti di memorizzazione o la semplice manutenzione hardware comportano la possibilità per tali soggetti di agire sulle informazioni critiche aziendali, attività tutte che ricadono nella definizione di “trattamento di dati personali”, anche quando l’amministratore non consulti in chiaro tali informazioni;

3 – Le funzioni tipiche dell’amministrazione di un sistema sono specificatamente richiamate all’interno dell’allegato B del Codice Privacy, laddove si prevede l’obbligo per i titolari di assicurare la custodia delle componenti riservate delle credenziali di autenticazione. Si è voluto, quindi, assicurare un maggiore controllo su chi di fatto si occupa dell’assolvimento degli adempimenti previsti nello stesso allegato B, ovvero adempimenti che in genere sono affidati all’amministratore di sistema: realizzazione di copie di sicurezza, custodia delle credenziali, gestione dei sistemi di autenticazione e di autorizzazione, etc.;

4 -Infine, vi sono alcuni reati previsti dal codice penale per i quali il rivestire la funzione di amministratore di sistema costituisce una circostanza aggravante (abuso della qualità di operatore di sistema nell’accesso abusivo a sistema informatico o telematico – art. 615 ter c.p. – o di frode informatica – art. 640 ter c.p. -, oppure per le fattispecie di danneggiamento di informazioni, dati e programmi informatici – artt. 635bis e ter c.p. – e di danneggiamento di sistemi informatici e telematici – artt. 635-quater e quinques).

Con tale provvedimento il Garante ha, così, lanciato un ulteriore monito a tutti i titolari del trattamento, invitando ad affidare tale incarico, sia in qualità di responsabile sia di incaricato, a soggetti che siano affidabili, prima di tutto, oltre che capaci ed esperti, poiché devono fornire idonea garanzia del pieno rispetto delle disposizioni in materia di corretto trattamento, compreso il profilo relativo alla sicurezza informatica (in considerazione anche delle responsabilità, di natura penale e civile, che possono derivare in caso di incauta o inidonea designazione).

Infatti, il titolare può designare facoltativamente uno o più responsabili del trattamento, solo tra soggetti che “per esperienza, capacità e affidabilità forniscano idonea garanzia del pieno rispetto delle vigenti disposizioni in materia di trattamento, ivi compreso il profilo relativo alla sicurezza” (art. 29, comma 2, del Codice). Si dovrà procedere, pertanto, con designazioni individuali, contenenti la descrizione analitica degli ambiti di operatività consentiti in base al profilo di autorizzazione assegnato.

Tutto questo dovrà essere rispettato decorsi sei mesi dalla pubblicazione del provvedimento per tutti i trattamenti già in essere o che iniziano entro il 22.01.09, mentre, per i trattamenti successivi, sarà obbligatorio sin da subito.

Avv. Andrea Lisi e Avv. Graziano Garrisi
Digital&Law Department – Studio Legale Lisi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • tor scrive:
    ent
    Ma tutte le riviste che in edicola mettono in copertina guide e tutorial su come scaricare al meglio? e tutti i nas con client bittorrent integrato? a cosa servono? li togliamo dal mercato?
    • krane scrive:
      Re: ent
      - Scritto da: tor
      Ma tutte le riviste che in edicola mettono in
      copertina guide e tutorial su come scaricare al
      meglio? e tutti i nas con client bittorrent
      integrato? a cosa servono? li togliamo dal
      mercato?Ma si, torniamo a ftp oppure si passa diretti a GnuNet.
  • tor scrive:
    ent
    Ma tutte le riviste che in edicola mettono in copertina guide e tutorial su come scaricare al meglio? e tutti i nas con client bittorrent integrato? a cosa servono? li togliamo dal mercato?
  • Sto.ca scrive:
    Mha!!!
    il Governo prima di dire qualunque cosa dovrebbe innanzitutto ripulirsi!! Incominciare a levare di mezzo gente corrotta, legata in passato e in presente alla mafia etc etc (è lunga la lista). Quando ci sarà un Governo "Pulito" allora comincerò a prendere sul serio tutto quello che diranno.Ma poi ancora che discutiamo in questo sito!!! ma andiamo in siti liberi dove è permessa la libertà di espressione: Già queste regole di non dire nulla di offensivo, calunnioso, di dire le cose in tema etc.!!! Ma andassero al Diavolo! trasferitevi tutti in un'altro sito "libero" dove non espelleranno mai gente che dice la propria opinione!!W Internet e la libertà di espressione (qualsiasi espressione)
  • cribbio scrive:
    su tutte le furie...
    ma dico io, con tutti i problemi che esistono in questo paese di m***a, questi bas**rdi devono fo**erci per l'ennesima volta e favorire le solite lobbies del ca**o per di più coi nostri soldi attraverso l'istituzione di questi comitati formato presa per il c**o !!! la legge che punisce "la pirateria digitale" già esiste, non rompessero le ba**e ulteriormente xchè non hanno speranza e l'unica cosa a cui vanno in contro è l'esasperazione del cittadino consumatore!!!! BASTA pseudo politici !!!!
  • fulvio maritan scrive:
    i film e la musica si deve pagare
    bisogna finirla con questi sfigati che non vogliono pagare nulla .i film e la musica i libri i programmi i giochi si pagano e giusto che mettano un fine allo scaricare .ce gente che ci lavora con queste cose hanno famiglia , ormai i film costano talmente poco sia la vendita che il noleggio , ma non va bene perche quelli che scaricano lo vogliono gratis ...non e' giusto .
    • opellulo scrive:
      Re: i film e la musica si deve pagare
      Commento molto ben argomentato ed esposto in maniera anche migliore.
    • Rexx scrive:
      Re: i film e la musica si deve pagare
      ... e la lingua italiana si deve imparare ... ovviamente se vuoi essere preso sul serio, anche le quattro banalità inutili che hai messo insieme suonerebbero meglio se espressi in un italiano decente.In ogni caso: chi scarica non "ruba" niente, perché:1. se ti rubo qualcosa, tu non ce l'hai più (e non è il caso dei media in formato digitale, riproducibili all'infinito);2. se scarico qualcosa, non è detto che altrimenti l'avrei comprato (poco ma sicuro);3. chi scarica film e musica compra film e musica in misura molto maggiore rispetto a chi non lo fa.Per i punti 2. e 3. avrei anche degli studi da proporti, ma solo se mi garantisci che conosci l'inglese meglio dell'italiano :)Rexx
  • jay jay scrive:
    domandone
    cosa mai ci si può aspettare da un governo che ha al suo vertice il proprietario di televisioni, radio, case editrici, case cinematografiche e chi ne ha più ne metta...??? azzardo una risposta: il solito finale da repubblica delle banane..
    • chojin scrive:
      Re: domandone
      - Scritto da: jay jay
      cosa mai ci si può aspettare da un governo che ha
      al suo vertice il proprietario di televisioni,
      radio, case editrici, case cinematografiche e chi
      ne ha più ne metta...???


      azzardo una risposta: il solito finale da
      repubblica delle
      banane..Solito commento senza senso basato sul nulla. Berlusconi non è così potente come voi fanatici di sinistra credete. Mediaset, Medusa, Mondadori.. sono una percentuale piccolissima dei gruppi che operano nel mercato.
      • duffogrup scrive:
        Re: domandone

