Project 2003, il nuovo pargolo di Office

Office Project 2003 è il nuovo membro della famiglia di prodotti di Office 2003 che porterà nella suite di Microsoft strumenti per la gestione dei progetti e delle attività svolte nelle imprese


Milano – Microsoft ha ufficialmente presentato Office Project 2003, la nuova versione della famiglia di prodotti per la gestione di progetti. Disponibile a partire dal prossimo autunno, la linea di prodotti Project 2003 è integrata con Office System , il nome che il Big di Redmond da dato alla costellazione di software, di cui Office 2003 sarà un sottoinsieme, che faranno parte della sua futura e ormai imminente suite di applicazioni, tecnologie e strumenti per l’ufficio.

Microsoft ha spiegato che la suite di prodotti Office Project 2003 è stata progettata per rispondere alle esigenze di due specifici scenari d?utilizzo: Microsoft Office Project Standard 2003 per l’impiego stand-alone su desktop, e Microsoft Office Enterprise Project Management (EPM) Solution – che comprende Project Professional, Project Web Access e Project Server ? per l?utilizzo aziendale.

In particolare, Microsoft afferma che Office EPM Solution aiuta le aziende a migliorare integrazione dei progetti nei processi di business già esistenti ed estendere l’impiego dei tool di project management.

“Grazie a strumenti quali Project Center, dirigenti e project manager avranno la possibilità di monitorare e controllare più facilmente lo stato dei progetti e delle risorse di loro competenza all’interno dell’intera organizzazione, e potranno utilizzare i dati così raccolti per prendere decisioni più consapevoli”, ha spiegato Microsoft. “Anche i componenti dei diversi team di lavoro potranno contribuire attivamente alla realizzazione dei progetti utilizzando le applicazioni di uso comune quali Office Outlook 2003 e Windows Server 2003 con Windows SharePoint Services”.

Per gli utenti di Office 2003 sarà ad esempio possibile caricare le voci più rilevanti di un progetto direttamente all’interno del calendario di Outlook 2003 o condividerle con il resto del team attraverso le funzionalità messe a disposizione da SharePoint.

