SMS? C'è chi li scrive in Klingon

Un'applicazione per cellulari promette nuove forme di comunicazione per i messaggini. Che potranno essere scritti in etrusco, in uno dei linguaggi dei Klingon, o in altri fantasiose forme alfabetiche

Roma – Gli SMS sono troppo “piatti” e poco fantasiosi? Chi sente la necessità o la voglia di scrivere un SMS con i geroglifici o intende utilizzarli per comunicare con gli alieni, oggi può farlo. Parola di Matant (formica matematica) e del suo software per telefonini, che promette faville per chi vuole messaggini originali.

Matant promette messaggi che possono essere scritti in egiziano antico o in Klinzhai, una delle scritture dei Klingon della saga di Star Trek ; ma c’è anche la possibilità di scrivere in Etrusco, o addirittura (e questo farà saltare di gioia i fans di alcune star musicali) con le icons scaricate dai siti web di Avril Lavigne o Tokio Hotel .

“Perché tutto si realizzi è sufficiente che il destinatario dell’SMS abbia installato Matant e condivida con il mittente uno o più sistemi di scrittura” spiega Fabio Vergani, responsabile del lancio in Italia per questo prodotto che sembra stia facendo impazzire i giovani irlandesi. E aggiunge: “Le componenti che possono rendere Matant un prodotto rivoluzionario sono chiare, comprensibili e includono la libertà di comunicare senza la paura che il proprio messaggio venga letto da altri, oggi o tra qualche anno. Utilizzando segni, colori, forme, ogni individuo può creare un veicolo che trasporta emozioni o semplici informazioni”.

“Messaggi al proprio partner o alla tribù – prosegue Vergani – con metodi non standardizzati e ridotti, segni cercati, trovati, pensati e prodotti dal nostro inconscio e dal nostro senso estetico che personalizzano in modo qualitativo la nostra comunicazione. Utilizzando i segni, noi stimoliamo indirettamente il nostro inconscio a creare nuovi collegamenti, ad interiorizzare un senso estetico che non relega l’adolescente ad un TVTB ma ad una ricerca differenziata di simboli per ogni circostanza esistenziale”.

Una forma innovativa di comunicazione via SMS, dunque, che però si fonda su un presupposto fondamentale: la condivisione dell’alfabeto e del vocabolario utilizzato. Ma se già oggi c’è chi critica il nuovo “gergo di forme contratte” nato proprio dall’uso e dall’abuso dei messaggini, cosa succederà quando gli adolescenti si scambieranno SMS cuneiformi?

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Daniele scrive:
    unica soluzione
    In italia la cultura del pc è inesistente, l'aduc dice che solo il 49% possiede un pc... ma siamo siceri... quanti di loro lo sanno effettivamente usare? e effettivamente lo usano?Semplicemente la cultura italiana VIETA l'utilizzo del pc, chi lo fa lo deve fare per lavoro, perchè è costretto dal capo cattivo, perchè è l'uomo di finanza che vuole fare il bello, perchè è il bambino viziato chiuso mentalmente che gioca ai videogiochi.lavoro in una multinazionale italiana, dove questa cultura è ben radicata (è nata come azienda familiare), e nonostante sia ormai operante in tutto il mondo, informatizzarla seriamente è un calvario, e ogni giorno mi devo battere con i capi per ottenere un pc di 4 o 5 anni comprato da altre ditte.l'unica soluzione che vedo è l'ingresso in italia di compagnie straniere serie, che non si limitino ad affittare la rete telecom, come fanno adesso, ma si mettano giu a costruire una rete (standardizzata e compatibile con quella telecom) con una qualità competitiva.BASTA hai router Telecom che sono limitati nel 95% delle opzioni.BASTA alle centraline malgestite e ormai piene di bachi.ci vuole molta + concorrenza non a livello di ISP... ma a livello di rete. Dove attualmente c'è un quasi monopolio telecom.
  • fulcrum scrive:
    E per quale ragione mai
    Telecom dovrebbe accollarsi gli investimenti (enormi) per la realizzazione della NGN, proprio mentre gli stessi soggetti (ADUC in primis) che chiedono a gran voce tali innovazioni tentano di far espropriare la rete esistente alla medesima Telecom?Cordiali SalutiFulcrum
  • fracrist scrive:
    e la marmotta incartava la cioccolata...
    ...di fianco a Bernabè che piange perchè non gli comprano la rete di nuova generazione...battute a parte, la stessa persona che oggi dice che non c'è interesse sulla banda larga ha dichiarato il mese scorso che la NGN se la deve accollare lo Stato e i privati (articolo riportato da telegeography.com): forse in questo mese gli han detto che se lo scorda se non libera i doppini? ;)
Chiudi i commenti