Pubblicità web, confermata la crescita

Perdono i banner e crollano gli SMS ma acquistano valore le nuove soluzioni. Fatturati in crescita più della media del settore. Lo afferma lo studio sul 2003 di IAB-AcpOnline


Roma – I segnali di ripresa del mercato pubblicitario online si stanno consolidando e gli investimenti aumentano. Lo afferma l’Osservatorio dedicato di IAB-AcpOnline che in una nota parla di una crescita del fatturato pubblicitario del 4 per cento nel 2003 rispetto all’anno precedente.

Il dato deriva dalla raccolta pubblicitaria delle concessionarie online che partecipano all’Osservatorio e che nel 2003 hanno registrato un fatturato di 103,4 milioni di euro.

“Internet chiude quindi l’anno assimilandosi alla tendenza generale di tutti i media classici rilevati da Nielsen Media Research – spiega la nota – che ha proiettato la chiusura del mercato “tradizionale” (al netto del web) ad un +3.3%, ma con degli andamenti per singolo mezzo molto diversi tra loro: i quotidiani perdono infatti un 1.3%, i periodici chiudono a +1% mentre la tv (che rappresenta il 54% del totale fatturato pubblicitario italiano) ha chiuso il 2003 con un incremento del 4.9%. I mezzi “minori” come radio (+15.9%), affissioni (+3.2%) e cinema (+14.9%) sono quelli che hanno visto (in un anno che è stato di crisi per almeno tutto il primo semestre) i maggiori incrementi”. In questo quadro, continua la nota, ” Internet ha un andamento leggermente più positivo del totale mercato e mostra un totale fatturato che, a questo punto, è decisamente più importante di quello prodotto dal cinema; ciò dimostra che gli investitori lo utilizzano e lo considerano ormai un media pubblicitario a tutti gli effetti, inserendolo nel media mix della loro comunicazione al pari degli altri media”.

Rispetto al 2002, nel 2003 fa il suo ingresso nella tipologia delle pubblicità online il keyword advertising , un settore in forte crescita (vedi anche l’intervista di PI ad Overture ).

“Il keyword advertising – spiega IAB – è una tipologia nuova per il mercato italiano, praticamente inesistente fino agli ultimissimi mesi del 2002 ed usata, fino ad allora, solo a livello di test da parte di alcuni clienti. Nel 2003, invece, questa tipologia ha contribuito al totale fatturato per un 9% del totale modificando il modo di investire sul web rispetto agli anni scorsi, e confermando che la flessibilità del mezzo Internet viene ben recepita dai clienti che iniziano ad imparare ad utilizzarlo correttamente a seconda delle loro esigenze. Il dettaglio delle tipologie segnala un calo dei tradizionali banner, che ormai rappresentano meno del 40% del totale, a fronte di un incremento delle sponsorizzazioni e dell’email marketing”.

Di interesse segnalare come i dati raccolti insieme a PricewaterhouseCooper indichino il calo del valore del comparto banner (-16,8 per cento) e di quello SMS (- 29 per cento).

I dati e gli approfondimenti sono disponibili qui

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    NON MOLLARE E VIVI SERENO
    Ho letto quello che ti è capitato a volte la nostra curiosità è legata a leggi assurde.Hai tutta la mia solidarietà e comprensione, non farti scoraggiare da ciò che ti è successo, gli intelligenti capiranno, tutta la rete è con te.
  • Anonimo scrive:
    Ma dopo quanto tempo???
    Possibile che la polizia si è decisa a fare la visita a casa sua dopo ben 2 anni dal fatto compiuto? Cosa hanno fatto in 2 anni?
  • Anonimo scrive:
    Problema molto singolare
  • Anonimo scrive:
    Ti sono vicino !
    Ciao, se vuoi puoi ritrovare le amicizie iniziando proprio da quell'internet che ti ha "disturbato" ! Vienici a trovare in chat, in mail, sui NG, siamo qui, io sono Gigio2k , mi trovi su server irc.azzurra.net canili #visualbasic #nokia e #gigio2k , come me sono sicuro che ci sono tanti altri pronti a darti conforto ! Bada bene, non per pena e compassione, solo per confortare uno sfortunato ! A presto.
  • SirParsifal scrive:
    Re: Come tutelarsi?

    Rispondo solo a questo, anche perché
    il post è vecchio di secoli.Purtroppo l'argomento è sempre troppo attuale...
    Non si rivolgevano ai bambini con quella
    frase (che era nelle FAQ). Probabilmente ti
    confondi con altri siti.Sono FAQ generiche, rivolte a tutte. Tranquillo che non mi confondo con la lettera di P ai bambini (conosco bene anche quella).
    Uffa. Capisci la differenza tra
    libertà di *opinione* e di
    pestare/massacrare? Se c'è chi pesta
    e massacra va arrestato perché pesta
    e massacra, non perché "è
    fanatico".E tu capisci che razzismo, violenza, fanatismo sono male piante che vanno combattute sin dal momento in cui germogliano? I diritti non sono a senso unico, ma vanno bilanciati con i diritti altrui.
  • Anonimo scrive:
    Re: Come tutelarsi?
    - Scritto da: SirParsifalRispondo solo a questo, anche perché il post è vecchio di secoli.
    quella in cui si rivolgevano ai bambiniNon si rivolgevano ai bambini con quella frase (che era nelle FAQ). Probabilmente ti confondi con altri siti.
    Premesso che non credo a quello che loggo
    sui giornali (preferisco leggere i lanci di
    agenzia piuttosto che le notizie
    rielaborate... devo dire che sei parecchio
    informato in materia. Il fatto che le
    password le abbia consegnate lui è
    una tua interpretazione o hai una fonte?Su tutte un'intervista (audio) a Marcello La Bella, dirigente della Polizia Postale di Catania (con la sua voce, insomma non una cosa trascritta dal giornalista) che dichiara (testuali parole): "Il sito, con la collaborazione comunque dell'arrestato che ci ha fornito la password, per accedere da remoto dal nostro ufficio, è stato rimosso nel suo intero contenuto"

    Non si può. La libertà di

    pensiero deve essere assoluta, ferma e

    totale.
    Benissimo. Sediamoci ed lasciamo che un
    novello Adolf Hitler organizzi un nuovo
    olocausto. Poi quando i fanatici andranno in
    giro ad organizzare pestaggi o massacri lo
    spieghi tu alle vittime che c'è la
    libertà di opinione...Uffa. Capisci la differenza tra libertà di *opinione* e di pestare/massacrare? Se c'è chi pesta e massacra va arrestato perché pesta e massacra, non perché "è fanatico".
  • SirParsifal scrive:
    Re: Come tutelarsi? (2)
    segue...
    Se c'è un comizio di un partito
    politico a te particolarmente avverso, te ne
    vai da un'altra parte oppure li vai a menare
    tutti?Se si tratta di un partito politico che propone l'odio razziale, o istiga a commettere reati presento una formale denuncia alle autorità preposte. Mi sembra di aver già scritto che non credo nei giustizieri della notte.
    Su quel sito, per la cronaca, non s'è
    mai detto che avere rapporti sessuali con un
    minore sia legale. Questa potrebbe essere
    l'unica "affermazione incontrollata", ma
    comunque, se anche per assurdo ci fosse
    stato scritto, comunque Internet è
    piena di cazzate. Bene, ora c'è qualche cazzata in meno. Non che il fatto che tutti buttano il pattume dalla finestra ti autorizza a buttarlo pure te...
    Personalmente ritengo la coerenza una grande
    virtù ma in mano a troppe poche
    persone. Sai spesso si chiama coerenza solo l'ottusità di non vedere le estreme conseguenze delle proprie posizioni. E si chiama incoerenza il coraggio di interrogarsi, confrontarsi con gli altri e modificare le proprie posizione se ci si accorge che non sono giuste.
    Quando si parla di tante cose sono
    tutti bravi a inneggiare alla libertà
    di pensiero, quando si toccano argomenti
    scomodi molti scappano con la coda tra le
    gambe. Avrei preferito fossi a favore della
    censura di *qualunque* cosa che non ti stava
    bene. Probabilmente mi avresti deluso lo
    stesso, ma almeno eri coerente.Non so che farci. Non credo comunque che ci perderò il sonno...Cmq se vuoi esempi di coerenza puoi guardare a uomini come Hitler, Stalin, Mao tutti coerenti fino in fondo.
    Boh, per me possiamo pure chiuderla qui,
    tanto ormai siamo in loop.Ok. Ciao
  • SirParsifal scrive:
    Re: Come tutelarsi?

    Non mi riferivo tanto al singolo post,
    quanto ai successivi tuoi interventi nel
    thread.Cosa c'è che non va bene?Il fatto che ignorassi certe particolarità dell'ex presidente? Il fatto che all'epoca lo considerassi una persona eccezionale? Non mi vergogno certo ad ammetterlo, ma se le tue critiche sono basate su una vecchia discussione... bhé lasciamo perdere. Tra l'altro successivamente riconobbi pubblicamente che LordArthur aveva ragione in merito al soggetto in questione.http://tinyurl.com/2ywqcDetto questo trovami una mia affermazione in cui invito ad attaccare siti di qualsdiasi genere (è di questo che si parlava) oppure non sprecare bit inutilmente.
  • SirParsifal scrive:
    Re: Come tutelarsi?
    La parola apologia vuol dire tante cose.Mica così tante. Prendiamo il dizionario deMauro. Offre tre significati.1) nell'antica atene discorso di autodifesa pronunciato dal condannato;2) discorso o scritto di digesa o esaltazone di qls o qln;3) nell'antica liturgia cattolica, preghiera per chiedere perdono delle proprie colpe.Giuridicamente poi, ha un significato molto piuttosto preciso.
    In ambito giuridico, indica il presentare
    come moralmente accettabile un'azione che
    costituisca reato. Va distinta
    dall'istigazione a delinquere, in cui si
    cerca di convincere altri a commettere quel
    reato.Giusto per la sussistenza del reato di apologia di delitto (che deve essere qualificato come reato formale o di pura condotta, di pericolo e per il quale è sufficiente la sussistenza del dolo generico) non basta che l'agente si sia limitato ad esprimere un'opinione positiva o favorevole su un delitto o su chi lo ha commesso, ma si richiede una condotta consistente nella lode e nell'esaltazione suggestiva, fatte cioè con espressioni e modalità tali da renderle idonee alla propaganda. (cfr Cass. pen., 10/03/1981). Tra l'altro osserviamo che l'art.303 del cp è stato abrogato dall'art. 18, L. 25 giugno 1999, n. 205 sulla depenalizzazione.Di Pannella prefersco non parlare (è assurdo che nessuno abbia avuto il coraggio di condannarlo per quell'epuisodio) mentre per quanto riguarda
    Istigazione a delinquere: vogliamo parlare...
    stati mai condannati? Assolutamente no,
    perché (giustamente) prevale la
    libertà di espressione, che rende
    quindi incostituzionale qualunque reato
    d'opinione.il fatto che non sia stati condannati non significa nulla. Esistono norme piuttosti precise in materia. Sul reato di opinione è appena il caso di segnalare alcune sentenze "A seguito della sentenza interpretativa della Corte cost. n. 65 del 1970, l'apologia di reato punita dall'art. 414 ultimo comma c.p. deve considerarsi reato a pericolo concreto; pertanto la condotta di chi compia l'esaltazione di un fatto o del suo autore al fine di spronare altri all'imitazione o anche solo per negare la ripugnanza del fatto o del suo autore, deve tradursi in un comportamento che abbia probabilità di un effetto suggestivo tenuto conto della qualità dell'agente e della massa generalizzata di persone potenziali recettrici delle espressioni apologetiche. (Nella specie, la S.C. ha ritenuto che configurasse il reato "de quo" la condotta di un sindaco che, relativamente ad un omicidio compiuto ai danni di un tunisino, aveva affermato al telegiornale di una emittente televisiva nazionale che "nella medesima situazione anche lui avrebbe fatto lo stesso" e che "così il tunisino non poteva più nuocere a nessuno" e, in due quotidiani, che anche lui avrebbe fatto altrettanto, "anzi avrebbe ammazzato lo spacciatore, con le sue mani").Cass. pen., Sez.I, 05/06/2001, n.26907ed ancora "Per la configurabilità del delitto di cui all'art. 414 c.p. è sufficiente la formulazione di un giudizio favorevole del fatto delittuoso, trattandosi di una figura di reato con evento di pericolo presunto. (Fattispecie relativa ad apologia dei reati di strage e di omicidio fatta in aula di giustizia).Cass. pen., Sez.I, 20/06/1994In merito alla libertà di pensiero è stato affermato che La libertà di manifestazione del pensiero non può ritenersi assoluta, ma deve trovare limiti nella necessità di proteggere altri beni di rilievo costituzionale e nella esigenza di prevenire o far cessare turbamenti della sicurezza pubblica, la cui tutela costituisce una finalità immanente del sistema (fattispecie in tema di istigazione per delinquere e apologia di reato).Cass. pen., 18/03/1983
    Apologia di reato: vogliamo parlare dellaLasciamo pedere la lega, mi piacerebbe affrontare un argomento alla volta. Cmq sono contrario alla possibilitòà di esprimere liberamente opinioni razziste xnofobe ed alla possibilità di incutare alla violenza ed allo sterminio delle razze inferiori. Se questo è essere contro la libertà di opinoine, benissimo, ammetto la mia colpa. Ma nessuno mi potrà mai accusare di aver tollerato che, nascondendosi dietro un presuto diritto, qualcuno abbia offeso, ingiuriato o violentato (anche quella morale è violenza) una altro essere umano.
    Nel resto d'Europa, come nel mondo (Carta
    dei Diritti dell'Uomo) il diritto ad
    esprimere la propria opinione, per quanto
    scomoda sia, è assolutamente fermo e
    totale.Prova a comperare Main kampf in germania e vedi se lo trovi.
    In Paesi notoriamente democratici, esistono
    associazioni di pedofili legalmente
    riconosciute e -ripeto- ALLA LUCE DEL SOLE.Purtroppo. Che ci vuoi fare esisto anche stati in cui vi è il carcere per chi utilizza internet, non è che il solo fatto che una cosa sia lecita in un altro stato la rende buona e giusta.
    Questi Paesi non sono in qualche sperduta
    isola del Pacifico, ma ad esempio in
    Germania, Olanda, Canada e USA. Questo
    perché, in questi Paesi, nessuno
    viene condannato per quello che dice o pensa
    (solo in Germania si è condannati per
    apologia ma solo se si fa apologia del
    nazismo, non per altre cose).Allora accettiamo l'apologia solo quando ci fa comodo?
    Alle autorità per apologia,
    all'opinione pubblica per far capire che
    (secondo loro) in Italia si fa qualcosa
    contro siti di associazioni che sono
    completamente legali.Mi pare che ci stiamo girando intorno... Cmq il riassunto è che la libertà di pensiero è a doppio senso. Devi per forza accettare che qualcuno si batta pubblicamente contro certe ideologie. Ribadisco: sono convinto che la libertà di opinione debba incontrare dei limiti e questi limiti sono rappresentati dal reato di apologia e di istigazione. Se tu non sei d'accordo, amen, ma non puoi certo lamentarti che io esprima pubblicamente il mio dissenso per certe ideologie.
    No. Il sempre è appunto *sempre*.
    Senza NESSUNA eccezione.La vediamo diversamente.
    Non è che si dice "una legge è
    sbagliata perché lo è",...
    Se dico "fumare una canna è giusto"
    è apologia? Probabilmente sì,No. Diventa apologia nel momento in cui inviti la gente a fumare cannabis o la distribuisci. C'è un quid pluris rispetto al semplice contestare la legge: inviti a violarla.==================================Modificato dall'autore il 16/04/2004 18.23.11
  • SirParsifal scrive:
    Re: Come tutelarsi?

    Non ce l'ho.Peccato
    Questo è impossibile, è stato
    sequestrato il sito e il PC dell'indagato.Si ma poteva esserci il sospetto che l'indagato inquinasse altre prove (altri siti web, web mail o altro). Cmq già la il venire meno del rischio suddetto potrebbe essere un valido motivo di cessazione della misura custodiale.[...]
    Probabile che ci sia l'assoluzione con
    formula piena, o al massimo con formula
    dubitativa. Non esiste più l'assoluzione con formula dubitativa.
    Se anche si arrivasse fino al
    ricorso alla Corte Europea dei Diritti
    dell'Uomo, ci sarebbe assoluzione piena.Ma che stai dicendo? Mi sa che non hai la più pallida idea di come funzioni il sistema giudiziario italiano. La CEDU non ha il potere di assolvare o condannare, ma solo di comminare sanzioni agli stati membri che non rispettino la Convenzione Europea dei diritti dell'Uomo.
    Praticamente non può muoversi.Ho capito che non hai capito nulla. Ti invito quindi a rileggerti l'articolo che ho scritto e ad osservare che " In particolare il 274 prevede che ..." e ti citavo il testo dell'articolo del codice di pp. Il fatto che non ti stia bene o che non ti piaccia mi è francamente indifferente: è legge dello stato e ad esso fanno riferimento i magistrati. I punti A) B) e C) sono i tre casi in cui è possibile sottoporre un soggetto a misure cautelari. Non c'entrano nulla (se non dal punto di vista processual penalistico) con il caso in questione. Né tu né io abbiamo i mezzi per valutare come e perché sia stata richiesta la misura cautelare. Possiamo solo fare supposizioni.
    No, non intendevo questo. Intendevo dire che
    nonostante la presenza costante di due
    associazioni antipedofile proprio in Sicilia
    (da cui è certamente partita la
    segnalazione, altrimenti spiegami
    perché non hanno passato la
    competenza a Treviso o Venezia), il TdL
    catanese non s'è lasciato soggiogare.Soffri mica di manie di persecuzione? Su un provvedimento della procura di Caltagirone che doveva decidere il TdL di Paperopoli?
  • Anonimo scrive:
    Re: Come tutelarsi?
    - Scritto da: SirParsifal
    Io sono fermamente convinto che vi debba
    essere libertà di opinione, piena ed
    assoluta.E fin qui ok.
    L'unico limite deve essere quello
    sancito dalla Costituzione italiana e dalla
    dichiarazione internazionale dei diritti
    dell'Uomo.La Costituzione pone dei limiti generici e prettamente culturali. La dichiarazione dei diritti dell'Uomo invece non mi risulta ponga limiti alla libertà di espressione (vado a memoria, se hai un link esplicativo al singolo articolo vedo di esaminarlo meglio).
    Quello che la Carta
    Costituzionale chiama "buon costume"
    è di fatto il rispetto per gli altri.No. O meglio, in parte sì e in parte no.Legalmente parlando, le cose "contrarie al buon costume" all'epoca della stesura della Costituzione erano anche gli spettacoli dove si vedevano le gambe delle donne.Il problema è che legge e morale non dovrebbero mai andare di pari passo. Perlomeno in uno Stato laico e democratico (un po' come la storia del crocefisso nelle scuole e negli uffici pubblici). Il costume cambia nel tempo, e comunque è cosa puramente soggettiva (motivo per cui continuo a credere che non possano andare di pari passo legge e morale).Per quello che diciamo e pensiamo non dobbiamo essere condannati."Ecco chi ci processa! - Piergiorgio Bonora indicando un crocifisso, Aula Paolo Borsellino del Tribunale di Bologna, 13/2/97, h.9.00" (Lasciate che i bimbi, capitolo II°, Luther Blissett, Castelvecchi 1998)
    Nel momento in cui io invito i cittadini a
    trasgredire alle leggi (e nulla valgono
    dichiarazioni contrarie, quando il contenuto
    del sito è palese)L'hai mai visto il sito di cui stai parlando?Evidentemente no, per fare di queste dichiarazioni.Che poi i giornalisti abbiano voluto dire assurdità (Qualche esempio: "giornale online" quando veniva aggiornato ogni 6 mesi, "professionista veneto" quando è uno studente, "26enne" quando non ha neanche 20 anni, "gli inquirenti sono riusciti a forzare l'accesso" quando gli ha dato lui le password, "forum" quando erano pagine copiate e incollate, senza nessuna funzione interattiva, dal forum dei Radicali, e altre bestialità giornalistiche).
    allora deve essermi impedito di farlo.Hai un concetto molto strano della parola libertà di espressione. Hai mai pensato di chiedere cosa ne pensano le associazioni che da sempre si battono per le libertà in rete? Ad esempio alla Electronic Frontier Foundation: http://www.eff.org
    Allo stesso modo
    il mio amore per la libertà di
    pensiero non si spinge fino ad accettare che
    si possa pubblicamente inneggiare al
    terrorismo, allo sterminio degli ebrei o
    alla violenza sessuale nei confronti dei
    bambini.Non si può. La libertà di pensiero deve essere assoluta, ferma e totale. Altrimenti quella che chiedi si chiama censura di un'idea che non ti piace.Se c'è un comizio di un partito politico a te particolarmente avverso, te ne vai da un'altra parte oppure li vai a menare tutti?
    In conclusione credo che l'unico principio
    che possa essere messo innanzi alla
    libertà di opinione sia il rispetto e
    la tutela di chi, a causa di dichiarazioni o
    affermazioni incontrollate, potrebbe
    trovarsi in pericolo.Su quel sito, per la cronaca, non s'è mai detto che avere rapporti sessuali con un minore sia legale. Questa potrebbe essere l'unica "affermazione incontrollata", ma comunque, se anche per assurdo ci fosse stato scritto, comunque Internet è piena di cazzate. I siti istituzionali sono lì apposta perché la legge non ammette ignoranza.
    Non sarò
    coerente al 100%, ma non ci posso fare
    nulla.Peccato, davvero.Personalmente ritengo la coerenza una grande virtù ma in mano a troppe poche persone. Quando si parla di tante cose sono tutti bravi a inneggiare alla libertà di pensiero, quando si toccano argomenti scomodi molti scappano con la coda tra le gambe. Avrei preferito fossi a favore della censura di *qualunque* cosa che non ti stava bene. Probabilmente mi avresti deluso lo stesso, ma almeno eri coerente.
    Cmq se ti va di continuare il discorso
    possiamo farlo in privato (dato che qui
    siamo OT).
    CiaoBoh, per me possiamo pure chiuderla qui, tanto ormai siamo in loop.
  • Anonimo scrive:
    Re: Come tutelarsi?
    - Scritto da: SirParsifal
    Non vedo il problema. Ad una richiesta ho
    fornito tre indirizzi a cui segnalare (non
    inserii la polpost in quanto indicata nel
    post precedente al mio).Non mi riferivo tanto al singolo post, quanto ai successivi tuoi interventi nel thread.
  • Anonimo scrive:
    Re: Come tutelarsi?
    - Scritto da: SirParsifal

    Se volessi promuovere un referendum per

    far abrogare il 600-quater non potrei farlo

    perché dovrei dire che il 600-quater

    è sbagliato. Ma scherziamo?
    Vedo che non hai capito nulla in materia di
    apologia... La parola apologia vuol dire tante cose.In ambito giuridico, indica il presentare come moralmente accettabile un'azione che costituisca reato. Va distinta dall'istigazione a delinquere, in cui si cerca di convincere altri a commettere quel reato.Vedi Suprema Corte di Cassazione, sentenza n.65 del 4 maggio 1970.Per quanto riguarda l'istigazione a delinquere (che inevitabilmente include l'apologia, e non viceversa), vi sono stati casi molto chiari:http://www.fuoriluogo.it/highlights/agenzia_pannella.htmlIstigazione a delinquere: vogliamo parlare di media molto più in vista che non Internet? Svariati gruppi (Articolo 31, Gli atroci, 99 Posse, tanto per citare 3 generi completamente diversi, e ITALIANI) presentano testi esplicativi ("Combatti, uccidi" dice un testo de gli atroci). Sono stati mai condannati? Assolutamente no, perché (giustamente) prevale la libertà di espressione, che rende quindi incostituzionale qualunque reato d'opinione.Apologia di reato: vogliamo parlare della Lega? Perché Bossi no e un altro sì? La Legge non è uguale per tutti?Tra l'altro, proprio la Lega vuole abolire i reati d'opinione:http://www.giovanipadani.leganord.org/articoli.asp?ID=1370Per par condicio, anche a sinistra la pensano uguale:http://www.dsmilano.it/Pressroom/2002/12/rep2_1217_manconi-liberta-vista-da-sinistra.htmE anche quelli della Serenissima:http://www.virusilgiornaleonline.com/appelli_35.htmE anche qui su Punto Informatico:http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=578940Nel resto d'Europa? In Francia non esistono, né sono riconosciuti, i reati d'opinione, nemmeno per l'estradizione:http://213.215.144.81/public_html/5000-5999/articolo_5314.htmlQuali sono questi reati d'opinione? Principalmente 2: Istigazione a delinquere e Apologia.Nel resto d'Europa, come nel mondo (Carta dei Diritti dell'Uomo) il diritto ad esprimere la propria opinione, per quanto scomoda sia, è assolutamente fermo e totale.In Paesi notoriamente democratici, esistono associazioni di pedofili legalmente riconosciute e -ripeto- ALLA LUCE DEL SOLE. Questi Paesi non sono in qualche sperduta isola del Pacifico, ma ad esempio in Germania, Olanda, Canada e USA. Questo perché, in questi Paesi, nessuno viene condannato per quello che dice o pensa (solo in Germania si è condannati per apologia ma solo se si fa apologia del nazismo, non per altre cose).C'è, ovviamente, chi punta il dito (c'è un episodio di South Park qui non trasmesso che fa una vera e propria critica al Nambla, per quanto velata), ma comunque l'esistenza di tali associazioni è tollerata. Qui da noi verrebbero liquidate, nel migliore dei casi, come "associazione a delinquere", anche se i suoi membri non avessero fatto niente a nessuno.Viceversa, nei Paesi con un forte controllo, ad esempio in Cina, a Cuba o in molti Paesi arabi (tanto per citare tre esempi di culture diverse ma tutte più o meno chiuse), il non essere d'accordo comporta, quanto meno, il carcere (ma spesso ben peggio). L'accesso a Internet è regolamentato da leggi severissime, e chi sgarra può arrivare anche alla pena capitale.


    Cosa intendi con "denunciato"? Alle


    autorità o all'opinione


    pubblica?

    A entrambe.
    Dove sta scritto? Mi sfuggono i riferimenti.Alle autorità per apologia, all'opinione pubblica per far capire che (secondo loro) in Italia si fa qualcosa contro siti di associazioni che sono completamente legali.

    Parlare è (meglio: dovrebbe

    essere) sempre legittimo.
    Finché non si sconfina nell'apologia.No. Il sempre è appunto *sempre*. Senza NESSUNA eccezione.
    Ecco è questo il punto. Finché
    contesti la legge hai tutto il mio appoggio
    (al massimo posso dire di non essere
    d'accordo con te), ma quando inviti la gente
    a violarla o, pubblicamente, fai apologia di
    reato, bhé allora commetti un
    illecito.Non è che si dice "una legge è sbagliata perché lo è", altrimenti sarebbe solo vena polemica sterile. E' ovvio che se critico una legge devo avere il diritto di dire perché la ritengo ingiusta. Quindi perché ritenga giusto il fatto che quella legge non debba esserci. Quindi perché ritenga giusto il fatto che quella legge non ha senso secondo me e quindi andrebbe violata. Non posso dire "una legge va abolita" (=promuovere un referendum) senza fare capire perché la ritengo ingiusta. Se no come faccio a raccogliere le firme necessarie?Se dico "fumare una canna è giusto" è apologia? Probabilmente sì, ma è anche una mia opinione. Ritengo personalmente che il concetto di libertà di espressione va esteso assolutamente a QUALSIASI pensiero e alla sua possibilità di estricarlo come meglio si crede, se si vuole anche attraverso un media.


    E' stata un'iniziativa personale


    dell'ex presidente.

    La diramò alle agenzie di stampa

    a nome dell'associazione, non a nome

    proprio.

    E lì è scritto.
    Era uno dei suoi vizi...Resta che in quel momento era il presidente. Se l'associazione avesse voluto dissociarsi, invece di cacciarlo via avrebbe potuto crearsi un'altra associazione. Mantenendo quel nome si sono ereditati pregi e difetti della vecchia gestione.Duro, ma è così.
    Assolutamente no. La decisione è
    stata prese collegialmente dal direttivo
    dell'Associazione. Cmq se vuoi una conferma
    di questa linea puoi inviare un'e-mail a
    telefonoarcobaleno@telefonoarcobaleno.com
    chiedendo la posizione ufficiale
    dell'associazione.No grazie. Personalmente evito di entrare in contatto con un'associazione di cui non condivido quasi nulla se non la (sacrosanta) tutela dei bambini. Non condivido i metodi, non condivido la linea, non condivido le idee. Se mai dovessi incappare in un sito illegale mi rivolgerò direttamente alla Polizia Postale, visto che tra l'altro sarebbe l'unico caso in cui denunciando l'accaduto (con dovizia dei particolari sul percorso in cui casualmente mi ci fossi incappato) mi potrei tenere lontano da certe indagini che, per quanto sia ovviamente innocente, sono sicuramente una grana non da poco.Del resto, vivo a 10 minuti dalla Questura della mia città, quindi non ci metterei nemmeno molto...
  • Anonimo scrive:
    Re: Come tutelarsi?
    - Scritto da: SirParsifal
    Ovvio che se hai trovato il link alla
    decisione del TdL la leggerò con
    MOLTo interesse.Non ce l'ho.
    a) quando sussistono inderogabili esigenze
    attinenti alle indagini, relative ai fatti
    per i quali si procede, in relazione a
    situazioni di concreto pericolo per
    l`acquisizione o la genuinitý della prova,Questo è impossibile, è stato sequestrato il sito e il PC dell'indagato.
    Le situazioni di concreto ed attuale
    pericolo non possono essere individuate nel
    rifiuto della persona sottoposta alle
    indagini o dell`imputato di rendere
    dichiarazioni nè nella mancata
    ammissione degli addebiti;L'indagato (non imputato) finora ha collaborato con gli inquirenti, fornendo i dati in suo possesso (=login e password dell'ftp del server olandese su cui risiedeva il sito, che è stato prontamente sostituito dalla pagina della polizia).
    b) quando l`imputato si Ë dato alla fuga o
    sussiste concreto pericolo che egli si dia
    alla fuga,Improbabile. Al momento della notifica era in ospedale, poi è stato a casa agli arresti domiciliari.
    sempre che il giudice ritenga che
    possa essere irrogata una pena superiore a
    due anni di reclusione;Probabile che ci sia l'assoluzione con formula piena, o al massimo con formula dubitativa. Se anche si arrivasse fino al ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo, ci sarebbe assoluzione piena. Associazioni di pedofili esistono nel mondo ALLA LUCE DEL SOLE, che Telefono Arcobaleno lo voglia o meno.Per di più, un sito NON di un'associazione ma di un singolo, che riporta esclusivamente testi di pubblico dominio (tradotti, ok, ma pur sempre di pubblico dominio), e che comunque riporta un pensiero (per quanto esso possa essere criticabile), non può essere assolutamente condannato.
    c) quando, per specifiche modalitý e
    circostanze del fatto e per la personalitý
    della persona sottoposta alle indagini o
    dell`imputato, desunta da comportamenti o
    atti concreti o dai suoi precedenti penali,
    sussiste il concreto pericolo che questi
    commetta gravi delitti con uso di armi o di
    altri mezzi di violenza personalePraticamente non può muoversi.

