Si avvicina Linux Day 2005

Gli eventi che si terranno in nome del Pinguino in alcune città saranno trasmessi in streaming. Per l'edizione di quest'anno è prevista anche la partecipazione di FSF Europe

Roma – Sono circa 60 le città che hanno già aderito alla manifestazione annuale che in tutta Italia mobilita esperti e utenti di Linux per far conoscere meglio agli italiani cosa sia il sistema operativo del Pinguino e la filosofia, le licenze e le caratteristiche che lo ispirano.

Il Linux Day 2005 , giunto alla sua quinta edizione, anche quest’anno viene promossa dalla Italian Linux Society ( ILS ) e dai Linux User Group (LUG) locali. Il countdown è già iniziato: la manifestazione si terrà infatti il prossimo 26 novembre.

L’interesse suscitato dalla singolare manifestazione “distribuita” sembra dimostrato dai numeri: la prima edizione si è tenuta in circa quaranta città sparse su tutto il territorio nazionale, la seconda ha coinvolto oltre sessanta città, la terza ha visto l’adesione di un’ottantina di gruppi e oltre cento città hanno partecipato a quella dell’anno scorso.

Due le novità già annunciate dall’organizzazione per l’edizione 2005. La prima è la partecipazione all’evento di Free Software Foundation Europe , la seconda sarà la possibilità di seguire in streaming alcuni degli eventi locali. “Collegandosi infatti alla sezione Live! sul sito dedicato al Linux Day – si legge in una nota – è disponibile l’elenco delle città da cui saranno trasmesse le iniziative visibili via Internet”.

Tutte le info qui

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Anche Bertinotti si è fatto indottrinare
    Fausto Bertinotti non è più ateo. Seppur confondendo san Paolo con una citazione della Lettera a Diogneto (non è grave, ad alcuni teologi capita di peggio), ha confessato in un'intervista a Panorama (ma giá a Otto e mezzo e a Famiglia cristiana aveva detto le stesse cose) che non vuole più definirsi ateo perchè "non vuole negarsi la ricerca". Il leader del Partito della Rifondazione comunista manifesta la sua ammirazione per i cattolici, specialmente per questo Papa e aggiunge: "frequento le cerimonie religiose e non senza un coinvolgimento emotivo".Qualunque cosa se ne pensi, il "caso Bertinotti" conferma la tendenza della societá italiana da 25 anni a questa parte. Nell' accuratissima ricerca di Loredana Sciolla, La sfida dei valori, pubblicata dal Mulino, si rileva infatti che dal 1981 al 1999 in Italia è crollata la percentuale di coloro che si dicono "non credenti": dal 12,1 per cento al 6,6 per cento. Ed il crollo è ancora più marcato fra i giovani di etá 18-30 anni, dove i "non credenti" passano dal 17,2 al 5,8 per cento. Questi dati si accompagnano a una crescita di coloro che si definiscono "praticanti", dal 32 al 43 per cento (la crescita maggiore è fra i giovani e le donne del nord). Inoltre l'indice di fiducia nella Chiesa è passato in venti anni dal 57 al 67 per cento.
  • Anonimo scrive:
    Riassunto delle opinioni espresse
    Mi sembra di capire che la maggior parte dei partecipanti a questo forum non ha dubbi: le religioni (tutte) sono un cumulo di sciocchezze e la scienza sta per spiegare in modo perfetto tutta la realtà e la sua origine e il suo senso.Un ipotetico osservatore esterno (esempio: un extraterrestre) troverebbe però strano in questa teoria il fatto che anche dopo secoli di progresso scientifico la maggior parte degli uomini ha delle credenze religiose e società civili in cui la religione si è totalmente estinta a favore di una etica civile basata sulla scienza (che forse non esiste neppure) non se ne sono ancora viste.Forse la teoria della inutilità e infondatezza della religione ha qualche lacuna, o le persone intelligenti del mondo sono troppo poche (magari si trovano tutte in questo forum)? E se sì come mai l'umanità ha comunque fatto dei progressi?
    • Anonimo scrive:
      Re: Riassunto delle opinioni espresse
      - Scritto da: Anonimo
      Mi sembra di capire che la maggior parte dei
      partecipanti a questo forum non ha dubbi: le
      religioni (tutte)Tutte no, per esempio la mia non lo e'. Ma per sapere la verita', mi devi sganciare 100.000 euro
      sono un cumulo di sciocchezze e
      la scienza sta per spiegare in modo perfetto
      tutta la realtà e la sua origine e il suo senso.
      Un ipotetico osservatore esterno (esempio: un
      extraterrestre) troverebbe però strano in questa
      teoria il fatto che anche dopo secoli di
      progresso scientifico la maggior parte degli
      uomini ha delle credenze religioseMaggior parte? Ma scherzi?http://www.uaar.it/ateismo/statistiche/quanti_cattolici/"Franco Garelli, che insieme ad altri sociologi ha curato una voluminosa indagine per la conferenza episcopale, prova a delimitare l’area di quanti possano dirsi veramente cattolici nell’Italia di oggi. «I credenti militanti» - spiega - «coloro che fanno parte di gruppi, associazioni, movimenti e danno grande rilevanza all’esperienza comunitaria della fede sono circa un 10 per cento. I praticanti assidui, che però non avvertono l’esigenza di una vita religiosa collettiva e di una visibilità, sono un altro 15-20 per cento. Sommando entrambi i gruppi si arriva ad un 30 per cento di credenti regolari». E la stessa cifra riferibile ai praticanti abituali della messa domenicale che rappresenta il centro del culto cristiano. Fra i giovani la partecipazione è naturalmente al ribasso: solo il 20-22 percento, dice Garelli, frequenta la chiesa la domenica."E mi dira, "30% non son pochi". No, ma non sono la maggioranza.E poi sappiamo che e' certo piu' facile credere che studiare, se il 30% della popolazione, indottrinata sin da bambina, crede, beh, direi che e' quasi fisiologico se sommi indottrinamento e mancanza di altre fonti/pigrizia/paura della morte/voglia si sentirsi piu' importanti di un semplice mortale.
      e società
      civili in cui la religione si è totalmente
      estinta a favore di una etica civile basata sulla
      scienza (che forse non esiste neppure)In effetti una simile etica deve ancora nascere (se mai nascera').
      se ne
      sono ancora viste.Forse pero' non hai visto le societa' non religiose basate sull'etica laica, sull'illuminismo e sull'umanesimo.La stessa Italia ha principi laici, ci vivono pacificamente milioni di individuoi che non sono, dichiaratamente, di nessuna religione.Lo stesso avviene in molti paesi del mondo ed e' avvenuto anche nei secoli addietro.Ma in parte hai ragione. Societa' prive di religiosi pedanti e saccenti che fanno osservazioni che rivelano tutta la loro miopia, non si sono ancora viste.
      Forse la teoria della inutilità e infondatezza
      della religione ha qualche lacunaAspetta non mesoclare le carte, vediamo assieme. Inutilità no, la religione e' utile, lo sanno tutti, senno' come convici un soldato a morire e un poveraccio che si spacca la schiena e ha famiglia a versare i suoi sodini ad un gruppo di persone senza famiglia che non lavora?La religione e' utilissima, ma non a tutti. Dipende come la vediamoIn quanto alla infondatezza, non si dimostra certo osservando una societa'. Se io faccio comizi e dico che le mucche parlano portoghese e tre sciocchi mi credono e mi seguono, se guardi il mio gruppo cosa puoi dimostrare? Forse ne ricavi molto sul mio carisma/ascendente, sulla credulita' e sulle dinamiche sociali, ma nulla imparerai sulla fondatezza o meno del dogma della mucca ciarliera portoghese.
      o le persone
      intelligenti del mondo sono troppo pocheNon saprei, ma dalle tue considerazioni cosi' convincenti ed attinenti, in quale gruppo sei tu adesso agli occhi dei lettori?
      (magari
      si trovano tutte in questo forum)?Magari i credenti sono una minoranza, come dimostrano le statistiche del Vaticano, e per cui qui le percentuali del paese si rispecchiano, e gli interventi direi che sono nelle corrette proporzioni.
      E se sì come
      mai l'umanità ha comunque fatto dei progressi?Perche' per fortuna, abbiamo dato ascolto a Galileo, Copernico, Newtone, Darwin e molti altri che ci hanno detto IL CONTRARIO di quello che ci ha spacciato la religione.Progressi NONOSTANTE la religione, oppressiva e conservatrice, non dimenticarlo mai.Sei bello, ben pasciuto, sano, colto, per cui ringrazia gli uomini di scienza se non lavori in un mulino vestito di pelli credendo che la terra sia al centro del cosmo. Probabile che come molti sei in vita per i vaccini.
  • EverythingYouKn scrive:
    9 --
  • EverythingYouKn scrive:
    il FALSO Vaticano dice "la Scienza sia
    con voi"!!!IL VERO VATICANO NON HA MAI CAMBIATO IDEA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!MEDITATE GENTE MEDITATE..............
  • Anonimo scrive:
    la scienza esatta dell' evangelizzazione
    la chiesa cattolica del terzo millennio e' al fianco delle industrie occidentali, pronta a sostenere la tesi che una maggior durata della vita si tradurra' per piu' tempo da dedicare a lavoro e preghiera, pronta a chiudere un'occhio sul depauperamento delle risorse naturali mondiali per contrapposizione al cosiddetto neopaganesimo, il cui significato nella visione asfittica di questi retrogradi si sta lentamente sovrapponendo con quella di ecologismo, alla casta cattolica fa comodo che l'acqua dei fiumi venga avvelenata, cosi un caritatevole sacerdote potra' dar da bere agli assetati, dopo averli convertiti naturalmente.eppure sulla bibbia c'e' scritto chiaramente :la principale opera del maligno durante il suo regno terreno e' quella di confondere le menti far apparire buono ed onesto cio' che e' edificato sullo sterco del diavolo, per trarre in inganno i puri di spirito.quali vantaggi avranno per se questi signori combattendo la NUOVA RELIGIONE TRASVERSALE EMERGENTE, il culto di gaia.
    • Anonimo scrive:
      Re: la scienza esatta dell' evangelizzaz
      - Scritto da: Anonimo
      la chiesa cattolica del terzo millennio e' al
      fianco delle industrie occidentali,ohibo'!
      pronta a
      sostenere la tesi che una maggior durata della
      vita si tradurra' per piu' tempo da dedicare a
      lavoro e preghiera, pronta a chiudere un'occhio
      sul depauperamento delle risorse naturali
      mondiali per contrapposizione al cosiddetto
      neopaganesimo,Cattivoni!
      il cui significato nella visione
      asfittica di questi retrogradi si sta lentamente
      sovrapponendo con quella di ecologismo, alla
      casta cattolica fa comodo che l'acqua dei fiumi
      venga avvelenata, cosi un caritatevole sacerdote
      potra' dar da bere agli assetati, dopo averli
      convertiti naturalmente.Allora ci servono delle guardie ai fiumi!
      eppure sulla bibbia c'e' scritto chiaramente :
      la principale opera del maligno durante il suo
      regno terreno e' quella di confondere le menti
      far apparire buono ed onesto cio' che e'
      edificato sullo sterco del diavolo, per trarre in
      inganno i puri di spirito.Beh se c'e scritto chiaramente su un libro scritto 2000 anni e piu' che raccoglie leggende di ogni tipo, chi mai siamo noi per mettere in dubbio quelle cose COSI' CHIARE?
      quali vantaggi avranno per se questi signori
      combattendo la NUOVA RELIGIONE TRASVERSALE
      EMERGENTE, il culto di gaia.Ovviamente avranno la gaiezza.
  • EverythingYouKn scrive:
    Abbasso Galileo Galilei!!!
    W le antiche sinfonie di un tempo!!!Proprio quando ero daccordo con la Chiesa Giovanni Paolo II ammise gli "errori".........ma quali errori???Andate a leggere cosa pensavano nell'antico Egitto a proposito del Sole e della Terra............
    • Anonimo scrive:
      Re: Abbasso Galileo Galilei!!!
      - Scritto da: EverythingYouKn
      W le antiche sinfonie di un tempo!!!Si evviva, come no.
      Proprio quando ero daccordo con la Chiesa
      Giovanni Paolo II ammise gli "errori".........ma
      quali errori???Per esempio la tua educazione scolastica, un lungo madornale errore.
      Andate a leggere cosa pensavano nell'antico
      Egitto a proposito del Sole e della
      Terra............Hai proprio voglia di divagare un pochetto fuori tema, eh?Ma e' un binario morto, cosa pensassero gli egizi, tutto sommato, non frega piu' a nessuno, forse avresti piu' successo incitando a discutere dei celti e delle religioni druidriche, sono piu' di moda. Tempo perso per tempo perso, almeno avresti piu' pubblico.
      • EverythingYouKn scrive:
        Re: Abbasso Galileo Galilei!!!
        Non credere troppo a quello che dicono gli scienziati, perchè la realtà è molto molto molto molto molto molto molto diversa da come (quasi) tutti credono!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Abbasso Galileo Galilei!!!
          - Scritto da: EverythingYouKn
          Non credere troppo a quello che dicono gli
          scienziati, perchè la realtà è molto molto molto
          molto molto molto molto diversa da come (quasi)
          tutti
          credono!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!ahahaha
        • Anonimo scrive:
          Re: Abbasso Galileo Galilei!!!
          - Scritto da: EverythingYouKn
          Non credere troppo a quello che dicono gli
          scienziati, perchè la realtà è molto molto molto
          molto molto molto molto diversa da come (quasi)
          tutti
          credono!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!BRAVO !!!!E diciamolo una volta per tutte che la Terra è piatta e che se superi le Colonne d'Ercole cadi nel vuoto...
  • Anonimo scrive:
    La chiesa sarà sempre contro la scienza
    La chiesa sarà sempre contro la scienza, perchè mentre la scienza cerca di far capire alle persone come stanno realmente i fatti, la religione impone i fatti e bisogna prenderli come stanno.La chiesa sà bene qual'è il pericolo che deriva dalla scienza: provare che dio non esiste, sono stati già compiuti molti passi:- capire che la terra non è al centro dell'universo- teoria dell'evoluzione e molte altre coseOra basta fare ancora un pò di scoperte e dimostare altre cose è sarà dimostrato che Dio non ha fatto proprio nulla e che quindi non esiste e che se l'uomo vuole che esista è solo per avere la speranza di poter vivere dopo la morte, e che dopo la molrte ci sia in mondo migliore che ci aspetta.Ma dopo la morte non c'è nulla e se si vuole vivere bene bisogna migliorare il mondo in cui viviamo e non sperare che ci sia un'aldilà.Se ci pensate bene l'unica cosa che hanno in comune Tutte le religioni è l'esistenza dell' aldilà.Ma quando l'uomo avrà dimostarto che:- esistono altre forme di vita intelligenti nell'universo- gli esseri viventi si sono creati da soli in determinate condizioni (è stato dimostrato ma non completamente)Allora Dio che avrà mai fatto per pensare che esiste?E se mai gli scienziati riusciranno a capire il meccanismo genetico per far vivere l'uomo per sempre a che servirà mai dio, non solo non ha fatto nulla ma non servirà più nemmeno per vivere dopo la morte, dato che sarà sconfitta.Vivere in eterno al momento è quasi ancora fantascienza, ma un tepo non si credeva possibile che l'uomo potesse andare su altri mondi e nemmeno che abbaimo come parenti delle scimmie.
    • boro scrive:
      Re: La chiesa sarà sempre contro la scie
      Dimentichi una cosa. Chi ha creato l'universo? La teoria del Big Bang arriva a spiegarne la creazione fino a pochissimi istanti prima dell'istante zero, poi tutto si confonde e le leggi della fisica perdono significato. Naturalmente si cerca di lavorare per trovare una spiegazione "razionale", ma anche se si scoprissero universi parallelli o che si autocreano resta sempre la domanda del come ha avuto inizio il tutto.Comunque per il conflitto tra scienza e fede consiglio di leggere Angeli e Demoni, bel romanzo di Dan Brown.==================================Modificato dall'autore il 07/11/2005 17.02.42==================================Modificato dall'autore il 07/11/2005 17.03.00
      • Anonimo scrive:
        Re: La chiesa sarà sempre contro la scie
        - Scritto da: boro
        Dimentichi una cosa. Chi ha creato l'universo?Chi? E chi ha creato quel chi? Ed eccoci in una regressione infiita e buona notte, oppure lo chiami dio e sei felice ma ignorante.
    • Anonimo scrive:
      Re: La chiesa sarà sempre contro la scie
      - Scritto da: mirko86
      La chiesa sarà sempre contro la scienza, perchè
      mentre la scienza cerca di far capire alle
      persone come stanno realmente i fatti, la
      religione impone i fatti e bisogna prenderli come
      stanno.Impone? Non mi sembra che qualcuno ti obblighi a credere in Dio o ad andare in chiesa se non vuoi.
      La chiesa sà bene qual'è il pericolo che deriva
      dalla scienza: provare che dio non esiste, sono
      stati già compiuti molti passi:
      - capire che la terra non è al centro dell'universo
      - teoria dell'evoluzione e molte altre coseda Wikipedia "Nella scienza, una teoria è un modello o una serie di IPOTESI per poter capire dei fenomeni". Tu puoi non credere nella Creazione, ma perché bisognerebbe credere in una "teoria" ?
      Ora basta fare ancora un pò di scoperte e
      dimostare altre cose è sarà dimostrato che Dio
      non ha fatto proprio nulla e che quindi non
      esiste Complimenti, questo è un ragionamento contrario alla scienza.. fino a che le scoperte non sono state fatte non puoi dimostrare nulla
      Ma dopo la morte non c'è nullaTu ci sei già stato e sei tornato per dircelo ?
      e se si vuole vivere bene bisogna migliorare il mondo in cui viviamo Concordo
      gli esseri viventi si sono creati da soli in
      determinate condizioni Sì, il primo si è auto-creato poi ha inventato il sesso.
      è quasi ancora fantascienza, ma un tepo non si credeva possibile
      che l'uomo potesse andare su altri mondi e
      nemmeno che abbaimo come parenti delle scimmie.Preferisco essere figlio di Dio che parente delle scimmieCiao
      • Anonimo scrive:
        Re: La chiesa sarà sempre contro la scie
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: mirko86

        La chiesa sarà sempre contro la scienza, perchè

        mentre la scienza cerca di far capire alle

        persone come stanno realmente i fatti, la

        religione impone i fatti e bisogna prenderli
        come

        stanno.

        Impone? Non mi sembra che qualcuno ti obblighi a
        credere in Dio o ad andare in chiesa se non vuoi.Che strano allora mi saro' sognato io di vedere un prete a scuola ogni settimana e un papa in TV ogni giorno.E avro' anche sognato le pesantissime e minacciose parole quali "chi non crede va all'inferno" "Solo se si crede c'e' salvezza" "Non c'e' vero amore se non in dio" ed altre confortanti e liberalissime espressioni volte a spaventare e a convertire.

        La chiesa sà bene qual'è il pericolo che deriva

        dalla scienza: provare che dio non esiste, sono

        stati già compiuti molti passi:

        - capire che la terra non è al centro
        dell'universo

        - teoria dell'evoluzione e molte altre cose

        da Wikipedia "Nella scienza, una teoria è un
        modello o una serie di IPOTESI per poter capire
        dei fenomeni". Tu puoi non credere nella
        Creazione, ma perché bisognerebbe credere in una
        "teoria" ?Infatti lui non ha scritto "credere in una teoria". Ha scritto "capire". Da Wikipedia "Nella scienza, una teoria è un modello o una serie di ipotesi per poter CAPIRE dei fenomeni"

        Ora basta fare ancora un pò di scoperte e

        dimostare altre cose è sarà dimostrato che Dio

        non ha fatto proprio nulla e che quindi non

        esiste
        Complimenti, questo è un ragionamento contrario
        alla scienza.. fino a che le scoperte non sono
        state fatte non puoi dimostrare nullaInfatti lui sta parlando di prospettive future, non di cose che sono state gia' fatte, (rileggi, future), ma prospettive possibili per le quali, dice, la chiesa e' in allarme.


        Ma dopo la morte non c'è nulla
        Tu ci sei già stato e sei tornato per dircelo ?E i preti che ci parlano della vita dopo la morte e ci minacciano dell'inferno e ci irretiscono con il paradiso, ci sono gia' stati e sono tornati?Comunque non e' vero che dopo la morte non ci sia nulla. C'e' il funerale e la putrefazione.


        gli esseri viventi si sono creati da soli in

        determinate condizioni
        Sì, il primo si è auto-creato poi ha inventato il
        sesso.Tu c'eri o sei andato nel passato e sei tornato per dircelo ?
        Preferisco essere figlio di Dio che parente delle
        scimmieCara scimmia credente... le tue preferenze sono belle e nobili, ma di fatto...
        • Anonimo scrive:
          Re: La chiesa sarà sempre contro la scie


          Impone? Non mi sembra che qualcuno ti obblighi a

          credere in Dio o ad andare in chiesa se non
          vuoi.

          Che strano allora mi saro' sognato io di vedere
          un prete a scuola ogni settimana e un papa in TV
          ogni giorno.
          E avro' anche sognato le pesantissime e
          minacciose parole quali "chi non crede va
          all'inferno" "Solo se si crede c'e' salvezza"
          "Non c'e' vero amore se non in dio" ed altre
          confortanti e liberalissime espressioni volte a
          spaventare e a convertire.Non mi sembra che tu sia rimasto particolarmente turbato da queste parole e da questa sovraesposizione mediatica del Papa.

          da Wikipedia "Nella scienza, una teoria è un

          modello o una serie di IPOTESI per poter capire

          dei fenomeni". Tu puoi non credere nella

          Creazione, ma perché bisognerebbe credere in una

          "teoria" ?

          Infatti lui non ha scritto "credere in una
          teoria". Ha scritto "capire". Da Wikipedia "Nella
          scienza, una teoria è un modello o una serie di
          ipotesi per poter CAPIRE dei fenomeni"
          Sempre IPOTESI rimangono


          Ma dopo la morte non c'è nulla

          Tu ci sei già stato e sei tornato per dircelo ?

          E i preti che ci parlano della vita dopo la morte
          e ci minacciano dell'inferno e ci irretiscono con
          il paradiso, ci sono gia' stati e sono tornati?La gente crede alla vita dopo la morte da molto prima dei preti (e anche in altre religioni).


          gli esseri viventi si sono creati da soli in


          determinate condizioni

          Sì, il primo si è auto-creato poi ha inventato
          il sesso.

          Tu c'eri o sei andato nel passato e sei tornato
          per dircelo ?Era in senso ironico. Non mi ero spiegato bene...

          Preferisco essere figlio di Dio che parente
          delle

          scimmie
          Cara scimmia credente... le tue preferenze sono
          belle e nobili, ma di fatto...Di fatto cosa ?!?
          • Anonimo scrive:
            Re: La chiesa sarà sempre contro la scie
            - Scritto da: Anonimo
            Non mi sembra che tu sia rimasto particolarmente
            turbato da queste parole e da questa
            sovraesposizione mediatica del Papa. Non tutti credono alle bugie, ma non toglie un grammo al fatto che l'approccio sia minaccioso.Quanti sono rimasti invece turbati, se vuoi facciamo un po' di conti.

            Infatti lui non ha scritto "credere in una

            teoria". Ha scritto "capire". Da Wikipedia
            "Nella

            scienza, una teoria è un modello o una serie di

            ipotesi per poter CAPIRE dei fenomeni"



            Sempre IPOTESI rimangonoIn effetti che l'acqua bolla a 100 gradi in pianura e' un ipotesi, guardacaso pero' trova conferma ogni giorno.Un modello scientifico valido quindi.



            Ma dopo la morte non c'è nulla


            Tu ci sei già stato e sei tornato per dircelo
            ?



            E i preti che ci parlano della vita dopo la
            morte

            e ci minacciano dell'inferno e ci irretiscono
            con

            il paradiso, ci sono gia' stati e sono tornati?

            La gente crede alla vita dopo la morte da molto
            prima dei preti (e anche in altre religioni). Rispondi!Quelli che siano preti o no che ci parlani della vita dopo la morte e ci minacciano dell'inferno e ci irretiscono con il paradiso, ci sono gia' stati e sono tornati?Vediamo se le cose le sai davvero
            La gente crede alla vita dopo la morte da molto
            prima dei preti (e anche in altre religioni). Appunto CREDE! IPOTESI!E non c'e' l'acqua da bollire qui.



            gli esseri viventi si sono creati da soli in



            determinate condizioni


            Sì, il primo si è auto-creato poi ha inventato

            il sesso.



            Tu c'eri o sei andato nel passato e sei tornato

            per dircelo ?

            Era in senso ironico. Non mi ero spiegato bene...AHAH scivola il ragnetto sullo specchio...


            Preferisco essere figlio di Dio che parente

            delle


            scimmie

            Cara scimmia credente... le tue preferenze sono

            belle e nobili, ma di fatto...

            Di fatto cosa ?!? Guardati i peli del corpo, un regalo di Dio immagino.
        • Anonimo scrive:
          Re: La chiesa sarà sempre contro la scie
          Dice Cristo che ci aspetta il cielo e il centuplo quaggiù. io al momento sono più interessato al centuplo quaggiù, e onestamente, vivendo da buon cristiano il centuplo mi sembra di averlo avuto in dono.tu ti inca%%i contro la chiesa, io non mi inc%%o con te, alla fine della giornata tu hai il fegato grosso e io no.Dire che la chiesa e la scienza sono in opposizione, perdonami, ma mi sembra un pò semplicistico, non si capirebbe come mai ci sono famosissimi istituti cattolici di ricerca e sviluppo (il san raffaele per dirne uno), e denota una scarsa conoscenza di quelli che sono stati gli ordini monastici.Antonio
  • Anonimo scrive:
    hanno un bel coraggio ...
    come si permettono di parlare di Scienza proprio loro che sono i prncipali nemici della ragione.LA RELIGIONE E' L'OPPIO DEI POPOLI, solo la Ragione li può salvare.La religione è autoreferenziale afferma che ciò di cui parla è la verità assoluta in quanto così è scritto nei suoi testi sacriLa Scienza dimostra le sue affermazioni con i fatti e consente alla civiltà di progredire e ... ai religiosi di predicare delegando ad altri il compito di lavorare
  • Anonimo scrive:
    Senza scienza non si può...
    ... progettare a dovere le scarpine rosse di Prada per Papa Mazinger. :D
  • Anonimo scrive:
    MIRROR CLIMBING
    Ovvero: l'arrampicata sugli specchi da parte dei credenti.David Hume diceva: "O Dio può evitare il male ma non vuole, e allora non è buono, oppure vorrebbe evitarlo ma non può, e allora non è onnipotente"Il 26 dicembre 2004 (il giorno dopo il Natale!!!) un violento tsunami ha fatto più di 300.000 vittime nel sud est asiatico. Quasi un terzo delle vittime erano bambini e molti bambini sono rimasti orfani. Lo tsunami ha lasciato una situazione drammatica in tutti i Paesi colpiti. Scarsità di cibo, acqua, medicinali. Molta gente ha perso la propria abitazione e il rischio di epidemie ha peggiorato ulteriormente le cose.Gli stessi credenti definiscono "roccia dell'ateismo" la sofferenza o la morte degli innocenti. In effetti le catastrofi naturali, cioè indipendenti dalla volontà umana, hanno costituito per molti pensatori del passato un argomento adatto a confutare l'esistenza di Dio.Ma facciamo il punto della situazione: per i credenti (e qui ci riferiamo alle tre grandi religioni monoteiste), l'uomo è dotato di libero arbitrio e quindi è responsabile delle proprie azioni (buone o cattive che siano). Ma tutto ciò che non è causato direttamente o indirettamente dall'uomo è causato da Dio, è volontà di Dio. C'è anche un noto detto popolare che dice: "Non si muove foglia che Dio non voglia". Insomma non sono contemplati eventi indipendenti sia dalla volontà di Dio che da quella dell'uomo.Il Dio dell'Antico Testamento è irascibile, collerico, geloso, vendicativo e non va tanto per il sottile quando si tratta di sterminare intere popolazioni, adulti, bambini, colpevoli e innocenti e persino il bestiame di chi non rispetta la sua volontà. E' ben noto il famoso diluvio universale con il quale Dio distrugge quasi tutto ciò che aveva creato, disgustato dal comportamento umano. Nel Nuovo Testamento Dio è molto cambiato, è decisamente più buono. La Chiesa Cattolica opera poi un ulteriore perfezionamento rendendo Dio "infinitamente" buono, "infinitamente" giusto, insomma la somma di tutte le perfezioni. L'ira di Dio è un ricordo lontano.Come possono i credenti giustificare attualmente le stragi di innocenti che continuano ad accadere? Ecco che entra in azione il mirror climbing, questa acrobatica arrampicata sugli specchi con la quale membri del clero, teologi e credenti in genere cercano disperatamente di conciliare queste tragedie con l'onnipotenza e la bontà di Dio.Le spiegazioni che sono state date sono molto diverse e contrastanti tra loro. E' difficile scegliere la più stravagante. C'è chi ha parlato di punizione di Dio (strano che Dio voglia punire tanti bambini innocenti e tanta gente estremamente povera) C'è chi invece ha detto che Dio ha voluto metterci alla prova (come se i disastri che già c'erano nel mondo non fossero sufficienti) C'è chi ha affermato che "Dio non poteva certo fermare la crosta terrestre!" (e perché no?) C'è chi ha detto che Dio permette un male affinché da esso derivi un bene maggiore (non si vede quale bene possa derivare da un maremoto che ha ucciso più di 290.000 persone) C'è chi ha detto che i piani di Dio sono imperscrutabili, cioè non possiamo capire perché Dio abbia permesso (voluto) questo maremoto in quanto il nostro modo di ragionare è diverso da quello di Dio (in tal caso, non potremo mai capire cosa realmente egli vuole, e quindi perché darci tanta pena nel cercare di fare la sua volontà?)Ma una delle spiegazioni più bizzarre è la seguente: Cristo, Figlio di Dio, agnello innocente che prende silenziosamente su di sé il peccato del mondo è la risposta cristiana al problema del dolore, specie di quello innocente. La capacità di cambiare dall?interno un segno di maledizione facendone uno strumento di redenzione. Il dolore di ogni innocente "fa massa" con quello di Cristo (in sostanza degli innocenti avrebbero pagato per i peccati di altri - bell'esempio di giustizia divina!!!)In sostanza questo Dio di cui tanto parlano i credenti, se c'è, si comporta esattamente come se non ci fosse. E che differenza c'è tra un Dio che si comporta come se non esistesse e un Dio inesistente?
    • Anonimo scrive:
      Re: MIRROR CLIMBING
      Il mirror climbing ai tempi nel nazismo fu formidabile.Però io credo in Dio, è la chiesa che non mi quadra...Il problema di base è che noi (tutti) miseri tapini abbiamo bisogno di credere in qualcosa, una qualsiasi fede va bene basta sia conivolgente (nazismo, interismo, cattolicesimo, fanatismi vari, wanna marchi e vari) e c'è chi sa usare questa nostra necessità per trarne un profitto enorme.E noi polli...Poi non facciamo altro che scambiare la fede con la superstizione e vai con i santini (da pagare con denaro)Chi si ricorda le Bolle Papali? Devi ammazzare qualcuno? Prendi una certa quantità (tariffata) di bolle papali, paga e sei assolto con formula piena.
      • Anonimo scrive:
        Re: MIRROR CLIMBING
        - Scritto da: Anonimo
        Il mirror climbing ai tempi nel nazismo fu
        formidabile.

        Però io credo in Dio, è la chiesa che non mi
        quadra...

        Il problema di base è che noi (tutti) miseri
        tapini abbiamo bisogno di credere in qualcosa,
        una qualsiasi fede va bene basta sia conivolgente
        (nazismo, interismo, cattolicesimo, fanatismi
        vari, wanna marchi e vari) e c'è chi sa usare
        questa nostra necessità per trarne un profitto
        enorme.

        E noi polli...

        Poi non facciamo altro che scambiare la fede con
        la superstizione e vai con i santini (da pagare
        con denaro)

        Chi si ricorda le Bolle Papali? Devi ammazzare
        qualcuno? Prendi una certa quantità (tariffata)
        di bolle papali, paga e sei assolto con formula
        piena.Fortunatamente non tutti sentono il bisogno di identificarsi in un'ideologia o in qualche fanatismo. Io ad esempio non solo non credo in nulla di soprannaturale, ma prendo anche la politica con il beneficio dell'inventario. Su di me difficilmente potrebbero far presa fanatismi vari. Anche la scienza va presa con le dovute cautele. Se da un lato il metodo scientifico è garanzia di risultati piuttosto validi, d'altra parte è risaputo che la scienza può sbagliare (non è dogmatica) e fortunatamente impara dai propri errori. In ogni caso meglio aver fiducia nella scienza che nei dogmi della fede.
    • Anonimo scrive:
      Re: MIRROR CLIMBING
      - Scritto da: Anonimo
      Ovvero: l'arrampicata sugli specchi da parte dei
      credenti.

      David Hume diceva: "O Dio può evitare il male ma[cut]
      un Dio inesistente?bhe, se ti ostini a credere che Dio sia un signore con la barba bianca seduto in in trono...Se invece vedi (come il sottoscrito) Dio come la Summa Totale di tutte le Leggi(fisiche), di tutte le Scienze, della somma di tutta l'Energia dell'Universo (conosciuto e non) dal quale deriva ,per via di E=mc^2, tutta la Massa e come l'unione di Tutto...scoprirai che tutto diventa più semplice!perchè Dio(parola che, abbiamo capito, possiamo sostituire con "Tutto" o "La Scienza") non impedisce delle catastrofi? e xkè dovrebbe? a parte il fatto che le vite umane sono un processo biologico che fanno parte di - ,le catastrofi avvengono per mezzo di -, che ovvio!Come ogni (stramaledetto) giorno il sole ci illumina, la forza di gravità c attira verso il basso e le gnocche c fanno sbavare, così avvengono le catastrofi!discutere di Dio non ha senso: semmai discutere dell' attuale chiesa cattolica (la struttura, non la religione in se)...ecco, quella si che mi puzza....
      • tocomoro scrive:
        Re: MIRROR CLIMBING
        Complimenti, qualcuno che usa la testa...So che i commenti del tipo "sono d'accordo" non servono a niente, ma siccome di persone intelligenti come quello di cui sopra ne ho viste fin'ora poche, non sono riuscito a trattermi.Saluti
      • Anonimo scrive:
        Re: MIRROR CLIMBING
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Ovvero: l'arrampicata sugli specchi da parte dei

        credenti.



        David Hume diceva: "O Dio può evitare il male ma
        [cut]

        un Dio inesistente?

        bhe, se ti ostini a credere che Dio sia un
        signore con la barba bianca seduto in in trono...

        Se invece vedi (come il sottoscrito) Dio come la
        Summa Totale di tutte le Leggi(fisiche), di tutte
        le Scienze, della somma di tutta l'Energia
        dell'Universo (conosciuto e non) dal quale deriva
        ,per via di E=mc^2, tutta la Massa e come
        l'unione di Tutto...scoprirai che tutto diventa
        più semplice!

        perchè Dio(parola che, abbiamo capito, possiamo
        sostituire con "Tutto" o "La Scienza") non
        impedisce delle catastrofi? e xkè dovrebbe? a
        parte il fatto che le vite umane sono un processo
        biologico che fanno parte di - ,
        le catastrofi avvengono per mezzo di -, che ovvio!
        Come ogni (stramaledetto) giorno il sole ci
        illumina, la forza di gravità c attira verso il
        basso e le gnocche c fanno sbavare, così
        avvengono le catastrofi!

        discutere di Dio non ha senso: semmai discutere
        dell' attuale chiesa cattolica (la struttura, non
        la religione in se)...ecco, quella si che mi
        puzza....Certamente credere in Dio senza credere nelle religioni, cioè essere deisti come Voltaire è già molto meglio. Tuttavia io avrei difficoltà a dare una connotazione a questo Dio, identificarlo con la somma di tutto ciò che esiste o come il primo motore. Sinceramente non credo che esista nulla di simile.Non puoi identificare Dio con il caso, Dio dev'essere una volontà, un progetto. E io non credo che esista qualcosa di simile.
  • Anonimo scrive:
    LEXICON
    La persecuzione dei gay da parte della Chiesa:http://www.arcigaymilano.org/crono/sezione.asp?IDEvento=398&sez=Religione&sotto=Omofobia+cattolica
  • AnyFile scrive:
    in quanto tempo si rimangeranno quanto
    In quanto tempo si rimangeranno quanto detto.Mi ricordo che 5-10 anni fa il Papa si era pubblicamente ed ufficilamente scusato per qunato successo a Galileo. Passati pochissimi giorni ha emanato un'enciclica con accuse durissime contro la scienza e soprattutto la pretesa che la chiesa cattoica [romana] fosse superiori alla scienza
    • Avion scrive:
      Re: in quanto tempo si rimangeranno quan
      - Scritto da: AnyFile
      In quanto tempo si rimangeranno quanto detto.

      Mi ricordo che 5-10 anni fa il Papa si era
      pubblicamente ed ufficilamente scusato per qunato
      successo a Galileo. Passati pochissimi giorni ha
      emanato un'enciclica con accuse durissime contro
      la scienza e soprattutto la pretesa che la chiesa
      cattoica [romana] fosse superiori alla scienzammh... quale enciclica?
  • Anonimo scrive:
    DOGMI CATTOLICI E PARADOSSI
    Abbiamo appena visto come il dogma della transustanziazione non vada d'accordo con la ragione.Voglio proporvi un altro dogma, quello dell'esistenza del diavolo. Scusate per la lunghezza del post, ma vorrei farvi notare come il catechismo contenga veri e propri paradossi dal punto di vista logico:Per la Chiesa Cattolica, il diavolo non è semplicemente un simbolo del male, ma un personaggio realmente esistente, dotato quindi di una sua personalità, di una sua volontà, quindi di libero arbitrio come gli esseri umani... ed è tanto tanto cattivo.Chi ha creato il diavolo? Ovviamente Dio. E perché lo ha creato?Bisogna dire che, secondo la dottrina cattolica, il diavolo in origine era un angelo buono e quest'angelo un bel giorno si ribellò a Dio. Divenne cattivo senza bisogno di un altro diavolo che lo tentasse.Ma perché mai Dio avrebbe creato questo angelo? Essendo onnisciente avrebbe dovuto sapere che si sarebbe trasformato in diavolo. Qual è quindi lo scopo del diavolo? L'unico scopo evidente è quello di tentare l'uomo spingendolo a commettere il male. L'utilità del diavolo è quindi quella di metterci alla prova, un test per vedere se siamo capaci di resistere alle tentazioni.Nel Catechismo della Chiesa Cattolica, parte prima, sezione seconda, capitolo primo, articolo 1, paragrafo 7, comma secondo (La caduta degli angeli), è scritto: -----------Dietro la scelta disobbediente dei nostri progenitori c'è una voce seduttrice, che si oppone a Dio, la quale, per invidia, li fa cadere nella morte. La Scrittura e la Tradizione della Chiesa vedono in questo essere un angelo caduto, chiamato Satana o diavolo. La Chiesa insegna che all'inizio era un angelo buono, creato da Dio. "Il diavolo infatti e gli altri demoni sono stati creati da Dio naturalmente buoni, ma da se stessi si sono trasformati in malvagi" [Concilio Lateranense IV (1215)].-----------Per quale motivo da buoni si sono trasformati in malvagi? Non c'è spiegazione. Non potevano essere tentati dal diavolo perché il diavolo non c'era ancora. Ma se una creatura dotata di libero arbitrio può fare il male senza bisogno di essere tentata dal diavolo, allora questo deve valere anche per l'uomo, quindi a cosa serve il diavolo?La Scrittura parla di un peccato di questi angeli. Tale "caduta" consiste nell'avere, questi spiriti creati, con libera scelta, radicalmente ed irrevocabilmente rifiutato Dio e il suo Regno.E chi glielo ha fatto fare? Non c'erano motivi di lucro o cose simili. Per invidia? Se era un angelo buono non poteva avere sentimenti negativi. Com'è possibile per un angelo buono diventare d'un tratto malvagio?Troviamo un riflesso di questa ribellione nelle parole rivolte dal tentatore ai nostri progenitori: "Diventerete come Dio" (Genesi 3,5). "Il diavolo è peccatore fin dal principio" (1Gv 3,8), "padre della menzogna" (Gv 8,44). ---------A far sì che il peccato degli angeli non possa essere perdonato è il carattere irrevocabile della loro scelta, e non un difetto dell'infinita misericordia divina. ?Non c'è possibilità di pentimento per loro dopo la caduta come non c'è possibilità di pentimento per gli uomini dopo la morte? [San Giovanni Damasceno, De fide orthodoxa, 2, 4: PG 94, 877C]---------Dall'Inferno non si torna indietro per legge divina, ma perché non ci si potrebbe neppure pentire? E poi: a Dio non si può attribuire alcun difetto, è infinitamente buono... ma ha creato l'inferno, un luogo di pena eterna dal quale chi entra non esce più e scusate se è poco!!! Insomma Dio non ha creato il diavolo ma ha creato l'inferno, quindi tanto buono non è lo stesso.La Scrittura attesta la nefasta influenza di colui che Gesù chiama "omicida fin dal principio" (Gv 8,44), e che ha perfino tentato di distogliere Gesù dalla missione affidatagli dal Padre [Cf Mt 4,1-11 ]. "Il Figlio di Dio è apparso per distruggere le opere del diavolo" (1Gv 3,8). Di queste opere, la più grave nelle sue conseguenze è stata la seduzione menzognera che ha indotto l'uomo a disobbedire a Dio.E Gesù che era Dio poteva cadere in tentazione a causa del diavolo? Cosa sarebbe successo se Gesù, il figlio di Dio e Dio egli stesso avesse ceduto alla tentazione del diavolo? O forse il diavolo non sapeva che Gesù era Dio? E Gesù è venuto sulla Terra per combattere il diavolo e distruggere le sue opere? Per eliminare quindi la tentazione? Per aiutarci a vincerla? O per eliminare la possessione diabolica? E Dio non faceva prima a distruggere direttamente il diavolo?--------La potenza di Satana però non è infinita. Egli non è che una creatura, potente per il fatto di essere puro spirito, ma pur sempre una creatura: non può impedire l'edificazione del Regno di Dio. Sebbene Satana agisca nel mondo per odio contro Dio e il suo Regno in Cristo Gesù, e sebbene la sua azione causi gravi danni - di natura spirituale e indirettamente anche di natura fisica - per ogni uomo e per la società, questa azione è permessa dalla divina Provvidenza, la quale guida la storia dell'uomo e del mondo con forza e dolcezza. La permissione divina dell'attività diabolica è un grande mistero, ma ?noi sappiamo che tutto concorre al bene di coloro che amano Dio? (Rm 8,28).--------La permissione divina dell'attività diabolica è un grande mistero? A me sembra solo una gran sciocchezza. Se il diavolo è utile, perché distruggere le sue opere? Se invece è inutile e dannoso, Dio che lo ha creato a fare? A me sembra che questa storia non stia in piedi neanche un po'.Come vedete fede e ragione non sono affatto in accordo.
    • Avion scrive:
      Re: DOGMI CATTOLICI E PARADOSSI
      Quanto blablabla inutile, complimenti.Fai così: ti prendi il Silmarillion e leggi il primo capitolo. Ha già tutte le risposte. Se le capisci, bene, sennò, non hai speranza e non ti conviene sventolare una ragione che non sai usare.
      • Anonimo scrive:
        Re: DOGMI CATTOLICI E PARADOSSI
        - Scritto da: Avion
        Quanto blablabla inutile, complimenti.

        Fai così: ti prendi il Silmarillion e leggi il
        primo capitolo. Ha già tutte le risposte. Se le
        capisci, bene, sennò, non hai speranza e non ti
        conviene sventolare una ragione che non sai
        usare.Io ho preso invece il Catechismo della Chiesa Cattolica, vi ho riportato esattamente quel che dice riguardo al diavolo. E ne viene fuori un paradosso. La colpa non è mia, prenditela con chi lo ha scritto.
        • bit01 scrive:
          Re: DOGMI CATTOLICI E PARADOSSI
          Tento una risposta ("tento" perchè molte lacune le ho pure io):C'è un concetto che in tutte le tue parole non è saltato fuori. Dio qualunque cosa ha creato, pur essendone appunto, l'Ideatore, l'ha fatta *libera* di esistere. Il che significa che la creatura pur nascendo da Lui ha come principale caratteristica la libertà. Dio non può distruggere il male che si è venuto a formare dalla caduta di uno dei suoi angeli se lo facesse e se così fosse imposto il suo volere, non sarebbe Dio che nel concetto è anche Amore.L'amore presuppone che l'altro sia lasciato libero. L'amore ama anche se incontra il nemico o la contrarietà. Per far fronte a questo e per guidare gli uomini ha mandato Gesù, in carne ed ossa facendogli conoscere nell'umanità (intesa come essere uomo) anche la tentazione. Noi siamo liberi di fare il bene o il male e siamo liberi di credere oppure no. Se dovessi inventarmi un dio lo vorrei così: in grado di lasciarmi decidere se credere in lui o no.E' bello comunque che anche su un quotidiano di informatica online si possa parlare di questo. Il tuo intervento mi ha stimolato parecchio, ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: DOGMI CATTOLICI E PARADOSSI
            - Scritto da: bit01
            Tento una risposta ("tento" perchè molte lacune
            le ho pure io):
            C'è un concetto che in tutte le tue parole non è
            saltato fuori. DioChi?CHI?!?? Dio? Cos'e'? Dove sta, che ci fai con lui, a che ti serve?!Che cos'e' non lo sai neanche tu.
            qualunque cosa ha creatoChi ha creato cosa?Ma di che parli, lo sai? Nomini Dio come se ci fosse questo essere che amministra le cose e le ha create... un essere supremo avrebbe creato te?!? Ma figuriamoci.
            E' bello comunque che anche su un quotidiano di
            informatica online si possa parlare di questo. Il
            tuo intervento mi ha stimolato parecchio, ciao.Signori, un cattolico stimolato.
          • Anonimo scrive:
            Re: DOGMI CATTOLICI E PARADOSSI
            - Scritto da: bit01
            Tento una risposta ("tento" perchè molte lacune
            le ho pure io):
            C'è un concetto che in tutte le tue parole non è
            saltato fuori. Dio qualunque cosa ha creato, pur
            essendone appunto, l'Ideatore, l'ha fatta
            *libera* di esistere. Il che significa che la
            creatura pur nascendo da Lui ha come principale
            caratteristica la libertà. Altra contraddizione logica: come si concilia questo con l'onniscienza di Dio? Se esiste il libero arbitrio, allora nessuno, nemmeno Dio, può conoscere le nostre decisioni future, ma quindi Dio non sarebbe onnisciente. Viceversa, se Dio fosse veramente onnisciente, allora dovrebbe sapere tutte le nostre decisioni, presenti passate e future. Ma in questo caso non potrebbe esistere un libero arbitrio, perché significherebbe che il nostro futuro è già scritto.
            Dio non può
            distruggere il male che si è venuto a formare
            dalla caduta di uno dei suoi angeli il punto della questione, da quello che ho capito, è: come è potuto cadere in tentazione questo angelo, dato che non esisteva nessun tentatore? O lo ha tentato Dio, e quindi il ruolo di Dio e quello di Satana coincidono, oppure non è stato tentato da nessuno, e quindi l'esistenza del Diavolo è inutile al fine di giustificare la caduta in tentazione dell'uomo (poiché sia l'uomo che Satana sono esseri nati liberi, e come era libero il primo di cadere in tentazione senza la presenza di un tentatore, così dovrebbe esserlo il secondo)
            se lo facesse
            e se così fosse imposto il suo volere, non
            sarebbe Dio che nel concetto è anche Amore.Altro punto IMHO di contraddizione: come può Dio essere contemporaneamente infinitamente buono e infinitamente giusto? L'una preclude l'altra. Se tu fossi infinitamente buono non puniresti mai nessuno (inferno) e premieresti nel miglior modo che ti riesce chiunque, ma questo non equivale ad essere inifinitamente giusti.
          • Avion scrive:
            Re: DOGMI CATTOLICI E PARADOSSI
            - Scritto da: Anonimo

            Altra contraddizione logica: come si concilia
            questo con l'onniscienza di Dio? Se esiste il
            libero arbitrio, allora nessuno, nemmeno Dio, può
            conoscere le nostre decisioni future, ma quindi
            Dio non sarebbe onnisciente. Viceversa, se Dio
            fosse veramente onnisciente, allora dovrebbe
            sapere tutte le nostre decisioni, presenti
            passate e future. Ma in questo caso non potrebbe
            esistere un libero arbitrio, perché
            significherebbe che il nostro futuro è già
            scritto.
            Il libero arbitrio consiste nell'essere lasciati liberi di scegliere: con Dio o senza Dio. Il fatto che ci sia un disegno per la storia dell'uomo non significa che uno sia costretto a fare la volontà di Dio: magari Dio insisterà, e alla fine quello cederà. Se però dovesse essere deciso a sbattersene, Dio sceglierà un altra persona adatta a fare quel qualcosa che ha in mente. Dio non costringe mai nessuno: si limita a provocare la libertà delle persone, che possono sempre dire sì o no.La domanda che nessuno si fa mai è: come posso io avere la presunzione di capire cosa ha in testa Dio di fare?

            Dio non può

            distruggere il male che si è venuto a formare

            dalla caduta di uno dei suoi angeli

            il punto della questione, da quello che ho
            capito, è: come è potuto cadere in tentazione
            questo angelo, dato che non esisteva nessun
            tentatore? O lo ha tentato Dio, e quindi il ruolo
            di Dio e quello di Satana coincidono, oppure non
            è stato tentato da nessuno, e quindi l'esistenza
            del Diavolo è inutile al fine di giustificare la
            caduta in tentazione dell'uomo (poiché sia l'uomo
            che Satana sono esseri nati liberi, e come era
            libero il primo di cadere in tentazione senza la
            presenza di un tentatore, così dovrebbe esserlo
            il secondo)
            Lucifero pensava di essere il più figo di tutti e pensava che quello che Dio stava facendo, soprattutto l'uomo, fosse stupido, lui aveva un'idea tutta sua su come gestire le cose. Per questo alla fine si ribellò, ma le prese di santa ragione e venne cacciato dal paradiso con quelli che lo avevano seguito. L'umiliazione per lui fu tale (lui si credeva er mejo) che giurò di pervertire e distruggere tutto ciò che Dio aveva creato. E' roso dall'invidia e da una frustrata voglia di rivalsa, e non gli interessa che l'uomo scelga liberamente di dargli retta, quindi non è sottile come Dio nel provocarne la libertà, ma cerca piuttosto di accecarlo e renderlo proprio schiavo con stimoli più diretti. Le cosiddette tentazioni.
            Altro punto IMHO di contraddizione: come può Dio
            essere contemporaneamente infinitamente buono e
            infinitamente giusto? L'una preclude l'altra. Se
            tu fossi infinitamente buono non puniresti mai
            nessuno (inferno) e premieresti nel miglior modo
            che ti riesce chiunque, ma questo non equivale ad
            essere inifinitamente giusti.
            L'inferno NON è il luogo della punizione, MA è il luogo del supremo rispetto della libertà dell'uomo da parte di Dio: cioè Dio vorrebbe che tutti fossero santi, ma se uno decide, con la propria libertà, di NON seguire Dio, andrà all'inferno che è il luogo in cui Dio non c'è e si trovano quelli che gli si sono opposti. Il fatto che sia un luogo oscuro e orrendo è conseguenza proprio dell'assenza di Dio. Poi ci sono i diavoli che comandano ne si divertono a torturare gli ospiti, vabbè.
      • frog scrive:
        Re: DOGMI CATTOLICI E PARADOSSI
        - Scritto da: Avion
        Quanto blablabla inutile, complimenti.
        Fammi capire.....le idee che non ti trovano d' accordo sono blablabla inutile?Complimentoni!
        Fai così: CUTE uno al quale TU non hai dato retta dovrebbe dare retta a te?Ed in nome di cosa di grazia?
    • AnyFile scrive:
      Re: DOGMI CATTOLICI E PARADOSSI
      Consiglio a tutti di leggere i numerosi libri di Odifreddi sull'argomento.
      • Anonimo scrive:
        Re: DOGMI CATTOLICI E PARADOSSI
        - Scritto da: AnyFile
        Consiglio a tutti di leggere i numerosi libri di
        Odifreddi sull'argomento.L'ultimo libro di Piergiorgio Odifreddi è molto interessante. S'intitola "Il matematico impertinente".
        • AnyFile scrive:
          Re: DOGMI CATTOLICI E PARADOSSI
          Ma ce ne sono anche altri molti interessanti come "Il computer di Dio", "C'era una volta un paradosso", "Il vangelo secondo la scienza", ecc. (l'ultimo non l'ho ancora letto)
          • Anonimo scrive:
            Re: DOGMI CATTOLICI E PARADOSSI
            - Scritto da: AnyFile
            Ma ce ne sono anche altri molti interessanti come
            "Il computer di Dio", "C'era una volta un
            paradosso", "Il vangelo secondo la scienza", ecc.
            (l'ultimo non l'ho ancora letto)Quelli che hai nominato li ho tutti. Nel Vangelo secondo la scienza c'è un'osservazione interessante. Odifreddi dice che in 100 anni milioni di persone si sono recate a Lourdes, Fatima, ecc. ma la Chiesa ha riconosciuto come veri solo pochi "miracoli" (una sessantina se non erro). Considerando che anche nel caso di malattie gravi le guarigioni spontanee superano in percentuale i presunti miracoli di Lourdes e Fatima, converrebbe di gran lunga starsene a casa.
          • AnyFile scrive:
            Re: DOGMI CATTOLICI E PARADOSSI
            - Scritto da: Anonimo
            milioni di persone si sono recate a Lourdes,
            Fatima, ecc. ma la Chiesa ha riconosciuto come
            veri solo pochi "miracoli" (una sessantina se non[...]Sui miracoli ho trovato particolarmente interessante quello che ha scritto Feynmann ne "Il senso delle cose".
    • Gatto Selvaggio scrive:
      Re: DOGMI CATTOLICI E PARADOSSI
      Aggiungo una considerazione: nel Padre nostro compare un "e non ci indurre in tentazione" (et ne nos inducas in temptationem). C'è scritto chiaramente "indurre" e la preghiera è rivolta direttamente a Dio. Perché Dio dovrebbe *indurci* in tentazione?
      • Anonimo scrive:
        Re: DOGMI CATTOLICI E PARADOSSI
        - Scritto da: Gatto Selvaggio
        Aggiungo una considerazione: nel Padre nostro
        compare un "e non ci indurre in tentazione" (et
        ne nos inducas in temptationem). C'è scritto
        chiaramente "indurre" e la preghiera è rivolta
        direttamente a Dio. Perché Dio dovrebbe *indurci*
        in tentazione?Per risolvere il problema del male la chiesa ha creato apposta il mito del libero arbitrio, sostenendo cosi' che il male e' colpa degli uomini.La dottrina della chiesa e i vangeli e soprattutto la bibbia differiscono grandemente.Anche il purgatoro e' una invenzione medievale e il diavolo raffigurato come un caprone e' stato tratteggiato cosi' per svilire e demonizzare il culto di Pan, una delle tante religioni che i cattolici hanno combattutto con la propaganda - e le armi e gli omicidi, da bravi cattolici.La chiesa ha fatto e fa della dottrina cio' che desidera cambiando a seconda delle esigenze politiche e temporali, tanto chi studiva? E chi si opponeva, bruciava allegramente. E adesso dobbiamo fidarci quando ci parla di scienza? La chiesa? Ma che si vergognino!
      • Anonimo scrive:
        Re: DOGMI CATTOLICI E PARADOSSI
        Mi sembra che qualche anno fa, diciamo 5, la preghiera in questione fosse cambiata in... non farci indurre in tentazioni....cioe' per un errore di traduzione del latino era non indurci.- Scritto da: Gatto Selvaggio
        Aggiungo una considerazione: nel Padre nostro
        compare un "e non ci indurre in tentazione" (et
        ne nos inducas in temptationem). C'è scritto
        chiaramente "indurre" e la preghiera è rivolta
        direttamente a Dio. Perché Dio dovrebbe *indurci*
        in tentazione?
        • Anonimo scrive:
          Re: DOGMI CATTOLICI E PARADOSSI
          - Scritto da: Anonimo
          Mi sembra che qualche anno fa, diciamo 5, la
          preghiera in questione fosse cambiata in... non
          farci indurre in tentazioni....cioe' per un
          errore di traduzione del latino era non indurci.


          Eppure quello è un congiuntivo esortativo.... La sua traduzione è giusta.... Quello che dici tu sarebbe un passivo, e ciò non è quello che è stato scritto!!
        • Gatto Selvaggio scrive:
          Re: DOGMI CATTOLICI E PARADOSSI

          Mi sembra che qualche anno fa, diciamo 5, la
          preghiera in questione fosse cambiata in... non
          farci indurre in tentazioni....cioe' per un
          errore di traduzione del latino era non indurci.Proprio in un articolo sulle modifiche alla preghiera avevo letto che per quanto e come lo si giri il verbo latino significa indurre, senza altri particolari significati - soprattutto, senza possibilità di scappatoie quali 'farci indurre', 'lasciarci indurre', 'esporci alle tentazioni' etc. L'autore aggiungeva che anche il corrispettivo greco (sul quale non posso pronunciarmi) significa indurre.Quest'interrogativo mi tortura lo stomaco. Immagino che Gesù avesse pronunciato la preghiera in aramaico e che il testo originale sia andato perso, ma perché mai il traduttore greco avrà scelto 'indurre'?
  • Sgabbio scrive:
    Questo cardinale non ha visto l'italia..
    Ovvero nel periodo del referendum della fecondazione assistita.Dove nelle chiese venivano messi manifesti e deplian della associazioni Scenza (censura clericale) e vita, dove in tv quelli del non voto usavano la strategia della confusione della disinformazione, qunando il referendum in questione puntava sulla abrogazione di 4 punti precisi che limitavano l'uso corretto di tale tecnica.in pratica, adesso come adesso, se il marito che vuole avere dei figli e sterile, non può nemmeno chiedere l'aiuto di un donatore, qua in italia.Mah.... io sono nel parere che la religione deve stare il più lontano possibile dalla scienza e dallo Stato.Basta vedere che danno ha fatto e quante persone a rincoglionito.Tutti quelli che erano andati a votare, erano giovani, quindi meno indotrinabili...forse.Potri citare un esempio di disinformazione del referendum.Mia Zia non era andata a votare perchè diceva che se vinceva il si, i culattoni potevano avere dei figli.hmmm si certo... perccato il referendum non toccava sta cosa.E poi quelli del non voto dicono a quelli del SI che facevano manipolazione..... haaaa ma dimmi te, in che paese viviamo.... non ha caso i vari ricercatori italiani sono migrati in svizzera...hmmm altri cervelli in fuga....complimenti stato italiano... sia destra e sinistra indistintamente.
    • Avion scrive:
      Re: Questo cardinale non ha visto l'ital
      - Scritto da: Sgabbio

      Tutti quelli che erano andati a votare, erano
      giovani, quindi meno indotrinabili...forse.Ma non si dice sempre che sono proprio i giovani ad essere facilmente manipolabili?
      E poi quelli del non voto dicono a quelli del SI
      che facevano manipolazione..... Infatti hanno fornito informazioni smozzicate, si sono limitati a sventolare la bandiera della "libertààààà"
      • Anonimo scrive:
        Re: Questo cardinale non ha visto l'ital
        Avion, il tuo integralismo mi stupisce.Non riesci a essere più obbiettiva?Non ti riconosco più...
      • Anonimo scrive:
        Re: Questo cardinale non ha visto l'ital
        - Scritto da: Avion

        - Scritto da: Sgabbio



        Tutti quelli che erano andati a votare, erano

        giovani, quindi meno indotrinabili...forse.

        Ma non si dice sempre che sono proprio i giovani
        ad essere facilmente manipolabili?Forse intendeva dire persone più giovani (20 anni) rispetto a quelle più adulte (50+).
      • Sgabbio scrive:
        Re: Questo cardinale non ha visto l'ital
        - Scritto da: Avion


        Ma non si dice sempre che sono proprio i giovani
        ad essere facilmente manipolabili?Sono molti i giovani che non vedono nella religione una ragione di vita, e sono molto puiù obbietivi rispetto a certi adulti....

        Infatti hanno fornito informazioni smozzicate, si
        sono limitati a sventolare la bandiera della
        "libertààààà"hanno semplicemente detto quale parti venivano abrogate, non hanno fatto chi sa che.Mentre i caga sotto..ovvero quelli del non voto, dicevano cazzate come utero in affito ecc ecc.... cosa che non veniva toccata dal referendum.... se questa non è disinformazione.Non è che te hai seguito la cosa leggendo Famiglia cristiana e il sito di scienza (censura clericale) e vita?
      • Anonimo scrive:
        Re: Questo cardinale non ha visto l'ital
        - Scritto da: Avion
        Infatti hanno fornito informazioni smozzicate, si
        sono limitati a sventolare la bandiera della
        "libertààààà"È facile ridicolizzare la libertà altrui vero Avion?È facile sputare sentenze sugli altri quando si tratta un problema che comunque in ogni caso non ti tocca, vero Avion?Se tu non vuoi ricorrere a determinate tecniche perché vanno contro la tua religione fai pure, nessuno ti costringe, ma NON TI PERMETTERE DI IMPORRE IL TUO CREDO SUGLI ALTRI. E lo dico per il TUO stesso bene e il bene della TUA religione e anche per il MIO di bene... perché vedi... non si può tirare la corda per sempre... non si può continuare a ridicolizzare e minimizzare la libertà altrui per sempre... perché ad un certo punto la corda si spezza e la gente si incazza... ed è guerra. Guerra vera, guerra con feriti e sangue e morti, guerra con famiglie distrutte e amici persi per sempre.E no, non sto scherzando affatto né esagerando la situazione né drammatizzandola in alcun modo. Non so se hai notato recentemente il diffuso sentimento anticlericale e anticristiano che sta invadendo l'Italia, ma che dico... spesso ridicolizzate pure quello definendolo "laicista" e trattando le persone "arrabbiate" con voi come degli appestati anziché cercare di capirli e trovare un punto d'incontro, ma questo sentimento altro non è che la reazione alle continue pressioni della Chiesa sulla politica per limitare la libertà altrui, per imporre la propria morale a tutti i costi, spesso ridicolizzando (come hai fatto tu in questo tuo medesimo post) la libertà degli altri (sempre meno importante della tua, vero? la libertà degli altri è sempre ridicola ed insignificante... è sempre un capriccio, giusto?). Questo sentimento l'avete causato voi in prima persona.Non credo sia nell'interesse dei cristiani di ritornare indietro di 2000 anni ai "giochi" del Colosseo come non credo sia interesse di chi non crede o crede in altre cose entrare in guerra con voi, di certo non è mio interesse fare questo, ma non si può sopportare per sempre e se per difendere la propria *Libertà* è necessario ricorrere alla violenza allora si fa anche quello... è la storia che lo insegna... è sempre stato così... che fossero i cristiani ad essere oggetto dell'abuso o di qualunque altro popolo... e solitamente questa violenza non fa bene né da una parte né dall'altra ma crea miseria, morte, dolore e devastazione ovunque.Accetta quindi il mio consiglio, smetti di ridicolizzare la libertà degli altri e fai in modo di insegnarlo anche ai tuoi amici, smetti di imporre il tuo credo sugli altri, tu ti fai i fatti tuoi e gli altri si fanno i fatti loro e si vive in *pace* e *tranquillità* tutti quanti, ognuno con il proprio credo, ognuno con le proprie convinzioni, ognuno con le proprie abitudini, ognuno con i propri ideali e non ci si pesta i piedi a vicenda. Io sono disposto a difendere la tua libertà di credere nel tuo Dio pur ritenendola alla pari della tua libertà di credere ad una favola qualunque, ma tu devi fare altrettanto con me, non importa quanto questa mia libertà ti sembri sciocca o insignificante o addirittura immorale.La tolleranza non si può avere in un verso solo, la tolleranza è una strada a due sensi di marcia, la tolleranza la si deve applicare quando interessa 10 milioni di persone, 100 mila persone, 10 persone o anche una sola persona. Quando questo non accade c'è sempre qualcuno che soffre.==================================Modificato dall'autore il 07/11/2005 19.03.55
        • Avion scrive:
          Re: Questo cardinale non ha visto l'ital
          - Scritto da: Wakko Warner
          - Scritto da: Avion

          Infatti hanno fornito informazioni smozzicate,
          si

          sono limitati a sventolare la bandiera della

          "libertààààà"

          È facile ridicolizzare la libertà altrui vero
          Avion?
          È facile sputare sentenze sugli altri quando si
          tratta un problema che comunque in ogni caso non
          ti tocca, vero Avion?

          blablablaprima cosa: la Chiesa non si muove secondo un ideale di "cosa è meglio per noi", ma "cosa è meglio per tutti e perché lo è"seconda cosa: se davvero si fossero astenuti solo i cristiani dal voto... credi che ci sarebbe stato il 74% di astensione? siamo seri. Tu hai qualcosa che non va in testa.Ci manca solo la retorica della lotta armata e siamo a posah no, l'hai già tirata fuori. allora sei proprio andato :(
      • avvelenato scrive:
        Re: Questo cardinale non ha visto l'ital
        - Scritto da: Avion

        - Scritto da: Sgabbio



        Tutti quelli che erano andati a votare, erano

        giovani, quindi meno indotrinabili...forse.

        Ma non si dice sempre che sono proprio i giovani
        ad essere facilmente manipolabili?


        E poi quelli del non voto dicono a quelli del SI

        che facevano manipolazione.....

        Infatti hanno fornito informazioni smozzicate, si
        sono limitati a sventolare la bandiera della
        "libertààààà"tu hai ascoltato solo ciò che volevi sentire; e comunque la gente che fa certi sragionamenti alla libertà di scelta effettivamente è contraria. Chissà perché vogliono scegliere anche per me.
    • Anonimo scrive:
      Re: Questo cardinale non ha visto l'ital

      in pratica, adesso come adesso, se il marito che
      vuole avere dei figli e sterile, non può nemmeno
      chiedere l'aiuto di un donatore, qua in italia.Se la moglie è carina, non c'è problema.
      • Sgabbio scrive:
        Re: Questo cardinale non ha visto l'ital
        - Scritto da: Anonimo
        Se la moglie è carina, non c'è problema.certo che qui, un discorso serio e una impresa impossibile, vero?
        • Anonimo scrive:
          Re: Questo cardinale non ha visto l'ital
          - Scritto da: Sgabbio


          - Scritto da: Anonimo


          Se la moglie è carina, non c'è problema.

          certo che qui, un discorso serio e una impresa
          impossibile, vero?abbi fede...
  • Anonimo scrive:
    SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
    Una questione su cui riflettere:La celiachia è un'intolleranza permanente al glutine, sostanza proteica presente in avena, frumento, farro, kamut, orzo, segale, spelta e triticale.L?incidenza di questa intolleranza in Italia è stimata in un soggetto ogni 100/150 persone. I celiaci potenzialmente sarebbero quindi 400 mila, ma ne sono stati diagnosticati solo 35 mila. Ogni anno vengono effettuate cinque mila nuove diagnosi ed ogni anno nascono 2.800 nuovi celiaci, con un incremento annuo del 9%.Per curare la celiachia, attualmente, occorre escludere dalla dieta alcuni degli alimenti più comuni, quali pane, pasta, biscotti e pizza, ma anche eliminare le più piccole tracce di farina da ogni piatto. Questo implica un forte impegno di educazione alimentare. Infatti l?assunzione di glutine, anche in piccole dosi, può causare danni.La dieta senza glutine, condotta con rigore, è l?unica terapia che garantisce al celiaco un perfetto stato di salute.(tratto da www.celiachia.it)Per questo motivo i celiaci non possono neppure fare la comunione, perché l'ostia contiene glutine e quindi darebbe dei problemi.(vedi documento della CEI http://www.chiesacattolica.it/pls/cci_new/bd_Edit_doc.edit_documento?p_id=6566)La Chiesa Cattolica dice che l'ostia durante la consacrazione si trasforma nel vero corpo e sangue di Cristo (transustanziazione). Vero corpo, vera carne e vero sangue, non un semplice simbolo.Ma allora come mai i celiaci non possono fare la comunione? Il "Corpo di Cristo" contiene anch'esso glutine? Strano. I celiaci possono mangiare una bistecca alla fiorentina senza alcun problema!!!A qualcuno questo discorso potrebbe apparire banale: "Sembra un'ostia, ha il sapore di un'ostia, cosa vuoi che sia?". La Chiesa Cattolica ha sempre detto che quell'ostia è il vero corpo e sangue di Cristo, sotto le specie (cioè l'apparenza) di un'ostia. Il discorso sulla celiachia, quindi, non è tanto banale perché, se normalmente si pensa che ad essere ingannati siano solo i sensi, possiamo constatare che quest'ostia transustanziata ha anche gli stessi effetti sulla salute di un'ostia non transustanziata. Un credente dovrebbe almeno pensare che il vero corpo e sangue di Cristo non provochi danni alla salute, o no?(i celiaci non possono assumere nemmeno piccolissime quantità di glutine che provocherebbero loro ulcerazioni intestinali)Questo era un esempio di come fede e ragione non vadano affatto d'accordo.
    • Anonimo scrive:
      Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
      - Scritto da: Anonimo
      Una questione su cui riflettere:

      La celiachia è un'intolleranza permanente al
      glutine, sostanza proteica presente in avena,
      frumento, farro, kamut, orzo, segale, spelta e
      triticale.

      L?incidenza di questa intolleranza in Italia è
      stimata in un soggetto ogni 100/150 persone. I
      celiaci potenzialmente sarebbero quindi 400 mila,
      ma ne sono stati diagnosticati solo 35 mila. Ogni
      anno vengono effettuate cinque mila nuove
      diagnosi ed ogni anno nascono 2.800 nuovi
      celiaci, con un incremento annuo del 9%.

      Per curare la celiachia, attualmente, occorre
      escludere dalla dieta alcuni degli alimenti più
      comuni, quali pane, pasta, biscotti e pizza, ma
      anche eliminare le più piccole tracce di farina
      da ogni piatto. Questo implica un forte impegno
      di educazione alimentare. Infatti l?assunzione di
      glutine, anche in piccole dosi, può causare
      danni.

      La dieta senza glutine, condotta con rigore, è
      l?unica terapia che garantisce al celiaco un
      perfetto stato di salute.

      (tratto da www.celiachia.it)

      Per questo motivo i celiaci non possono neppure
      fare la comunione, perché l'ostia contiene
      glutine e quindi darebbe dei problemi.

      (vedi documento della CEI
      http://www.chiesacattolica.it/pls/cci_new/bd_Edit_

      La Chiesa Cattolica dice che l'ostia durante la
      consacrazione si trasforma nel vero corpo e
      sangue di Cristo (transustanziazione). Vero
      corpo, vera carne e vero sangue, non un semplice
      simbolo.

      Ma allora come mai i celiaci non possono fare la
      comunione? Il "Corpo di Cristo" contiene
      anch'esso glutine? Strano. I celiaci possono
      mangiare una bistecca alla fiorentina senza alcun
      problema!!!

      A qualcuno questo discorso potrebbe apparire
      banale: "Sembra un'ostia, ha il sapore di
      un'ostia, cosa vuoi che sia?". La Chiesa
      Cattolica ha sempre detto che quell'ostia è il
      vero corpo e sangue di Cristo, sotto le specie
      (cioè l'apparenza) di un'ostia. Il discorso sulla
      celiachia, quindi, non è tanto banale perché, se
      normalmente si pensa che ad essere ingannati
      siano solo i sensi, possiamo constatare che
      quest'ostia transustanziata ha anche gli stessi
      effetti sulla salute di un'ostia non
      transustanziata. Un credente dovrebbe almeno
      pensare che il vero corpo e sangue di Cristo non
      provochi danni alla salute, o no?

      (i celiaci non possono assumere nemmeno
      piccolissime quantità di glutine che
      provocherebbero loro ulcerazioni intestinali)

      Questo era un esempio di come fede e ragione non
      vadano affatto d'accordo.*yawn*
    • Anonimo scrive:
      Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE

      Ma allora come mai i celiaci non possono fare la
      comunione?Perche' la chiesa racconta balle.
      • Anonimo scrive:
        Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
        I ciliaci la comunione la fanno eccome. O solo col vino, o con ostie apposta...
        • Anonimo scrive:
          Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
          - Scritto da: Anonimo
          I ciliaci la comunione la fanno eccome.
          O solo col vinoCioe' non la fanno, compiono una parte della cerimonia ma non tutta.
          o con ostie apposta...Insomma ci confermi che e' una questione di panetteria e non di (uahuha) corpo di cristo.
          • Anonimo scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
            Anche a te un po' di compendio non farebbe male.
          • Anonimo scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
            - Scritto da: Anonimo
            Anche a te un po' di compendio non farebbe male.No grazie al compendio dei preti preferisco il comprendonio.
          • Avion scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo

            Anche a te un po' di compendio non farebbe male.

            No grazie al compendio dei preti preferisco il
            comprendonio.Non si direbbe, dato che ti sforzi di non capire.A proposito, mai sentito parlare del miracolo del bolsena?Ancora oggi è possibile verificarlo... Basta farsi un giro a Orvieto.
          • Anonimo scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
            - Scritto da: Avion

            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo


            Anche a te un po' di compendio non farebbe
            male.



            No grazie al compendio dei preti preferisco il

            comprendonio.

            Non si direbbe, dato che ti sforzi di non capire.

            A proposito, mai sentito parlare del miracolo del
            bolsena?
            Ancora oggi è possibile verificarlo... Basta
            farsi un giro a Orvieto.Io conosco il miracolo dela gamba ricresciuta. Ne parla Messori in un libro poco attendibile. Come mai Dio ha tanta difficoltà nel restituire un braccio o una gamba a hi li ha persi?Diceva Emile Zola dopo essersi recato in visita a Lourdes: "Vedo tante stampelle, ma nessuna gamba di legno".
          • Anonimo scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
            - Scritto da: Avion
            Non si direbbe, dato che ti sforzi di non capire.E' arrivato quello che invece ha capito tutto, vero? Ma di che mi stupisco, basta ascoltare i preti per capire la verita'. Bravo continua cosi' te e i tuoi miracoli, poveretto credulone, hai gia' dato i soldini al clero questa settimana? La testa l'hai gia' impegnata, non ti restano che i soldi.
          • Avion scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
            yawnridicolonon hai uno straccio di argomento
          • Anonimo scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
            - Scritto da: Avion
            yawn

            ridicolo

            non hai uno straccio di argomentoInvece tu hai i miracoli come argomenti, perbacco, mica bruscolini.E mi vieni a parlare di argomenti? Vergognati, e nel profondo, se ce l'hai.
    • Anonimo scrive:
      Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
      Falso, i celiachi possono fare la Comunione avvisando preventivamente il sacerdote.Te lo assicuro perche' un bambino che ha fatto la Prima Comunione quest'anno con mio figlio e' malato di celiachia e per lui c'era un'ostia apposita.
      • Anonimo scrive:
        Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
        - Scritto da: Anonimo
        Falso, i celiachi possono fare la Comunione
        avvisando preventivamente il sacerdote.

        Te lo assicuro perche' un bambino che ha fatto la
        Prima Comunione quest'anno con mio figlio e'
        malato di celiachia e per lui c'era un'ostia
        apposita.Visto che miracoli fa il panettiere della parrocchia?
      • Anonimo scrive:
        Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
        - Scritto da: Anonimo
        Falso, i celiachi possono fare la Comunione
        avvisando preventivamente il sacerdote.

        Te lo assicuro perche' un bambino che ha fatto la
        Prima Comunione quest'anno con mio figlio e'
        malato di celiachia e per lui c'era un'ostia
        apposita.Appunto. Hai confermato che la transustanziazione (mutamento di sostanza) non avviene.
        • bit01 scrive:
          Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
          "Cristo realmente presente mediante la conversione chiamata transustanziazionePertanto Cristo non può essere presente in questo Sacramento se non mediante la conversione nel suo Corpo della realtà stessa del pane e mediante la conversione nel suo Sangue della realtà stessa del vino, mentre rimangono immutate soltanto le proprietà del pane e del vino percepite dai nostri sensi. Tale conversione misteriosa è chiamata dalla Chiesa, in maniera assai appropriata, transustanziazione.da http://www.teologia.pl/it/ci-40.htm----------------------------------------------------------------------------"La transustanziazione, dal latino trans-substantia (cambiamento di sostanza), è la dottrina formulata dal concilio di Trento (sessione XII, canone II) per spiegare la trasformazione dell'intera sostanza del pane nel corpo e l'intera sostanza del vino nel sangue di Cristo all'atto della consacrazione eucaristica. Questa formulazione esprime con le categorie ontologiche aristoteliche di sostanza (che varia a livello profondo e invisibile) e accidenti (che invece non mutano mantenendo i caratteri di pane e vino) la fede della Chiesa nella presenza reale del Cristo sotto le specie eucaristiche (v. eucaristia )."da http://www.sapere.it/tca/MainApp?srvc=vr&url=/7/cr/975_1Ci sono ampi e difficili concetti, affatto scontati, che per faciloneria vengono confusi e/o fraintesi.A me qui pare tutto molto chiaro ma è vero che sono Cristiano e quindi di "parte" come si suol dire. E' ovvio che questo è un mio profondo credo e non devo convincere nessuno però mi è sembrato che la questione fosse stata presa un pò troppo alla leggera.Ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
            - Scritto da: bit01
            "Cristo realmente presente mediante la
            conversione chiamata transustanziazione
            [...]
            dire. E' ovvio che questo è un mio profondo credo
            e non devo convincere nessuno però mi è sembrato
            che la questione fosse stata presa un pò troppo
            alla leggera.
            Ciao.Ok, il Corpo di Cristo produce lesioni intestinali ai celiaci. Evidentemente Cristo può anche far male alla salute. Ok.
          • bit01 scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE

            Ok, il Corpo di Cristo produce lesioni
            intestinali ai celiaci. Evidentemente Cristo può
            anche far male alla salute. Ok.Il celiaco, come già detto ha appunto altre ostie che non possono fargli male ma il significato è lo stesso.
          • Anonimo scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
            - Scritto da: bit01


            Ok, il Corpo di Cristo produce lesioni

            intestinali ai celiaci. Evidentemente Cristo può

            anche far male alla salute. Ok.

            Il celiaco, come già detto ha appunto altre ostie
            che non possono fargli male ma il significato è
            lo stesso. E no che non è lo stesso. Se il celiaco è costretto a usare ostie senza glutine allora ciò conferma che la transustanziazione NON AVVIENE. Capito mi hai?
          • bit01 scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE

            E no che non è lo stesso. Se il celiaco è
            costretto a usare ostie senza glutine allora ciò
            conferma che la transustanziazione NON AVVIENE.
            Capito mi hai?E' un po' lunga la risposta che vorrei darti e anche noiosa se non ci si interessa di queste cose ma per spiegarmi cercherò di abbreviarla:1 - "...mentre rimangono immutate soltanto le proprietà del pane e del vino percepite dai nostri sensi..."2 - "...Questa formulazione esprime con le categorie ontologiche aristoteliche di sostanza (che varia a livello profondo e invisibile) e accidenti (che invece non mutano mantenendo i caratteri di pane e vino) la fede della Chiesa..."3 - "...Ciò che vogliamo è caratterizzare questo «tutto»: vogliamo una lista delle categorie ontologiche che non escluda nulla di ciò che c?è. È questo un primo senso in cui si può produrre un?ontologia.Ci sono almeno due modi di fare ontologia in questo primo senso. Il primo modo consiste nel produrre un sistema di categorie ontologiche. Secondo la Thomasson i sistemi categoriali possono essere mono o multidimensionali. Semplificando un po?, diremo che un sistema categoriale è monodimensionale quando è generato sulla base di un?unica relazione ontologica; è multidimensionale quando le singole categorie sono caratterizzate con riferimento a più «dimensioni»*. Ad esempio, nel caso della Thomasson, le singole categorie sono generate a partire da più relazioni ontologiche di dipendenza dalle categorie di stato mentale e di oggetto fisico7.Per Hoffman e Rosenkrantz, quello aristotelico sarebbe un sistema categoriale monodimensionale perché basato sulla sola relazione di indipendenza ontologica. Infatti, per Aristotele solo le sostanze individuali esistono indipendentemente; ogni altro tipo di entità esistente dipende da queste realtà fondamentali. Questo dice, ad esempio, Aristotele nel libro XII della Metafisica: «Alcune cose esistono separatamente altre no; quelle che esistono separatamente sono sostanze». Hoffman e Rosenkrantz forniscono anche un?esplicazione di tale relazione di indipendenza ontologica ? compatibile con le affermazioni aristoteliche sulla sostanza e le altre categorie ? in termini di implicazione esistenziale asimmetrica..."da: www.scform.unipd.it/~m.carrara/Carrara_Giaretta..pdf4 - E' inoltre bene ricordare che: ontologico="Che si riferisce all'essere in generale. "Argomento ontologico": argomento che per dimostrare l'esistenza di Dio, si fonda esclusivamente sull'idea stessa che l'uomo ha di Dio come essere perfetto"Se hai tempo per leggere quanto scritto sopra non puoi non renderti conto che la transustanziazione avviene su un piano differente da quello che intendi tu (*...è multidimensionale quando le singole categorie sono caratterizzate con riferimento a più «dimensioni»). Le proprietà come scritto sopra del pane e del vino percepite dai nostri sensi non mutano. Il corpo del celiaco quindi reagirà al pane con glutine perchè in questo piano i suoi sensi questo percepiscono pur mangiando in quel momento il corpo di Cristo. Ad essere interessate non sono le alchimie della materia che trasformano fisicamente il pane in carne. In quel caso, in cui il trascendentale si esprime nel reale si parla di miracolo e molti sono i casi in ui una particola ha grondato sangue. Ovvio che non sta a me indagare se tutti i casi sono stati davvero miracolo o no.Chiedo scusa per la noia e la lungaggine dell'intervento ma ci tenevo davvero.
          • Anonimo scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
            ROTFL
          • Anonimo scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
            Ti sei dimenticato la supercazzola   :@
          • Anonimo scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
            - Scritto da: bit01

            E no che non è lo stesso. Se il celiaco è

            costretto a usare ostie senza glutine allora ciò

            conferma che la transustanziazione NON AVVIENE.

            Capito mi hai?

            E' un po' lunga la risposta che vorrei darti e
            anche noiosa se non ci si interessa di queste
            cose ma per spiegarmi cercherò di abbreviarla:

            1 - "...mentre rimangono immutate soltanto le
            proprietà del pane e del vino percepite dai
            nostri sensi..."

            2 - "...Questa formulazione esprime con le
            categorie ontologiche aristoteliche di sostanza
            (che varia a livello profondo e invisibile) e
            accidenti (che invece non mutano mantenendo i
            caratteri di pane e vino) la fede della
            Chiesa..."

            3 - "...Ciò che vogliamo è caratterizzare questo
            «tutto»: vogliamo una lista delle categorie
            ontologiche che non escluda nulla di ciò che c’è.
            È questo un primo senso in cui si può produrre
            un’ontologia.
            Ci sono almeno due modi di fare ontologia in
            questo primo senso. Il primo modo consiste nel
            produrre un sistema di categorie ontologiche.
            Secondo la Thomasson i sistemi categoriali
            possono essere mono o multidimensionali.
            Semplificando un po’, diremo che un sistema
            categoriale è monodimensionale quando è generato
            sulla base di un’unica relazione ontologica; è
            multidimensionale quando le singole categorie
            sono caratterizzate con riferimento a più
            «dimensioni»*. Ad esempio, nel caso della
            Thomasson, le singole categorie sono generate a
            partire da più relazioni ontologiche di
            dipendenza dalle categorie di stato mentale e di
            oggetto fisico7.
            Per Hoffman e Rosenkrantz, quello
            aristotelico sarebbe un sistema categoriale
            monodimensionale perché basato sulla sola
            relazione di indipendenza ontologica. Infatti,
            per Aristotele solo le sostanze individuali
            esistono indipendentemente; ogni altro tipo di
            entità esistente dipende da queste realtà
            fondamentali. Questo dice, ad esempio, Aristotele
            nel libro XII della Metafisica: «Alcune
            cose esistono separatamente altre no; quelle che
            esistono separatamente sono sostanze». Hoffman e
            Rosenkrantz forniscono anche un’esplicazione di
            tale relazione di indipendenza ontologica –
            compatibile con le affermazioni aristoteliche
            sulla sostanza e le altre categorie – in termini
            di implicazione esistenziale asimmetrica..."

            da:
            www.scform.unipd.it/~m.carrara/Carrara_Giaretta..p

            4 - E' inoltre bene ricordare che:
            ontologico="Che si riferisce all'essere in
            generale. "Argomento ontologico": argomento che
            per dimostrare l'esistenza di Dio, si fonda
            esclusivamente sull'idea stessa che l'uomo ha di
            Dio come essere perfetto"


            Se hai tempo per leggere quanto scritto sopra non
            puoi non renderti conto che la transustanziazione
            avviene su un piano differente da quello che
            intendi tu (*...è multidimensionale quando le
            singole categorie sono caratterizzate con
            riferimento a più «dimensioni»). Le proprietà
            come scritto sopra del pane e del vino percepite
            dai nostri sensi non mutano. Il corpo del celiaco
            quindi reagirà al pane con glutine perchè in
            questo piano i suoi sensi questo percepiscono pur
            mangiando in quel momento il corpo di Cristo. Ad
            essere interessate non sono le alchimie della
            materia che trasformano fisicamente il pane in
            carne. In quel caso, in cui il trascendentale si
            esprime nel reale si parla di miracolo e molti
            sono i casi in ui una particola ha grondato
            sangue. Ovvio che non sta a me indagare se tutti
            i casi sono stati davvero miracolo o no.
            Chiedo scusa per la noia e la lungaggine
            dell'intervento ma ci tenevo davvero.Hai fatto bene a scrivere tutte queste cose, grazie di esserti reso completamente ridicolo.A quando la puntata in cui ci spieghi la verginita' della madonna? Perbacco muoviti!
          • Sabbione scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE

            Hai fatto bene a scrivere tutte queste cose,
            grazie di esserti reso completamente ridicolo.
            A quando la puntata in cui ci spieghi la
            verginita' della madonna? Perbacco muoviti!Non sono d'accordo con le "modalità" di questo intervento che ha dei toni offensivi mentre bit01 non ne ha mai avuto.Però il succo è quello.Tu lo hai detto prima che "sei di parte" e proprio il tuo essere di parte ti fa assumere posizioni irrazionali.Ci troviamo sempre dinanzi allo stesso punto; la fede vi fa sostenere delle tesi che agli occhi di chi fede non ha sono delle assurdità belle e buone a volte addirittura colossali.Se è vero però che la fede o l'hai oppure no non capisco come mai ogni volta sprecate tantissima materia grigia per dare una giustificazione logica a quello che nel postulato iniziale logica non ha e non può avere.Tirate dentro la multidimensionalità, le categorie ontologiche aristoteliche e via dicendo per dare una "verniciatura" di autorevolezza e quindi credibilità a ciò che già dentro di voi appare irragionevole (e quindi nuovamente di pura applicazione di fede).Per dirla facile tutta questa storia è la solita "ammischiata" che da secoli la chiesa ci ha propinato quando qualcuno si è permesso (legittimamente) di mettere in discussione i dogmi che essa sciorinava a piene mani. Qui ci troviamo davanti agli stessi esempi di misticismo arcaico, tribale e a volte sciamanico, tipico delle culture arretrate della periferia del mondo con una sostanziale differenza. Si perchè se noi tutti (credenti e non credenti) al pensare che qualche tribù aborigena possa credere nel dio melanzana o pensare che la zebra cornuta bifronte sia sacra in quanto incarnazione del dio gnugnù e perciò degna di venerazione, abbiamo come minimo un senso di bonaria ironia e superiorità perchè consapevoli di trovarci di fronte a ingenue credenze e superstizioni popolari.Se però le STESSE credenze di natura superstiziosa (il sangue di San Pummarola che si scioglie ogni anno, le madonne che piangono globuli rossi, i diavoli che possiedono fanciulle indemoniate etc etc) sono rivestite da un bel "cappotto di razionalità" confezionato a posteriori che ci parla di metafisica, di monadi, di ontologia tutto appare credibile per la pace della propria coscienza dubbiosa.Alla fine questo è il compito della teologia no??? (Che convenga credere in dio non lo dico io ma Sant'Agostino.. ahhh allora...)E brava la chiesa che per 2 millenni ha messo "in sonno" la mente di tante persone grazie a queste favole così eleganti ed erudite.
          • Anonimo scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
            - Scritto da: Sabbione


            Hai fatto bene a scrivere tutte queste cose,

            grazie di esserti reso completamente ridicolo.

            A quando la puntata in cui ci spieghi la

            verginita' della madonna? Perbacco muoviti!

            Non sono d'accordo con le "modalità" di questo
            intervento che ha dei toni offensivi mentre bit01
            non ne ha mai avuto.Pero'...
            Però il succo è quello....
            Tirate dentro la multidimensionalità, le
            categorie ontologiche aristoteliche e via dicendo
            per dare una "verniciatura" di autorevolezza e
            quindi credibilità a ciò che già dentro di voi
            appare irragionevole (e quindi nuovamente di pura
            applicazione di fede).E quindi
            Per dirla facile tutta questa storia è la solita
            "ammischiata" che da secoli la chiesa ci ha
            propinatoe quindi non ha senso discutere con chi si invernicia di ontologia per giustificarci FIABE e giustificare che ha fatto dei principi igenici di una tribu' ebraica di duemila e passa anni fa il suo libro di verita' rivelate.Parliamoci molto chiaro, NON C'E' dialogo con uno che crede alla madonna vergine, a gesu' che moltiplica pani, ai miracoli ed al paradiso e alla resurrezione.Persone cosi' sono state formate da piccole, senno' chi mai se le berrebbe?L'unica risposta e' deriderli, e tenerli sott'occhio che non gli venga in mente di tornare a bruciare libri, poi le strege e gli scienziati.
            E brava la chiesa che per 2 millenni ha messo "in
            sonno" la mente di tante persone grazie a queste
            favole così eleganti ed erudite.Neanche tanto erudite ed eleganti, un malloppo di belle schifezze confuse. Abbiamo visto di meglio con Star Treck, tutto sommato,
          • Anonimo scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
            Scusa,io sono un ingegnere elettronico, ho un bel lavoro, e credo nella verginità della madonna, Mi sempra un pò azardato dire" occorre soltanto deriderli" etc. (fa l'altro io non sono stato preso così da piccolo..)io se qualcuno crede al marxismo, (che io ritengo una ideologia assolutamente poco realistica, ma è una mia opinione personale) non lo derido, capisco che abbia un punto di vista diverso dal mio, anzi mi piace approfondire come mai ritiene che ciò sia interessante. E di solito, nel confronto, si capisce qualcosa dell'altro e si cresce.Questa si chiama dialettica, ed è una posizione intelligente; dare per scontato che quello che l'altro dice, poichè non lo si condivide, sia una cavolata, e deriderlo, è una posizione, perdonami, poco intelligente. E' simile ai discorsi neverending story che si sentono qui sui vari OS, posizioi arroccate di gente che pensa di non aver niente da imparare.Avrei anche qualcosa da dire sul fatto che la chiesa abbia soltanto portato oscurantismo, quando invece è stata una delle maggiori fautrici della scienza come noi la conosciamo (basta pensare ai benedettini), e lo è ancora, basta pensare alle università e ospedali cattolici (non è forse il san raffaele una delle istituzioni in campo medico più avanzate in italia soloper fare un esempio?), ma tanto, non c'e' peggior sordo di chi non vuol ascoltare.buona fortuna amico!Antonio
          • Anonimo scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
            - Scritto da: Anonimo
            Scusa,

            io sono un ingegnere elettronico, ho un bel
            lavoro, e credo nella verginità della madonna, ahahhahahahahahH aAHAHAHAHHAHAH!|!!!!!!
            Mi sempra un pò azardato dire" occorre soltanto
            deriderli" etc. (fa l'altro io non sono stato
            preso così da piccolo..)Affatto, di cosa altro vuoi che discutiamo, cosa vuoi che confrontiamo, la madonna era vegine, e' un dogma AHAHAHAH!!
            buona fortuna amico!Da te non ne ho bisogno, credurello.
          • Anonimo scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE

            io sono un ingegnere elettronico,Bello
            ho un bel
            lavoro,Bene
            e credo nella verginità della madonna, Io credo al carciofo volante perche' l'ho letto in un libro di 2000 anni fa. Abbiamo molto in comune, vaneggiamo entrambi.
            Mi sempra un pò azardato dire" occorre soltanto
            deriderli" etc. (fa l'altro io non sono stato
            preso così da piccolo..)E pur non da piccolo hai creduto a quello che ti raccontavano? Male.
            io se qualcuno crede al marxismo, (che io ritengo
            una ideologia assolutamente poco realistica, ma è
            una mia opinione personale) non lo derido,
            capisco che abbia un punto di vista diverso dal
            mio, anzi mi piace approfondire come mai ritiene
            che ciò sia interessante. E di solito, nel
            confronto, si capisce qualcosa dell'altro e si
            cresce.L'unica crescita che hai parlando con un dogmatico e' che impari che e' un dogmatico.E che quindi e' una persona poco intelligente.E che quindi il tempo speso a parlare con questo individuo sarebbe meglio impiegato a fare altro, per esempio ad allenarti a freccette.
            Questa si chiama dialettica, ed è una posizione
            intelligente;La dialettica e' una posizione intelligente, ma qui non c'e' modo di fare dialettica, lo comprendi?Di cosa parliamo, di carciofi volanti e partorienti illibate? Ma dai...Non c'e' dialettica con i dogmatici, per cui non ci sono posizioni intelligenti da assumere parlando con loro.Se uno ti dice che si lecca i piedi ogni mattina per due ore perche' glielo ha detto dio, che gli rispondi? Solo "Bravo, adesso prendi la pillolina".
            dare per scontato che quello che
            l'altro dice, poichè non lo si condivide,
            sia una
            cavolata,Alt. Nessuno da per scontato che la verginita' della madonna sia na cavolata perche' non la si condivide.Non e' una questione di condividere o no un opinione diversa tipo che me piacciono i gatti e a te i cani.E' una questione pratica.Prova a far partotire una vergine.Quando ce la farai, quando ce ne mostrerai una, quando porterai uno straccio di prova ai miracoli che non siano dei libri inconcludenti e contraddittori, fin troppo rimaneggiati e in contrasto con fatti storici e scoperte scientifiche, allora forse ne potremo parlare.
            deriderlo, è una posizione,
            perdonami, poco intelligente.Invece credere alla modanna vergine e' una posizione di estrema intelligenza, intuito e vivacita' di pensiero.Bene me ne compiaccio allora di non essere brillante al tuo livello.
            E' simile ai
            discorsi neverending story che si sentono qui sui
            vari OS, posizioi arroccate di gente che pensa di
            non aver niente da imparare.In effetti chi crede in Dio non ha nulla da imparare, la verita' e' gia' arrivata nei testi sacri. Si concordo, gente da discorsi neverending story questi dogmatici.
            Avrei anche qualcosa da dire sul fatto che la
            chiesa abbia soltanto portato oscurantismo,
            quando invece è stata una delle maggiori fautrici
            della scienza come noi la conosciamo (basta
            pensare ai benedettini)La chiesa ha dei meriti, su tutti, la conservazione dell'arte. Ma di sicuro non va annoverata tra chi ha promosso la scienza, ci mancherebbe altro.Ha conservato la conoscenza casomai, non la scienza, ma molto piu' spesso ha bandito il sapere per i suoi comodi politici e promosso e condotto atrocita' e furti.
            e lo è ancora, basta
            pensare alle università e ospedali cattolici (non
            è forse il san raffaele una delle istituzioni in
            campo medico più avanzate in italia soloper fare
            un esempio?), Gia', con i soldi di chi visto che i cattolici in Italia sono il 30% ? E' facile avere il bell'ospedale cattolico mungendo il mondo intero, saresti capace anche tu.("Franco Garelli, che insieme ad altri sociologi ha curato una voluminosa indagine per la conferenza episcopale, prova a delimitare l’area di quanti possano dirsi veramente cattolici nell’Italia di oggi. «I credenti militanti» - spiega - «coloro che fanno parte di gruppi, associazioni, movimenti e danno grande rilevanza all’esperienza comunitaria della fede sono circa un 10 per cento. I praticanti assidui, che però non avvertono l’esigenza di una vita religiosa collettiva e di una visibilità, sono un altro 15-20 per cento. Sommando entrambi i gruppi si arriva ad un 30 per cento di credenti regolari». E la stessa cifra riferibile ai praticanti abituali della messa domenicale che rappresenta il centro del culto cristiano. Fra i giovani la partecipazione è naturalmente al ribasso: solo il 20-22 percento, dice Garelli, frequenta la chiesa la domenica.")
            ma tanto, non c'e' peggior sordo di chi non vuol
            ascoltare.Insulti gratuiti da chi biasima gli insulti. Una vera caduta di stile, my Lord.
            buona fortuna amico!Dio mi guardi da amici come te.
          • bit01 scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
            ...
            Se però le STESSE credenze di natura
            superstiziosa (il sangue di San Pummarola che si
            scioglie ogni anno, le madonne che piangono
            globuli rossi, i diavoli che possiedono
            fanciulle indemoniate etc etc) sono rivestite da
            un bel "cappotto di razionalità" confezionato a
            posteriori che ci parla di metafisica, di monadi,
            di ontologia tutto appare credibile per la pace
            della propria coscienza dubbiosa....Questo è un gran bel intervento. Nel senso che mi conferma, in effetti, il dubbio di aver voluto spiegare "razionalmente" e in modo astruso e difficoltoso (magari di tematiche a me care ma non "masticate" a sufficienza) quello che provo dentro.La mia scelta di fede comunque è passata e passa ogni giorno attraverso i dubbi che anche voi avete. Il mio errore qui è di aver voluto a tutti i costi dare una risposta forse per dimostrarvi la ragione per cui io credo. E' meglio che ognuno arrivi alla comprensione di queste cose se ci vuole arrivare o se sente qualcosa che lo spinge a farlo. Io personalmente ho imparato a non fidarmi solo delle cose tangibili e dimostrabili perchè per me, paradossalmente, l'uomo non può dimostrare o comprendere tutto quello che lo circonda e quindi non può darmi che una visuale ridotta dell'esistenza. A me così è interessato conoscere quella parte che la completa. Quella parte che non è direttamente tangibile e visivamente compresa.
          • Anonimo scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
            - Scritto da: bit01Ciao, ho letto i tuoi numerosi interventi. Anche se sono in disaccordo con alcune tue affermazioni (non quelle di quest'ultimo messaggio), volevo darti la mia solidarietà per gli insulti che hai ricevuto su questo forum. Mi dispiace quando qualcuno parla in modo pacato e viene insultato perché ha delle opinioni che divergono da quelle degli altri.Firmato: un ateo
          • Anonimo scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
            Ma cosa hai scritto... hai dimostrato che gli avvocati e i preti hanno sempre ragione! Basta usare la parola e dimostriamo che il fuoco sciacqua e l'acqua fredda scalda.Ma il comune senso della vergona non dovrebbe intervenire?
          • avvelenato scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
            - Scritto da: bit01

            E no che non è lo stesso. Se il celiaco è

            costretto a usare ostie senza glutine allora ciò

            conferma che la transustanziazione NON AVVIENE.

            Capito mi hai?

