Privacy, tutti contro Facebook

A non piacere, la gestione della privacy offerta dal social network: Max Schrems torna ad agire ricorrendo alla giustizia europea ed invocando la partecipazione degli utenti di tutto il mondo

Roma – Facebook è stata denunciata in Austria per questioni relative alla gestione dei dati dei suoi utenti.

A depositare la nuova denuncia nei confronti del social network è Max Schrems, studente di legge austriaco che già protagonista si era schierato contro Mark Zuckerberg, in particolare davanti alla giustizia irlandese (paese dove Facebook ha la sua sede per le operazioni internazionali), attraverso le azioni del suo gruppo Europe vs Facebook .

Con tale azione Schrems è riuscito ad ottenere da parte del social network il rispetto della normativa europea in materia di protezione dei dati ed in particolare a bloccare alcune funzioni legate al riconoscimento facciale .

La nuova denuncia riguarda invece la presunta partecipazione di Facebook al programma di intercettazioni dell’NSA PRISM , la sua policy relativa alla privacy, il tracciamento di qualsiasi utente che visiti una pagina con il pulsante “mi piace” e la mancanza di un’effettiva richiesta di consenso per l’utilizzo di molti tipi di dati.

L’azione di Schrems cerca lo status di class action ed è invitato a partecipare (paradossalmente anche attraverso il sistema di login di Facebook) qualsiasi utente che non sia residente negli Stati Uniti o in Canada: la richiesta è di 500 euro di danni a favore di ognuno dei partecipanti, per i presunti comportamenti illeciti di Facebook .

Una richiesta, spiega Schrems, volutamente bassa rispetto a casi paragonabili, perché l’intenzione del procedimento rimane quello di spingere Facebook ad adeguarsi alla normativa europea in materia.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Luppolo scrive:
    Ha ragione Microsoft
    Con quello che guadagna Samsung con Android può benissimo pagare anche qualche brevetto ... e lo pagherà, come fanno tutti.
  • ... scrive:
    Alternativa a PI?
    visto che Edizioni Master ha i libri in tribunale, immagino che tra un po Punto Informatico chiudera' i battenti o verra' venduto. Nell'ipotesi di chiusura, sapete indicare un sito alternativo? pero' lo vorrei serio, con giornalisti attenti a quello che scrivono e che chiedono scusa quando sbagliano.
    • krane scrive:
      Re: Alternativa a PI?
      - Scritto da: ...
      visto che Edizioni Master ha i libri in
      tribunale, immagino che tra un po Punto
      Informatico chiudera' i battenti o verra'
      venduto. Nell'ipotesi di chiusura, sapete
      indicare un sito alternativo? pero' lo vorrei
      serio, con giornalisti attenti a quello che
      scrivono e che chiedono scusa quando
      sbagliano....E che magari si possa scrivere da anonimi ?Mi sa che bisogna tornare alle bbs :(
    • collione scrive:
      Re: Alternativa a PI?
      reddit, hackernews, phoronix, hackaday, lifehackerno quelli italiani sono morti, ormai puntano tutti al gossip
      • krane scrive:
        Re: Alternativa a PI?
        - Scritto da: collione
        reddit, hackernews, phoronix, hackaday, lifehacker
        no quelli italiani sono morti, ormai puntano
        tutti al gossipE senza commenti che da una parola in su ti chiudono o ti denunciano o ti fanno togliere le pagine...
    • back scrive:
      Re: Alternativa a PI?
      - Scritto da: ...
      visto che Edizioni Master ha i libri in
      tribunale, immagino che tra un po Punto
      Informatico chiudera' i battenti o verra'
      venduto. Nell'ipotesi di chiusura, sapete
      indicare un sito alternativo? pero' lo vorrei
      serio, con giornalisti attenti a quello che
      scrivono e che chiedono scusa quando
      sbagliano.Non ti preoccupare scenderà in campo direttamnte il caporedattore di PI. e diventerà il proprietario del sito.
  • ... scrive:
    finche si scannano tra di loro...
    e' come per i mafiosi: finche' si scannano tra di loro, va tutto bene.
    • Nauseato scrive:
      Re: finche si scannano tra di loro...
      - Scritto da: ...
      e' come per i mafiosi: finche' si scannano tra di
      loro, va tutto
      bene.sono sempre più nauseato!
    • collione scrive:
      Re: finche si scannano tra di loro...
      - Scritto da: ...
      e' come per i mafiosi: finche' si scannano tra di
      loro, va tutto
      bene."quando avranno finito di scannarsi tra loro, chi ammazzeranno?" ( cit. Commissario Jervolino nel film Il camorrista )
  • iRoby scrive:
    Il mondo al contrario
    Che strano questo mondo che funziona al contrario, dove i mafiosi vanno nei tribunali a denunciarsi tra loro perché non riescono a farsi pagare il pizzo...
    • Nauseato scrive:
      Re: Il mondo al contrario
      - Scritto da: iRoby
      Che strano questo mondo che funziona al
      contrario, dove i mafiosi vanno nei tribunali a
      denunciarsi tra loro perché non riescono a farsi
      pagare il
      pizzo...Il mafioso che pretende il pizzo è M$, con una meschinità degna di lei (ma anche Sangsug è buona per i calli).
      • Fun Time scrive:
        Re: Il mondo al contrario
        Tutte le aziende fanno cosi. Apple, Microsoft, Google, Samsung. Appena possono lo fanno. E' pieno di notizie come questa.Quello dei diritti e' solo un altro piano dove si gioca la competizione competizione tra aziende e fino a che non lo vieta la legge non c'e' nulla di male.
        • egixe scrive:
          Re: Il mondo al contrario
          - Scritto da: Fun Time
          Tutte le aziende fanno cosi.
          Apple, Microsoft, Google, Samsung. Appena possono
          lo fanno. E' pieno di notizie come
          questa.

          Quello dei diritti e' solo un altro piano dove si
          gioca la competizione competizione tra aziende e
          fino a che non lo vieta la legge non c'e' nulla
          di
          male.Infatti, come se l'unica a portare aziende in tribunale fosse Microsoft. Lo fanno tutte, difendono i propri interessi e le proprie proprietà intellettuali, visto che questo è un diritto riconosciuto.Se non vi piace, potete prenderla con i legislatori e pretendere che le proprietà intellettuali siano libere e chi le produce campi di applausi e riconoscimenti.
          • Etype scrive:
            Re: Il mondo al contrario
            La proprietà intellettuale è solo in alcuni casi e ci si fa rientrare di tutto dentro per avere vantaggi sull'avversario,anche aspetti molto generici.La maggior parte delle volte è solo per interessi in modo da far fuori la concorrenza.
  • ... scrive:
    lotta tra gang rivali
    che lo facciano a coltellate nei vicoli oppure in giacca e cravatta nei tribunali, si tratta sempre di gang criminali che si fornteggiano. cambia il modo, non la sostanza.
Chiudi i commenti