    C'è ancora qualcuno intelligente

    in Italia, che ha capito che i reati

    d'opinione non hanno senso. Curioso che queste

    persone stiano proprio in Sicilia.
    Perché i siciliani hanno forse minori
    capacità intellettive?No, non intendevo questo. Intendevo dire che nonostante la presenza costante di due associazioni antipedofile proprio in Sicilia (da cui è certamente partita la segnalazione, altrimenti spiegami perché non hanno passato la competenza a Treviso o Venezia), il TdL catanese non s'è lasciato soggiogare.
  • SirParsifal scrive:
    Re: Come tutelarsi?

    Ultima risposta a questo post, che
    effettivamente (ammettiamolo) comincio a
    considerare una uscita infelice rispetto al
    resto del thread. Non voglio farne una flame
    ;)Neanche io ;)
    Che mi parli a livello legale ok (ma ritengo
    quell'articolo profondamente sbagliato, e
    per fortuna non sono l'unico a quanto pare).
    Ma se qui mi stai dicendo una tua opinione,
    come si concilia con quest'altro tuo post di
    appena una settimana fa?
    punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=595611Questo è il problema delle discussioni. Non puoi mai chiarire tutti i punti ed evitare fraintendimenti. Ci provo ora, ma so già che sarà difficile.Io sono fermamente convinto che vi debba essere libertà di opinione, piena ed assoluta. L'unico limite deve essere quello sancito dalla Costituzione italiana e dalla dichiarazione internazionale dei diritti dell'Uomo. Quello che la Carta Costituzionale chiama "buon costume" è di fatto il rispetto per gli altri. Nel momento in cui io invito i cittadini a trasgredire alle leggi (e nulla valgono dichiarazioni contrarie, quando il contenuto del sito è palese) allora deve essermi impedito di farlo. Allo stesso modo il mio amore per la libertà di pensiero non si spinge fino ad accettare che si possa pubblicamente inneggiare al terrorismo, allo sterminio degli ebrei o alla violenza sessuale nei confronti dei bambini. In conclusione credo che l'unico principio che possa essere messo innanzi alla libertà di opinione sia il rispetto e la tutela di chi, a causa di dichiarazioni o affermazioni incontrollate, potrebbe trovarsi in pericolo. Non sarò coerente al 100%, ma non ci posso fare nulla.Cmq se ti va di continuare il discorso possiamo farlo in privato (dato che qui siamo OT).Ciao
  • SirParsifal scrive:
    Re: Come tutelarsi?

    dopodiché il tribunale della
    Libertà ha capito che quello che ha
    fatto (sito ancora archiviato in parte nella
    cache di google) non è illegale?
    (vedi altro post)Vedo che siamo scarsini a procedura penale... Il TdL non assolve, si limita a valutare la legittimità della misura custodiale... e questo ha fatto.
    Questo thread ad esempio mi sembra
    abbastanza lapalissiano: tinyurl.com/3ekem
    Sono sicuro che ce ne siano altri sullo
    stesso stile.Non vedo il problema. Ad una richiesta ho fornito tre indirizzi a cui segnalare (non inserii la polpost in quanto indicata nel post precedente al mio).
  • SirParsifal scrive:
    Re: Come tutelarsi?

    Vedo che non hai letto quello che non ti fa
    comodo. FALLO: tinyurl.com/2qmwv Ho letto. 1) si trattava di misure di custodia cautelare. 2) per poter parlare dovrei leggere l'ordinanza del GIP e quella del TdL. In ogni caso ora steremo a vedere se il PM chiederà l'archiviazione o si arriverà al rinvio a giudizio. In questo secondo caso vedremo se il tribunale condannerà o assolverà. Poi aspetteremo che la sentenza diventi definitiva ed allora ne parleremo. Prima di allora saranno solo chiacchiere da bar o PEGGIO processi a mezzo stampa.Ovvio che se hai trovato il link alla decisione del TdL la leggerò con MOLTo interesse.Da quello che ho letto giudici avrebbero ritenuto illegittima l'ordinanza restrittiva per difetto di motivazioni e per un'applicazione superficiale dei criteri che determinano la custodia cautelare.Ora si tratta di criteri tassativi indicati dal cpp (art. Art. 273 Condizioni generali di applicabilità delle misure) e mitigate dagli artt. 274 e 275. In particolare il 274 prevede che 1. Le misure cautelari sono disposte:a) quando sussistono inderogabili esigenze attinenti alle indagini, relative ai fatti per i quali si procede, in relazione a situazioni di concreto pericolo per l`acquisizione o la genuinitý della prova, fondate su circostanze di fatto espressamente indicate nel provvedimento a pena di nullitý rilevabile anche d`ufficio. Le situazioni di concreto ed attuale pericolo non possono essere individuate nel rifiuto della persona sottoposta alle indagini o dell`imputato di rendere dichiarazioni nÈ nella mancata ammissione degli addebiti;b) quando l`imputato si Ë dato alla fuga o sussiste concreto pericolo che egli si dia alla fuga, sempre che il giudice ritenga che possa essere irrogata una pena superiore a due anni di reclusione;c) quando, per specifiche modalitý e circostanze del fatto e per la personalitý della persona sottoposta alle indagini o dell`imputato, desunta da comportamenti o atti concreti o dai suoi precedenti penali, sussiste il concreto pericolo che questi commetta gravi delitti con uso di armi o di altri mezzi di violenza personale o diretti contro l`ordine costituzionale ovvero delitti di criminalitý organizzata o della stessa specie di quello per cui si procede. Se il pericolo riguarda la commissione di delitti della stessa specie di quello per cui si procede, le misure di custodia cautelare sono disposte soltanto se trattasi di delitti per i quali È prevista la pena della reclusione non inferiore nel massimo a quattro anni.
    C'è ancora qualcuno intelligente in
    Italia, che ha capito che i reati d'opinione
    non hanno senso. Curioso che queste persone
    stiano proprio in Sicilia.Perché i siciliani hanno forse minori capacità intellettive?
    Se volessi promuovere un referendum per far
    abrogare il 600-quater non potrei farlo
    perché dovrei dire che il 600-quater
    è sbagliato. Ma scherziamo?Vedo che non hai capito nulla in materia di apologia...

    Cosa intendi con "denunciato"? Alle

    autorità o all'opinione pubblica?
    A entrambe.Dove sta scritto? Mi sfuggono i riferimenti.

    di presentazione del convegno, o alcune

    delle tesi sull'età del consenso

    presentate).
    Parlare è (meglio: dovrebbe essere)
    sempre legittimo.Finché non si sconfina nell'apologia.
    Esattamente. E non si può neanche
    discutere? Rispettare la legge è
    giusto, ma contestarne la legittimità
    se non la si ritiene giusta è ancora
    più sacrosanto, fermo restando che
    anche se la si contesta non la si può
    violare.Ecco è questo il punto. Finché contesti la legge hai tutto il mio appoggio (al massimo posso dire di non essere d'accordo con te), ma quando inviti la gente a violarla o, pubblicamente, fai apologia di reato, bhé allora commetti un illecito.

    E' stata un'iniziativa personale dell'ex

    presidente.
    La diramò alle agenzie di stampa a
    nome dell'associazione, non a nome proprio.
    E lì è scritto.Era uno dei suoi vizi...
    Che *TU* non l'appoggi l'avevo già
    capito. Ma TU non sei telefono arcobaleno,
    al massimo ne sei uno dei membri. Oppure
    vuoi fare lo stesso errore del vostro "ex
    presidente", parlando a nome di tutti?Assolutamente no. La decisione è stata prese collegialmente dal direttivo dell'Associazione. Cmq se vuoi una conferma di questa linea puoi inviare un'e-mail a telefonoarcobaleno@telefonoarcobaleno.com chiedendo la posizione ufficiale dell'associazione.
  • Anonimo scrive:
    Re: Come tutelarsi?
    - Scritto da: AnonimoUltima risposta a questo post, che effettivamente (ammettiamolo) comincio a considerare una uscita infelice rispetto al resto del thread. Non voglio farne una flame ;)
    Bene quelle
    segnalazioni riguardano il reato di apologia
    della pedofilia ed il fatto che anche la
    magistratura italiana si stia iniziando a
    muovere in tal senso è buon segno...
    Per quanto riguarda l'affermazione "e
    persone non sono condannabili per le proprie
    idee" ti ricordo che esiste un reato (Art.
    303 Pubblica istigazione e apologia [cut]Che mi parli a livello legale ok (ma ritengo quell'articolo profondamente sbagliato, e per fortuna non sono l'unico a quanto pare).Ma se qui mi stai dicendo una tua opinione, come si concilia con quest'altro tuo post di appena una settimana fa?http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=595611- Scritto da: SirParsifal

    Non c'entra, ma c'è una frase di

    Voltaire che è bellissima.

    Dice: "Non concordo con la tua idea, ma

    mi batterò fino alla morte

    affinché tu possa esprimerla".
    La sottoscrivo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Come tutelarsi?
    - Scritto da: Anonimo
    Mi dispiace essere monotono, ma
    l'affermazione del P.G. di Catania è
    piuttosto chiara.Catania? Hai detto proprio Catania? La stessa Polizia Postale che ha prima arrestato il giovane ventenne veneto "ideologo della pedofilia culturale" dopodiché il tribunale della Libertà ha capito che quello che ha fatto (sito ancora archiviato in parte nella cache di google) non è illegale? (vedi altro post)
    Se fai una ricerca con il mio
    nick su google   ne potrai
    avere conferma.Questo thread ad esempio mi sembra abbastanza lapalissiano: http://tinyurl.com/3ekemSono sicuro che ce ne siano altri sullo stesso stile.
  • Anonimo scrive:
    Re: Come tutelarsi?
    - Scritto da: Anonimo
    Che io ignori l'attività di T.A.
    è una bella battuta... detto questo
    capisco cosa intendi. Vediamo di chiarire
    che il sito in questione è
    palesempente un sito di apologia della
    pedofilia e, quindi, rientra negli obiettivi
    legittimi delle segnalazioni di T.A. (pur se
    inquadrato in apposita sezione che non
    rientra nel computo generale delle
    segnalazioni, che giusto per ricordarlo, si
    riferiscono *solo* a siti con esplicito
    contenuto pp).   Se tu sei
    dispiaciuto per chiusura di quel simpatico
    sito ... non so cosa farci. Bene quelle
    segnalazioni riguardano il reato di apologia
    della pedofilia ed il fatto che anche la
    magistratura italiana si stia iniziando a
    muovere in tal senso è buon segno...Vedo che non hai letto quello che non ti fa comodo. FALLO: http://tinyurl.com/2qmwvC'è ancora qualcuno intelligente in Italia, che ha capito che i reati d'opinione non hanno senso. Curioso che queste persone stiano proprio in Sicilia.Se volessi promuovere un referendum per far abrogare il 600-quater non potrei farlo perché dovrei dire che il 600-quater è sbagliato. Ma scherziamo? Finché ci si limita alle opinioni ognuno deve restare libero. Altrimenti risiamo al Ventennio. E Bossi allora? Quante volte ha ripudiato lo Stato *ITALIA*?
    Per quanto riguarda l'affermazione "e
    persone non sono condannabili per le proprie
    idee" ti ricordo che esiste un reato (Art.
    303 Pubblica istigazione e apologia
    Chiunque pubblicamente istiga a commettere
    uno o piu' fra i delitti indicati
    nell'articolo precedente e' punito, per il
    solo fatto dell'istigazione, con la
    reclusione da tre a dodici anni.
    La stessa pena si applica a chiunque
    pubblicamente fa l'apologia di uno o piu'
    fra i delitti indicati nell'articolo precede
    Ne vogliamo parlare?Certo che ne voglio parlare. Dal link sopra:Il ventenne studente universitario residente in città con i genitori, che da alcuni giorni si trovava agli arresti domiciliari con l'accusa di apologia della pedofilia dopo un'indagine svolta dalla Polizia postale di Catania, è stato rimesso in libertà dai giudici del Tribunale del capoluogo etneo con un atto notificato ieri al diretto interessato. Il Tribunale siciliano ha accolto praticamente tutte le eccezioni che erano state presentate in sede di riesame dal difensore del giovane [...] «I giudici hanno sostenuto che l'ordinanza del gip è affetta da nullità e ha indicato anche l'assenza di esigenze cautelari».Dicevi, scusa?
    Cosa intendi con "denunciato"? Alle
    autorità o all'opinione pubblica?A entrambe.
    Nel
    secondo caso mi sembra normale esprimere il
    proprio dissenso nei confronti di un
    qualcosa che si ritiene non accettabile
    (come alcuni dei link presenti nella pagina
    di presentazione del convegno, o alcune
    delle tesi sull'età del consenso
    presentate).Parlare è (meglio: dovrebbe essere) sempre legittimo.
    Tra l'altro si discuteva all'epoca se fosse
    giutso o meno sanzionare la mera detenzione
    di materiale pp. Esattamente. E non si può neanche discutere? Rispettare la legge è giusto, ma contestarne la legittimità se non la si ritiene giusta è ancora più sacrosanto, fermo restando che anche se la si contesta non la si può violare.
    Del reato di apologia... d'altra parte il
    contenuto della pagina mi sembra chiaro. Vedi sopra.

    www.interlex.it/regole/amonti20.htm

    www.interlex.it/regole/anonimo.htm

    Se poi per te Andrea Monti è un

    cretino, allora possiamo chiuderla qui.
    E' stata un'iniziativa personale dell'ex
    presidente.La diramò alle agenzie di stampa a nome dell'associazione, non a nome proprio. E lì è scritto.
    Questo intendo dire con mai
    appoggiate. Se fai una ricerca con il mio
    nick su google ne potrai
    avere conferma.Che *TU* non l'appoggi l'avevo già capito. Ma TU non sei telefono arcobaleno, al massimo ne sei uno dei membri. Oppure vuoi fare lo stesso errore del vostro "ex presidente", parlando a nome di tutti?
  • Anonimo scrive:
    Re: Come tutelarsi?

    Esattamente: se quello che fa TA è
    legittimo, allora TUTTI possono fare la
    stessa cosa (=andare alla ricerca di siti
    contenenti materiale pedopornografico). Se
    invece quello che fa TA è illegittimo
    (ed è quello che penso) allora non
    vedo proprio che cosa aspettano a metterli
    tutti dentro.http://tinyurl.com/ypdfjDue cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi. Albert Einstein
  • Anonimo scrive:
    Re: Come tutelarsi?

    attività? E' stato ORDINATO dalla
    pubblica Autorità di svolgerla? Il
    fatto che collabori ufficialmente non
    significa questo.E cosa significherebbe, di grazia? La collaborazione si svolge con la nomina a Consulente del PM, nomina in cui è contenuto l'avviso che il destinatario NON PUO' RIFIUTARSI DI prestare la propria opera.Mi dispiace essere monotono, ma l'affermazione del P.G. di Catania è piuttosto chiara.
    No, l'ignorante (che ignora
    l'attività di Telefono Arcobaleno)
    sei proprio tu:
    tinyurl.com/2dfmt Che io ignori l'attività di T.A. è una bella battuta... detto questo capisco cosa intendi. Vediamo di chiarire che il sito in questione è palesempente un sito di apologia della pedofilia e, quindi, rientra negli obiettivi legittimi delle segnalazioni di T.A. (pur se inquadrato in apposita sezione che non rientra nel computo generale delle segnalazioni, che giusto per ricordarlo, si riferiscono *solo* a siti con esplicito contenuto pp). Se tu sei dispiaciuto per chiusura di quel simpatico sito ... non so cosa farci. Bene quelle segnalazioni riguardano il reato di apologia della pedofilia ed il fatto che anche la magistratura italiana si stia iniziando a muovere in tal senso è buon segno...Per quanto riguarda l'affermazione "e persone non sono condannabili per le proprie idee" ti ricordo che esiste un reato (Art. 303 Pubblica istigazione e apologia Chiunque pubblicamente istiga a commettere uno o piu' fra i delitti indicati nell'articolo precedente e' punito, per il solo fatto dell'istigazione, con la reclusione da tre a dodici anni.La stessa pena si applica a chiunque pubblicamente fa l'apologia di uno o piu' fra i delitti indicati nell'articolo precedeNe vogliamo parlare?
    Dalla vecchia gestione, poi, venne
    denunciato un sito di un convegno del
    Partito Radicale, con diversi esponenti
    anche politici sia di destra sia di
    sinistra, in cui la 269/98, viene definita
    "mostruosità giuridica" e si fanno
    notare i rischi che una legge simile porta:Cosa intendi con "denunciato"? Alle autorità o all'opinione pubblica? Nel secondo caso mi sembra normale esprimere il proprio dissenso nei confronti di un qualcosa che si ritiene non accettabile (come alcuni dei link presenti nella pagina di presentazione del convegno, o alcune delle tesi sull'età del consenso presentate). Tra l'altro si discuteva all'epoca se fosse giutso o meno sanzionare la mera detenzione di materiale pp.
    Infine proprio Telefono Arcobaleno dice in
    una sua vecchia pagina ( tinyurl.com/3dhfy
    ):
    "Si vuole individuare il paese di
    provenienza del Fronte Liberazione Pedofili
    e spingere le autorità locali ad
    oscurarlo e a punire severamente i
    colpevoli."Del reato di apologia... d'altra parte il contenuto della pagina mi sembra chiaro.

    Mai appoggiato. Leggi anche le FAQ di

    Telefono Arcobaleno.
    www.interlex.it/regole/amonti20.htm
    www.interlex.it/regole/anonimo.htm
    Se poi per te Andrea Monti è un
    cretino, allora possiamo chiuderla qui.E' stata un'iniziativa personale dell'ex presidente. Questo intendo dire con mai appoggiate. Se fai una ricerca con il mio nick su google ne potrai avere conferma.
  • Anonimo scrive:
    Re: Come tutelarsi?
    - Scritto da: Anonimo
    Allora, delle due una: o T.Arcobaleno fa
    attività illegale, e andrebbe
    stroncata anche questa attività, o la
    legge non va interpretata alla lettera e
    dunque di quel materiale *tutti* ne
    possono"disporre" vale a dire lo piglio,
    magari lo guardo *senza conservarlo* men che
    meno usarlo, e poi lo butto...Esattamente: se quello che fa TA è legittimo, allora TUTTI possono fare la stessa cosa (=andare alla ricerca di siti contenenti materiale pedopornografico). Se invece quello che fa TA è illegittimo (ed è quello che penso) allora non vedo proprio che cosa aspettano a metterli tutti dentro.
  • Anonimo scrive:
    Re: Come tutelarsi?
    Dal sito di Telefono Arcobaleno
    "Il monitoraggio è condotto con
    almeno due sessioni giornaliere[...]
    basato sui seguenti principi di
    comportamento: [...]
    monitoraggio dei siti limitato ai materiali
    (senza nessuna conservazione degli stessi)
    necessari per classificare la natura e
    gravità dei contenuti da
    rappresentare nella segnalazione e per
    l'individuazione della presenza di link
    relativi ad altre risorse pedo-pornografiche
    o alle stesse assimilabili e riconducubili
    nel caso vengano trovati materiali on topic,Giacché "Dal codice penale:"Art. 600-quater - (Detenzione di materiale pornografico). Chiunque...consapevolmente si procura o dispone di materiale pornografico prodotto mediante lo sfruttamento sessuale dei minori... " qui siamo giusto dentro la disponibilità: per forza, sennò a quelli di TA non sarebbe possibile esaminare e giudicare il materiale...Allora, delle due una: o T.Arcobaleno fa attività illegale, e andrebbe stroncata anche questa attività, o la legge non va interpretata alla lettera e dunque di quel materiale *tutti* ne possono"disporre" vale a dire lo piglio, magari lo guardo *senza conservarlo* men che meno usarlo, e poi lo butto...
  • Anonimo scrive:
    Re: Il vero problema sta a monte.
    - Scritto da: Anonimo


    Se ti capita un giudice donna e


    bacchettona sono cazzi tuoi.

    Non sempre: tinyurl.com/3av8a
    Scusa, ma ho visitato l'url che indichi: non
    è un sito di tolleranti la pedofilia?E quindi? Hai prove che quella storia sia falsa?
  • Anonimo scrive:
    Re: Il vero problema sta a monte.


    Se ti capita un giudice donna e
    bacchettona

    sono cazzi tuoi.

    Non sempre: tinyurl.com/3av8a Scusa, ma ho visitato l'url che indichi: non è un sito di tolleranti la pedofilia?
  • Anonimo scrive:
    Re: Come tutelarsi?
    - Scritto da: SirParsifal
    Art. 51 Esercizio di un diritto o
    adempimento di un dovere
    L'esercizio di un diritto o l'adempimento di
    un dovere imposto da una norma giuridica o
    da un ordine legittimo della pubblica
    Autorita', esclude la punibilita'.L'avevo letto.A T.A. è stato IMPOSTO da una norma giuridica di svolgere questa attività? E' stato ORDINATO dalla pubblica Autorità di svolgerla? Il fatto che collabori ufficialmente non significa questo.Capisci l'Italiano?
    La polpost è competente per i siti
    italiani. Telefono Arcobaleno opera a
    livello internazionale con contatti con FBI,
    INTERPOL, polizia spagnola, francese,
    tedesca, inglese, italiana etc...Secondo te la PolPost non è in contatto con Interpol/FBI/Polizie estere? Oppure è perché tali organi internazionali e stranieri danno credito maggiormente ad associazioni private piuttosto che a propri colleghi istituzionali?

    Faccio notare che più volte

    l'associazione in questione s'è

    vantata di aver segnalato siti

    completamente legittimi per la legislazione sia

    italiana sia (soprattutto, ed è quella che

    conta per far chiudere un sito e non

    limitarsi a monitorarvi chi vi accede)

    del Paese dove era hostato il server,

    contenenti o immagini non pornografiche, o siti

    contenenti esclusivamente testi, o siti

    porno ma con persone maggiorenni.
    Qui menti sapendo di mentire. O sei
    ignorante e parli di cose che non sai (e
    faresti bene a tecere) o hai qualche secondo
    fine nel diffamare l'attività di
    Telefono Arcobaleno (e faresti una miglior
    figura a tacere)No, l'ignorante (che ignora l'attività di Telefono Arcobaleno) sei proprio tu:http://tinyurl.com/2dfmte vai a ritroso.
    MAI Telefono Arcobaleno ha
    segnalato siti che non contenessero
    pornografia infantile, ma se tu hai le prove
    del contrario... dammi i link o i
    riferimenti. Dato sopra.Siti "denunciati e segnalati più volte", come quello della Danish Pedophile Association (di cui censurano il nome pur essendo un sito legale: http://tinyurl.com/2h4yp ).Sito legale, tanto in Italia quanto in Danimarca, come un altro che di recente è arrivato addirittura a scomodare i TG, ma il 20enne che lo gestiva è stato giustamente rimesso in libertà perché le persone non sono condannabili per le proprie idee (vedi articolo del gazzettino a http://tinyurl.com/2qmwv ).Dalla vecchia gestione, poi, venne denunciato un sito di un convegno del Partito Radicale, con diversi esponenti anche politici sia di destra sia di sinistra, in cui la 269/98, viene definita "mostruosità giuridica" e si fanno notare i rischi che una legge simile porta:http://tinyurl.com/2q7vfhttp://tinyurl.com/2ttabhttp://tinyurl.com/2mjjjInfine proprio Telefono Arcobaleno dice in una sua vecchia pagina ( http://tinyurl.com/3dhfy ):"Si vuole individuare il paese di provenienza del Fronte Liberazione Pedofili e spingere le autorità locali ad oscurarlo e a punire severamente i colpevoli."
    Per tale motivo e tanti altri, è
    quali, se sono fondati come il primo siamo a
    posto...Adesso t'ho dato i riferimenti, così li leggi.

    Altrimenti è il Far West, e

    allora legittimeremmo anche i cretini

    dell'APHC che si propongono di compiere azioni

    illegali in qualunque Paese (l'hacking è un

    crimine informatico molto grave) solo

    perché si tratta di siti

    pedopornografici. Se anche il principio

    morale fosse valido, il fine non

    giustifica mai i mezzi.
    Mai appoggiato. Leggi anche le FAQ di
    Telefono Arcobaleno.http://www.interlex.it/regole/amonti20.htmhttp://www.interlex.it/regole/anonimo.htmSe poi per te Andrea Monti è un cretino, allora possiamo chiuderla qui.
    Una giusta l'hai azzeccata. Cmq anche prima
    non si è mai appoggiata la pratica di
    attaccare i siti.Vedi sopra.
    In tal senso ti rimando ai
    miei post sui vari gruppi di diuscussione
    (immagino che tu sappia come ricercarli).Sì, cercherò.
    Personalmente non tiro fuori nulla, ma
    seguento il thread ho notato che ti è
    stato dato il riferimento all'intervento del
    procuratore Generale di Catania (non
    l'ultimo venuto) che tu hai brillantemente
    ignorato.Il procuratore può dire quello che gli pare: può dire che se indossi una maglietta con sopra scritto "Viva la pedofilia" devi andare in galera... ma in realtà non è così. Le Leggi sono molto chiare al riguardo.
  • SirParsifal scrive:
    Re: Non mi convince per niente

    Non c'entra, ma c'è una frase di
    Voltaire che è bellissima.
    Dice: "Non concordo con la tua idea, ma mi
    batterò fino alla morte
    affinché tu possa esprimerla".La sottoscrivo.
    A parte questo, va fatta assolutamente la[...]
    più lo spazio nemmeno per le guardie
    carcerarie...Sul fatto che occorra distinguere non ci sono dubbi, ma un conto è graduare la pena, altro liberalizzare.
    Della? Purtroppo è venuto tagliato il
    post e non saprò mai a chi ti
    riferivi. Pazienza.Non mi ricordo più... appena (SE) mi torna in mente correggo il post ...
  • SirParsifal scrive:
    Re: Come tutelarsi?
    Credo che sia il caso di intervenire, giusto per fare chiarezza.
    Ah sì? Quindi secondo te la cache del
    browser non conta nulla.Certo che conta, ma per verificare un sito mica devi visitare tutte le gallery e scaricarti tutte le immagini. Una volta accertato il contenuto parte la segnalazione, non mi pare eccessivamente difficile da comprendere. Direi che c'è differenza tra *verificare* il contenuto di un sito e *visitarlo*.Quindi se vuoi fare provocazioni, sforzati di farle intelligenti.

    Ecco ora leggi anche l'articolo 51 del

    codice penale e ripassati il concetto di

    esimenti e scriminanti...
    Resta che Telefono Arcobaleno è[...]Rinnovo l'invito a leggerti l'articolo 51 del c.p. ed a ripassarti il concetto di scriminanti ed esimenti...Cmq per facilitarti ti riporto qua il testo:Art. 51 Esercizio di un diritto o adempimento di un dovereL'esercizio di un diritto o l'adempimento di un dovere imposto da una norma giuridica o da un ordine legittimo della pubblica Autorita', esclude la punibilita'.Ora T.A. COLLABORA UFFICIALMENTE con numerose procure, e con le forze di polizia italiane e straniere. Pertanto l'attività svolta dai membri qualificati ( e non dal primo che passa) oltre ad essere soggetta a regole che ne indicano precisamente modalità ed altro rientra nella previsioine del suddetto articolo. Ribadisco non è difficile da capire.
    Telefono Arcobaleno, come qualsiasi altro
    cittadino, può segnalare i siti di
    cui viene a conoscenza in maniera fortuita.
    Non può assolutamente né
    cercare appositamente (illegale) né
    tantomeno verificare le segnalazioni
    (illegale, o comunque non competente
    legalmente per decidere se il contenuto
    fosse illegale o meno).La polpost è competente per i siti italiani. Telefono Arcobaleno opera a livello internazionale con contatti con FBI, INTERPOL, polizia spagnola, francese, tedesca, inglese, italiana etc...
    Faccio notare che più volte
    l'associazione in questione s'è
    vantata di aver segnalato siti completamente
    legittimi per la legislazione sia italiana
    sia (soprattutto, ed è quella che
    conta per far chiudere un sito e non
    limitarsi a monitorarvi chi vi accede) del
    Paese dove era hostato il server, contenenti
    o immagini non pornografiche, o siti
    contenenti esclusivamente testi, o siti
    porno ma con persone maggiorenni.Qui menti sapendo di mentire. O sei ignorante e parli di cose che non sai (e faresti bene a tecere) o hai qualche secondo fine nel diffamare l'attività di Telefono Arcobaleno (e faresti una miglior figura a tacere) MAI Telefono Arcobaleno ha segnalato siti che non contenessero pornografia infantile, ma se tu hai le prove del contrario... dammi i link o i riferimenti.
    Per tale motivo e tanti altri, èquali, se sono fondati come il primo siamo a posto...
    fare. Un po' come il decreto Urbani,
    rigettato al mittente perché i
    provider non hanno nessun potere legale per
    monitorare le attività dei loro
    utenti.C'entra come i cavoli a merenda...
    Altrimenti è il Far West, e allora
    legittimeremmo anche i cretini dell'APHC che
    si propongono di compiere azioni illegali in
    qualunque Paese (l'hacking è un
    crimine informatico molto grave) solo
    perché si tratta di siti
    pedopornografici. Se anche il principio
    morale fosse valido, il fine non giustifica
    mai i mezzi.Mai appoggiato. Leggi anche le FAQ di Telefono Arcobaleno.
    Da notare che prima del cambio di gestione
    Telefono Arcobaleno era d'accordo con quelli
    dell'APHC, poi successivamente ha cambiato
    la FAQ dicendo che l'hacking è grave
    (forse perché un certo prete aveva
    detto abbastanza cavolate dall'essere
    buttato fuori a calci dalla SUA
    associazione, che prima chiude, poi riapre,
    poi chiude, poi riapre... proprio come
    accusa i siti pedofili che chiudono e
    riaprono in continuazione. Curioso).Una giusta l'hai azzeccata. Cmq anche prima non si è mai appoggiata la pratica di attaccare i siti. In tal senso ti rimando ai miei post sui vari gruppi di diuscussione (immagino che tu sappia come ricercarli).

    PS Non tirare fuori che non rispondo ad
    alcune parti.Personalmente non tiro fuori nulla, ma seguento il thread ho notato che ti è stato dato il riferimento all'intervento del procuratore Generale di Catania (non l'ultimo venuto) che tu hai brillantemente ignorato.
  • Anonimo scrive:
    Re: Sui siti civetta
    - Scritto da: Anonimo
    www.penale.it/giuris/cass_023.htm Che soddisfazione leggerlo ad alta voce tutto d'un fiato. 8)
  • Anonimo scrive:
    Re: Non mi convince per niente
    - Scritto da: SirParsifal
    No in quel caso parleremo di cessione,
    ovvero del IV comma del 600-ter.Esatto. Pena fino a 3 anni *OPPURE* multa da 3 a 10 milioni (di lire, mi rompo di convertire in euro a quest'ora). La pena non sarebbe nemmeno particolarmente onerosa (se non si può pagare, col patteggiamento si scende sotto i 2 anni e scatta la condizionale se si è incensurati), il problema è la pressione mediatica che c'è dietro.
    Che ti devo dire? Non condivido in tutto la
    tua opinione, ma indubbiamente occorrerebbe
    distinguere tra i vari tip di consumatori.Non c'entra, ma c'è una frase di Voltaire che è bellissima.Dice: "Non concordo con la tua idea, ma mi batterò fino alla morte affinché tu possa esprimerla".A parte questo, va fatta assolutamente la distinzione, altrimenti tanto vale dare l'ergastolo anche a quello che ruba la mela per mangiare e unificando la pena risolveremmo tutto... ma penso che poi le carceri sarebbero talmente piene (e già lo sono :( ) che non ci starebbe più lo spazio nemmeno per le guardie carcerarie...
    Purtroppo non è per niente facile (
    mi vengono i brividi se ripenso all'infausta
    proposta dellaDella? Purtroppo è venuto tagliato il post e non saprò mai a chi ti riferivi. Pazienza.
  • Anonimo scrive:
    Sui siti civetta
    http://www.penale.it/giuris/cass_023.htm
  • Anonimo scrive:
    Re: Come tutelarsi?
    - Scritto da: Anonimo
    SI. Dal sito di Telefono Arcobaleno(cut)
    E' appena il caso di notare che "si procura"
    indica necessariamente un'acquisizione del
    materiale e non la mera scoperta della
    collocazione dello stesso.Ah sì? Quindi secondo te la cache del browser non conta nulla.Allora lancio una provocazione: pedofili che leggete, visitate pure milioni di volte tutti i siti di vostro gradimento, basta che non salviate nulla.

    La legge l'ho letta, non mi sembra

    proprio che l'articolo dica "quelli del telefono

    arcobaleno e delle altre associazioni

    similari fanno eccezione".
    Ecco ora leggi anche l'articolo 51 del
    codice penale e ripassati il concetto di
    esimenti e scriminanti...Resta che Telefono Arcobaleno è un'associazione *privata* che effettua un tipo di monitoraggio che spetterebbe esclusivamente alla Polizia Postale (nemmeno a tutte le forze dell'ordine, solo alla PolPost).L'unica cosa che può fare senza commettere reati è raccogliere le segnalazioni e rigirarle alle procure. Ma visto che la stessa Polizia Postale raccoglie segnalazioni di questo tipo tramite il proprio sito più un altro sito istituzionale di cui ora non ricordo il nome (ma *istituzionale* gestito sempre dalle Procure e non da privati), non si vede la necessità di sparpagliare le segnalazioni. Il compito di verificare se i link contengano o meno materiale illegale spetta esclusivamente alle Autorità competenti (appunto, alla Polizia Postale).Telefono Arcobaleno, come qualsiasi altro cittadino, può segnalare i siti di cui viene a conoscenza in maniera fortuita. Non può assolutamente né cercare appositamente (illegale) né tantomeno verificare le segnalazioni (illegale, o comunque non competente legalmente per decidere se il contenuto fosse illegale o meno).Faccio notare che più volte l'associazione in questione s'è vantata di aver segnalato siti completamente legittimi per la legislazione sia italiana sia (soprattutto, ed è quella che conta per far chiudere un sito e non limitarsi a monitorarvi chi vi accede) del Paese dove era hostato il server, contenenti o immagini non pornografiche, o siti contenenti esclusivamente testi, o siti porno ma con persone maggiorenni.Per tale motivo e tanti altri, è chiaro come la suddetta associazione non possa essere considerata competente, né tantomeno possa sostituirsi alle Procure effettuando un lavoro di monitoraggio che nessuno ha autorizzato a fare. Un po' come il decreto Urbani, rigettato al mittente perché i provider non hanno nessun potere legale per monitorare le attività dei loro utenti.Potere legale che, tanto per il copyright quanto per il traffico di materiale pedopornografico (con pene diverse naturalmente, e proporzionate alla gravità e all'entità del reato) spetta in via ESCLUSIVA alle Autorità.Altrimenti è il Far West, e allora legittimeremmo anche i cretini dell'APHC che si propongono di compiere azioni illegali in qualunque Paese (l'hacking è un crimine informatico molto grave) solo perché si tratta di siti pedopornografici. Se anche il principio morale fosse valido, il fine non giustifica mai i mezzi.Da notare che prima del cambio di gestione Telefono Arcobaleno era d'accordo con quelli dell'APHC, poi successivamente ha cambiato la FAQ dicendo che l'hacking è grave (forse perché un certo prete aveva detto abbastanza cavolate dall'essere buttato fuori a calci dalla SUA associazione, che prima chiude, poi riapre, poi chiude, poi riapre... proprio come accusa i siti pedofili che chiudono e riaprono in continuazione. Curioso).PS Non tirare fuori che non rispondo ad alcune parti.
  • SirParsifal scrive:
    Re: Non mi convince per niente

    Esattamente.
    Quindi un sito (perché di siti si
    parlava) che inevitabilmente *offre* foto e[cut]
    Cassazione Sez.III Pen. sentenza 5397/2002
    del 3 dicembre 2001).No in quel caso parleremo di cessione, ovvero del IV comma del 600-ter.
    Personalmente ritengo inutile punire la sola
    detenzione, perché si sposta
    l'obiettivo dalla tutela dei minori ad una
    condanna morale dei pedofili (e i due
    obiettivi come saprai non sono proprio la
    stessa cosa).Che ti devo dire? Non condivido in tutto la tua opinione, ma indubbiamente occorrerebbe distinguere tra i vari tip di consumatori. Purtroppo non è per niente facile ( mi vengono i brividi se ripenso all'infausta proposta della
  • Anonimo scrive:
    Re: Non mi convince per niente
    - Scritto da: SirParsifal
    Nessuno ha mai negato che l'attività
    di contrasto non si rifersica al 600-quater,
    ma la domanda era se la PolPost potesse o
    meno agire sotto copertura. Tra l'altro c'
    è stata anche una recente sentenza
    che ha confermato l'inutilizzabilità
    delle prove raccolte con un sito esca in
    caso di mera detenzione. (Cfr Corte di
    Cassazione, Sezione III Penale, Sentenza 8
    maggio - 21 ottobre 2003, 904 (39706/2003)).Esattamente.Quindi un sito (perché di siti si parlava) che inevitabilmente *offre* foto e video, ancora prima che richiederne. Solo in quel caso si passa al 600-ter perché ci sarebbe un passaggio, sebbene, secondo il mio modesto parere, nel caso in cui il materiale oggetto del passaggio non venisse a sua volta pubblicato non si potrebbe configurare una diffusione vera e propria ad un numero indeterminato di persone, ma solo una semplice detenzione (vedi Corte di Cassazione Sez.III Pen. sentenza 5397/2002 del 3 dicembre 2001).
    Si tratta di una sentenza giuridicamente
    ineccepibile, a mio avviso frutto di una
    pessima formulazione della legge, ma allo
    sttao dei fatti corretta.Personalmente ritengo inutile punire la sola detenzione, perché si sposta l'obiettivo dalla tutela dei minori ad una condanna morale dei pedofili (e i due obiettivi come saprai non sono proprio la stessa cosa).

    La pedofilia di per sé

    (cioè la mera attrazione) non è reato.
    E ci mancherebbe. Si arriverebbe al diritto
    penale dell'autore, prsente in Germania
    durante il nazismo. Ma qui si parlava del
    fatto che quella presente nel web non fosse
    pedofilia, ma un qualcosa di diverso.
    Infatti la frase a cui rispondevo era:
    --- REPORT---

    Ma i veri delinguenti, quelli che

    stuprano davvero, quelli che rubano (e spesso

    ammazzano) davvero non sono forse

    perseguitati a dovere. C'è stato evidentemente un qui pro quo. Mi scuso. Ovviamente, i delinquenti vanno assolutamente puniti (con una pena che tenda alla rieducazione del condannato, sempre che questa sia possibile, o con l'ergastolo se non lo fosse).Ma allo stesso tempo ritengo che da qui a definire una persona che si limita a *scaricare* *gratuitamente* materiale pedoporno, allo stesso livello di una persona che sevizia/tortura/uccide bambini, ce ne vuole.
    ... posso ammettere, facendo un sforzo
    enorme, la curiosità nel caso di
    pochissime foto, ma non dirmi che chi
    scambia materiale o lo collezione lo fa per
    curiosità: sarebbe ridicolo. Nessuno
    con un minimo di intelligenza può
    crederci.Teoricamente basterebbe *una* foto per incastrare chiunque (ovviamente non è così perché, come è stato anche confermato qui, tutti sappiamo -poliziotti compresi- che in una foto ci si può capitare per caso, sebbene il messaggio della notizia iniziale mi lasci dubbioso al riguardo). Se la curiosità fosse morbosa (e in generale le curiosità sessuali lo sono), comunque, si potrebbe arrivare anche al centinaio di foto (di certo non a riempire un CD, sempre che sia solo curiosità e non ci sia una reale voglia di cercare *quel* materiale).
  • Anonimo scrive:
    Re: Non mi convince per niente
    - Scritto da: SirParsifal
    Certo che l'obiettivo è quello, ma
    per arrivatci non c'è mica la strada
    con le bricioline di pane...
    Bisogna risalire il flusso del materiale.Dall'agosto 1998 (entrata in vigore della legge) ad oggi sono passati 5 anni e mezzo. Quanti produttori sono stati presi? E quanti invece che scaricavano e basta?E soprattutto, al di là di questi numeri, sono mai arrivati ai produttori grazie al fatto che hanno arrestato quelli che scaricavano e basta?Che sia capitato uno che oltre a scaricare produceva anche, in un'operazione con altri 300 che scaricavano è possibile, ma non vuol dire che da quelli che scaricavano siano arrivati al produttore.Può darsi che siano arrivati a dei produttori seguendo coloro che ACQUISTAVANO il materiale, ma dubito fortemente che siano arrivati seguendo coloro che il materiale NON LO PAGANO.Un po' come pretendere di sapere chi ha immesso per primo un file mp3 o un divx seguendo i tanti che ce l'hanno in condivisione. Ci sono mai riusciti? No? E allora perché dovrebbero riuscirci per i file pedoporno?
  • Anonimo scrive:
    Re: Come tutelarsi?
    - Scritto da: Anonimo
    Leggere la legge pare brurtto? Il reato
    cnsiste nella detenzione non
    nell'individuazione...Dal codice penale:"Art. 600-quater - (Detenzione di materiale pornografico). Chiunque, al di fuori delle ipotesi previste nell'articolo 600-ter, consapevolmente si procura o dispone di materiale pornografico prodotto mediante lo sfruttamento sessuale dei minori degli anni diciotto è punito con la reclusione fino a tre anni o con la multa non inferiore a lire tre milioni".Gli esponenti della suddetta associazione vanno DELIBERATAMENTE E CONSAPEVOLMENTE alla ricerca (=si procurano) di materiale pornografico prodotto mediante lo sfruttamento sessuale di minori degli anni 18.Puoi dire che questa frase è falsa?La legge l'ho letta, non mi sembra proprio che l'articolo dica "quelli del telefono arcobaleno e delle altre associazioni similari fanno eccezione".
  • SirParsifal scrive:
    Re: Non mi convince per niente

    Arrivare ai trafficanti/produttori ha senso
    solo se l'obiettivo è proteggere i
    minori da costoro. Altrimenti perché?Certo che l'obiettivo è quello, ma per arrivatci non c'è mica la strada con le bricioline di pane...Bisogna risalire il flusso del materiale.
  • Anonimo scrive:
    Re: Il comandante dice...
    - Scritto da: Anonimo
    Ridigito quel che dice il comandante, che
    non è apparso:
    "Non ci interessa accanirci su chi scarica
    qualche mp3; tale attività sarebbe
    antieconomica... L'obiettivo è quello
    dei grandi shared..."Grandi per chi? Dipende dal numero di file? Dalla dimensione? Nell'ordine di quanti MB? Quanti GB? Quanti file?"Grandi" è relativo, per una persona bigotta un "grande" sharer si potrebbe limitare a condividere 100 mp3, per me è una persona che non condivide meno di 60 GB.
  • Anonimo scrive:
    Re: Come tutelarsi?
    - Scritto da: Anonimo
    Cmq per avere idee più precise vi
    consiglio di fare un salto sul sito di
    www.telefonoarcobaleno.com Che, notoriamente, agisce in violazione proprio degli stessi articoli di legge, in quanto consapevolmente va alla ricerca di materiale pedopornografico.Non è una sede di polizia, in quanto tale non può legalmente essere autorizzata da un magistrato, semplicemente compie l'atto illegale che si prefigge di perseguire.La legge non consente a nessuna organizzazione privata di farsi giustizia da sola.Siccome il Telefono Arcobaleno sono anni che dichiara che va a caccia di siti pedofili dovrebbero prendere tutti i suoi membri, chiuderli in cella e buttare via la chiave.Perché chi garantisce che tra quelli di questa sedicente associazione non ci siano dei pedofili che coperti da essa vanno in giro per la rete a guardare le più turpi porcherie? E in ogni caso la legge non distingue tra il provare piacere o meno nel guardare quelle foto e filmati.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non mi convince per niente
    - Scritto da: SirParsifal
    Fino a 5 minuti fa mi sembrava che
    l'obiettivo fosse quello di arrivare ai
    trafficantiproduttori... come cambiano le
    opinioni al cambiare del vento... Cmq dai
    un'occhiata all'articolo 14 della 269...Arrivare ai trafficanti/produttori ha senso solo se l'obiettivo è proteggere i minori da costoro. Altrimenti perché?
  • Anonimo scrive:
    Re: Bersagli sbagliati
    - Scritto da: Anonimo


    Davvero bello. Una splendido libro


    di APOLOGIA DELLA PEDOFILIA.

    Liberamente venduto in tutte le

    librerie.
    Infatti questo è uno scandalo...Perché questo sì e il Mein Kampf no?
    Basta o serve altro?Hai perso un'occasione per mostrarti intelligente.Peccato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bersagli sbagliati


      Infatti questo è uno scandalo...
      Perché questo sì e il Mein
      Kampf no?Si è parlato di Mein Kampf? No. C'entra qualcosa con la pedofilia? No.Hai scritto a vanvera? Si.Riprova, sarai più fortunato...
  • Anonimo scrive:
    Re: Il comandante dice...
    Ridigito quel che dice il comandante, che non è apparso: "Non ci interessa accanirci su chi scarica qualche mp3; tale attività sarebbe antieconomica... L'obiettivo è quello dei grandi shared..."
  • Anonimo scrive:
    Il comandante dice...
    Sul numero 107 di Computer Idea, a pag. 75, a proposito dei reati di filesharing, un comandante della Guardia di Finanza dice:
    .Mi pare superfluo ogni ulteriore dubbio sulla faccenda.
  • Anonimo scrive:
    Re: mafia nello stato, altro che pedopor

    sulla droga e altre cose poco legali,
    c'è gente ai piani alti (molto alti)
    che ci guadagna, sulla pedofilia e cose
    "minori" non glie ne frega niente a nessuno,
    perché non ci guadagna nessuno,
    allora si da risalto alle cose meno graviNo, solo qualche "piccola" organizzazione criminale che tira fuori dal mercato del pedoporno i suoi bei miliardini di euro... Ma rifletti prima di scrivere o ti è partito un post pulendo la tastiera?
  • Anonimo scrive:
    Re: E' reato il download o la detenzione

    Già. Gli antichi greci si sarebbero
    dovuti arrestare tutti.
    Pensa che se fossi un padre di 2300 anni fa,
    la massima aspirazione per un tuo figlio
    dodicenne sarebbe che seguisse i precetti di
    un Socrate o un Platone: il che
    implicherebbe anche la sodomìa col
    suo tutore...Certo... allora ripristiniamo anche la schiavitù e non se ne parli più...
  • SirParsifal scrive:
    Re: Non mi convince per niente


    a condividere dei file illeciti per

    vedere

    chi li scarica.
    E i minori ritratti in quelle foto che
    condividono, chi li tutela? Visto che
    puniscono persino la mera detenzione, il
    loro scopo non dovrebbe essere limitare il
    più possibile il circolare di quelle
    foto? Fino a 5 minuti fa mi sembrava che l'obiettivo fosse quello di arrivare ai trafficantiproduttori... come cambiano le opinioni al cambiare del vento... Cmq dai un'occhiata all'articolo 14 della 269...
    Ma se le immettono loro stessi, e uno
    un po' più sgamato riesce a far
    perdere le loro tracce e le reimmette su un
    sito a pagamento?Mi sa che che fai un po' di confusione... In genere il percorso èproduttore
    distributore
    sito a pagamento
    collezionisti scambisti...
  • Anonimo scrive:
    Re: Come tutelarsi?

    un'altra: la disinformazione. Anche qua,
    leggendo con metodo tutti i post, una cosa
    appare certa: nessuno sa un cavolo di
    niente, e così vanno a opinioni
    personali, offrono esempi non controllabili,
    giurano esperienze non certificate,
    asseriscono verità che nessuno
    può o vuole verificare, ecc. Ok vi offro la mia esperienza in materia, per quello che conta.Mi capiuta spesso di fare consulenze su computer sequestrati a presunti pedofili e di collaborare alle indagini. Premetto che questo indicato è il *MIO* metodo, ma non credo che quello di altri operatori si discosti molto.In primo luogo cerco di farmi un'idea dell'indagato (sa non sa utilizzare il computer; naviga spessomoltopocopochissimo etc.) per valutare la quantità del materiale.Poi valuto la qualità del materiale e quandocome è stato creato. Una foto pedoporno scaricata insieme a 50 foto porno viene indicata come possibile errore. In quanto alla definizione di pedo porno, *PERSONALMENTE* se la foto è dubbia è da scartare. Quando si parla di pedofilia non si parla di 16-17 anni, ma di foto che non lasciano adito a dubbi.E diciamolo chiaramente, non ho mai visto nessuno indagato ed arrestato per 45 immagini... in genere si viaggia intorno a cifre con 2, più spesso 3, zeri e lì parlare di detenzione casuale è dura...Non mi sono mai vergognato a scrivere NON RISULTANO IMMAGINI o DALLE MODALITA' DI CREAZIONE L'ACCESSO AL MATERIALE SEMBREREBBE CASUALEACCIDENTALE.
    Pertanto, in mancanza
    di elementi certi, non possiamo far altro
    che "avere paura" che sia vero quanto di
    peggio circola in quanto a "informazione". Non credo ci sia bisogno di avere paura, ma è comunque necessario usare il cervello. Girando x il p2p ho notato che sono davvero tanti ad avere in condivisione immaginifilmati con nomi inequivocabili (10yr, preteen etc...). Stupidità? forse, ma a volte si paga anche quella.Cmq per avere idee più precise vi consiglio di fare un salto sul sito di http://www.telefonoarcobaleno.comParsifal@vene.ws
  • Anonimo scrive:
    Re: ma che reato è?
    - Scritto da: Anonimo
    Aggiungo: in USA la pedofilia sintetica
    (ovvero immagini fatte al computer) non e'
    illegale.Perché giustamente viene tutelato il diritto del singolo a disegnare quel ca**o che gli pare (a volte anche nel senso letterale).
  • Anonimo scrive:
    Re: ma che reato è?
    - Scritto da: Anonimo
    Chiedo scusa dell'ignoranza, ma qual
    è il contenuto di un reato di questo
    tipo? Che reato è scaricare una foto
    di quel tipo di porno *solo* per
    guardarsela? Leggo "detenzione", leggo
    "diffusione"... ma perché sono reati?
    Davvero non capisco dove sia la condotta
    delinquenziale, *se* si limita a quello.
    Forse scaricando quella foto si alimenta il
    mercato? Bah, non so... Di sicuro non si
    può fare più danno alla povera
    vittima ritratta. Il mercato però si
    alimenta coi soldi e andando in giro a fare
    nuove vittime... non scaricando gratis
    qualche foto magari di vent'anni anni fa di
    una persona che oggi potrebbe anche non
    esistere più :|Aggiungo: in USA la pedofilia sintetica (ovvero immagini fatte al computer) non e' illegale.
  • Anonimo scrive:
    Re: mafia nello stato, altro che pedoporno
    - Scritto da: Anonimo
    Cmq sono 57 milioni e rotti (in gaul)Giusto.Ma comunque a quei 57 milioni bisogna toglierne qualcuno, in realtà non è che sono 57 milioni di ignoranti. Solo che la maggioranza lo sono.
  • Anonimo scrive:
    Re: E' reato il download o la detenzione?
    - Scritto da: Anonimo
    Nella rivista di moda della mia ragazza,
    c'è la foto abbastanza sensuale di
    una ragazza di 14 anni che fa la modella.
    Come è da considerare?Immagino che siccome si tratta di una rivista di moda, la foto non sia definibile pornografica, quindi non essendo prodotta mediante lo sfruttamento sessuale è una semplice foto.Altrimenti con questo ragionamento togliamo *qualsiasi* foto o film con bambini/e, perché in qualunque di questi una persona che voglia FORZOSAMENTE guardare certe scene come sessuali le considererà tali.
  • Anonimo scrive:
    Re: mafia nello stato, altro che pedoporno
    Cmq sono 57 milioni e rotti (in gaul)
  • Anonimo scrive:
    Re: mafia nello stato, altro che pedoporno
    - Scritto da: Anonimo
    A lungo andare - ma
    credo che già ci siamo - non potremo
    più voler bene ai nostri figli e ai
    figli dei nostri conoscenti; per
    "proteggere" (istericamente e
    apparentemente) qualche bambino, finiremo
    per autocastrarci i sentimenti per tutti gli
    altri bambini, e quindi vietare loro una
    normale maturità psicologica.
    Savonarola non è poi così
    lontano nel tempo :(Oooh, qualcuno che finalmente se n'è accorto. Adesso rimangono altre 51.999.999 persone e poi i 52 milioni di italiani avranno capito quello che sta accadendo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Pedoballe

    i pedofili non sono criminali, non vanno
    incarcerati insieme agli stupratori, sono
    dei malati e vanno (andrebbero) curati in
    centri specializzati.Aspetta un po'. "I pedofili sono malati" con che cosa lo argomenti? Io potrei essere gerontofilo: sarei malato? E se fossi -filo quasiasi altra cosa?
  • Anonimo scrive:
    Re: Pedoballe
    Scambio interessante. Di cui non sono all'altezza se non per esporre la curiosità di conoscere quali sono le basi scientifiche (psicologiche, immagino) che stanno a monte delle leggi sul consenso.Grazie.
    • Anonimo scrive:
      Re: Pedoballe
      - Scritto da: Anonimo
      Scambio interessante. Di cui non sono
      all'altezza se non per esporre la
      curiosità di conoscere quali sono le
      basi scientifiche (psicologiche, immagino)
      che stanno a monte delle leggi sul consenso.Le basi psicologiche non definiscono un momento preciso, proprio perché la psicologia si basa su *periodi* (o *fasi*). Motivo per cui le leggi sono diverse nei vari Paesi.Nessun testo di psicologia ti dirà una cosa tipo: "il giorno in cui compie un anno il bambino impara a camminare, né il giorno prima né il giorno dopo, altrimenti è patologico".
  • Anonimo scrive:
    Re: mafia nello stato, altro che pedoporno
    Può essere come dici, ma non sottovalutiamo la valenza *moralistica* di tutta la faccenda. I reati di pedofilia vanno a interessare la sfera del "Bambino", che è un archetipo molto saldo che produce stereotipi estremamente consistenti di protezione. La mafia sarà violenta e pericolosa, ma non ha gli stessi "requisiti" in termini di suggestione ed emotività. Il periodo storico che viviamo è appunto grandemente governato dalla emotività contro quello che era "l'Uomo Nero" di una volta, il "Mostro". Poco importa distinguere reati e persone, tutti sparano nel mucchio perché è il mucchio a impressionare, a far paura, a "nascondere" i pericoli contro i bambini... Le mamme e i papà ai loro figli non dicono
    ma
    . Ormai più che uno stato di polizia viviamo in uno stato di sospetto. Ed è molto pericoloso: non possiamo più guardare (lecitamente) un minore senza rischiare (o aver paura di) una incriminazione o l'aggressiva difesa della gente. Senza contare Internet, che sta diventando l'inferno di tutto il male possibile (sic!). A nulla vale "avere la coscienza a posto"... A lungo andare - ma credo che già ci siamo - non potremo più voler bene ai nostri figli e ai figli dei nostri conoscenti; per "proteggere" (istericamente e apparentemente) qualche bambino, finiremo per autocastrarci i sentimenti per tutti gli altri bambini, e quindi vietare loro una normale maturità psicologica.Savonarola non è poi così lontano nel tempo :-( - Scritto da: Anonimo
    Centinaia di ore di telegiornali nel
    descrivere il processo per l' omicidio di
    Marta Russo o il criminale comportamento dei
    pedofili che si scambiano delle foto, mentre
    la mafia spara, sotterra e violenta tutti
    con rifiuti tossici, droga, corruzione,
    malasanità..... I casi sono 2 : o
    nello stato si sente l' esigenza di
    minimizzare una minaccia che non si riesce a
    combattere o la mafia controlla lo stato.
    Quello che voglio dire (forse sono un po
    paranoico) è che sembra ci sia l'
    esigenza di spostare l' attenzione dell'
    opinione pubblica su reati i cui esecutori
    non siano così pericolosi come i
    mafiosi (chi si ricorda delle redazioni dei
    giornali devastate in calabria per le
    denunce contro le cosche ? solo 2 righe sui
    media nazionali...per non parlare degli
    omicidi) oppure se i mafiosi sono nello
    stato e nei media nazionali sembra che si
    debba far vedere che la vera minaccia
    nazionale siano gli sporcaccioni che si
    mandano delle foto.... mah sono un po
    pessimista sul nostro povero stivale....
  • Anonimo scrive:
    ma che reato è?
    Chiedo scusa dell'ignoranza, ma qual è il contenuto di un reato di questo tipo? Che reato è scaricare una foto di quel tipo di porno *solo* per guardarsela? Leggo "detenzione", leggo "diffusione"... ma perché sono reati? Davvero non capisco dove sia la condotta delinquenziale, *se* si limita a quello. Forse scaricando quella foto si alimenta il mercato? Bah, non so... Di sicuro non si può fare più danno alla povera vittima ritratta. Il mercato però si alimenta coi soldi e andando in giro a fare nuove vittime... non scaricando gratis qualche foto magari di vent'anni anni fa di una persona che oggi potrebbe anche non esistere più :-|
  • Anonimo scrive:
    Re: Non mi convince per niente
    Mi associo alle perplessità: se un p2p mette in comunicazione 3 o 4 milioni di utenti contemporaneamente, come si fa *tecnicamente* a controllare tutti? Immagino la mole di questo controllo, ip per ip, risalire agli intestatari (supponendo la trasparenza e la tempestività dei providers!), confezionare uno straccio di prova (e come? Come si *prova* che ho scaricato cose illegali?), incriminare delle persone... Insomma, ci siamo capiti: pensiamo ai costi, alle risorse necessarie, agli uomini disponibili, al tempo che ci vuole... Qua invece mi pare che piaccia prendere un caso isolato (e disgraziato), e non voglio dire inventato, e parlarne come se fosse il modello più diffuso e l'esempio di una casistica immensa. Capisco che anche questo farebbe parte della "lotta" allo sharing illegale (incutere terrore nei potenziali delinquenti drammatizzando le cose) ma la Ragione dove sta? - Scritto da: Anonimo
    La storia non mi convince, magari è
    vera chi lo sa. Però se fossi nei
    panni di punto-informatico non pubblicherei
    mai e poi mai storie di gente anonima.
    Un conto è conoscere
    l'identità della persona e non
    rivelarla, un altro è pubblicare un
    articolo basato sul nulla.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non mi covince
    Mi spiace averla urtata, non ne avevo intenzione; però non capisco il suo rancore. Ho solo espresso un'opinione, mi pare che ne abbia il diritto come tutti, e l'ho fatto con rispetto e senza prosopopea. Oltre agli insulti troppo confidenziali (patacca, ma chi sei Crepet, PI non dorvebbe pubblicare...), non vedo sue risposte nel merito dell'argomento. Ne ha?Senza racore.- Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Da quel che leggo, rilevo che:
    NON CONVINCI TU, PATACCA....
    con quell'aria da psicologo improvvisato; ma
    chi sei ? Crepè? e ti intendi anche
    di iter giudiziari, sei mesi e non due anni
    ! PI dovrebbe evitare di pubblicare i tuoi
    post.
    con rancore...
  • Anonimo scrive:
    Re: E' reato il download o la detenzione?
    - Scritto da: Anonimo
    E' reato procurarsi quel materiale
    "consapevolmente".Nella rivista di moda della mia ragazza, c'è la foto abbastanza sensuale di una ragazza di 14 anni che fa la modella. Come è da considerare?
  • Anonimo scrive:
    Re: Solidarietà
    - Scritto da: vegeta
    non nè favoriscono la circolazione
    sai perchè? serve loro per prendere
    quelle bestie che le scaricano.Il fine non
    giustifica i mezzi ma,in quel caso si.No. Il fine non giustifica i mezzi e basta. Non possono esistere eccezioni, perché il diritto deve basarsi su certezze. In altri Paesi quello dell'agente provocatore è una cosa che annulla qualsiasi indagine. Anche in Italia quando manca l'autorizzazione da un gip prima dell'inizio delle indagini (e spesso manca, anche per le intercettazioni telefoniche e telematiche è la stessa cosa).
    veramento "quello skifo" sono i pedofili.Mai
    detto di voler fare spiagge separate anche
    perchè i bambini sono + al sicuro
    vicio ai genitori....Infatti, notoriamente, la maggioranza delle violenze sessuali sui bambini avviene all'interno della famiglia.
    Poi la spiaggia era un esempio il discorso
    principale è che ci sono alcuni che
    scaricano quelle immagini di bimbi nudi,solo
    per piacere sessuale.Questo deve essere
    punitoQuindi, secondo te, se una persona trae piacere dal vedere quelle immagini va punita, altrimenti arrivederci e grazie? E in ogni caso, se andassero punite *tutte* le persone che scaricano/guardano foto di bambini nudi, al di là se ne traggano o meno un piacere di tipo sessuale, non è al di là dell'obiettivo? L'obiettivo dev'essere e deve rimanere il proteggere i bambini, non punire i pedofili, specialmente se non hanno fatto niente a nessuno.
  • Anonimo scrive:
    Re: Download con l'inganno - Caso person
    - Scritto da: vegeta

    Se non lo fai, da cittadino stai

    contravvenendo alla legge.
    con la differenza che al limite
    prenderebbero una multa non il carcereAlcune delle cose che ho detto (non tutte) prevedono anche pene detentive, informati.
  • Anonimo scrive:
    Re: [OT] Comprare l'ultimo samurai?
    - Scritto da: vegeta
    ma fammi capire perchè quando vai
    allo stadio non paghi per vedere sempreChe c'entra? Mica è sempre la stessa partita. Ad esempio, se avessi pagato per vedere Lazio-Roma (o se l'avessi pagata in PPV), secondo me dovrei avere il diritto di vedere la partita quando la rigiocheranno, visto che NON ho usufruito dei 90 minuti che ho pagato.
    oppure in pizzeria,una volta che hai magiato
    una pizza le altre sono tue di diritto...mahAnche qua, non è sempre la stessa pizza, e poi la pizza ha un costo di base materiale che non si può eliminare perché non esistono ancora i replicatori alla Star TrekNon ho detto che se ho visto un film al cinema poi potrei vedermi gratis un altro film, si parlava dello stesso film, quindi stessi autori, stessi attori, stessa trama, ecc.. I paragoni che hai fatto non c'entrano niente col mio discorso.
  • AndreaMilano scrive:
    Re: mmm....
    sprechi banda e spazio sul database...... nessuno! ;)- Scritto da: Anonimo:CUT:
    Certo che uno che vive in "Città del
    mondo, anche qui e la, dipende dal mese" e
    che ha la testa aperta a 360° si prende per
    bene le sue responsabilità....