            E' un po' lunga la risposta che vorrei darti e
            anche noiosa se non ci si interessa di queste
            cose ma per spiegarmi cercherò di abbreviarla:

            1 - "...mentre rimangono immutate soltanto le
            proprietà del pane e del vino percepite dai
            nostri sensi..."

            2 - "...Questa formulazione esprime con le
            categorie ontologiche aristoteliche di sostanza
            (che varia a livello profondo e invisibile) e
            accidenti (che invece non mutano mantenendo i
            caratteri di pane e vino) la fede della
            Chiesa..."

            3 - "...Ciò che vogliamo è caratterizzare questo
            «tutto»: vogliamo una lista delle categorie
            ontologiche che non escluda nulla di ciò che c?è.
            È questo un primo senso in cui si può produrre
            un?ontologia.
            Ci sono almeno due modi di fare ontologia in
            questo primo senso. Il primo modo consiste nel
            produrre un sistema di categorie ontologiche.
            Secondo la Thomasson i sistemi categoriali
            possono essere mono o multidimensionali.
            Semplificando un po?, diremo che un sistema
            categoriale è monodimensionale quando è generato
            sulla base di un?unica relazione ontologica; è
            multidimensionale quando le singole categorie
            sono caratterizzate con riferimento a più
            «dimensioni»*. Ad esempio, nel caso della
            Thomasson, le singole categorie sono generate a
            partire da più relazioni ontologiche di
            dipendenza dalle categorie di stato mentale e di
            oggetto fisico7.
            Per Hoffman e Rosenkrantz, quello
            aristotelico sarebbe un sistema categoriale
            monodimensionale perché basato sulla sola
            relazione di indipendenza ontologica. Infatti,
            per Aristotele solo le sostanze individuali
            esistono indipendentemente; ogni altro tipo di
            entità esistente dipende da queste realtà
            fondamentali. Questo dice, ad esempio, Aristotele
            nel libro XII della Metafisica: «Alcune
            cose esistono separatamente altre no; quelle che
            esistono separatamente sono sostanze». Hoffman e
            Rosenkrantz forniscono anche un?esplicazione di
            tale relazione di indipendenza ontologica ?
            compatibile con le affermazioni aristoteliche
            sulla sostanza e le altre categorie ? in termini
            di implicazione esistenziale asimmetrica..."

            da:
            www.scform.unipd.it/~m.carrara/Carrara_Giaretta..p

            4 - E' inoltre bene ricordare che:
            ontologico="Che si riferisce all'essere in
            generale. "Argomento ontologico": argomento che
            per dimostrare l'esistenza di Dio, si fonda
            esclusivamente sull'idea stessa che l'uomo ha di
            Dio come essere perfetto"


            Se hai tempo per leggere quanto scritto sopra non
            puoi non renderti conto che la transustanziazione
            avviene su un piano differente da quello che
            intendi tu (*...è multidimensionale quando le
            singole categorie sono caratterizzate con
            riferimento a più «dimensioni»). Le proprietà
            come scritto sopra del pane e del vino percepite
            dai nostri sensi non mutano. Il corpo del celiaco
            quindi reagirà al pane con glutine perchè in
            questo piano i suoi sensi questo percepiscono pur
            mangiando in quel momento il corpo di Cristo. Ad
            essere interessate non sono le alchimie della
            materia che trasformano fisicamente il pane in
            carne. In quel caso, in cui il trascendentale si
            esprime nel reale si parla di miracolo e molti
            sono i casi in ui una particola ha grondato
            sangue. Ovvio che non sta a me indagare se tutti
            i casi sono stati davvero miracolo o no.
            Chiedo scusa per la noia e la lungaggine
            dell'intervento ma ci tenevo davvero.la spiegazione è interessante, ma è straordinario che la mente umana abbia sprecato tante energie nell'elaborare un modello coerente che giustifichi un'affermazione a priori, piuttosto che cercare una teoria basandosi sui dati sensibili.In pratica la mia critica vuol essere: qual è lo scopo? (non del tuo post e neanche della transustanziazione; ma del voler giustificare a tutti i costi, creando modelli non basati su dati sensibili e oggettivi, affermazioni dogmatiche, aprioristiche e non supportate da teorie)per il resto, io credo non tanto nella chiesa come carnefice, ma come vittima della sua eredità millenaria, figlia di un modus cogitandi pre rivoluzione galileiana (l'inventore del metodo scientifico) che non è capace di soppesare ogni teoria e rinnegarla, ma pretende di possedere verità assoluta.
          • bit01 scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE

            la spiegazione è interessante, ma è straordinario
            che la mente umana abbia sprecato tante energie
            nell'elaborare un modello coerente che
            giustifichi un'affermazione a priori, piuttosto
            che cercare una teoria basandosi sui dati
            sensibili.

            In pratica la mia critica vuol essere: qual è lo
            scopo? (non del tuo post e neanche della
            transustanziazione; ma del voler giustificare a
            tutti i costi, creando modelli non basati su dati
            sensibili e oggettivi, affermazioni dogmatiche,
            aprioristiche e non supportate da teorie)

            per il resto, io credo non tanto nella chiesa
            come carnefice, ma come vittima della sua eredità
            millenaria, figlia di un modus cogitandi pre
            rivoluzione galileiana (l'inventore del metodo
            scientifico) che non è capace di soppesare ogni
            teoria e rinnegarla, ma pretende di possedere
            verità assoluta.La prendo larga per cercare di essere vicino a tutte le idee fin qui sentite (non so poi se al 9 di novembre ci sarà qualcuno che ritornerà qui a leggersi 'sto post..!)Io penso questo: (ed è la ragione a farmelo pensare, "stacco" per un momento la mia fede) mettiamo da parte per un attimo questa Chiesa che a tanti da noia. Prendiamo pure tutti i dio-melanzana e i carciofi volanti che volete e il Dio in cui credo io. Mettiamoli assieme e per un momento ognuno di noi creda fermamente in quello che vuole senza ridersi contro. Anche gli atei, "credano" pure che non ci sta niente, che tutto sia frutto del caso o come pensano loro, benissimo mi sta bene e lo accetto. Questo è quello che vorrei venisse fatto tra tutte le religioni del mondo che la smettessero di prendersi a bastonate dicendo che è il loro il dio migliore o il dio vero. Nemmeno il mio posso imporre che sia quello "reale" (se mi passate 'sto termine dopo tutti i discorsi sentiti!!) e non intendo imporlo a nessuno. Semplicemente è quello in cui credo. Benissimo. Ora facciamo un altro passo. Gesù, Maometto, Budda, ecc, ecc, profeti di tutti questi "credo" (metteteci anche i vostri se ne avete) sono esistiti così come ce li hanno raccontati? Hanno fatto davvero tutto quello che c'è scritto nei libri che parlano di loro? Non lo sappiamo e non lo vogliamo accettare per partito preso. Ok. Quello che però professano è buono o cattivo? Qui mi pare che siamo d'accordo che il loro è un messaggio di bontà e che può essere adottato dagli uomini per non scannarsi tra di loro, in fondo non si dice niente di soprannaturale o metafisico, si dice di vivere in armonia e di rispettare il prossimo. Insomma è un messaggio d'amore non c'è molto da aggiungere. Allora penso (tornando Cristiano) che sia giusto che l'uomo tenda a questi ideali. Che trovi in loro una guida, un insegnamento, che siano essi di Gesù o di chi altro. Io ho trovato lui e son contento della scelta. Poi pian piano, credendo a questo amore (che comunque è un altro aspetto della vita dell'uomo non tangibile, non verificabile, non esistono formule matematiche che lo dimostrino, non si sa da dove viene e porta a farci fare cose fuori dalla nostra ragione - eppure lo accettiamo come una cosa normale, senza indugi) ho fatto miei anche i concetti più difficili della religione in cui credo, anche quelli che si arrampicano sugli specchi (mirror climbing! come qualcuno ha scritto) passando da un piano di "ragione" ad un piano di "fede" e a quel punto tentando, come qui faccio, di spiegare come posso, quello che mi è successo solamente per dirvi che forse in alcuni casi rifiutando a priori l'una o l'altra dimensione ci escludiamo con le nostre mani dallo scoprire cose ricche e belle che non avremmo mai sospettato di poter accettare. E' come una poesia o una canzone, una musica: la si gusta senza chiedersi in ogni momento cosa voglia dire, come sia stata costruita e tentare di fare la parafrasi di ogni riga nel tentativo di speigarla.Si possono usare queste spiegazioni per aiutare a comprenderla meglio ma se si tenta di penetrare a fondo "l'atmosfera" che crea si rischia di distruggerla e perderebbe così il suo fascino, perderebbe appunto quel lato invisibile che però in qualche modo si fa sentire.
          • Anonimo scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE

            Anche gli atei, "credano" pure che non ci sta niente, che
            tutto sia frutto del caso o come pensano loro,
            benissimo mi sta bene e lo accetto.E qui ti sbagli gli atei NON credono punto.
            Questo è
            quello che vorrei venisse fatto tra tutte le
            religioni del mondo che la smettessero di
            prendersi a bastonate dicendo che è il loro il
            dio migliore o il dio vero.Se eliminiamo il problema immaginario (dio) spariscono automaticamente quelli veri (le bastonate).
            Benissimo. Ora facciamo un
            altro passo. Gesù, Maometto, Budda, ecc, ecc,
            profeti di tutti questi "credo" (metteteci anche
            i vostri se ne avete) sono esistiti così come ce
            li hanno raccontati? Hanno fatto davvero tutto
            quello che c'è scritto nei libri che parlano di
            loro? Non lo sappiamo e non lo vogliamo accettare
            per partito preso. Ok. Quello che però professano
            è buono o cattivo?P.S. da quel che mi ricordo il dio dell'antico testamento non era proprio un campione di amore e bontà ANZI...
            Allora penso (tornando Cristiano) che
            sia giusto che l'uomo tenda a questi ideali. Che
            trovi in loro una guida, un insegnamento, che
            siano essi di Gesù o di chi altro. Io ho trovato
            lui e son contento della scelta. Poi pian piano,
            credendo a questo amore (che comunque è un altro
            aspetto della vita dell'uomo non tangibile, non
            verificabile, non esistono formule matematiche
            che lo dimostrino, non si sa da dove viene e
            porta a farci fare cose fuori dalla nostra
            ragione - eppure lo accettiamo come una cosa
            normale, senza indugi) ho fatto miei anche i
            concetti più difficili della religione in cui
            credo, anche quelli che si arrampicano sugli
            specchi (mirror climbing! come qualcuno ha
            scritto) passando da un piano di "ragione" ad un
            piano di "fede" e a quel punto tentando, come qui
            faccio, di spiegare come posso, quello che mi è
            successo solamente per dirvi che forse in alcuni
            casi rifiutando a priori l'una o l'altra
            dimensione ci escludiamo con le nostre mani dallo
            scoprire cose ricche e belle che non avremmo mai
            sospettato di poter accettare.Ecco bravo credi pure a quello che vuoi, melanzane volanti comprese, e lascia in pace tutti quelli che NON ne vogliono sapere.Ti ricordo che la santa inquisizione è un fatto storico, e se adesso i preti non possono più bruciare nessuno non è certo PER LORO GENTILE CONCESSIONE!
          • bit01 scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE

            E qui ti sbagli gli atei NON credono punto.Ok, hai ragione, ma era tra virgolette, non puntualizzare...

            Questo è

            quello che vorrei venisse fatto tra tutte le

            religioni del mondo che la smettessero di

            prendersi a bastonate dicendo che è il loro il

            dio migliore o il dio vero.
            Se eliminiamo il problema immaginario (dio)
            spariscono automaticamente quelli veri (le
            bastonate).Non è il credo in un dio il problema. Il problema è il fanatismo cieco e violento. Cioè quello che fa dire all'uomo che il suo dio è il migliore. Ci sono atei (quindi senza-dio) che mi brucierebbero volentieri per strada se potessero. I primi Cristiani hanno subito più o meno quello da Nerone a Roma.
            P.S. da quel che mi ricordo il dio dell'antico
            testamento non era proprio un campione di amore e
            bontà ANZI...Te la do buona: il Dio dell'Antico Testamento è parso a molti più burbero che altro e questa è l'unica cosa che alla maggior parte della gente fa comodo tirare in ballo escludendone a priori qualsiasi altra. L'Antico Testamento è bello lungo da leggere e non è neppure facile da comprendere, nemmeno io lo capisco e lo faccio mio con facilità.
            Ecco bravo credi pure a quello che vuoi,
            melanzane volanti comprese, e lascia in pace
            tutti quelli che NON ne vogliono sapere.
            Ti ricordo che la santa inquisizione è un fatto
            storico, e se adesso i preti non possono più
            bruciare nessuno non è certo PER LORO GENTILE
            CONCESSIONE!Ti lascio in pace, ok.
          • Anonimo scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
            Risponde un altro.
            Ci
            sono atei (quindi senza-dio)La fai sembrare come una manchevolezza. Per gli Atei, sono i credenti che hanno qualcosa di troppo. Tanto che molti atei preferiscono "non credenti", per una serie di motivi lunga da spiegare, ma cito solo il fatto che "ateo" e' ovviamente una parola privativa, scelta da credenti, e che il dialogo tra atei ed agnostici non riesce bene con queste etichette, mentre "non credenti aiuta ad un confronto piu' sereno. Ma sto divagando.
            che mi brucierebbero
            volentieri per strada se potessero.Mi dispiace deluderti, ma non mi risulta. Se uno non crede non ha bisogno di minacciarti ed ucciderti in nome di... di cosa? Mah, dimmelo tu. Ti odia perche' sei felice e in in apce con il tuo dio? Suvvia...C'e' del forte astio, e' vero, in molti non credenti verso i credenti, ma non e' una questione di essere contrario alla fede di chicchessia. Di fatto al non credente non gliene frega proprio nulla. Considera invece le ingerenze della religione nella vita di chi non crede. A a molti la religione ha rovinato la vita (pratiche religiose imposte dalla famiglia, minacce di punzioni ultraterrene, lezioni e lezioni di catechismo inutile, essere derisi perche' non hai fatto la prima comunione, sentirsi dire che l'unico amore e' solo nella fede, vedere le continue interferenze dei cattolici (una minoranza a detta dei sondaggi promossi dal vaticano) nella vita politica e le norme da seguire anche fra le lenzuola di casa, ecc ecc).Si tratta quindi di una reazione alla aggressivita' di un certo mondo cattolico che con il suo proselitismo, la sua bigotteria e anche la sua corruzzione e sconsideratezza di costumi e scandali, in fondo in fondo, rovina anche te.Ma considera che nessuno ti vuole bruciare, soprattutto nessuno ti vuole bruciare perche' credi, se credi, buon per te, non avrai la mia stima, ma se tu sei contento con il tuo dio, ok. Il problema viene quando quelli che credono vogliono che la bilancia penda sempre e solo da una parte, la loro. Ed ecco che sono i credenti a dire - anche tu lo hai fatto, ma cito a memoria - che c'e' amore e c'e' guida nella religione, come se un non credente non conoscesse queste cose (amore, etica, regole, principi) e come se prima del cristianesimo non ci fossero state. Presuntuosetto da parte di molti credenti arrogarsi la certezza di avere in mano tutti i veri principi etici di rettezza. Anche un po' sciocco.Insomma il credente troppo spesso pecca di presunzione e di arroganza. Poi per carita', ci sono dei credenti cosi' buoni che ti fan persino pena e che sono davvero degli esempi di bonta' e di vita.
            I primi
            Cristiani hanno subito più o meno quello da
            Nerone a Roma.Ma Nerone non era ateo, senza contare le motivazioni poltiche, piu' che di fede, per perseguitare i primi cristiani. Che avevano uno spinto desiderio di potere, volevano comandare loro - cosa che alla fine ottennero. O pensi forse che venissero perseguitati perche' parlavano di amore, compassione e premio dopo la morte? O che il potere temporale dei papi sorse dalle parabole, piu' che dalle spade? E cosi' l'allora governo fece quello che i governi fanno in casi di lotte intestine e ribellioni, repressione.C'entra poco quindi con l'ateismo.Gli atei non perseguitano nessuno, in genere lo fanno i fanatici. Ma un ateo fanatico, uno che dice "non credo fanaticamente" lo devo ancora incontrare e se lo incontro non lo definirei "non credente", perche' siamo nel campo degli anticlericali.
            Te la do buona: il Dio dell'Antico Testamento è
            qualsiasi altra.Beh, cosa vuoi, e' la Chiesa stessa a sostenere che l'A.T. sia parola del Signore, mica noi.Se quel libro e' il verbo del vostro dio, e lo dite voi, allora avete voi un problema di coerenza. E tanto e' vero questo che la Chiesa di Roma, che un po' di passi nella realta' moderna li ha fatti, lo ha pian piano lasciato cadere nel dimenticatoio, a favore del N.T., cosa che non hanno fatti i cattolici di altre nazioni, e la differenza si vede, tutti sanno quanto siano parecchio piu' rigidi molti atteggiamenti religiosi di protestanti o di anglicani o di battisti.Cio' non toglie tuttavia che sia chiaro a tutti - ed e' per questo che lo senti dire cosi' spesso - che i libri della vostra dottrina non solo, sono stati scritti da mano diverse in tempi diversi da diverse culture, ma anche che sono decisamente le fondamenta debole della Chiesa. Per forza: le regole di vita di tribu' ebraiche di 2000 anni fa non possono che balenare come incongruenti e rozze oggigiorno. Il N.T. invece ha radici molto piu' umanistiche, per cui regge meglio il tempo - o sia datta meglio ai giorni nostri.Le regole della Bibbia sono cosi' datate e perfino inadatte alla Chiesa moderna e anche a quella passata, che il catechismo della Chiesa ha mutato addirittura i 10 dieci comandamenti in qualcosa di molto diverso da come sono veramente scritti nella bibbia.E si che si tratta sempre di parole del vostro dio, eppure la chiesa ne ha snaturato il senso.

            i preti non possono più

            bruciare nessuno non è certo PER LORO GENTILE

            CONCESSIONE!

            Ti lascio in pace, ok.Eh, ma su questo lui ha ragione, purtroppo. Ora la Chiesa non e' piu' anche l'autorita' politica, ma sai benissimo che se potesse, come in passato e' stato, brucerebbe libri, oltre che metterli all'indice, come ancora oggi fa, e non mancherebbe di certo che qualcuno venga "liberato" dal male con qualche pratica omicida (fuoco, bastonate, prigionia). Lo sai che l'inquisizione torturava le sue vittime in modi orripilanti, strappavano la lingua con le pinze a chi aveva maledetto il vostro presunto dio. Io non credo che un dio tanto potente da creare un universo di amore, abbia bisogno di un prete giudice che ordina una esecusione e di un boia per torturare alla morte chi lo offende.Ma questa e' stata la tua Chiesa e a dire il vero succede ancora, mi pare l'ultimo caso eclatante e' stato qualche mese fa in Romania, di una suora esorcizzata fino alla morte.Si, lascia in pace chi non crede, ma non perche' non ti bruci, ma perche' devi essere civile se vuoi una risposta civile. Un credente, con una religione con un passato del genere (orrido) che mi vuole convincere della bonta' delle sue idee fino a minacciarmi di punizioni orribili o accattivando le mie simpatie con promesse paradisiache, non e' una persona molto piacevole.Un credente che fa proselitismo, che mi vuole convertire ad un dio che ha permesso tanta morte e permette ogni giorno tanto male e dolore, e' un bastardo incivile che porta il vessillo di una religione barbara e sanguinaria coperta da un velluto raffinato di belle parole.No grazie, non mi serve.Come dici tu il problema e' il fanatismo cieco e violento. Ma anche con quello che ci vede benissimo e che pensa subdolo e freddo, non c'e' da scherzarci troppo.Nulla di personale, si intende.
          • bit01 scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE

            ... Tanto che molti atei preferiscono "non
            credenti"Hai ragione, errore mio.
            C'e' del forte astio, e' vero, in molti non
            credenti verso i credenti, ma non e' una
            questione di essere contrario alla fede di
            chicchessia. Di fatto al non credente non gliene
            frega proprio nulla.Su http://www.nogod.it non la pensano così. Giene frega eccome. Considera invece le
            ingerenze della religione nella vita di chi non
            crede...
            le continue interferenze dei
            cattolici (una minoranza a detta dei sondaggi
            promossi dal vaticano) nella vita politica e le
            norme da seguire anche fra le lenzuola di casa,
            ecc ecc).Il problema è l'imposizione, non la religione in sé.A te non t'impone niente nessuno. Se non credi, tra "le lenzuola di casa" puoi farci ciò che vuoi. Le "interferenze" ci sono da qualsiasi punto di vista si guardi la cosa. E' normale in una situazione di democrazia.
            Si tratta quindi di una reazione alla
            aggressivita' di un certo mondo cattolico che con
            il suo proselitismo, la sua bigotteria e anche la
            sua corruzzione e sconsideratezza di costumi e
            scandali, in fondo in fondo, rovina anche te......
            Presuntuosetto da parte di molti credenti
            arrogarsi la certezza di avere in mano tutti i
            veri principi etici di rettezza. Anche un po'
            sciocco.Ma chi ti ha detto che l'amore è solo delle religioni? Nel mio post precedente ho preso ad esempio chiunque. Anche gli atei. L'amore l'ho definito come l'unico punto in comune tra i diversi pensieri. Chi è presuntuoso?Se un cristiano non ti accetterà per come sei e non ti amerà comunque, qualunque sia il tuo pensiero, non è un vero cristiano e ti deve lasciare libero di pensarla come vuoi. Può darsi che tu abbia incontrato molti falsi cristiani. Ce ne sono un sacco.
            Che avevano uno
            spinto desiderio di potere, volevano comandare
            loro - cosa che alla fine ottennero. I cristiani corrotti pensavano al potere. Quelli veri no. Ma di quelli veri non se ne parla o se ne parla poco.Tirare in ballo le mele marce è facile. Arrendersi a persone pure ed accettare la loro grandezza non lo è.
            Gli atei non perseguitano nessuno.Attualmente neanche i religiosi. In passtao gli uni e gli altri ne han fatte delle belle.
            Beh, cosa vuoi, e' la Chiesa stessa a sostenere
            che l'A.T. sia parola del Signore, mica noi.....
            tutti sanno quanto siano
            parecchio piu' rigidi molti atteggiamenti
            religiosi di protestanti o di anglicani o di
            battisti.Non è mai caduto nel dimenticatoio. Ci sono spunti di riflessione *umana* (quindi atei e religiosi) importanti che non richiedono la fede per essere accettati.
            Cio' non toglie tuttavia che sia chiaro a tutti -
            ed e' per questo che lo senti dire cosi' spesso -
            che i libri della vostra dottrina non solo, sono
            stati scritti da mano diverse in tempi diversi da
            diverse culture, ma anche che sono decisamente le
            fondamenta debole della Chiesa. Per forza: le
            regole di vita di tribu' ebraiche di 2000 anni fa
            non possono che balenare come incongruenti e
            rozze oggigiorno. Il N.T. invece ha radici molto
            piu' umanistiche, per cui regge meglio il tempo -
            o sia datta meglio ai giorni nostri.Sacrificare un agnello per quanto possa essere inusuale ai giorni nostri non ha perso il suo significato.Oggi si fanno gesti e segni diversi mantenendo intatto il fine. Certo una volta quello avevano.Il Nuovo Testamento non è che ha radici più umanistiche e allora regge meglio il tempo. Il N.T. è una rivoluzione, questo è il punto. Talmente grande che parla di un uomo che muore e risorge. Però non ci credi e quindi per te non è successo. Ma anche se domani fosse spiegato scentificamente e venisse accolto come verità di scienza e diventasse un fatto assoluto e non di fede, scommetto che non lo accetteresti comunque per tutte le altre cose di cui ora sei convinto. A me il solo semplice dubbio che possa essere successo davvero (eh credo alle fiabe, lo so) mi basta per acettarlo.Ma son vedute diverse, questo lo abbiamo capito.
            E si che si tratta sempre di parole del vostro
            dio, eppure la chiesa ne ha snaturato il senso.Mai "snaturato" nulla. Solo aggiornato. Alle volte in meglio alle volte in peggio. Più o meno comprensibilmente. Ma di "snaturato" non c'è nulla.


            i preti non possono più


            bruciare nessuno non è certo PER LORO GENTILE


            CONCESSIONE!



            Ti lascio in pace, ok.