Come un po’ tutte le applicazioni che fanno parte di Office 2003, anche Project 2003 consentirà di salvare i dati in formato XML, uno standard che consente la condivisione e lo scambio dei dati fra molteplici applicazioni.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: CERTO che esiste!
    - Scritto da: Anonimo
    si chiama filetopia. :)
    Vediamo se serve chiedermi dove scaricarlo o
    riesci a trovare il sito... :P
    Suggerimento: usa www.google.com :D
    ciaoLo è SOLO se usi dei bouncer che non loggano gli accessi. Quelli di filetopia affermano che il loro server non logga, ma il loro server è contattato solo per le chat e la messaggistica e per l'inizializzazione dei download/upload; una volta iniziato il download il tuo PC si collega direttamente al PC del tuo peer ed in quel momento sia tu che lui non siete più anonimi reciprocamente. Per ottenere ciò, come ho detto, devi usare almeno un bouncer e sperare di usarne uno che non faccia il log
  • Anonimo scrive:
    Re: ma esiste un p2p veramente anonimo?
    - Scritto da: Anonimo
    Scusate se mi intromettoFigurati! ogni critica costruttiva è SEMPRE ben accetta!
    ma vorrei
    aggiungere alla conversazione quello che so
    io di freenet (l'ho anche provato una volta
    o due)
    Intanto non mi sembra he la descrizione che
    ne dai tu (telnet ...eccetera) rispecchi
    quello che ne sapevo io...mi sembrava
    parlassi di una cosa differente...ma magari
    sono io che non ho capito bene tutto.Può darsi benissimo che io parli di una cosa differente da quella che hai provato tu. La descrizione che ho dato è un riassunto di quanto ho appreso spulciando il sito www.freenet.org che tra l'altro è aggiornato a fine 97 inizio 98 e nelle FAQ fa riferimento a situazioni che erano vere tra il 94 e il 95!!! Come dicevo prima, non ho potuto provarlo perchè il link che loro presentano sulla homepage apre una connessione telnet (esattamente come descritto nelle FAQ) su un server SunOS che al login visualizza un messaggio che dice appunto che sono fuori servizio.
    Poi: freenet ti garantisce l'anonimato in
    quanto:
    1) tutte le connessioni sono criptate
    (quindi un terzo che cercasse di vedere cosa
    vi state scambiando tu e un'altro non
    capirebbe nulla ..anche se è il tuo
    provider)In tal caso non è certamente quanto descritto su quel sito
    2) quando installi freenet metti a
    disposizione una parte del tuo hard disk
    (qualche centinaio di MB, ma più è meglio è)
    che il programma utilizzerà come una specie
    di chache criptata..della quale tu NON HAI
    LA CHIAVE E NON CONOSCI IL CONTENUTO.
    In pratica se un file è molto richiesto e
    poco diffuso, freenet provvederà a farne
    delle copie in giro sui pc degli utenti,
    senza però dirlo agli utenti stessi...magari
    non copia neanche l'intero file sul tuo
    pc..magari ne copia un pezzo sul tuo e
    un'altro su quello di un altro.Sono più che mai convinto che si stia parlando di due cose diverse! tutte queste cose che dici non sono minimamente accennate nel sito. Non solo, direi che sarebbero completamente inappropriate ad un servizio come quello descritto in quel sito
    Se l'utente x richiede un file..si mette in
    coda e dopo un po' comincia ad arrivargli il
    file...ma gli ip dai quali gli arriva (un
    pezzo da uno un pezzo dall'altro)
    appartengono a persone che non sanno di
    avere il file....(e magari neanche ce
    l'hanno ...ne hanno un pezzetto).
    Davvero interessante. Quindi, in teoria, senza saperlo potresti anche avere già il file che vuoi?
    La sicurezza di freenet non sta nel
    nascondere l'ip, ma nel non avere il
    concetto di "file condivisi da tizio e
    presenti sul PC di tizio" ...se anche il
    file viene da te (ed è difficile
    dimostrarlo, perchè è criptato sull'HD e
    perchè freenet può cancellarlo in qualsiasi
    momento per fare spazio ad altre cose) tu
    non ne sei responsabile.Ho capito. A prima vista sembra davvero un'idea interessante, un approccio completamente diverso rispetto agli altri p2p che conosco
    Questo è quello che credo di avere capito
    io..spero sia utile.Eccome! l'altro mio interlocutore mi aveva mandato su questo www.freenet.org Mi puoi confermare? diversamente, qual'è il sito giusto?Thanx
  • Anonimo scrive:
    Re: ma esiste un p2p veramente anonimo?
