Star Trek: le ceneri di Scotty contrabbandate sulla ISS

Le ceneri di Scotty (Star Trek) portate sulla ISS

Richard Garriott, padre della serie Ultima, ha portato di nascosto le ceneri di Scotty (James Doohan) sulla Stazione Spaziale Internazionale.
Richard Garriott, padre della serie Ultima, ha portato di nascosto le ceneri di Scotty (James Doohan) sulla Stazione Spaziale Internazionale.
Guarda 13 foto Guarda 13 foto

Alla fine le ultime volontà di James Doohan, meglio noto come Scotty (Montgomery Scott) di Star Trek, sono state esaudite: scomparso nel 2005 all'età di 85 anni, le sue ceneri sono state portate sulla Stazione Spaziale Internazionale con una missione segreta degna di uno degli episodi della serie.

Star Trek: Richard Garriott ha portato Scotty sulla Stazione

A occuparsene in gran segreto è stato nel 2008 l'autore di videogiochi e astronauta Richard Garriott, per molti più semplicemente Lord British nonché padre della serie Ultima. Alla vigilia del suo viaggio verso la ISS è stato contattato dal figlio di Doohan che gli ha chiesto di nascondere parte delle ceneri all'interno del proprio bagaglio. Questa la sua testimonianza in un'intervista appena pubblicata sulle pagine del The Times.

È stato del tutto clandestino. La sua famiglia è stata molto felice che le ceneri siano state portate lassù, ma delusa dal fatto di non poterne parlare pubblicamente tanto a lungo. Ora è trascorso abbastanza tempo e possiamo farlo.

Un'altra parte delle ceneri di Scotty si trovava a bordo del razzo SpaceX Falcon 1 lanciato nel 2008, ma oggetto di un incidente pochi minuti dopo il lancio. Nel 2012 il gruppo di Elon Musk ci ha riprovato con il Falcon 9.

Classe 1920, Doohan è nato a Ontario, in Canada. Ha partecipato allo sbarco in Normandia dove è stato ferito perdendo un dito della mano destra. Nel 1984 ha collaborato con Marc Okrand alla creazione della lingua klingon. Forse non tutti ne sono a conoscenza, ma è anche comparso in alcuni episodi della serie Beautiful interpretando il personaggio Damon Warwick.

Fonte: The Times
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti