Scatta l'ora dei vigilantes

49 stati federali USA firmano con MySpace: il portalone del social networking terrà fuori dalla sua rete gli under14 e controllerà a vista tutti gli altri

Roma – MySpace assolderà del personale per vigilare sui profili degli utenti e rimuovere immagini che possano urtare la sensibilità dei minori. Risponderà più prontamente a coloro che inoltrano delle segnalazioni, coopererà con le forze dell’ordine e si inventerà un sistema per la verifica dell’età che non possa essere scavalcato con dichiarazioni mendaci.

Sono promesse che MySpace ha ribadito nell’ambito di una conferenza stampa che ha raccolto i procuratori generali di 49 stati americani nel Multi-State Working Group on Social Networking , coalizzati per arrivare là dove la legge non arriva , per rendere la rete un posto più sicuro per i minori.

“Internet può rivelarsi un luogo pericoloso per i bambini e per i giovani adulti con i sexual predator che solcano le reti sociali alla ricerca di potenziali vittime, con i cyberbulli che inviano messaggi anonimi e minacciosi”: così ha descritto la rete il procuratore generale del New Jersey. Ma questo scenario a tinte fosche potrebbe essere scongiurato dall’intervento delle net company, disposte a collaborare fra loro e con le forze dell’ordine.

Per ora c’è solo MySpace, che spera di trainare il resto del mercato e di coinvolgere gli altri player del settore nella Internet Safety Technical Task Force , una squadra speciale che ingaggerà una battaglia a tutto campo contro le “minacce web”.

MySpace continuerà a rimuovere tutti i profili dei condannati per reati di natura sessuale e la piattaforma verrà epurata da tutte le immagini troppo scabrose; si renderanno privati e non contattabili i profili degli utenti più giovani e ci si inventerà tecnologie per verificare l’età, per poter sbarrare l’accesso ai netizen minori di 14 anni. “Siamo riusciti a portare l’uomo sulla luna, possiamo mettere a punto un sistema per verificare età e identità”, ha annunciato Richard Blumenthal, procuratore del Connecticut.

Ma non è tutto: oltre a ripercorrere i passi compiuti da Facebook rendendo più saldo il filo diretto con le forze dell’ordine, si agirà anche sul fronte della responsabilizzazione di coloro che dovrebbero vigilare sui minori. I genitori verranno informati dei rischi e delle possibilità di controllare i piccoli, e verranno dotati di strumenti per farlo in maniera efficace.

Quelli che Hemanshu Nigam, a capo della sicurezza del portalone, ha definito “un passo avanti che verrà preso come punto di riferimento” non sono annunci intrisi di novità o soluzioni in grado di riconfigurare i servizi di social networking e di allontanare tutte le minacce che pendono sui netizen più indifesi. Appaiono piuttosto il segnale di un’ assunzione di responsabilità da parte di chi gestisce questi servizi: se le leggi non impediscono che in rete si consumino degli abusi, saranno coloro che operano in rete a tentare di prevenirli.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Banana joe scrive:
    Piccolo particolare
    Il costo di adottare ooxml e' funzionale alla presenza o meno di concorrenti.In altre parole se la massa adotta ooxml per risparmiare, i costi salgono, inoltre se dal punto di vista tecnico e' possibile ancorche' duro, dal punto di vista commerciale nessuno e' in grado di estendere ooxml se non microsoft.Volete dare al serial killer l'ennesimo coltello dalla parte del manico? BohE poi sto ancora aspettando che i provider di spazio web migrino in massa a windows server, che secondo gli studi sul TCO sarebbe piu' economico. Per gente che amministra 300000 domini anche un lieve vantaggio, TUTTO CONSIDERATO, di windows spingerebbe alla migrazione. Sara' il 2008 l'anno di windows sul server? :)
    • anonimo scrive:
      Re: Piccolo particolare

      spingerebbe alla migrazione. Sara' il 2008 l'anno
      di windows sul server?No, sarà l'anno di linux! Perché è sempre l'anno di linux.E della patata.http://www.potato2008.org/
  • anonimo scrive:
    Hello PI World
    [code] Hello PI World Hello PI World [/code]
  • Categorico scrive:
    Sento puzza di simil-AdTI
    Gugolate un po' AdTI, linux, minix per rinfrescarvi la memoria...Tra l'altro è intervenuto Tanenbaum in persona, da loro tirato in ballo a sproposito, a difendere Torvalds (chi l'avrebbe mai immaginato) e dire che dicevano delle fregnacce.Ah, AdTI, sedicente indipendente, è anche autrice di "rigorosi" studi che dimostrano che il fumo passivo NON fa male, che ignoranti che siamo stati ad averlo creduto! :p Piccola confutazione espressa a una delle argomentazioni di Burton, i costi di adozione di ODF e OOo.I casi sono due, o l'azienda sta già usando una vecchia versione di Office, e allora migrare ad una nuova comporterebbe dei costi non si sa se inferiori alla migrazione ad OOo, mentre restare con la vecchia versione di Office finché supportata sarebbe la soluzione più economica e l'utilizzo dei vecchi formati Office permetterebbe comunque una discreta possibilità di intercomunicazione con eventuali partner che utilizzino OOo, che apre una caterva di formati: quindi in questo caso adottare OOXML e una nuova versione di Office NON è la soluzione più economica.Il secondo caso, l'azienda non sta utilizzando Office, o perché utilizza OOo o altro, o perché sta costruendo ex-novo la propria struttura informatica: in tal caso l'adozione di OOo (o StarOffice o altro) ed ODF, ammesso e non concesso che sia addirittura più economica, non comporta assolutamente sovrapprezzi rispetto ad adottare Office, e in più evita il lock-in.Inoltre se utilizzare OOo in grosse strutture comporta anche costi di assistenza e manutenzione, è ovvio che la cosa vale anche per Office, ma in questo caso si aggiungono anche i costi di licenza.
  • andy61 scrive:
    inutilità di un nuovo formato (OOXML)
    rinnovo un mio post (http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2148379&m=2149104#p2149104), in cui evidenzio che XML ha per sua natura lo scopo di estendere formati esistenti; se M$ vuole dare di più ai suoi utenti/clienti può farlo: aggiunge al formato XML di ODF i tag per le funzionalità non previste in ODF, e fornisce le suite di Office che sono in grado di gestirli.Questo significa che:1) tutte le suite che supportano ODF saranno ancora in grado di leggere il documento2) M$ può vendere il suo valore aggiunto3) tutte le buone che M$ (e non solo lei) dovesse tirare fuori potrebbero essere proposte per l'estensione dello standard.Aggiungo che non riesco a capire come un ente di standardizzazione come l'ISO abbia potuto anche solo ammettere la richiesta di standardizzazione della M$: è come se volessimo standardizzare un sistema ferroviario con la polarità della corrente invertita: qualcuno potrebbe produrre treni conformi al nuovo standard, ma poi ci ritroveremmo con rami di ferrovia con una polarità ed altri con la polarità inversa.Risultato? Tutti dovrebbero modificare i treni esistenti per consentire l'inversione della polarità nei motori.Sarebbe invece sufficiente che la M$ dei treni, se lo ritenesse più efficiente, incrociasse internamente i fili di alimentazione, senza creare un danno alla comunità (perché di un danno agli utenti stiamo parlando).(Perdonate l'insulsità dell'esempio, ma di questo si sta parlando)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 gennaio 2008 12.38-----------------------------------------------------------
    • nevernow scrive:
      Re: inutilità di un nuovo formato (OOXML)
      Paragone sbagliato. Se MS avesse concepito OOXML come estensione di ODF, il risultato sarebbe il seguente: un documento creato in ODF sarebbe aperto correttamente da MS Office, ma editandolo e "arricchendolo" tramite questo programma (utilizzando funzionalità peculiari di OOXML) lo si renderebbe incompatibile con il software ODF-only. Problema noto e certamente non trascurabile.
      • andy61 scrive:
        Re: inutilità di un nuovo formato (OOXML)
        Negativo.Il bello di XML che che l'importante è che un programma trovi i tag a lui noti; puoi però aggiungerne quanti ne vuoi, senza disturbarlo in alcun modo.Ovviamente tutti i tag aggiunti non saranno trattabili da un programma che non li conosce.La X in XML sta proprio per extensible .L' importante è che poi in ODF non si inventino tag diversi per aggiungere le medesime funzionalità di OOXML, altrimenti si va a divergere come hanno fatto ai tempi Netscape ed IE.
  • alex scrive:
    check this out
    Una ricerca appena pubblicata dice piu' o menoil contrario, e nessuna azienda del settore e' direttamente coinvolta, sono semplicemente consigli forniti alle scuoleinglesi perche' non buttino via soldi, e non solo.http://publications.becta.org.uk/display.cfm?cfid=2008659&cftoken=efc3aa3ee3226d74-747A71F1-96EF-6A38-1C43D01CE567EBB0&resID=35275
    • vabhe scrive:
      Re: check this out
      rilancio con questo link sulle domande "irrispondibili"http://www.fanaticattack.com/2008/ooxml-questions-microsoft-cannot-answer-in-geneva.html
  • paoloholzl scrive:
    Per me andrà così
    Alla lunga Open Document prevarrà.Il problema non è la sfida con OOXML che interessa solo Microsoft, ma con i precedenti Doc Xls che sono diffusi capillarmente.Ma dato che da sempre M$ si è mossa con dei 'se non puoi combatterli alleati' faranno di tutto per renderne scomodo l'utilizzo fino a quando cominceranno a perdere le prime commesse grosse.Dopo cambieranno strada, fingeranno il massimo supporto, che ne so un appoggio totale, ma solo nell'ultima versione di Office (ovviamente perdendo qualche funzionalità).
  • iced scrive:
    Fuffaware for everybody!
    Certo che l'attendibilità di questa notizia fa paura. Si riporta una notizia di un altro sito, che cita uno studio di uno studio indipendente (?). Ma l'avete letto questo studio??Io ho provato a scaricarlo, ma per farlo, mi chiedono tutti i dati personali, manca solo il numero di scarpe, e a me non va proprio di darglieli.La notizia è insufficiente e fatta male. Così come è costruita è parziale e serve solo ad alimentare FUD e troll.Punto Informatico dovrebbe dare più rigore alle notizie, non solo riportare quello che dicono gli altri! Così è solo fuffaware!
  • Cassio scrive:
    Costano di meno i formati attuali!
    Perché i .DOC, .XLS e .PPT devono andare in pensione? Openoffice li supporta bene, seppur con qualche piccola sbavatura. Sono degli standard ben collaudati, ora ci devono propinare lo schifezzXML. Mai provato a rinominare un file .docx in .zip? Come per magia appariranno i file .xml interni. Complimentoni, formato rivoluzionario... talmente rivoluzionario che si apre con winzip!
    • Alessandrox scrive:
      Re: Costano di meno i formati attuali!
      - Scritto da: Cassio
      Perché i .DOC, .XLS e .PPT devono andare in
      pensione? Openoffice li supporta bene, seppur con
      qualche piccola sbavatura.
      Sono degli standard ben collaudati, ora ci devono
      propinare lo schifezzXML. Mai provato a
      rinominare un file .docx in .zip? Come per magia
      appariranno i file .xml interni.
      Complimentoni, formato rivoluzionario... talmente
      rivoluzionario che si apre con
      winzip!Come gli ODT del resto...ti pare strano che i formati siano compressi?
    • sherpya scrive:
      Re: Costano di meno i formati attuali!
      ma su che pianeta vivi?
    • Come No! scrive:
      Re: Costano di meno i formati attuali!
      - Scritto da: Cassio
      Perché i .DOC, .XLS e .PPT devono andare in
      pensione? Openoffice li supporta bene, seppur con
      qualche piccola sbavatura.
      Sono degli standard ben collaudati, ora ci devono
      propinare lo schifezzXML. Mai provato a
      rinominare un file .docx in .zip? Come per magia
      appariranno i file .xml interni.


