Sony, trimestre inaspettatamente buono

In controtendenza rispetto al settore, l'azienda della PlayStation registra una crescita: dati positivi sulla via della ristrutturazione

Roma – Sony ha presentato i risultati finanziari dell’ultimo trimestre conclusosi lo scorso 30 giugno: risultati non privi di sorprese, che le hanno permesso di registrare una crescita dopo il recente rosso.

Nel dettaglio Sony ha segnato un profitto netto di 250 milioni di dollari , pari a 186 milioni di euro (25,7 miliardi di Yen): sono numeri importanti soprattutto rispetto ai 164 milioni di dollari di perdita registrati nel corrispondente periodo dell’anno scorso.

Il tutto è merito soprattutto della divisione console, che si è conquistata una crescita del 96 per cento rispetto al periodo precedente ed ha raggiunto un profitto operativo di 4,3 miliardi di yen durante l’ultimo trimestre, rispetto alla perdita operativa di 16,4 miliardi di yen registrata nello stesso periodo dell’anno scorso.

La sezione device ha visto il successo di PlayStation 4 , arrivata sul mercato lo scorso novembre ed impostasi come la console di nuova generazione maggiormente venduta . Nell’ultimo anno ha venduto 18,7 milioni d dispositivi (di cui 3,5 milioni tra PS4 e PS3, rispetto al poco più di un milione del primo quarto 2013). Inoltre, le vendite di PlayStation al momento battono 3 volte ad uno quelle di Xbox.

Ad aver influito positivamente sulla trimestrale, inoltre, le operazioni di ristrutturazione aziendale che hanno portato alla vendita di alcuni immobili per un totale di 14,8 miliardi di dollari .

A deludere è invece il settore smartphone, uno degli investimenti della giapponese per tentare il rilancio: Sony ha tagliato le aspettative di vendita annuali del settore che l’anno scorso faceva segnare i maggiori profitti, da 50 a 43 milioni di dispositivi.

Nonostante il complesso positivo, dal momento che il processo di ristrutturazione aziendale è ancora in corso, la giapponese conta di registrare ancora perdite per 50 miliardi di yen nell’intero anno fiscale .

