Sensori intelligenti sulla barriera corallina

Il progetto Digital Skin dell'Australian Institute of Marine Science e della James Cook University sfrutterà il GPS e una rete di sensori per monitorare le aree più delicate del Pianeta, esposte al degrado ambientale


Cape Ferguson (Australia) – Le barriere coralline di tutto il mondo sono in pericolo, soprattutto a causa dell’inquinamento e dell’innalzamento delle temperature degli oceani. Australian Institute of Marine Science ( Aims ), in collaborazione con James Cook University , ha messo a punto un sistema hi-tech che permette il costante monitoraggio della conformazioni coralline.

Grazie all’adozione di un network di sensori radio, il controllo della condizioni ambientali sarà quanto mai semplice. La dislocazione dei dispositivi avverrà sia nelle barriere coralline che nei bacini costieri di raccolta per l’acqua piovana. “Uno dei nostri problemi è che spesso ci rendiamo conto di quanto stia succedendo sulle barriere solo grazie agli effetti collaterali degli agenti esterni. Adesso, grazie al progetto Digital Skins potremo valutare le cause e quindi individuare strategie per combattere il degrado della grande barriera corallina australiana “, ha dichiarato Scott Bainbridge, responsabile tecnologico dell’Aims.

I sensori radio, utilizzati già nel settore nucleare per il controllo delle centrali atomiche, sono in grado di comunicare tra di loro, oltre che trasmettere tutti i dati alla centrale. Possono misurare la salinità, la temperatura e il livello delle sostanze presenti nell’acqua.

Ogni sensore è definito da un codice alfanumerico e dispone di un sistema operativo. In sinergia con la tecnologia GPS, è possibile mantenere il controllo di tutto il network. La trasmissione dei dati avviene grazie all’utilizzo di micro-onde, capaci di coprire anche distanze di 70 km.

Il grid-computing rappresenta l’ultimo anello della catena, la condivisione delle informazioni e le eventuali elaborazioni dei dati con le altre istituzioni di ricerca. “Finalmente potremo scoprire, e ad esempio prevenire, il fenomeno dell’ imbiancamento dei coralli. Fino ad ora ci rendevamo conto del problema a cose fatte. Adesso potremo comprendere quali siano le condizioni ambientali che lo generano”, ha aggiunto Bainbridge.

Ogni giorno i sensori produrranno Terabyte di dati; per questo motivo il grid-computing, secondo gli esperti, si dimostrerà l’unico mezzo per disporre della potenza di calcolo necessaria all’elaborazione. “Con il 20% delle barriere coralline mondiali danneggiate e un altro 50% in pericolo, il progetto Digital Skin ci permetterà di acquisire sufficiente conoscenza per fronteggiare questo disastro ambientale. Il risultato dell’elaborazione di questi dati avrà profonde implicazioni per il futuro dei coralli di tutto il mondo”, ha aggiunto Bainbridge.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Shock di 350 G ???
    Praticamente puoi lanciarlo da una Ferrari a manetta in autostrada contro una Porsche che viene in senso opposto sempre a manetta senza che si rompa?Bisogna vedere però a quanti G può resistere il parabrezza della Porsche!
    • Anonimo scrive:
      Re: Shock di 350 G ???
      - Scritto da: Anonimo
      Praticamente puoi lanciarlo da una Ferrari a
      manetta in autostrada contro una Porsche che
      viene in senso opposto sempre a manetta senza che
      si rompa?

      Bisogna vedere però a quanti G può resistere il
      parabrezza della Porsche!ci sono modi più semplici per scambiarsi gli mp3!
      • Anonimo scrive:
        Re: Shock di 350 G ???
        - Scritto da: Anonimo
        ci sono modi più semplici per scambiarsi gli mp3!AHAHAHAHAHAHAHA!!!!Geniale :-)Burp
    • Funz scrive:
      Re: Shock di 350 G ???
      - Scritto da: Anonimo
      Praticamente puoi lanciarlo da una Ferrari a
      manetta in autostrada contro una Porsche che
      viene in senso opposto sempre a manetta senza che
      si rompa?G (accelerazione) e' diverso da Km/h (velocita') :P
      • HotEngine scrive:
        Re: Shock di 350 G ???
        - Scritto da: Funz

        - Scritto da: Anonimo

        Praticamente puoi lanciarlo da una Ferrari a

        manetta in autostrada contro una Porsche che

        viene in senso opposto sempre a manetta senza
        che

        si rompa?