    ... studente!
  • Anonimo scrive:
    Re: mmm....
    - Scritto da: AndreaMilano
    Forse si o forse no, ma tu sei senza nick?
    spiacente non mi sento in dovere di
    rispondere a persone che non hanno il
    coraggio di prendersi le
    responsabilità di cio' che dicono.
    Certo che uno che vive in "Città del mondo, anche qui e la, dipende dal mese" e che ha la testa aperta a 360° si prende per bene le sue responsabilità....... studente!
  • vegeta scrive:
    Re: Solidarietà
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: vegeta

    ma sai secondo me tutte le procure

    dovrebbero trovarle illegali.

    E perché mai? La legge parla chiara,
    sono vietate le immagini
  • vegeta scrive:
    Re: [OT] Comprare l'ultimo samurai?
    ma fammi capire perchè quando vai allo stadio non paghi per vedere sempre oppure in pizzeria,una volta che hai magiato una pizza le altre sono tue di diritto...mah- Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: vegeta


    Al cinema c'è andato a
    vederlo,


    il pizzo agli autori l'ha pagato.

    e devi ripagarlo anche se vuoi il
    dvd...se

    non no comprarlo e arrangiati

    Quindi paghi il pizzo:
    1) OGNI VOLTA che lo vai a vedere al cinema
    2) OGNI VOLTA che lo danno in TV (col canone
    o con la pubblicità)
    3) se lo compri in DVD (una volta sola)
    4) se lo registri dalla TV e te lo riguardi
    quando vuoi (quando compri il supporto
    vuoto)
    C'è qualcosa che non quadra nella
    differenza tra i primi 2 punti e gli altri
    2...
  • Anonimo scrive:
    Re: [OT] Comprare l'ultimo samurai?
    - Scritto da: vegeta

    Al cinema c'è andato a vederlo,

    il pizzo agli autori l'ha pagato.
    e devi ripagarlo anche se vuoi il dvd...se
    non no comprarlo e arrangiatiQuindi paghi il pizzo:1) OGNI VOLTA che lo vai a vedere al cinema2) OGNI VOLTA che lo danno in TV (col canone o con la pubblicità)3) se lo compri in DVD (una volta sola)4) se lo registri dalla TV e te lo riguardi quando vuoi (quando compri il supporto vuoto)C'è qualcosa che non quadra nella differenza tra i primi 2 punti e gli altri 2...
  • AndreaMilano scrive:
    Re: mmm....
    Forse si o forse no, ma tu sei senza nick? spiacente non mi sento in dovere di rispondere a persone che non hanno il coraggio di prendersi le responsabilità di cio' che dicono.A.M.- Scritto da: Anonimo


    III. E' una cosa pericolosa (se il
    materiale

    è coperto da copyright o peggio

    è illegale potresti avere
    problemi...

    cioè è per questo che hai

    avuto problemi)

    E dimmi, cosa masterizzi tu... solo le tue
    foto e materiale opensource?
  • vegeta scrive:
    Re: [OT] Comprare l'ultimo samurai?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: vegeta

    veramente sarebbe logico comprarlo

    perchè csaricarlo è
    illegale

    di per se

    Non si può comprare.
    Non è in libera vendita.
    Quindi?
    Al cinema c'è andato a vederlo, il
    pizzo agli autori l'ha pagato.e devi ripagarlo anche se vuoi il dvd...se non no comprarlo e arrangiati
  • vegeta scrive:
    Re: Solidarietà

    La polizia NON DOVREBBE istigare a
    commettere reati. La diffusione di materiale
    pedopornografico lo considera un reato
    punibile, e pertanto non dovrebbe essere
    concesso aprire un sito civetta. Questo
    dimostra che il vero scopo NON E' tutelare i
    minori (perché se così fosse,
    i minori ritratti sulle foto del sito
    civetta chi li tutela?), bensì una
    caccia alle streghe.
    Altrimenti, visto che qui sono tutti bravi a
    dire "Se avessi dei figli non parleresti
    così", perché la polizia non
    prende, per fare il sito civetta, le foto
    dei figli del questore e dei figli dei
    poliziotti coinvolti nell'operazione? Per
    creare il sito ha chiesto il permesso ai
    genitori dei minori ritratti in quelle foto?
    L'ha chiesto ai minori stessi? No? E di
    grazia, perché non viene punito
    nessuno per questo reato così grave?
    Qualcuno dirà che è
    autorizzata dalla procura. Come può
    una procura autorizzare la diffusione di
    immagini del genere? Perché non
    prendono le immagini della figlioletta,
    poniamo di 6 anni, del capo della procura
    per fare questo sito?
    E se una persona non viene rintracciata (non
    tutti i pedofili sono stupidi), CHI si
    prenderà la responsabilità se
    una foto scaricata da quel sito viene
    reimmessa in giro, magari a pagamento, da
    un'altra parte?

    Pensateci.guarda che usano foto trovate in rete che girano da sempre quindi non tirarla troppo per le lunghe.
    Per vedere bambini nudi basta andare su
    qualsiasi spiaggia. Anche l'estate scorsa e
    in Italia (certo, meno rispetto a qualche
    anno fa). Vedere un bambino nudo non
    è un reato (altrimenti avrebbero
    dovuto arrestare tutti i bagnanti).io dico che è reato se lo si fa per scopi sessuali..certo che non è punibile ma io un bimbo vicino a uno schifo del genere non lo metterei mai
    • Anonimo scrive:
      Re: Solidarietà
      - Scritto da: vegeta
      guarda che usano foto trovate in rete che
      girano da sempre quindi non tirarla troppo
      per le lunghe.Ma se vogliono fermarne il traffico non dovrebbero aiutarne la circolazione. Non ha senso che combattano per fermarne la diffusione e poi le diffondano proprio loro. Non ha un briciolo di coerenza. Per di più, oltre a diffonderle, stanno istigando a scaricarle e detenerle (oltre che scambiarle quando lavorano sotto copertura). Anche se fosse legale, non è meno deplorevole di coloro che scaricano e detengono "per piacere" tali foto. Il fine *NON* giustifica i mezzi.Al di là del fatto che potrei obiettare che se davvero girassero da sempre allora i pedofili che scaricano già le avranno.

      Per vedere bambini nudi basta andare su

      qualsiasi spiaggia. Anche l'estate
      scorsa e

      in Italia (certo, meno rispetto a
      qualche

      anno fa). Vedere un bambino nudo non

      è un reato (altrimenti avrebbero

      dovuto arrestare tutti i bagnanti).

      io dico che è reato se lo si fa per
      scopi sessuali..certo che non è
      punibile ma io un bimbo vicino a uno schifo
      del genere non lo metterei maiNon ho capito che intendi per "schifo del genere".Vuoi fare spiagge separate adulti e bambini?Come quelle divise uomini e donne all'inizio del secolo?E' un'idea idiota, ma comunque non risolverebbe il problema, a meno di circondare le spiagge (e il mare) di un paravento. Perché tanto altrimenti, anche se da più lontano, i pedofili i bambini li vedrebbero lo stesso (s'era parlato di guardare e basta, non tirare fuori altro, grazie).
  • vegeta scrive:
    Re: Solidarietà
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    e chi è un criminale allora?

    ammazzo uno per vendetta, sono un
    criminale,

    secondo me no, secondo te?

    qual'è la definizione di
    criminale?

    una persona che va contro le tue regole?
    Per me criminale è chi compie azioni
    che danneggino (EFFETTIVAMENTE, non "in
    teoria") altri.
    Non è criminale chi scarica mp3,
    perché non è provato che chi
    scarica quella canzone, se non avesse potuto
    scaricarla, avrebbe acquistato il CD
    originale (anzi è dimostrabile il
    contrario).
    Non è criminale chi scarica
    pedoporno, perché non è
    provato che chi scarica quella foto, se non
    avesse potuto scaricarla, sarebbe andato in
    giro a violentare i bambini (anzi è
    dimostrabile il contrario).
    Devo continuare?ah quindi se rubo un'auto non è reato perchè non è provato che poi me la compro?voglio sperare che scherziedit...mi spieghi questa: Non è criminale chi scarica
    pedoporno, perché non è
    provato che chi scarica quella foto, se non
    avesse potuto scaricarla, sarebbe andato in
    giro a violentare i bambini (anzi è
    dimostrabile il contrario).
    Devo continuare?in particolare la dimostrazione...poi se vuoi continua pure a dire cavolate==================================Modificato dall'autore il 25/03/2004 11.19.10
  • vegeta scrive:
    Re: Solidarietà
    - Scritto da: Anonimo
    e chi è un criminale allora?
    ammazzo uno per vendetta, sono un criminale,
    secondo me no, secondo te?
    qual'è la definizione di criminale?
    una persona che va contro le tue regole?lo sei senza dubbio.esiste la legge per certe cose
  • vegeta scrive:
    Re: Solidarietà
    scusate ma dite un cumolo di cavolate.Voi paragonate due crimini diversi.Certo che chi uccide bambini è un mostro ma lo stesso dicasi per chi abusa di loro sessualmente o, compra foto per poi eccitarsi e farsi le seghe.Nel caso della spiaggia non c'è problema ma, se bambini vengono sfruttati e abusati per fare foto e film li si che c'è il problemacerto esiste anche l'omicidio e la droga ma è tutto un altro discorso- Scritto da: Anonimo
    Concordo con Bruco, mi sembra che tu stia
    esagerando. Se guardare i bimbi nudi
    è un reato allora la mafia che li
    strangola cos'è ?
    Come scrivevo a Bruco mi sembra che le
    campagne della stampa costruiscano ad arte
    dei reati per evitare di parlare di quelli
    più gravi che non si riescono a
    reprimere.....
    Preoccuparsi della circolazione di foto su
    internet mentre la mafia ammazza e sotterra
    le persone, rovina famiglie a forza di
    droga, estorsioni ecc mi sembra ridicolo.
    Se qualcuno se fatto una s.... mentre facevo
    pipi in spiaggia da piccolo non mi ha
    causato alcun danno....diverso sarebbe stato
    se mi avessero fatto di eroina...
    cerchiamo di avere i piedi per terra e di
    dare un peso corretto alle cose....
  • Anonimo scrive:
    Re: Pedoballe
    - Scritto da: Anonimo
    Se una volta era lecito avere degli schiavi,
    allora non è stata commessa nessuna
    violenza su quelle persone? Andava tutto
    bene?Una volta era lecito avere degli schiavi, perché la gente (o almeno, chi era al potere) lo riteneva moralmente accettabile.
    Se rispondi a questo quesito vedrai
    che rispondi anche a quello sugli atti
    pedofili compiuti negli anni passati.Allora distruggiamo anche i vasi greci che contengono scene di sodomie multiple su dodicenni, perché sono (inequivocabilmente) materiale prodotto, visto oggi, con lo sfruttamento sessuale dei minori.Al di là del fatto che non hai prove che si trattasse di rapporti veri (nei film porno normali non è sempre così), ma comunque che senso ha distruggere una cosa ORMAI AVVENUTA? Non è che distruggendola la cancelli. E' lo stesso ragionamento di chi sposta la sporcizia sotto il tappeto. La sporcizia rimane lì, anche se non la vedi.

    Questo è un tuo parere.

    Si, è un mio parere, e mi disgusta
    sapere che vi sono persone che ritengono sia
    ammissibile, se la legge lo consente,
    trombare con dei bambini. Al di là della legge, è la cultura che fa la differenza. In altre culture (anche in questo momento, in alcune parti del mondo, in alcune zone della Nuova Guinea ad esempio) la pedofilia *E'* accettata.Questo non vuol dire che QUI sia giusta, o che sia giusta in senso assoluto; solo che in quei tempi, e/o in quei luoghi, era ritenuta (perlomeno dalla maggioranza delle persone) giusta.Se uccidi o mangi una mucca, per un musulmano commetti un abominio paragonabile alla pedofilia per noi. Questo fa l'uccisione della mucca una cosa sbagliata in senso assoluto? NO, lo fa sbagliata per i musulmani e per chi lo voglia ritenere sbagliato.Chi siamo noi per giudicare altre culture, come possiamo arrogarci tale diritto. Non possiamo e non dobbiamo dire di essere migliori degli altri, perché nel momento in cui lo facciamo stiamo dicendo che le altre culture sono inferiori. Questo si chiama razzismo.
    Alt! Io ho sempre parlato di possesso e
    *condivisione*. Condividere, come avviene
    nei sistemi p2p, vuol dire continuare ad
    essere complici di quella violenza.Come si può essere complici di una violenza avvenuta 30 anni prima, quando probabilmente una buona parte dei fruitori attuali di quell'immagine non erano neanche nati?
    A no? C'è la certezza della pena?Sì, perché tra l'altro, se non lo sapessi, i reati informatici di solito si perseguono d'ufficio. Quindi se anche vieni indagato per pedoporno e sei innocente e viene dimostrato che sei innocente, poi comunque ti vengono a fare le multe per Windows copiato.
    Quanti sono i condannati?Molti. Troppi.
    Quanti sono coloro
    che hanno duplicato, scaricato o altro
    qualche opera protetta da diritto d'autore?Tanti, proprio perché la cosa non è vista dalla gente come moralmente sbagliata.
    E le pene, sai perché stanno
    aumentando? Forse perché non vi
    è la certezza di essere puniti ed
    allora si cerca di mostrare i muscoli?Esatto.
    Succederebbe che se già oggi non
    beccano i pedofili, domani stai sicuro che
    le violenze sui bambini saranno all'ordine
    del giorno, e nessuno si scandalizzeràNon lo puoi sapere. E' una (remota, remotissima, a mio parere) possibilità, ma ce ne sono tante altre, tra cui quella che ho prospettato.Se hai la sfera di cristallo prestamela un momento, che vedo di sapere i numeri della prossima estrazione del lotto, così almeno prendo un po' di soldi.
    Guarda che le major producono materiale
    perfettamente legale, e non fanno violenza
    su nessun minore per tirar fuori una
    canzoncina. E sono tutelate dalla legge. Non
    so cosa dirti se non noti questa leggera
    differenza...La conosco. Quella che non conosco è che differenza di tipo economico avviene nella perdita di soldi dovuta allo sharing di mp3 e nella perdita di soldi dovuta allo sharing di pedoporno. Sempre di perdita di soldi si tratta, no? Che poi in un caso le major e la SIAE (mafiose) siano legali, e nell'altro i padroni del pedoporno (mafiosi pure loro) non lo siano, non l'ho mai messo in dubbio.
  • Anonimo scrive:
    Re: Pedoballe
    Fai semplicemente orrore.
  • Anonimo scrive:
    Re: In questo modo si puo' incastrare chiunq
    - Scritto da: Anonimo
    mamma mia che (troll)
    mi spiace che tu abbia un concetto
    così basso della giustizia
    italiana...
    non siamo un paese così di merda, non
    ti preoccupareNoooo, infatti la fase della merda l'abbiamo ormai già superata da un pezzo... ora siamo nella fogna più profonda...lo sanno tutti che chi ruba miliardi di euro viene tutelato a più non posso, i mafiosi pluriomicidi sono protetti, liberi e stipendiati dallo stato (con i ns soldi), ai terroristi che hanno qualche ergastolo da scontare viene data la grazia.... e la lista è moltoooo lunga. Poi però se un ragazzino scarica un brano musicale da Internet (cosa che è nel suo diritto perchè il pizzo alle major lo ha già pagato sotto forma di maggiorazione del prezzo di PC, harddisk, supporto vergine, masterizzatore, ecc....) oppure se scarichi un file con contenuto pedoporno credendo invece di scaricare un normalissimo film, allora si che te la fanno pagare cara (sanzioni pecuniarie pesantissime, sequestro delle apparecchiature, gogna mediatica, processi, forse anche l'arresto....)Già, è proprio una giustizia di cui andare fieri!!!!Scusa se poi mi preoccupo un po'!!
  • syslog scrive:
    BASTA!!! Sono stufo
    Porno, pedoporno, minorenni ecc.ecc.Personalmente sono stufo, mi sembra la solita caccia allle streghe, i pedofili sono furbi e insospettabili, posso essere anche i tuoi vicini di casa!!!!A parte tutto, questo racconto mi sembra un avera panzanata gigante, basta mettere su due righe e scrivere pedoporno che finisci anche su P.I. VERGOGNA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!A me il porno piace tanto, non facciamo di tutta l'erba un fascio!!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Abbonamento a nome suo??! Mmmm....
    - Scritto da: Anonimo
    Come minimo avrà usato il nome del
    padre o della madre.Quei dati contano zero. Tanto il provider risale lo stesso al numero di telefono che ha effettuato la connessione. Se poi aveva ADSL, tanto peggio.Poteva pure metterci "Cristoforo Colombo, Genova", al di là dell'(ulteriore) reato di certo non si evita di essere identificati. Ci sono modi per non essere identificati, ma di certo se sono arrivati a prenderlo non li conosceva.
    La polizia presumo si faccia dare i log dal
    provider ed il provider da i dati
    dell'abbonato.

    Ma i dati dell'abbonato non potevano essere
    i suoi visto che era minorenne.Se la procura vede che in una famiglia oltre a lui ci sono un 50enne operaio che probabilmente non capiva un tubo di computer, una casalinga che sì e no spegnerà il PC se il figlio lo lascia acceso, e un'altra figlia di 4 o 5 anni, pensi non vadano a colpo sicuro? E in ogni caso, probabilmente avranno anche monitorato le sue email, le chat e altro... per verificare CHI usava effettivamente quel computer.
  • Anonimo scrive:
    Re: verosimile
    - Scritto da: Anonimo

    Adesso, sia loro che il PM dormono sonni
    tranquilli, nessuno potrà mai
    chiedergliene conto, intanto io sono stato
    rovinato da questi "preparati e sgamati"
    prodi poliziotti e magistrati - ignoranti,
    arroganti, indifferenti, ottusi burocrati
    passacarte e scaldasedie, con un potere
    immenso su ciascuno di noi - non lo auguro
    al mio peggior nemico.Denunciali, non farli più dormire, fai rumore, portali in tv , fatti risarcire, se hai ragione e te lo hanno sottoscritto devi massacrarli. Io ho detto che mediamente sono gente in gamba, qualche coglione c'è anche fra loro come in tutte le categorie (fatta eccezione per la categoria dei politici dove lo sono tutti).
    • Anonimo scrive:
      Re: verosimile
      - Scritto da: Jack Rackham
      Denunciali, non farli più dormire,
      fai rumore, portali in tv , fatti risarcire,
      se hai ragione e te lo hanno sottoscritto
      devi massacrarli. Io ho detto che mediamente
      sono gente in gamba, qualche coglione
      c'è anche fra loro come in tutte le
      categorie (fatta eccezione per la categoria
      dei politici dove lo sono tutti).Per fare una cosa simile servono una barca di soldi. Poi li riprendi e con gli interessi, ma non si può pretendere che il cittadino medio faccia ipoteche sulla casa per fare una causa di questo tipo, persino se sa di averla vinta praticamente al 100%.
  • Anonimo scrive:
    Re: Il vero problema sta a monte.
    - Scritto da: Anonimo
    - oppure, se l'altra persona è
    minorenne (ma ha compiuto almeno 14 anni,
    altrimenti non è punibile), se la
    persona coinvolta ha meno di 13 anni
    *OPPURE* ha 13 anni ma meno di 3 anni di
    differenza con la persona più grandeOvviamente volevo dire "più di 3 anni di differenza" visto che sto parlando dei casi puniti penalmente.
  • Anonimo scrive:
    Re: Solidarietà
    - Scritto da: Anonimo
    e chi è un criminale allora?
    ammazzo uno per vendetta, sono un criminale,
    secondo me no, secondo te?
    qual'è la definizione di criminale?
    una persona che va contro le tue regole?Per me criminale è chi compie azioni che danneggino (EFFETTIVAMENTE, non "in teoria") altri.Non è criminale chi scarica mp3, perché non è provato che chi scarica quella canzone, se non avesse potuto scaricarla, avrebbe acquistato il CD originale (anzi è dimostrabile il contrario).Non è criminale chi scarica pedoporno, perché non è provato che chi scarica quella foto, se non avesse potuto scaricarla, sarebbe andato in giro a violentare i bambini (anzi è dimostrabile il contrario).Devo continuare?
  • Anonimo scrive:
    Re: Solidarietà
    e chi è un criminale allora?ammazzo uno per vendetta, sono un criminale, secondo me no, secondo te?qual'è la definizione di criminale? una persona che va contro le tue regole?
  • Anonimo scrive:
    Re: mafia nello stato, altro che pedopor
    sulla droga e altre cose poco legali, c'è gente ai piani alti (molto alti) che ci guadagna, sulla pedofilia e cose "minori" non glie ne frega niente a nessuno, perché non ci guadagna nessuno, allora si da risalto alle cose meno graviil caso della franzoni è stata una buffonata fin dall'inizio, dimostra chiaramente come basta inventarsi due stronzate per diventare milionari senza fare un cacchio, i MILIONI che ha preso quella tra trasmissioni varie e altri cazzi non si contano, sai quanto glie ne frega a quella del figlio che è morto, ricordatevi che l'UNICA cosa che muove l'uomo è il denaro, tutto il resto sono sentimentalismi e ideologie, il denaro è l'UNICA vera cosa che muove l'uomo, e ogni modo è buono per ottenerloe questo non fa he bene ai media e a tutto il resto, che non potendo parlare di crimini veri (la gente si ROVINA con la droga, famiglie intere vengono rovinate), parlano di queste cose per distogliere lo sguardo della gente comune, perché si sa, per la persona comune, qualsiasi cosa dice la televisione è legge, ma daltronde questo è il mondo che ci siamo creati, mo ce lo teniamo
  • Anonimo scrive:
    Abbonamento a nome suo??! Mmmm....
    Domanda.....se all'epoca dei fatti il ragazzo aveva 17 anni, come poteva aver sottoscritto un abbonamento ad internet (anche di quelli gratuiti) a nome proprio?Come minimo avrà usato il nome del padre o della madre.La polizia presumo si faccia dare i log dal provider ed il provider da i dati dell'abbonato.Ma i dati dell'abbonato non potevano essere i suoi visto che era minorenne.E allora come ha fatto ad arrivare a nome suo la denuncia?Non mi quadra la cosa...
  • Anonimo scrive:
    Re: Il vero problema sta a monte.
    - Scritto da: Anonimo
    Non mi sono chiare alcune cose in quanto non
    conosco esattamente la legge sulla pedofilia
    e vorrei qualche chiarimento, se possibile.Leggi il mio messaggio poco più sotto:http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=578433
  • Anonimo scrive:
    Re: aiuto !
    - Scritto da: Anonimo
    ... è da qualche tempo che mi vengono
    in mente strane fantasie di QUEL tipo...
    ieri ho sognato di farlo con una
    minorenne...Finché pensi o sogni, non farti nessun problema. Se vuoi andare nel reale, ricordati che dai 14 in su è ok (a meno che non sei un tutore o un insegnante). Se cerchi foto, però, è molto meglio per te se ti limiti a soggetti dai 18 in su, perché altrimenti rischi di finire nei guai.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non mi convince per niente
    - Scritto da: Anonimo
    Anzi, potrebbero (ho sentito da quelli di
    telefono arcobaleno - sede di Perugia)
    proprio essere quelli della polizia postale
    a condividere dei file illeciti per vedere
    chi li scarica.E i minori ritratti in quelle foto che condividono, chi li tutela? Visto che puniscono persino la mera detenzione, il loro scopo non dovrebbe essere limitare il più possibile il circolare di quelle foto? Ma se le immettono loro stessi, e uno un po' più sgamato riesce a far perdere le loro tracce e le reimmette su un sito a pagamento?
    Ho visto con i miei occhi carabinieri
    lasciare andare automobilisti
    ultraindisciplinati perchè con
    minacce li hanno intimoriti. Più
    facile fare multe a donne inermi e persone
    tranquille. Si rischia di meno.

    Non è che lo stesso vale per il p2p e
    il pedoporno?Bravo...:(
  • Anonimo scrive:
    Re: Non mi convince per niente
    - Scritto da: Anonimo
    La storia non mi convince, magari è
    vera chi lo sa. Però se fossi nei
    panni di punto-informatico non pubblicherei
    mai e poi mai storie di gente anonima.Probabilmente non è stata scritta in forma anonima, ma è stato (giustamente) chiesto a PI di tutelare l'anonimato della persona in questione.Un po' come la famosa "Lettera firmata" che compare anche nei quotidiani.
  • Anonimo scrive:
    Re: E' reato il download o la detenzione?
    - Scritto da: Anonimo
    Il solo pensiero dovrebbe essere reatoFermate il mondo, voglio scendere.
  • Anonimo scrive:
    [OT] Comprare l'ultimo samurai?
    - Scritto da: vegeta
    veramente sarebbe logico comprarlo
    perchè csaricarlo è illegale
    di per seNon si può comprare.Non è in libera vendita.Quindi?Al cinema c'è andato a vederlo, il pizzo agli autori l'ha pagato.
  • Anonimo scrive:
    Re: Per i pornodipendenti..
    non sò quanto possa essere una malattia....
  • Anonimo scrive:
    Re: Solidarietà
    - Scritto da: vegeta
    3)Per quanto riguarda lo spiare in parte
    sono daccordo con te ma, se is usano certi
    programmi devi scaricare da qualcuno e se,
    quel qualcuno è la polizia per
    beccare i pedofili allora la tua
    curiosità deve essere punita.La polizia NON DOVREBBE istigare a commettere reati. La diffusione di materiale pedopornografico lo considera un reato punibile, e pertanto non dovrebbe essere concesso aprire un sito civetta. Questo dimostra che il vero scopo NON E' tutelare i minori (perché se così fosse, i minori ritratti sulle foto del sito civetta chi li tutela?), bensì una caccia alle streghe.Altrimenti, visto che qui sono tutti bravi a dire "Se avessi dei figli non parleresti così", perché la polizia non prende, per fare il sito civetta, le foto dei figli del questore e dei figli dei poliziotti coinvolti nell'operazione? Per creare il sito ha chiesto il permesso ai genitori dei minori ritratti in quelle foto? L'ha chiesto ai minori stessi? No? E di grazia, perché non viene punito nessuno per questo reato così grave?Qualcuno dirà che è autorizzata dalla procura. Come può una procura autorizzare la diffusione di immagini del genere? Perché non prendono le immagini della figlioletta, poniamo di 6 anni, del capo della procura per fare questo sito?E se una persona non viene rintracciata (non tutti i pedofili sono stupidi), CHI si prenderà la responsabilità se una foto scaricata da quel sito viene reimmessa in giro, magari a pagamento, da un'altra parte?Pensateci.
    Essere
    curiosi di vedere bambini nudi o ripresi in
    atti sessuali è da criminali.Quindi
    non tirarla troppo per le lunghePer vedere bambini nudi basta andare su qualsiasi spiaggia. Anche l'estate scorsa e in Italia (certo, meno rispetto a qualche anno fa). Vedere un bambino nudo non è un reato (altrimenti avrebbero dovuto arrestare tutti i bagnanti).
  • Anonimo scrive:
    Re: Bufala al 100%
    - Scritto da: Anonimo
    Ma figuriamoci se sta cosa è vera...
    ora ti fanno il blitz a casa per avere
    scaricato 2 filmati sospetti ? Suvvia !Allora informati sul caso "forza *****a".
    Ma se in tv si sente sempre che le retate
    dei pedofili le fanno addirittura dopo
    l'accertamento dell'uso di carte di credito
    da parte dei sospettati proprio
    perchè lo scambio su internet non
    è mai una prova schiacciante per
    mille motivi,Questi sono solo i casi che arrivano in TV. Ma non è mica solo così. Probabilmente lui non fa parte di operazioni particolari.Se esci dal guscio e ti farai un giro sui newsgroup di diritto vedrai come a moltissime persone succedono cose del genere.Ma se per te il TG è l'unica fonte affidabile, allora lasciamelo dire, stai messo male.
    ora figuriamoci se fanno una
    perquisizione dopo addirittura 2 anni sulla
    base del p2p. Io non ci credo.Io sì. Non vedo nessun motivo per cui non dovrei crederci.
  • Anonimo scrive:
    Re: [OT] Eh già...
    qui si parla del tempo che intercorre fra la raccolta degli indizi e la perquisizione, non dei tempi processuali. che i processi durino anni e anni lo sappiamo tutti, ma se indagano nel 99 non ti vengono in casa nel 2004, dai.
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] Eh già...
      se non ho capito male gli sono venuti in casa il giorno dopo o il giorno stesso che ha scaricato qualcosa.Gli hanno trovato cose che ha scaricato anche nei mesi precedenti, e da due anni sta durando l'accusa, il processo... o quello che è...
  • Anonimo scrive:
    Re: Bersagli sbagliati
    - Scritto da: Anonimo
    Fare simili insinuazioni offende il
    lavoro e l'impegno di persone che si
    impegnano quotidianamente in difficili e
    delicate indagini. Dove pensi che si trovino
    i trafficanti di pedo porno? Dal panettiere
    sotto casa o dove ci sono i clienti che
    scambiano acquistano il materiale? Le
    indagini telematiche sono il necessario
    punto di partenza per stroncare la mafia
    della pedo pornografia che tra dal web un
    giro di affari di svariati miliardi di
    euro... Ah sì? E allora spiegami perché mai, dal 1998, entrata in vigore della legge, pur essendo passati 6 dico SEI anni, non hanno mai scovato, partendo da queste indagini forcaiole, UN produttore di pedoporno che sia UNO?Gli unici che hanno trovato li hanno trovati partendo dalle denunce dei minori stessi (o più spesso dei loro genitori).Su, spiegamelo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bersagli sbagliati

      Su, spiegamelo.http://www.repubblica.it/online/cronaca/trappola/italiani/italiani.htmlTi dice nulla Vladimir Kusnetov...Documentati ed accenti il cervello prima di postare...
  • Anonimo scrive:
    Re: Come tutelarsi?
    - Scritto da: Anonimo
    Dato che sembra che anche scaricare immagini
    di possibili minorenni (non bambini, ci
    mancherebbe! ma donne che potrebbero avere
    meno di 18 anni) è un reato e si
    può essere inquisiti, uno che vuole
    visitare siti porno come deve tutelarsi?
    Mica è semplice capire se le ragazze
    hanno veramente 18 anni oppure no. Bisogna
    abbonarsi a quelli famosi ufficiali e
    legali?se proprio vuoi "scroccare", scarichi film porno ma quelli fatte da aziende conosciute, ed evita film amatoriali che possono essere confusi
  • Anonimo scrive:
    Re: Come tutelarsi?
    Visto l'aria che tira, detto in poche parole, SI.
  • Anonimo scrive:
    Come tutelarsi?
    Dato che sembra che anche scaricare immagini di possibili minorenni (non bambini, ci mancherebbe! ma donne che potrebbero avere meno di 18 anni) è un reato e si può essere inquisiti, uno che vuole visitare siti porno come deve tutelarsi? Mica è semplice capire se le ragazze hanno veramente 18 anni oppure no. Bisogna abbonarsi a quelli famosi ufficiali e legali?
  • dirittorovescio scrive:
    ARIA FRITTA. per la redazione
  • Anonimo scrive:
    Re: Per i pornodipendenti..
    - Scritto da: Anonimo
    si può vivere senza la pornografia

    dal sito
    www.noallapornodipendenza.it/chisiamo.htm Lolloso. Tempo fa questo link girava su IRC e ci siamo fatti le meglio risate.
  • Anonimo scrive:
    Re: Pedofilia e diritto
    - Scritto da: Anonimo
    Trovo scorretto e condannabile pure questo
    comportamento (personalmente). Comunque
    c'è da dire che sui cadaveri non puoi
    fare ulteriore violenza, sono già
    morti,La necrofilia comporta un reato a quanto ne so (necrofilia = sesso con una persona già morta; va distinta dal vampirismo, che tende ad uccidere la persona per poi averci un coito subito dopo. Il necrofilo si sfoga su un cadavere già morto di solito per altre cause, non uccide lui).
  • Anonimo scrive:
    Re: ipotizziamo
    - Scritto da: Anonimo
    Compri un Mac e non hai di 'sti problemi!
    (apple) ;)uso linux e non li ho ugualmente :)cmq sono in trattative con dio (cioe' me stesso) per un powerbook 12" (mi piace piccolo) col superdrive :)
    Scherzi a parte, penso che sia come se ti
    spediscono un pacco di droga, cioè la
    responsabilità và al mittente
    se riesci a dimostrare che non lo volevi
    (come fare non so).
    Nel tuo caso, sarebbe denuncia contro ignoti.nel mio spero proprio di no. Non uso p2p, tuttavia se mi capitasse di scaricare roba che si rivela di questa natura sfruttando una denominazione falsa, la prima cosa che faccio e' telefonare alla polizia postale. poi ci penseranno loro.
  • shevathas scrive:
    Re: ipotizziamo
    - Scritto da: munehiro
    ipotizziamo uno scenario.

    oggi mi sono trovato 64 virus nella casella
    di posta (si'... 64 in 12 ore).
    No comment (75) più 12 avvisi di virus in una e-mail apparentemente inviata da me
    Che succede se i computer degli infettati
    scaricano automaticamente materiale
    pedoporno, magari anche da siti civetta, e
    lo installano magari come screensaver?tutto è legato al consapevolmente presente nel testo della legge. Ovvero devi essere consapevole che stai scaricando materiale contenente pornografia minorile.Nel caso lo screen saver sia stato installato da un virus, non essendoci la consapevolezza non c'è colpa, almeno questo dice la legge.Nel caso qualcuno programmasse un virus con le caratteristiche di cui sopra, di certo gli esperti lancerebbero allarmi abbastanza seri, e un buon perito potrebbe dimostrare la non volontarietà dello scaricamento.Da quello che ho letto sui giornali, pare che non si persegua più lo scaricamento casuale ma quello sistematico, oppure gli accessi ad aree riservate per le quali si è pagato per l'accesso, anche perchè, imho, in questi casi diviene molto più facile dimostrare la consapevolezza.Ma queste sono solamente mie impressioni
  • warrior666 scrive:
    Re: ipotizziamo

    Scherzi a parte, penso che sia come se ti
    spediscono un pacco di droga, cioè la
    responsabilità và al mittente
    se riesci a dimostrare che non lo volevi
    (come fare non so).
    Nel tuo caso, sarebbe denuncia contro ignoti.quindi se vado in olanda e mi spedisco un centinaio di buste piene di ganja, l'importante è che non riescano a risalire a me come mittente e poi sono a posto? ; )
  • Anonimo scrive:
    Re: aiuto !

    ... è da qualche tempo che mi vengono
    in mente strane fantasie di QUEL tipo...
    ieri ho sognato di farlo con una
    minorenne...E che c'è di male? Io un paio d'anni fa l'ho fatto con una minorenne (io 18 anni e lei 17) e in piazza lo sanno, e mi son fatto pure una buona reputazione perchè è una delle più fighe del paese... ;)(pregasi spostare questo thread nel Forum X quanto prima :P)
  • Anonimo scrive:
    Re: ipotizziamo
    - Scritto da: munehiro
    ipotizziamo uno scenario.

    oggi mi sono trovato 64 virus nella casella
    di posta (si'... 64 in 12 ore).Azz, mi batti
    Che succede se i computer degli infettati
    scaricano automaticamente materiale
    pedoporno, magari anche da siti civetta, e
    lo installano magari come screensaver?Compri un Mac e non hai di 'sti problemi! (apple) ;)Scherzi a parte, penso che sia come se ti spediscono un pacco di droga, cioè la responsabilità và al mittente se riesci a dimostrare che non lo volevi (come fare non so).Nel tuo caso, sarebbe denuncia contro ignoti.
  • Anonimo scrive:
    ipotizziamo
    ipotizziamo uno scenario.oggi mi sono trovato 64 virus nella casella di posta (si'... 64 in 12 ore).Che succede se i computer degli infettati scaricano automaticamente materiale pedoporno, magari anche da siti civetta, e lo installano magari come screensaver?
  • Anonimo scrive:
    Re: In questo modo si puo' incastrare chiunq
    mamma mia che (troll)mi spiace che tu abbia un concetto così basso della giustizia italiana...non siamo un paese così di merda, non ti preoccupare
  • Anonimo scrive:
    Re: In questo modo si puo' incastrare chiunq
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Vengono a casa tua la mattina,

    contemporaneamente qualcuno da fuori ti

    invia un messaggio in posta con un

    bell'allegato compromettente.



    Quelli mentre perquisiscono ti
    accendono il

    PC, ti fanno scaricare la posta (o
    magari

    hai configurato la posta che parte in

    automatico e ti avvisa del nuovo
    messaggio

    col pop-up), e ZAC! Flagranza di reato!




    me che minchia stai a di, mica sono
    responsabile della posta che mi arriva...
    che è Prodi era un terrorista
    perchè gli arrivato un pacco bomba a
    casa?
    quando scrivi verifica che tutti i
    collegamenti del cervello siano apposto ;)Bravo, spiegaglielo tu al carabiniere che e' venuto a perquisire che non ne sapevi niente...Intanto quello scrive a verbale "trovata immagine dal contenuto evidentemente pedopornografico sul computer del sospetto", poi tu glielo racconti al giudice che non sei responsabile di quello che ti arriva per posta, di Prodi e del suo pacco bomba (che magari ti fanno domande pure su quello gia' che ci sono...)
  • Anonimo scrive:
    Re: In questo modo si puo' incastrare chiunq
    - Scritto da: Anonimo
    Vengono a casa tua la mattina,
    contemporaneamente qualcuno da fuori ti
    invia un messaggio in posta con un
    bell'allegato compromettente.

    Quelli mentre perquisiscono ti accendono il
    PC, ti fanno scaricare la posta (o magari
    hai configurato la posta che parte in
    automatico e ti avvisa del nuovo messaggio
    col pop-up), e ZAC! Flagranza di reato!

    me che minchia stai a di, mica sono responsabile della posta che mi arriva...che è Prodi era un terrorista perchè gli arrivato un pacco bomba a casa?quando scrivi verifica che tutti i collegamenti del cervello siano apposto ;)
  • Anonimo scrive:
    Re: Solidarietà
    Concordo con Bruco, mi sembra che tu stia esagerando. Se guardare i bimbi nudi è un reato allora la mafia che li strangola cos'è ? Come scrivevo a Bruco mi sembra che le campagne della stampa costruiscano ad arte dei reati per evitare di parlare di quelli più gravi che non si riescono a reprimere.....Preoccuparsi della circolazione di foto su internet mentre la mafia ammazza e sotterra le persone, rovina famiglie a forza di droga, estorsioni ecc mi sembra ridicolo.Se qualcuno se fatto una s.... mentre facevo pipi in spiaggia da piccolo non mi ha causato alcun danno....diverso sarebbe stato se mi avessero fatto di eroina...cerchiamo di avere i piedi per terra e di dare un peso corretto alle cose....
  • Anonimo scrive:
    In questo modo si puo' incastrare chiunq
    Vengono a casa tua la mattina,contemporaneamente qualcuno da fuori ti invia un messaggio in posta con un bell'allegato compromettente.Quelli mentre perquisiscono ti accendono il PC, ti fanno scaricare la posta (o magari hai configurato la posta che parte in automatico e ti avvisa del nuovo messaggio col pop-up), e ZAC! Flagranza di reato!Non hanno piu' bisogno neppure di nasconderti la bustina di droga in bagno...Rendiamoci conto della potenziale pericolosita' che si nasconde dietro il fatto di considerare cosi' gravemente la semplice detenzione di tale materiale.Con tutti gli utonti che ci sono in giro...E' come se in un pornoshop ci fosse materiale illegale e un ignaro cliente entrasse e si mettesse a curiosare tra gli scaffali e per questo motivo subisca pure lui la gogna di un eventuale processo...Bisogna distinguere l'ignaro cliente da quello che consapevolmente e in combutta col gestore e' entrato proprio per acquistare QUEL materiale...
  • Anonimo scrive:
    Il vero problema sta a monte.
    Il vero problema sta nell'ambiguità e lacunosità della nostra legge riguardo la definizione di pedo-pornografia.Vi faccio qualche esempio:Non viene esattamente definito cosa è "pornografia".Per l'uomo comune pornografia è l'atto sessuale tra due soggetti ma da un punto di vista legale i confini sono molto meno chiari (almeno sulla carta).Un nudo artistico può quindi essere definito pornografia.Una posa osè altrettanto.Anche un semplice atteggiamento provocatorio potrebbe essere definito pornografico da qualche giudice bacchettone.Se poi il soggetto in questione è un minore il tutto si traduce in pedo-pornografia con le conseguenze che conosciamo.Caso limite: voi visitate un sito per nudisti dove, legittimamente, vengono ritratti in fotografie anche dei bambini. Il che è perfettamente lecito, il nudismo non è vietato dalla legge e non ci sono connotati "sessuali" o "pornografici".Eppure se vi trovano sul disco delle foto nudiste con soggetti minorenni correte il rischio di essere definiti pedofili. Ve lo assicuro.Altra esempio:Comunemente per pedofilia si intende l'attrazione sessuale verso i bambini.Stando alla lettera della nostra legge, pedofilia è l'attrazione sessuale verso i minori degli anni 18. Il discorso è diverso.Vuol dire che se ti ecciti guardando una 17enne provocante che cammina per la strada, per la nostra legge, potresti essere afflitto da questa malattia.Se poi passiamo ad internet il discorso diventa ancora più ambiguo... Chi di voi può capire con certezza assoluta che una ragazza giovane ritratta su una foto o un video sia o meno maggiorenne?Sapete bene che, soprattutto nel caso delle ragazze, è difficile rendersi conto dell'età esatta di una persona, soprattutto quando la fascia d'età in questione va dai 14 ai 18 anni.Qui parliamo di fotografie o video, non parliamo di una conoscenza diretta con la persona. Per la nostra legge un video con una 17enne nuda che non fa neanche sesso è considerato materiale pedo-pornografico. Per la nostra legge un maggiore di 14 anni può avere legalmente rapporti sessuali con un adulto se consensiente.Ma se lo stesso 14enne decide di farsi fotografare nudo e mettersi online e distribuire gratuitamente le sue foto in giro allora commette il reato di "diffusione di materiale pedo-pornografico". Ovviamente questo è un caso limite perchè la vittima diventa allo stesso tempo carnefice, ma vi dimostra quanto possa essere ambigua la nostra legge in materia.E gli esempi potrebbero continuare...E' vero che è il PM che deve, o meglio dovrebbe, dimostrare:1 la tua cattiva fede e quindi la consapevolezza di cosa dovevi fare2 che il soggetto sia effettivamente un minorenneMa quando siamo arrivati già a questo punto vuol dire che la tua vita è già stata rovinata, vuol dire che ti trovi già nel bel mezzo di un processo per pedofilia.Una maggiore attenzione nel creare una legge completa e chiara che regoli questa materia eviterebbe tante situazioni paradossoali come quelle che vi ho elencato. Purtroppo nel nostro ordinamente ci sono solo 4 articoletti in croce assolutamente ambigui e, di fatto, tutto viene rimesso alla sensibilità del singolo giudice.Se ti capita un giudice donna e bacchettona sono cazzi tuoi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Comunque il tutto è plausibile

    Essere condannati se si è innocenti
    è molto difficile, e se la condotta
    contestata non è gravissima
    (supponiamo che tu non lo abbia fatto per
    "sbaglio" ma per curiosità) le pene
    sono lievi.Certo, ma poi, gli anni che sono passati nei quali mi hanno sputtanato tutti, vicini compresi, voci nel paese ecc...L'avvocato che mi ha seguito per 2 anni, CHI ME LI RIPAGA ?!?!Se fosse come in america, che per un errore del genere puoi fare controcausa e mangiargli un bel po' di quattrini, almeno quello !Invece qui , un bel calcio nei co@lioni e muto cittadino pecora, torna a produrre per le majors...
    Oltrettutto, caro F. se all'epoca del reato
    contestano eri minorenne, ed il pm dovesse
    "insistere" quasi sicuramente il giudice (di
    qualsiasi grado) concederà la "messa
    in prova", cioè una pacca sul culo e
    via.
    Quindi, riprendi la tua vita, non aver
    paura, affronta il tutto con coraggio e
    vedrai che ne uscirai più maturo e
    forte di prima. Forse sono di mentalita' antiquata, ma questo tipo di cose a me fanno bollire il sangue...Non esiste che piombi in casa alle 4 di mattina con prove quasi zero, o solo magari per 3 file hard che mi hai visto scaricare (quindi non con continuita') e verificando la natura delle immagini stesse !Questo da me si chiama vivere in uno stato di polizia !Queste cose le facevano in RUSSIA ai tempi della guerra fredda !Stiamo tornando indietro invece che avanti qua... altro checivilta'....
  • Anonimo scrive:
    aiuto !
    ... è da qualche tempo che mi vengono in mente strane fantasie di QUEL tipo... ieri ho sognato di farlo con una minorenne...
  • Anonimo scrive:
    Re: mmm....

    III. E' una cosa pericolosa (se il materiale
    è coperto da copyright o peggio
    è illegale potresti avere problemi...
    cioè è per questo che hai
    avuto problemi)E dimmi, cosa masterizzi tu... solo le tue foto e materiale opensource?
  • Anonimo scrive:
    Posso confermare
    Una persona molto vicina a me ha vissuto una storia identica. Non ve la racconto perchè è identica. Alla fine ha subito una condanna "di facciata" in quanto il giudice ha capito la situazione ma non poteva concedere una assoluzione piena.
  • Anonimo scrive:
    Re: E' reato il download o la detenzione


    Il solo pensiero dovrebbe essere reatoGià. Gli antichi greci si sarebbero dovuti arrestare tutti.Pensa che se fossi un padre di 2300 anni fa, la massima aspirazione per un tuo figlio dodicenne sarebbe che seguisse i precetti di un Socrate o un Platone: il che implicherebbe anche la sodomìa col suo tutore...(mi ricordo ad una simulazione dell'esame di maturità, c'era una versione di greco con Socrate che rincorreva un giovinetto...)Uomini, un po' di relativismo per favore.
    è uno Psicoreato?
    cfr. Orwell, 1984Ma sei un grande! :D
  • vegeta scrive:
    Re: Solidarietà
    - Scritto da: Bruco
    - Scritto da: vegeta

    vacci piano



    1)accertiamoci che il ragazzo esista



    2)accertiamoci che dica la verità



    3)Per quanto riguarda lo spiare in parte

    sono daccordo con te ma, se is usano
    certi

    programmi devi scaricare da qualcuno e
    se,

    quel qualcuno è la polizia per

    beccare i pedofili allora la tua

    curiosità deve essere
    punita.Essere

    curiosi di vedere bambini nudi o
    ripresi in

    atti sessuali è da criminali.


    VACCI PIANO ANCHE TU.
    Puoi dire che è una devianza sessuale
    esecrabile, ma finché uno si limita a
    guardare bambini nudi non gli darei del
    criminale.

    ==================================
    Modificato dall'autore il 24/03/2004 14.07.21non diciamo oscenità.guardare un bambino nudo perchè i bimbi sono belli è un conto ma guardarli per compiacersi sessualmente ne è un altro.non dico in spiaggia dove il semplice sguardo è consentito(saremmo tutti in galera per molestie) me, in internet dove si cercano e comprano certe foto alimentando il mercato
    • Anonimo scrive:
      Re: Solidarietà
      - Scritto da: vegeta
      non diciamo oscenità.guardare un
      bambino nudo perchè i bimbi sono
      belli è un conto ma guardarli per
      compiacersi sessualmente ne è un
      altro.Che differenza c'è? A livello legale, nessuna. La legge non distingue se tu hai piacere dal guardarlo o meno.
      non dico in spiaggia dove il semplice
      sguardo è consentito(saremmo tutti in
      galera per molestie) me, in internet dove si
      cercano e comprano certe foto alimentando il
      mercatoSe si comprano ok.Se si scaricano e basta, di quale mercato parli? Tanto più che stai parlando in maniera generica di "bambini nudi" e non quindi di foto di bambini prodotte tramite uno sfruttamento o coinvolgimento sessuale. Quindi non sarebbero nemmeno illegali (=dipende dalla procura).
  • vegeta scrive:
    Re: Download con l'inganno - Caso person
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: vegeta

    veramente sarebbe logico comprarlo

    perchè csaricarlo è
    illegale

    di per se

    Permetterai che ci sia un po' di differenza
    tra un illecito amministrativo ed un reato
    penale pesantemente sanzionato. E come se mi
    paragonassi il divieto di sosta all'omicidio
    preterintenzionaleio permetto tutto quello che vuoi ma, il tono usato era sbaglito.sembrava quasi che scaricare quel divx fosse la cosa + normale che ci sia.se scaricassimo solo materiale certo(tipo manuali o prog opne source) ti rendi conto che i rischi sarebbero minimi e il p2p non avrebbe sebso di esistere in maniera così anonima
  • Anonimo scrive:
    Re: Download con l'inganno - Caso person

    Permetterai che ci sia un po' di differenza
    tra un illecito amministrativo ed un reato
    penale pesantemente sanzionato. si, ma il secondo è una conseguenza casuale del primo, il fatto che il primo sia di per se illegale deve teoricamente porre in evidenza al cittadino che comunque non è cosa da fare, che insorga o meno il reato più grave a posteriorialmeno fin qui non ci piove e questo mi sembra il succo del post di vegeta
  • vegeta scrive:
    Re: "diffusione di materiale"
    beh potrebbe aver sbagliato a scrivere lui oppure tanto innocente non lo è- Scritto da: Anonimo
    "Diffusione" è diverso da
    "detenzione", è molto più
    grave.
    Se metto a scaricare, consapevole o no, del
    materiale pedo, lo detengo. Se lo metto in
    sharing per permettere ad altri di
    sacricarlo è "diffusione".
    Visto che è stato contestato il reato
    di "diffusione", mi sembra che ci possa
    essere ben di più che qualche file
    masterizzato su un cd a parte, no?
    • Anonimo scrive:
      Re: "diffusione di materiale"
      In winmx, ad esempio, nel momento stesso in cui incominci a scaricare un file questo viene messo in condivisione automaticamente e potenzialmente può essere scaricato da altri utenti contestualmente al tuo download.Mettiamo che tu manco sia seduto al computer in quel momento... arrivi la sera a casa, apri il file e ti accorgi che contiente materiale illegale, quindi lo cancelli. Ma ormai il danno è fatto perchè quel file, se pur per breve tempo, è già stato condiviso (anche se involontariamente).Ma tu vallo a spiegare alle forze dell'ordine.. valla a provare inequivocabilmente una circostanza del genere.Eppure sapete bene che cose del genere accadono normalmente (soprattutto con programmi tipo Winmx).
      • vegeta scrive:
        Re: "diffusione di materiale"
        - Scritto da: Anonimo
        In winmx, ad esempio, nel momento stesso in
        cui incominci a scaricare un file questo
        viene messo in condivisione automaticamente
        e potenzialmente può essere scaricato
        da altri utenti contestualmente al tuo
        download.
        Mettiamo che tu manco sia seduto al computer
        in quel momento... arrivi la sera a casa,
        apri il file e ti accorgi che contiente
        materiale illegale, quindi lo cancelli. Ma
        ormai il danno è fatto perchè
        quel file, se pur per breve tempo, è
        già stato condiviso (anche se
        involontariamente).
        Ma tu vallo a spiegare alle forze
        dell'ordine.. valla a provare
        inequivocabilmente una circostanza del
        genere.
        Eppure sapete bene che cose del genere
        accadono normalmente (soprattutto con
        programmi tipo Winmx).
        beh vedi se los scarichi con il nome falso e la polizia lo scarica da te ,non possono accusarti di diffonedre materiale pedo ma, se ne scaricano a decine con titoli evidenti si!non siate ridicoli quando parlate
        • Anonimo scrive:
          Re: "diffusione di materiale"
          - Scritto da: vegeta
          beh vedi se los scarichi con il nome falso e
          la polizia lo scarica da te ,non possono
          accusarti di diffonedre materiale pedo ma,
          se ne scaricano a decine con titoli evidenti
          si!non siate ridicoli quando parlateQuindi secondo te (come per i poliziotti ignoranti) conta più il nome del file che il suo hash?
          • vegeta scrive:
            Re:
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: vegeta

            beh vedi se los scarichi con il nome
            falso e

            la polizia lo scarica da te ,non possono

            accusarti di diffonedre materiale pedo
            ma,

            se ne scaricano a decine con titoli
            evidenti

            si!non siate ridicoli quando parlate

            Quindi secondo te (come per i poliziotti
            ignoranti) conta più il nome del file
            che il suo hash?ma se scarichi un file che si chiama
  • AndreaMilano scrive:
    mmm....
    ...mmm bella cagata quella di non guardare cosa si burna.I. E' uno spreco di denaro (i supporti li paghi no?)II. E' uno spreco di spazio (burnare materiale che non ti servira' mai e' uno spreco no?)III. E' una cosa pericolosa (se il materiale è coperto da copyright o peggio è illegale potresti avere problemi... cioè è per questo che hai avuto problemi)A.M.
  • Anonimo scrive:
    W I PORNAZZI!
    Ma zitti va! Io amo i pornazzi, ne sono dipendente, mi piace e continuerà a piacermi ancora per molto!W I PORNAZZI!
  • Anonimo scrive:
    Re: E' reato il download o la detenzione
    - Scritto da: Anonimo
    Il solo pensiero dovrebbe essere reatoÈ uno Psicoreato?cfr. Orwell, 1984
  • Anonimo scrive:
    Re: Non mi convince per niente
    Il problema non è tanto se è vera o no questa storia, ma se è possibile che si verifichi.Le forze dell'ordine hanno o no questi poteri? a me risulta di si.Anzi, potrebbero (ho sentito da quelli di telefono arcobaleno - sede di Perugia) proprio essere quelli della polizia postale a condividere dei file illeciti per vedere chi li scarica.E la mattina si presentano a casa del tizio con mandato.Vera o non vera, questo messaggio pubblicato da PI fa riflettere sul fatto che ci sia un grosso monitoraggio sulla rete, vuoi per la Urbani vuoi per il pedoporno.Ma i veri delinguenti, quelli che stuprano davvero, quelli che rubano (e spesso ammazzano) davvero non sono forse perseguitati a dovere. E sono liberi (e pensionati dallo stato...)Questo è il punto.Ho visto con i miei occhi carabinieri lasciare andare automobilisti ultraindisciplinati perchè con minacce li hanno intimoriti. Più facile fare multe a donne inermi e persone tranquille. Si rischia di meno.Non è che lo stesso vale per il p2p e il pedoporno?
  • Anonimo scrive:
    Re: E' reato il download o la detenzione?
    Il solo pensiero dovrebbe essere reato
  • Anonimo scrive:
    Re: Pedoporno è anche teen e minorenni
    ah ok, allora sono illegali tutti i siti pornografici che ci sono su internet. immagino che se davvero dovessero andare a casa di tutti quelli che capitano su un sito con thumbnail allora andrebbero proprio a casa di dieci milioni di famiglie.ciao ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Pedoporno è anche teen e minorenni
      Da quello che ho capito il problema è che per pedoporno si intendono immagini con persone che basta che sembrano minorenni. Quindi se la polizia ti trova immagini con presunte minorenni vieni indagato. Poi potrai anche dire che quelle sono immagini di finte minorenni prese da C...S....ma intanto ti indagano.
  • Bruco scrive:
    Re: Solidarietà
    - Scritto da: vegeta
    vacci piano

    1)accertiamoci che il ragazzo esista

    2)accertiamoci che dica la verità

    3)Per quanto riguarda lo spiare in parte
    sono daccordo con te ma, se is usano certi
    programmi devi scaricare da qualcuno e se,
    quel qualcuno è la polizia per
    beccare i pedofili allora la tua
    curiosità deve essere punita.Essere
    curiosi di vedere bambini nudi o ripresi in
    atti sessuali è da criminali.VACCI PIANO ANCHE TU. Puoi dire che è una devianza sessuale esecrabile, ma finché uno si limita a guardare bambini nudi non gli darei del criminale.==================================Modificato dall'autore il 24/03/2004 14.07.21
  • Anonimo scrive:
    Re: Pedoporno è anche teen e minorenni
    - Scritto da: AnonimoAnche il famoso sito
    olandese è al limite della
    legalità. Magari poi vi assolvono, ma
    intanto vi sequestrano tutto.se x il famoso sito olandese intendi C....Se........ , bè ti ricordo che è un sito molto conosciuto e tratta (è dichiarato benissimo) solo ragazze maggiorenni, quindi non vedo il problema
  • Bruco scrive:
    Re: mafia nello stato, altro che pedopor
    - Scritto da: Anonimo
    E' vero la gente ci resta secca uguale , ma
    di Marta Russo e della mamma di cogne ne
    parliamo per 2 anni mentre se avessimo
    dovuto fare la stessa cosa per tutti gli
    omicidi di mafia ci sarebbero voluti 4
    secoli di trasmissioni....... non mi sembra
    che sia dia la stessa rilevanza........Scusa, su questo punto mi permetto di dissentire: il caso Marta Russo e il caso Annamaria Franzoni sono molto diversi tra di loro.Il caso Franzoni è una tragedia familiare, che ha acquisito risalto nazionale per le amicizie e i favoreggiamenti che quella famiglia ha ricevuto.Il caso Marta Russo è altrettanto triste, ma purtroppo segnale della dissolutezza morale del mondo accademico (nel quale peraltro io lavoro), mondo che dovrebbe forgiare le "teste pensanti" del nostro futuro, e più in generale è una tristissima manifestazione dell'incancrenimento della nostra società civile. Risparmio il dettaglio delle testimonianze del processo, ma ricordo che ci sono tante persone coinvolte, per omertà, menefreghismo, favoreggiamento e che l'unica persona che ha avuto il coraggio di farsi avanti ha lasciato il suo posto di lavoro in università perché sottoposta a pressioni insopportabili.
  • Anonimo scrive:
    Re: Pedoballe
    io spero che qualche commissario di polizia legga questo tuo post e venga ad arrestarti di corsa..... io leggo tra le tue righe, poi posso anche sbagliare, è una mia opinione, una sorta di "confessione" che fa di te un fuorilegge..... e se non ti insulto è solo per rispetto di PI e dei suoi altri utenti.
  • Anonimo scrive:
    Re: Download con l'inganno - Caso person
    La legge però non ammette che si può "ignorare" di averne. E' come se io mettessi una busta di droga nel tuo materasso. La polizia può accusarti di detenzione di stupefacenti ma tu non sapevi nemmeno di averla!!Occorrono più elementi per accusare di pedofilia una persona. Videoregistrazioni, atti violenti accertati con referti medici, testimonianze ecc ecc La pedopornografia in internet si combatte con chi crea e gestisce server e siti con contenuto illegale, con chi acquista materiale e non chi può imbattersi per errore o superficialità.Alla fine chi è furbo o ha i soldi per pagare ottimi avvocati ne esce sempre fuori pulito mentre i pesci piccoli vanno in galera o restano macchiati per tutta la vita.
  • Anonimo scrive:
    Re: Download con l'inganno - Caso personale
    - Scritto da: vegeta
    veramente sarebbe logico comprarlo
    perchè scaricarlo è illegale
    di per sèo almeno PRIMA controllare...
  • Anonimo scrive:
    Re: violenza estrema
    - Scritto da: Anonimo

    Adescare un bambino al parco non mi sembra
    che equivalga a farlo fuori o ad ammazzargli
    i genitori. sono tre modi diversi di violenza estrema!:|
  • Anonimo scrive:
    Re: Download con l'inganno - Caso personale
    - Scritto da: vegeta
    veramente sarebbe logico comprarlo
    perchè csaricarlo è illegale
    di per seil poliziotto ha detto una inesattezza, certamente lo scaricare materiale che di fatto è illegale è una aggravante e scaricare quindi ti pone nella stessa situazione di quando compri roba rubata, se sai che potrebbe essere rubata commetti un illecito acquisto. Poi il tizio nell'articolo era minorenne all'epoca in cui ha commesso il fatto, la sua colpa e non aver cancellato e denunciato questi file di fatto tenendoli su cd o disco ha fatto presumere che gli interessassero e questo lo faremmo tutti.se dentengo materiale illegale o rubato o pedoporno si prsume sia perchè mi interessa. La legge poi non ammette ignoranza o tutti avremmo al scusa dell'ignoranza.
  • The FoX scrive:
    Re: All'universita'? a 18 anni?
    - Scritto da: Anonimo
    E chi e' questo genio?No, a meno che non lo sia anch'io (che l'universita' non l'ho nemmeno finita...)
  • Anonimo scrive:
    Re: Download con l'inganno - Caso person
    - Scritto da: vegeta
    veramente sarebbe logico comprarlo
    perchè csaricarlo è illegale
    di per sePermetterai che ci sia un po' di differenza tra un illecito amministrativo ed un reato penale pesantemente sanzionato. E come se mi paragonassi il divieto di sosta all'omicidio preterintenzionale
  • Anonimo scrive:
    Re: All'universita'? a 18 anni?
    - Scritto da: Anonimo
    E chi e' questo genio?Io ho cominciato l'universita' a 18 anni e l'ho finita a 23... non sono un genio: ho fatto la primina! :)
    • Anonimo scrive:
      Re: All'universita'? a 18 anni?