        Mediaset, Medusa, Mondadori.. sono una percentuale
        piccolissima dei gruppi che operano nel mercato.ti do solo alcuni dati:- mediaset nel 2005 sforato il 30% della raccolta pubblicitaria italiana su TUTTA la tv(fonte antitrust del 2005 che li ha pure multati e anche la rai)- medusa film: i risultati ottenuti nella stagione 2001-2002 hanno confermato il ruolo di leader di mercato di Medusa con una quota del 21% (fonte sito medusa film)- mondadori: Il Gruppo Mondadori è il leader assoluto del mercato italiano dei libri, con una produzione attenta a cogliere e soddisfare le richieste di ogni tipo di pubblico (in pratica 29% del mercato fonte sito mondadori)non so che percentuali ritieni necessarie per parlare di conflitto d'interessi nel caso di legge sul diritto d'autore? a me pare un sufficiente malloppo
    • 01234 scrive:
      Re: domandone
      il problema è dove finiscono le banane...(e i cetrioli, e le zucchine, le carote...e per i "cattivoni" melanzane e meloncini :-D )
  • killer scrive:
    Misure necessarie e sufficienti
    Misure consigliate:1) Abolire completamente la così detta tassa anti pirateriaun vero e proprio furto nei confronti delle persone oneste che acquistano i supporti.2) Punire DURAMENTE tutta la filiera dei CD/DVD cosidetti "pirata" realizzati a scopo di lucro.3) Depenalizzare chi scarica ad uso personale sempre che dimostri di comprare poi qualcosa4) Ridurre i prezzi.5) Sensibilizzare l'opinione pubblica a NON acquistare CD/DVD contraffatti (reato di ricettazione).
    • killer scrive:
      Re: Misure necessarie e sufficienti
      - Scritto da: fringuello
      Pensandoci bene non so quale dei due prodotti sia
      il migliore... quello originale che mi finisce la
      testina del lettore, o quello scaricato che non
      mi da' alcun problema. Certamente è 1000 volte meglio quello che non ti da problemi ma in questo caso chi TE LO VENDE commette un FURTO nei confronti di chi lo ha sviluppato.(ci guadagna dei soldi)Un altro discorso è se tu lo "fai prestare" attraverso il p2p oppure scabiandoti il supporto fisico.In quel caso non è dimostrato ne dimostrabile che tu saresti disposto a spendere dei soldi per acquistare il gioco quindi NON RUBI niente a nessuno.Certamente mi può anche rispondere che il gioco acquistato alla bancarella è migliore (perchè esente da protezioni) e costa anche meno.La soluzione a questo è ELIMINARE TOTALMENTE questi parassiti che LUCRANO sul lavoro altrui e fare in modo che ALTRI PARASSITI (quali siae etx) non gonfino i prezzi.
  • GabrieleD scrive:
    Perfettamente daccordo
    Iniziamo pero' dai comandi della Guardia di Finanza, Dai comuni. Dalle questure e dalle prefetture. Dopo diche' gli SPALANCO le porte di casa mia. Niente niente che questa sia la volta che finalmente inizieranno ad utilizzare GNU/Linux per essere in regola con le licenze, visto che i soldi non li vogliono tirar fuori?PEr prevenire eventuali flame, faccio presente che parlo PER ESPERIENZA PERSONALE, visto che in tutte le realta' su citate ho avuto modo di fare assistenza tecnica.
  • vitty666 scrive:
    i galeoni
    vi ricordate i galeoni spagnoli nel 700 che venivano assaltati dai pirati? bene in fondo la pirateria allora serviva come deterrente tra nazioni in lotta e colonie da sottomettere.Ma oggi forse siamo noi ...milioni di cibernauti ad avere il controllo sel sistema e lo faremo valere fino in fondo.
    • UNO CHE LAVORA scrive:
      Re: i galeoni
      BRAVO IDIOTA ! HAI DETTO LA TUA FESSERIA . ADESSO TORNA A SEDERE AL TUO BANCO .
      • saasd scrive:
        Re: i galeoni
        se lavori non urlare che disturbi. Inoltre torna a lavorare che e' meglio. non ti si chiede di pensare ma di LAVORARE.
        • berto scrive:
          Re: i galeoni
          Possono fare tutte le guerre che vogliono tanto con i tempi dei processi nn succede mai niente.Ieri la polposta mi ha ridato coputer e cd masterizzati sequestrati 5 anni fa in un'indagine di udine perchè scaduti i termini e pensate che manco avevo nominato un'avvocato difensore.:)
  • ullala scrive:
    qualcuno
    mi sa spiegare con parole semplici cosa sono "le libertà e la privacy su internet" (parole del Masi e dei nostri politici) e perchè sarebbero diverse dalle "solite e normali" libertà e privacy (con o senza internet)...
    • chojin scrive:
      Re: qualcuno
      - Scritto da: ullala
      mi sa spiegare con parole semplici cosa sono "le
      libertà e la privacy su internet" (parole del
      Masi e dei nostri politici) e perchè sarebbero
      diverse dalle "solite e normali" libertà e
      privacy (con o senza
      internet)...Se condisci la cosa con internet fa più figo..ehh! sigh.
      • ullala scrive:
        Re: qualcuno
        - Scritto da: chojin
        - Scritto da: ullala

        mi sa spiegare con parole semplici cosa sono "le

        libertà e la privacy su internet" (parole del

        Masi e dei nostri politici) e perchè sarebbero

        diverse dalle "solite e normali" libertà e

        privacy (con o senza

        internet)...

        Se condisci la cosa con internet fa più
        figo..ehh!
        sigh.No fa più in malafede!
  • Debris scrive:
    Perso in partenza
    La guerra è iniziata..il campo di battaglia è casa loro,le regole le dettano loro e hanno anche detto come deve andare a finire......ci trasferiamo tutti in USA - sperando che Obama non sorprenda Tutti ^__^ - Va bhè bando agli scherzi sarà una lunga stagione quella che ci aspetta..
  • skynetxt scrive:
    Ridicoli!!!
    ma perchè non mettono una tassa sulle bollette 5 - 10 euro al massimo , e lascessero la gente in pace.
  • skynetxt scrive:
    Ridicoli!!!
    ma perchè non mettono una tassa sulle bollette 5 - 10 euro al massimo , e lascessero la gente in pace.
    • chi scrive:
      Re: Ridicoli!!!
      - Scritto da: skynetxt
      ma perchè non mettono una tassa sulle bollette 5
      - 10 euro al massimo , e lascessero la gente in
      pace.E io dovrei pagare 5-10 euro in più sulla bolletta per lasciar scricare la musica aggratis a te?No grazie.
      • chojin scrive:
        Re: Ridicoli!!!
        - Scritto da: chi
        - Scritto da: skynetxt

        ma perchè non mettono una tassa sulle bollette 5

        - 10 euro al massimo , e lascessero la gente in

        pace.

        E io dovrei pagare 5-10 euro in più sulla
        bolletta per lasciar scricare la musica aggratis
        a
        te?

        No grazie.Sì, certo perchè tu non scarichi musica, film, libri, immagini, calendari.
        • chi scrive:
          Re: Ridicoli!!!
          - Scritto da: chojin
          Sì, certo perchè tu non scarichi musica, film,
          libri, immagini,
          calendari.Hai dimenticato una voce importante nella tua lista: Software.Probabilmente sei talmente abituato a scaricare software pirata che non ti sembra neanche più illegale.
          • chojin scrive:
            Re: Ridicoli!!!
            - Scritto da: chi
            - Scritto da: chojin

            Sì, certo perchè tu non scarichi musica, film,

            libri, immagini,

            calendari.

            Hai dimenticato una voce importante nella tua
            lista:
            Software.

            Probabilmente sei talmente abituato a scaricare
            software pirata che non ti sembra neanche più
            illegale.?? Prima di accusare le persone faresti meglio a riflettere.
          • chi scrive:
            Re: Ridicoli!!!
            - Scritto da: chojin
            - Scritto da: chi

            - Scritto da: chojin


            Sì, certo perchè tu non scarichi musica, film,


            libri, immagini,


            calendari.



            Hai dimenticato una voce importante nella tua

            lista:

            Software.



            Probabilmente sei talmente abituato a scaricare

            software pirata che non ti sembra neanche più

            illegale.

            ?? Prima di accusare le persone faresti meglio a
            riflettere.Solo "gli altri" devono riflettere... eh si perchè "noi" siamo sempre nel giusto.- Scritto da: chojin
            Sì, certo perchè tu non scarichi musica, film,
            libri, immagini, calendari.
          • ursusarctos scrive:
            Re: Ridicoli!!!
            non tutti scaricano copie illegali, c'è chi usa l'ADSL per ragioni più culturali, hai mai sentito parlare di open source, freeware, questi sono software da usare, e incentivare, se tu usi un software pirata poi dai ancora i soldi a quella società che stai frodando, è solo che non te ne accorgi
    • Davide T scrive:
      Re: Ridicoli!!!
      E che ne dici di altri 5 sulla bolletta e puoi andare al supermercato e portare via tutto quello che ti entra in tasca... mi sembra equo e solidale, no?
      • skinetxt scrive:
        Re: Ridicoli!!!
        e che ne dici se dopo che silvio ridurrà internet un grande fratello dovessi andarci di mezzo proprio tu anche indirettamente. io non giustifico chi ci lucra , chi ci lucra con la pirateria deve stare in galera . tanto la prirateria non manda per strada nessuno. non vedo nessun attore cantante produttore in mezzo alla strda.
        • chojin scrive:
          Re: Ridicoli!!!
          - Scritto da: skinetxt
          e che ne dici se dopo che silvio ridurrà
          internet un grande fratello dovessi andarci di
          mezzo proprio tu anche indirettamente. io non
          giustifico chi ci lucra , chi ci lucra con la
          pirateria deve stare in galera . tanto la
          prirateria non manda per strada nessuno. non vedo
          nessun attore cantante produttore in mezzo alla
          strda.La pirateria, quella vera è data da chi vende copie dei prodotti altrui senza averli acquistati per la rivendita. E' questa l'unica vera pirateria che deve essere stroncata. Non è diverso da chi evade le tasse o crea truffe come i vari maghi e cartomanti... Il problema è che purtroppo il sistema è così corrotto che lo specchietto per le allodole è quello di voler mettere in galera tutti i cittadini, quando anche in uffici delle forze dell'ordine loro stessi scaricano materiale pirata, se lo scambiano ed a casa loro ed i loro parenti fanno altrettanto. Così come è un'altra verità scomoda che in tutte le multinazionali che producono i prodotti si usano copie pirata, in tal caso essendo attività commerciali il fine di lucro c'è ma l'ipocrisia è ai massimi livelli e per questo si preferisce prendersela con i cittadini che non possono pagare 10-15 anni di processi spendendo decine di milion di euro per evitare di pagare multe a vita e finire in carcere.Il grande fratello c'è già, ed Internet non è affatto libera. Le copie ci sono dove i vari cartelli dei produttori decidono che ci debbano essere. I vari siti pirata, i siti torrent, il P2P.. se volessero potrebbero chiuderlo in 24ore .. non lo fanno perchè sono proprio loro ad essere dietro a queste attività.
        • MARCO scrive:
          Re: Ridicoli!!!
          - Scritto da: skinetxt
          e che ne dici se dopo che silvio ridurrà
          internet un grande fratello dovessi andarci di
          mezzo proprio tu anche indirettamente. io non
          giustifico chi ci lucra , chi ci lucra con la
          pirateria deve stare in galera . tanto la
          prirateria non manda per strada nessuno. non vedo
          nessun attore cantante produttore in mezzo alla
          strda.bravo certo facile dire rubo tanto vasco resta ricco lo stesso , io lavoravo da block buster adesso sono a casa e ho 34 anni , non trovo un cacchio di lavoro x che sono troppo vecchio , GRAZIE ALLE VOSTRE XXXXXXX DI TUTTO GRATIS . MA PRIMA O POI L'INGRANAGGIO SI ROMPERA E SARETE TUTTI NELLA ME_RDA . QUANDO DOVRETE USCIRE DI CASA DI MAMMA E PAPA DOVE TROVATE TUTTO PRONTO . AUGURI
          • berto scrive:
            Re: Ridicoli!!!
            Più che vecchio magari nn sai fare altro che dare un dvd o un gioco dietro ad un bancone, se a 34 anni questa è la tua professionalità preparati ad una vita ai bordi delle strade.A 34 anni se hai le palle un lavoro lo trovi di sicuro, io ho la tua stessa età eppure lavoro da quando ne avevo 19 nella stessa azienda e ho passato riforme del personale, crisi economiche e compagnia cantante, invece tanti colleghi che nn sapevano fare altro che la loro mansioncina sono tutti a spasso, questa è la vita rassegnati, se vali vai avanti se nn vali stai al palo e la pirateria nn c'entra proprio niente visto, tra l'altro che di block buster continuano ad aprirne in mezza italia.
          • fringuello scrive:
            Re: Ridicoli!!!
            "io lavoravo da block buster adesso sono a casa e ho 34 anni , non trovo un cacchio di lavoro x che sono troppo vecchio "Io pago su ogni singolo supporto digitale/ottico un tassa chiamata equo compenso, una volpe qua sopra parla di altri 5-10 euro di bolletta, tuttavia nessuno che si renda conto che simile cose sono del tutto inutili perchè tutta la "pappa" va a un pappone non ai piccoli pappini e quindi è inutile anche solo pensarle.Chiediamo quanto finisce di equo compenso ai "presunti piratati"? Manco un cent... quindi è inutile parlare ritritando lo stesso discorso. L'Italia non è il paese dove puoi sperare di far funzionare un ingranaggio del genere, qua esistono due frasi:paga di piu' per quest'altra XXXXXXXta,dovevi pagare di piu' sei un evasore.A questo punto alziamo i balzelli sui supporti digitali/ottici vergini e cosi' chiudono direttamente tutti i rivenditori di materiale informatico, vi pare?La realta' è soltanto che "chi carica la sua % sui prodotti" non ha intenzione di scendere di prezzo tutto qua, si chiami IVA, SIAE, XXXXXte varie....Guardate i prezzi all'estero... non è che la situazione pirateria sia un caso UNICAMENTE italiano ma coi prezzi che ci sono per quel che mi riguarda è realmente GARANTITA.Mi sono preso di recente il box hddvd di Rambo (1-2-3, filmone culturale) ad un prezzo inferiore a quello del singolo blu ray qua da noi (spedizione inclusa).
          • 01234 scrive:
            Re: Ridicoli!!!
            per la storia individuale mi spiace (anche perché so cosa significa, a mio modo ovviamente che non può essere il tuo)ma il ragionamento fa acqua - innanzitutto l'inflazione, gli stipendi fermi, la crisi che non è stata solo ora, ma striscia da anni e anni...(con una bella accelerazione con l'euro, non a causa dell'euro, ma delgi esercenti furbacchioni e di un governo votato da loro che quindi non è intervenuto)è chiaro che ci sono meno soldi per mangiare , figurati per noleggiare un film...poi forse è entrato in crisi anche il noleggio come fruizione, perché un po' alcune offerte, un po' il p2p (ma appunto, un po'), un po' il DL "legale"....ao', io la vedo così...
  • andy61 scrive:
    ecco la verità che salta fuori ...
    "Non c'è alcun intento repressivo nei confronti di internet ma la necessità di bilanciare l'interesse del mondo della tutela dei diritti e a tutela della privacy e delle libertà su internet"Quindi non vogliono bilanciare l'interesse dei proprietari dei diritti : a loro interessa soltanto il mondo della tutela dei diritti , ovverosia la SIAE e le major.Così almeno hanno dichiarato loro.
    • tepossino scrive:
      Re: ecco la verità che salta fuori ...
      Secondo me è più interessante la parola "bilanciare".Non è possibile *bilanciare* interessi privati con tutela della privacy e libertà. Privacy e libertà non sono sacrificabili in nome di nulla.L'unico modo di "tutelare i proprietari dei diritti" (come la intendono loro) è intercettare ed ispezionare sistematicamente le comunicazioni dei cittadini, senza che vi siano notizie di reato e disposizioni dell'autorità giudiziaria. Inaccettabile.
      • andy61 scrive:
        Re: ecco la verità che salta fuori ...
        dici bene.In effetti diritti quali privacy e libertà possono essere sacrificati soltanto nell'interesse di un bene superiore, e quindi pubblico (nell'interesse di tutti i cittadini) e non dell'interesse privato e del business.In effetti la mia attenzione si era lasciata attrarre dal lapsus con cui hanno reso palese la loro reale intenzione.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 gennaio 2009 14.29-----------------------------------------------------------
        • Bastard Inside scrive:
          Re: ecco la verità che salta fuori ...
          Infatti io ho apprezzato la sottigliezza, con un sospetto maligno: democristo pentito? (idea) O) :D
  • Andrea Violetti scrive:
    Bene continuiamo a farci del male!
    Premesso che chi viola la legge sul diritto d'autore deve essere giudicato continuiamo ad applicare vecchi principi e modelli organizzativi all'innovazione ed alle nuove tecnologie, continuiamo a spendere soldi pubblici per difendere gli interessi di pochi e grandi privati, continuiamo ad essere "ciechi", eppure alla Presidenza del Consiglio c'è un uomo illuminato che ha fatto dell'innovazione un principio di vita e che ha introdotto la concorrenza del mercato televisivo.... mmmhaaa!Ci sono tutte le tecnologie del mondo affinchè le aziende si proteggano dalle contraffazioni, che lo facciano.Ti prego Silvio aiutaci a non sprofondare nel rischio di negazione delle libertà che attività di questo tipo possono introdurre difendendo solo gli interessi dei più grandi!Andrea ViolettiPresidente AIP
    • enzo scrive:
      Re: Bene continuiamo a farci del male!
      posso essere anche daccordo sul suo discorso ma oltre hai grandi c'e' una categoria che giorno per giorno sta morendo, e grazie a chi?????? internet, pirateria e non solo mettiamoci pure le case che ci vendono il rental a prezzi alti e non ci tutelano per niente, e giusto che un film appena uscito dalle sale lo trovi su internet,, le videoteche dovrebbere essere il secondo canale di fruizione del prodotto , ma cosi non e', ora tutta sta libeta, mi starebbe bene se non lede il lavoro altrui
      • chojin scrive:
        Re: Bene continuiamo a farci del male!
        - Scritto da: enzo
        posso essere anche daccordo sul suo discorso ma
        oltre hai grandi c'e' una categoria che giorno
        per giorno sta morendo, e grazie a chi??????
        internet, pirateria e non solo mettiamoci pure le
        case che ci vendono il rental a prezzi alti e non
        ci tutelano per niente, e giusto che un film
        appena uscito dalle sale lo trovi su internet,,
        le videoteche dovrebbere essere il secondo canale
        di fruizione del prodotto , ma cosi non e', ora
        tutta sta libeta, mi starebbe bene se non lede
        il lavoro
        altruiMa è come per i modchip delle console, dietro la possibilità di copiare gli originali vi sono sempre in primo luogo gli stessi produttori. Poi che non figurino perchè "il lavoro sXXXXX" appare realizzato da anonime ditte cinesi che però distribuiscono in tutto il mondo ... E' come programmi quali AnydvdHD ... decriptazione AACS/BD+ ... presunto reverse-engineering... la realtà è ben diversa, malgrado le favole che possano inventarsi. Comunque i grandi gruppi guadagnano dalla fruizione delle copie, hanno partecipazioni o possiedono gli ISP e quindi guadagnano dalle connessioni internet; possiedono in toto o in parte varie industrie di produzione di memorie di massa e supporti ottici... e quindi dalle copie guadagnano, in più le copie garantiscono la vendita dell'hardware. E' un dato di fatto. Certo tutto questo giro in zona grigia si potrebbe evitare se solo i prodotti originali venissero venduti a prezzi onesti e capitalisti per la fruizione di massa. Specialmente musica,software e videogiochi che hanno prezzi ingiustificabili ed assolutamente gonfiati. Se un gioco per console o PC costasse 10-15Euro "la pirateria" sarebbe praticamente nulla. Se un CD Audio costasse 3-5Euro il 98% delle persone comprerebbe l'originale senza pensarci. Se la licenza del sistema operativo costasse 20-50euro tutti la comprerebbero senza problemi. E' che chi sta in posizione di potere nei grandi gruppi industriali manca di onestà. Troppi giri loschi, nessuna trasparenza, tante bolle speculative, troppi giudici e politici che si possono comprare con pochi soldi per questi gruppi. Poi ci si meraviglia che vi siano scandali quali la New Economy e la recente crisi finanziaria mondiale quando all'ordine del giorno tutti truffano e rubano anzichè agire da veri imprenditori e veri capitalisti. Quello che si è oramai consolidato non è vero capitalismo.
        • Andrea Violetti scrive:
          Re: Bene continuiamo a farci del male!
          Bravo!Aggiungo che da tutto questo giro, il blasonato problema della tutela dei diritti degli inventori "veri" non ha alcun peso, chi lavora serio continua ad accontentarsi delle briciole ed i furbi vanno avanti.La "globalizzazione dei furbi" si deve fermare, vogliamo parlare di come sono andate a finire le comunicazioni telefoniche?Vogliamo parlare del Corecon, vogliamo parlare di SKY per il quale Bersani ha dovuto fare addirittura un decreto apposta per recedere da un contratto? Il mio non è ne un discorso di destra ne un discorso di sinistra e lungi da me fare il "grillo" ma è il mondo che non è più in grado di tollerare tutto questo, ora che il cittadino/consumatore ha scoperto che esiste ancora un "angusto" spazio dove essere protagonista non sarà disposto a perdere anche questo sogno.Giuste regole ed ad essere difesi non devono essere gli interessi dei forti ma dei deboli, se non si farà questo il Comitato fallirà.Andrea ViolettiPresidente AIP
      • berto scrive:
        Re: Bene continuiamo a farci del male!
        Voi videotecari ci avete rotto le scatole con le vostre pseudoragioni contro il p2p, aprite gli occhi, siete un canale di distribuzione che le major hanno deciso di fare fallire, guardate cosa sta facendo Medusa contro la pirateria (indovinate chi è il proprietario) e contro di voi, sono le vostre videoteche l'ultimo ostacolo per vendere direttamente ed ai prezzi che vogliono agli utenti, capirete cosa gliene frega di qlc film in giro per la rete che difficilmente sarebbe stato acquistato da chi lo scarica.... Secondo voi quanto manca allo streamin o al dowload diretto dalle varie case??????? per me entro la fine di quest'anno si vedrà già qualcosa di concreto, al max fino a che tutto nbon sarà pronto faranno qualche accordo commerciale con Block Buster (di cui sicuramente detengono qualche quota) sbattendosene altamente di voi. Del resto basta vedere i prezzi che vi fanno per i film e constatare che ve li andate a prendere come ex-usato da block buster per capire come nn gliene frega una cippa di voi.
    • franco . p . da roma scrive:
      Re: Bene continuiamo a farci del male!
      Bene , secondo te deve essere gratis tutto , ok , allora io ci campo in questo settore pago le mie tasse e adesso devo fare un altro lavoro x che non arrivo a fine mese . ti sembra logico ?, la roba che tu RUBI non ti serve per vivere , lotta contro il prezzo del latte , dei farmaci della benzina , non fare la lotta "comoda" ho l'adsl e frego tutto quello che posso nel nome della CuLtura , comunque prima o poi non ci sara piu nulla da rubare visto che sono tutti in perdita , e tu suderai 7 camicie per pagare la MIA pensione. Grazie a tutti quei ILLUMINATI come te che pensano che tutto sia giusto e tutto sia gratis
      • berto scrive:
        Re: Bene continuiamo a farci del male!
        Però nn parlavi così 20 anni fa quando lavoravi in regime di monopolio e guadagnavi quello che volevi, quindi rassegnati che gli anni d'oro sono finiti e nn mi interessa delle tue frignate, se hai aperto dopo fatti tuoi facevi bene a essere più lungimirante ed aprire una latteria.
      • Reolix scrive:
        Re: Bene continuiamo a farci del male!
        Ti chiedo di postarmi questi dati "tutti in perdita" perchè quelli a mia disposizione non lo sono niente, a cominciare da quelli della SIAE....
      • 01234 scrive:
        Re: Bene continuiamo a farci del male!
        oddìU, aridaje cor furtoooo
  • cicio scrive:
    Il governo contro la Pirateria ???
    il governo deve controllare e perseguire la pirateria? Bene lo capisco, Ma quale governo stiamo parlando ? Quello italiano ? Dove sui banchi del Parlamento è pieno di disgraziati corrotti e condanati???Alloro meglio se ci tocchiamo le pa.., voglio dire con tutte le schiffezze che hanno fatto, straggi di stato, corruzione, collusione con la Mafia e chi piu ne ha piu ne metta e questi mi devono controllare se scarico una canzone. O meglio mi scarico qualche Bel libro della Mondadori e mi ritrovo con qualche bella dennuncia! E vedi che mi tocca poi scanciare un pô di "lardo" che fara ingrassare il Berlusca..E vai con il conflitto di interessi !! :@ Non ci resta che piangere!! W L' Italia!!
  • giagia scrive:
    Ma chi sono i pirati ????
    Penso sarà difficile stabilire quali sono i pirati.Come al solito i pirati professionisti saranno tutelati e al massimo si cerchera di prendersela con qualche squattrinato studente e qualche casalinga o pensionata che vuole cimentarsi con internet.
    • enzo scrive:
      Re: Ma chi sono i pirati ????
      e per questo che ci va un controllo della rete poi voglio farti capire che in Italia casalinghe, studenti ecc... sono miglioni che scaricano, tutto questo non fa per niente bene all'economia, e come dire siamo tutti allo sbando e allora che facciamo: al supermercato non pagho , in banca ci faccio na' rapina ecc.... internet e diventato il farwest, dove tutto e lecito anche rubare il lavoro altrui
      • Daniel Jackson scrive:
        Re: Ma chi sono i pirati ????
        - Scritto da: enzo
        e per questo che ci va un controllo della reteVoluto dal governo contro le intercettazioni?
        tutto questo non fa per niente bene all'economia,Credi che chi scarica verrebbe nella tua videoteca ad affittare i film?
        facciamo: al supermercato non pagho , in banca ci
        faccio na' rapina ecc.... internet e diventato ilScaricare non equivale a rubare (sottrarre) ma a duplicare.
  • blabla scrive:
    solite dichiarazioni di facciata..
    .. ma poi concretamente opereranno solo a favore delle major.... il p2p è una realtà consolidata a livello mondiale, non c'è modo di contrastarlo efficacemente con leggine varie, fermo restando che non è mai stata dimostrata l'equazione p2p = calo delle vendite.cmq mi auguro che questa gente non dimentichi mai che è sempre il consumatore ad avere "il coltello dalla parte del manico". ho detto tutto.
    • pabloski scrive:
      Re: solite dichiarazioni di facciata..

      che non è mai stata dimostrata l'equazione p2p =
      calo delle
      vendite.
      soprattutto giuridicamente non si può fare p2p=pirateria, così come non si può fare coltello=omicidiouna cosa si nota dei governi Berlusconi, che varano continuamente leggi anticostituzionali
    • tepossino scrive:
      Re: solite dichiarazioni di facciata..
      - Scritto da: blabla
      il p2p è una realtà consolidata a livello
      mondiale, non c'è modo di contrastarlo
      efficacemente con leggine varieAspetta, ti do un suggerimento sulla possibile strategia:1. rendi illegali produzione, distribuzione e possesso di software p2p in tutti i paesi WTO.2. imponi agli ISP l'uso della deep packet inspection e il blocco totale del traffico p2p3. rendi legge il distacco A VITA da Internet di chi viene beccato a usare software p2p; applicabile d'ufficio da parte degli ISP e senza proXXXXX.4. imponi per legge che chi vuole connettersi ad Internet debba usare PC trusted (Trusted Network Connection).Fidati che funziona.
      • blabla scrive:
        Re: solite dichiarazioni di facciata..
        in 4 righe mi hai disintegrato la Costituzione....
        • tepossino scrive:
          Re: solite dichiarazioni di facciata..
          Il Capo dello Stato ha firmato una legge che immunizza 4 specifiche persone davanti alla Legge, violando palesemente l'articolo 3 (non 33 o 133, il TRE) della Costituzione della Repubblica Italiana. E discutono di immunizzarne altre decine, se non centinaia.L'unico punto dubbio della mia lista potrebbe essere quello che impone l'intercettazione del traffico senza autorizzazione dell'autorità giudiziaria con distacco della linea a discrezione dell'ISP. Ma è dubbio.... figurati se si fanno problemi per così poco.
          • blabla scrive:
            Re: solite dichiarazioni di facciata..
            - Scritto da: tepossino
            Il Capo dello Stato ha firmato una legge che
            immunizza 4 specifiche persone davanti alla
            Legge, violando palesemente l'articolo 3 (non 33
            o 133, il TRE) della Costituzione della
            Repubblica Italiana. E discutono di immunizzarne
            altre decine, se non
            centinaia.
            è già stata sollevata eccezione di incostituzionalità di tale norma dinanzi alla Consulta, vedremo come andrà a finire...
        • ehm scrive:
          Re: solite dichiarazioni di facciata..
          In quali articoli della Costotuzione è sancito il diritto a scaricare illegalmente da internet?
          • 01234 scrive:
            Re: solite dichiarazioni di facciata..
            troll?si parla di privacy delle comunicazioni....guarda caso le intercettazioni per loro no, per noi sì? (per i cd, poi...) BAH
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: solite dichiarazioni di facciata..
        contenuto non disponibile
        • tepossino scrive:
          Re: solite dichiarazioni di facciata..
          - Scritto da: unaDuraLezione
          - Scritto da: tepossino

          2. imponi agli ISP l'uso della deep packet

          inspection e il blocco totale del traffico

          p2p

          Il P2P attualmente è facile da individuare perché
          non è ancora disegnato per essere indistinguibile
          da altri
          protocolli.
          In realtà potrà essere iniettato senza problemi
          in protocolli quali HTTP (il vecchissimo Kazaa lo
          era già) o, protocolli di gaming online i quali
          giustificherebbero anche le tante
          connessioni.Perché abbia qualche speranza di non essere individuato dovrebbe essere incapsulato criptato in pacchetti di tipo legittimo, ad esempio di protocolli quali https.Per ovviare al problema potrebbero vietare l'uso di comunicazioni criptate che non siano state create con chiavi fornite dagli ISP. In questo modo i router degli ISP possono decriptare il flusso ed esaminare i pacchetti, bloccando il p2p e lasciando passare il resto...
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: solite dichiarazioni di facciata..
            contenuto non disponibile
          • tepossino scrive:
            Re: solite dichiarazioni di facciata..
            Cos'è, non ti fidi dell'integrità morale, intellettuale e giuridica dei nostri ISP?Voglio dire, Telecom Italia non ha mai intercettato clandestinamente nessuno per secondi fini, né ha mai creato dossier illegali sui cittadini suoi utenti ... o no?
          • sandro scrive:
            Re: solite dichiarazioni di facciata..
            - Scritto da: tepossino
            Cos'è, non ti fidi dell'integrità morale,
            intellettuale e giuridica dei nostri
            ISP?

