Skype cresce bene

Il traffico generato dalle chiamate internazionali aumenta costantemente. Molto più velocemente di quello sulle normali linee telefoniche. Il VoIP è il paradiso dei telefonisti?
Il traffico generato dalle chiamate internazionali aumenta costantemente. Molto più velocemente di quello sulle normali linee telefoniche. Il VoIP è il paradiso dei telefonisti?

Secondo le rilevazioni di TeleGeography , il traffico generato sulla rete Skype da chiamate stabilite tra interlocutori in nazioni diverse cresce molto più velocemente di quello tradizionale sulle reti in rame. Il telefono col doppino resta ampiamente e saldamente al comando della classifica sui minuti complessivi in un anno, ma non si può non registrare la salute e il progresso del VoIP di Microsoft in rappresentanza della categoria. Una categoria che evidentemente non può non crescere se non a spese degli operatori tradizionali .

il grafico telegeography

In totale gli utenti Skype sono rimasti attaccati alle cuffie per 214 miliardi di minuti nel 2013 , con una crescita del 36 per cento rispetto al 2012. Nello stesso periodo le conversazioni su rame sono cresciute del 7 per cento, assestandosi su 547 miliari di minuti. A questo ritmo ci vorrà poco a Skype per sopravanzare gli operatori tradizionali, anche considerato come ribadisce TeleGeography che si tratta solo della proverbiale punta dell’iceberg: le telefonate con il vecchio telefono sono minacciate su più fronti dal VoIP e da tutti gli altri servizi di chiamata, videochiamata e messaggistica che sono esplosi in questi anni grazie soprattutto all’avvento del mobile e degli smartphone.

Il vantaggio degli operatori di telefonia resta ampio: Facebook, che è la più grande piattaforma di conversazione in circolazione, vanta circa 1,2 miliardi di utenti, mentre le linee fisse installate sono più di 8 miliardi. Alla luce dei dati, tuttavia, la robusta scalata di Skype sta a dimostrare quanto spazio ci sia per la crescita dei cosiddetti OTT ( over the top ), ovvero quei servizi che utilizzano le reti di comunicazione come commodity per sostenere il proprio business. In altre parole , i margini di guadagno per gli operatori si andranno assottigliando, erosi dalle alternative più economiche garantite dal VoIP e non solo.

Non si tratta di una scelta priva di effetti collaterali per gli utenti. Se fino a poco tempo fa, infatti, si riteneva generalmente che le conversazioni svolte tramite Skype fossero più sicure e riservate rispetto alle altre, le notizie svelate da Edward Snowden e dal suo Datagate fanno pensare che il VoIP da solo non basti più a difendere la privacy . Inoltre, come da sua tradizione, Microsoft ha confermato che continuerà a rispettare le leggi di tutti i paesi in cui opera, qualunque esse siano: in Russia , ad esempio, è stata proposta una norma che obbligherà a conservare e mettere a disposizione della polizia gli ultimi 6 mesi di tutte le conversazioni svolte da account locali su questi servizi, ufficialmente per scopi di anti-terrorismo. Da Redmond hanno fatto sapere che, se la legge verrà approvata, la filiale locale di Microsoft non potrà fare altro che rispettarla.

Luca Annunziata

fonte immagine

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

17 01 2014
Link copiato negli appunti