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • kelly jonanthan scrive:
    lovesaintangelo8080@gmail.com
    Siamo International banditore agenti legalmente autorizzati a vendere merci o licenza di proprietà di altre persone all'asta pubblica per licenza trasporto adatto come personale o commerciale immobiliare, case, automobili, compagnia petrolifera, gli investitori hotel e terre. Tutti sono disponibili a prezzi di bassa frequenza per ulteriori informazioni visitare il nostro sito web https://docs.google.com/forms/d/1QjCw3fl43E1k2EP2xC_Y-teos3HtEZfpykI_FminZB8/viewform o contattarci via email a lovesaintangelo8080@gmail.com
  • kelly jonanthan scrive:
    lovesaintangelo8080@gmail.com
    Siamo International banditore agenti legalmente autorizzati a vendere merci o licenza di proprietà di altre persone all'asta pubblica per licenza trasporto adatto come personale o commerciale immobiliare, case, automobili, compagnia petrolifera, gli investitori hotel e terre. Tutti sono disponibili a prezzi di bassa frequenza per ulteriori informazioni visitare il nostro sito web https://docs.google.com/forms/d/1QjCw3fl43E1k2EP2xC_Y-teos3HtEZfpykI_FminZB8/viewform o contattarci via email a lovesaintangelo8080@gmail.com
  • florin jonanthan scrive:
    florinfinancialfunds@hotmail.com
    Avete qualsiasi problema finanziario? Se si visita il nostro sito per maggiori informazioni https://docs.google.com/form/d/1x0bntigC512YAUmW6kZqjF55r4FgOFDb4thZwGsUoMo/viewform?fbzx=7344557915148218575 oppure contattare Fiorino via email a florinfinancialfunds@hotmail.com
  • Luke1 scrive:
    Dibattito sconcertante
    C'è qualcosa di profondamente ridicolo in tutto questo dibattito sull'auto driverless, un che di grottesco che emerge da affermazioni secondo cui un'auto driverless non dovrebbe circolare perchè in un caso su un milione potrebbe mettere sotto un pedone o causare un incidente: tornate alla realtà! Nel 2012 si sono registrati in Italia 186.726 incidenti stradali con lesioni a persone. I morti (entro il 30° giorno) sono stati 3.653, i feriti 264.716. Ma continuiamo pure a vedere come un micidiale pericolo un sistema di narrow AI che ha fatto 500.000 miglia senza causare un incidente. La paura dell'ignoto... Qual é il problema? Luddismo? Il mutuo acceso per pagare la licenza da tassista? Oppure é qualcosa di più profondo, di più inconscio... tipo forse il timore di "perdere il controllo"? Il problema non sarebbe tanto quello di morire (si muore più che in abbondanza oggi) quanto che ad ucciderci possa essere una macchina. Vogliamo conservare l'esclusiva? Mi pare giusto, dopotutto siano insuperabili nello sterminare il prossimo non sia mai che qualcosa debba soffiarci il lavoro. Mi raccomando solamente di ricordarsi di dirlo ai parenti delle vittime stradali: "e' spirato serenamente sapendo di essere finito sotto i pneumatici di un suo caro concittadino". Vedo molti sconcertati all'idea di non avere più qualcuno a cui rifilare una condanna penale in caso di incidente con lesioni, come se il problema non fosse ridurne il numero, ma farli scontare a qualcuno, e per questo sottoporre il genere umano ad una insensata prova continua in cui non devono distrarsi o sbagliare, sebbene gli esseri umani siano palesemente inclini ad entrambe le cose, quasi in un esercizio di ottuso sadismo. I sistemi driverless non solo sono già più affidabili di noi, ma sono ulteriormente perfezionabili: noi come piloti abbiamo già dato, certi limiti biologici non sono superabili: non siamo in grado di vedere per 60 volte in un secondo quello che succede a 360 gradi, il cervello ha 100 miliardi di neuroni che operano in base ad un modello altamente parallelo, ma rispetto ai dati in un computer gli stimoli nervosi sono milioni di volte più lenti, siamo lenti di riflessi, e abbiamo 1000 cose per la testa. Mi fa ridere chi fa paragoni partendo dal presupposto che, essendo questi sistemi progettati da esseri umani, non saranno mai perfetti: provate a tenere testa ad Excel facendo i calcoli a mente o provate a battere un computer a scacchi (o battetelo a Jeopardy). La guida non si può tradurre in algoritmi, non è riconoscere dei pattern, non e' fare analisi statistica? Se lo sostenete non sapete di cosa state parlando e vi consiglio di studiare un pò di intelligenza artificiale.
    • ... scrive:
      Re: Dibattito sconcertante
      - Scritto da: Luke1
      C'è qualcosa di profondamente ridicolo in tutto
      questo dibattito sull'auto driverless, un che di
      grottesco che emerge da affermazioni secondo cui
      un'auto driverless non dovrebbe circolare perchè
      in un caso su un milione potrebbe mettere sotto
      un pedone o causare un incidente: tornate alla
      realtà! Nel 2012 si sono registrati in Italia
      186.726 incidenti stradali con lesioni a persone.
      I morti (entro il 30° giorno) sono stati
      3.653, i feriti 264.716. Ma continuiamo pure a
      vedere come un micidiale pericolo un sistema di
      narrow AI che ha fatto 500.000 miglia senza
      causare un incidente. La paura dell'ignoto...
      Qual é il problema? Luddismo? Il mutuo acceso
      per pagare la licenza da tassista? Oppure é
      qualcosa di più profondo, di più inconscio...
      tipo forse il timore di "perdere il controllo"?
      Il problema non sarebbe tanto quello di morire
      (si muore più che in abbondanza oggi) quanto che
      ad ucciderci possa essere una macchina. Vogliamo
      conservare l'esclusiva? Mi pare giusto, dopotutto
      siano insuperabili nello sterminare il prossimo
      non sia mai che qualcosa debba soffiarci il
      lavoro. Mi raccomando solamente di ricordarsi di
      dirlo ai parenti delle vittime stradali: "e'
      spirato serenamente sapendo di essere finito
      sotto i pneumatici di un suo caro concittadino".
      Vedo molti sconcertati all'idea di non avere più
      qualcuno a cui rifilare una condanna penale in
      caso di incidente con lesioni, come se il
      problema non fosse ridurne il numero, ma farli
      scontare a qualcuno, e per questo sottoporre il
      genere umano ad una insensata prova continua in
      cui non devono distrarsi o sbagliare, sebbene gli
      esseri umani siano palesemente inclini ad
      entrambe le cose, quasi in un esercizio di ottuso
      sadismo. I sistemi driverless non solo sono già
      più affidabili di noi, ma sono ulteriormente
      perfezionabili: noi come piloti abbiamo già dato,
      certi limiti biologici non sono superabili: non
      siamo in grado di vedere per 60 volte in un
      secondo quello che succede a 360 gradi, il
      cervello ha 100 miliardi di neuroni che operano
      in base ad un modello altamente parallelo, ma
      rispetto ai dati in un computer gli stimoli
      nervosi sono milioni di volte più lenti, siamo
      lenti di riflessi, e abbiamo 1000 cose per la
      testa. Mi fa ridere chi fa paragoni partendo dal
      presupposto che, essendo questi sistemi
      progettati da esseri umani, non saranno mai
      perfetti: provate a tenere testa ad Excel facendo
      i calcoli a mente o provate a battere un computer
      a scacchi (o battetelo a Jeopardy). La guida non
      si può tradurre in algoritmi, non è riconoscere
      dei pattern, non e' fare analisi statistica? Se
      lo sostenete non sapete di cosa state parlando e
      vi consiglio di studiare un pò di intelligenza
      artificialeBla bla bla bla... quante volte fai incidenti in un mese? E quante volte vedi un programma crashare? Ecco la tua risposta.
    • Leguleio scrive:
      Re: Dibattito sconcertante