      Io ho cominciato l'universita' a 18 anni e
      l'ho finita a 23... non sono un genio: ho
      fatto la primina! :)Anche io... Corso di laurea di cinque anni, e non ho fatto nemmeno la primina, essendo nato a dicembre...
  • vegeta scrive:
    Re: Solidarietà
    vacci piano1)accertiamoci che il ragazzo esista2)accertiamoci che dica la verità3)Per quanto riguarda lo spiare in parte sono daccordo con te ma, se is usano certi programmi devi scaricare da qualcuno e se, quel qualcuno è la polizia per beccare i pedofili allora la tua curiosità deve essere punita.Essere curiosi di vedere bambini nudi o ripresi in atti sessuali è da criminali.Quindi non tirarla troppo per le lunghe
  • Anonimo scrive:
    Non mi convince per niente
    La storia non mi convince, magari è vera chi lo sa. Però se fossi nei panni di punto-informatico non pubblicherei mai e poi mai storie di gente anonima.Un conto è conoscere l'identità della persona e non rivelarla, un altro è pubblicare un articolo basato sul nulla.Altrimenti che tipo di informazione si fa? Può essere vero e può non esserlo, il compito di un giornalista è di dare l'informazione, ma solo dopo averla verificata.Facendo così invece si diffondono leggende metropolitane.
  • vegeta scrive:
    Re: mafia nello stato, altro che pedoporno
    ma i media non spostano l'attenzione su niente...parlano della cosa che rende di più in quel momento.questo non vuol dire che perchè esistono mafia etc etc la pedofilia sia trascurabile
  • Anonimo scrive:
    Re: E' reato il download o la detenzione?
    E' reato procurarsi quel materiale "consapevolmente".
  • vegeta scrive:
    Re: Download con l'inganno - Caso personale
    veramente sarebbe logico comprarlo perchè csaricarlo è illegale di per se
  • Anonimo scrive:
    Re: Bufala al 100%
    Non so se la storia di questa persona sia vera, ma è plausibile su certi aspetti.Come ho detto qui:http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=577566
    • vegeta scrive:
      Re: Bufala al 100%
      bufalo o meno noi di certo nonpossiamo stabilrlo.gli unci che potrebbero dirci se possono accadere certe cose o meno è la polizia postale.io credo che sia capitato a tutti di trovarsi qualche file poco pulito se si scarica il porno.fino a poco tempo fa giravano anche si ng. Il problema secondo me è vedere se l'utente li mette in condivisione oppure li cancella.Stesso discorso per i siti.Da quando è uscita la moda delle lolita e delle teen è un pericolo navigare.
  • Anonimo scrive:
    E' reato il download o la detenzione?
    Salve,in questo caso si parla di pornografia minorile, ma quello che vorrei chiedervi può essere esteso a qualsiasi genere di file considerato illecito, come un Mp3 protetto da copyright o un divx..Quando le forze dell'ordine eseguono una perquisizione hanno sicuramente in mano elementi che fanno ritenere loro di trovare qualcosa in casa.Bene, a questo punto sequestrano i supporti informatici, sui quali spesso trovano materiale che conferma le ipotesi di reato.E allora, è ovvio, sono cavoli amari perchè la difesa comincia ad essere quantomeno difficile.Ma se trovano qualcuno più furbo e smaliziato che scarica come un matto file illeciti di ogni genere ma non li masterizza (oppure sotterra i CD con i Divx nel giardino...mah!), elimina tutto dall'hard disk con quei software che distruggono anche ciò che si pensa di avere eliminato dal cestino, o ancora cambia l'HD, allora gli inquirenti rischiano di non trovare nulla. In questo caso cosa succede, l'inquisito la passa liscia lo stesso? Se fosse davvero così non si rischierebbe di lasciare a piede libero uno che i reati li commette davvero ma che è più furbo di altri e di mettere in gatta buia qualcuno che invece ha commesso un reato in maniera più o meno consapevole ma che non conosce i rischi del "download selvaggio"?
  • Anonimo scrive:
    Re: mafia nello stato, altro che pedoporno
    E' vero la gente ci resta secca uguale , ma di Marta Russo e della mamma di cogne ne parliamo per 2 anni mentre se avessimo dovuto fare la stessa cosa per tutti gli omicidi di mafia ci sarebbero voluti 4 secoli di trasmissioni....... non mi sembra che sia dia la stessa rilevanza........Adescare un bambino al parco non mi sembra che equivalga a farlo fuori o ad ammazzargli i genitori. Inoltre anche io e tutti i miei amici abbiamo avuto una volta 5 anni e nessuno, ripeto nessuno, mi ha mai parlato di cinquantenni al parco che li hanno violentati e nessuno mi ha riferito di aver visto o assistito a nulla del genere.... Non è che stiamo volutamente pompando un fenomeno in realtà molto raro? Quanti spacciatori vediamo invece tutti i giorni ? e famiglie rovinate dall' eroina ? e persone coinvolte in giri sporchi di minacce ed estorsioni ? Solo nel mio quartiere potrei fartene una bella lista e la pula e la magistratura non fanno gran che....Nessuno nega il fenomeno della pedofilia ed il fatto che fare male ai bambini sia un reato , ma nella rilevanza che ne danno i media e l' impegno dello stato io ci trovo molto di ipocrita. Tu pensala come vuoi.
  • Anonimo scrive:
    Re: mafia nello stato, altro che pedoporno
    - Scritto da: Anonimo
    Centinaia di ore di telegiornali nel
    descrivere il processo per l' omicidio di
    Marta Russo o il criminale comportamento dei
    pedofili che si scambiano delle foto, mentre
    la mafia spara, sotterra e violenta tutti
    con rifiuti tossici, droga, corruzione,
    malasanità..... I casi sono 2 : o
    nello stato si sente l' esigenza di
    minimizzare una minaccia che non si riesce a
    combattere o la mafia controlla lo stato.
    Quello che voglio dire (forse sono un po
    paranoico) è che sembra ci sia l'
    esigenza di spostare l' attenzione dell'
    opinione pubblica su reati i cui esecutori
    non siano così pericolosi come i
    mafiosi (chi si ricorda delle redazioni dei
    giornali devastate in calabria per le
    denunce contro le cosche ? solo 2 righe sui
    media nazionali...per non parlare degli
    omicidi) oppure se i mafiosi sono nello
    stato e nei media nazionali sembra che si
    debba far vedere che la vera minaccia
    nazionale siano gli sporcaccioni che si
    mandano delle foto.... mah sono un po
    pessimista sul nostro povero stivale.... Che si dia forse eccessivo spazio ad alcune faccende posso anche essere d'accordo, ma che uno che si mette alla finestra a sparare a casaccio sia meno pericoloso di uno che magari ammazza cristiani di professione scusami ma non mi pare proprio... la gente ci resta secca uguale. Per quello che riguarda l'altra faccenda ne riparliamo quando tua figlia di cinque anni verrà adescata da un cinquantenne al parco.
  • Anonimo scrive:
    Re: mafia nello stato, altro che pedoporno
    Sarà , ma mi sembra un po sospetto il corollario di pubblicizzatissime conseguenze penali, i pedofili uccisi in carcere (magari da pluriassassini che cosi non sembrano più delinquenti ma veri uomini "d'onore" che hanno a cuore il bene della società e dei bambini, che dove non arriva lo stato a far giustizia ci pensano loro ecc....),.... Anche quando si parla di omicidi in tv noto che sono accuratamente selezionati. Parlare della Mamma di Cogne anche al Maurizio Costanzo cmq è meno rischioso che stare troppo ad insistere sulla storia di un tabaccaio che è finito sottoterra perchè non voleva pagare il pizzo..... sarà ma rimango pessimista.... e poi sul fatto che le zozzeria facciano più notizia di fenomeni criminali ci sarebbe da dire..... Siamo sicuri che i media seguano l' interesse del pubblico o viceversa qualcuno cerca indirettamente di influenzare il pubblico con i media facendo in modo che le zozzerie siano percepite come un problema più serio della mafia ?
  • Anonimo scrive:
    Re: Bufala al 100%
    Tu non lo sai.E proprio da chi, come te, non sa, ed esprime giudizi, ci si aspetterebbe, invece, silenzio.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bufala al 100%
      - Scritto da: Anonimo
      Tu non lo sai.

      E proprio da chi, come te, non sa, ed
      esprime giudizi, ci si aspetterebbe, invece,
      silenzio.Io esprimo semplicemente la mia opinione... siamo in un paese democratico, almeno si spera !E poi se le cose fossero andate realmente in quel modo, io sarei il primo ad esprimere solidarietà a quella persona... esprimo soltanto i miei dubbi sull'accaduto e a quanto vedo non sono l'unico ad averli espressi!
  • Anonimo scrive:
    Re: mafia nello stato, altro che pedoporno
    - Scritto da: Anonimo
    Centinaia di ore di telegiornali nel
    descrivere il processo per l' omicidio di
    Marta Russo o il criminale comportamento dei
    pedofili che si scambiano delle foto, mentre
    la mafia spara, sotterra e violenta tutti
    con rifiuti tossici, droga, corruzione,
    malasanità..... I casi sono 2 : o
    nello stato si sente l' esigenza di
    minimizzare una minaccia che non si riesce a
    combattere o la mafia controlla lo stato.
    Quello che voglio dire (forse sono un po
    paranoico) è che sembra ci sia l'
    esigenza di spostare l' attenzione dell'
    opinione pubblica su reati i cui esecutori
    non siano così pericolosi come i
    mafiosi (chi si ricorda delle redazioni dei
    giornali devastate in calabria per le
    denunce contro le cosche ? solo 2 righe sui
    media nazionali...per non parlare degli
    omicidi) oppure se i mafiosi sono nello
    stato e nei media nazionali sembra che si
    debba far vedere che la vera minaccia
    nazionale siano gli sporcaccioni che si
    mandano delle foto.... mah sono un po
    pessimista sul nostro povero stivale....semplicemente, a livello giornalistico fa decisamente più scalpore una notizia 'zozzona' che una notizia di mafia...
  • Anonimo scrive:
    Re: Non mi convinci per niente.

    ADSL [blablabla] 2001 [blabla] a consumoQuesta è una castroneria ... Teleconomy ADSL (la prima offerta ADSL di cui io abbia memoria) è uscita PRIMA del 2001 e NON ERA AFFATTO a consumo ...
  • Anonimo scrive:
    Re: All'universita'? a 18 anni?
    Bè se ha fatto la "primina" (incominciare la scuola con un anno di anticipo) è normale, cmq lui dice di avere 19 anni, quindi.... le falle ci sono in questo racconto, ma l'età non è una di queste
  • Anonimo scrive:
    mafia nello stato, altro che pedoporno
    Centinaia di ore di telegiornali nel descrivere il processo per l' omicidio di Marta Russo o il criminale comportamento dei pedofili che si scambiano delle foto, mentre la mafia spara, sotterra e violenta tutti con rifiuti tossici, droga, corruzione, malasanità..... I casi sono 2 : o nello stato si sente l' esigenza di minimizzare una minaccia che non si riesce a combattere o la mafia controlla lo stato. Quello che voglio dire (forse sono un po paranoico) è che sembra ci sia l' esigenza di spostare l' attenzione dell' opinione pubblica su reati i cui esecutori non siano così pericolosi come i mafiosi (chi si ricorda delle redazioni dei giornali devastate in calabria per le denunce contro le cosche ? solo 2 righe sui media nazionali...per non parlare degli omicidi) oppure se i mafiosi sono nello stato e nei media nazionali sembra che si debba far vedere che la vera minaccia nazionale siano gli sporcaccioni che si mandano delle foto.... mah sono un po pessimista sul nostro povero stivale....
  • Anonimo scrive:
    Bufala al 100%
    Ma figuriamoci se sta cosa è vera... ora ti fanno il blitz a casa per avere scaricato 2 filmati sospetti ? Suvvia !Ma se in tv si sente sempre che le retate dei pedofili le fanno addirittura dopo l'accertamento dell'uso di carte di credito da parte dei sospettati proprio perchè lo scambio su internet non è mai una prova schiacciante per mille motivi, ora figuriamoci se fanno una perquisizione dopo addirittura 2 anni sulla base del p2p. Io non ci credo.Per me le cose sono 2: o questa storia è una bufala totale oppure questo tizio non ci ha raccontato tutta la verità.... onestamente propendo per la prima ipotesi.
  • Anonimo scrive:
    All'universita'? a 18 anni?
    E chi e' questo genio?
  • Anonimo scrive:
    "diffusione di materiale"
    "Diffusione" è diverso da "detenzione", è molto più grave.Se metto a scaricare, consapevole o no, del materiale pedo, lo detengo. Se lo metto in sharing per permettere ad altri di sacricarlo è "diffusione".Visto che è stato contestato il reato di "diffusione", mi sembra che ci possa essere ben di più che qualche file masterizzato su un cd a parte, no?
  • Anonimo scrive:
    Re: Comunque il tutto è plausibile
    - Scritto da: Anonimo
    Faccio il ctp nei tribunali e spesso vengo
    chiamato proprio
    ad effettuare consulenze per questo tipo di
    problemi..ma dico : dopo DUE ANNI???se erano casi di registrazioni con carta di credito allora si, ma nel caso di p2p (con la velocità con cui si cancella e si masterizza) anche solo 6 mesi mi sembra eccessivo.
    • Anonimo scrive:
      [OT] Eh già...
      - Scritto da: Anonimo
      ma dico : dopo DUE ANNI???Due anni sono pochi.Tanti miei amici sono stati accusati di ricettazione dopo aver preso dei CD contenenti rom per emulatori per lo più con giochi vecchi di 10 e più anni, NON A SCOPO DI LUCRO (rimborsavano *esattamente* le spese dei CD e del contrassegno).L'operazione col relativo sequestro e sputtanamento sui giornali ("AMOS" il nome dell'operazione, furono coinvolte intorno alle 90 persone) fu fatta dalla polizia postale nell'ottobre 1999, gli ultimi casi si sono conclusi a gennaio del 2004. Sì hai capito, dopo più di 4 anni.Entrarono in tutte le case degli indagati alle 7 di mattina ed in quasi tutti i casi sequestrarono TUTTO IL PC, compresi monitor, stampanti e mouse (!!!), più ovviamente tutti i supporti informatici ottici e magnetici che avevano in casa, compresi CD originali, i floppy dell'Amiga e del Commodore 64 e via dicendo.Ovviamente poi quando hanno restituito tutto, diverse cose non si sono trovate.Pensa che c'era chi col PC ci aveva scritto la tesi di laurea ed era prossimo a laurearsi, ha dovuto riscriversela daccapo. E nessuno ha mai pagato i danni, anzi loro hanno dovuto pagare delle multe più tutte le spese legali (multe irrisorie rispetto a quelle che danno oggi).
  • Anonimo scrive:
    dopo DUE ANNI?????
    Ragazzi di casi di arresti su internet dopo anni dal reato, ci sono eccome, solo che si tratta di casi in cui ci sono prove concrete, mi spiego: se un tizio si registra su di un sito pedopornografico con carta di credito o compra materiale pirata su internet (magari firmando una ricevuta al postino), allora anche dopo anni rimangono le prove di ciò che hai fatto, ma in questo caso mi sembra assurdo!!! Leggendo sui giornali o vedendo alle TV queste notizie, si sa che in caso di p2p la cosa avviene nel giro di qualche mese, del tipo: scopro il tizio ad agosto e lo arresto a novembre (come lessi proprio su TheGamesMachines), ma dopo DUE ANNI mi sembra assurdo, chiunque può pensare che il tipo in questione dopo DUE ANNI abbia masterizzato e fatto sparire il materiale o cambiato computer,etc.Bah
  • Anonimo scrive:
    Clima di terrore...
    E' sacrosanto punire che abusa dei minorenni...Ma l'attuale legge finirà per creare degli abusi giudiziari, come è stato anticipato da molti perchè vuole coinvolgere anche chi scarica del materiale, così ci si può trovare coinvolti senza saperlo e dimostrarlo ti costa tempo, soldi e fatica...Certo puoi fare causa allo stato ma anche questo costa tempo fatica e soldi...tempo fa avevano dato la notizia di un innocente finito in galera per 20 anni e poi scarcerato quando successivamente si era dimostrata la sua non colpevolezza...dopo la causa civile ha ottenuto un risarcimento di 10 milioni di euro, domanda...valgono 20 anni di vita? NO...Riflettete sulle gogne mediatiche...e sul clima di terrore e di persecuzione che si sta creando nel nostro paese...
  • Anonimo scrive:
    Re: Pedoporno è anche teen e minorenni
    Recentemente c'è stata una sentenza di una persona assolta. Aveva scaricato circa 10 immagini da un sito civetta. Il sito aveva però anche materiale porno normale, oltre delle immagini di minorenni. Questo cosa significa? Significa che andare in giro per siti porno è pericolosissimo perchè assieme a materiale legale si possono trovare anche cose ambigue. Nei siti con i vari thumbnails spesso assieme a immagini di porno star ci sono thumbnail di ragazze che potrebbero essere minorenni. Penso che l'avranno visto tutti. Sono siti non protetti e raggiungibili da chiunque. Se ti trovano o tracciano che hai queste immagini puoi essere inquisito. Il fatto che dopo verrai assolto non diminuisce il danno fatto.Ad oggi è meglio evitare qualunque sito porno che abbia teen, seventeen, college etc etc. Se uno vuole vedere del porno è meglio che si abboni ad un sito perfettamente legale e controllato. Scaricare a caso è troppo rischioso, perchè la legge e le persone non hanno ancora capito come si fa a distinguere pedoporno da porno normale. Se una ragazza ha 20 anni, ma ne dimostra 16, per la polizia è pedoporno. Poi deciderà il giudice, ma intanto ti possono indagare.
  • Anonimo scrive:
    Bersagli sbagliati
    Il pedoporno va combattuto con tutte le armi. Punto.Ma bisognerebbe colpire non tanto chi queste immagini le scarica, ma piuttosto chi effettivamente le produce.Le forze dell'ordine sono ultraimpegnate a tirare giù dal letto chi ha scaricato, mettiamoci la buonafede, per sbaglio un immagine.Invece chi il crimine più crudele e infame lo commette (e lo fotografa) non sempre viene preso.Certo è più comodo per la polizia postale fare un lavoro davanti al pc, che fare vere indagini basate su indizi. Ammesso che questi poliziotti non provino un particolare fascino/attrazione a trattare questi documenti multimediali...Per non parlare dei numerosi italiani (facoltosi) che si fanno le loro vacanze in thailandia per commettere i loro abusi su poveri bimbi inermi difronte alla ricchezza degli occidentali.E poi i terroristi sono i mussulmani...Al ragazzo dell'articolo esprimo solidarietà, pur ribbadendogli che ha sbagliato.Non ti deprimere, all'epoca dei fatti eri minorenne e ciò, unito ad una buona strategia difensiva, potrebbe farti condannare a pene minime e cancellabili con poco tempo.Esprimo la mia totale esacrazione, invece, ai forcaioli che vorrebbero veder pubblicati sui giornali i nomi dei pedo-downloaders. Per i veri pedofili sarei al limite d'accordo, ma per uno che scarica per sbaglio un file... è abominevole.Pubblichiamo, piuttosto, la lista di chi va regolarmente in Thailandia, probabilmente ci salta fuori qualche politico, imprenditore o calciatore.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bersagli sbagliati
      Ni. Il bersaglio non è sbagliato è sbagliato il metodo. Sono anni che sostengo la necessità di alzare il tiro, di colpire si gli utenti, ma, anche, SOPRATTUTTO, i produttori. Il problema è che c'è tanta stupidità in giro. C'è gente che condivide file con nomi pedo espliciti e che quando li informi ti invitano a farti i cavoli tuoi. Bene, questi vanno colpiti, senza pietà, ma ci sono anche tanti stupidi, ingenui o inesperti che, ebbri di banda, scaricano di tutto di più. Ed in mezzo a questo di tutto di più c'è anche materiale pedo... come riconoscerli? non è facile, assolutamente no, lo si può fare solo dopo il sequestro, con tanta pazienza e tanto tempo, confrontando i nomi dei file, la quantità e la "qualità" del materiale scaricato cercando di ricostruire i download e di accertare il modus operandi del soggetto indagato in modo da separare i veri pedofili dagli utonti.Ciò non toglie che andrebbe fatta attenzione a cosa si scarica, ma questa è superficialità, non pedofilia. Mi dispiace leggere queste notizie, in quanto sono anni che mi occupo attivamente di contrasto alla pedopornografia, ma, purtroppo occorre dire che in simili indagini non è proprio possibile fare una selezione preventiva, se non per sommi capi.A F. posso solo consigliare di affiancare il suo avvocate con un buon consulente, in grado di dimostrare l'occasionalità del download e la presenza di nomi ambigui (non dimentichaimoci che winmx utilizza la codifica del file per trovare altre fonti, quindi un filmato che io scarico con il nome "biancaneve e i 7 nani" potrebbe essere stato immesso in rete come "sodoma e gomorra" e gli inquirenti non sempre possono andare a verificare con quale nome i file sono stati scaricati o sono in share.Per quanto riguarda l'affermazione:"Certo è più comodo per la polizia postale fare un lavoro davanti al pc, che fare vere indagini basate su indizi. Ammesso che questi poliziotti non provino un particolare fascino/attrazione a trattare questi documenti multimediali..."credo che accendere il cervello prima di postare sia sempre una buona cosa. Si eviterebbe di scrivere cavolate così grosse. Fare simili insinuazioni offende il lavoro e l'impegno di persone che si impegnano quotidianamente in difficili e delicate indagini. Dove pensi che si trovino i trafficanti di pedo porno? Dal panettiere sotto casa o dove ci sono i clienti che scambiano acquistano il materiale? Le indagini telematiche sono il necessario punto di partenza per stroncare la mafia della pedo pornografia che tra dal web un giro di affari di svariati miliardi di euro... "Per non parlare dei numerosi italiani (facoltosi) che si fanno le loro vacanze in thailandia per commettere i loro abusi su poveri bimbi inermi difronte alla ricchezza degli occidentali. E poi i terroristi sono i mussulmani..."Il turismo sessuale è penalmente sanzionato dalla 269 del 1998... anche se sono sempre troppo pochi i turisti condannati ed arrestati. Ah non vanno più in thailandia, ma in polonia, romania ed altri paesi dell'est... (linux)Parsifal
      • Anonimo scrive:
        Re: Bersagli sbagliati

        Per quanto riguarda l'affermazione:
        "Certo è più comodo per la
        polizia postale fare un lavoro davanti al
        pc, che fare vere indagini basate su indizi.
        Ammesso che questi poliziotti non provino un
        particolare fascino/attrazione a trattare
        questi documenti multimediali..."
        credo che accendere il cervello prima di
        postare sia sempre una buona cosa. Si
        eviterebbe di scrivere cavolate così
        grosse. Fare simili insinuazioni offende il
        lavoro e l'impegno di persone che si
        impegnano quotidianamente in difficili e
        delicate indagini. Ma dimmi sinceramente, credi veramente in quanto dici?Se il lavoro di queste persone fosse veramente efficace il pensionato dello stato Bernardo Provensano non sarebbe ancora uccel di bosco...È facile prendere un downloader, basta un programma p2p e il netstat... fai una ricerca, ti metti in coda, chiappi l'IP, chiami il provider e la mattina gli fai la perquisizione.Tanto QUALCOSA glielo trovi, vuoi mp3, vuoi divX, vuoi cassette duplicate.E non trovandogli niente potrebbero sempre aggliungergli un cd pieno di pedoporno.Ricorda che a Genova, alla diaz, la motolov l'hanno portata le forze dell'ordine. Strano che sia saltato fuori...Altra cosa è prendere i pesci grossi... ma a conti fatti *forse* non conviene...
        • vegeta scrive:
          Re: Bersagli sbagliati
          le solite idiozie e frasi fatte.Colpire chi scarica "per caso" file pedoporno è una cosa giusta. Anche perchè il nostro amico, sostiene di aver lasciato acceso il pc per ore per scaricare.Quindi potrebbe aver scaricato molto + di quello che dice. Incoscienza?. Ignoranza? Stupidità? purtroppo la legge queste cose non le ammette ed è giusto che sai così.Io poi non capisco il ragazzo sostiene che la polizia abbia perquisto la sua cas dopo due anni.Dopo due anni aveva ancora quel cd pieno di foto ?Le hai viste? vedete la storia è una bufala oppure dice il falso. La polizia potrebbe dimosotrare che il ragazzo non era intenzionato a scaricarle? non di certo ma lui?che dopo due anni ha ancora il cd......Inoltre se c'è chi usa bambini per fare foto è anche perchè c'è chi le compra. La pedofilia è sempre esistita e lo sarà sempre non c'è niente che possa impedirlo.Però internet permette di individuare alcuni di questi
          • Anonimo scrive:
            Re: Bersagli sbagliati

            le solite idiozie e frasi fatte.Per te saranno idiozie, per me evidenza schiacciante.
            Colpire chi scarica "per caso" file
            pedoporno è una cosa giusta. Anche
            perchè il nostro amico, sostiene di
            aver lasciato acceso il pc per ore per
            scaricare.Quindi potrebbe aver scaricato
            molto + di quello che dice. Incoscienza?.
            Ignoranza? Stupidità? purtroppo la
            legge queste cose non le ammette ed è
            giusto che sai così.Io poi non
            capisco il ragazzo sostiene che la polizia
            abbia perquisto la sua cas dopo due
            anni.Dopo due anni aveva ancora quel cd
            pieno di foto ?Le hai viste? vedete la
            storia è una bufala oppure dice il
            falso. La polizia potrebbe dimosotrare che
            il ragazzo non era intenzionato a
            scaricarle? non di certo ma lui?che dopo due
            anni ha ancora il cd......Se ha sbagliato è giusto che paghi.Ma se esistono delle priorità è giusto che paghi PRIMA e PEGGIO chi quei crimini li compie materialmente.Cosa che NON SEMPRE succede, anzi.Mancano priorità e giusta misura.
            Inoltre se c'è chi usa bambini per
            fare foto è anche perchè
            c'è chi le compra.Non mi pare che in questo caso si parli di compravendita
            La pedofilia
            è sempre esistita e lo sarà
            sempre non c'è niente che possa
            impedirlo.Bella idiozia ipocrita.Copriamo i veri pedofili, colpiamo i downloaders.
            Però internet permette di
            individuare alcuni di questiForse qualcuno, ma una minoranza.I veri pedofili hanno tutto l'interesse ad allargare il numero dei possibili sospetti, per essere meno identificabili.Per quello spesso ti piazzano una foto pedofila con un nome apparentemente tranquillo.Se sei uno che ha usato p2p conosceresti questa circostanza.
          • vegeta scrive:
            Re: Bersagli sbagliati
            - Scritto da: Anonimo

            le solite idiozie e frasi fatte.

            Per te saranno idiozie, per me evidenza
            schiacciante.se quotavi era meglio


            Colpire chi scarica "per caso" file

            pedoporno è una cosa giusta.
            Anche

            perchè il nostro amico, sostiene
            di

            aver lasciato acceso il pc per ore per

            scaricare.Quindi potrebbe aver scaricato

            molto + di quello che dice.
            Incoscienza?.

            Ignoranza? Stupidità? purtroppo
            la

            legge queste cose non le ammette ed
            è

            giusto che sai così.Io poi non

            capisco il ragazzo sostiene che la
            polizia

            abbia perquisto la sua cas dopo due

            anni.Dopo due anni aveva ancora quel cd

            pieno di foto ?Le hai viste? vedete la

            storia è una bufala oppure dice
            il

            falso. La polizia potrebbe dimosotrare
            che

            il ragazzo non era intenzionato a

            scaricarle? non di certo ma lui?che
            dopo due

            anni ha ancora il cd......

            Se ha sbagliato è giusto che paghi.
            Ma se esistono delle priorità
            è giusto che paghi PRIMA e PEGGIO chi
            quei crimini li compie materialmente.
            Cosa che NON SEMPRE succede, anzi.

            Mancano priorità e giusta misura.che chi le fa debba avere una pena superiore non ci piove ma non vedo perchè non arrestare e punire nel frattempo chi le prende.Ovviamente rendiamoci conto che non è molto semplice trovare chi le fa tenendo conto che in alcuni paesi la cosa è legale.Secondo te allora bisognerebbe arrestare prima kile ha fatte quelle foto e poi chi le scarica?e se non lo trovano chi le ha fatte lo lasciamo impunito l'altro?magari passa ai fatti ....


            Inoltre se c'è chi usa bambini
            per

            fare foto è anche perchè

            c'è chi le compra.

            Non mi pare che in questo caso si parli di
            compravendita
            chiaro che il discorso è genereale.è solo per dire che se nessuno cercasse quello schifo nessuno lo produrrebbe o no?

            La pedofilia

            è sempre esistita e lo
            sarà

            sempre non c'è niente che possa

            impedirlo.

            Bella idiozia ipocrita.
            Copriamo i veri pedofili, colpiamo i
            downloaders.
            la trovo poco pertinente come rispostaanche i downloaders sono pedofili

            Però internet permette di

            individuare alcuni di questi

            Forse qualcuno, ma una minoranza.

            I veri pedofili hanno tutto l'interesse ad
            allargare il numero dei possibili sospetti,
            per essere meno identificabili.
            Per quello spesso ti piazzano una foto
            pedofila con un nome apparentemente
            tranquillo.