    Scusate se mi intrometto, ma vorrei aggiungere alla conversazione quello che so io di freenet (l'ho anche provato una volta o due)Intanto non mi sembra he la descrizione che ne dai tu (telnet ...eccetera) rispecchi quello che ne sapevo io...mi sembrava parlassi di una cosa differente...ma magari sono io che non ho capito bene tutto.Poi: freenet ti garantisce l'anonimato in quanto:1) tutte le connessioni sono criptate (quindi un terzo che cercasse di vedere cosa vi state scambiando tu e un'altro non capirebbe nulla ..anche se è il tuo provider)2) quando installi freenet metti a disposizione una parte del tuo hard disk (qualche centinaio di MB, ma più è meglio è) che il programma utilizzerà come una specie di chache criptata..della quale tu NON HAI LA CHIAVE E NON CONOSCI IL CONTENUTO.In pratica se un file è molto richiesto e poco diffuso, freenet provvederà a farne delle copie in giro sui pc degli utenti, senza però dirlo agli utenti stessi...magari non copia neanche l'intero file sul tuo pc..magari ne copia un pezzo sul tuo e un'altro su quello di un altro.Se l'utente x richiede un file..si mette in coda e dopo un po' comincia ad arrivargli il file...ma gli ip dai quali gli arriva (un pezzo da uno un pezzo dall'altro) appartengono a persone che non sanno di avere il file....(e magari neanche ce l'hanno ...ne hanno un pezzetto).La sicurezza di freenet non sta nel nascondere l'ip, ma nel non avere il concetto di "file condivisi da tizio e presenti sul PC di tizio" ...se anche il file viene da te (ed è difficile dimostrarlo, perchè è criptato sull'HD e perchè freenet può cancellarlo in qualsiasi momento per fare spazio ad altre cose) tu non ne sei responsabile.Questo è quello che credo di avere capito io..spero sia utile.
  • Anonimo scrive:
    Re: pedofilia: combattiamola
    Eppure ai media (e a chi altro? E perchè?) fa comodo far credere al mondo non informatizzato che internet è un covo di pedofili/maniaci/pirati...mentre in rete la concentrazione di questi soggetti è presumibilmente uguale a quella presente FUORI....quindi:o siamo circondatio c'è qualcosa che non vaE ricordo che i bambini vengono violentati nel mondo reale.
  • Anonimo scrive:
    CERTO che esiste!
    - Scritto da: Anonimo
    esiste qualche programma dove anche se
    scambi file protettu da copyright non
    possono sapere chi sei?si chiama filetopia. :)Vediamo se serve chiedermi dove scaricarlo o riesci a trovare il sito... :PSuggerimento: usa www.google.com :Dciao
  • Anonimo scrive:
    Re: ma esiste un p2p veramente anonimo?
    - Scritto da: Anonimo
    www.freenet.orgHo visto il sito. Domanda : ma tu lo usi? Io non ho potuto provarlo perchè è attualmente fuori servizio fino ai primi di Giugno (senza dire di quale anno) !! questo è quanto affermano al login. E se lo usi, che te ne fai? sei sicuro di aver capito bene cosa è? si tratta di un server che dà accesso tramite telnet* e fornisce servizi ed informazioni prevalentemente di interesse locale, cioè della area metropolitana in cui quel server è situato (www.freenet.org "pubblicizza" in particolare la Free-Net di Detroit) e dichiaratamente di interesse educazionale e di ricerca, auto paragonandosi ad una "biblioteca comunale". In pratica tu accedi, ti si presenta il menu di un software sviluppato da loro, e questo menu ti propone di scegliere tra vari tipi di operazioni predefinite; funziona più o meno come un portale
    Il provider può sapere che sono connesso,
    conosce il mio IP e con qualche indagine può
    ricavare che sto usando FreeNet. Stop.E ti pare poco?
    l'IP diviene un
    dato perfettamente inutile. No, credimi! l'IP è quanto basta alla polizia per risalire a te
    FreeNet di fatto
    garantisce l'anonimato completoNO! Free-Net ti garantisce l'anonimato completo a livello di "come-ti-chiami-quando-sei-nato-dove-abiti-ecc..." perchè probabilmente, come winmx, neanche te li chiede, ma NON sei anonimo per nulla, perchè hai pur sempre un username che ti contraddistingue da tutti gli altri utenti di freenet sparsi per il mondo. Un poliziotto che ti intercetti sulla freenet può chiedere al gestore della stessa quale era l'IP del tuo username in quel giorno a quell'ora, con quello risalire al tuo provider e da lui a te! Il percorso può essere più o meno lungo e noioso ma certamente fattibile. Certamente il gestore della freenet non è tenuto a dare simili informazioni a chiunque, ma alle forze dell'ordine si, eccome
    Niente altro può ricavare dei miei traffici
    su FreeNetQuesto, nella fattispecie di un accesso ad una Free-Net, non è vero, perchè essendo una connessione tramite telnet essa è totalmente "clear-text", cioè non criptata, e quindi facilissimamente intercettabile e persino mistificabile da qualcuno che si trovi sul percorso tra il tuo computer e la freenet. Infatti, telnet viene usato per amministrare server Unix-like ma di solito solo da una LAN sicura dove si ha la certezza che non ci sono spioni in giro.

    Garanzia al 100% non potrà mai esistere,

    ovvero dovresti trovare un provider di

    accesso che all'atto dell'iscrizione non
    ti

    chiede nessuna informazione anagrafica

    (oppure te la chiede ma non la controlla)

    e/o non logga i tuoi accessi alla rete.

    Non è vero. Visto che non è possibile
    connettersi tramite un provider senza
    impedire che questo ricavi il tuo IPIl provider non "ricava" il tuo IP, te lo assegna!! E' lui che decide quale IP avrai durante ogni connessione
    la
    strada dovrebbe essere quella di rendere
    l'IP inutile per ricavare le informazioni
    sul tuo traffico. Fino a che la
    comunicazione tra due host in p2p avviene
    mediante IP, è ovvio che la conoscenza
    dell'IP è l'elemento che impedisce
    l'anonimatol'IP address è l'indirizzo del tuo computer su Internet, è l'unico modo che hanno altri computer per comunicare con il tuo e per il tuo di comunicare con altri; nel protocollo TCP/IP (quello usato da Internet), l'indirizzo IP è ciò che ti rende parte della rete, senza di esso su Internet non esisti, e se lo rendi "inutile" (come dici tu), semplicemente non puoi comunicare con gli altri computer
    ma niente impedisce di
    concepire reti di scambio che NON si basino
    su IP.Se per questo, esistono già altri protocolli diversi da TCP/IP, ma ognuno ha il suo equivalente dell' indirizzo IP. Capisci che è inevitabile avere un indirizzo che ti distingua univocamente nell' ambito di una rete, altrimenti non "hai voce in capitolo" nella rete medesima. E' come se tu pretendessi di ricevere telefonate senza avere un numero di telefono!!
    FreeNet è solo un esempio.FreeNet NON è per niente un esempio perchè esso si basa comunque sul protocollo TCP/IP
  • Anonimo scrive:
    Re: ma esiste un p2p veramente anonimo?

    Non conosco FreeNet e non so come funziona.
    Anzi, mi daresti il link così vedo e poi[..]
    toglie che il tuo provider di accesso ad
    Internet logghi il tuo accesso anche quando
    utilizzi questo FreeNetIl provider può sapere che sono connesso, conosce il mio IP e con qualche indagine può ricavare che sto usando FreeNet. Stop. Niente altro può ricavare dei miei traffici su FreeNet. vale a dire, l'IP diviene un dato perfettamente inutile. FreeNet di fatto garantisce l'anonimato completowww.freenet.org
    Garanzia al 100% non potrà mai esistere,
    ovvero dovresti trovare un provider di
    accesso che all'atto dell'iscrizione non ti
    chiede nessuna informazione anagrafica
    (oppure te la chiede ma non la controlla)
    e/o non logga i tuoi accessi alla rete.Non è vero. Visto che non è possibile connettersi tramite un provider senza impedire che questo ricavi il tuo IP, la strada dovrebbe essere quella di rendere l'IP inutile per ricavare le informazioni sul tuo traffico. Fino a che la comunicazione tra due host in p2p avviene mediante IP, è ovvio che la conoscenza dell'IP è l'elemento che impedisce l'anonimato. ma niente impedisce di concepire reti di scambio che NON si basino su IP. FreeNet è solo un esempio.John Capioca
  • Anonimo scrive:
    Re: pedofilia: combattiamola
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: Anonimo





    evviva il p2p


    ma abbasso la pedofilia!





    per combatterla leggete una procedura
    qui:








    http://www.newsland.it/nr/article/it.comp.sof





    --


    melomane



    Che 2 °° ma sei maniaco anche tu pero!

    La pedofila non si pratica certo via rete

    ... in tailandia se hai questi gusti ti

    tocca di andarci di persona!



    cosa diavolo (è il caso di dirlo) c'entra
    la

    pedofilia col P2P? ...

    Certamente non si "pratica" via rete, ma la
    si può organizzare e far proliferare, vedi
    molti casi passati raccontati anche da
    giornali e telegiornali. Comunque concordo
    che il P2P sia certamente l'ultima ruota del
    carro in questo contesto

    LukeAppunto!
  • Anonimo scrive:
    Re: pedofilia: combattiamola
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    evviva il p2p

    ma abbasso la pedofilia!



    per combatterla leggete una procedura qui:




    http://www.newsland.it/nr/article/it.comp.sof



    --

    melomane

    Che 2 °° ma sei maniaco anche tu pero!
    La pedofila non si pratica certo via rete
    ... in tailandia se hai questi gusti ti
    tocca di andarci di persona!

