RIAA, consigli a Google e Verizon

La proposta sulla neutralità ha aperto la strada al dibattito: i detentori dei diritti ribadiscono le loro priorità. Associandole alla repressione della pedopornografia

Roma – Con una lettera diretta al CEO di Google Eric Schmidt, RIAA (con altri 12 gruppi dell’industria musicale) si è espressa sulla proposta avanzata dal motore di ricerca in collaborazione con Verizon.

In controtendenza rispetto alla gran parte degli osservatori , RIAA non condanna a priori la proposta del motore di ricerca e della telco: mentre la paura per molti è che le troppe eccezioni inserite nell’accordo possano minare proprio quella neutralità di cui ci si vorrebbe far protettori, per RIAA le eccezioni sarebbero troppo poche e mancherebbe proprio la previsione dell’eccezione più grande, quella cioè, che distinguendo tra contenuti legali e illegali renda possibile il controllo del mercato.

Il dubbio di RIAA è proprio che la normativa su Internet così come vista dai due promotori renda impossibile ai detentori dei diritti l’imposizione di filtri
anti-pirateria e altre forme di intervento atte a far valere il rispetto della proprietà intellettuale.

“L’industria musicale che rappresentiamo – spiega RIAA – crede che sia fondamentale che qualsiasi iniziativa riguardante Internet permetta e incoraggi gli ISP e gli altri intermediari a prendere misure di deterrenza nei confronti dei comportamenti lesivi, come la violazione del copyright o la circolazione dei contenuti pedopornografici”.

RIAA chiede che si dia una volta per tutte un “significato operativo alla distinzione tra attività legali e illegali”. Una distinzione che, presumibilmente, dovrebbe porre il confine così come identificato dai gruppi rappresentanti i detentori dei diritti. Nel corso nell’ ultima conferenza dedicata all’antipirateria , per esempio, si sono riuniti per stilare la lista dei sei peggiori siti al modo in fatto di infrazione del copyright: oltre a The Pirate Bay, IsoHunt, RapidShare (quest’ultimo recentemente scagionato in Germania e negli States ) e il motore di ricerca cinese Baidu (con cui si sono già scontrati ), nella speciale classica sono rientrati due siti di musica in streaming (l’ucraino MP3fiesta e RMX4U, sito di Lussemburgo che si autodefinisce “la più grande community di musica nera del mondo”).

Avere una chiara definizione (e quindi stabilire cosa sia e cosa non sia permesso) permetterebbe ai detentori dei diritti di tirare per la giacchetta gli ISP nel controllo dei contenuti che passano per la Rete senza bisogno di ricorrere a misure più tecnicamente ingombranti o legislativamente ostiche come il principio dei three strikes , che negli Stati Uniti non sembra riuscire ad attecchire.

La posizione sembra inoltre rappresentare un cambio di strategia da parte di RIAA , che forse ha fatto lezione del proprio operato: caratterizzato da costi esorbitanti e risultati contraddittori .

A unirsi al dibattito anche Kenneth Carter, ex FCC, che dalle pagine del suo blog ha spostato i dubbi e i pericoli dalla neutralità della Rete alla sfera economica: il pericolo non è per i contenuti che circoleranno nella presunta nuova rete “premium”, ma nel fatto che non esisteranno (o almeno avranno molti più ostacoli) concorrenti in grado di opporsi al monopolio che sarà in grado di costruire Google.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • M P3dr0x scrive:
    E' un normale mouse
    Leggete qui...http://bit.ly/dAsqaq
    • DarkOne scrive:
      Re: E' un normale mouse
      - Scritto da: M P3dr0x
      Leggete qui...
      http://bit.ly/dAsqaqFa veramente vomitare, in ogni senso possibile.
  • attonito scrive:
    In mancanza di un vero comunicato
    Ci pensa PI a creare un po' di hype per il "partner commerciale" Micorsoft.
  • Pietro Grassi scrive:
    Io l'ho visto
    Al Supermedia a Brescia
  • Anonymous scrive:
    Ma allora...
    ... a sto punto occorre iniziare ad ipotizzare seriamente che le ultime evoluzioni in ambito informatico "Desktop" le ha spinte Apple. Anche in campo Smartphone. Chissà cosa facevano tutti gli altri nel frattempo.
    • scrotone2 la vendetta scrive:
      Re: Ma allora...
      - Scritto da: Anonymous
      ... a sto punto occorre iniziare ad ipotizzare
      seriamente che le ultime evoluzioni in ambito
      informatico "Desktop" le ha spinte Apple. Anche
      in campo Smartphone. Chissà cosa facevano tutti
      gli altri nel
      frattempo.I rasponi, come te.
    • ruppolo scrive:
      Re: Ma allora...
      - Scritto da: Anonymous
      ... a sto punto occorre iniziare ad ipotizzare
      seriamente che le ultime evoluzioni in ambito
      informatico "Desktop" le ha spinte Apple. Anche
      in campo Smartphone. Chissà cosa facevano tutti
      gli altri nel
      frattempo.Costruivano PC compatibili IBM sfruttando il fatto che la stessa si "dimenticò" di brevettarli e facevano a meno di sviluppare un sistema operativo perché Microsoft imponeva il suo.E così perdevano le capacità di innovare.Ed eccoci ad oggi, dove l'unica azienda che innova è quella che non ha mai smesso di innovare: Apple.
      • steve & blow jobs scrive:
        Re: Ma allora...
        - Scritto da: ruppolo
        Ed eccoci ad oggi, dove l'unica azienda che
        innova è quella che non ha mai smesso di
        innovare: Apple.quella che se non riceveva aiuti economici da MS a quest'ora era fallita? quella che non sa progettare l'antenna di un telefono? quella che fa pagare ai suoi "seguaci" i prodotti ad un prezzo molto più alto del reale valore?
        • CesareDrugStore scrive:
          Re: Ma allora...
          Pensa quanto sono stati XXXXXXXX alla microsoft.E detto questo, detto tutto.
          • steve & blow jobs scrive:
            Re: Ma allora...
            XXXXXXXX mica tanto, se no adesso sarebbero accusati di monopolio ancora di più di quello che lo sono.
      • Papple scrive:
        Re: Ma allora...
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: Anonymous

