SanDisk e la microSD da 32GB

Costa praticamente quanto un netbook economico. Serve a espandere la dotazione di memoria degli smartphone. Dovrebbe essere compatibile con l'hardware in commercio

Roma – Mentre le schede di memoria SD hanno da poco raggiunto la capacità di 64 GB, le sorelline microSD tagliano il traguardo dei 32GB. La prima card con tale capacità è stata annunciata ieri da SanDisk, ed è già disponibile su alcuni negozi online.

La nuova microSD da 32GB raddoppia la capacità delle schede di precedente generazione, e fornisce lo stesso spazio di memorizzazione oggi integrato in smartphone di fascia alta come iPhone 3GS, Google Nexus One e Nokia N97.

“Visto l’enorme volume di immagini, video e musica che i consumatori creano, scaricano e portano con sé, una scheda di memoria di elevata capacità è ormai diventata un accessorio fondamentale per gli smartphone” ha dichiarato Sanjay Mehrotra, presidente e CEO di SanDisk.

A differenza delle SD da 64GB, che adottano il nuovo standard SDXC con file system exFAT, la nuova microSD di SanDisk si basa ancora sullo standard SDHC con file system FAT32, e dovrebbe dunque risultare compatibile con la quasi totalità dei dispositivi mobili oggi in circolazione.

Per stipare 32 GB in una schedina da 15x11x1 millimetri, il formato di memory card più piccolo sul mercato, SanDisk si è avvalsa di memorie NAND flash MLC con tecnologia X3 a 32 nanometri, in grado di memorizzare 3 bit per singola cella. Tali memorie, secondo SanDisk, sono in grado di fornire velocità di trasferimento dati sequenziali pari a 8,2MB/s in lettura e 7,7MB/s in scrittura.

Come si è detto, al momento la microSDHC da 32GB di SanDisk può essere acquistata soltanto su alcuni negozi online americani ed europei, mentre la distribuzione di massa è prevista per il prossimo mese. Il prezzo suggerito dal produttore è di 200 dollari in USA e 154 euro in Europa, ma il sito UK MobileFun vende il prodotto a circa 100 sterline, compresa VAT al 17,5 per cento: un prezzo (promozionale?) che in Italia si tradurrebbe in circa 115 euro IVA compresa.

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • harvey scrive:
    Non capisco
    Perche' degli europei finanziano degli europei in dollari ....Onestamente non capisco, non e' che e' stata presa una notizia da una testata americana, e quindi si e' convertito 2 volte?
    • albertobs88 scrive:
      Re: Non capisco
      - Scritto da: harvey
      Perche' degli europei finanziano degli europei in
      dollari ....Skype non è forse americana? Il finanziamento lo faranno in dollari...
  • Stefano Bernardi scrive:
    ...
    Per precisare, atomico ventures fa investimenti da anni e questo è il secondo fondo, quindi nulla di nuovo sulla scena europea.
Chiudi i commenti