      C'è qualcosa di profondamente ridicolo in tutto
      questo dibattito sull'auto driverless, un che di
      grottesco che emerge da affermazioni secondo cui
      un'auto driverless non dovrebbe circolare perchè
      in un caso su un milione potrebbe mettere sotto
      un pedone o causare un incidente: tornate alla
      realtà! La realtà dice che la gente ha paura di prendere apparecchi guidati da robot. Gli UAV per usi militari sono lì a dimostrare che gli aerei senza pilota funzionano e fanno il loro dovere: ed esistono dagli anni Sessanta! Per le regole internazionali dell'aviazione tuttavia ci devono essere due piloti a bordo negli aerei di linea. Può non piacere, ma non decide la teoria, ma la realtà delle paure della popolazione generale.Se la gente ha paura, è automatico, i parlamenti non daranno il permesso di circolazione.
      Nel 2012 si sono registrati in Italia
      186.726 incidenti stradali con lesioni a persone.
      I morti (entro il 30° giorno) sono stati
      3.653, i feriti 264.716. Ma continuiamo pure a
      vedere come un micidiale pericolo un sistema di
      narrow AI che ha fatto 500.000 miglia senza
      causare un incidente. Dati forniti dal progettista, non certificati da un ente indipendente.In ogni caso si tratta di auto che avevano a bordo un conducente che poteva prendere i comandi in tutti i casi in cui fosse stato necessario. Sta' certo che non ti vengono a dire quante volte è stato necessario. ;)
      Vedo molti sconcertati all'idea di non avere più
      qualcuno a cui rifilare una condanna penale in
      caso di incidente con lesioni, come se il
      problema non fosse ridurne il numero, ma farli
      scontare a qualcuno, e per questo sottoporre il
      genere umano ad una insensata prova continua in
      cui non devono distrarsi o sbagliare, sebbene gli
      esseri umani siano palesemente inclini ad
      entrambe le cose, quasi in un esercizio di ottuso
      sadismo. La mente umana funziona così, studia un po' di psicologia e lo apprenderai da te.In attesa di avere uomini con dei microchip di silicio al posto dei neuroni, si va avanti con l'esigenza di trovare qualcuno a cui infliggere una condanna. La popolazione italiana ha respinto <B
      due volte </B
      le centrali nucleari; ti aspetti che con le auto a guida automatica sarebbe diverso, in caso di referendum?
      La guida non
      si può tradurre in algoritmi, non è riconoscere
      dei pattern, non e' fare analisi statistica? Se
      lo sostenete non sapete di cosa state parlando e
      vi consiglio di studiare un pò di intelligenza
      artificiale.No, la guida non è solo questo. E ti sei focalizzato solo sugli incidenti, dimenticando che un guidatore maldestro è un intoppo in una città ad alto traffico, mille guidatori maldestri sono un suicidio, a quel punto uno va a piedi.Faccio sempre la domanda: come si comporterebbe un'auto a guida automatica di fronte a un semaforo guasto, che segna il rosso fisso? Come si comportano gli umani l'ho visto io stesso: suonano il clacson, e lentamente si insinuano nell'incrocio per passare: è palese che non possono aspettare che arrivi l'addetto alla riparazione. Ma un computer?E di situazioni irregolari in città ce ne sono a decine. Un umano, grazie ai 338mila anni di evoluzione, sa più o meno come agire e come togliersi d'impaccio, sa improvvisare: un computer no.
      • surak 2.0 scrive:
        Re: Dibattito sconcertante
        - Scritto da: Leguleio
        La realtà dice che la gente ha paura di prendere
        apparecchi guidati da robot. Gli UAV per usi
        militari sono lì a dimostrare che gli aerei senza
        pilota funzionano e fanno il loro dovere: ed
        esistono dagli anni Sessanta! Per le regole
        internazionali dell'aviazione tuttavia ci devono
        essere due piloti a bordo negli aerei di linea.Da decenni la gente prende gli ascensori, e a parte una infima minoranza,non mi sembra che la gente tema chissà cosa (e certi ascensori raggiungono velocità significative, ma il peggiore incubo è che precipiti per un guasto).Ed è solo un esempio (ci sonoa nche metropolitane che vanno da se) Tutto dipende da come funziona e come viene presentato, e siccomel'auto tradizionale (ma anche l'aereo) smuove miliardi, allora si diffondono le fobie prima ancora che si presenti il caso.
        • Leguleio scrive:
          Re: Dibattito sconcertante