        ... a sto punto occorre iniziare ad ipotizzare

        seriamente che le ultime evoluzioni in ambito

        informatico "Desktop" le ha spinte Apple. Anche

        in campo Smartphone. Chissà cosa facevano tutti

        gli altri nel

        frattempo.

        Costruivano PC compatibili IBM sfruttando il
        fatto che la stessa si "dimenticò" di brevettarli
        e facevano a meno di sviluppare un sistema
        operativo perché Microsoft imponeva il
        suo.Certo me lo vedo: Bill Gates foruncoloso studentello universitario e la sua company con sede in quello che era poco più di uno sgabuzzino, che si presenta alla IBM e gli impone con la forza il suo sistema operativo.
        E così perdevano le capacità di innovare.

        Ed eccoci ad oggi, dove l'unica azienda che
        innova è quella che non ha mai smesso di
        innovare:
        Apple.E l'innovazione quale sarebbe, fare un SO che come tutti gli altri può piacere o no, o drenare le tasche dei suoi utenti con oggetti più o meno inutili, travestiti da moda?Quello che ha fatto Apple è stata prendere i soldi di Microsoft per non fallire, a ruppolè torna a contare le tacche del tuo Iphone4.
      • anoMIMO scrive:
        Re: Ma allora...
        - Scritto da: ruppolo
        Costruivano PC compatibili IBM sfruttando il
        fatto che la stessa si "dimenticò" di brevettarli
        e facevano a meno di sviluppare un sistema
        operativo perché Microsoft imponeva il
        suo.
        E così perdevano le capacità di innovare.Se IBM non si fosse "dimenticata" di brevettare il suo IBM pc a quest'ora non avremmo nemmeno l'informatica di massa...Cerchiamo di essere obiettivi, va!
        Ed eccoci ad oggi, dove l'unica azienda che
        innova è quella che non ha mai smesso di
        innovare:
        Apple.In ambito desktop non è che Apple abbia dimostrato chissà quali innovazioni!
      • illegale scrive:
        Re: Ma allora...

        Ed eccoci ad oggi, dove l'unica azienda che
        innova è quella che non ha mai smesso di
        innovare:
        Apple.Come no...
      • Darth Vader scrive:
        Re: Ma allora...
        - Scritto da: ruppolo
        Ed eccoci ad oggi, dove l'unica azienda che
        innova è quella che non ha mai smesso di
        innovare:
        Apple.Mmmmm... vediamole queste innovazioni dell'ultima versione di Apple (quella che si è tolta il "Computer" dal nome):1. iPod: esisteva già il lettore MP3, Apple ha aggiunto i digital rights (che esistevano già), introdotto un fromato proprietario e fornito una veste cool.2. iPhone: esisteva già lo smartphone, Apple ha inserito il multitouch (che esisteva già - vedi MS Surface), blindato la possibilità di installare applicazioni e fornito una veste cool3. iPad: esisteva già il tablet. Apple ha blindato il sistema operativo (almeno per ora), la possibilità di installare applicazioni e fornito una veste cool.Alla fine la vera innovazione dov'è? fornire la veste cool?
    • anoMIMO scrive:
      Re: Ma allora...
      - Scritto da: Anonymous
      ... a sto punto occorre iniziare ad ipotizzare
      seriamente che le ultime evoluzioni in ambito
      informatico "Desktop" le ha spinte Apple. Anche
      in campo Smartphone. Chissà cosa facevano tutti
      gli altri nel
      frattempo.Mah, il magic trackpad non lo vedo così rivoluzionario...
    • JosaFat scrive:
      Re: Ma allora...
      Che razza di innovazione sarebbe? Un aggeggio complicato e costoso, al posto di un mouse da 3 euro?
  • mcguolo scrive:
    Ma perché wireless ma non bluetooth?
    Come da oggetto... con il bluetooth non avrebbe bisogno di occupare una presa usb. Per i portatili sarebbe molto meglio, imho!
    • Pippo Carotenuto scrive:
      Re: Ma perché wireless ma non bluetooth?
      Perchè non tutti i portatili hanno il bluetooth....per cui con il relativo dongle utilizzi lo stesso una presa USB.E soprattutto non lo hanno i desktop....
      • Valeren scrive:
        Re: Ma perché wireless ma non bluetooth?
        Ricordo male io, o il BT consuma decisamente più del wireless ed ha una portata inferiore?
        • Zucca Vuota scrive:
          Re: Ma perché wireless ma non bluetooth?
          - Scritto da: Valeren
          Ricordo male io, o il BT consuma decisamente più
          del wireless ed ha una portata
          inferiore?Ricordi bene. Un mouse bluetooth ha autonomia molto più limitata.
          • scrotone2 la vendetta scrive:
            Re: Ma perché wireless ma non bluetooth?
            - Scritto da: Zucca Vuota
            Ricordi bene. Un mouse bluetooth ha autonomia
            molto più limitata.Anche un uomo in astinenza.
        • il solito bene informato scrive:
          Re: Ma perché wireless ma non bluetooth?
          - Scritto da: Valeren
          Ricordo male io, o il BT consuma decisamente più
          del wireless ed ha una portata
          inferiore?non so questo mouse, ma io ne ho uno wireless della Kensington ed ha una portata simile alla misura di un cavo :-)
      • ruppolo scrive:
        Re: Ma perché wireless ma non bluetooth?
        - Scritto da: Pippo Carotenuto
        Perchè non tutti i portatili hanno il
        bluetooth....
        per cui con il relativo dongle utilizzi lo stesso
        una presa
        USB.

