Samsung mette l'iPhone in Croix

Anche l'azienda coreana non intende soffrire la febbre da iPhone e sfodera la sua risposta al melafonino

Roma – Innegabilmente dotato di design e caratteristiche che faranno scuola per il loro appeal, l’ iPhone è fonte di ispirazione per molti player del mondo della telefonia mobile. All’appello non sembra voler mancare Samsung che è in procinto di lanciare un cellulare contraddistinto dalla sigla F700, modello che già a prima vista strizza evidentemente l’occhio, anzi il display, al music-phone di Apple (vedi immagine in fondo).

Il nuovo Samsung, le cui misure sono di 104x50x16,4 millimetri, è un terminale UMTS/HSDPA, con tastiera “slide-out” (scorre lateralmente al di sotto del display e permette un orientamento orizzontale dell’apparecchio) ma la particolarità che lo avvicina all’iPhone è l’interfaccia utente “Croix” fruibile da un display touchscreen con risoluzione di 440×240 pixel e che misura 2,8 pollici a 262mila colori.

La fotocamera da 5 Megapixel con autofocus, la memoria espandibile con schedine microSD, il supporto all’utilizzo di file Office, la connettività Bluetooth, il lettore multimediale e multiformato (audio MP3/AAC/AAC+ e video H.264/H.263MPEG4) lo rendono un apparecchio decisamente all’avanguardia e appetibile. In tanta dovizia tecnologica, in cui spicca il supporto 3G che manca al melafonino, c’è anche un neo: l’assenza della connettività WiFi, che invece l’iPhone può vantare.

Dario Bonacina

Il nuovo dispositivo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • AARON scrive:
    che pizza i blog ...
    che pizza i blog ...
  • Gabriele Barni scrive:
    invece dimostra coerenza
    a me sembra il contrario... insomma Lyons dimostra COERENZA: sparando cazzate e prendendo per i fondelli il management di Apple.. è riuscito a diventare uno dei più letti blog in tutto il mondo.Perfino Bill Gates in televisione ha pubblicamente dichiarato di leggerlo. Per non parlare delle più celebri testate giornalistiche dietro a scervellarsi su chi ci fosse dietro.La sua teoria quindi : PIU cavolate = PIU frequentatori sul blog, regge abbastanza..Questo però non vuole assolutamente dire che concordo con il suo primo articolo, anzi! .. sono fiero di avere un blog anche io. E è universalmente riconosciuto oggi l'immenso valore che può avere un blog benfatto. Anche dai famosi giornali come Forbes e il Time stesso che ha dichiarato in copertina uomo dell'anno YOU .. proprio riferito al web 2.0.
Chiudi i commenti