Safari 3 per Windows accolto tra i fischi

La peggior beta nella storia di Apple. Così molti hanno definito la versione preliminare di un browser il cui debutto su Windows proprio non è andato giù a chi sperava in un software di prima grandezza

Roma – È successo assai di rado che al suo esordio pubblico un software di Apple raccogliesse così tante critiche e stroncature. Ed è successo altrettanto di rado che Apple rilasciasse, seppure in versione beta, un software così acerbo e claudicante come Safari 3 per Windows .

Se si trattasse solo del fatto che il primo baco di sicurezza è stato scoperto a meno di ventiquattr’ore dal rilascio del software, non si sarebbero levate tante voci critiche. Il problema è che dopo quello ne sono emersi molti altri : martedì l’impietoso bilancio era già di 18 bug , alcuni dei quali sfruttabili per eseguire del codice da remoto. Come si può immaginare, così tanti bug non contribuiscono certo alla stabilità del browser: per sperimentare un crash è sufficiente compiere un’azione banale come vedere o aggiungere segnalibri.

Curiosando inoltre tra voci come License e Installed Plug-ins , gli utenti hanno segnalato come si riceva il seguente messaggio di errore: “Safari is missing important resources and should be reinstalled”. Che è poi lo stesso errore che esce fuori se si digita un indirizzo inesistente, come www.apple.cis .

Ma sicurezza e affidabilità non sono gli unici aspetti di Safari 3 per Windows accusati di fare acqua. Il motore di rendering, infatti, ha fatto sobbalzare dalla sedia più di un webmaster: buona parte dei siti più complessi vengono visualizzati con evidenti errori di layout , e talvolta sembrano usciti da un doppio lavaggio con centrifuga. Sconosciuti al nuovo Safari sono anche i caratteri in grassetto e italico , ma questo problema sembra affliggere “solo” le versioni localizzate (non inglesi) di Windows.

È vero, l’attuale versione di Safari 3 è solo una beta, ma così com’è, dicono i più critici, non assolve neppure al suo compito di anteprima tecnologica. L’impressione di tanti è che Safari 3, per lo meno la versione per Windows, sia stato abbozzato in fretta e furia al solo scopo di debuttare in concomitanza con l’appena conclusasi Worldwide Developers Conference. E di mezzo, secondo molti, ci sarebbe anche iPhone .

Su Safari 3 vale anche la pena leggere le rimostranze di chi si aspettava una versione per Linux e quelle di Asa Dotzler, noto sviluppatore di Firefox, relative al benchmark utilizzato da Apple per misurare la velocità del proprio browser.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti