Bitcoin: Satoshi Nakamoto potrebbe essere una donna

Bitcoin: Satoshi Nakamoto potrebbe essere una donna

L'ipotesi è stata lanciata al World Economic Forum 2022 in corso a Davos: e se Satoshi Nakamoto, il creatore di Bitcoin, fosse una donna?
L'ipotesi è stata lanciata al World Economic Forum 2022 in corso a Davos: e se Satoshi Nakamoto, il creatore di Bitcoin, fosse una donna?

Come abbiamo già avuto modo di rimarcare a inizio settimana, le criptovalute e le questioni inerenti alla finanza decentralizzata hanno letteralmente invaso l’edizione 2022 del World Economic Forum in corso a Davos. Se ne è discusso anche nella quarta giornata dell’evento, quella odierna, toccando il tema riguardante la presenza e la rappresentanza femminile nel panorama Web3. Durante uno dei panel è stata sollevata l’ipotesi: e se Satoshi Nakamoto fosse una donna?

Per iniziare a investire in criptovalute puoi scegliere un exchange affidabile come Binance, la piattaforma numero uno al mondo per volume di transazioni gestite: 76 miliardi di dollari ogni giorno.

Bitcoin è stato creato da una donna? Chi è Satoshi Nakamoto

A suggerirlo è Nicola Mendelsohn, VP di Meta. Lo ha fatto in primis con l’obiettivo di concentrare l’attenzione su un cosiddetto bias, un pregiudizio che ha sempre portato a immaginare il creatore di Bitcoin come uomo. Questo, nonostante la sua reale identità non sia mai stata svelata.

Voglio dire, tutti diamo per scontato sia un uomo, giusto? È colpa di un nostro pregiudizio? È solo un nome. Potrebbe essere riferito a una donna.

Nel corso degli anni, molti volti noti sono stati associati allo pseudonimo Satoshi Nakamoto. Uno di questi, fatto trapelare di recente da un ex stagista di SpaceX, chiama in causa direttamente Elon Musk. Il numero uno di Tesla, nonché uomo più ricco al mondo, ha prontamente smentito. In passato sono stati citati Michael Clear, Vili Lehdonvirta, Nick Szabo, Martii Malmi, Jed McCaleb, Donal O’Mahony, Michael Peirce, Craig Steven Wright e Adam Back.

Tornando al panel, Sandra Rao, CEO del Global Blockchain Business Council, ha sottolineato come le donne sia oggi fortemente rappresentate in alcuni ambiti legati alle blockchain, ad esempio nel mondo NFT, ma non altrettanto nel trading delle criptovaute.

Nonostante il settore dei Non-Fungible Token abbia visto una significativa percentuale di donne partecipanti, il trading delle criptovalute mi preoccupa a causa della mancanza di rappresentanza femminile.

 

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Fonte: Cointelegraph
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 25 mag 2022
Link copiato negli appunti