            Voglio dire, Telecom Italia non ha mai
            intercettato clandestinamente nessuno per secondi
            fini, né ha mai creato dossier illegali sui
            cittadini suoi utenti ... o
            no?Ma ti rendi conto di quello che stai dicendo?La Comunità europea ha persino bloccato a google la possibilità di scandagliare le pagine di facebook per non ledere la privacy dei cittadini. Pensa cosa direbbe su questa sequela di proposte di regime, dittatoriali e censorie che hai proposto te :Dtroppo ride, davvero, ma hai finito la scuola? sei mica passato per il fascismo? :D
          • berto scrive:
            Re: solite dichiarazioni di facciata..
            Ma dai ha ragione lui, viva telecom che ha intercettato tutto il mondo illegalmente, anzi facciamo che questa cosa si può fare per legge, tanto i diritti dei cittadini possono essere calpestati per qlc canzoncina o qlc filmetto......Teppossino nn è che sei uno squallido videotecaro in cerca di vendetta? Io piuttosto che comprare un cpu trusted torno al M24 e piuttosto che pagare un cd 25 euro e un film poco meno me li vado a comprare dal marocchino piuttosto che lasciare i miei alle major, tanto loro internet o meno ci saranno sempre. ;)
          • tepossino scrive:
            Re: solite dichiarazioni di facciata..
            Vepossino ragazzi... Vi presento un mio amico: Mr. Sarcasmo :D
  • korova scrive:
    Solo propaganda!!
    Stiamo parlando di cialtroni/parassiti che non hanno di meglio da fare che dare queste notizie di facciata per far fare titoli sui giornali.Loro sono ancora al paleolitico ed hanno paura della libertà di espressione!!!Che pensino a caricare le "social-card" che ho visto vecchietti al supermercato vergognarsi perchè non aveva credito!!! :p :p @^ @^(ghost)(ghost)(geek)(geek)(idea)(idea) :@ :-o :-o(cylon)(cylon)
  • Funz scrive:
    Abolire la pirateria
    Tutte queste iniziative oltre a essere pericolosamente liberticide, sono inutili a contrastare il fenomeno.L'unica è liberalizzare un comportamento che è assurdo criminalizzare come fanno questi signori. Il copyright dovrebbe durare 10-15 anni, e se un'opera esce di commercio dovrebbe passare automaticamente al pubblico dominio.E' assurdo che si debba continuare a pagare gli eredi quando l'autore è morto da 70 anni!
    • pentolino scrive:
      Re: Abolire la pirateria
      completamente d' accordo; ma secondo te una linea del genere passerà mai contro il muro imposto da discografici e compagnia bella?
      • Funz scrive:
        Re: Abolire la pirateria
        - Scritto da: pentolino
        completamente d' accordo; ma secondo te una linea
        del genere passerà mai contro il muro imposto da
        discografici e compagnia
        bella?sono una lobby potente, ma i loro avversari sono una bella fetta della popolazione, nonché i loro potenziali clienti.
    • James Kirk scrive:
      Re: Abolire la pirateria
      Concordo che il copyright dovrebbe essere come minimo parificato ai brevetti (15/20 anni dalla pubblicazione).Tuttavia la gente scarica principalmente roba recente e non solo roba di 15 anni fa!Ti andrebbe bene un copyright a 15 anni ma un pressante controllo a livello ISP su cio che scarichi (magari con multe salatissime se scarichi roba recente) ?Penso che sia tutto il sistema della proprietà intellettuale che deve essere cambiato ... come non lo so, ma sicuremante questo è già da troppo tempo alla frutta.
      • Funz scrive:
        Re: Abolire la pirateria
        - Scritto da: James Kirk
        Ti andrebbe bene un copyright a 15 anni ma un
        pressante controllo a livello ISP su cio che
        scarichi (magari con multe salatissime se
        scarichi roba recente)
        ?No di certo, ma sarebbe già ottimo de-criminalizzare chi scarica roba più vecchia e promuovere la diffusione della cultura, magari facendo ricorso alle biblioteche.
        Penso che sia tutto il sistema della proprietà
        intellettuale che deve essere cambiato ... come
        non lo so, ma sicuremante questo è già da troppo
        tempo alla
        frutta.E' quello che vado dicendo da un pezzo :)
    • chojin scrive:
      Re: Abolire la pirateria
      - Scritto da: Funz
      Tutte queste iniziative oltre a essere
      pericolosamente liberticide, sono inutili a
      contrastare il
      fenomeno.

      L'unica è liberalizzare un comportamento che è
      assurdo criminalizzare come fanno questi signori.
      Il copyright dovrebbe durare 10-15 anni, e se
      un'opera esce di commercio dovrebbe passare
      automaticamente al pubblico
      dominio.
      E' assurdo che si debba continuare a pagare gli
      eredi quando l'autore è morto da 70
      anni!Passaggio automatico al pubblico dominio? E chi paga i costi di R&D dell'opera ed il potenziale valore che sfuma se diventa non più commercializzabile per un esproprio proletario forzato?La questione è molto semplice, semplicemente lo Stato non deve perseguire chi non lucra sulle opere altrui. Mentre chi tenta di far soldi sfruttando il lavoro degli altri deve essere sanzionato come qualsiasi altro evasore.
      • pabloski scrive:
        Re: Abolire la pirateria
        hai ragione, ma come fare a sapere efficacemente gli uni dagli altri? come scovare quelli che fanno soldi senza mettere sotto controllo l'intera rete?e si ritorna al punto di partenza, che poi è il risultato che vogliono ottenere i politici, e cioè con la scusa della pirateria darsi il mandato di pattugliare la rete a proprio piacimento
        • sykes scrive:
          Re: Abolire la pirateria
          quoto e aggiungo che finchè ci saranno di mezzo stipendi da capogiro per pochi eletti (e loro ristretta cerchia) e questi eletti si troveranno ad avere a disposizione una sorta di diritto di veto in queste faccende, non cambierà mai assolutamente nulla... siamo seri: gente che si è inventata il balzello dell'equo compenso (perchè è solo un'ingiusta tassa sulle intenzioni) potrà mai accettare modifiche alla legge che riducano i propri pingui stipendi? per persone come loro l'unica via è la repressione dura... già con la urbani sono riusciti a trasformare una legge funzionale in un potenziale carcere per chiunque scarichi anche solo un mp3, immaginate adesso che hanno trovato in quel simpaticone di sarkozy un nuovo modello da seguire cosa ne potrà uscire fuori!! repressione. la gente deve avere paura di scaricare e loro devono essere liberi di spararti un cd a 25 e farti pagare una tassa su un cd vuoto che intendi usare per immagazzinare le tue foto!possono aver anche fatto la mossa "aprendosi" alle opinioni del popolo della rete e dei tecnici, ma la decisione finale è in mano loro... e una volta deciso, non daranno conto a nessuno (esattamente come fu per la urbani...)nel frattempo conto di riempire l'hd prima che le cose peggiorino :)
      • 01234 scrive:
        Re: Abolire la pirateria
        e truffatore se gabella per originale
      • Funz scrive:
        Re: Abolire la pirateria
        - Scritto da: chojin