            Eh, ma su questo lui ha ragione, purtroppo. Ora
            la Chiesa non e' piu' anche l'autorita' politica,
            ma sai benissimo che se potesse, come in passato
            e' stato, brucerebbe libri, oltre che metterli
            all'indice, come ancora oggi fa, e non
            mancherebbe di certo che qualcuno venga
            "liberato" dal male con qualche pratica omicida
            (fuoco, bastonate, prigionia). Lo sai che
            l'inquisizione torturava le sue vittime in modi
            orripilanti, strappavano la lingua con le pinze a
            chi aveva maledetto il vostro presunto dio. Io
            non credo che un dio tanto potente da creare un
            universo di amore, abbia bisogno di un prete
            giudice che ordina una esecusione e di un boia
            per torturare alla morte chi lo offende.
            Ma questa e' stata la tua Chiesa e a dire il vero
            succede ancora, mi pare l'ultimo caso eclatante
            e' stato qualche mese fa in Romania, di una suora
            esorcizzata fino alla morte.Esageri. Come un ateo non brucerebbe me, un Cristiano non brucerebbe un libro. Se dovesse capitare, mi ripeto, quell'uomo non E' un Cristiano.
            Si, lascia in pace chi non crede, ma non perche'
            non ti bruci, ma perche' devi essere civile se
            vuoi una risposta civile. .......
            Come dici tu il problema e' il fanatismo cieco e
            violento. Ma anche con quello che ci vede
            benissimo e che pensa subdolo e freddo, non c'e'
            da scherzarci troppo.
            Nulla di personale, si intende.Qui esageri nuovamente. Un credente che fa proselitismo e usa la forza è da condannare. Ma non tutti i Cristiani sono stati, o sono così. Tu la prendi larga e tiri dentro chiunque. Io sto qui a parlarti e mi piace il confronto perchè pure tu hai da insegnare a me una marea di cose e la tua riposta per un Cristiano non è attacco, offesa e derisione, per un Cristiano è conoscenza, accettazione. Nessuno ti vuol convincere di nulla e obbligarti a fare nulla. Se hai avuto un catechismo vecchio e fatto male o un prete assolutamente incompetente vicino o della gente che ti ha costretto in qualcosa hai tutta la mia comprensione. Io però, come molti, non porto i vessilli di una religione barbara e sanguinaria, non mi riconosco nei preti pedofili, nei cardinali corrotti, nei papi lascivi, nei falsi Santi e nei boia dell'inquisizione, tutti uomini dediti al male (perchè il male c'è anche nalla Chiesa), affatto, io mi riconosco nella Chiesa voluta da Gesù, quella che aveva in mente, quella che è nascosta agli occhi di chi non la vuol vedere.
          • Anonimo scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE

            Il problema è l'imposizione, non la religione in
            sé.
            A te non t'impone niente nessuno. Se non credi,
            tra "le lenzuola di casa" puoi farci ciò che
            vuoi. Le "interferenze" ci sono da qualsiasi
            punto di vista si guardi la cosa. E' normale in
            una situazione di democrazia.P.S. sodomia e fellatio sono considerati reati in alcuni stati americani (e indovina perchè)
            Se un cristiano non ti accetterà per come sei e
            non ti amerà comunque, qualunque sia il tuo
            pensiero, non è un vero cristiano e ti deve
            lasciare libero di pensarla come vuoi.GRAZIE, ma non sembra proprio la posizione ufficiale dei vostri rappresentanti!

            Gli atei non perseguitano nessuno.
            Attualmente neanche i religiosi. In passtao gli
            uni e gli altri ne han fatte delle belle.Sugli uni (i cristiani) abbiamo un sacco di DATI, sugli altri... Se vuoi essere così gentile da dare qualche referenza..
            Sacrificare un agnello per quanto possa essere
            inusuale ai giorni nostri non ha perso il suo
            significato.Soprattutto per l'agnello...
            Talmente grande che parla di un uomo che muore e
            risorge. Però non ci credi e quindi per te non è
            successo.Non ci credo perchè ad affermazioni straordinarie, vorrei delle prove CERTE, e in 2000 anni non ne avete raccolte molte...
            A me il solo semplice dubbio che possa essere
            successo davvero (eh credo alle fiabe, lo so) mi
            basta per acettarlo.Ok, contento tu.
            Esageri. Come un ateo non brucerebbe me, un
            Cristiano non brucerebbe un libro. Se dovesse
            capitare, mi ripeto, quell'uomo non E' un
            Cristiano.Mi sembra che ci siano abbondanti PROVE e anche gente bruciata non solo libri...
            Qui esageri nuovamente. Un credente che fa
            proselitismo e usa la forza è da condannare. Ma
            non tutti i Cristiani sono stati, o sono così. Tu
            la prendi larga e tiri dentro chiunque. Io sto
            qui a parlarti e mi piace il confronto perchè
            pure tu hai da insegnare a me una marea di cose e
            la tua riposta per un Cristiano non è attacco,
            offesa e derisione, per un Cristiano è
            conoscenza, accettazione. Nessuno ti vuol
            convincere di nulla e obbligarti a fare nulla.Mi spieghi allora perchè negli USA c'è una causa in corso per togliere dai corsi di biologia la teoria dell'ID ?
          • Anonimo scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
            - Scritto da: bit01

            ... Tanto che molti atei preferiscono "non

            credenti"
            Hai ragione, errore mio.


            C'e' del forte astio, e' vero, in molti non

            credenti verso i credenti, ma non e' una

            questione di essere contrario alla fede di

            chicchessia. Di fatto al non credente non gliene

            frega proprio nulla.
            Su http://www.nogod.it non la pensano così. Giene
            frega eccome. Si gli frega eccome di avere uno stato laico, non di quello in cui credi tu.

            Considera invece le

            ingerenze della religione nella vita di chi non

            crede
            ...

            le continue interferenze dei

            cattolici (una minoranza a detta dei sondaggi

            promossi dal vaticano) nella vita politica e le

            norme da seguire anche fra le lenzuola di casa,

            ecc ecc).
            Il problema è l'imposizione, non la religione in
            sé.Guarda pero' che la barriera e' sottile, dato che la tua religione e' un insieme di regole che avete avuto il mandato di fare proseliti.
            A te non t'impone niente nessuno.A scuola lo hanno fatto, ora di religione obbligatoria fino al 1985. E in passato la religione e' stata imposta con la forza.
            Se non credi,
            tra "le lenzuola di casa" puoi farci ciò che
            vuoi.Vorrei ben vedere.
            Le "interferenze" ci sono da qualsiasi
            punto di vista si guardi la cosa.No, i non credenti non ti minacciano di dannazione eterna se usi o no il preservativo e non ti bollano come nemico.
            Se un cristiano non ti accetterà per come sei e
            non ti amerà comunque, qualunque sia il tuo
            pensiero, non è un vero cristianoBeh allora il mondo e' davvero pieno di questi falsi cristiani.

            Che avevano uno

            spinto desiderio di potere, volevano comandare

            loro - cosa che alla fine ottennero.
            I cristiani corrotti pensavano al potere. Quelli
            veri no.Ma quelli al comando, per quanto "falsi", comandano e dettano dottrina. I miti francescani no.
            Tirare in ballo le mele marce è facile.Anche perche' sono moltissime.

            Gli atei non perseguitano nessuno.
            Attualmente neanche i religiosi.Beh non i cattolici romani per lo meno

            Beh, cosa vuoi, e' la Chiesa stessa a sostenere

            che l'A.T. sia parola del Signore, mica noi.
            Non è mai caduto nel dimenticatoio.Chiedi ai cattolici se l'hanno mai letto. Oltre a te, quanti?
            Il Nuovo Testamento non è che ha radici più
            umanistiche e allora regge meglio il tempo. Il
            N.T. è una rivoluzione, questo è il punto.Bha, un miscuglio di leggende su Mitra e Dioniso, con una forte radice di idee dell'induismo di 4.000 anni fa, no non sono cosi' nuove, ancora attuali forse.
            Talmente grande che parla di un uomo che muore e
            risorge.M per favore.
            Però non ci credi e quindi per te non è
            successo. Ma anche se domani fosse spiegato
            scentificamente e venisse accolto come verità di
            scienza e diventasse un fatto assoluto e non di
            fede, scommetto che non lo accetteresti comunque.Bene, vediamo queste prove schiaccianti.
            A me il solo semplice dubbio che possa essere
            successo davvero (eh credo alle fiabe, lo so) mi
            basta per acettarlo.E non ti sembra troppo poco?Quindi se io ti racconto che ho Elvis nudo che baciava Carducci e tu hai il dubbio e lo accetti?
            Ma son vedute diverse, questo lo abbiamo capito.

            E si che si tratta sempre di parole del vostro

            dio, eppure la chiesa ne ha snaturato il senso.
            Mai "snaturato" nulla. Solo aggiornato. Alle
            volte in meglio alle volte in peggio. Più o meno
            comprensibilmente. Ma di "snaturato" non c'è
            nulla.Ehehe! Come no, la bibbia comanda "Non farti alcuna scultura, né immagine alcuna delle cose che sono lassù nel cielo o quaggiù sulla terra o nelle acque al di sotto la terra" e che ti fa il cristiano? un industria secolare di santini e crocifissi. http://it.wikipedia.org/wiki/Dieci_comandamentiMi preparo al seguito ridacchiando.
            Esageri. Come un ateo non brucerebbe me, un
            Cristiano non brucerebbe un libro.Muahahah!!!!!
            Se dovesse
            capitare, mi ripeto, quell'uomo non E' un
            Cristiano.Allora mi sa che nel vostro gruppo avete davvero da fare un po' di pulizia, ci sono troppi infiltrati, anche in tonaca.
            Qui esageri nuovamente. Un credente che fa...
            Chiesa voluta da Gesù, quella che aveva in mente,
            quella che è nascosta agli occhi di chi non la
            vuol vedere.Per questo stimo piu' te di un prete.Ma non ti sposo.
          • bit01 scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE


            Il problema è l'imposizione, non la religione in

            sé.
            Guarda pero' che la barriera e' sottile, dato che
            la tua religione e' un insieme di regole che
            avete avuto il mandato di fare proseliti.Il proselitismo impone qualcosa anche con l'uso della forza e questo molte volte è stato fatto. Ma da nessuna parte c'è scritto, nelle regole, di farlo. Gesù diceva di alzare i tacchi e girare le spalle se qualcuno non voleva ascoltarti, non di prenderlo a sassate. Tentiamo una volta per tutte di non fare di tutta un'erba un fascio. Se qualcuno ha osato interpretare queste regole a suo modo prendetevela con la persona/e inidacata/e non con la totalità. Se un calciatore di una squadra gioca male, non dovete recriminare la cosa alla squadra ma al giocatore singolo, tuttalpiù all'allenatore che gli ha detto di fare così (insomma prendetelo così 'sto esempio banale che è l'unico che m'è venuto in mente!). Nella Chiesa molti hanno giocato male e molti sono stati dei campioni.
            Ma quelli al comando, per quanto "falsi",
            comandano e dettano dottrina. I miti francescani
            no.Quelli hanno capito. Quella è la chiesa "ideale". Tanto è vero che trovano consensi e plausi anche da chi non condivide il loro credo (ecco i campioni...).

            Talmente grande che parla di un uomo che muore e

            risorge.

            A me il solo semplice dubbio che possa essere

            successo davvero (eh credo alle fiabe, lo so) mi

            basta per acettarlo.

            E non ti sembra troppo poco?
            Quindi se io ti racconto che ho Elvis nudo che
            baciava Carducci e tu hai il dubbio e lo accetti?No. Non mi sembra poco e c'è una certa differenza tra quello che dici tu e la speranza che una resurrezione può dare ad un uomo. Poi se ritieni che sia stupido io ti posso capire mica ti condanno, ma preferisco essere uno stupido, un credulone e agli occhi di qualcuno un ridicolo. Preferisco tutte queste cose al fidarmi invece cecamente dell'uomo e della sua ragione. L'universo non è stato creato dall'uomo e tutto quello che ci sta dentro neppure. Qualsiasi cosa sia è più grande di me e io non posso comprenderla e nemmeno capirla fino in fondo. C'è chi lo chiama caos e così ha risolto il suo problema. Tutto torna, Dio non c'è e io sono tranquillo. Un giorno mi spegnerò e tanti saluti. Sono un processo vivente qualsiasi al pari di albero o di una formica. Non esiste l'anima perchè gli scienziati mi hanno detto che non l'hanno mai trovata, non esiste nulla, tranne me: un essere super-evoluto rispetto alla media che nasce e muore. Punto. Il mio vivere allora cos'è? Il mio vivere è una cosa inutile, un inutile, assurdo scherzo del caos.Io continuo a volermi sentire uno stupido se questa è l'alternativa.Vi prego: lo chiedo agli atei convinti, non voglio fare polemica, è una domanda che mi gira in testa da molto e che forse ho l'occasione di fare ora: che senso date alla vostra vita? Cioè che spigeazione date alla vostra esistenza e alla consapevolezza che abbiamo (come esseri umani intelligenti) di quello che ci sta attorno? Ha un senso o è un puro caos come ho scritto io? Sbaglio a ritenerlo tale? Quello che ho scritto sopra lo condividete o no? O c'è dell'altro? Ripeto: non voglio provocare, vorrei capire, perchè a 'sta cosa non riesco a rispondermi da solo.
            Ehehe! Come no, la bibbia comanda "Non farti
            alcuna scultura, né immagine alcuna delle cose
            che sono lassù nel cielo o quaggiù sulla terra o
            nelle acque al di sotto la terra" e che ti fa il
            cristiano? un industria secolare di santini e
            crocifissi.
            http://it.wikipedia.org/wiki/Dieci_comandamenti

            Mi preparo al seguito ridacchiando.Quanti c'hanno mangiato sui santini. Ricordo a San Pietro, al Giubileo, o vicino alla chiesa di Loreto cosa ce n'era di baracchini. O a San Giovanni Rotondo dopo la beatificazione di Padre Pio. Sembrava Porta Portese. Che ti devo dire? Gesù fuori dal Tempio ha preso a calci bancarelle e mercanti! Alle volte manca pure a me qualcuno che lo faccia. Perchè poi qualcuno in realtà ci campa con quei santini, però...
            Allora mi sa che nel vostro gruppo avete davvero
            da fare un po' di pulizia, ci sono troppi
            infiltrati, anche in tonaca.Giusto, vero ma se ti fermi a giudicare il "gruppo" da questi sbagli, e alla grande. Se poi vuoi vedere solo quello che ti comoda, fai te.
            Per questo stimo piu' te di un prete.Io stimo molti preti e molte suore con cui ho condiviso negli anni quello che fin qui ho detto. Gente in gamba, te lo garantisco. Gente che è valsa la pena di incontrare nella vita. Sarà stata fortuna.
          • Anonimo scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
            - Scritto da: bit01Premetto sono un altro.
            Ma da nessuna parte c'è scritto, nelle
            regole, di farlo. Gesù diceva di alzare
            i tacchi e girare le spalle se qualcuno
            non voleva ascoltarti, non di prenderlo
            a sassate. Tentiamo una volta per tutte
            di non fare di tutta un'erba un fascio. Se
            qualcuno ha osato interpretare queste
            regole a suo modo prendetevela con la
            persona/e inidacata/e non con la totalità. Scusa : perche non l'avete fermato ?? Gli avete permesso di far illuminare di tale oscura luce tutto il vostro credo e la vostra organizzazione ?La metafora mi piace, e ti chiedo : ma l'allenatore cosa faceva quando la squadra giocava male ? E quelli che giocavano bene ?Io vedo 2 possibilita' in questo : tutti erano daccordo, quindi la chiesa nella sua maggioranza e' stata daccordo nel fare cose orribili e si merita tutto il biasimo.Oppure c'erano solo pochi elementi cosi', ma a cui e' stato permesso dagli altri di bruciare, uccidere, distruggere intere culture; comunque la chiesa in se' anche fosse stata contraria a questi atti non ha mai fatto nulla per dimostrare la sua contrarieta'.Quindi non vi potete lamentare se siete in serie B e nessuno viene piu' allo stadio a vedervi : avete giocate male tutti o ve ne siete fregati di mantenere il controllo su coloro che giocavano male.Se ora siete in B e' evidente che i campioni non erano abbastanza rispetto ai cattivi elementi.

            Ma quelli al comando, per quanto "falsi",

            comandano e dettano dottrina. I miti

            francescani no.
            Quelli hanno capito. Quella è la chiesa
            "ideale".
            Tanto è vero che trovano consensi e plausi
            anche da chi non condivide il loro credo
            (ecco i campioni...).Infatti, slegati dalla squadra principale, quasi che ne fossero schifati, ma qui o si forma un'altra squadra o si sistema quella che si ha, se volete che la squadra venga considerata, altrimenti si ricorderanno pochi campioni di un sistema che bruciava e uccideva.

            Quindi se io ti racconto che ho Elvis

            nudo che baciava Carducci e tu hai

            il dubbio e lo accetti?
            No. Non mi sembra poco e c'è una certa
            differenza tra quello che dici tu e la
            speranza che una resurrezione può dare
            ad un uomo. Poi se ritieni che sia stupido
            io ti posso capire mica ti condanno, ma
            preferisco essere uno stupido, un credulone
            e agli occhi di qualcuno un ridicolo.Personalmente non ritengo che sia stupido: solo indice di una grande paura.
            Preferisco tutte queste cose al fidarmi
            invece cecamente dell'uomo e della sua
            ragione.Eppure ti fidi di uomini che hanno scritto un libro... Interessante, continuo a non capire la differenza tra te ed un raeliano.(Spero che non trovi il paragone offensivo).
            Qualsiasi cosa sia è più grande di me e
            io non posso comprenderla e nemmeno
            capirla fino in fondo. Questo non lo capisco : penrche' escludi aprirosticamente che l'uomo possa penetrare nei segreti dell'universo fino a comprenderli tutti ? Un giorno lontano ed evitando di autodistruggersi prima ovviamente :-)
            C'è chi lo chiama caos e così ha risolto il
            suo problema. Tutto torna, Dio non c'è e
            [...Cut x colpa del limite dei 7000 caratteri]
            l'occasione di fare ora: che senso date alla
            vostra vita? Cioè che spigeazione date alla
            vostra esistenza e alla consapevolezza che
            abbiamo (come esseri umani intelligenti) di
            quello che ci sta attorno? Ecco la domanda che mi ha spinto a rispondere: si, personalmente ritengo che questo pianeta sia un granello di sabbia lanciato nello spazio, figurati le creature sopra quanto possono essere piccole e insignificanti.Viviamo, moriamo senza lasciare traccia tangibile, per quanto magare possiamo lasciare qualche segno che durera' per breve tempo sopra a questo piccolo granello...A te questo spaventa cosi' tanto ? Mi sembra che gli adepti delle varie religioni abbiano un estremo bisogno di ricordarsi continuamente che loro non sono solo una piccola massa genetica su un pianeta tra milioni di miliardi, ma solo i prescielti da una creatura superiore !Personalmente questo mi sembra solo un rifugio dalla terrorizzante sensazione di vuoto che una creatura ha nel momento in cui tenta di concepire la grandezza intorno a se. E tanto piu' si guarda all'esterno e tanto piu' questo spaventa, quindi posso capire i motivi psicologici che portano una persona a volete una mano amica ed infinitamente potente sulla spalla che ti indica l'infinito dicendoti "non preoccuparti io ti proteggo".Bhe, quest'immagine temo di trovarla piu' incredibile di tutti i film di fantascienza che ho visto messi insieme :-)
            Ha un senso o è un puro caos come ho
            scritto io? Sbaglio a ritenerlo tale? Quello
            che ho scritto sopra lo condividete o no?
            O c'è dell'altro?Lo condivido e aggiungo, se raccogli il coraggio e guardi il caos fino a pensare di essere parte di esso ti passano un po' delle paure che avevi all'inizio.
            Ripeto: non voglio provocare, vorrei capire,
            perchè a 'sta cosa non riesco a rispondermi
            da solo.

            Ehehe! Come no, la bibbia comanda

            "Non farti alcuna scultura, né immagine

            alcuna delle cose che sono lassù nel

            cielo o quaggiù sulla terra o nelle

            acque al di sotto la terra" e che ti fa il

            cristiano? un industria secolare di santini e

            crocifissi. http://it.wikipedia.org/wiki/Dieci_comandamenti

            Mi preparo al seguito ridacchiando.
            Quanti c'hanno mangiato sui santini.
            Ricordo a San Pietro, al Giubileo, o vicino
            alla chiesa di Loreto cosa ce n'era di
            baracchini. O a San Giovanni Rotondo
            dopo la beatificazione di Padre Pio.
            Sembrava Porta Portese. Che ti devo dire?
            Gesù fuori dal Tempio ha preso a calci
            bancarelle e mercanti! Alle volte manca
            pure a me qualcuno che lo faccia. Perchè
            poi qualcuno in realtà ci
            campa con quei santini, però... Mi sembra che si soffra di un po' di coerenza interna : "non uccidere" e si fanno i massacri, "caccia i mercanti dal tempio" si ma aspettache mi faccio ancora un po' di soldi....Permettete tutte queste cose, poi non lamentatevi che siete in serie B :-)

            Allora mi sa che nel vostro gruppo avete

            davvero da fare un po' di pulizia, ci sono

            troppi infiltrati, anche in tonaca.
            Giusto, vero ma se ti fermi a giudicare il
            "gruppo" da questi sbagli, e alla grande. Invece lo faccio, perche' e' evidente che il gruppo permette la circolazione anzi difende questi elementi.
            Se poi vuoi vedere solo quello che ti
            comoda, fai te.Mi sembra che lo stai facendo tu.

            Per questo stimo piu' te di un prete.
            Io stimo molti preti e molte suore con cui
            ho condiviso negli anni quello che fin qui
            ho detto. Gente in gamba, te lo garantisco.
            Gente che è valsa la pena di incontrare
            nella vita. Sarà stata fortuna.Forse sarebbero stati in gamba senza rendersi complici di
          • bit01 scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE

            Io vedo 2 possibilita' in questo : tutti erano
            daccordo, quindi la chiesa nella sua maggioranza
            e' stata daccordo nel fare cose orribili e si
            merita tutto il biasimo.
            Oppure c'erano solo pochi elementi cosi', ma a
            cui e' stato permesso dagli altri di bruciare,
            uccidere, distruggere intere culture; comunque la
            chiesa in se' anche fosse stata contraria a
            questi atti non ha mai fatto nulla per dimostrare
            la sua contrarieta'.
            Quindi non vi potete lamentare se siete in serie
            B e nessuno viene piu' allo stadio a vedervi :
            avete giocate male tutti o ve ne siete fregati di
            mantenere il controllo su coloro che giocavano
            male.Insomma per me la cosa è un po' più complessa. L'esempio del calcio infatti arriva fino ad un certo punto. E' come in politica: quelli che comandano (lasciate perdere dx e sx voglio fare un discorso generico) NON sono per forza i migliori. Però offuscano quelli che idee brillanti e condivise invece ne hanno. Però è difficile soverchiare in quattro e quattr'otto un sistema per sbagliato che sia. Nemmeno in 2000 anni. Si può migliorare ma anche ricadere giù.A dirla tutta io non so che pensate di Giovanni Paolo II ma per me è stato uno dei "campioni" della Chiesa moderna. Quello che doveva/poteva fare l'ha fatto bene. Questo è quello che penso. Poi levatevi dagli occhi le immagini del suo funerale con la gente che lo fotografava. Quelli, se erano Cristiani hanno fatto una gran bella porcheria. Era meglio restassero a casa a dire una preghiera piuttosto, non è stato un bello spettacolo.
            Infatti, slegati dalla squadra principale, quasi
            che ne fossero schifati, ma qui o si forma
            un'altra squadra o si sistema quella che si ha,
            se volete che la squadra venga considerata,
            altrimenti si ricorderanno pochi campioni di un
            sistema che bruciava e uccideva.La squadra non può essere cambiata. Le orgini sono Gesù e San Pietro in primis. Da lì deriva la Chiesa attuale. Non si può rinnegare questa vera origine nemmeno con tutte le porcherie commesse da chi la Chiesa l'ha voluta diversa. Ma i francescani han fatto grandi cose lo stesso, senza ribellione vera e propria.Come dire: quei quattro, cinque campioni pur non avendo una squadra ecellente hanno fatto cose superlative, memori dell'insegnamento di grandi ex allenatori.
            Personalmente non ritengo che sia stupido: solo
            indice di una grande paura.
            Eppure ti fidi di uomini che hanno scritto un
            libro... Interessante, continuo a non capire la
            differenza tra te ed un raeliano.
            (Spero che non trovi il paragone offensivo).E' indice di una grande speranza invece. Prendi un uomo malato. Può pensare che è finita, che non si salverà. Che quella malattia è la fine e mettersi lì a non avere altro che fare che aspettare. Oppure morire prima del tempo per la paura che si prende anche gli ultimi istanti di vita rimasti e giocarseli soffrendo ancora di più. Oppure trovare la speranza di salvarsi. Chi ci dice che è impossibile? Il medico? Chi ti dice che sei finito del tutto? Come possono dirlo? Ti danno del pazzo anche gli amici a pensare una cosa del genere. Il Cristiano "non si mette il cuore in pace". Il Cristiano trasmette la sua fiducia e tenta di non mollare mai. La disperazione, diceva una volta una persona, non è dei Cristiani (veri).I medici di oggi non sanno nemmeno dire se tuo figlio sarà maschio o femmina. Se nascerà sano o malato. So di casi in cui hanno sbagliato convinti della loro "professionalità" ed "esperienza". Hanno consigliato di abortire a ragazze/donne che hanno poi avuto un figlio sano. Ragazzi non sono balle. Ho davantio agli occhi le persone che me l'hanno detto. E io dovrei fidarmi quindi? Eppure la scienza...(Ah, i Raeliani non sapevo chi erano, ho dovuto leggermi qualcosa...)
            Questo non lo capisco : penrche' escludi
            aprirosticamente che l'uomo possa penetrare nei
            segreti dell'universo fino a comprenderli tutti ?
            Un giorno lontano ed evitando di autodistruggersi
            prima ovviamente :-)Perchè i misteri sono infiniti (come questo thread...!!) e ai più semplici non ci siamo neancora arrivati. Se poi aggiungi il fatto che mi hai detto di sostenere la teoria del caos... beh allora nel caos la ragione e le leggi dell'uomo non trovano spazio. Perchè il caos, per essere tale, non ha appunto leggi.
            Ecco la domanda che mi ha spinto a rispondere:
            si, personalmente ritengo che questo pianeta sia
            un granello di sabbia lanciato nello spazio,
            figurati le creature sopra quanto possono essere
            piccole e insignificanti.
            Viviamo, moriamo senza lasciare traccia
            tangibile, per quanto magare possiamo lasciare
            qualche segno che durera' per breve tempo sopra a
            questo piccolo granello...
            A te questo spaventa cosi' tanto ? No. Mi lascia ancora una volta col dubbio che mi sto perdendo qualcosa. Che c'è qualcosa che non torna.
            Lo condivido e aggiungo, se raccogli il coraggio
            e guardi il caos fino a pensare di essere parte
            di esso ti passano un po' delle paure che avevi
            all'inizio.Se dovessi guardare l'infinito e rendermi conto che esiste solo il caos allora io, personalmente sarei perso. Dove mi potrei mai ritrovare nel caos? Come potrei dire: "io sono" senza una legge che dica: "tu sei"?
          • Anonimo scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
            - Scritto da: bit01

            Io vedo 2 possibilita' in questo : tutti

            erano daccordo, [...cut...]

            Oppure c'erano solo pochi elementi

            cosi', ma a cui e' stato permesso [...cut]

            Quindi non vi potete lamentare se siete

            in serie B [cut]
            Insomma per me la cosa è un po' più
            complessa.
            L'esempio del calcio infatti arriva fino ad
            un certo punto. E' come in politica: quelli
            che comandano (lasciate perdere dx e sx
            voglio fare un discorso generico) NON
            sono per forza i migliori. Però offuscano
            quelli che idee brillanti e condivise invece
            ne hanno. Però è difficile soverchiare in
            quattro e quattr'otto un sistema per
            sbagliato che sia. Nemmeno in 2000
            anni. Si può migliorare ma anche ricadere
            giù.Ma questo discorso si puo' fare anche del nazismo e di tutte le forme di governo piu' terribili ed esteme.
            A dirla tutta io non so che pensate di
            Giovanni Paolo II ma per me è stato
            uno dei "campioni" della Chiesa
            moderna. Quello che doveva/poteva
            fare l'ha fatto bene. Questo è quello che
            penso.Sono daccordo con la tua visione, anche io porto molto rispetto per Giovanni Paolo II, pur essendo non credente.
            Poi levatevi dagli occhi le immagini del
            suo funerale con la gente che lo fotografava.
            Quelli, se erano Cristiani hanno fatto una
            gran bella porcheria. Era meglio restassero
            a casa a dire una preghiera piuttosto, non è
            stato un bello spettacolo.E' un tipo di spettacolarizzazione che pero' sembra piacere molto alla chiesa, era tutto organizzato dalla chiesa stessa se non sbaglio.

            Infatti, slegati dalla squadra principale,

            quasi che ne fossero schifati, ma [...cut]
            La squadra non può essere cambiata. Le
            orgini sono Gesù e San Pietro in primis. Da
            lì deriva la Chiesa attuale. Non si può
            rinnegare questa vera origine nemmeno
            con tutte le porcherie commesse da chi
            la Chiesa l'ha voluta diversa.Ma non esiste mica solo la chiesa di Roma, non e' l'unica a definirsi erede di Gesù e San Pietro... Mi sorge un dubbio che gia' e' sorto quando ho letto piu' sotto che non conoscevi i raeliani.... Quanti tipo di assocuazioni religiose conosci ? Quante religioni conosci ?
            Ma i francescani han fatto grandi cose lo
            stesso, senza ribellione vera e propria.
            quattro, cinque campioni memori
            dell'insegnamento di grandi ex allenatori.In effetti pero' mi sembra che la gente comune consideri i francescani un po' a parte rispetto alla sacra romana chiesa.Ma forse e' una mia impressione.

            Personalmente non ritengo che sia

            stupido: solo indice di una grande paura.

            Eppure ti fidi di uomini che hanno scritto

            un libro... Interessante, continuo a non

            capire la differenza tra te ed un raeliano.

            (Spero che non trovi il paragone offensivo).
            E' indice di una grande speranza invece.
            Prendi un uomo malato. Può pensare che è
            finita, che non si salverà. Che quella malattia
            è la fine e mettersi lì a non avere altro che
            fare che aspettare. Oppure morire prima del
            tempo per la paura che si prende anche gli
            ultimi istanti di vita rimasti e giocarseli
            soffrendo ancora di più. Il Cristiano "non si
            mette il cuore in pace". Il Cristiano trasmette
            la sua fiducia e tenta di non mollare mai. La
            disperazione, diceva una volta una persona,
            non è dei Cristiani (veri).Anche il taoismo dice piu' o meno la stessa cosa, pur non tirando in ballo divinita', l'uomo non si deve arrendere, altrimenti non e' un uomo ma un oggetto o una bestia. In realta' e' l'istinto animale stesso, che abbiamo evoluto in varie forme di filosofia a portare le creaure viventi a non arrendersi finche' non sono morte.Riguardo alle guarigioni spontanee inspiegabili la casistica e' piuttosto distribuita tra credenti e non credenti... L'unica cosa che le accomuna e' una ferma e forte volonta' di guarire da parte della persona, sia che si rivolga a Dio sia che passi ore in palestra a fare shaolin, sappiamo che le capacita' di autoguarire dell'uomo sono spaventose.
            I medici di oggi non sanno nemmeno dire
            se tuo figlio sarà maschio o femmina. Se
            nascerà sano o malato. So di casi in cui
            hanno sbagliato convinti della loro
            "professionalità" ed "esperienza".Bhe, io so di casi in cui hanno indovinato, che sono la maggior parte, ultimamente con l'analisi del DNA si possono prevedere anche molte malattie e guarirne alcune ancora prima che il nascituro venga al mondo.Quanti bambini sono stati salvati dalla medicina moderta che sarebbero morti solo fino a 100 anni fa.
            (Ah, i Raeliani non sapevo chi erano, ho
            dovuto leggermi qualcosa...)Ecco, questo e' interessante... Ho notato che molti dei cattolici con cui ho parlato non conoscevano altre religioni, culti, ecc... Mentre io ne ho studiati diversi, tanto che quelli che non capisco e' : perche' dovrei essere cattolico e non raeliano ? O buddista ? O taoista ?Che differenza c'e' ?

            Questo non lo capisco : perche' escludi

            aprirosticamente che l'uomo possa

            penetrare nei segreti dell'universo fino

            a comprenderli tutti ?
            Perchè i misteri sono infiniti (come questo
            thread...!!) e ai più semplici non ci siamo
            neancora arrivati.Bhe, mi sembra che un po' di cose le abbiamo capite, e poi anche il tempo dell'uomo sembra parecchio lungo calcolando che almeno per i prossimi 5 miliardi di anni il sole dovrebbe reggere.
            Se poi aggiungi il fatto che mi hai detto di
            sostenere la teoria del caos... beh allora nel
            caos la ragione e le leggi dell'uomo non
            trovano spazio. Perchè il caos, per essere
            tale, non ha appunto leggi.Un aforisma vulcaniano dice che il caos e' quello che non abbiamo ancora capito, se avessimo tutti i dati quello che chiamiamo caos non esisterebbe.Ci vuole tempo per recuperare tutti i dati ed elaborarli nel modo giusto, ma ne abbiamo...

            Viviamo, moriamo senza lasciare [cut]

            A te questo spaventa cosi' tanto ?
            No. Mi lascia ancora una volta col dubbio
            che mi sto perdendo qualcosa. Che c'è
            qualcosa che non torna.Ti diro'... Questo dubbio cel'ho anche io, eper questo mi guardo intorno il piu' possibile cercando di interpretare e capire i meccanismi nascosti che muovono questo grande orologio.Se poi un giorno arrivera' dal cielo un omone con barba bianca che mi raccontera' di avermi creato lui... Bhe interessante, comincierei a chiedergli "e chi ha creato te ???".
            Se dovessi guardare l'infinito e rendermi
            conto che esiste solo il caos allora io,
            personalmente sarei perso. Dove mi potrei
            mai ritrovare nel caos? Come potrei dire:
            "io sono" senza una legge che dica: "tu sei"?"Io sono" per la filosofia e' l'unico concetto dimostrato.... Il resto potrebbe essere illusione, ma la consapevolezza di essere non puo' essere illusione... e' .....Partendo da questo presupposto quello che abbiamo intor
          • bit01 scrive:
            R:Non so xchè non sono di un altro credo

            Ma non esiste mica solo la chiesa di Roma,
            non e' l'unica a definirsi erede di Gesù e San
            Pietro... Mi sorge un dubbio che gia' e' sorto
            quando ho letto piu' sotto che non conoscevi i
            raeliani.... Quanti tipo di assocuazioni
            religiose conosci ? Quante religioni conosci ?Sono al corrente di molti credo diversi ma in quanto a "conoscerle" davvero posso risponderti di avere molte lacune.
            In effetti pero' mi sembra che la gente comune
            consideri i francescani un po' a parte rispetto
            alla sacra romana chiesa.
            Ma forse e' una mia impressione.No, erano un pò di parte davvero! Però non l'hanno mai rinnegata, hanno cercato di migliorarla. Ma pure i Domenicani, i Benedettini, ecc, insomma non sono i soli.


            Personalmente non ritengo che sia


            stupido: solo indice di una grande paura.


            Eppure ti fidi di uomini che hanno scritto


            un libro... [cut]

            Il Cristiano trasmette

            la sua fiducia e tenta di non mollare mai. La

            disperazione, diceva una volta una persona,

            non è dei Cristiani (veri).

            Anche il taoismo dice piu' o meno la stessa cosa,
            pur non tirando in ballo divinita', l'uomo non si
            deve arrendere, altrimenti non e' un uomo ma un
            oggetto o una bestia[cut]
            sappiamo che le capacita' di autoguarire
            dell'uomo sono spaventose.Scusa, l'esempio del malato era una similitudine. Cioè se la vita è la "malattia" che ci porterà alla morte, io esprimevo vari modi di affrontarla. Rileggendolo mi pareva fosse più chiaro... boh, fa lo stesso!

            (Ah, i Raeliani non sapevo chi erano, ho

            dovuto leggermi qualcosa...)
            Ecco, questo e' interessante... Ho notato che
            molti dei cattolici con cui ho parlato non
            conoscevano altre religioni, culti, ecc... Mentre
            io ne ho studiati diversi, tanto che quelli che
            non capisco e' : perche' dovrei essere cattolico
            e non raeliano ? O buddista ? O taoista ?
            Che differenza c'e' ?Vedi risposta precedente. Le lacune le ho. Io ho scelto di essere Cristiano (ma scegliere non è la parola giusta - non sei tu che scegli. Non è come scegliere una macchina oppure un'altra solo per gli optionals o il colore). All'inizio come a tutti la cosa è nata dalla mia famiglia che mi ha battezzato e tutto il resto, fino alla cresima. A me fregava pochino e non chiedetemi quante cose relamente capivo di quelle che mi accadevano. Poi mi son allontanato pur andando a messa la domenica (le morose, la scuola, i motorini, il computer, gli amici, ecc. Avevo altre priorità). Poi ho scelto un'estate di far l'animatore per alcuni bambini (giocare a calcio, serate assieme, ecc) e di partecipare a molti incontri, campi, gruppi, ecc. Ma ci stavo bene perchè tutti gli amici erano lì, un periodo d'oro in cui mi son divertito un mondo. Da lì molti han scelto di proseguire. Son diventati animatori o catechisti sul serio e hanno cominciato a impegnarsi seriamente nella Chiesa. Io me ne sono andato come pochi altri. Ho scelto di non impegnarmi. Al bivio, io ho girato dall'altra parte perchè non mi sentivo pronto, non ero, diciamo, "preso" come gli altri. Siam rimasti amici e ci vediamo spesso anche ora ma all'epoca non li seguii. E da quegli anni in poi ho maturato tutte queste cose che vi ho detto un po' per volta, con la voglia e il bisogno di confrontarmi. Necessità che è venuta fuori nell'adolescenza come un vulcano. L'adolescenza adesso è se n'è bella che andata, il vulcano per fortuna non s'è spento.Perchè non sono di un'altra religione? Ah, non so proprio risponderti. Ripeto: non sono io che l'ho cercata leggendomi un libro e scegliendo il modello migliore. Il credo (o il non-credo) nasce da dentro. Se te lo impongono (e pure io ci sono passato) diventa puro odio. Pura ribellione. Miscuglio molto pericoloso.Io ho avuto la fortuna di poter girare i tacchi e salutare tutti per poi ritornare sui miei passi anni dopo spinto da una mia interiore necessità. Se avessi dovuto seguire un "modus vivendi"... beh, non so cosa sarei.. non posso dirlo, però forse non sarei in pace con me stesso e nemmeno libero come sono ora.
            Un aforisma vulcaniano dice che il caos e' quello
            che non abbiamo ancora capito, se avessimo tutti
            i dati quello che chiamiamo
            caos non esisterebbe.L'incontrare Dio (se e quando capiterà) equivarrà per me ad avere tutti i dati in mano.
            Ti diro'... Questo dubbio cel'ho anche io, e
            per questo mi guardo intorno il piu' possibile
            cercando di interpretare e capire i meccanismi
            nascosti che muovono questo grande orologio.Magari ce ne fosse di più di gente che s'interroga! Basterebbe solo più gente curiosa e mai sazia di conoscenza!
            Se poi un giorno arrivera' dal cielo un omone con
            barba bianca che mi raccontera' di avermi creato
            lui... Bhe interessante, comincierei a chiedergli
            "e chi ha creato te ???".Domanda interessante s'instaurerebbe un gran bel dialogo!

            Se dovessi guardare l'infinito e rendermi

            conto che esiste solo il caos allora io,

            personalmente sarei perso. Dove mi potrei

            mai ritrovare nel caos? Come potrei dire:

            "io sono" senza una legge che dica: "tu sei"?

            "Io sono" per la filosofia e' l'unico concetto
            dimostrato.... Il resto potrebbe essere
            illusione, ma la consapevolezza di essere non
            puo' essere illusione... e' ........la consapevolezza di essere è la chiave di lettura dell'intera nostra vicenda umana. Senza quella dell'intelligenza non sapremo che farcene.
          • Anonimo scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
            - Scritto da: bit01
            Se
            qualcuno ha osato interpretare queste regole a
            suo modo prendetevela con la persona/e
            inidacata/eLe persone indicate portano la maglietta della vostra squadra, capisco che non gliele hai date tu, pero'...
            Nella Chiesa molti hanno giocato male e molti
            sono stati dei campioni.Ma tutti i giocatori hanno detto che hanno giocato come hanno giocato perche' dio era con loro. Una squadra che ha biasimato i falli e li ha fatti sistematicamente. E ha modificato le regole durante la partita, per salvaguardare questo o quello o falli ed errori passati. Non solo, ha letteralmente formato una tifoseria, usando i bambini altrui e investendoli di spirito di squadra che altrimenti non avrebbero sviluppato. Se ne ricava una squadra con pretese di eccellenza elevatissime non corrispondenti pero' ai risultati. O per dirla meglio, i risultati etici di cui si fa bandiera, sono discutibili, altelenanti nella quantita' e nella qualita' e per giunta legati piu' ai campioni che alla squadra, risultati politici della associazione invece, enormi.
            Il mio vivere allora cos'è?
            Il mio vivere è una cosa inutile, un inutile,
            assurdo scherzo del caos.E se fosse? Ecco il nichilismo cristiano contro cui Nietzsche tuonava di rabbia. Se non c'e' Dio non c'e' senso, dice il cristiano. E allora tu e io e la nostra plurimillenaria cultura umana che siamo, sterco? Orsu', riscopriamo l'uomo, ecce homo, diceva. Beh, detta in soldoni. Comunque questa e' una enorme differenza filosofica di vedute tra cristiani e no.A me esalta pensare cheabbiamo scoperto agricoltura fuoco scrittura e viaggi spaziali.Fico. Merito dei nostri nonni, gente sveglia. Esseri umani come noi, che hanno dimostrato di cosa sono capaci.
            Io continuo a volermi sentire uno stupido se
            questa è l'alternativa.Ovvio, per te l'alternativa e' negativa, non c'e' dio e quindi la vita e' inutile. Ma perche' mai? Hai bisogno di Dio per vivere in armonia con gli altri, avere cura della tua famiglia e cercare di avere una esistenza terrena serena? Pazienza se muori e tutto finisce, quello che hai fatto (figli, lavoro, scritti) ti sopravvivera'.
            Vi prego: lo chiedo agli atei convinti,Atei convinti? :)
            non
            voglio fare polemica, è una domanda che mi gira
            in testa da molto e che forse ho l'occasione di
            fare ora: che senso date alla vostra vita?Io alla mia, nessuno. Non per questo uccido la gente. La vita va rispettata, ma cercarne un senso e' tempo perso. Perche' la vita dovrebbe avere senso? Ha senso che io abbia un neo sulla gamba? No, esiste, e' li', le cose accadono. Lo accetto e basta.
            Cioè
            che spigeazione date alla vostra esistenza e alla
            consapevolezza che abbiamo (come esseri umani
            intelligenti) di quello che ci sta attorno?Per ora l'ipotesi piu' accreditata e' quella evolutiva, ma non ci fosse, non ricorrerei alla volonta' di un essere superiore come alternativa. Perche' non avrebbe piu' giustificazione di attribuire la nostra esistenza alle rane spaziali. E infatti per qualcuno e' cosi', siamo figli di alieni. I credenti dicono che il fatto che tutto sia frutto del caso e' assurdo, e lo dicono perche' vedono un mondo cosi' perfetto ed articolato che - dicono - non puo' essere frutto del caso, ma di un disegno superiore. Ma non e' un mondo perfetto, e' un mondo che muta, instabile, che ha spazzato via miliardi di vite umane animali e vegetali, ricco di sofferenza e morte. Se c'e' un disegno superiore, e' un disegno parecchio brillante per gli infiniti i dettagli, ma estremamente malvagio.
            Ha un
            senso o è un puro caos come ho scritto io?
            Sbaglio a ritenerlo tale?Non sbagli (ovviamente IMHO) a ritenerlo tale, sbagli nel dargli una accezione negtiva anzicche' neutra. L'esistenza non e' inutile solo perche' sorta dal caso. Capisco che sia duro da accettare; credere che siamo figli di una divinita' che ci ha davvero desiderato e voluto e ci sosterra' nell'affrontare la morte - e anzi ce la fara' addirittura superare, e' certo piu' bello ed appagante. Nascere dal nulla e divenire nulla, in fondo non e' bello come venire dalla mente di un dio come l'atto finale di un antico e lungo progetto e poi andare in paradiso.
            Quello che ho scritto
            sopra lo condividete o no? O c'è dell'altro?Boh, chissa', lo scopriremo, ma in fondo non ha senso arrovellarsi su domande senza risposte - o con risposte di comodo - per il momento viviamo bene.
          • bit01 scrive:
            R: 2 persone che vedendo lo stesso video
            (Ho cercato di dare un titolo alle risposte solo per ritrovarmi un pò meglio. Forse dovevo farlo prima...)

            Il mio vivere allora cos'è?

            Il mio vivere è una cosa inutile, un inutile,

            assurdo scherzo del caos.
            E se fosse? Ecco il nichilismo cristiano contro
            cui Nietzsche tuonava di rabbia. Se non c'e' Dio
            non c'e' senso, dice il cristiano. E allora tu e
            io e la nostra plurimillenaria cultura umana che
            siamo, sterco?No, siamo qualcosa di ben più grande. Però se non c'è senso nel nostro essere allora la fine è la stessa dello sterco

            Io continuo a volermi sentire uno stupido se

            questa è l'alternativa.
            Ovvio, per te l'alternativa e' negativa, non c'e'
            dio e quindi la vita e' inutile. Ma perche' mai?
            Hai bisogno di Dio per vivere in armonia con gli
            altri, avere cura della tua famiglia e cercare di
            avere una esistenza terrena serena?No, per vivere in armonia non c'è necessariamente bisogno di Dio, anzi, tu mi confermi che molti vivono meglio se di Dio non se ne parla. Però non è che l'alternativa è negativa perchè lo dico io. E' negativa ai miei occhi perchè è triste, non dà un valore e un significato all'esistenza,la banalizza ad un semplice ciclo. Poi si può essere ottime persone magari meglio di tanti religiosi che si professano nel giusto.
            Pazienza se muori e tutto finisce, quello che hai fatto
            (figli, lavoro, scritti) ti sopravvivera'.Quanto? Mille anni? Un milione? Un miliardo? E poi?Io parlo di infinito, quando parlo di vita dell'anima o di vita oltre la morte. Io mi accorgo che in ogni cosa che l'uomo cerca, trova l'infinito? Non vi sembra forse che sia quella la sua meta e non il "finito" del quale siamo ricoperti?

            Vi prego: lo chiedo agli atei convinti,
            Atei convinti? :)Hemm...sì non è stata una gran frase... :)) E' che ci sono atei per "comodità" dico io, cioè credono in realtà a qualcosa ma per non svegliarsi alla domenica per andare a messa o per non affrontare dei discorsi complicati si dichiarano atei. Insomma non vogliono scombussolare la loro relatà. Ti dicono che secondo loro un Dio, in fondo c'è, ma chissà, non so.. ecc. Insomma non son convinti però gli stai sulle scatole. Poi però si tengono tutti i sacramenti (perchè?), si sposano in chiesa perchè fa bello (il vestito, i fiori) senza interrogarsi, senza capirne niente e senza sapere il significato dei gesti che stanno facendo. Ecco chi sono gli atei, secondo me, non pienamente convinti della loro scelta. Io parlavo a quelli doc (passami l'espressione per 'sta volta.)
            Non per questo uccido la
            gente. La vita va rispettata, ma cercarne un
            senso e' tempo perso. Perche' la vita dovrebbe
            avere senso?Cercarne il senso è l'unica cosa che dovremmo fare invece. Ci vengono date tutte le carte in regola per farlo (intelligenza, consapevolezza, curiosità, ecc) e siamo gli unici a poterlo fare. E noi liquidiamo il tutto dicendoci che cercare il senso della nostra vita è tempo perso?? E come se non ci fosse stato chiesto che questo con i mezzi che ci ritroviamo!
            ...non puo' essere frutto
            del caso, ma di un disegno superiore. Ma non e'
            un mondo perfetto, e' un mondo che muta,
            instabile, che ha spazzato via miliardi di vite
            umane animali e vegetali, ricco di sofferenza e
            morte. Se c'e' un disegno superiore, e' un
            disegno parecchio brillante per gli infiniti i
            dettagli, ma estremamente malvagio.E' vero. Il mondo è imperfetto, pieno di malvagità, instabile. La differenza è che chi crede, tra le pieghe di questa realtà così cupa ci vede delle immagini di qualcosa di stupendo. Come se guardando un video distorto e incomprensibile, sulla TV, talvolta appaiano delle immagini di qualcosa di meraviglioso, piene di colori e luminose. C'è chi le vede e chi no. Chi è sicuro e chi dice che si è trattato solo di un'altra interferenza. Però di quelle immagini qualcuno s'innamora e comincia a guardare il video con occhi diversi e qui ci incontriamo io e te. Due persone che pur vedendo lo stesso video, provano cose totalmente differenti.(Ho tagliato la parte finale credendo di aver già risposto in questi ultimi commenti)
        • Anonimo scrive:
          Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Falso, i celiachi possono fare la Comunione

          avvisando preventivamente il sacerdote.



          Te lo assicuro perche' un bambino che ha fatto
          la

          Prima Comunione quest'anno con mio figlio e'

          malato di celiachia e per lui c'era un'ostia

          apposita.

          Appunto. Hai confermato che la transustanziazione
          (mutamento di sostanza) non avviene.Voi "illuminati" invece credete alla "transustanziazione" delle scimmie in esseri umani...
          • Anonimo scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo


            Falso, i celiachi possono fare la Comunione


            avvisando preventivamente il sacerdote.





            Te lo assicuro perche' un bambino che ha fatto

            la


            Prima Comunione quest'anno con mio figlio e'


            malato di celiachia e per lui c'era un'ostia


            apposita.



            Appunto. Hai confermato che la
            transustanziazione

            (mutamento di sostanza) non avviene.


            Voi "illuminati" invece credete allaNo, non ci crediamo, abbiamo i reperti arechelogici, cosa che tu non hai, se non dei libri rimaneggiati per secoli dalla chiesa.
            "transustanziazione" delle scimmie in esseri
            umani... Sempre meglio un parente scimmia di uno che crede alle fiabe. E paga chi le racconta.
          • Anonimo scrive:
            Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo



            Falso, i celiachi possono fare la Comunione



            avvisando preventivamente il sacerdote.