    cosa diavolo (è il caso di dirlo) c'entra la
    pedofilia col P2P? ...Certamente non si "pratica" via rete, ma la si può organizzare e far proliferare, vedi molti casi passati raccontati anche da giornali e telegiornali. Comunque concordo che il P2P sia certamente l'ultima ruota del carro in questo contestoLuke
  • Anonimo scrive:
    Re: pedofilia: combattiamola
    - Scritto da: Anonimo

    evviva il p2p
    ma abbasso la pedofilia!

    per combatterla leggete una procedura qui:

    http://www.newsland.it/nr/article/it.comp.sof

    --
    melomaneChe 2 °° ma sei maniaco anche tu pero!La pedofila non si pratica certo via rete ... in tailandia se hai questi gusti ti tocca di andarci di persona!cosa diavolo (è il caso di dirlo) c'entra la pedofilia col P2P? ...non sarai mica di quelli con la bibbia e la croce in mano ... fustigatori di costumi che poi quando sono in sacrestia (vedi vescovi americani) si mettono ad annusare l'aria a caccia di ragazzini?
  • Anonimo scrive:
    Re: pedofilia: combattiamola
    - Scritto da: nop

    Il fatto che un file si chiama
    pamelaanderson.jpg non implica certamente
    che la foto si tratti realmente della
    tettuta californiana...
    Se poi appena l'ho scaricata la cancello
    certamente tu non ti accorgi che l'ho
    cancellata. Pero' la tua opera di delatore
    si sarà già avviata....Si, quello che dici è assolutamente vero e certamente può verificarsi in caso di file di piccole dimensioni quali appunto le immagini jpeg che si scaricano in pochi minuti, ma quando si tratta di video, dove è prassi comune verificare l'autenticità dei medesimi durante il download, le giustificazioni a mio parere si riducono drasticamente, anche se non si annullano perchè so bene che alcune volte il download inizia e/o termina durante la nostra assenza quando non possiamo certo verificare il contenuto di quanto si sta scaricando. Comunque a me aveva fatto ribrezzo il tono schifato della risposta ad una proposta magari opinabile ma certo non spregevole come "quell'altro" invece vuole fare intendere. Dovendo scegliere tra i due estremi, io sono MOLTO più vicino alla posizione di "melomane"
  • Anonimo scrive:
    Re: ma esiste un p2p veramente anonimo?
    - Scritto da: Anonimo
    Cioè, hai detto che WinMX non garantisce
    l'anonimato, dal momento che mostra gli IP
    di ogni utente.Più o meno si, ho detto questo. Per la precisione : winmx di per sè non mostra nessun IP, ma nulla ti vieta di andare al prompt di ms-dos e digitare il comando "netstat -an" durante un download o un upload per vedere l'indirizzo del tuo peer