          La realtà dice che la gente ha paura di prendere

          apparecchi guidati da robot. Gli UAV per usi

          militari sono lì a dimostrare che gli aerei
          senza

          pilota funzionano e fanno il loro dovere: ed

          esistono dagli anni Sessanta! Per le regole

          internazionali dell'aviazione tuttavia ci devono

          essere due piloti a bordo negli aerei di linea.

          Da decenni la gente prende gli ascensori, e a
          parte una infima

          minoranza,non mi sembra che la gente tema chissà
          cosa (e certi

          ascensori raggiungono velocità significative, ma
          il peggiore

          incubo è che precipiti per un guasto).
          Ed è solo un esempio (ci sonoa nche metropolitane
          che vanno da se)

          Tutto dipende da come funziona e come viene
          presentato, e
          siccome
          l'auto tradizionale (ma anche l'aereo) smuove
          miliardi, allora

          si diffondono le fobie prima ancora che si
          presenti il
          caso.Hai detto bene: fobie. Non sono fenomeni razionali, ma esistono.In ogni caos non à mia intenzione fomentarle, solo ricordare ai distratti che esistono, e hanno anche un certo impatto sulla vita sociale.
        • ... scrive:
          Re: Dibattito sconcertante
          - Scritto da: surak 2.0
          - Scritto da: Leguleio


          La realtà dice che la gente ha paura di prendere

          apparecchi guidati da robot. Gli UAV per usi

          militari sono lì a dimostrare che gli aerei
          senza

          pilota funzionano e fanno il loro dovere: ed

          esistono dagli anni Sessanta! Per le regole

          internazionali dell'aviazione tuttavia ci devono

          essere due piloti a bordo negli aerei di linea.

          Da decenni la gente prende gli ascensori, e a
          parte una infima

          minoranza,non mi sembra che la gente tema chissà
          cosa (e certi

          ascensori raggiungono velocità significative, ma
          il peggiore

          incubo è che precipiti per un guasto).
          Ed è solo un esempio (ci sonoa nche metropolitane
          che vanno da se)

          Tutto dipende da come funziona e come viene
          presentato, e
          siccome
          l'auto tradizionale (ma anche l'aereo) smuove
          miliardi, allora

          si diffondono le fobie prima ancora che si
          presenti il
          caso.Ma che esempio è? L'ascensore non deve compiere alcuna scelta in base alla circostanza, va su e giù, non ha bisogno di alcuna programmazione complessa, l'unico guasto pericoloso per la vita delle persone occorre se c'è un cedimento fisico dei pezzi. Come puoi accomunare la complessità di una guida nel traffico con un ascensore e pensare di aver detto qualcosa di intelligente?
          • surak 2.0 scrive:
            Re: Dibattito sconcertante
            Si parlava dell'umanità che teme di affidarsi a qualcosa nonguidato da esseri umani, cosa che con l'esempio citato dimostravo non vera.Certo che un'auto automatica è un tantinello pù complessa, ma anche l'elettronica è in grado di agire in millesimi di secondo e considerare svariati scenari,magari potendone controllare ance vari aspetti (altre auto, ad esempio) mentre l'essere umano prima di capire ed assorbire l'adrenalina impiega qualche secondo e magari istintivamente fa la scelta peggiore.chiaro poi ce lo scenario migliore sarebbe solo auto a guida autonoma in area urbana, non di proprietà e con sistemi di allontanamento pedoni idioti (che non mancano mai). Questo semplificheebbe molt, senza doverle neanche farle andare in zone apposite
          • surak 2.0 scrive:
            Re: Dibattito sconcertante
            - Scritto da: surak 2.0
            chiaro poi ce lo scenario migliore sarebbe solo
            auto a guida autonomaovviamente "poi c'è lo scenario"..e altre sviste date dalla fretta.
          • Fulmy(nato) scrive:
            Re: Dibattito sconcertante
            - Scritto da: surak 2.0
            anche l'elettronica è in grado di agire in
            millesimi di secondo

            e considerare svariati scenari,magari potendone
            controllare ance vari aspetti (altre auto, ad
            esempio) mentre l'essere umano prima di

            capire ed assorbire l'adrenalina impiega qualche
            secondo e

            magari istintivamente fa la scelta peggiore.
            chiaro poi ce lo scenario migliore sarebbe solo
            auto a guida autonomaBanalizzi il tutto considerando solo i tempi di risposta di un computer.Imitare il funzionamento del cervello umano non è tanto semplice, e non basta un computer veloce.Anche una azione apparentemente banale, come alzarsi e andare in cucina a fare un caffè, mette a dura prova il più avanzato dei robot umanoidi bipedi, che richiede istruzioni specifiche per ogni azione: camminare, aprire la porta, riconoscere una collega e cederle il passo, azionare la macchina del caffè...Poi al momento di trovare un cucchiaino scopre che nel cassetto non ce ne sono più. Cosa fa il robot?Io ho usato una forchetta capovolta!
      • tucumcari scrive:
        Re: Dibattito sconcertante
        - Scritto da: Leguleio
        La realtà dice che la gente ha paura di prendere
        apparecchi guidati da robot. Gli UAV per usi
        militari sono lì a dimostrare che gli aerei senza
        pilota funzionano e fanno il loro dovereGli UAV non sono affatto "senza pilota" anzi!Al più si possono definire pilotati remotamente ma sono pilotati eccome!Un UAV ha apparecchiature molto sofisticate che ovviamente consentono diversi automatismi avionici per gestire gli eventi ma in sostanza per quanto sofisticati sono sostanzialmente aereomodelli (che è diverso da giocattoli).Vai pure tranquillo che quando c'è da sparare c'è sempre qualcuno che decide che è il caso (o non è il caso) di farlo.Così come c'è qualcuno che decide se e quanto è da osservare (e a che altezza) un obiettivo e lo fa guardando i dati e le immagini trasmesse infatti la USAF li chiama " <b
        piloti </b
        operatori" ci sarà un motivo?
    • Zack scrive:
      Re: Dibattito sconcertante
      Sai cosa manca nel tuo e tutti gli altri commenti? Noi guidiamo la macchina e siamo noi a guidarla, se è automatica potrà interagire con le altre macchine che la circondano, con sistemi semaforici e linee guida interrate e mille altri sistemi. Tutti i messaggi che a noi giungono arrivano solo dalla vista e basta, un po limitante direi rispetto alle potenzialità di un mezzo automatico
      • iRoby scrive:
        Re: Dibattito sconcertante
        La vista, l'udito.E l'esperienza delle capacità predittive? Ed il pensiero fine-granulare?
        • ... scrive:
          Re: Dibattito sconcertante
          - Scritto da: iRoby
          La vista, l'udito.
          E l'esperienza delle capacità predittive? Ed il
          pensiero
          fine-granulare?Appunto. Guarda, il discorso è semplice: l'umano può improvvisare in base alla situazione, il computer NO, e in un traffico complesso come quello cittadino le possibilità di imprevisti sono TROPPE e nessun programma al giorno d'oggi è in grado di improvvisare in base alla circostanza.
        • Luke1 scrive:
          Re: Dibattito sconcertante
          - Scritto da: iRoby
          La vista, l'udito.
          E l'esperienza delle capacità predittive? Ed il
          pensiero
          fine-granulare?Le capacità predittive sono basate sul riconoscimento e ordinamento gerarchico dei motivi ricorrenti. Sulla Google car sono implementati degli ottimi algoritmi che emulano le funzioni della corteccia visiva a partire dai dati grezzi del LiDAR e le capacità predittive.
      • Luke1 scrive:
        Re: Dibattito sconcertante
        - Scritto da: Zack
        Sai cosa manca nel tuo e tutti gli altri
        commenti? Noi guidiamo la macchina e siamo noi a
        guidarla, se è automatica potrà interagire con le
        altre macchine che la circondano, con sistemi
        semaforici e linee guida interrate e mille altri
        sistemi. Tutti i messaggi che a noi giungono
        arrivano solo dalla vista e basta, un po
        limitante direi rispetto alle potenzialità di un
        mezzo
        automaticoL'ho taciuto volutamente. Lo so che il destino ultimo dell'auto driverless é uno swarm, una molteplicità guidata da una sola intelligenza capace di ordinare la mobilità con un'efficienza oggi impensabile. Traffico, ingorghi, incidenti, la necessità stessa di possedere un'auto privata, saranno un ricordo del passato. L'auto sarà una commodity da sottoscrivere in abbonamento come Spotify o Netflix, un'auto arriverà invocata da cellulare quando ne avremo bisogno e tutto sarà ottimizzato per la chiamata successiva, per i flussi statistici sulle zone e le richieste individuali, micro e macro gestione ai massimi livelli coincideranno. Così applicando i concetti di Internet alla mobilità creeremo una smartfleet, esattamente come una smartgrid nasce dall'applicazione di questi concetti all'energia. Ma non ne ho parlato perché mi avrebbero risposto che al momento la driverless car é destinata a condividere le strade con le 'dumbcar', auto che non sono in grado di condividere informazioni e coordinarsi, anche se sono convinto che le driverless car sapranno dimostrare enormi vantaggi anche in uno scenario ibrido.
    • iRoby scrive:
      Re: Dibattito sconcertante
      BRAVO!Adesso però porta la tua macchina automatica qui![yt]rdHkRkwJvww[/yt]
    • Pietro scrive:
      Re: Dibattito sconcertante
