Criptovalute: la tolleranza zero di Singapore

Criptovalute: la tolleranza zero di Singapore

L'autorità che vigila sull'economia di Singapore adotta un regime di intransigenza assoluta: nessuna stortura nell'ambito delle criptovalute.
L'autorità che vigila sull'economia di Singapore adotta un regime di intransigenza assoluta: nessuna stortura nell'ambito delle criptovalute.

Poco meno di un anno fa, su queste stesse pagine, ci siamo posti una domanda: Singapore è il regno delle criptovalute? Un quesito lecito, basato sulla consapevolezza che, allora, quasi la metà della popolazione era in possesso di almeno un asset. Sono trascorsi undici mesi e molto è cambiato nel mondo della finanza decentralizzata, anche le attenzioni riservate al settore da parte delle autorità internazionali.

A tal proposito, nella città-stato asiatica si registra oggi l’intervento della Monetary Authority: l’intenzione è quella di adottare un approccio brutale e inesorabilmente duro per far fronte all’azione di chi intende piegare al suo volere (e ai propri interessi) le dinamiche di questa promettente industria.

Singapore: pugno duro contro i furbetti delle criptovalute

La dichiarazione di intenti è giunta da Sopnendu Mohanty, Chief Fintech Officer della banca centrale. La volontà è dunque quella di non soffocare l’innovazione, affrontando però con il pugno duro eventuali storture, in modo da tutelare l’economia locale e, di conseguenza, investitori e cittadini.

È anche per questo motivo che la procedura necessaria all’ottenimento di un’autorizzazione per operare nel territorio è stata definita dallo stesso Mohanty come volutamente dolorosamente lenta ed estremamente draconiana. Insomma, quando in gioco c’è la stabilità, vige un regime di intransigenza.

Non abbiamo tolleranza per i comportamenti scorretti di ogni sorta all’interno del mercato.

Una macchinosità da qualcuno ritenuta eccessiva. È il caso di Three Arrows Capital, che in aprile ha deciso di abbandonare Singapore per puntare verso altri lidi. Lo stesso vale per Binance, che già nel dicembre scorso ha scelto di ritirare la richiesta per la licenza.

Non tutti ne sono però stati scoraggiati. Ad esempio, l’ exchange Crypto.com ha ricevuto nei giorni scorsi il via libera dalla Monetary Authority per l’erogazione dei propri servizi.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 23 giu 2022
Link copiato negli appunti