        E soprattutto non lo hanno i desktop....Sono proprio dei cessi, questi piccì...
        • rover scrive:
          Re: Ma perché wireless ma non bluetooth?
          Lascia perdere, che per trovare un aggeggio mac con 4 porte usb tocca spendere un miliardo.E in ambito windows con i 2000 euro (se bastano) per un macbook 15" ti danno un PC con tutte le interfacce e le connessioni che la mente umana abbia concepito.Non 3 usb, 1 fw, 1 wifi , 1bt
          • steve & blow jobs scrive:
            Re: Ma perché wireless ma non bluetooth?
            e poi se vuoi collegarci un monitor esterno, sia esso vga, dvi o hdmi devi spendere altri 29 di adattatore.
        • steve & blow jobs scrive:
          Re: Ma perché wireless ma non bluetooth?
          - Scritto da: ruppolo
          Sono proprio dei cessi, questi piccì...tu ti sei mai guardato allo specchio??? ;)
    • scrotone2 la vendetta scrive:
      Re: Ma perché wireless ma non bluetooth?
      - Scritto da: mcguolo
      Come da oggetto... con il bluetooth non avrebbe
      bisogno di occupare una presa usb. Per i
      portatili sarebbe molto meglio,
      imho!Soliti luoghi comuni eh?
    • il solito bene informato scrive:
      Re: Ma perché wireless ma non bluetooth?
      - Scritto da: mcguolo
      Come da oggetto... con il bluetooth non avrebbe
      bisogno di occupare una presa usb. Per i
      portatili sarebbe molto meglio,
      imho!oppure potrebbero fare un dongle usb che abbia a sua volta una porta...come questa chiavetta (che ne ha 2)[img]http://notebookitalia.it/images/stories/traxdata_yego.jpg[/img]-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 agosto 2010 12.28-----------------------------------------------------------
  • Marco scrive:
    ...
    A me quello sembra un aspirapolvere! :D
  • apple scrive:
    Magic
    La foto sembra un lavoro fatto con Photoshop, il tutto sa di bufala.
    • scrotone2 la vendetta scrive:
      Re: Magic
      - Scritto da: apple
      La foto sembra un lavoro fatto con Photoshop, il
      tutto sa di
      bufala.Vuoi partecipare al torneo di "dico la prima cosa che mi passa in mente senza argomentare"?
      • apple scrive:
        Re: Magic
        La foto sembra costruita con Photoshop e non una foto della scatola reale, ergo la scatola non esiste altrimenti l'avrebbero fotografata realmente e non ricostruita, ti assicuro che ci vuole molto poco a costruire una foto come quella per un grafico, se la foto è una bufala anche la notizia ha buone probabilità di esserlo.Ti è chiaro ora o vuoi un disegnino?
        • bauscia scrive:
          Re: Magic
          - Scritto da: apple
          La foto sembra costruita con Photoshop e non una
          foto della scatola reale, ergo la scatola non
          esiste altrimenti l'avrebbero fotografata
          realmente e non ricostruita, ti assicuro che ci
          vuole molto poco a costruire una foto come quella
          per un grafico, se la foto è una bufala anche la
          notizia ha buone probabilità di
          esserlo.
          Ti è chiaro ora o vuoi un disegnino?disegnino... ma con photoschiop ;)
Chiudi i commenti