        Passaggio automatico al pubblico dominio? E chi
        paga i costi di R&D dell'opera ed il potenziale
        valore che sfuma se diventa non più
        commercializzabile per un esproprio proletario
        forzato?Ma quale esproprio proletario, non parlare come un burlusconiano...chi detiene un brevetto può profittarne per un tempo limitato, poi l'invenzione diventa di pubblico dominio per il bene della società. Non vedo perché debba essere diverso per l'arte. Se un artista non può più guadagnare dopo tot anni da una sua opera, ne crei di nuove, o si trovi un lavoro. E i suoi eredi possono anche attaccarsi dove dico io...Una volta che un autore o un inventore creano qualcosa di nuovo, ci sono 2 interessi: i loro legittimi interessi a guadagnarci per vivere, e l'interesse della società a progredire nella cultura e nella scienza. Il secondo interesse dopo un tempo ragionevole deve prevalere (e 70 anni + la vita dell'autore non è ragionevole)
        La questione è molto semplice, semplicemente lo
        Stato non deve perseguire chi non lucra sulle
        opere altrui. Mentre chi tenta di far soldi
        sfruttando il lavoro degli altri deve essere
        sanzionato come qualsiasi altro
        evasore.Spesso e volentieri opere valide spariscono dalla circolazione semplicemente perché ritenute non profittevoli dai detentori dei diritti. Se qualcun altro ritiene di poter farci soldi deve avere la possibilità di provarci, altrimenti l'opera deve essere disponibile a tutti gratis.
  • Rossi scrive:
    Quesito
    ...se un film costasse 10 euro e un cd 8 euro...quante copie se ne venderebbero? a cosa servirebbe scaricarli in bassa qualità e con rischio virus?...
    • pentolino scrive:
      Re: Quesito
      non credo sia un discorso di prezzo; molta gente che scarica a manetta semplicemente non è disposta a pagare, siano 20,15, o 8 euro.IMHO come sempre
      • enzo scrive:
        Re: Quesito
        come non quotarti ma ricordiamoci che i film li puoi anche noleggiare!!!!
        • pentolino scrive:
          Re: Quesito
          appunto, direi che per certa gente anche i 2/3 del noleggio sia troppo; poi sai che fatica alzare il sedere dalla sedia del PC per andare a noleggiare il film quando puoi cliccare sul torrent...Piuttosto non mi risulta che esistano sistemi per il noleggio della musica, e posso benissimo capire perchè... :-)
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Quesito
      contenuto non disponibile
      • fringuello scrive:
        Re: Quesito
        Anche informarsi su come funzionano le poste italiane / corrieri privati aiuta a volte prima di scegliere un prodotto estero.
    • 01234 scrive:
      Re: Quesito
      dvd MAX 10, cd MAX 5 - poi vediamoe poi c'è la crisi...ribassare dopo le vacche grassissime si potrebbe pure...
  • paoloholzl scrive:
    Link al forum ?
    Chi lo scova ci faccia sapere.
  • Vins scrive:
    Quel presunto forum dura 2 minuti...
    Ma immaginate cosa succede se aprono davvero un forum?non dura nemmeno due minuti perchè vengono tempestati dalle richieste dei consumatori.In ogni caso non c'è dubbio, sarà un altra manovra reversiva. Sarò io ad esser prevenuto ma mi pare impossibile che una svolta decente arrivi proprio dall'Italia, la cui situazione è ben nota a chi gira per la rete e,dunque, potrà leggere questo commento.Saluti.
    • Gabriele Niola scrive:
      Re: Quel presunto forum dura 2 minuti...
      La possibilità di postare sul forum sarà concessa previa registrazione e dunque è facile ipotizzare (trattandosi di un sito governativo) che sarà molto facile essere bannati in caso di linguaggio esagerato, post molesti e atteggiamenti fastidiosi.
      • XYZ scrive:
        Re: Quel presunto forum dura 2 minuti...
        - Scritto da: Gabriele Niola
        La possibilità di postare sul forum sarà concessa
        previa registrazione e dunque è facile ipotizzare
        (trattandosi di un sito governativo) che sarà
        molto facile essere bannati in caso di linguaggio
        esagerato, post molesti e atteggiamenti
        fastidiosi.Ed ecco come lo screenshot del post, che successivamente sarà rimosso diverrà una potentissima arma, nelle mani dell'utenza, per evidenziare, una volta per tutte, quegli aspetti che tanto stanno sulle palle ai nostri cari despoti. :)
        • botero scrive:
          Re: Quel presunto forum dura 2 minuti...
          Il vero problema, secondo me, è che in Italia l'industria di settore è ancora legata a forme di vendita oramai non più valide che pongono le aziende interessate in posizioni poco competitive. Un modello economico cambia solo se viene sostituito da uno più conveniente. Abbassare i prezzi significa puntare sulla distribuzione on-line, sulla sostituzione dei supporti ottici con altre forme più economiche ed accattivanti (memorie), usufrutto parziale di un opera.Insomma, siamo alle solite... il mancato adeguamento ai tempi che corrono si traduce in una condizione di crisi del settore riversa come al consumatore.Inoltre, la Siae dovrebbe essere sostituita con un organismo a livello europeo. Questo garantirebbe un mercato più trasparente e meglio regolamentato. In Italia solo per fare festa si paga un balzello abbastanza salato. Se ci fosse un organismo europeo si potrebbe avere un istituto centralizzato che dovrebbe sopportare meglio la crisi e che avrebbe una liquidità maggiore da distribuire con criteri più sensati di quello che succede adesso in Italia, ma credo che questo non accadrà mai!
          • opellulo scrive:
            Re: Quel presunto forum dura 2 minuti...
            Uno dei pochi interventi lucidi che abbia letto sull'argomento: demenziale pensare di regolare localmente un'attività che per sua natura non prevede limiti di territorialità.
      • pentolino scrive:
        Re: Quel presunto forum dura 2 minuti...
        vedremo... tenetici aggiornati mi raccomando, la cosa potrebbe essere interessante
      • Domokun scrive:
        Re: Quel presunto forum dura 2 minuti...
        - Scritto da: Gabriele Niola
        La possibilità di postare sul forum sarà concessa
        previa registrazione e dunque è facile ipotizzare
        (trattandosi di un sito governativo) che sarà
        molto facile essere bannati in caso di linguaggio
        esagerato, post molesti e atteggiamenti
        fastidiosi.Come la Cina insommma...
  • Reolix scrive:
    Ma....
    "Non c'è alcun intento repressivo nei confronti di internet ma la necessità di bilanciare l'interesse del mondo della tutela dei diritti e la tutela della privacy e delle libertà su internet"Ma la tutela dei consumatori quando c***o verrà mai???
    • XYZ scrive:
      Re: Ma....
      - Scritto da: Reolix
      "Non c'è alcun intento repressivo nei confronti
      di internet ma la necessità di bilanciare
      l'interesse del mondo della tutela dei
      diritti e la tutela della privacy e delle libertà
      su
      internet"

