Smart Working, ora la bolletta pesa: la soluzione è EcoFlow

Smart Working, ora la bolletta pesa: la soluzione è EcoFlow

L'aumento dei costi in bolletta grava sulle aziende, ma grava anche sui lavoratori in smart working: EcoFlow DELTA 2 può essere una soluzione perfetta.
L'aumento dei costi in bolletta grava sulle aziende, ma grava anche sui lavoratori in smart working: EcoFlow DELTA 2 può essere una soluzione perfetta.

L’ultima decisione di Arera relativa all’aumento del 59,6% della bolletta per la fornitura di energia elettrica è la misura di quanto questa stagione di aumenti peserà nelle tasche di quanti lavorano in smart working. Sebbene questa opzione fosse di grande utilità per gli equilibri familiari, per la sostenibilità ambientale e per evitare l’affollamento post-Covid negli uffici, oggi proprio il lavoro agile diventa un onere difficile da sopportare in virtù degli aumentati costi di riscaldamento ed elettricità. Non si scappa: non si può lavorare al freddo, non si può tenere il PC spento, non si può pensare di non avere stampanti e quant’altro collegati e connessi.

Il costo maggiorato dello smart working, insomma, pesa inesorabilmente sulle spalle del lavoratore, del professionista, delle partite IVA e di tutti coloro i quali debbono sobbarcarsi questo tipo di costi in sostituzione dell’azienda. Una soluzione, però, c’è. Gestendo in modo intelligente questi consumi, infatti, è possibile abbatterne il costo fino a trasformare questa scelta in opportunità. La soluzione è quella offerta dalle power station EcoFlow, veri e propri accumulatori di energia in grado di allestire un modo nuovo di intendere il concetto di elettricità.

EcoFlow DELTA 2

Per capire quanto possa essere vantaggiosa una power station in smart working, vogliamo analizzarne le componenti di costo e di risparmio basandoci sul riferimento del nuovo EcoFlow DELTA 2, soluzione di grande qualità ed equilibrio che potrà dare una grande mano a quanti temono l’impatto della bolletta e la riduzione relativa dei propri guadagni nel lavoro da casa.

Costi e caratteristiche

Sul piatto bisogna mettere due tipologie di costo: da una parte c’è una bolletta cresciuta sul mercato tutelato del 59,6% e destinata presumibilmente ad ulteriori aumenti futuri in assenza di interventi radicali che sappiano sgonfiare speculazioni ed inflazione; dall’altra c’è il costo una tantum di un dispositivo che consente di immagazzinare energia per poterla sfruttare in un momento più opportuno. Il costo della bolletta è quello che dovrà subire chi non reagisce alla situazione che va emergendo ed ha il peso della passività di fronte all’ostacolo; il costo della power station, per contro, è un investimento destinato a riversare risparmi fino a tramutarsi in vero e proprio vantaggio economico nel giro di pochi anni.

EcoFlow DELTA 2

Concepita sulla base del successo di DELTA, DELTA 2 dimostra l’impegno di EcoFlow nell’affinare le nostre tecnologie esistenti. Ricarica sette volte più veloce della media del mercato, fino a 3kWh di capacità espandibile, e un’elevata potenza in uscita rendono DELTA 2 un apparecchio essenziale per le famiglie moderne. Sia che si utilizzi a casa, all’esterno o in viaggio, DELTA 2 rappresenta un nuovo benchmark nel segmento delle soluzioni di alimentazione ed energia rinnovabile

Bruce Wang, CEO di EcoFlow

Una potente uscita CA da 1800W consente di erogare energia a sufficienza per il 90% degli elettrodomestici, ivi compresi elementi particolarmente esigenti quali frigoriferi o lavatrici. Sono ben 13 i connettori disponibili, offrendo così una vera e propria centrale di allacciamento e di ricarica che possa essere utilizzata in contemporanea da più elementi di assorbimento. La chimica delle batterie garantisce 3000 cicli di carica/scarica, per una durata fino a 10 anni di servizio. Caratteristiche simile posizionano l’EcoFlow DELTA 2 nel fronte più ambizioso del settore, dando vita ad un accumulatore dagli usi variegati, dall’ingegnerizzazione intelligente ed il cui valore è moltiplicato dalla garanzia di durata offerta.

Il nuovo EcoFlow Delta 2 implica un investimento pari a 1199 euro. A fronte di questo costo iniziale, però, si vanno a sbloccare tutta una serie di risparmi che occorre analizzare e sommare per comprendere il significato vero di una scelta di questo tipo. Un istante dopo l’acquisto, infatti, la power station (qui tutte le caratteristiche) smette di essere costo e diventa risparmio: vediamo perché e in che misura.

I risparmi

I risparmi possibili sono di varia natura, ma occorre partire anzitutto da quello di lungo periodo: il risparmio in bolletta.

Meno consumi

Per fare una valutazione compiuta abbiamo immaginato una tradizionale postazione di lavoro in smart working, con i suoi strumenti ed i suoi assorbimenti, per capire fino a che punto un EcoFlow DELTA 2 sia in grado di offrire opportunità calcolabili in termini di consumi (kWh) e denaro (Euro).

La postazione che abbiamo ipotizzato in questa valutazione contempla l’accensione di una postazione desktop (PC e monitor), un laptop da ricaricare, uno smartphone, un modem/router per la connettività, una abatjour per gli orari di minor luminosità ed un condizionatore per i giorni più caldi dell’estate. Il computo complessivo medio è pari a poco più di 3,3 kWh giornalieri, che possono essere proiettati a circa 1200 kWh su proiezione annuale. Tali cifre sono ovviamente frutto di stima e di calcoli approssimativi, poiché tutto dipende da una moltitudine di fattori (le lampadine in uso, la potenza del PC, le ore passate al lavoro, il numero di device in uso e molto altro ancora), ma sono indicativi poiché consentono una proiezione di ammortamento del dispositivo.

