Produttori alla ricerca del lucchetto standard

I produttori di dispositivi audio portatili sembrano decisi a sviluppare insieme uno standard per la protezione della musica. Questa volta senza i pasticci di SDMI


Los Angeles (USA) – Diversi produttori di tecnologie e dispositivi per l’elettronica di consumo si riuniscono oggi per dar vita alla Portable and Networked Audio Device Manufacturers Association (PNADMA), un’organizzazione che nei prossimi mesi tenterà di sviluppare uno standard per i player digitali portatili.

Una delle priorità della PNADMA sarà quella di riprendere in esame lo scottante tema della protezione dei contenuti, un campo dove lo scorso hanno la SDMI (Secure Digital Music Initiative) si è clamorosamente e irrimediabilmente arenata.

Le oltre venti aziende che entreranno a far parte dell’associazione sono interessate a cercare congiuntamente un sistema di protezione delle proprietà intellettuali che tenga soprattutto conto delle esigenze dei produttori di hardware.

“SDMI non ha lavorato granché bene”, ha dichiarato senza mezzi termini Tom White, presidente e CEO di MIDI Manufacturers Association e coordinatore di PNADMA. “L’industria discografica aveva le sue preoccupazioni e nel tentare di trovarvi immediata soluzione ha trascurato altre importanti priorità. Il gruppo di industrie dell’IT, fra cui i produttori, non si sono mai realmente sentiti rappresentati da SDMI”.

White si è detto fiducioso che la nuova associazione non ripeterà gli errori commessi da SDMI e riuscirà a definire uno standard che scavalchi le attuali tecnologie predominanti ma proprietarie.

“Se i produttori di dispositivi portatili non guarderanno in avanti e non si prenderanno cura del proprio futuro il mercato finirà per essere dominato da una o due aziende”, ha affermato James Fleming, l’altro coordinatore di PNADMA.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    SMS vocali per tutti
    Non capisco perchè non si lanci un servizio del genere su larga scala. Volete mettere la comodità di poter mandare un SMS dettando le parole al telefonino, invece di impazzire con i tasti alfanumerici multifunzione ?
    • Anonimo scrive:
      Re: SMS vocali per tutti
      Sono il membro di un gruppo di progetto della facoltà d'ingegneria che sta studiando l'implementazione su larga scala, nel caso conosci altre persone con il tuo stesso problema o intravedi altre difficoltà superabili, contattami a questo indirizzo labrixfrancesca@tiscali.it, grazie mille
Chiudi i commenti