    FreeNet è anonima, proprio perchè il
    concetto di IP non esiste. Ma dire che sia
    un p2p sarebbe una falsità.Non conosco FreeNet e non so come funziona. Anzi, mi daresti il link così vedo e poi magari ti do il mio parere (se ti interessa ovviamente ;-) ). In ogni caso di sicuro su Internet non si può prescindere dall' indirizzo IP, quindi forse il servizio offerto da questa FreeNet in sè può non essere vincolato ad alcun IP ma ciò non toglie che il tuo provider di accesso ad Internet logghi il tuo accesso anche quando utilizzi questo FreeNet
    Che io sappia
    ancora non esiste un p2p che garantisca
    l'anonimato, impedendo alla gdf di risalire
    da qualche dato (ip, solitamente)
    all'identità.Garanzia al 100% non potrà mai esistere, ovvero dovresti trovare un provider di accesso che all'atto dell'iscrizione non ti chiede nessuna informazione anagrafica (oppure te la chiede ma non la controlla) e/o non logga i tuoi accessi alla rete. A dire il vero, questo attualmente succede molto spesso, soprattutto tra gli internet point, ma anche tra i provider che danno accesso "free"; cioè : magari loggano tutto (perchè è anche nel loro interesse loggare gli accessi), ma probabilmente non verificano TUTTE le anagrafiche degli iscritti e non mi stupirei se non ne verificassero proprio nessuna poichè i provider "free" non hanno alcun interesse diretto a sapere chi sei. Cosa diversa sono i provider a pagamento che l'interesse diretto ce lo hanno eccome se vogliono essere sicuri che verranno pagati!
  • Anonimo scrive:
    Re: ma esiste un p2p veramente anonimo?
    Cioè, hai detto che WinMX non garantisce l'anonimato, dal momento che mostra gli IP di ogni utente.FreeNet è anonima, proprio perchè il concetto di IP non esiste. Ma dire che sia un p2p sarebbe una falsità. Che io sappia ancora non esiste un p2p che garantisca l'anonimato, impedendo alla gdf di risalire da qualche dato (ip, solitamente) all'identità.John Capioca
  • Anonimo scrive:
    Re: pedofilia: combattiamola
    - Scritto da: Anonimo
    Ma guarda un po'!
    Personalmente mi fa orrore la pedofiliameno male....
    ma
    la gente come te mi fa ribrezzo più dei
    pedofili.Complimenti! sei stato appena eletto "testa di ca**o" del mese!
    Essere un delatore e magari
    mettere nei guai un altro che , forse a sua
    insaputa, ha dei files di pedopornografia è
    da pena di morte.
    FORSE A SUA INSAPUTA!!!!!!??????? HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA!! Certo! Mò uno scarica solo per il gusto di farlo senza nemmeno guardare ciò che con tanta pazienza ha atteso di avere!!!! Ma vai in c**o demente!!
    Vai a leccare gli sbirri , su da bravo Fido!E tu tornatene nel tuo ghetto di disperati, cretinoVai "melomane", non dar retta a questo idiota senza patente per esserlo, e grazie per la dritta!Luke
    • nop scrive:
      Re: pedofilia: combattiamola

