Se i gamer sono al servizio di Sony

L'azienda si appropria di tutti i contenuti prodotti dagli utenti statunitensi che operano sulla piattaforma PlayStation Network. Nelle condizioni di utilizzo del servizio, la promessa di un monitoraggio estensivo
L'azienda si appropria di tutti i contenuti prodotti dagli utenti statunitensi che operano sulla piattaforma PlayStation Network. Nelle condizioni di utilizzo del servizio, la promessa di un monitoraggio estensivo

Dovranno prestare attenzione a non prodigarsi in confidenze troppo riservate e a non dare sfogo ai propri impeti di creatività: i gamer che si affrontano a mezzo PlayStation Network vivranno sotto il costante monitoraggio dell’azienda, Sony potrà appropriarsi del materiale che produrranno e potrà utilizzarlo anche contro di loro.

In questo consiste uno dei cavilli che vanno a rimpinguare il chilometrico contratto che esplicita le condizioni di utilizzo del PlayStation Network, la rete videoludica che si intesse fra i possessori di PS3 e di PSP che non temono di confrontarsi con avversari reali. Il testo appare cambiato per i soli utenti statunitensi: oltre a sollevare Sony da qualsiasi responsabilità per i danni arrecati agli utenti a mezzo update automatici, oltre a scaricare esplicitamente sui genitori l’onere di vigilare sulle attività dei minori, l’azienda obbliga gli utenti ad acconsentire al rastrellamento di informazioni e di contenuti prodotti e a garantire all’azienda la possibilità di rimuoverli o di usarli per qualsiasi scopo.

“Sony Computer Entertainment America – così recita il testo del contratto da leggere prima dell’adesione – si riserva il diritto di monitorare e di registrare ogni attività online e ogni comunicazione attraverso PSN e tu dai il tuo esplicito consenso al monitoraggio e alla registrazione delle tue attività”. L’utente che accetti le condizioni di utilizzo del servizio accetta altresì di sottostare all’eventuale rimozione dei propri contenuti decretata da Sony “a sua insindacabile discrezione” e senza l’obbligo di alcuna comunicazione nei confronti dell’utente.

Che fine faranno i dati raccolti? “Ogni dato registrato in questo modo, incluso il contenuto delle tue comunicazioni, i riferimenti temporali e spaziali relativi alle tue attività, il tuo ID online e il tuo indirizzo IP e altre informazioni correlate possono essere usate da noi per mettere in atto questo Agreement e proteggere gli interessi di Sony Computer Entertainment America, i suoi utenti o coloro che concedono le loro licenze”. Sono informazioni che potranno essere rivelate alle “autorità deputate”. Gli utenti dovranno quindi guardarsi dallo sbandierare strategie per accedere a PSN utilizzando giochi reperiti attraverso canali non tradizionali, dovranno guardarsi dall’esplodere in affermazioni che potrebbero metterli nei guai con la legge: Sony vigila su tutte le comunicazioni che si intessono fra gli utenti e si riserva il diritto di impugnarle contro di loro. Sony non fa esplicito accenno al monitoraggio dei comportamenti in-game : Nintendo ha in passato pensato di metterli a frutto per migliorare l’esperienza di gioco tagliandola su misura delle abitudini dei gamer.

Ma non è tutto: i contenuti generati dagli utenti, le manifestazioni della loro fantasia che venissero incanalate nella produzione di qualsiasi tipo di materiale, in particolare quello attinente ai giochi come livelli personalizzati e personaggi tagliati su misura, sono di proprietà di Sony , che potrà decidere di usarli come meglio crede. “Nei limiti della legge – spiega la divisione statunitense del colosso della videoludica – tu autorizzi e garantisci a Sony il diritto perpetuo e privo di royalty di usare, distribuire, copiare, modificare, mostrare e pubblicare il tuo User Material per qualsiasi obiettivo, senza alcuna restrizione e senza l’obbligo di corrispondere alcun pagamento a te o a terze parti”. L’utente deve inoltre acconsentire al fatto che Sony abbia diritto a concedere a sua volta in licenza a terze parti i contenuti dell’utente, sui quali già detiene i diritti. Sony conta sull’operato dei produser per racimolare denari? Intende forse mettersi al sicuro da eventuali rivendicazioni sollevate da utenti che hanno riconosciuto le proprie gesta in un nuovo prodotto o in un video di presentazione? Potrebbe altresì trattarsi di una formula standard che figura con frequenza nei contratti sottoposti all’attenzione degli utenti: un intrico di legalese analogo è comparso, configurando panorami dissonanti, nelle condizioni di utilizzo di Photoshop Express e del ventaglio di prodotti made in Mountain View, a partire da Google Docs e YouTube per arrivare fino a Chrome .

Il forum della community di PSN si sta affollando di messaggi che grondano apprensione: i gamer invitano a diffondere la consapevolezza, invitano a manifestare a Sony la propria contrarietà. Basterà a responsabilizzare gli utenti e spingerli a sacrificare il proprio tempo per leggere per intero le nuove condizioni di utilizzo del servizio?

Gaia Bottà

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

21 10 2008
Link copiato negli appunti