Qualcomm investe nell'open source

Una delle più importanti società nel campo delle telecomunicazioni abbraccia i sistemi a codice aperto. Fondando una sussidiaria interamente devota a OS, browser e software FOSS pensati per l'impiego mobile

Roma – Qualcomm , la società statunitense nota per i suoi tanti brevetti sulla tecnologia wireless e per una lunga battaglia legale con Nokia sempre riguardante le succitate IP, ha annunciato la fondazione della nuova sussidiaria Qualcomm Innovation Center, con l’obiettivo dichiarato di sfruttare la popolarità che il codice open source sta conoscendo in questo periodo nell’ambito dei dispositivi mobile.

Controllata interamente da Qualcomm, QuIC dovrà mettere a frutto il lavoro di ingegneri software e hardware nello sviluppo e l’ottimizzazione di sistemi operativi quali Android, Symbian e Chrome OS, engine per browser come Webkit, la piattaforma Linux e altro ancora, con l’obiettivo di sfruttare il codice aperto per aprire nuovi mercati e far fiorire il relativo business negli anni a venire.

Stando alle cifre recentemente comunicate da Juniper Research , infatti, attualmente il 60 per cento del mercato degli smartphone è focalizzato su sistemi operativi a codice aperto con il numero di dispositivi totali che nel 2009 ammonterà a 106 milioni. E in un tempo relativamente breve (2014) si arriverà al raddoppio (223 milioni di smartphone), dice la società di ricerca.

Passando dalle intenzioni ai fatti, per ora poco si sa sulle attività e i progetti specifici che impegneranno le energie creative in forze a QuIC, mentre un’offerta lavorativa disponibile sul sito web della neonata società parla della focalizzazione delle attività ingegneristiche “sullo sviluppo del codice di Linux e Android” e della “partecipazione attiva alla community open source”.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • pino matera scrive:
    privasy
    bla bla
  • andros scrive:
    OpenStreetMap: Scegliete lo stile!
    Per chi non lo sapesse, segnalo che con OpenStreetMap oltre a correggere la mappa in caso di problemi, potete scegliere la visualizzazione che preferite in base a ciò che vi serve e interessa.Ecco come:http://www.openstreetmap.org/cliccando sul piccolo "+" bianco su linguetta blu e selezionando una delle opzioni per "Livello base"http://maps.cloudmade.com/taso in alto a destra "Change Style"Ad esempio "Cycle Map" disponibile in openstreetmap.org ha le curve di livello per far capire quando ci sono salite e discese e le fontanelle evidenziate, cose utili se si va in bicicletta
  • Mad scrive:
    aggiormento mappe ?
    quando aggiorneranno le mappe ?consultandole nel mio paese manca addirittura un quartiere !!!Invece su Visual c'è tutto :D
    • Funz scrive:
      Re: aggiormento mappe ?
      - Scritto da: Mad
      quando aggiorneranno le mappe ?
      consultandole nel mio paese manca addirittura un
      quartiereA casa mia il reticolo stradale è ancora spostato di 20 metri rispetto alla foto :(
  • Marco Rinaldi scrive:
    Mi piace!
    Si decisamente meglio! Il miglioramento si nota tanto! Brava bigG!
    • Logan_III scrive:
      Re: Mi piace!
      - Scritto da: Marco Rinaldi
      Si decisamente meglio! Il miglioramento si nota
      tanto! Brava
      bigG!Ci ho fatto un giro adesso..E' decisamente un gran bel look!E' più facile leggere le strade, sono stati inserite tantissime cose tra cui i cartelli di uscita di superstrade ed autostrade.. Ora per esempio alcune inesattezze nei nomi delle località nella mia zona sono stati sistemati, il feeling e' migliore sia a mappa completamente ingrandita che a visualizzazione nazionale, i dettagli sono maggiori e meno pasticciati!Ottima mossa, ora da' l'idea di uno strumento un po' più "professionale"
      • Cognome e nome scrive:
        Re: Mi piace!
        Nella mia zona invece stanno fioccando gli errori per le attività commerciali, con esercizi che si fanno viaggi anche di una decina di kilometri dalla loro vera collocazione.
Chiudi i commenti