        G (accelerazione) e' diverso da Km/h (velocita')
        :PSi...Però 350G = 3430 m/S'azz, mi sembra un po' troppo...
        • Anonimo scrive:
          Re: Shock di 350 G ???

          Però 350G = 3430 m/Se da dove viene questa conversione??350 G = 350 * 9.8 m/s^2 = 3430 m/s^2, ossia un'accelerazione che, ogni secondo, accelera di 3430 m/s.(S indica poi i Siemens ossia 1/[Ohm], se nn ricordo male..)ciao!
          • Anonimo scrive:
            Re: Shock di 350 G ???
            - Scritto da: Anonimo

            Però 350G = 3430 m/S

            e da dove viene questa conversione??

            350 G = 350 * 9.8 m/s^2 = 3430 m/s^2, ossia
            un'accelerazione che, ogni secondo, accelera di
            3430 m/s.Non sono quello di prima ma se l'HD colpisse la porche subirebbe una decelerazione; suppongo fosse quello il senso, non la differenza di velocità tra le due auto.

            (S indica poi i Siemens ossia 1/[Ohm], se nn
            ricordo male..)

            ciao!
          • Anonimo scrive:
            Re: Shock di 350 G ???
            - Scritto da: Anonimo

            Però 350G = 3430 m/S

            e da dove viene questa conversione??

            350 G = 350 * 9.8 m/s^2 = 3430 m/s^2, ossia
            un'accelerazione che, ogni secondo, accelera di
            3430 m/s.Se lanciassi l'hd contro il muro potresti tranquillamente superare i 350G di decelerazioneciao
          • Anonimo scrive:
            Per la redazione
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Però 350G = 3430 m/S



            e da dove viene questa conversione??



            350 G = 350 * 9.8 m/s^2 = 3430 m/s^2, ossia

            un'accelerazione che, ogni secondo, accelera di

            3430 m/s.

            Se lanciassi l'hd contro il muro potresti
            tranquillamente superare i 350G di decelerazione

            ciaoComunque non indicando quanto tempo l'HD può sopportare tale accelerazione (è un vecchio trucco quello di scrivere valori enormi con in piccolo l'indicazione dei pochi microsecondi ammessi, comunque sempre inferiori al tempo necessario per smaltire anche solo l'energia di una caduta dal tavolo) l'indicazione lascia il tempo che trova. Solita fuffa da marketing tecnologico. Per la redazione: perchè non assoldate qualche esperto e vi divertite a fare le pulci alle panzane del marketing fuffoso? Personalmente credo che sarebbe una serie di articoli di grande interesse (specie se fatti con la dovuta ironia, e magari un po' di sarcasmo).Marlenus
  • Anonimo scrive:
    Questione di alimentatore
    Ho iniziato con 2 Maxtor da 120GB in mirror IDE e ne ho bruciati ben 5 in 6 mesi (tutti sostituiti in garanzia), per fortuna il mirroring mi ha sempre salvato.Dopodichè ho cambiato alimentatore mettendone uno da 500W contro i 350 che avevo prima.Sono 3 anni che non mi si brucia più un hard disk.Morale : se sono sotto-alimentati i dischi si brasano che è un piacere, hanno sete di Watt, dateglieli !
    • Anonimo scrive:
      Re: Questione di alimentatore
      - Scritto da: Anonimo
      Ho iniziato con 2 Maxtor da 120GB in mirror IDE e
      ne ho bruciati ben 5 in 6 mesi (tutti sostituiti
      in garanzia), per fortuna il mirroring mi ha
      sempre salvato.

      Dopodichè ho cambiato alimentatore mettendone uno
      da 500W contro i 350 che avevo prima.
      Sono 3 anni che non mi si brucia più un hard disk.

      Morale : se sono sotto-alimentati i dischi si
      brasano che è un piacere, hanno sete di Watt,
      dateglieli !Ho esperienza analoghe, ma la causa dei guasti era il surriscaldamento.
      • Anonimo scrive:
        Re: Questione di alimentatore
        Già.Non è che l'alimentatore che hai montato ha per caso una ventola o due in più rispetto a quello vecchio?
      • Anonimo scrive:
        Re: Questione di alimentatore
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Ho iniziato con 2 Maxtor da 120GB in mirror IDE
        e

        ne ho bruciati ben 5 in 6 mesi (tutti sostituiti

        in garanzia), per fortuna il mirroring mi ha

        sempre salvato.