      Complimentoni, formato rivoluzionario... talmente
      rivoluzionario che si apre con
      winzip!ma che discorsi fai? DOC, XLS e PPT non sono standards ma formati binari chiusi. la MS non ha mai pubblicato nessuna specifica sulla struttura di tali formati e quindi i programmi di terze parti li hanno potuti supportare solo grazie ad utenti che hanno fatto il reverse-engineering.per quello è importante avere formati aperti e ben documentati che permettano a qualsiasi programmatore di utilizzarli senza dover brancolare nel buio.
    • Funz scrive:
      Re: Costano di meno i formati attuali!
      - Scritto da: Cassio
      Perché i .DOC, .XLS e .PPT devono andare in
      pensione? Openoffice li supporta bene, seppur con
      qualche piccola sbavatura.Non sempre, e comunque si rimarrebbe sempre incatenati a Microsoft
      Sono degli standard ben collaudati, ora ci devono
      propinare lo schifezzXML. Mai provato a
      rinominare un file .docx in .zip? Come per magia
      appariranno i file .xml interni.Bravo, hai scoperto il grande segreto di OOXML (e pure di ODF). Di fatto sono degli archivi compressi, con all'interno il testo, le immagini e tutti gli oggetti contenuti nel documento.E' meglio così che, ad esempio, convertire tutte le immagini in win-bitmap prima di inserirle nel file word, facendo esplodere le dimensioni del file stesso...
      Complimentoni, formato rivoluzionario... talmente
      rivoluzionario che si apre con
      winzip!Spiegami dove sarebbe il male :)
    • BlueSky scrive:
      Re: Costano di meno i formati attuali!

      Sono degli standard ben collaudati, ora ci devono
      propinare lo schifezzXML. Mai provato a
      rinominare un file .docx in .zip? Come per magia
      appariranno i file .xml interni.Innanzitutto NON sono standard.Poi probabilmente gestire una struttura xml è più semplice che non gestire un formato binario.
      • Fabio scrive:
        Re: Costano di meno i formati attuali!
        Non sono un sostenitore di M$ anzi, il contrario.Però grazie al formato OOXML finalmente riusciamo a produrre applicazioni compatibili con Office.In termini commerciali questa è una gran cosa, ogni tanto anche M$ fa qualcosa di buono.
        • BlueSky scrive:
          Re: Costano di meno i formati attuali!
          - Scritto da: Fabio
          Non sono un sostenitore di M$ anzi, il contrario.
          Però grazie al formato OOXML finalmente riusciamo
          a produrre applicazioni compatibili con
          Office.
          In termini commerciali questa è una gran cosa,
          ogni tanto anche M$ fa qualcosa di
          buono.Si, anche MS fa qualcosa di buono (se obbligata). Peccato che la infarcista di cose tutt'altro che buone con le quali un giorno possa complicare la vita alla gente. Vedi le argomentazioni del plio.
  • ... scrive:
    Siamo alle solite...

    Nel calcolo, secondo lo studio, dovrebbero entrare anche i costi di
    introduzione in azienda....Ma perchè quando si fanno i calcoli di costi si considera sempre i costi di introduzione ? E' ovvio che così facendo nel breve termine conviene tenersi quello che già si possiede, ma i confronti vanno fatti partendo da zero, e anche facendo dei semplici calcoli economici è necessario ragionare nel medio-lungo termine.
    ... e soprattutto quelli di gestione: gli acquirenti finirebbero
    comunque per sottoscrivere un contratto di manutenzione con SUN
    per StarOffice, con IBM per Symphony o con Novell per OpenOffice.
    Ma, sempre secondo Burton Group, in questo campo Microsoft non
    teme confronti: la sua economia di scala è tale da consentirle di
    battere qualsiasi concorrente.Ammesso che sia vero, ammesso che si possa fare una grossa economia di scala con contratti di manutenzione, ammesso che l'economia realizzata sia sufficiente per annullare il costo delle licenze, ma qualcuno mi spiega chi apre un contratto di manutenzione per una suite Office ?!?!?!?
    • andrea scrive:
      Re: Siamo alle solite...
      Mi spiace, non posso esserti d´aiuto.Non ne vengo a capo neanche io, questa affermazione non mi farà dormire sta notte.
    • bitor scrive:
      Re: Siamo alle solite...

      ma qualcuno mi spiega chi apre un
      contratto di manutenzione per una suite Office
      ?!?!?!?Secondo te colossi come Novell, Sun e IBM perché puntano tanto su uno standard di office-automation se poi lo distribuiscono gratis? Sono fessi?Lo aprono in tanti e tra le medie-grandi imprese direi pure tutti (ad eccezione forse di ditte con un reparto IT particolarmente flessibile e skillato).
      • BlueSky scrive:
        Re: Siamo alle solite...

        Secondo te colossi come Novell, Sun e IBM perché
        puntano tanto su uno standard di
        office-automation se poi lo distribuiscono
        gratis? Sono
        fessi?No... sono cose diverse. Non confondere il formato con il programma che li crea. Trovare uno standard aperto è utile perché favorisce la concorrenza e rende indipendenti i clienti da un fornitore o da un programma. Questo vuol dire permettere alle suite di Sun ed IBM di competere con MS senza il grattacapo dell'incompatibilità con i documenti già esistenti, di fatto il principale freno per la gran parte delle aziende a migrare verso soluzioni alternative. E queste ultime non è affatto detto che siano (o rimangano) gratis.
  • Franz87 scrive:
    "INDIPENDENTI"
    magari mi sbaglio, ma questa ricerca di "azienda indipendente" la vedo molto come una ricerca da M$ golden partner...Ho visto ricerche "indipendenti" su una pubblicità "Get The Facts" con su scritte cose che non stanno nè in cielo nè in terra, ho visto "aziende qualunque" entrare nelle votazioni sull'assunzione di OOXML come formato standard (per la norvegia se non erro) epagate dalla M$ per dire soltanto "sì"...E soprattutto come diceva il mio prof di Economia e Organizzazione aziendale: quando bisogna ottenere un certo risultato numerico si iniziano a inserire tutti i costi pensabili e immaginabili, da spese di formazione allucinanti ad aumento dei costi di mantenimento completamente arbitrari;Se M$ implementa decentemente ODF avremmo:-un formato davvero aperto-zero costi di conversione per chi non vuol cambiare-zero costi x tutti quelli che vogliono cambiare e passare al gratis...Ma tanto di questo si parla di continuo non c'è più nemmeno bisogno di ricominciare la solita solfa...
    • TADsince1995 scrive:
      Re: "INDIPENDENTI"

      Se M$ implementa decentemente ODF avremmo:
      -un formato davvero aperto
      -zero costi di conversione per chi non vuol
      cambiare
      -zero costi x tutti quelli che vogliono cambiare
      e passare al
      gratis...E chi glielo fa fare? Perché mai dovrebbe agevolare il passaggio al gratis? Magari farà un debole tentativo, poi dirà roba tipo "E' impossibile implementare pienamente ODF su Office a causa di insormontabili differenze architetturali" un po' come ha detto per le DirectX10 su Windows XP...Ricorda che lo scopo di Microsoft è sempre stato quello di costringerti in qualche modo a pagare licenze...TAD
      • Franz87 scrive:
        Re: "INDIPENDENTI"
        - Scritto da: TADsince1995
        Ricorda che lo scopo di Microsoft è sempre stato
        quello di costringerti in qualche modo a pagare
        licenze...

        TADAPPUNTO!!!! Hanno torto marcio e invece c'è anche chi ha il coraggio di difendere la M$....Fate solo schifo!!! Reggete la candela al monopolista più affermato del mondo...
        • bitor scrive:
          Re: "INDIPENDENTI"
          l'articolo di cui si parla dice chiaramente che il formato migliore è OOXML. Sia a livello qualitativo che (al contrario di quel che si crede) di costo.
          • blurb scrive:
            Re: "INDIPENDENTI"
            - Scritto da: bitor
            l'articolo di cui si parla dice chiaramente che
            il formato migliore è OOXML. Sia a livello
            qualitativo che (al contrario di quel che si
            crede) di
            costo.e quindi se quei quattro buffoni scrivono così tu ci devi credere?
        • bitor scrive:
          Re: "INDIPENDENTI"
          - Scritto da: Franz87
          - Scritto da: TADsince1995

          Ricorda che lo scopo di Microsoft è sempre stato

          quello di costringerti in qualche modo a pagare

          licenze...si parla chiaramente di aziende.qual'è il vostro problema con un'azienda che paga una licenza per ricevere in cambio sw e assistenza? l'ideologia non c'entra un emerito.Tra l'altro la concorrenza (Novell, IBM o Sun) non mi risulta siano enti benefici ma SOCIETA' QUOTATE IN BORSA. Il cui scopo finale è sempre e solo fare utili tanto quanto MS.Ah già MS è guidata da Darth Vader. Dimentico sempre.
    • Caleb scrive:
      Re: "INDIPENDENTI"
      Nooo, ma guarda che questo è uno studio indipendente di un'agenzia indipendente finanziata in modo indipendente da una società chiaramente indipendente come Microsoft. Cooooome si può dubitare della buona fede di cotal disinteressato intervento per il bene dell'umanita?
      ;
      :-P
  • Nello Gala scrive:
    ma x mod. i testi delle discussioni...
    delle mie, chiariamo, devo usare il BASIC???Possibile che non si possano correggere gli errori di grammatica una volta premuto "Invia"??? E' mezzanotte e mezzo, ho sonno e ovviamente sbaglio a scrivere, dopo una faticosa giornata...ho capito, ingegno italiano!prima di inserire il commento devo rileggermelo, così evito figure di m...da!Tutto perché non si è web 2.0.....
    • noi non ti perdoniamo scrive:
      Re: ma x mod. i testi delle discussioni...
      Mai provato a cliccare su Anteprima?
      • Nello Gala scrive:
        Re: ma x mod. i testi delle discussioni...
        - Scritto da: noi non ti perdoniamo
        Mai provato a cliccare su Anteprima?Come direbbe Nielsen, quello che studia le "interfacce" dei siti Web, criticandole, "Anteprima" scompare se viene messo accanto a "Testo"...Logica vorrebbe che fosse messo accanto a "Invia", così uno lo trova subito...Sottigliezze futili, che però servono...Pensa che se non mi dicevi che c'era il tasto "Anteprima" mica lo sapevo che avevano lo avevano messo....Siamo umani e quando leggiamo e scriviamo siamo abituati, noi occidentali, ad andare da sin a des e da su a giù...i comandi per i messaggi meglio averli giù, no?
    • ElfQrin scrive:
      Re: ma x mod. i testi delle discussioni...
      ?SYNTAX ERRORREADY.
    • Funz scrive:
      Re: ma x mod. i testi delle discussioni...
      La netiquette, questa sconosciuta, impone di rileggere sempre prima di inviare, così da non costringere il lettore a fare sforzi degni di Champollion.Poi si può eccome modificare il testo, basta essere registrati e fare login prima di inviare.
      • dierre scrive:
        Re: ma x mod. i testi delle discussioni...
        - Scritto da: Funz
        Poi si può eccome modificare il testo, basta
        essere registrati e fare login prima di
        inviare.Vero ma un pò fastidioso, ogni volta che si vuole quotare una discussione come in questo caso, si deve cliccare quota, andare su login scrivere il numero (perche FF mi tiene in memoria la mia login e password ma non il numero) tornare alla discussione, ritrovare il post che si voleva quotare e di nuovo aprirlo e riquotarlo.Come forse sai un informatico è una persona fondamentalmente pigra e questo giro è particolamente lungo, quindi come puoi immaginare è meglio scrivere direttamente un nome a caso
        • Funz scrive:
          Re: ma x mod. i testi delle discussioni...
          Hai perfettamente ragione, io spesso mi firmo senza loggarmi, specie per 1 o 2 messaggi, rinunciando alla mail che avverte delle risposte.Basterebbe che dopo il login ti rimandasse al messaggio cui stavi rispondendo.
    • MeMedesimo scrive:
      Re: ma x mod. i testi delle discussioni...
      - Scritto da: Nello Gala
      delle mie, chiariamo, devo usare il BASIC???
      Possibile che non si possano correggere gli
      errori di grammatica una volta premuto "Invia"???


      E' mezzanotte e mezzo, ho sonno e ovviamente
      sbaglio a scrivere, dopo una faticosa
      giornata...ho capito, ingegno
      italiano!
      prima di inserire il commento devo rileggermelo,
      così evito figure di
      m...da!
      Tutto perché non si è web 2.0.....chi se ne frega capiamo lo stesso :)in questi casi e' SEMPRE colpa della tastiera wireless che salta le lettere anche se non la stai usando :)
  • claudio scrive:
    un solo formato!
    Abbiamo un formato, ODF, che nel bene e nel male e' l'unico che abbiamo.E' assurdo proporne altri, genererebbe solo caos.tutti gli altri pseudoformati, penso a MS, boeing,lotus o altri sono sostanzialmente da convertire in questo.Quando vado a comprare la benzina e' unica sia che possiedo la panda che il ferrarino. E' assurdo che se ho eCCel 2000 non posso aprire i files prodotti da eccel 2007. (provare per credere). Se poi possiedo uno smartphone con WM devo scordarmi di aprire quei files.... Essi' che ho speso molte migliaia di euro con la stessa ditta...Chi pensa che MS non possa far vedere la propria miglioria, se esiste, con questa piccola limitazione pensera' altresi' che una corvette e' limitata dall'uso della stessa benza del ciao....
    • Come No! scrive:
      Re: un solo formato!

      E' assurdo che se ho eCCel 2000 non posso aprire
      i files prodotti da eccel 2007. (provare per
      credere). Se poi possiedo uno smartphone con WM
      devo scordarmi di aprire quei files.... Essi' che
      ho speso molte migliaia di euro con la stessa
      ditta...http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyId=941b3470-3ae9-4aee-8f43-c6bb74cd1466&displaylang=eninstalla questo aggiornamento e potrai aprire i files di office 2007 su office 2000.ma a quanto pare è più facile trollare che cercare... non è vero?
      • claudio scrive:
        Re: un solo formato!
        - Scritto da: Come No!
        ma a quanto pare è più facile trollare che
        cercare... non è
        vero?quando ho tentato l'operazione non ho trovato soluzione. Fore esisteva, forse no.Comunque un utente non sempre puo' installare questa roba e anche avesse i privilegi necessari non e' detto che abbia le conoscenze per.Rimane vero cio' che dissie le conclusioni....Non e' trollare
    • MeMedesimo scrive:
      Re: un solo formato!
      - Scritto da: claudio
      Abbiamo un formato, ODF, che nel bene e nel male
      e' l'unico che
      abbiamo.

      E' assurdo proporne altri, genererebbe solo caos.informaticamente parlando potresti aver anche ragione anche se un po di scelta non fa mai maleCOMMERCIALMENTE parlando non va bene ora dato che ste robe è tutta una questione di politica soldi cazzi controcazzi tra un po scappa fuori pure andreotti....
  • Nello Gala scrive:
    Ma stralol!
    Ooxml costerà meno di odf???Ma senza office come lo uso?Con word pad, certo...Demenza totale!Open office è SUN!!!!non novel...Echediamine!E poi a che mi serve l0assistenza per una suite office ?A spiegarmi come usare OOXML, ovvio!Chiunque sa usare office e simili e se deve usarlo in maniera professionale fa un corso...che costa!!!!!!!!!Ma andiamo, su...Non cercate di corpire una ca..ta di Ms facendola passare per econimica...Soprattutto se la si fa "girare" su Vista...Li non basta 1 gb di ram per il S.O. , figuriamoci per far funxionare OOxml con Office 2007....
  • Redmond 2008 scrive:
    Logico!
    E' ovvio che ODF costa di più. Poiché necessita di Java per funzionare, provoca uno spreco di risorse computazionali che poi si ripercuotono sulla bolletta ENEL.(win)(apple)
    • franco scrive:
      Re: Logico!
      Qualcuno può chiudere i post da troll di questo ignorante?
      • Alessandrox scrive:
        Re: Logico!
        - Scritto da: franco
        Qualcuno può chiudere i post da troll di questo
        ignorante?non si puo' chiudere....purtroppo ha diritto di trollaggio-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 gennaio 2008 03.13-----------------------------------------------------------
    • Giambo scrive:
      Re: Logico!
      - Scritto da: Redmond 2008
      Poiché necessita di Java per funzionare,LOL (rotfl)
    • TheB scrive:
      Re: Logico!
      Hm...Da quando un *formato di un file* ha bisogno di un interprete per "funzionare" ? :P
    • Banana joe scrive:
      Re: Logico!
      Notizia del giorno: supporter di vista dice che java e' pesante.Altre notizie: supporter del pro patria dice che ronaldo e' un brocco.
Chiudi i commenti