      FORSE A SUA INSAPUTA!!!!!!???????
      HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA!! Certo! Mò uno
      scarica solo per il gusto di farlo senza
      nemmeno guardare ciò che con tanta pazienza
      ha atteso di avere!!!! Ma vai in c**o
      demente!!Il fatto che un file si chiama pamelaanderson.jpg non implica certamente che la foto si tratti realmente della tettuta californiana...Se poi appena l'ho scaricata la cancello certamente tu non ti accorgi che l'ho cancellata. Pero' la tua opera di delatore si sarà già avviata....Ricordati che accusare senza prove precise .... (cosa che dovrebbe essere riservata agli ispettori di polizia) è sicuramente cosa sbagliata..... spero per te di non provarlo sulla tua pelle.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: ma esiste un p2p veramente anonimo?
    - Scritto da: Anonimo
    http://www.earthstationv.com/download.html
    Usa SSL per trasferire dati ....SSL serve a criptare i dati durante il tragitto, non a fornire anonimato, cioè serve ad impedire che qualcuno che stia sniffando il traffico tra 2 peer, non possa dedurre se si stia trasferendo la tal canzone piuttosto che il tal film. In altre parole, non può sapere COSA si sta trasferendo ma può sapere CHI sta trasferendo
    che sono
    trasmessi addirittura in udp e multicastUDP non garantisce anonimato. Tutt'al più rende più difficile capire la DIREZIONE del trasferimento.Multicast non garantisce anonimato, tutt'altro : fornisce un metodo efficiente di creazione di una rete privata invece che pubblica, dove per "privata" si intende che solo determinati e ben precisi peer (identificati dal loro indirizzo IP) possono partecipare alla rete.
    (quindi non si può più parlare di p2p)Non c'entra niente! p2p significa peer-to-peer che significa "da pari a pari" che significa che non ci sono tanti "client" che si collegano a pochi (o un solo) "server", bensì che ogni nodo della rete può fungere simultaneamente sia da "client" che da "server".
    in
    più essendo udp e multicast ben
    difficilmente riusciranno a bloccare i
    flussiFalso. I flussi si possono sempre bloccare esattamente come prima, nè più nè meno, perchè in tutti i casi si parla di pacchetti di dati che si originano da un nodo e vanno verso un altro e quindi possono essere bloccati da eventuali nodi intermedi che volessero farlo.
    come ultima cosa usa pgpdisk per
    criptare tuttle la cartella dei file in
    downloadCarino. Ma poco più che un orpello che comunque non c'entra niente con l'anonimato
    .. sulla carta FA PAURA!!!!... a nessuno, aggiungo io. Tra l'altro, ti sei dimenticato di dire l'unica caratteristica di questo nuovo software che può davvero aiutare un pò (anche se non garantire del tutto) l' anonimato : il supporto per i trasferimenti via "bouncer"E ti sei dimenticato di un'altra funzionalità che non serve all'anonimato ma è molto utile in questo nuovo mondo Internet controllato dai firewall : il "download pushing", dove in pratica se tu vuoi scaricare da uno che sta dietro un firewall (ad es: dagli abbonati fastweb) puoi chiedere al suddetto peer di fare un upload verso di te, così da scavalcare il suo firewall, a patto ovviamente che tu a tua volta NON sia dietro un firewall
  • Anonimo scrive:
    Re: pedofilia: combattiamola
    Ma guarda un po'! Personalmente mi fa orrore la pedofilia, ma la gente come te mi fa ribrezzo più dei pedofili. Essere un delatore e magari mettere nei guai un altro che , forse a sua insaputa, ha dei files di pedopornografia è da pena di morte.Vai a leccare gli sbirri , su da bravo Fido!
  • Anonimo scrive:
    pedofilia: combattiamola
    evviva il p2pma abbasso la pedofilia!per combatterla leggete una procedura qui:http://www.newsland.it/nr/article/it.comp.software.p2p/25594.html--melomane
  • Anonimo scrive:
    Re: ma esiste un p2p veramente anonimo?
    Veramente FreeNet sembra abbastanza promettente. Il massimo che possono sapere e` che tu lo usi, ma nulla piu`. Certo nel caso ci sia "legittimo sospetto" (?) nulla impedisce che ti piombino in casa e si impossessino del tuo hard disk....
  • vegeta scrive:
    Re: ma esiste un p2p veramente anonimo?
    - Scritto da: Anonimo
    esiste qualche programma dove anche se
    scambi file protettu da copyright non
    possono sapere chi sei?no
  • Anonimo scrive:
    ma esiste un p2p veramente anonimo?
    esiste qualche programma dove anche se scambi file protettu da copyright non possono sapere chi sei?
    • Anonimo scrive:
      Re: ma esiste un p2p veramente anonimo?
      - Scritto da: Anonimo
      esiste qualche programma dove anche se
      scambi file protettu da copyright non
      possono sapere chi sei?Un software p2p che si "rispetti" è sempre anonimo. Io uso solo winmx e non ho mai visto gli altri percui non posso sapere se gli altri lo siano o meno ma se sono "seri" sono anonimi. In ogni caso, l'anonimato fornito dal software p2p non ti salva dal fatto che il tuo provider di accesso ad Internet registra la tua connessione (e sa chi sei) quindi, anche se il software p2p di per sè non rivela la tua identità (peraltro non la sa neanche lui e non gli interessa saperla), un agente della GdF con lo stesso software p2p che stai usando te può scaricare da te come qualsiasi altro utente anonimo (anonimo nel contesto del software p2p), così da venire a sapere il tuo indirizzo IP, da quello risalire al tuo provider, chiedere a lui (come è in suo potere), chi era connesso quel giorno a quell'ora con quel indirizzo IP e perciò arrivare a te. Tutto questo percorso può essere reso più lungo e complicato per il finanziere di turno in presenza di reti p2p che implementino i cosiddetti "bouncer", me se ci si mette di impegno e tutti i bouncer e provider coinvolti adempiono al loro dovere prima o dopo raggiunge la sua mèta (tu!)
    • Anonimo scrive:
      Re: ma esiste un p2p veramente anonimo?
      http://www.earthstationv.com/download.html Usa SSL per trasferire dati che sono trasmessi addirittura in udp e multicast (quindi non si può più parlare di p2p) in più essendo udp e multicast ben difficilmente riusciranno a bloccare i flussi, come ultima cosa usa pgpdisk per criptare tuttle la cartella dei file in download.. sulla carta FA PAURA!!!!Per chi invece preferisce evitare lo stress del betatester suggerisco questa simpatica la palla antistress:http://www.nweb.it/risorse/AntistressBall.zipCiao ;-)- Scritto da: Anonimo
      esiste qualche programma dove anche se
      scambi file protettu da copyright non
      possono sapere chi sei?
  • Luca Schiavoni scrive:
    Re: Meglio Kazaa o WinMx
    ciao!come ho detto spesso nella mia rubrica Download (qui su Punto Informatico)... cosa sia meglio e' sempre mooolto relativo.Si tratta comunque di programmi gratuiti, scaricabili ed installabili in pochi minuti.E' piu veloce prenderli e provarli e farsi una propria idea.. piuttosto che sentire i commenti di chi li usa, che inevitabilmente ha una idea propria e soggettiva.Troverai sempre i fanatici di uno o l altro sistema, programma, rete.. che poco obiettivamente elogiano uno e affossano l'altro. Fatti una idea tua, dai retta a me :)e vediti i recenti numeri di Download relativi al P2P!Download: P2P Reloaded!http://punto-informatico.it/p.asp?i=44431Download/ Condividi et imperahttp://punto-informatico.it/p.asp?i=43254Download/ Share! Share! Share!http://punto-informatico.it/p.asp?i=43098Software/ Gli scambisti digitalihttp://punto-informatico.it/p.asp?i=41476buone prove ! :)LucaSps -
    WinMX dovrebbe essere privo di spyware, ha
    un grafica piu' accattivante Kazaa (quello vero) ha le skin !!! :)
  • Anonimo scrive:
    Re: Meglio Kazaa o WinMx
    Kazaa è il software piu' scaricato al mondo, quindi un bacino di utenti quasi illimitato, potrebbe installare qualche spyware (ma facilmente rimovibili con del software specifico) e ha un ottimo motore p2p.WinMX dovrebbe essere privo di spyware, ha un grafica piu' accattivante e meno pesante (secondo me) ma ha la gestione delle code che è estenuante...Io sono cmq per Kazaa.
  • Anonimo scrive:
    Meglio Kazaa o WinMx
    salve... volevo chiedervi secondo voi è meglio Kazaa o WinMx? vorrei usarne uno ma non so i pro e i contro.
  • Anonimo scrive:
    Re: sempre ricco di spyware?
    direi che visto il numero di download, lo spyware se lo possono cuccare i pollacchioni, io vedo di beccarmi la versione lite.non credo che perderanno molto ... inoltre è una contraddizione in termini ... fanno un programma che permette di rubare infinitamente ... che cosa vogliono, che nessuno provi a fare a loro quello che fanno loro?hehehsarebbe simpatico vedere Kazaa che porta in tribunale Kazaalite :))))
  • Anonimo scrive:
    Re: sempre ricco di spyware?
    - Scritto da: Anonimo
    è sempre incriccato di spyware o no?Io direi di adware con cui quelli campano e sviluppano il prodotto. Vedi tu se preferisci "lite"
  • DKDIB scrive:
    Re: sempre ricco di spyware?
    Kissa'... io di certo non mi scomodo a ctrl! :D
  • DKDIB scrive:
    Re: già fuori la versione lite?
    Basta guardare sul sito. ;)http://www.k-lite.tk/Fra l' altro questa release (2.1.1) includera' pure KaNAT.
  • webalex scrive:
    Re: già fuori la versione lite?
    - Scritto da: Anonimo
    qualcuno sa se tutte queste belle figate
    sono già in versione lite?

    --
    melomaneInfatti, non crederanno mica di affibbiarci la versione imbottita di spyware e cavolate varie.....
  • Anonimo scrive:
    sempre ricco di spyware?
    è sempre incriccato di spyware o no?
  • Anonimo scrive:
    già fuori la versione lite?
    qualcuno sa se tutte queste belle figate sono già in versione lite?--melomane
Chiudi i commenti