SIM globale più vicina

Parte a fine 2007 Zeromobile, servizio made in Italy che promette risparmi consistenti sulle telefonate internazionali da cellulari

Milano – La finanza italiana irrompe nel mondo della telefonia mobile. Non con uno strumento di mobile banking , ma con Zeromobile , una soluzione pensata per chi viaggia all’estero e mal digerisce i costi dei servizi di roaming internazionale. A lanciarla sarà Ennio Doris, presidente di Mediolanum , con il socio Daniele Bortolotti.

È il Corriere della Sera a dare la notizia del nuovo player del settore della telefonia mobile. Ma in che cosa consiste il servizio promesso da Zeromobile? Più che un operatore mobile virtuale, sembra trattarsi di un servizio legato all’uso di una SIM globale: “Venderemo schede SIM da inserire nei telefonini e che permetteranno, quando si è all’estero, di risparmiare fino all’80%” ha dichiarato Bortolotti.

Il lancio del servizio dovrebbe avvenire in dicembre. Nel frattempo è stato pubblicata una homepage che, per il 25 ottobre, promette novità e, forse, maggiori dettagli. Sarà così possibile capire se Zeromobile sarà un servizio simile a soluzioni “globali” già esistenti come quella di Cubic Telecom e di United Mobile .

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Andres scrive:
    non capisco il problema
    Una serie di persone hanno cercato di infrangere la legge. Non ho idea della legislazione americana, ma in italia in piu' di un caso la tentata infrazione della legge e' sufficiente per essere colpevoli (anche se in grado minore).Il bagarinaggio e' qualcosa di spregevole e mi fa solo piacere che procedano per fermarlo quanto piu' fortemente possibile.
  • Michele scrive:
    Uno sport stupido..
    Una gestione irresponsabile di una squadra che gioca uno sport stupido e che da ignoranti piace alla massa degli americani che si ingrassano andando avanti ad hamburger e patatine ma se ne fegano ogni qual volta un proprio sacrosanto diritto venga violato mettendosi a 90 davanti a questa società di bassissima serietà (ma Patriots non sarà mica un nome scelto apposta??? eheheheh)
    • Joliet Jake scrive:
      Re: Uno sport stupido..
      Hai proprio ragione!Il CALCIO è uno sport stupido, e che da ignoranti piace a una massa di italiani che ingrassano sul divano e se ne fregano di quando i propri diritti vengono violati (e ultimamente accade più volte al giorno).Basta che non tolgano loro Sky... :s
    • fred scrive:
      Re: Uno sport stupido..
      ma non e' questo il punto della notizia, ma lo e' la gestione dei biglietti;in italia invece si verifica di peggio, ovvero che gli stessi distributori di biglietti si accordino per fornirne una gran parte a distributori terzi e a farne circolare in maniera ufficiale meno dei richiesti: questo fa si che possano vendere a questi terzi a prezzi superiori poiche' la difficolta di reperirli nelle normali vie permettera' loro di rivenderli a prezzo maggiorato o in asta;purtroppo la nostra situazione essendo deregolamentata e' disastrosa in confronto.
      • Joliet Jake scrive:
        Re: Uno sport stupido..
        La gestione dei biglietti in Italia e´ una cosa scandalosa.Basta pensare al pizzo della prevendita.Possibile che su un biglietto di 20 euro, debba pagarne 5 di prevendita?Nei paesi civili, se compri un biglietto di un concerto in prevendita ti costa meno! Mi sembra ovvio. Paghi in anticipo e loro hanno gia´ riempito un posto.Se invece acquisti il biglietto all´ingresso (se sono rimasti posti liberi...), ci aggiungono un sovrapprezzo (che non e´ il 25% del costo!!!) :|
        • spannocchia tore scrive:
          Re: Uno sport stupido..
          quale sarebbe questo fantomatico paese civile???non diciamo idiozie: il surplus sulla prevendita è giusto per il semplice fatto che così facendo azzeri il rischio di non poter comprare il biglietto in futuro.tipo un concerto di ligabue: i biglietti vanno via come il pane, chi prima compra paga di più appunto per avere la garanzia del biglietto.e se proprio non vuoi pagare in più, si fa la coda.capisco il tuo concetto di fondo (cioè che hanno i soldi in anticipo), però il produttore ha il potere di poter "mangiare" il surplus del consumatore.
    • MegaJock scrive:
      Re: Uno sport stupido..
      Lo so che un americano ti ha soffiato la ragazza dietro cui sbavavi, e quando hai cercato di fare il bulletto ti ha suonato di ceffoni, ma non sarebbe ora che la smettessi di renderti ridicolo? :D
    • TheB scrive:
      Re: Uno sport stupido..
      Hai ragione...Ma sostituisci "italiani" ad "americani", "Hamburger e patatine" con "spaghetti aglio e olio e frittatona alla cipolla" e ottieni lo stesso parlando del calcio nostrano.E comunque c'e' molto piu' fair play in una partita di football americano che in tutti i campionati professionisti di calcio italiani.
    • mirkojax scrive:
      Re: Uno sport stupido..
      L'unico stupido e ignorante sei te.Meno male ci sono anche persone intelligenti e sta notizia non ha scatenato i soliti 200 commenti anti-americani che nn centrano niente.
Chiudi i commenti