            Se sei uno che ha usato p2p conosceresti
            questa circostanza.indubbiamente ma te ne può capitare una dieci ma non un unitero cd.Poi le cancelli non le salvio.Segnali la cosa alla polizia come ho fatto io.Vergogna di dire guardavo il porno?tutti lo fanno
          • Anonimo scrive:
            Re: Bersagli sbagliati
            - Scritto da: vegeta
            Dopo due anni aveva ancora quel cd
            pieno di foto ?Le hai viste? vedete la
            storia è una bufala oppure dice il
            falso.Ho il masterizzatore dal 1998. Da allora avrò masterizzato qualcosa come 6000 CD (seimila), la maggioranza dei quali contenenti giochi, mp3, film eccetera, scaricati da Internet, oppure scambiati con gli amici. Che ne so che in uno di questi, magari in una sottocartella, non ci sia UNA immagine p.p. scaricata per sbaglio? Come si può pretendere che una persona guardi 1000 CD all'anno, 3 e mezzo al giorno, per intero? Tanto più che le immagini sono molto piccole come dimensione, e in un CD ce ne entrano svariate migliaia. Come si può pretendere che una persona che scarichi immagini porno (porno non pedoporno) per riempire un CD, poi quel CD se lo visioni tutto?Che cazzo di logica è?!?E ammesso e non concesso che abbia il tempo per visionarselo tutto (di solito si viene prima ;) ), una volta che trova un'immagine del genere su 8000 immagini che sono in quel CD che dovrebbe fare? Rimasterizzare tutto il CD tranne quell'immagine (che magari dal nome era perfettamente legale) e buttare via la vecchia copia? No, uno il CD se lo tiene così com'è, e se ne frega.
            La polizia potrebbe dimosotrare che
            il ragazzo non era intenzionato a
            scaricarle? non di certo ma lui?che dopo due
            anni ha ancora il cd......Vedi sopra.
            Inoltre se c'è chi usa bambini per
            fare foto è anche perchè
            c'è chi le compra.Amen.E in tutto questo, chi le scarica RUBA al mercato e quindi a chi produce.Quindi, chi scarica pedoporno fa un bene all'umanità: evita che chi produce e vende ci possa guadagnare. Chi condivide, fa ancora meglio: evita che chi vende continui a guadagnare.Altrimenti, perché il download di film dovrebbe essere illegale? Non è forse perché si rubano soldi alle major?E allora si decidano:1) SE è sbagliato il download e sharing di mp3 e divx è giusto il download e sharing di pedoporno2) SE è sbagliato il download e sharing di pedoporno è giusto il download e sharing di mp3 e divx.Si decidano: o vale una, o vale l'altra. Non possono ritenere sbagliata l'una e l'altra, perché a livello di logica non ha senso.
  • Anonimo scrive:
    Re: Pedoporno è anche teen e minorenni
    - Scritto da: Anonimo
    Occorre precisare che per pedoporno si
    intendono anche immagini e film con
    minorenni.
    Quindi un film con ragazze di 17 anni
    è pedoporno. Scaricare pornografia
    oggi è
    estremamente rischioso perchè si
    possono beccare immagini con minorenni senza
    neanche saperlo. Tutti i siti teen sono siti
    a rischio e tenere immagini di quel genere
    può portare grossi guai. (Voi
    riuscite sempre a distinguere una ragazza di
    17 anni da una di 18?) Anche il famoso sito
    olandese è al limite della
    legalità. Magari poi vi assolvono, ma
    intanto vi sequestrano tutto.Comunque da quel che mi risulta sono gli inquirenti che devono dimostrare che i soggetti sono minorenni, non è l'indagato a dover dimostrare che sono maggiorenni.
    • Anonimo scrive:
      Re: Pedoporno è anche teen e minorenni

      Comunque da quel che mi risulta sono gli
      inquirenti che devono dimostrare che i
      soggetti sono minorenni, non è
      l'indagato a dover dimostrare che sono
      maggiorenni.Gia', ma intanto ti sbattono in prima pagina come uno stupratore di bambine/bambini :sE' proprio il sistema che usano che non serve a nulla se non far fare bella figura al magistrato di turno che dice di aver eliminato in un colpo solo 10.000 pedofili.Tanto la gente per la maggior parte non ne capisce nulla.E intanto chi veramente abusa dei bambini continua a farlo industurbato.Se facessero della VERA prevenzione nelle scuole allora si che otterrebbero dei risultati reali.Purtroppo pero' sarebbero "POCHE" centinaia di casi che non farebbero la stessa impressione sul grande pubblico delle retate di massa.Questa e' la triste realta di questo paese (e di molti altri).
    • Anonimo scrive:
      Re: Pedoporno è anche teen e minorenni
      - Scritto da: Anonimo
      Comunque da quel che mi risulta sono gli
      inquirenti che devono dimostrare che i
      soggetti sono minorenni, non è
      l'indagato a dover dimostrare che sono
      maggiorenni.A loro basta il nome del file, fidati.Un mio amico fu indagato per avere scaricato un filmato con soggetti palesemente maggiorenni ma il cui nome era "fifteen.mpg".
  • Anonimo scrive:
    Pedoporno è anche teen e minorenni
    Occorre precisare che per pedoporno si intendono anche immagini e film con minorenni.Quindi un film con ragazze di 17 anni è pedoporno. Scaricare pornografia oggi èestremamente rischioso perchè si possono beccare immagini con minorenni senza neanche saperlo. Tutti i siti teen sono siti a rischio e tenere immagini di quel genere può portare grossi guai. (Voi riuscite sempre a distinguere una ragazza di 17 anni da una di 18?) Anche il famoso sito olandese è al limite della legalità. Magari poi vi assolvono, ma intanto vi sequestrano tutto.
  • Anonimo scrive:
    Re: Pedoballe
    bravissimo, non hai capito niente!Il carcere di per se è un istituto di recupero(che poi sia diverso è un altro discorso).Anch'io penso che alcune siano persone malate, che vadano curate tentando di recupararle.Ma il professionista che va in thailandia a bambine/i?Tu hai figli?Se i tuoi figli venissero stuprati poi diresti non hai capito niente?Sono casi rari, infatti spesso avvengono in famiglia (ahime!), ma a volte capita.Ma il tono del post giustificava in qualche modo la pedofilia e non ci sto.Io giustifico quelli che involontariamente scaricano, come il ragazzo dell'articolo.E tu a dargli ragione.Ma va la ipocrita!
  • Anonimo scrive:
    Comunque il tutto è plausibile
    Faccio il ctp nei tribunali e spesso vengo chiamato proprio ad effettuare consulenze per questo tipo di problemi..Sfatiamo qualche mito:1) La polizia è preparata, non sbaglia. Falso. I nuclei che lavorano su questo tipo di reati, molto "di moda", sono vari e variemente preparati. La postale è generalmente più preparata, ma spesso, a secondo del nucleo che si incontra si passa dal competente alla minima competenza possibile per riuscire a fare danni.I carabinieri, ad esempio, si stanno muovendo ultimamente molto male, e dagli atti che mi è capitato di leggere stanno facendo una discreta quantitità di danni ed errori marchiani (intere indagini saltate perchè la stessa cassazione le ha definite "illecite" oppure gente che si è vista entrare i carabinieri in casa perchè aveva scaricato foto perfettamente legali ma con nomi tipo "girl" "teen" etc etc. , od altre indagini assurde verso gente che aveva effettuato acquisti LEGALISSIMI con acquisti con carta di credito etc etc) 2) C'è una percentuale di errori, in queste indagini, chè è circa del 4% (cioè, si entra in casa della persona e non si trova nulla), poi ci sono i casi di download non voluto (se trovo un hard disk con una cartella piena di pedoporno ben organizzato e classificato è un conto, se trovo fra decine di mega di altra roba qualche foto sparsa l'errore o la "curiosata" ci sta). Con le ultime indagini secondo me questa percentuale salirà, perchè se una parte delle procure ed dei nuclei di polizia si sta muovendo bene e stanno affinando i loro strumenti un'altra parte sta andando un po' troppo a briglia sciolta, con risultati discutibili (nel senso che i risultati ci sono, ma al prezzo di troppi innocenti tirati "dentro").Purtroppo l'argomento è di moda, ed è inutile pensare che magistrati e forze dell'ordine non seguano le "mode".3) Purtroppo, ma dipendente dalla sentibilità e preparazione del PM e dei suoi collaboratori, in queste indagini se si è innocenti si può uscire in fretta, oppure si può andare avanti per troppo tempo, è il PM che decide (a dire il vero è il GIP, che nella realtà penale Italiana ormai è il "segretario" di lusso del PM ahimè).Essere condannati se si è innocenti è molto difficile, e se la condotta contestata non è gravissima (supponiamo che tu non lo abbia fatto per "sbaglio" ma per curiosità) le pene sono lievi.Oltrettutto, caro F. se all'epoca del reato contestano eri minorenne, ed il pm dovesse "insistere" quasi sicuramente il giudice (di qualsiasi grado) concederà la "messa in prova", cioè una pacca sul culo e via.Dovresti avere un avvocato che queste cose te le ha dette...Quindi, riprendi la tua vita, non aver paura, affronta il tutto con coraggio e vedrai che ne uscirai più maturo e forte di prima.
  • Anonimo scrive:
    Per i pornodipendenti..
    si può vivere senza la pornografiadal sito http://www.noallapornodipendenza.it/chisiamo.htm [...] si può uscire dalla dipendenza,ma bisogna approfondire la conoscenza di noi stessi,di quello che rappresenta per noi la pornografia;bisogna capire che la pornografia -come la usiamo noi-serve per darci in qualche modo un equilibrio internoe la paura di rompere questo equilibrio è molto forte [...]Vincenzo, fondatore e moderatore del gruppo di auto aiuto noallapornodipendenza "La realtà per un pornodipendente è quella cosa che ti fa stare malequando spegni il tuo computer e abbandoni il cyberspazio"John Warsenhi siamo?Siamo gli iscritti al gruppo noallapornodipendenza, persone che stavano per naufragare nella pornodipendenza. Siamo persone delicate, aggrappate ad un fragile equilibrio interiore. Siamo dei border line, siamo dei pellegrini in cerca della nostra terra promessa.E la nostra terra promessa è ritrovare noi stessi, la stima per noi stessi, l'amore per noi stessi, l'affetto per noi stessi, la simpatia per noi stessi.La dipendenza ci ha tolto tutto questo. Ci ha privato della nostra essenza. E noi stavamo per perderci totalmente. Il naufragio definitivo della nostra vita. E poi, poveri naufraghi nel mare tempestoso della nostra vita, abbiamo trovato il gruppo. La zattera, ed a lei ci siamo aggrappati con tutte le nostre forze, con tutta la nostra disperazione. Ed ognuno di noi pensava di essere il solo naufrago di quell'immenso mare, e mano a mano abbiamo visto arrivare altri naufraghi ad aggrapparsi alla zattera.Sempre di più. E più naufraghi si aggrappavano alla zattera, più questa diveniva forte e sicura. E ad un certo punto la zattera non solo galleggiava, ma cominciava vagamente a prendere una qualche direzione. Ed i nostri cuori trepidavano e tremavano per la paura che tutto finisse. Ed altri naufraghi arrivavano ed i vecchi confortavano i nuovi, appena arrivati, allo stremo delle forze. Ecco, la nostra zattera forse sta trovando faticosamente, disordinatamente una rotta salvifica.Ora sappiamo che abbiamo la possibilità di salvarci. Sappiamo che tutto dipenderà da noi, dalla nostra volontà e capacità di amare e rispettare noi stessi .Perché questo sito?Perché sappiamo che ci sono altre migliaia di naufraghi in preda alla disperazione, in cerca di un punto fermo a cui aggrapparsi. Ed un sito è uno strumento più facile da utilizzare, meno impegnativo del gruppo, più facile da promuovere. E poi nel gruppo possono scrivere solo coloro che hanno preso coscienza, hanno accettato di essere pornodipendenti. Il sito, invece, è aperto a tutti.Per verificarci,per parlare della nostra angoscia,delle nostre piccole e grandi vittorie,delle deprimenti scivolate,dei nostri tentativi di capire perché ci troviamo in questa condizione,dell'isolamento in cui si può sprofondare,delle nostre crisi nei rapporti con i nostri partner,dei nostri problemi di rendimento sul lavoro,della perdita dei rapporti con gli amici,del fascino maledetto di stare davanti a quel monitor a guardare migliaia di foto,del mistero delle ore che passano e tu non te ne accorgi,dell'inutilità e pericolosità di parlare della nostra malattia con chi non è dipendente (chiunque esso sia -genitore, fratello, partner, amico- non può capire la condizione in cui ci troviamo ed il rischio che corriamo è di essere guardati come mostri marziani),del senso di frustrazione-mancanza di autostima-rabbia con noi stessi che ci prende quando agiamo da dipendenti,dell'assurdo della nostra dipendenza,del sentirci prendere nel gorgo e temere di non poterne uscire,del non sentirci capaci di gestire la nostra vita,della gioia e quasi esaltazione di quando per un periodo riesci ad uscire dal gorgo,della profonda soddisfazione di quando la sera vai a dormire e guardi il computer con distacco e pensi che non è un pericolo per te,del fatto che una persona dipendente dalle droghe tradizionali (alcool, eroina, tabacco ecc) in fondo non si vergogna di dirlo (ed in fondo gli altri -anche i non dipendenti- accettano, capiscono e commiserano queste dipendenze), ma nessuno di noi se la sente di parlare in pubblico della nostra malattia nel tentativo di farci comprendere e di farci commiserare. Winner.
  • Anonimo scrive:
    Titoli......
    Anche io faccio ricerche tipo "sex" poi seleziono tutta la parte e scarico.......evitando nel possibile i titoli dal nome evidente.Il 50% delle volte l'anteprima non funziona e quindi il film puoi vederlo solo dopo averlo scaricato.Ad esempio "ragazza aggredisce il suo ex con un coltello"*....chi potrebbe immaginare che il contenuto non è quello che dovrebe essere ?*(il titolo l'ho cambiato per evitare di fare pubblicità a questo file)Io propongo un voto da dare ai file da parte degli utenti.....nel senso che prima di cominciare a scaricare il file il programma di p2p dovrebbe avvisarti "Questo file potrebbe essere a contenuto pedopornografico , vuoi continuare ? si - no" a questo punto se una persona clicca sul si , non puo' piu' invocare la buona fede ! E' un'idea , spero di essermi spiegato bene....Ciao a tutti !
  • Anonimo scrive:
    Re: x Il tizio della Lettera
    - Scritto da: Anonimo
    Hanno fatto bene a prenderti ... non si
    masterizza mai le cose senza che si guardano
    prima ...tutti fanno cosi' ... oppure sei
    edonista di software.Impara l'italiano prima.
    Hanno fatto bene a prenderti , e non e' una
    caccia alla streghe .. le streghe erano solo
    una fantasia delle persone di allora .. i
    pedofili sono una relta'..... dovrebbero
    fare come in inghilterra pubblicare la tua
    foto con indirizzo sui giornali.Ah, tu dici che erano una fantasia invece i pedofili di oggi sono sempre e comunque colpevoli? Me lo dimostri?Poi pubblicare la foto senza neanche accertare la colpevolezza. Facciamo prima: mettiamolo in piazza e lapidiamolo.
    Se poi hai ragione meglio x te... ma se ti
    son venuti a prendere davvero dopo anni ....
    non e' dicerto solo per un cd .. chissa'
    quanti ne hai scaricati e cancellati ... ma
    condivisi .... bene bene
    vi saluto a tuttiTu si che la sai lunga, fossero tutti come te saremmo proprio a posto!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Grandi falle
    Beh, non hai propriamaente ragione. Diciamo che è per questo che esistono le
  • Anonimo scrive:
    Re: Non mi convinci per niente.
    - Scritto da: Anonimo
    Ma ha chi la racconti sta storia?


    Nel 2001 tu avevi un computer così
    vecchio che non ti conteneva neanche 2 giga
    scarsi che sono il contenuto di 3 CD? Nel
    1997 quando ho acqustato il primo computer
    gli H.D. in dotazione erano di 3 o 4 giga.
    Sappiamo tutti che vengono creati anche i temporanei dei file, e anche quelli occupano spazio...
    "Vivendo in un paesino del Sud con un padre
    pensionato ed una madre casalinga era tutto
    molto difficile. Eppure tra le cose che mi
    hanno spronato ad andare avanti c'è
    la forza di mio padre, un sessantenne che ha
    smosso mari e monti per procurarsi i soldi
    per pagare un buon avvocato."

    Come vedi il tuo racconto fa acqua da tutte
    le parti ma non aver paura troverai sempre
    qualcuno che ti crederà.Io credo invece che troverà sempre qualcuno pronto a puntargli il dito in faccia tacciandolo di pedofilia anche se venisse dichiarato innocente.
  • Anonimo scrive:
    Re: x Il tizio della Lettera
    - Scritto da: Anonimo
    Hanno fatto bene a prenderti ... non si
    masterizza mai le cose senza che si guardano
    prima ...tutti fanno cosi' ... oppure sei
    edonista di software.
    Hanno fatto bene a prenderti , e non e' una
    caccia alla streghe .. le streghe erano solo
    una fantasia delle persone di allora .. i
    pedofili sono una relta'..... dovrebbero
    fare come in inghilterra pubblicare la tua
    foto con indirizzo sui giornali.
    Se poi hai ragione meglio x te... ma se ti
    son venuti a prendere davvero dopo anni ....
    non e' dicerto solo per un cd .. chissa'
    quanti ne hai scaricati e cancellati ... ma
    condivisi .... bene bene
    vi saluto a tuttiChe bello incontrare gente come te ..... in questo modo CHIUNQUE può avere la certezza di non essere la persona più insipida che gira.Addio
  • Anonimo scrive:
    Re: x Il tizio della Lettera
    Infatti se anche voi poveri bambini invece che scaricare dai programmi p2p che sono la preistoria aveste accesso a dei dumpz privati da 100mbit....vi scarichereste cira 60 GB al giorno con un 10 mbit .......Vammela a provare tutta sta roba,tra appz,gamez e compagnia belle a vivete davanti al pc o fate dvd a raffica con tutta la roba.....
    • Anonimo scrive:
      Re: x Il tizio della Lettera
      - Scritto da: Anonimo
      ....vi scarichereste cira
      60 GB al giorno con un 10 mbit .......Si, una linea da 10 Mbit e al massimo 10 utenti... e da dovearrivano i dati?E poi che te ne fai? Dico, 60 giga al giorno sono una quantità inverosimile... abbiamo 24 ore al giorno:- al massimo ti vedi 12 film - se scarichi giochi ci dovrai anche giocare- se scarichi programmi dovrai anche usarliSinceramente credo che sia una quantità spropositata, di cui il 90% finisce in tracce dimenticate su un dvd dimenticato tra tanti altri dvd...
      • Anonimo scrive:
        Re: x Il tizio della Lettera
        Infatti è proprio quello che volevo dire....spesso si scarica solo per replicare il materiale o per copiarlo da un server all' altro in modo da rendere più agevole il download.Spesso non si sta neanche a guardare cosa contiene un file.....ed è esattamente quello che dici tu quando dici che finisce dimenticato su un dvd. (SE poi dentro c' è del pedoporno sono cazzi x la legge italiana...perchè non solo te lo trovano in casa ma hai anche contribuito alla sua diffusione replicandolo.....)Quindi o lo stato ci fornisce spftware per identificare il pedoporno o ce ne sbattiamo il cazzo....
  • Anonimo scrive:
    pero' rovinare la vita
    pero' rovinare la vita ad una persona per un videoscaricato da un p2p e' veramente atroce.
  • Anonimo scrive:
    Re: Pedofilia e diritto
    - Scritto da: Anonimo
    Caro Gianluca, tu hai ragione da vendere, ma
    cosa pretendi da uno Stato in cui Don
    Fortunato Di Noto è consulente del
    ministro Gasparri?

    www.interlex.it/regole/amonti20.htm Tra l'altro una persona che dichiara esplicitamente che va a visitare i siti pedopornografici. Cosa altamente illegale (la legge non fa distinzione se una persona prova o no piacere guardando quelle immagini).E nessuno gli dice nulla, anzi c'è persino chi lo applaude.E poi vanno a perseguire quelli che si trovano un file per sbaglio.Che schifo di mondo...
  • Anonimo scrive:
    Re: Pedoballe
    Subscribe su tutta la linea...
    • Anonimo scrive:
      Re: Pedoballe
      - Scritto da: Anonimo

      Subscribe su tutta la linea...cioè ?
      • Anonimo scrive:
        Re: Pedoballe
        - Scritto da: Anonimo

        Subscribe su tutta la linea...

        cioè ?Mi pareva brutto dire "Sono perfettamente d'accordo su tutto quello che hai scritto nel tuo post, io non avrei saputo dirlo meglio" ;)
  • Anonimo scrive:
    Re: Non mi convinci per niente.
    - Scritto da: Anonimo
    Nel 2001 l'ADSL era poco diffuso, molto
    costoso perchè si pagava il traffico
    in download e non credo proprio fosse
    disponibile nel tuo "paesino del sud" dove
    dici di abitare.Ho avuto ADSL dal novembre del 2000. Pagavo una tariffa flat.Per quanto riguarda i modem 56k, ricordo benissimo che fino alla fine del 2001 c'erano tanti provider che ti facevano pagare un tot al mese (Galactica ad esempio, oppure le flat serali tipo Libero@Sogno) e restavi collegato quanto volevi, senza pagare ulteriori costi per la telefonata.
    Quindi scaricavi col modem a 56k e come dici
    "lo lasciavi scaricare incurante del tipo di
    file" ma incurante anche della spesa
    telefonica che i tuoi dovevano sostenere per
    decine di ore di collegamento necessarie per
    scaricare dei film.Non ha parlato di film. Probabilmente si trattava di immagini. Oppure, più probabilmente, di filmati brevi, da qualche decina (decina, non centinaio) di mega (nel 2001 praticamente non c'erano divx).
    Come vedi il tuo racconto fa acqua da tutte
    le parti ma non aver paura troverai sempre
    qualcuno che ti crederà.Non ti preoccupare, conosco anche personalmente più di una persona che ha subito casini simili (non per pedopornografia, ma a quei tempi l'ignoranza sulla materia informatica nell'ambito giudiziario era a 360°).
  • Anonimo scrive:
    Re: Pedoballe
  • Anonimo scrive:
    Re: Non mi convinci per niente.
    - Scritto da: Anonimo


    Nel 2001 l'ADSL era poco diffuso, molto

    costoso perchè si pagava il
    traffico

    in download e non credo proprio fosse

    disponibile nel tuo "paesino del sud"
    dove

    dici di abitare.

    Quindi scaricavi col modem a 56k e come
    dici

    "lo lasciavi scaricare incurante del
    tipo di

    file" ma incurante anche della spesa

    telefonica che i tuoi dovevano
    sostenere per

    decine di ore di collegamento
    necessarie per

    scaricare dei film.



    a dovere di cronaca
    c'erano le flat a 56K a 30 euro al mese vedi
    wind (almeno al centro italia.. se poi al
    sud nn sono mai arrivate nn lo so)ops scusate il lapsus 30mila lire non 30 euro :D
  • Anonimo scrive:
    x Il tizio della Lettera
    Hanno fatto bene a prenderti ... non si masterizza mai le cose senza che si guardano prima ...tutti fanno cosi' ... oppure sei edonista di software.Hanno fatto bene a prenderti , e non e' una caccia alla streghe .. le streghe erano solo una fantasia delle persone di allora .. i pedofili sono una relta'..... dovrebbero fare come in inghilterra pubblicare la tua foto con indirizzo sui giornali.Se poi hai ragione meglio x te... ma se ti son venuti a prendere davvero dopo anni .... non e' dicerto solo per un cd .. chissa' quanti ne hai scaricati e cancellati ... ma condivisi .... bene bene vi saluto a tutti
  • Anonimo scrive:
    Re: Pedoballe
  • Tharon scrive:
    Re: Quando li arrestano sei felice ..
    I pedofili veri sono quei PORCI che con queste cose ci trafficano, e che direttamente e indirettamente partecipano al traffico causando danni a bambini innocenti e non in grado di difendersi.Non sono certo chi scarica foto di ragazze che possono avere anche 16 anni, i pedofili veri sono tutta l'altra razza.
  • Tharon scrive:
    Re: verosimile
    A te che è successo perchè ?
  • Anonimo scrive:
    Re: Pedofilia e diritto
    - Scritto da: Anonimo
    Non si potrebbe modificare la legge in modo
    da ristabilire un nesso piu' chiaro tra il
    pagamento di questo materiale e la reale
    complicità con la violenza perpetrata
    sui minori a fine di lucro? hai centrato il nocciolo della questione: dovrebbero punire con più efficacia gli utenti che scaricano *pagando* il materiale. Cmq io non scherzerei nemmeno su quelli che scaricano e condividono, se come ha postato qualcun altro, si tratta di giga e giga di materiale. Anche in questo caso commetti una violenza, seppure di minore entità, sui minori. A chi piacerebbe se venissero condivise, in giro per il mondo, delle foto nelle quali viene torturato? Non la riterreste un ulteriore violenza? Qui addirittura c'è l'aggravante che sono dei bambini
    • Anonimo scrive:
      Re: Pedofilia e diritto
      - Scritto da: Anonimo
      hai centrato il nocciolo della questione:
      dovrebbero punire con più efficacia
      gli utenti che scaricano *pagando* il
      materiale. Cmq io non scherzerei nemmeno su
      quelli che scaricano e condividono, se come
      ha postato qualcun altro, si tratta di giga
      e giga di materiale. Anche in questo caso
      commetti una violenza, seppure di minore
      entità, sui minori. A chi piacerebbe
      se venissero condivise, in giro per il
      mondo, delle foto nelle quali viene
      torturato? Ma il punto è proprio questo, caro amico, ovvero che nel mondo vengono pubblicate foto di chi viene torturato, e anche ucciso, e le pubblicano i giornali e le riviste, ma questo viene accettato perchè non di addossa la colpa della tortura o della morte a chi fotografa o a chi quelle foto le vede.Tu saresti d'accordo con l'incarcerare e l'additare al pubblico ludibrio, in pratica, col rovinare la vita di una persona che l'abbia scaricate? Il diritto penale è razionale, non morale, se non stabiliamo un nesso concreto tra la violenza e il reato come facciamo a sostenere queste leggi? D'altraparte qui si punisce penalmente, e molto pesantemente, chi si limita a scaricare queste immagini, e allora perchè non le immagini di chi viene torturato, perchè non le foto dei morti di ogni guerra? Possiamo non approvare, possiamo condannare moralmente e umanamente chi prova determinati sentimenti di fronte a certe immagini, possiamo anche provare disgusto, ma il diritto penale non dovrebbe basarsi su questo genere di considerazioni, o sulla morale, o su qualsiasi altro aspetto soggettivo della realtà, dovrebbero contare solo i fatti, altrimenti non siamo più governati dal diritto positivo ma dalla santa inquisizione. Gianluca CardinaleNon la riterreste un ulteriore
      violenza? Qui addirittura c'è
      l'aggravante che sono dei bambini
      • Anonimo scrive:
        Re: Pedofilia e diritto
        - Scritto da: Anonimo
        Ma il punto è proprio questo, caro
        amico, ovvero che nel mondo vengono
        pubblicate foto di chi viene torturato, e
        anche ucciso, e le pubblicano i giornali e
        le riviste, ma questo viene accettato
        perchè non di addossa la colpa della
        tortura o della morte a chi fotografa o a
        chi quelle foto le vede.Per la morte, pur se disgustato, dico niente. Per i vivi, invece, si aggiunge un trauma psicologico (la diffusione di filmati che lo riguardano in cui subisce una tortura) a chi ha già subito altri traumi. E la colpa di questo è dei giornalisti che pubblicano i filmati per televisione. Più questi filmati colgono l'intimo della persona, l'atto nel dettaglio, più sarebbero da condannare, e non solo moralmente.
        Tu saresti d'accordo con l'incarcerare e
        l'additare al pubblico ludibrio, in pratica,
        col rovinare la vita di una persona
        che l'abbia scaricate? Il diritto penale
        è razionale, non morale, se non
        stabiliamo un nesso concreto tra la violenza
        e il reato come facciamo a sostenere queste
        leggi? Chi scarica con il p2p nella maggioranza dei casi condivide queste foto/filmati ed è giusto, in questi casi, che venga punito. Ripeto: non è una questione morale, il danno al bambino può tranquillamente esistere, ed è di tipo psicologico. Inoltre non è immorale, ma razionale, tutelare il più possibile quelli che saranno i futuri cittadini di un paese, fino a quando *non hanno sviluppato pienamente* la propria identità.
      • Anonimo scrive:
        Re: Pedofilia e diritto
        qui mi viene un bel dubbio:non e' che non riuscendo a bluccare il fenomeno alla sorgente perche' o stia fuori dall'italia o perche' e difficile risalirne l'origine si siano accaniti contro gli utilizzatori finali anche occasionali?mi sembra di notare che da qualche tempo quando un fenomeno non si riesce a controllare la soluzione che viene trovata e' sempre a discapito dell'unico che si riesca a colpire?l'esempio e' p2p non controllabile -
        criminalizziamone gli utilizzatori............ho come questa brutta sensazione.
    • Anonimo scrive:
      Re: Pedofilia e diritto
      - Scritto da: Anonimo
      A chi piacerebbe
      se venissero condivise, in giro per il
      mondo, delle foto nelle quali viene
      torturato? Non la riterreste un ulteriore
      violenza? E' un'ulteriore violenza alla quale i telegiornali ci hanno ormai abituato. Pero' s'e' mai visto un giornalista in galera perche' ha diffuso immagini di cadaveri ?
      • Anonimo scrive:
        Re: Pedofilia e diritto
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        A chi piacerebbe

        se venissero condivise, in giro per il

        mondo, delle foto nelle quali viene

        torturato? Non la riterreste un
        ulteriore

        violenza?

        E' un'ulteriore violenza alla quale i
        telegiornali ci hanno ormai abituato. Pero'
        s'e' mai visto un giornalista in galera
        perche' ha diffuso immagini di cadaveri ?Trovo scorretto e condannabile pure questo comportamento (personalmente). Comunque c'è da dire che sui cadaveri non puoi fare ulteriore violenza, sono già morti, mentre su una persona viva si, già avrà dei traumi psicologici per conto suo, se poi ancora le sue immagini vengono pubblicate in giro per il mondo...
  • Anonimo scrive:
    Re: Inverosimile.
    - Scritto da: Tharon
    La Psoriasi è una malattia di base
    ereditaria "incurabile" e che non viene
    così facilmente e non certo per lo
    stress, anche se è un'elemento che la
    acuisce non di poco.
    Effettivamente è innocua anche se
    fastidiosa e molto brutta a vedersi, ma non
    ci si ammala così facilmente.Io invece sapevo che a "toccarsi" troppo si diventa ciechi. :D
    • Tharon scrive:
      Re: Inverosimile.

      Io invece sapevo che a "toccarsi" troppo si
      diventa ciechi. :DEheheh, gli sarà venuta la psoriasi agli occhi :)
  • Anonimo scrive:
    Non mi convinci per niente.
    Ma ha chi la racconti sta storia?"Il computer era vecchiotto e l'hard disk decisamente poco capiente, così incurante di tutto, non appena terminavo le sessioni di download, senza neanche guardare, inserivo tutto su cd in modo da liberare spazio sull'hard disk. In tutto creai 3 cd contenenti tutte le cose che avevo scaricato, musica, programmi, giochi e video."Nel 2001 tu avevi un computer così vecchio che non ti conteneva neanche 2 giga scarsi che sono il contenuto di 3 CD? Nel 1997 quando ho acqustato il primo computer gli H.D. in dotazione erano di 3 o 4 giga."Mettevo in fila parecchi download e lasciavo il PC a scaricare finchè poteva, incurante del tipo di file (in un secondo momento mi sarei limitato ad ignorare le cose discutibili)."Nel 2001 l'ADSL era poco diffuso, molto costoso perchè si pagava il traffico in download e non credo proprio fosse disponibile nel tuo "paesino del sud" dove dici di abitare.Quindi scaricavi col modem a 56k e come dici "lo lasciavi scaricare incurante del tipo di file" ma incurante anche della spesa telefonica che i tuoi dovevano sostenere per decine di ore di collegamento necessarie per scaricare dei film."Vivendo in un paesino del Sud con un padre pensionato ed una madre casalinga era tutto molto difficile. Eppure tra le cose che mi hanno spronato ad andare avanti c'è la forza di mio padre, un sessantenne che ha smosso mari e monti per procurarsi i soldi per pagare un buon avvocato."Come vedi il tuo racconto fa acqua da tutte le parti ma non aver paura troverai sempre qualcuno che ti crederà.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non mi convinci per niente.