        Dopodichè ho cambiato alimentatore mettendone
        uno

        da 500W contro i 350 che avevo prima.

        Sono 3 anni che non mi si brucia più un hard
        disk.



        Morale : se sono sotto-alimentati i dischi si

        brasano che è un piacere, hanno sete di Watt,

        dateglieli !

        Ho esperienza analoghe, ma la causa dei guasti
        era il surriscaldamento.quotone...di maxtor in garanzia se ne cambiano a camionate
      • AnyFile scrive:
        Re: Questione di alimentatore
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo



        Morale : se sono sotto-alimentati i dischi si

        brasano che è un piacere, hanno sete di Watt,

        dateglieli !

        Ho esperienza analoghe, ma la causa dei guasti
        era il surriscaldamento.Avere dati sulle CAUSE sarebbe interessante.
  • Anonimo scrive:
    160 gb maxtor 94 euro
    160 gb maxtor ATA, preso un mese fa , 94 euro200 GB maxtor, ata, preso un ANNO e mezzo fa ...non mi pare che 160 gb siano un limite "massimo" ... boh... forse non capisco bene il punto
    • Anonimo scrive:
      Re: 160 gb maxtor 94 euro
      Forse ti sarà più chiaro se anzichè parlare di pollici ti si parla in linguaggio più rozzo...Si sta parlando di hard disk per portatili.
    • Anonimo scrive:
      Re: 160 gb maxtor 94 euro
      - Scritto da: Anonimo
      ... boh... forse non capisco bene il puntoSenza forse, va.
  • Anonimo scrive:
    sono un miracolato?
    ho 3 HD Maxtor SATA da 160 ciscuno ed ancora vanno una meraviglia.
    • Anonimo scrive:
      Re: sono un miracolato?
      - Scritto da: Anonimo
      ho 3 HD Maxtor SATA da 160 ciscuno ed ancora
      vanno una meraviglia.
      Ecco la parola giusta, "miracolato"!
    • Anonimo scrive:
      Re: sono un miracolato?
      - Scritto da: Anonimo
      ho 3 HD Maxtor SATA da 160 ciscuno ed ancora
      vanno una meraviglia.e che minchia c'entra me lo spieghi ?
    • Anonimo scrive:
      Re: sono un miracolato?
      - Scritto da: Anonimo
      ho 3 HD Maxtor SATA da 160 ciscuno ed ancora
      vanno una meraviglia.
      te la stai cercando così però...
    • Anonimo scrive:
      Re: sono un miracolato?
      - Scritto da: Anonimo
      ho 3 HD Maxtor SATA da 160 ciscuno ed ancora
      vanno una meraviglia.
      E sticazzi? E di tuo cuggino non ci parli?Lui ne ha 3 tutti serial ata tutti dentro al SUO portatile.Si è comprato la carriola e il gruppo elettrogeno e va in giro a dire che c'ha il portatile.
  • Alessandrox scrive:
    Aumentino l' affidabilita'...
    Avere dei dischi sempre piu' capienti senza aumentare l' affidabilita' vuol dire solo aumentare i potenziali danni.Ma tanto siamo tutti mucche da mungere....
    • Anonimo scrive:
      Re: Aumentino l' affidabilita'...
      - Scritto da: Alessandrox
      Avere dei dischi sempre piu' capienti senza
      aumentare l' affidabilita' vuol dire solo
      aumentare i potenziali danni.
      Ma tanto siamo tutti mucche da mungere....non mi si è mai rotto un hd da 2,5"
      • Anonimo scrive:
        Re: Aumentino l' affidabilita'...

        non mi si è mai rotto un hd da 2,5"Intendi dire:Non mi si è mai rotto il MIO HD da 2,5" (montato sul mio bel portatile che uso da anni) o non mi si è mai rotto UNo dei TANTI hd da 2,5" (che per lavoro uso)?
        • Anonimo scrive:
          Re: Aumentino l' affidabilita'...
          - Scritto da: Anonimo

          non mi si è mai rotto un hd da 2,5"

          Intendi dire:

          Non mi si è mai rotto il MIO HD da 2,5" (montato
          sul mio bel portatile che uso da anni) o non mi
          si è mai rotto UNo dei TANTI hd da 2,5" (che per
          lavoro uso)?

          intendo dire che ho 4 portatili e non si è mai rotto uno dei rispettivi HD.
          • Anonimo scrive:
            Re: Aumentino l' affidabilita'...

            intendo dire che ho 4 portatili e non si è mai
            rotto uno dei rispettivi HD.culo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Aumentino l' affidabilita'...
            - Scritto da: Anonimo

            intendo dire che ho 4 portatili e non si è mai

            rotto uno dei rispettivi HD.

            culo.aggiungo che tra tutti i conoscenti che possiedono un portatile, non ne conosco uno che abbia avuto problemi con l'HD.
          • Anonimo scrive:
            Re: Aumentino l' affidabilita'...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            intendo dire che ho 4 portatili e non si è mai


            rotto uno dei rispettivi HD.



            culo.

            aggiungo che tra tutti i conoscenti che
            possiedono un portatile, non ne conosco uno che
            abbia avuto problemi con l'HD.E' perchè non conosci me.... l'ultimo m'è durato 2 anni.
          • Anonimo scrive:
            Re: Aumentino l' affidabilita'...

            aggiungo che tra tutti i conoscenti che
            possiedono un portatile, non ne conosco uno che
            abbia avuto problemi con l'HD.Fortunato...io, come molti di voi credo, lavoro nel mondo IT e non ho mai visto tanta moria di HD come negli ultimi 3 anni.Non parlo di poratili, ma anche di workstation e server con praticamente tutte le marche di produttori.Sono estremamente stupito e meravigliato....se non c'è affidabilità sui dischi......Propio recentemente mi sono saltati i dischi delle seguenti macchine praticamente nuove:Notebook ASUSNotebook IBMNotebook ToshibaNoteboo AcerWorkstation DELLWorkstation IBMServer DELLServer HPServer INTELServer IBMTROPPI....TROPPI....TROPPI CASI per essere solo sfiga!!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Aumentino l' affidabilita'...
            - Scritto da: Anonimo


            aggiungo che tra tutti i conoscenti che

            possiedono un portatile, non ne conosco uno che

            abbia avuto problemi con l'HD.


            Fortunato...io, come molti di voi credo, lavoro
            nel mondo IT e non ho mai visto tanta moria di HD
            come negli ultimi 3 anni.
            Non parlo di poratili, ma anche di workstation e
            server con praticamente tutte le marche di
            produttori.Quoto, e mi domando: non sarà che la corsa alla capienza la stanno facendo a scapito dell'affidabilità?Obsolescenza programmata?
          • Anonimo scrive:
            Re: Aumentino l' affidabilita'...
            Mi chiedo una cosa: come fanno a stare dietro così in fretta alle (chiamiamole così...) continue "richieste di innovazione" e a testare la durata e l'affidabilità di un prodotto?Trovo la cosa impossibile. Fin quando in tre mesi di ricerca troveranno nuove e più capienti sistemi di memorizzazione secondo me (se non per culo) sarà difficile che questi siano anche duraturi ed affidabili.Se non altro, per mancanza di test.Hammeronthenet
          • AnyFile scrive:
            Re: Aumentino l' affidabilita'...


            Fortunato...io, come molti di voi credo, lavoro
            nel mondo IT e non ho mai visto tanta moria di HD
            come negli ultimi 3 anni.Si riesce ad avere da qualche parte delle informazioni a riguardo?Quanto e' il MTBF dichiarato dai vari produttori?
          • Anonimo scrive:
            Re: Aumentino l' affidabilita'...
            - Scritto da: Anonimo

            intendo dire che ho 4 portatili e non si è mai

            rotto uno dei rispettivi HD.

            culo.è ghé ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Aumentino l' affidabilita'...
      mooooooooo ?
      • Alessandrox scrive:
        Re: Aumentino l' affidabilita'...
        - Scritto da: Anonimo
        mooooooooo ?Si bravo, vedo che hai capito :)Lo fai il latte?Non importa tanto te lo estraggono lo stesso..
Chiudi i commenti