Service pack per WinXP pronto al via

Con circa una settimana di ritardo, Microsoft rilascerà il primo service pack per Windows XP, un paccone contenente fix, add-on e nuove difese contro i pirati
Con circa una settimana di ritardo, Microsoft rilascerà il primo service pack per Windows XP, un paccone contenente fix, add-on e nuove difese contro i pirati


Redmond (USA) – Il primo service pack per Windows XP (SP1), la cui uscita era stata inizialmente fissata per il 28 agosto e poi rinviata a questo week-end, è slittata ancora – questa volta pare per l’ultima volta – alla prossima settimana. Ieri è stata consegnata ai tester quella che dovrebbe essere l’ultima build della release candidate dell’SP1.

Il service pack, il cui sviluppo è in fase di beta testing sin da giugno , includerà tutti i fix di sicurezza, gli aggiornamenti di compatibilità delle applicazioni e i driver aggiornati, rilasciati a partire dal lancio del prodotto, lo scorso ottobre.

Al suo interno si troveranno il Service Pack 1 di Internet Explorer 6, il supporto all’USB 2.0 , i componenti base del Windows XP Media Center Edition , il supporto ai Tablet PC e quelle modifiche al sistema operativo che, in base all’accordo consensuale fra Microsoft e il Dipartimento di Giustizia americano, consentiranno ai produttori di PC e agli utenti di nascondere, e rimpiazzare eventualmente con prodotti di terze parti, Internet Explorer, Windows Media Player, Windows Messenger e Outlook Express.

Fra le novità di cui si è più discusso in rete, e a cui anche Punto Informatico ha dedicato alcuni recenti approfondimenti , vi sono quelle relative alla product activation. In aggiunta a quanto è emerso in passato, pochi giorni fa Microsoft ha pubblicato un documento in cui spiega tutti i cambiamenti apportati al suo meccanismo di protezione per arginare la pirateria di massa.

Come si apprende leggendo il documento di Microsoft, il service pack per Windows XP sarà in grado di riconoscere “due product key piratate ben conosciute” (solo due?) e sarà capace di riconoscere alcuni fra i più diffusi crack utilizzati per sproteggere il prodotto. Nel caso in cui l’SP1 scopra una product key piratata, il pacco rifiuterà di installarsi e impedirà l’accesso del sistema al Windows Update: per il resto, il prodotto continuerà a funzionare normalmente. Nel caso invece il service pack fiuti la presenza di un crack, il sistema diverrà inutilizzabile e necessiterà di essere riattivato.

L’SP1 aggiornerà anche il meccanismo con cui funziona la product activation e introdurrà la possibilità, per Microsoft, di poter verificare, ad ogni nuova attivazione del prodotto, la validità della product key: questo significa che per attivare una copia di Windows XP non sarà più sufficiente generare una chiave casuale con uno dei key generator che circolano su Internet.

Per finire, Microsoft farà in modo che a partire dal 2 ottobre anche Windows Update sia in grado di riconoscere le product key piratate o non valide e, nel caso, bloccare l’accesso agli aggiornamenti.

Appena rilasciato, Microsoft comincerà ad integrare l’SP1 in tutte le copie retail di Windows XP in modo che i nuovi acquirenti si ritrovino già un sistema aggiornato e… blindato.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

29 08 2002
Link copiato negli appunti