            Te lo assicuro perche' un bambino che ha
            fatto


            la



            Prima Comunione quest'anno con mio figlio e'



            malato di celiachia e per lui c'era un'ostia



            apposita.





            Appunto. Hai confermato che la

            transustanziazione


            (mutamento di sostanza) non avviene.





            Voi "illuminati" invece credete alla

            No, non ci crediamo, abbiamo i reperti
            arechelogici, cosa che tu non hai, se non dei
            libri rimaneggiati per secoli dalla chiesa.


            "transustanziazione" delle scimmie in esseri

            umani...

            Sempre meglio un parente scimmia di uno che crede
            alle fiabe. E paga chi le racconta.Sì, e le scimmie che sono rimaste scimmie cosa sono, i figli della serva ?
    • Anonimo scrive:
      Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
      E' possibile partecipare all'eucarestia anche solo bevendo il Sangue di Cristo, non è necessario assumere l'Ostia.Ma queste credo che siano precisazioni che a chi è interessato solo a denigrare la Chiesa, intesa non solo come istituzione ma piuttosto come comunità di fedeli, poco interessino.
      • Anonimo scrive:
        Re: SEMPRE SU FEDE E RAGIONE
        - Scritto da: Anonimo
        E' possibile partecipare all'eucarestia anche
        solo bevendo il Sangue di Cristo, non è
        necessario assumere l'Ostia.Eccone un altro che si beve letteralmente il suo dio insieme alle favole che gli raccontano.
        Ma queste credo che siano precisazioni che a chi
        è interessato solo a denigrare la Chiesa, intesa
        non solo come istituzione ma piuttosto come
        comunità di fedeli, poco interessino.Credi, credi, e' quello che sai fare meglio.
  • Anonimo scrive:
    FIDES ET RATIO
    Fede e ragione non potranno mai andare d'accordo. La fede ti dice di credere senza sapere, anzi meno sai più merito ha la tua fede. Lo disse Gesù a Tommaso, ricordate? "Tu hai visto e hai creduto, beati quelli che crederanno senza aver visto".Ovviamente una simile posizione è fortemente irrazionale e antiscientifica. La fede è un sentimento che nessuno vuol togliere alla gente. Ma chi ha fede, ed in particolare le alte gerarchie ecclesiastiche (ammesso e non concesso che abbiano fede, s'intende), non dovrebbero, in base a quello che è semplicemente un sentimento umano, cercare in tutti i modi di imporre a credenti e non credenti l'etica religiosa, insistendo affinché si facciano leggi o non si facciano, entrando quindi in politica come se la fede possa essere qualcosa di oggettivo e inopinabile.Distinguiamo anche tra scienza e tecnologia. La scienza è un po' come lo Spirito Santo, soffia dove vuole, insomma indaga in tutte le direzioni (se non ci sono chiese, governi o multinazionali a ingabbiarla). Altra cosa è la tecnologia. E' la tecnologia che ha prodotto la bomba atomica, ma la stessa tecnologia ha prodotto i vaccini, gli antibiotici, la penicillina.La vita media nei paesi occidentali arriva oggi ad 80 anni, mentre secoli fa era intorno ai 35-40 anni (com'è oggi nei paesi poveri, il cosiddetto sud del mondo). E se la vita si è allungata, anzi è raddoppiata, lo dobbiamo alla scienza e alla tecnologia, non alle preghiere.L'etica non va applicata alla scienza, ma alla tecnologia. Chi mette in pratica le scoperte scientifiche dovrebbe farlo con senso etico. Quindi non bombe ma medicinali, ad esempio.Poi vorrei capire una cosa. Come mai la Chiesa Cattolica è così fissata col sesso? Si fanno crociate contro i gay, non si fanno manifestazioni cattoliche contro le guerre. Anzi, alle parate militari c'è sempre un bravo vescovo o cardinale in prima fila.Che senso morale è questo? E Gesù, ve lo siete proprio dimenticato del tutto? Ne parlate tanto, ogni parola, ogni frase è piena di Cristo qua e Cristo là, ma poi all'atto pratico pensano solo ed esclusivamente al sesso, sesso, sesso. Mah!
    • Anonimo scrive:
      9 --
    • Anonimo scrive:
      Re: FIDES ET RATIO
      a proposito:http://www.minerva.unito.it/Bollettino2002/Bollettino%2013/bollettino%2013.html#Zichichipunto "omissioni".
    • Anonimo scrive:
      Re: FIDES ET RATIO
      Cerca il Catechismo della Chiesa Cattolica, Compendio.Trovi risposta alle tue domande.Se non vuoi spendere 9,50 euro puoi guardare qui http://www.vatican.va/archive/ITA0014/_INDEX.HTM ma e' il Catechismo integrale, meno facile.
      • Anonimo scrive:
        Re: FIDES ET RATIO
        - Scritto da: Anonimo
        Cerca il Catechismo della Chiesa Cattolica,
        Compendio.

        Trovi risposta alle tue domande.Queste sono fanfaronate cucite apposta per allocchi, dicono tutto ed il contrario di tutto e non spiegano ma celano nelle pieghe delle parole le loro incongruenze. E dove nemmeno quelle sono celabili, ecco che "bisogna credere" "avere fede".
    • Anonimo scrive:
      Re: FIDES ET RATIO

      manifestazioni cattoliche contro le guerre. Anzi,
      alle parate militari c'è sempre un bravo vescovo
      o cardinale in prima fila.
      Che senso morale è questo? E Gesù, ve lo siete
      proprio dimenticato del tutto?Gesu' e la sua dottrina e' una scusa e un feticcio di un movimento politico travestito da religione.Quando occorre si tira fuori, altrimenti i dogmi non devono interferire con il potere.
      Ne parlate tanto,Si per farti rigare dritto, in questo e' utilissimo.
  • avvelenato scrive:
    darwin
    prendano una posizione anche sulla teoria evolutiva, tanto osteggiata da molti teocon!
    • Gatto Selvaggio scrive:
      Re: darwin

      prendano una posizione anche sulla teoria
      evolutiva, tanto osteggiata da molti teocon!In realtà l'han presa. A me che ho son stato a scuola dai preti han sempre insegnato la teoria dell'evoluzione dicendo che il racconto della creazione va inteso come una metafora.La chiesa cattolica ha sempre cercato un difficoltoso confronto con la logica, con maggiore o minor successo, e da un certo punto in poi anche con la scienza: ma fra gli americani vige un vago cristianesimo popolare che fa tutto un pastone di Dio, Babbo Natale, Coca Cola e pena di morte, utilissimo a tener buona la gente compattandola intorno ai Valori Americani. Ha successo, quindi pure peso politico, e la chiesa sia cattolica che protestante, pur non condividendone sempre le posizioni, non lo sconfessa apertamente perché sempre pur di gregge del Signore si tratta.
      • Anonimo scrive:
        Re: darwin

        ma fra gli americani
        vige un vago cristianesimo popolare che fa tutto
        un pastone di Dio, Babbo Natale, Coca Cola e pena
        di morte, utilissimo a tener buona la gente
        compattandola intorno ai Valori Americani.Ah, questa giovane e inesperta nazione di provincialotti che è l'america! Cosa ti aspetti da loro?Non sono riusciti nemmeno a fare fronte ad un uragano!Noi italioti invece forti della (quasi)trimillenaria cultura dell'Impero Romano, della bimillenaria tradizione della chiesa, padri dell'Umanesimo e Rinascimento, ancora intrisi dall'aureo ardore Risorgimentale, noi che abbiamo vissuto la costruzione della prima Repubblica fondata sul lavoro e che ripudia la guerra e poi della seconda Repubblica fondata sulla lotta agli sprechi ed al clientelismo, all'alba di una terza Repubblica fondata sul rodimento contro silvio, noi italioti, dall'alto di cotanta Storia abbiamo tanto da insegnare a codesti provincialotti...noi abbiamo ancora i baraccati del terremoto dell'Irpinianoi paghiamo ancora tasse per la spedizione in Albania della seconda guerra mondialenoi siamo quelli che fanno emigrare i cervellie siamo anche quelli che non sono riusciti ad integrare gli immigrati, al contrario di quanto sono stati capaci di fare un secolo fa gli statunitensi, i canadesi, gli australiani...noi si che siamo coltinoi si che siamo furbinoi si che abbiamo da insegnare agli americani!
        • Anonimo scrive:
          Re: darwin
          - Scritto da: Anonimo
          noi si che abbiamo da insegnare agli americani!Gli italiani sono tosti, possono fermare gli uragani con una commissione parlamentare.
          • avvelenato scrive:
            Re: darwin
            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo


            noi si che abbiamo da insegnare agli americani!

            Gli italiani sono tosti, possono fermare gli
            uragani con una commissione parlamentare.se mandiamo Borghezio e Calderoli davanti ad un uragano, vedi che questo devia.(ovviamente bisogna dir loro che questi uragani sono gay ed extracomunitari)==================================Modificato dall'autore il 07/11/2005 16.01.24==================================Modificato dall'autore il 07/11/2005 16.01.50
          • Guybrush scrive:
            Re: darwin
            AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH...(soffoco...)
            GT
  • Anonimo scrive:
    ROTFL
    "la Chiesa condanna una lunga serie di pratiche scientifiche, ma è una condanna che non provoca restrizioni delle libertà personali"ROTFLCerto, andate a ripeterlo a tutte quelle persone che avete *CONDANNATO* a vivere una vita *MISERA* fatta di *DOLORE* e *RASSEGNAZIONE* o a spendere cifre astronomiche per farsi curare all'estero (dove i vostri sudici tentacoli non arrivano) o anche semplicemente per poter sperare in una cura con il vostro vergognoso boicott del recente referendum.Maledetti ipocriti schifosi!
    • Avion scrive:
      Re: ROTFL
      condannato come?
      • Anonimo scrive:
        Re: ROTFL
        Impedendo l' uso e lo studio delle staminali ad esempio.
        • Anonimo scrive:
          Re: ROTFL
          - Scritto da: Anonimo
          Impedendo l' uso e lo studio delle staminali ad
          esempio.Calma, pur concordando nella sostanza, evitiamo di fare disinformazione. Le cellule staminali non provengono solo dagli embrioni.
          • Anonimo scrive:
            Re: ROTFL
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Impedendo l' uso e lo studio delle staminali ad

            esempio.

            Calma, pur concordando nella sostanza, evitiamo
            di fare disinformazione. Le cellule staminali non
            provengono solo dagli embrioni.Purtroppo molte parti politiche, se non tutte, sono dopate di malainformazione!
        • Avion scrive:
          Re: ROTFL
          - Scritto da: Anonimo
          Impedendo l' uso e lo studio delle staminali ad
          esempio.uh, e come l'ha impedito? Ha mandato le squadre speciali a fare irruzione al ministero della salute?
          • Anonimo scrive:
            Re: ROTFL
            - Scritto da: Avion

            uh, e come l'ha impedito? Ha mandato le squadre
            speciali a fare irruzione al ministero della
            salute?http://www.lucacoscioni.it/cellule_staminali
  • Anonimo scrive:
    Malafede
    AHAHHA! E' bello vedere che la Chiesa si senta un’autorità nel dire qualcosa di pertinente sulla scienza.Sappiamo tutti che in fatto di scenza, chi ha migliori credenziali della Chiesa? Ascoltiamo quindi gioiosi queste sagge parole, frutto certo di disinteressato spirito scientifico.
  • Anonimo scrive:
    Falsita' e frottole
    "nel 1992 Giovanni Paolo II ammise gli errori della Chiesa nel caso di Galileo Galilei, perseguito e condannato per le proprie scoperte"Non e' vero, Giovanni Paolo II ammise gli errori dei "figli e delle figlie della Chiesa" (notevole poi che la Chiesa si ricordi delle donne quando si parla di errori).Queste parole furono dette per la preoccupazione di salvare il buon nome della Chiesa e di tenere in ombra o non riconoscere che in forma velata le proprie responsabilità.E volete sapere chi c'e' tra i santi nominati da Giovanni Paolo II?S. ROBERTO BELLARMINO (1542-1621):Dottore della Chiesa. Inquisitore, al suo attivo la condanna di Galileo, la detenzione di Tommaso Campanella, il rogo di Giordano Bruno. Per queste lodevoli iniziative morì in odore di santità, il suo corpo fu sezionato pubblicamente e distribuito ai fedeli suddiviso in piccoli brandelli di carne.Oppure parliamo della amorevole Maria Teresa di Calcutta, fatta Beata, che ai malati sofferenti negava ogni confort nonostante i miliardi, perche' fossero piu' vicini a conoscere le sofferenze di Cristo: specializzata in battesimi in punto di morte e nella difesa a oltranza della Chiesa disse "Se fossi costretta a scegliere tra Galileo e l’Inquisizione, sceglierei l’Inquisizione".E' proprio in odore di santita' che ne dite?E galileo che ne penso' allepoca della vicenda?Qual cosa fu che spinse la Chiesa a perseguitarmi? Ecco le sue parole:"Qual cosa le fece giudicare il mio sventurato Dialogo esecrando e più pernicioso per lei che gli scritti di Lutero e di Calvino? Paura d’esser travolta dal crollo di verità antiche, di perdere il dominio d’un gregge che principiava a pensare? O ancora, ottusità, gelosia dei dotti padri gesuiti, sinistro affetto di anime invidiose, o forse solo la miopia che nei secoli pare ottenebrare le scelte sue? (35)""…e lessi la mia abiura. Odio, empietà, frode e menzogna avevano prevalso. Ero stato costretto a negare ciò che sta scritto a chiare lettere nel gran libro della natura, ciò che si impone a chiunque abbia occhi per vedere e orecchie per sentire, ciò che la Bibbia medesima apertamente affermerebbe ove fosse riscritta. Era il 22 giugno 1633 (36)."Ma cosa era successo?Nei documenti del processo leggiamo:Testo della sentenza, Roma, 22 giugno 1633. «Il Galileo fu abiurato mercordì mattina nel Convento della Minerva alla presenza di tutti i Cardinali della Congregazione del Santo Uffizio, e gli abbruciarono in faccia il suo libro, dove tratta del moto della terra».E poi altre informazioni utili ci vengono dalla Lettera di Antonio Badelli a ignoto, Roma, 25/6/1633Testo dell’abiura. "...con cuor sincero e fede non finta abiuro, maledico e detesto li sudetti errori et heresie, e generalmente ogni e qualunque altro errore, heresia e setta contraria alla Santa Chiesa; e giuro che per l’avvenire non dirò mai più né asserirò, in voce o in scritto, cose tali per le quali si possa aver di me simil sospicione; ma se conoscerò alcun eretico o che sia sospetto d’eresia lo denunziarò a questo S.Offitio, o vero all’Inquisitore o Ordinario del luogo dove mi troverò.[…]"Che simpaticoni questi ecclesiastici, ma per fortuna hanno riabilitato Galileo.Che gentili. D'altra parte la stroria ha dato pienamente ragione a Galileo.Chissa' se invece si trovera' modo di riuscire a riabilitare la Chiesa, fino ad oggi le sue frottole non hanno avuto molte conferme.
  • Anonimo scrive:
    Flying Spaghetti Monsterism
    http://en.wikipedia.org/wiki/Flying_Spaghetti_Monsterism
  • Anonimo scrive:
    Chiesa e Fecondazione assistita
    Cito dall'articolo:"Va detto che oggi la Chiesa condanna una lunga serie di pratiche scientifiche, ma è una condanna che non provoca restrizioni delle libertà personali, o peggio, per i ricercatori coinvolti"Citava forse la legge (e il fallito) sulla fecondazione assistita dove tutti noi siamo liberi di andare all'estero per fare LE STESSE COSE che si facevano prima in Italia?Laicità dello stato... un'utopia!
    • Anonimo scrive:
      Re: Chiesa e Fecondazione assistita
      - Scritto da: Anonimo
      Cito dall'articolo:"Va detto che oggi la Chiesa
      condanna una lunga serie di pratiche
      scientifiche, ma è una condanna che non provoca
      restrizioni delle libertà personali, o peggio,
      per i ricercatori coinvolti"

      Citava forse la legge (e il fallito) sulla
      fecondazione assistita dove tutti noi siamo
      liberi di andare all'estero per fare LE STESSE
      COSE che si facevano prima in Italia?

      Laicità dello stato... un'utopia!QUOTO, STAQUOTO ED ULTRAQUOTO.Ed il peggio è che alle prossime elezioni, che vinca Berlusconi o Prodi, da questo punto di vista NON CAMBIERA' NIENTE !!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Chiesa e Fecondazione assistita
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Cito dall'articolo:"Va detto che oggi la Chiesa

        condanna una lunga serie di pratiche

        scientifiche, ma è una condanna che non provoca

        restrizioni delle libertà personali, o peggio,

        per i ricercatori coinvolti"



        Citava forse la legge (e il fallito) sulla

        fecondazione assistita dove tutti noi siamo

        liberi di andare all'estero per fare LE STESSE

        COSE che si facevano prima in Italia?



        Laicità dello stato... un'utopia!

        QUOTO, STAQUOTO ED ULTRAQUOTO.
        Ed il peggio è che alle prossime elezioni, che
        vinca Berlusconi o Prodi, da questo punto di
        vista NON CAMBIERA' NIENTE !!!Infatti. Per questo motivo dobbiamo organizzarci noi società civile per combattere lo strapotere della Chiesa. "Vogliamo creare una rete che metta insieme tutti i soggetti nel mirino della Chiesa"Un incontro per chi ?vuole liberarsi dalla cappa opprimente del Vaticano´ su tutto ciò che riguarda il corpo, la riproduzione, la sessualità, la famiglia. Il movimento, dichiaratamente anticlericale fin dal nome, ?Facciamo Breccia´, per rievocare quella di Porta Pia del 20 settembre 1870, è nazionale, ma sta nascendo anche a Torino, il primo appuntamento è per oggi alle 15 al circolo Maurice (via della Basilica 3, info su www.facciamobreccia.org). L´obiettivo è ambizioso e dichiaratamente partigiano, "creare una rete che riunisca tutti i soggetti investiti dall´offensiva vaticana, collegando le lotte delle donne, quelle di gay, lesbiche e transessuali, quelle dei/delle insegnanti precari/e che si vedono sorpassati/e da persone che ricevono un privilegio da un´autorità esterna allo stato, l´indignazione dei cittadini e delle cittadine che, in un momento come questo, non accettano che qualcuno (ancora, la Chiesa cattolica) sia sollevato da oneri che gravano sempre più su altri, e così via". Il circolo ?Maurice´, che con altri ha promosso l´iniziativa, partita dai militanti delle diverse associazioni gay, propone una ?partenza dal basso´ del nuovo movimento, e chiede a tutti gli interessati, singoli o gruppi, di concordare la data di un´assemblea cittadina. Intanto però c´è già l´appuntamento del 10 dicembre, giornata internazionale dei diritti umani: quel giorno, a Torino, ?Facciamo Breccia´ avrà la sua prima uscita pubblica con una manifestazione di piazza. Subito dopo, si lavorerà per una manifestazione di livello nazionale, prevista per gennaio del 2006, per poi continuare sulla strada di quella ?etica dell´autodeterminazione´ che è all´origine dell´iniziativa.http://www.facciamobreccia.org
      • Anonimo scrive:
        Re: Chiesa e Fecondazione assistita


        Citava forse la legge (e il fallito) sulla

        fecondazione assistita dove tutti noi siamo

        liberi di andare all'estero per fare LE STESSE

        COSE che si facevano prima in Italia?



        Laicità dello stato... un'utopia!Se il referendum è fallito è colpa solo dei cittadini, fino a prova contraria bastava andare a votare...... detto questo se chiedono la mia opinione io sono contrario alla fecondazione assistita.La chiesa non ti obbliga a far nulla, esprime la sua opinione, puoi seguirla o meno.
        • Anonimo scrive:
          Re: Chiesa e Fecondazione assistita

          La chiesa non ti obbliga a far nulla, esprime la
          sua opinione, puoi seguirla o meno.... o bruciare sul rogo :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Chiesa e Fecondazione assistita

            ... o bruciare sul rogo :D Ci sono stati anche quei tempi... erano sbagliati.Anche tuttora penso che la chiesa abbia molto da correggere, ciò non toglie che abbia tutto il diritto di esprimere la sua opinione.
          • Anonimo scrive:
            Re: Chiesa e Fecondazione assistita
            - Scritto da: Anonimo

            ... o bruciare sul rogo :D

            Ci sono stati anche quei tempi... erano sbagliati.
            Anche tuttora penso che la chiesa abbia molto da
            correggere, ciò non toglie che abbia tutto il
            diritto di esprimere la sua opinione.La Chiesa in questa occasione NON SI E' LIMITATA ad esprimere un opinione: sono stati innumerevoli i casi in cui nelle parrocchie si è detto chiaro e tondo di NON andare a votare, facendo leva sulle convinzioni religiose delle persone...e questo NON E' esprimere un opinione, ma "scendere in campo"...per una parte politica. Alla faccia della laicità dello stato.Come la metteremo se in futuro altre cure mediche (perchè di questo si parlava per chi non l'avesse capito...), magari per malattie gravi saranno vietate perchè un cardinale si è svegliato male una mattina?E prima di dar credito a qualche prete ignorante, fate una cosa pratica...andate a vedere come vive un bimbo nato talassemico e poi sappiatemi dire.
  • Anonimo scrive:
    Io credo in cappuccetto rosso
    Almeno la mia religione e' responsabile dell'uccisione di un singolo lupo. Altri massacri e rimbambimenti mentali non ne ha causati.Ah, gia'. Non ha nemmeno una stazione radio menefreghista di chi gli vive attorno.
    • Anonimo scrive:
      Re: Io credo in cappuccetto rosso
      dasasdsafasdasdas
    • riddler scrive:
      Re: Io credo in cappuccetto rosso
      Che tu abbia ragione o torto il tuo intervento poteva sicuramente essere un po' piu' intelligente ed educato.
      • Anonimo scrive:
        Re: Io credo in cappuccetto rosso
        - Scritto da: riddler
        Che tu abbia ragione o torto il tuo intervento
        poteva sicuramente essere un po' piu'
        intelligente ed educato.Appena la vedro' da parte dell'oggetto della mia critica mi adeguero'.
      • Anonimo scrive:
        Re: Io credo in cappuccetto rosso
        - Scritto da: riddler
        Che tu abbia ragione o torto il tuo intervento
        poteva sicuramente essere un po' piu'
        intelligente ed educato.A me invece sembra sia stato un intervento intelligente ed educato.
        • Anonimo scrive:
          Re: Io credo in cappuccetto rosso
          Pensavo che qui si discutesse di informatica, non di questioni ultime; comunque faccio presente all'amministratore del forum che in giro sulla rete ci sono moltissime persone in grado di alluvionare di messaggi in tema questo thread, se è questo che si vuole.Tanto per cominciare, nel fare la giusta contabilità dei morti e dei rimbambimenti ci potrebbero essere molte sorprese (PS: non credo in cappuccetto rosso)
          • Anonimo scrive:
            Re: Io credo in cappuccetto rosso
            - Scritto da: harrier77
            Pensavo che qui si discutesse di informatica,Pensavi male. Qui si discute anche di scienza e, quando la Chiesa interferisce con essa (cioè ogni due per tre), anche di religione.
            non
            di questioni ultime;Se non ti va bene, quella è la porta.
            comunque faccio presente
            all'amministratore del forum che in giro sulla
            rete ci sono moltissime persone in grado di
            alluvionare di messaggi in tema questo thread, se
            è questo che si vuole.Cioè stai minacciando la redazione di Punto Informatico intimando loro di non parlare di determinati argomenti a te scomodi altrimenti chiami i tuoi amici troll?
          • Anonimo scrive:
            Re: Io credo in cappuccetto rosso
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: harrier77

            Pensavo che qui si discutesse di informatica,

            Pensavi male. Qui si discute anche di scienza e,
            quando la Chiesa interferisce con essa (cioè ogni
            due per tre), anche di religione.


            non

            di questioni ultime;

            Se non ti va bene, quella è la porta.Hei, ma chi pensi di essere? Fino a prova contraria questa non è nemmeno casa tua, anche se ti ostini a comportarti in questa fastidiosa maniera, assolutamente fuori luogo.Se non ti va bene prendi la stessa porta, fatti un giro e torna quando avrai cominciato a capire che questo è uno spazio di discussione (parzialmente) libero e che questa libertà non appartiene solamente a te.
          • Anonimo scrive:
            Re: Io credo in cappuccetto rosso
            - Scritto da: Anonimo
            questa libertà non
            appartiene solamente a te.Peccato che è LUI quello che voleva impedire determinate discussioni su questo forum, NON io. Quindi quando parli di libertà cerca almeno prima di capire *COSA SIGNIFICA*.Altrimenti, come ho già detto al tuo compagno, QUELLA è la porta. Non me ne starò certo zitto perché il tuo amico vuole avere la libertà di impedire agli altri di discutere di scienza e/o religione su questi forum.
Chiudi i commenti