      Nel 2001 l'ADSL era poco diffuso, molto
      costoso perchè si pagava il traffico
      in download e non credo proprio fosse
      disponibile nel tuo "paesino del sud" dove
      dici di abitare.
      Quindi scaricavi col modem a 56k e come dici
      "lo lasciavi scaricare incurante del tipo di
      file" ma incurante anche della spesa
      telefonica che i tuoi dovevano sostenere per
      decine di ore di collegamento necessarie per
      scaricare dei film.
      a dovere di cronacac'erano le flat a 56K a 30 euro al mese vedi wind (almeno al centro italia.. se poi al sud nn sono mai arrivate nn lo so)
  • Tharon scrive:
    Inverosimile.
    Il testo della lettera si dilunga su questioni inutilmente emotive e non spiega niente di quello che è successo.Non spiega i motivi (erano foto? filmati? cosa riguardavano esattamente?).Non spiega cosa realmente è successo (il processo c'è stato? è finito? sta andando avanti? cosa rischia? perchè?).Non spiega i particolari (quali sono esattamente i capi di accusa? qual'è la mole di materiale rinvenuto?).Insomma.....è veramente poco plausibile; chi vuole scrivere raccontando quello che gli è successo non si dilunga nello spiegare come si sente emotivamente ed evitando qualsiasi particolare.Ha fatto bene PI ha inserire il disclaimer iniziale per scaricarsi dalle responsabilità (meglio avrebbe fatto IMHO a documentarsi a dovere prima, giusto per essere sicuri).P.S.La Psoriasi è una malattia di base ereditaria "incurabile" e che non viene così facilmente e non certo per lo stress, anche se è un'elemento che la acuisce non di poco.Effettivamente è innocua anche se fastidiosa e molto brutta a vedersi, ma non ci si ammala così facilmente.
  • Anonimo scrive:
    Re: verosimile
    - Scritto da: Anonimo

    Se la lettera è vera, e il
    ragazzo

    è innocente, è palese che
    i

    metodi di indagine sul fenomeno sono

    inadeguati, non degni di un paese
    civile.

    tanto resta sempre che condivideva e
    scaricava illegalmente.Spero, la prossima volta che butterai per terra una sigaretta, che parcheggerai in divieto di sosta, che fumerai una sigaretta in un luogo pubblico, che guiderai a 56 km/h in centro città, etc etc, che arrivi un poliziotto a darti un sacco di randellate e poi citarti in giudizio per omicidio. Tanto rimane il fatto che avrai commesso un illecito.
  • Anonimo scrive:
    Re: Un appunto...
    - Scritto da: Anonimo
    "Il computer era vecchiotto e l'hard disk
    decisamente poco capiente, così
    incurante di tutto, non appena terminavo le
    sessioni di download, senza neanche
    guardare, inserivo tutto su cd in modo da
    liberare spazio sull'hard disk. In tutto
    creai 3 cd contenenti tutte le cose che
    avevo scaricato, musica, programmi, giochi e
    video."

    Non voglio entrare nel merito del pedoporno,
    ne analizzare cosa realmente sia ma questo
    passaggio mi pare malizioso...
    mmhha detto 2001? nel 2001 ci si dava dentro di audiogalxy e winmx. Personalmente avevo più o meno la stesa configurazione del tizio dell'articolo.Non ho mai scaricato un solo video in quel periodo, assolutamente impensabile: io avevo DAVVERO poco spazio.
  • Anonimo scrive:
    Pedofilia e diritto
    Capisco che la diffusione del materiale pedopornografico on line vada fermata, ma questi metodi mi sembrano piu' vergognosi dell'atto stesso di scaricare qualche immagine. Possibile che non esista un modo piu' logico e piu' umano per perseguire il risultato di contrastare *globalmente* la pedofilia? Gia', perchè a volte nella foga della lotta contro la pedofilia on line il mondo reale sembra quasi scomparire. A cosa serve punire con tanta severità chi, magari inconsapevolmente, ha scaricato del materiale pedopornografico quando non si fermano le violenze reali sui minori? Già, perchè il ragazzo dell'articolo non ha pagato per quello che ha scaricato, si è limitato a scaricarlo e basta, quindi mi sembra un pò improbabile che abbia finanziato o supportato la pedofilia in modo concreto.Si dice spesso che il denaro fa girare il mondo, ed è vero, ma quando ci si lancia in queste crociate idealistiche si mettono da parte anche i ragionamenti più elementari.Non si potrebbe modificare la legge in modo da ristabilire un nesso piu' chiaro tra il pagamento di questo materiale e la reale complicità con la violenza perpetrata sui minori a fine di lucro? Con la legge attuale siamo arrivati all'assurdo che chi viene accidentalmente a contatto con questo materiale non puo' nemmeno rivolgersi alle autorità perchè finirebbe a sua volta in questa bolgia infernale, un rischio che non esisterebbe se, per essere incriminati, occorresse un nesso preciso fra possesso e pagamento. Ma tanto cosa ne discutiamo a fare? La caccia alle streghe è al suo culmine, dovranno passarne di anni e dovranno verificarsene molti altri di casi come questo dell'articolo prima che qualcuno si renda conto che è una forma inutile e inumana di accanimento giudiziario.Gianluca Cardinale
    • Anonimo scrive:
      Re: Pedofilia e diritto
      Caro Gianluca, tu hai ragione da vendere, ma cosa pretendi da uno Stato in cui Don Fortunato Di Noto è consulente del ministro Gasparri?http://www.interlex.it/regole/amonti20.htm
  • Anonimo scrive:
    Re: dubbio
    - Scritto da: Anonimo
    queste "tipo" di lettere comincia ad
    abbondare...sarà mica che qualcuno e'
    stipendiato per scriverle?vediamo qualche link alle "altre"
  • Anonimo scrive:
    Re: a scaricare porno si becca di tutto
    - Scritto da: Anonimo
    beh, quello che dice è vero
    a scaricare porno si becca di tutto
    meglio andare sui dvdrip condivisi da tanta
    gente e lasciar stare gli amatoriali,
    portano solo guai
    se capita la prima cosa da fare è
    cancellarlo,ma e l'anteprima non serve a questo?!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Un appunto...
    più che altro il meno credibile in assoluto :)
  • Anonimo scrive:
    solidarietà
    Concordo perfettamente con bruno, non c'è niente di male nel provare un po' di curiosita'.Al contrario di te, non sono per niente felice quando sento delle inquisizioni agli "scaricatori di pedoporno". Non metto in dubbio che se uno lo fa per abitudine abbia qualche problema.Ma rovinargli la vita purtroppo non serve a risolvere il VERO problema, ovvero quelli che li creano i materiali in questione.Personalmente mi viene la nausea quando penso ai soldi pubblici che vengono spese per questa assurda caccia alle streghe.Evviva la libertà, evviva freenet.
    • Anonimo scrive:
      Re: solidarietà
      - Scritto da: Anonimo
      Ma rovinargli la vita purtroppo non serve a
      risolvere il VERO problema, ovvero quelli
      che li creano i materiali in questione.E' vero, chi produce quel materiale commette un reato grave, oggettivamente più grave di chi scarica. Ma anche chi scarica *volontariamente* può ritenersi complice.Ti sei mai chiesto perché ti arrestano se compri le zanne di elefante? Perché se non c'è richiesta di zanne, la produzione sarebbe di molto limitata. Qui il discorso è analogo.
      • Anonimo scrive:
        Re: solidarietà

        Ti sei mai chiesto perché ti
        arrestano se compri le zanne di elefante?
        Perché se non c'è richiesta di
        zanne, la produzione sarebbe di molto
        limitata. Qui il discorso è analogo.Non credo: le zanne le compri.. dal P2P non compri.. L'incentivo quindi ci sarebbe solo se coloro che mettono in rete questo materiale fossero soddisfatti del solo fatto che questo materiale viene diffuso, senza sentire il bisogno di ricevere dei soldi per la diffusione di quest'ultimo.Certo e' vero che se una cosa viene scaricata da tanti e' facile che il numero di persone che sono disposte a pagare per averla aumenti ma allora perche' prendersela anche con chi scarica mp3? Non voglio fare satira su questo argomento, e' solo che mi sembra un paradosso.Purtroppo sembra sempre che chi coordina queste indagini si accontenti sempre dei pesci piccoli per poi dire "abbiamo fatto questo.. dopo mesi e mesi di lavoro" .. ma mi chiedo io .. se ci sono 10000 utenti in italia che per sbaglio o meno scaricano il materiale prodotto volontariamente da 50 persone in tutto il mondo.. e di questi 10000 utenti ne vengono arrestati 100.. cosa cambia?E se di quelle 50 persone ne venissero arrestate 10?ultima cosa..occhio alla psoriasi, puo' avere "mutazioni" poco piacevoli.. un mio amico di 20 anni ha contratto una forma di artrite dovuta a questa cosa che gli provoca infiammazioni e dolori piu' o meno costatnti (sempre) e che a volte non lo fa nemmeno reggere in piedi. Ed e' una malattia al 50% dovuta ad un fattore psicologico.ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: solidarietà
          - Scritto da: Anonimo
          Certo e' vero che se una cosa viene
          scaricata da tanti e' facile che il numero
          di persone che sono disposte a pagare per
          averla aumentiNo. ;)In tutti i mercati si è dimostrato che se il costo per ottenere qualcosa è pari a zero, per la gente qualunque prezzo resterà troppo caro, perché diverso da zero.Ora, visto che per mp3 e divx può esistere (ed effettivamente esiste) un mercato legale e regolamentato, mentre per i pedoporno non può e non DEVE (o almeno non dovrebbe) esistere ma in effetti esiste anche se non legalmente, se la condivisione di mp3 fa male al mercato della musica, perché mai la condivisione di pedoporno non dovrebbe far male al mercato di chi su queste cose ci vuole guadagnare?E' un semplice discorso di logica. Quella che i legislatori, quando si parla di queste cose, si rifiutano di voler applicare.
      • Anonimo scrive:
        Re: solidarietà
        - Scritto da: Anonimo
        Ti sei mai chiesto perché ti
        arrestano se compri le zanne di elefante?
        Perché se non c'è richiesta di
        zanne, la produzione sarebbe di molto
        limitata. Qui il discorso è analogo.Paragone idiota.Chi violenta i bambini non lo fa certo per distrubuire le immagini GRATIS su internet.
      • Anonimo scrive:
        [OT] Zanne di elefante?
        - Scritto da: Anonimo
        Ti sei mai chiesto perché ti
        arrestano se compri le zanne di elefante?Arrestiamo tutti i produttori di pianoforte: i tasti bianchi sono ricoperti di *AVORIO* che se non lo sai viene fabbricato proprio con tali zanne.Premesso questo, perché mai il possesso delle zanne di elefante dovrebbe essere illegale? Se l'elefante da cui sono state estratte fosse morto per cause naturali o comunque non imputabili all'uomo, perché non si dovrebbe prenderne le zanne?Altro discorso è rivolgersi a qualcuno che uccida *appositamente* l'elefante. Ma non si può sapere esattamente la zanna se è stata presa da un animale ucciso apposta o trovato nella giungla morto. E fino a prova contraria, sono tutti innocenti.
        Perché se non c'è richiesta di
        zanne, la produzione sarebbe di molto
        limitata. Qui il discorso è analogo.No che non lo è, il tuo è un esempio che non c'entra un tubo. Ma sullo specifico ti ho risposto in un altro messaggio.
    • Anonimo scrive:
      Re: solidarietà
      - Scritto da: Anonimo


      Evviva la libertà, evviva freenet.santo dio!!!:(elogiare freenet per nasconderci il pedoporno è da pazzi!!!! freenet è un progetto buono!!! serve a eliminare la censura sulle IDEE, ad anonimizzare persone che non possono esprimere la propria opinione e via dicendo.non sporcatela subito così ... ancora prima che nasca
      • Anonimo scrive:
        Re: solidarietà

        elogiare freenet per nasconderci il
        pedoporno è da pazzi!!!! freenet
        è un progetto buono!!! serve a
        eliminare la censura sulle IDEE, ad
        anonimizzare persone che non possono
        esprimere la propria opinione e via dicendo.

        non sporcatela subito così ... ancora
        prima che nascasottoscrivo
      • Anonimo scrive:
        Re: solidarietà
        il vero problema che prima o dopo il pedoporno invaderà freenet se non cambiano le modalità con il quale la legge affronta il problema.
  • Anonimo scrive:
    Re: Pedoballe
    - Scritto da: brunposta
    Non si fa veramente del
    male a nessuno neanche scaricando mille giga
    di pedoporno dal P2P.Eh no! Capisco l'esagerazione che fanno i media certe volte, capisco che si può scaricare non volendo *qualche* filmato o immagine pedofila, cancellandola non appena ci si rende conto di quello che si è scaricato, ma dire che non si fa del male scaricando giga di pedoporno no. In quei filmati o in quelle foto sono presenti bambini e ragazzini *veri*, che subiscono rapporti sessuali. Scaricare vuol dire *incentivare* chi ha realizzato questi filmati/foto, e ci si rende compilci di questi atti, oltre che continuare a perpretare una violenza sul minore (ti piacerebbe se venissi ripreso inconsapevolmente durante i rapporti sessuali e questi filmati venissero sparsi per il mondo? no? pensa cosa vuol dire questo per un bambino)
    • Anonimo scrive:
      Re: Pedoballe
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: brunposta


      Non si fa
      veramente del

      male a nessuno neanche scaricando mille
      giga

      di pedoporno dal P2P.

      Scaricare vuol dire
      *incentivare* chi ha realizzato questi
      filmati/foto, e ci si rende compilci di
      questi atti, Affermazione che andrebbe quanto meno giustificata.
    • Anonimo scrive:
      Re: Pedoballe

      In quei
      filmati o in quelle foto sono presenti
      bambini e ragazzini *veri*, che subiscono
      rapporti sessuali. Scaricare vuol dire
      *incentivare* chi ha realizzato questi
      filmati/foto,Visto che parli di *scaricare* (e non *pagare*, *acquistare*, *vendere* o *produrre*), in quale modo si incentiva? Credi che chi apprezzi queste cose mandi una mail all'autore (ammesso che l'autore sia così idiota da avercela messa) e gli dica "Ah, quel filmato che hai girato m'è davvero piaciuto, per favore fanne ancora"? Questo sarebbe l'unico modo di *incentivare*, per usare le tue parole.Non credi invece che l'uso del materiale GIA' ESISTENTE (e che lo vogliamo o no GIA' ESISTE, a cominciare da quello prodotto quando era legalmente venduto persino nelle edicole italiane, e cioè negli anni '70) possa piuttosto appianare gli impulsi dei potenziali pedofili, evitandogli di andare in giro nel mondo REALE a violentare bambini?
      e ci si rende compilci di
      questi atti, oltre che continuare a
      perpretare una violenza sul minore (ti
      piacerebbe se venissi ripreso
      inconsapevolmente durante i rapporti
      sessuali*Inconsapevolmente* è un'affermazione che stai facendo tu a priori, che non ha fondamento, o perlomeno, non si può dire che ce l'abbia *sempre*.
  • Anonimo scrive:
    più o meno

    Non credo dovresti vergognarti poi cosi tanto se hai
    scaricato veramente quel materiale. Se ti informi su
    internet, poi, addirittura neanche il mondo accademico e
    poi cosi sicuro che la precoce e corretta introduzione al
    sesso, sia per forza causa di chissa quali "traumi". L'antica
    Grecia docet.Stai confondendo un po' le cose direi. Un conto è se scarichi la trilogia di Jenna Jameson che si monta 10 uomini o Sally Parker che si fa ingroppare da un alano. Gusti tuoi, nessun problema.Tutt'altro è se ti scarichi video peodofili con ragazzini (e ce ne sono, sui circuiti P2P), ragazzine e -sorpresa- gli adulti che se li sbattono. Nell'antica grecia i professori si trombavano gli allievi, nel 2004 trombarsi un bambino è reato. I tuoi dubbi sui traumi sono legittimi, però non penso che un ragazzino scopato da un parente cresca senza qualche _piccolo_ problema nel subconscio.
  • Anonimo scrive:
    Un appunto...
    "Il computer era vecchiotto e l'hard disk decisamente poco capiente, così incurante di tutto, non appena terminavo le sessioni di download, senza neanche guardare, inserivo tutto su cd in modo da liberare spazio sull'hard disk. In tutto creai 3 cd contenenti tutte le cose che avevo scaricato, musica, programmi, giochi e video."Non voglio entrare nel merito del pedoporno, ne analizzare cosa realmente sia ma questo passaggio mi pare malizioso...
  • Anonimo scrive:
    Re: verosimile
    - Scritto da: Anonimo
    Se la lettera è vera, e il ragazzo
    è innocente, è palese che i
    metodi di indagine sul fenomeno sono
    inadeguati, non degni di un paese civile.Boh, dalle notizie che ho quelli della polizia sono abbastanza preparati e soprattutto sgamati al punto da non prendere facilmente lucciole per lanterne, a volte può capitare, ma è difficile
    • Anonimo scrive:
      Re: verosimile
      - Scritto da: Jack Rackham

      - Scritto da: Anonimo

      Se la lettera è vera, e il
      ragazzo

      è innocente, è palese che
      i

      metodi di indagine sul fenomeno sono

      inadeguati, non degni di un paese
      civile.l'Italia non è un paese civile, lo sapevi? Adesso lo sai.

      Boh, dalle notizie che ho quelli della
      polizia sono abbastanza preparati e
      soprattutto sgamati al punto da non prendere
      facilmente lucciole per lanterne, a volte
      può capitare, ma è difficileAbbastanza preparati? Mi hanno distrutto la vita per 3 anni, fatto perdere il lavoro, la fidanzata, la salute (e non per pedofilia, per molto meno) e alla fine non hanno naturalmente trovato NIENTE, dato che ero assolutamente innocente, come loro stessi hanno scritto nel loro orribile linguaggio alieno.Adesso, sia loro che il PM dormono sonni tranquilli, nessuno potrà mai chiedergliene conto, intanto io sono stato rovinato da questi "preparati e sgamati" prodi poliziotti e magistrati - ignoranti, arroganti, indifferenti, ottusi burocrati passacarte e scaldasedie, con un potere immenso su ciascuno di noi - non lo auguro al mio peggior nemico.Ma siccome colpiscono uno alla volta, e la tragedia si consuma prima nella casa della vittima di turno, e poi in questi squallidi ufficetti cadenti, nei corridoi desolanti di un tribunale, nessuno che non sia stato coinvolto in una forma così orribile di vessazione, umiliazione e tortura psicologica può anche solo immaginare.maledetti.
  • Anonimo scrive:
    Re: dubbio
    O forse è che queste cose capitano ormai troppo di frequente??
  • CoreDump scrive:
    Re: Non mi quadra una cosa ??
    - Scritto da: CoreDump
    Tipico esempio winmx, io utenteEmh non o capito che cavolo è successo quindi riposto ladomanda sperando che vada meglio.....:Tipico esempio winmx, io utente a scarico qualche filmporno ( dopo averlo cercato tramite un nome a piacere ),l'utente b a un film pedopornografico che ( il bastardo )rinomina come il file che voglio scaricare, a questo puntotravato il file cercato lo metto in download, winmx cominciaa cercare altre fonti ( basandosi non sul nome ma sull'hash delfile che è univoco ) a questo punto trova altri file ( tra cuiquelli pedo ) ma quisorge il dubbio, cioè la polizia postale per beccarti o ha incondivisione i file pedopornografici su un server ( è non sonosicuro che la cosa sià tanto legale ), o tu scarichi lo stessofile nella cartella dei download completati e quindi con un browsedei file condivisi riescono a vederlo, se no come fanno asapere che hai scaricato quei file ??saluti :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Non mi quadra una cosa ??
      mai sentito parlare di file civetta?
      • Anonimo scrive:
        Re: Non mi quadra una cosa ??
        - Scritto da: Anonimo
        mai sentito parlare di file civetta?Ma i file civetta devono avere connotazione inequivocabilmente in oggetto con il reato del caso. Ovvero le forze dell'ordine non possono mettere in linea un file chiamato "la topa bella" il cui contenuto è "illegale" e sbatterti dentro per questo: cfr la cassazione.
        • Tharon scrive:
          Re: Non mi quadra una cosa ??
          Esatto, i file civetta devono essere inequivocabilmente riconosciuti come oggetti di possibile reato.Esempio....se uno scarica un file "Vacanze a Roma.avi" e il contenuto è di tipo pedoporno non è assolutamente perseguibile. Però può essere oggetto di indagine, perchè POTREBBE conoscere il contenuto del file prima di scaricarlo.Va da se se la polizia mettesse in giro file civetta non riconoscibili per poi arrestare chi se li scarica compierebbe un gesto criminale.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non mi quadra una cosa ??
            - Scritto da: Tharon
            Esatto, i file civetta devono essere
            inequivocabilmente riconosciuti come oggetti
            di possibile reato.

            Esempio....se uno scarica un file "Vacanze a
            Roma.avi" e il contenuto è di tipo
            pedoporno non è assolutamente
            perseguibile. Però può essere
            oggetto di indagine, perchè POTREBBE
            conoscere il contenuto del file prima di
            scaricarlo.
            anzi, mi sembra che comunque questo comportamento serve per identificare possibili sospetti, dopodiche si cerca di "incastrare" l'inquisito in maniera più sicuracredo che uno scaricamento *.* possa essere facilmente difendibile da un avvocatoin effetti questo mi porta ad un altro problema: i newsgroup alt.erotic che si trovano anche in tutti in newsserver "costituzionali" (tin , tiscali etc) se io scarico di default tutti i post (perchè alla sera c'ho le paturnie di single) e li dentro si trova materiale pedo, di chi è la colpa? mia o della telecom?
    • Anonimo scrive:
      Re: Non mi quadra una cosa ??
      - Scritto da: CoreDump

      - Scritto da: CoreDump

      Tipico esempio winmx, io utente

      Emh non o capito che cavolo è
      successo quindi riposto la
      domanda sperando che vada meglio.....:

      Tipico esempio winmx, io utente a scarico
      qualche film
      porno ( dopo averlo cercato tramite un nome
      a piacere ),
      l'utente b a un film pedopornografico che (
      il bastardo )
      rinomina come il file che voglio scaricare,
      a questo punto
      travato il file cercato lo metto in
      download, winmx comincia
      a cercare altre fonti ( basandosi non sul
      nome ma sull'hash del
      file che è univoco ) a questo punto
      trova altri file ( tra cui
      quelli pedo ) ma qui
      sorge il dubbio, cioè la polizia
      postale per beccarti o ha in
      condivisione i file pedopornografici su un
      server ( è non sono
      sicuro che la cosa sià tanto legale
      ), o tu scarichi lo stesso
      file nella cartella dei download completati
      e quindi con un browse
      dei file condivisi riescono a vederlo, se no
      come fanno a
      sapere che hai scaricato quei file ??
      vengono a casa tua alle 7 di mattina, prendono il computer e verificano direttamente.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non mi quadra una cosa ??


        come fanno a

        sapere che hai scaricato quei file ??



        vengono a casa tua alle 7 di mattina,
        prendono il computer e verificano
        direttamente.E intanto ne parlano ai giornali e ti rovinano la vita, il tuo computer si deprezza, poi siccome i tempi di queste cose sono biblici intanto dovrai spendere altri soldi per comprarti un computer nuovo, poi salta fuori che sì, è vero, non avevi nessun pedoporno, ma magari c'era qualche gioco pirata o windows crackato, poi i soldi all'avvocato... Se vuoi andare avanti fino in fondo per dimostrare la tua innocenza e non patteggiare subito ci vogliono ANNI e intanto resti infangato, in caso contrario se patteggi per farla finita il prima possibile ti rovini la fedina penale con le ovvie conseguenze...Tutto questo per un file che FORSE avevi scaricato, magari per sbaglio, e che in ogni caso non avevi prodotto, né acquistato, né venduto o lucrato in qualche modo, e in ogni caso non l'avevi preso dall'autore originale (chi la produce questa roba di certo ci marcia sopra, non si mette a correre questi rischi per regalare poi tutto al mondo).E' giustizia questa? In Italia lo sarebbe.Forse per gli altri: non certo per me.
  • CoreDump scrive:
    Non mi quadra una cosa ??
    Tipico esempio winmx, io utente
  • Anonimo scrive:
    verosimile
    Non vorrei entrare nel merito riguardo all'autenticità della lettera. Non importa se è vera, tutto sommato. Ciò che importa è che è terribilmente verosimile. Certo, bisogna essere ingenui a non controllare cosa si è scaricato, e ancora più ingenui a scaricare direttamente nelle cartelle in share. Ma bisogna essere proprio un po' mentecatti a portare avanti indagini su questi fatti criminosi senza aver presente ogni dettaglio sul funzionamento e sulle incognite del p2p. Se la lettera è vera, e il ragazzo è innocente, è palese che i metodi di indagine sul fenomeno sono inadeguati, non degni di un paese civile.
  • Anonimo scrive:
    Coraggio F. !!!
    Resisti e vedrai che fra un pò di tempo questa storia sarà solo un brutto ricordo.Se i fatti sono questi e saranno provati potrai essere ritenuto responsabile di un comportamento negligente, al massimo potrà esserci una lieve condanna, con la condizionale, e non andrai certo in galera, e dopo qualche anno (tre o cinque) sarà tutto cancellato.P.s.: dopo 6 mesi dovresti aver ricevuto la comunicazione di fine indagini o una richiesta di proroga, ti hanno comunicato qualcosa?
  • Anonimo scrive:
    Re: dubbio
    non saprei, ma uno che scarica e masterizza al volo per liberare l'hd scarso, beh, sinceramente ci credo poco... per non dire che non ci credo proprio...
    • Anonimo scrive:
      Re: dubbio
      - Scritto da: Anonimo
      non saprei, ma uno che scarica e masterizza
      al volo per liberare l'hd scarso, beh,
      sinceramente ci credo poco... per non dire
      che non ci credo proprio...A me sembra strano il modo con cui ha agito la polizia, sanno bene che uno può capitarci per caso a scaricare un video del genere che magari ha un nome "normale", quindi per agire così significa che la cosa si è protratta abbastanza a lungo destando ovvi sospetti su questa persona. Ammesso che la lettera sia vera, ho l'impressione che non ci ha raccontato tutta la verità.
      • Anonimo scrive:
        Re: dubbio

        A me sembra strano il modo con cui ha agito
        la polizia, sanno bene che uno può
        capitarci per caso a scaricare un video del
        genere che magari ha un nome "normale",
        quindi per agire così significa che
        la cosa si è protratta abbastanza a
        lungo destando ovvi sospetti su questa
        persona. Ammesso che la lettera sia vera, ho
        l'impressione che non ci ha raccontato tutta
        la verità.Forse era il padre... (rotfl)
      • Anonimo scrive:
        Re: dubbio
        mah, sai, nel 2001 erano proprio all'inizio con indagini di questo tipo, non ci capivano ancora nulla di internet et similia. La cosa veramente un po' assurda è che ti beccano nel 2001 e ti arrivano a casa due anni dopo... mi sembra troppo tempo, chi sperano di incastrare così? figurati se in due anni non cambi pc. se la lettera è vera probabilmente è successo qualcosa tipo che l'indagine nel 2001 si era fermata perché non trovavano nulla di serio, poi è cambiato il pm, ha deciso di farsi un po' vedere e ha fatto ripescare i fascicoli, non curandosi del fatto che l'indagine era stata interrotta per l'evidente innocenza degli interessati...Ma poi che ne sappiamo noi su come funzionano queste cose?
        • Anonimo scrive:
          Re: dubbio
          - Scritto da: Anonimo
          mah, sai, nel 2001 erano proprio all'inizio
          con indagini di questo tipo, non ci capivano
          ancora nulla di internet et similia.
          La cosa veramente un po' assurda è
          che ti beccano nel 2001 e ti arrivano a casa
          due anni dopo... mi sembra troppo tempo, chi
          sperano di incastrare così? figurati
          se in due anni non cambi pc. se la lettera
          è vera probabilmente è
          successo qualcosa tipo che l'indagine nel
          2001 si era fermata perché non
          trovavano nulla di serio, poi è
          cambiato il pm, ha deciso di farsi un po'
          vedere e ha fatto ripescare i fascicoli, non
          curandosi del fatto che l'indagine era stata
          interrotta per l'evidente innocenza degli
          interessati...

          Ma poi che ne sappiamo noi su come
          funzionano queste cose?eh ma cazzo, dopo due anni non hai ancora guardato i pornazzi messi su cd? ribadisco che sta cosa mi puzza di fake lontano un miglio... se non regge il racconto non sta in piedi nemmeno il resto...
        • Anonimo scrive:
          Re: dubbio
          - Scritto da: Anonimo
          La cosa veramente un po' assurda è
          che ti beccano nel 2001 e ti arrivano a casa
          due anni dopo... mi sembra troppo tempo, chi
          sperano di incastrare così? figurati
          se in due anni non cambi pc. Si anche a me i tempi di questa cosa puzzano non poco
  • Anonimo scrive:
    dubbio
    queste "tipo" di lettere comincia ad abbondare...sarà mica che qualcuno e' stipendiato per scriverle?
  • Anonimo scrive:
    Re: a scaricare porno si becca di tutto
    - Scritto da: Anonimo
    beh, quello che dice è vero
    a scaricare porno si becca di tutto
    meglio andare sui dvdrip condivisi da tanta
    gente e lasciar stare gli amatoriali,
    portano solo guai
    se capita la prima cosa da fare è
    cancellarlo, anche se in realtà forse
    sarebbe meglio rinominarlo per evitare che
    altri ci cadano, ma se poi arriva la finanza
    a casa........
    è proprio un giro perversoscusa ma tra giga e giga di roba non ho mai trovato un pedoporno... oddio, forse sì, una volta, una foto che poteva dare adito a dubbi... l'ho cancellata e basta... non mi sembra che ce ne sia poi così tanta di sta roba....ma resta poi il dubbio: sarà vera sta storia? :|
    • Anonimo scrive:
      Re: a scaricare porno si becca di tutto
      lo stesso.....come tutti quelli che usano p2p un po' di porno li ho scaricati......ma di pedopornografia non ne ho mai trovata.....
    • Anonimo scrive:
      Re: a scaricare porno si becca di tutto
      possibilissinocon winmx un mio amico mi ha detto:per non star li a controllare file per file mi interessano questi li scarico senza pensarci troppo supoi finiscono su un cd e chi li guarda piu.altra cosa:winmx (versione 3.xx) ha un BUG segnalato piu volte su it.comp.p2p un utente una volta si e' lamentato perche hacercato un file che aveva e quando ha fatto il sfoglia se stesso ha visto una lista e in questa vedeva file che non erano i suoi, comunque il baco di winmx e' nototutto successo prima del decreto urbani
  • Anonimo scrive:
    Quando li arrestano sei felice ..
    Bravo, quando li arrestano sei felice.Ma ti sei mai chiesto se quelli che i giornali chiamanomostri pedofili per caso non possano essere personeinnocenti come te ?Magari solo talmente sfortunate da essere finite dentro il tritacarne dei media ?I pedofili veri ci sono e vanno puniti, ma prima di gioire così facilmente medita.Saluti e in bocca al lupo.
  • Anonimo scrive:
    a scaricare porno si becca di tutto
    beh, quello che dice è veroa scaricare porno si becca di tuttomeglio andare sui dvdrip condivisi da tanta gente e lasciar stare gli amatoriali, portano solo guaise capita la prima cosa da fare è cancellarlo, anche se in realtà forse sarebbe meglio rinominarlo per evitare che altri ci cadano, ma se poi arriva la finanza a casa........è proprio un giro perverso
Chiudi i commenti