EcoFlow DELTA 2

Se ogni giorno si riuscisse a ricaricare il proprio EcoFlow DELTA 2 sfruttando un impianto fotovoltaico e lo si utilizzasse per animare uno ad uno i dispositivi indicati, ecco che il risparmio sarebbe tale per cui in appena 2 anni il costo iniziale potrebbe già essere ripagato (al livello attuale dei costi, infatti, sarebbe sufficiente risparmiare circa 2500 kWh per avere un rispamio pari al costo dell’investimento. Dal secondo anno in avanti, con una garanzia di funzionamento ad alti livelli di almeno 10 anni, l’EcoFlow si trasformerebbe in una forma di risparmio continuativo netto il cui lavoro diventa addirittura economicamente vantaggioso.

Non tutti i giorni sarà possibile ricaricare con un fotovoltaico a pieno regime, ma al tempo stesso si potranno accumulare risparmi ulteriori nei giorni migliori sfruttando il device anche per la macchinetta del caffè ed un dispositivo Alexa, un monitor secondario o la ricarica di mouse e cuffie bluetooth. Insomma: basterà farne un uso intelligente e continuativo per trasformare un EcoFlow in un vero e proprio vantaggio economico.

Maggior indipendenza

Altro fattore da tenere in assoluta considerazione è quello relativo alla continuità operativa. Avere un EcoFlow in casa, infatti, consente di bypassare ogni tipo di blackout o di disfunzione della rete, consentendo all’abitazione di restare autonoma e attiva. Anche in pieno blackout, infatti, sarà possibile avere per molte ore il PC carico, il modem acceso, l’abatjour illuminata ed il PC a pieno regime. La capienza (1kWh) sarà più che sufficiente per superare piccoli blackout, mentre una dotazione maggiore tramite le batterie supplementari (con estensione fino a 2 o 3 kWh) consentirebbe di andare anche molto oltre.

EcoFlow DELTA 2

Così facendo non ci sarà ostacolo alcuno a poter fermare i lavori: anche quando fuori è tutto spento, il proprio ufficio in smart working potrà continuare imperterrito nella sua produzione senza impatto alcuno sulla scaletta quotidiana dei “to do”. Potrebbe bastare anche un solo sfortunato blackout a far perdere consegne urgenti o preziose ore di lavoro, ma avere un “piano B” a disposizione è una garanzia alla quale i migliori professionisti non possono certo rinunciare.

Mobilità

Quando non si è in casa e si deve spostare il lavoro altrove, EcoFlow DELTA 2 si trasforma in una vera e propria batteria portatile, utile per portare le ricariche del PC e dello smartphone anche in campeggio, in spiaggia, presso una seconda casa, in una postazione di lavoro di fortuna, in camper o in auto durante lunghe trasferte. Questo, del resto, è lo smart working: è assenza di una postazione fissa, è libertà di movimento, è garanzia di poter lavorare dove, come e quando lo si ritiene più utile e produttivo. La mobilità del nuovo EcoFlow è un evidente “plus” proprio in quest’ottica poiché dona a questo dispositivo una dimensione ulteriore: trasforma virtualmente in “unplugged” ciò che necessita per definizione di una alimentazione a muro, il che consente di portare davvero l’intero ufficio personale ovunque lo si desideri.

EcoFlow DELTA 2

Ovunque ci si trovi, inoltre, non verrà mai meno il supporto dell’app di monitoraggio remoto, che consente di vedere in diretta tutti i parametri relativi alla carica residua, alla carica in entrata ed ai consumi in uscita: questo monitoraggio consente una gestione “smart” del dispositivo, potendo sempre valutare quale sia la scelta migliore per ottenere il massimo beneficio con il minimo sforzo.

Casa e ufficio

Laddove la casa è anche ufficio, EcoFlow DELTA 2 si trasforma alternativamente in fonte di alimentazione per l’asciugacapelli (uno degli strumenti elettrici maggiormente energivori), in gruppo di continuità (di cui ne sostituisce le funzioni), in batteria tampone contro i black-out, in fonte di risparmio energetico continuativa ed in possibile soluzione di risparmio per la ricarica di tutti i device di casa (dove spesso alla propria strumentazione di lavoro si sommano il tablet del divano, i telefoni di tutti, le powerbank portatili, i laptop dei figli e molto altro ancora.

EcoFlow DELTA 2

Ogni singolo dispositivo connesso ad una power station precedentemente ricaricata da pannello fotovoltaico o in orari entro cui l’elettricità costa meno, infatti, è un risparmio diretto che rimette in tasca parte di quella bolletta da incubo che potrebbe invece arrivare nel giro di poche settimane. Tutto sta nell’adoperare al meglio la propria EcoFlow DELTA 2, nel commisurarne le dimensioni alle proprie necessità e nell’intelligente approvvigionamento dell’energia.

Risparmia con EcoFlow

Un investimento non è tale se non supportato da una precisa strategia: in questo caso si tratta di sfruttare al meglio quello che è un hub di energia che consente uno sfruttamento intelligente della stessa: si fa approvvigionamento quando il costo è minimo (di giorno in caso di fotovoltaico, di notte in caso di allacciamento esclusivo alla rete elettrica), se ne fa uso quando il costo è massimo.

Da quel punto in poi, tutto è risparmio.

In collaborazione con EcoFlow

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 10 ott 2022
Link copiato negli appunti