      Ma la tutela dei consumatori quando c***o verrà
      mai???A parte che già la frase fà ridere da sè.. Già dire: "Non c'è alcun intento repressivo nei confronti di internet"è una vera e propria XXXXXta, in quanto Internet non è una persona fisica, ma una piattaforma... si possono reprimere i comportamenti dei tifosi, non gli stadi, complimenti per l'italiano... storpiato, forse voluto.---.." ma la necessità di bilanciare l'interesse del mondo della tutela dei diritti"... .."e".. .."la tutela della privacy e delle libertà su internet "..E cioè? Definire delle linee guida tramite le quali "il mondo della tutela dei diritti" (le major, la siae, fimi & co.), possano tranquillamente XXXXre le gambe agli utenti senza però (e attenzione) venir meno nella tutela della loro privacy e delle loro libertà su Internet.. Gran Bella contraddizione complimenti... Ma l'aspetto piu significativo della contraddizione stessa è che qui si rischia di legittimare, come spesso accade in Italia, tramite il dibattito guidato, determinati comportamenti (cose come accade in altri paesi europei) tramite l'alterazione del concetto di "libertà su Internet". Che, come tutti gli utenti che sono in Internet da piu di 10 anni ben sanno, è un concetto molto delicato ed aleatorio, di sua natura quasi impossibile da regolamentare, e che nell arco degli ultimi 10 anni, ha subito pesantissimi stravolgimenti di significato, fino ad arrivare al piccolo rimasuglio libertino, che ci ritroviamo oggi... Attenti Italiani su Internet dunque, permettiamo, ma non troppo!
    • enzo scrive:
      Re: Ma....
      e la tutela che ci lavora con i dvd??????????????????????
      • 01234 scrive:
        Re: Ma....
        i produttori, intendi? quelli già je girano coll'equo (mah) compenso...ps: sto facendo il finto tonto, ma tanto ho già risposto a marco più sotto...
  • cojote scrive:
    tutte balle
    Tutte balle. finirà con la solita repressione. della serei spillare più soldi possibile dalle tasche della gente. abbassate i prezzi e la pirateria cessa. e poi i cantanti dovrebbero essere XXXXXXXti con la siae, a cui vanno tutti i soldi. e le case discografiche, la smettano di produrre dischi di XXXXX.
  • bLax scrive:
    bene...anche se....
    ottimo che siano aperti a tutte le proposte (idee poco chiare?hehe ;) ma credo che le voci della SIAE e compagnia bella sarà ben amplificata da un megafono/cornucopia!!!come si diceva giorni fa nell'articolo "Fake? Yes, please!" penso sia il concetto stesso di Copyright che dovrebbe essere rivisitato....questo mostro è stato alimentato anche a suon di monopoli di mercato ed ormai è sfuggito di mano ai creatori stessi secondo me (avete mai visto la puntata di Report, rai3, sulla SIAE?)oramai piu che proteggere gli artisti [con il web hanno tagliato costi notevoli per le autoproduzioni e non] protegge solo major di vario titolo......mi pareva che in canada avessero risolto con una tassa sull'isp e pace fatta....o forse era solo una proposta....mah, da come gira il mondo ultimamente non penso proprio che succederà...
  • LaMusicaFin ita scrive:
    Solito carrozzone
    Carico di parassiti che tirano l' acqua al proprio mulino a spese dei consumatori considerati il gregge da tosare.la musica è finita ed è ora di cambiare orchestra. Siamo stufi di essere pelati e considerati polli da spennare da questi parassiti.
    • rockroll scrive:
      Re: Solito carrozzone
      Anche se i tuoi timori ce l'ho pure io, non sarei così pessimista: se ci danno acXXXXX sul sito e lo inondiamo di richieste plausibili la cosa qualche effetto potrà pur generare.
      • XYZ scrive:
        Re: Solito carrozzone
        - Scritto da: rockroll
        Anche se i tuoi timori ce l'ho pure io, non sarei
        così pessimista: se ci danno acXXXXX sul sito e
        lo inondiamo di richieste plausibili la
        cosa qualche effetto potrà pur
        generare.Non credo che il termine richiesta plausibile sia argomento contemplato da questa mandria di vampiri..Penso più che altro che si userà una censura massiva, e si adotterà un estensivo fakeposting, per alterare, come verità, il parere degli utenti... Il vero scopo del forum, potrebbe potenzialmente essere un mezzo di riscontro reale sull' "uso", anzi sul "pensiero". Non certo un angolo di dibattito aperto! Quando mai è successa una cosa del genere in Italia? In ogni caso,per evitare di essere censurati massivamente, preoccupatevi di screenshottare il vostro post non appena scritto, e se censurato, cercate di condividerlo il più possibile usando tutti i mezzi da voi conosciuti.
        • Ricky scrive:
          Re: Solito carrozzone
          Sono talmente disilluso , visti i riasultati dei nostri politici e la loro propensione per strabattersene dei problemi REALI della gente, che la vedo cosi':Se certe attivita' riscontrano il plauso del premier, quindi LUI ha un qualche benficio sull'operato in questione, verranno approvate in fretta, con la richiesta delle fiducia e anche usando qualche ricatto come e' abitudine fare in questo governo di parassiti mafio-style.SE al capoccione non interessa, se non avra' reali benefici, se ne disinteressera' per colpire altrove.E resteremo in un limbo.Alla fine, sotto pressione delle lobby, in fretta e furia faremo una legge SCHIFEZZA come la precedente , redatta da incompetenti, e finiremo per fare l'ennesima XXXXXta.Siamo in Italia...non riesco a pensare diversamente.Nonostante il forum, nonostante i discorsi di TRASPARENZA e di APERTURA...oramai alle loro BUGIE sono vaccinato,possono dire quello che vogliono tanto non gli credo, vedo i FATTI e solo quelli.Vedremo come andra' a finire questa ennesima belinata all'italiana.Tanto per la cronaca...hanno tutti applaudito Andreotti...e dalle loro faccie si poteva leggere "che fico, come vorrei essere come te! Sei passato indenne a tutto, anche se condannato in via definitiva!Sei il mio mito!"Ma da gente cosi', cosa vi aspettate?
          • XYZ scrive:
            Re: Solito carrozzone
            - Scritto da: Ricky
            Sono talmente disilluso , visti i riasultati dei
            nostri politici e la loro propensione per
            strabattersene dei problemi REALI della gente,
            che la vedo
            cosi':
            Se certe attivita' riscontrano il plauso del
            premier, quindi LUI ha un qualche benficio
            sull'operato in questione, verranno approvate in
            fretta, con la richiesta delle fiducia e anche
            usando qualche ricatto come e' abitudine fare in
            questo governo di parassiti
            mafio-style.
            SE al capoccione non interessa, se non avra'
            reali benefici, se ne disinteressera' per colpire
            altrove.
            E resteremo in un limbo.
            Alla fine, sotto pressione delle lobby, in fretta
            e furia faremo una legge SCHIFEZZA come la
            precedente , redatta da incompetenti, e finiremo
            per fare l'ennesima
            XXXXXta.
            Siamo in Italia...non riesco a pensare
            diversamente.
            Nonostante il forum, nonostante i discorsi di
            TRASPARENZA e di APERTURA...oramai alle loro
            BUGIE sono vaccinato,possono dire quello che
            vogliono tanto non gli credo, vedo i FATTI e solo
            quelli.
            Vedremo come andra' a finire questa ennesima
            belinata
            all'italiana.
            Tanto per la cronaca...hanno tutti applaudito
            Andreotti...e dalle loro faccie si poteva leggere
            "che fico, come vorrei essere come te! Sei
            passato indenne a tutto, anche se condannato in
            via definitiva!Sei il mio
            mito!"
            Ma da gente cosi', cosa vi aspettate?Niente. Appunto per questo è necessario creare meccanismi di costrizione informativa... Internet rappresenta l'unica possibilità di riscatto, e l'unica possibilità di riscatto in questo senso, a mio parere è questa:Costringere chi fà promesse a mantenere i suoi impegni forzandolo unilateralmente facendo leva sullo stesso mezzo che ha decretato la sua supremazia: il Media.Se loro decidono di fare il forum dove parlare di pirateria, ebbene forziamo il forum ad esporre i concetti in maniera trasparente e veritiera, e preoccupiamoci di diffondere, anche autonomamente, l'informazione nella maniera piu efficiente ed efficace possibile.. Visto che, naturalmente, è inutile aspettarsi supporto dai media mainstream, anzi probabilmente potrebbero potenzialmente fare il possibile per mistificare il tutto.
          • Ricky scrive:
            Re: Solito carrozzone
            Concordo, mistificheranno come al solito.Alla fine ci saranno tanti discorsi e approveranno un aborto.L'informazione sul forum la faremo,lo chiuderanno in qualche ora dopo che avremo INFORMATO :)Spero facciano una sezione apposta in cui si tratta l'argomento "dubbi sulle reali capaita' dei politici di generare cose utili alla gente".Secondo me 4 risate ce le facciamo :)Poi pero' ci tocchera' maledire qualcuno per le leggiche usciranno...
          • XYZ scrive:
            Re: Solito carrozzone
            - Scritto da: Ricky
            Concordo, mistificheranno come al solito.
            Alla fine ci saranno tanti discorsi e
            approveranno un
            aborto.
            L'informazione sul forum la faremo,lo chiuderanno
            in qualche ora dopo che avremo INFORMATO
            :)
            Spero facciano una sezione apposta in cui si
            tratta l'argomento "dubbi sulle reali capaita'
            dei politici di generare cose utili alla
            gente".
            Secondo me 4 risate ce le facciamo :)
            Poi pero' ci tocchera' maledire qualcuno per le
            leggiche
            usciranno...Quoto, ma tanto usciranno comunque volente o nolente!E perciò, perchè preoccuparsi? :)
Chiudi i commenti