RIAA: meno diritti per tutti

RIAA: meno diritti per tutti

I discografici vogliono tagliare la fetta dei musicisti. E i venditori online sono d'accordo: anzi rilanciano
I discografici vogliono tagliare la fetta dei musicisti. E i venditori online sono d'accordo: anzi rilanciano

“Se c'era qualcuno che ancora credeva alla propaganda RIAA ora dovrà ricredersi”: netto il giudizio dell' esperto avvocato Ray Beckerman sull'ultima trovata della major del disco: tagliare i compensi degli artisti .

In una serie di documenti depositati da RIAA presso il Copyright Royalty Board , vale a dire l'organo che decide in materia di attribuzione dei diritti d'autore negli USA, le major chiedono infatti la riduzione della fetta spettante a musicisti e compositori dall'attuale 9 all'8 per cento sugli introiti provenienti dalle vendite. Valori che si tramutano in cifre dell'ordine dei 9 centesimi di dollaro a brano, spesso ridotti in fase di negoziazione con le major e da dividersi eventualmente tra esecutore e autore della canzone.

Come spiegato dalle major “il mondo della musica sta soffrendo una diminuzione del giro d'affari complessivo, mentre i profitti riconosciuti agli autori sono aumentati considerevolmente”. Il risultato sarebbe che “le aziende musicali hanno dovuto tagliare i costi e personale, mentre meccanismi di rimunerazione obsoleti consentivano ad altri di giovarsi di nuovi introiti”.

La distribuzione, lecita, online avrebbe cioè penalizzato le major e avvantaggiato gli artisti . Ma neppure le alternative internettiane per la vendita, iTunes in primo luogo e tutti i suoi concorrenti , sembrano essere soddisfatte: dipendesse dai distributori web, i compensi dovrebbero scendere al 4 per cento o addirittura azzerarsi. E così anche la loro organizzazione di rappresentanza, la Digital Media Association , ha presentato un documento alla corte.

In ballo c'è la cosiddetta mechanical royalty , che a detta dei discografici telematici “imporrebbe costi eccessivi ad un mercato fragile, che tuttavia al momento si mostra promettente”. I diritti riconosciuti automaticamente su nuovi meccanismi di riproduzione come la musica in streaming non dovrebbero esistere, sostengono, e dovrebbero invece essere applicati modelli simili a quelli adottati dalle radio a stelle e strisce.

Ipotesi tutte stroncate dai rappresentati degli artisti . Che invece rilanciano, e puntano a guadagnare 12,5 centesimi di dollaro dalla musica fisica, quella su CD, e 15 centesimi per i brani che circolano online. Aumenti giustificati dai “contributi significativi che musicisti e compositori garantiscono al successo dell'industria musicale”: la National Music Publishers Association lotterà strenuamente per garantire ai suoi associati “la giusta ricompensa per il loro lavoro”.

Luca Annunziata

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

05 02 2008
Link copiato negli appunti