      - Scritto da: Luke1
      C'è qualcosa di profondamente ridicolo in tutto
      questo dibattito sull'auto driverless, un che di
      grottesco che emerge da affermazioni secondo cui
      un'auto driverless non dovrebbe circolare perchè
      in un caso su un milione potrebbe mettere sotto
      un pedone o causare un incidente: tornate alla
      realtà! Nel 2012 si sono registrati in Italia
      186.726 incidenti stradali con lesioni a persone.
      I morti (entro il 30° giorno) sono stati
      3.653, i feriti 264.716. Ma continuiamo pure a
      vedere come un micidiale pericolo un sistema di
      narrow AI che ha fatto 500.000 miglia senza
      causare un incidente. La paura dell'ignoto...
      Qual é il problema? Luddismo? Il mutuo acceso
      per pagare la licenza da tassista? Oppure é
      qualcosa di più profondo, di più inconscio...
      tipo forse il timore di "perdere il controllo"?
      Il problema non sarebbe tanto quello di morire
      (si muore più che in abbondanza oggi) quanto che
      ad ucciderci possa essere una macchina. Vogliamo
      conservare l'esclusiva? Mi pare giusto, dopotutto
      siano insuperabili nello sterminare il prossimo
      non sia mai che qualcosa debba soffiarci il
      lavoro. Mi raccomando solamente di ricordarsi di
      dirlo ai parenti delle vittime stradali: "e'
      spirato serenamente sapendo di essere finito
      sotto i pneumatici di un suo caro concittadino".
      Vedo molti sconcertati all'idea di non avere più
      qualcuno a cui rifilare una condanna penale in
      caso di incidente con lesioni, come se il
      problema non fosse ridurne il numero, ma farli
      scontare a qualcuno, e per questo sottoporre il
      genere umano ad una insensata prova continua in
      cui non devono distrarsi o sbagliare, sebbene gli
      esseri umani siano palesemente inclini ad
      entrambe le cose, quasi in un esercizio di ottuso
      sadismo. I sistemi driverless non solo sono già
      più affidabili di noi, ma sono ulteriormente
      perfezionabili: noi come piloti abbiamo già dato,
      certi limiti biologici non sono superabili: non
      siamo in grado di vedere per 60 volte in un
      secondo quello che succede a 360 gradi, il
      cervello ha 100 miliardi di neuroni che operano
      in base ad un modello altamente parallelo, ma
      rispetto ai dati in un computer gli stimoli
      nervosi sono milioni di volte più lenti, siamo
      lenti di riflessi, e abbiamo 1000 cose per la
      testa. Mi fa ridere chi fa paragoni partendo dal
      presupposto che, essendo questi sistemi
      progettati da esseri umani, non saranno mai
      perfetti: provate a tenere testa ad Excel facendo
      i calcoli a mente o provate a battere un computer
      a scacchi (o battetelo a Jeopardy). La guida non
      si può tradurre in algoritmi, non è riconoscere
      dei pattern, non e' fare analisi statistica? Se
      lo sostenete non sapete di cosa state parlando e
      vi consiglio di studiare un pò di intelligenza
      artificiale.Ma guarda io avevi iniziato solo con chiedere in caso di incidente chi é che paga se la colpa é dell'auto senza pilota soprattutto se ci scappa il morto
  • Birillo scrive:
    Realtà
    L'auto senza guidatore diventerà una realtà perché conviene a tutti coloro che hanno grandi interessi nel settore, ed anche ai governi che potranno controllare strettamente ogni cittadino nei suoi spostamenti (e non solo, naturalmente).
    • Leguleio scrive:
      Re: Realtà
      - Scritto da: Birillo
      L'auto senza guidatore diventerà una realtà
      perché conviene a tutti coloro che hanno grandi
      interessi nel settore, Chi ha grandi interessi nel settore?
      ed anche ai governi che
      potranno controllare strettamente ogni cittadino
      nei suoi spostamenti (e non solo,
      naturalmente).Cosa controlleranno oltre quello che già ora controllano, grazie agli antifurti satellitari e al tracciamento col telefonino?
      • Allibito scrive:
        Re: Realtà
        - Scritto da: Leguleio
        - Scritto da: Birillo

        L'auto senza guidatore diventerà una realtà

        perché conviene a tutti coloro che hanno
        grandi

        interessi nel settore,

        Chi ha grandi interessi nel settore?


        ed anche ai governi che

        potranno controllare strettamente ogni
        cittadino

        nei suoi spostamenti (e non solo,

        naturalmente).

        Cosa controlleranno oltre quello che già ora
        controllano, grazie agli antifurti satellitari e
        al tracciamento col
        telefonino?+ telepass + carte di credito + telecamere ovunque...
    • Zack scrive:
      Re: Realtà
      - Scritto da: Birillo
      L'auto senza guidatore diventerà una realtà
      perché conviene a tutti coloro che hanno grandi
      interessi nel settore, ed anche ai governi che
      potranno controllare strettamente ogni cittadino
      nei suoi spostamenti (e non solo,
      naturalmente).Perché secondo te, fruitore felice di: autostrade, telecamere fisse, cllulare, carta di credito, bancomat e altri ameniccoli vari non possono controllarti a piacere se solamente sei minimamente interessante?
  • Puffo inventore scrive:
    Responsabilita'
    Funzionera' cosi' : chi produce i sistemi di guida scarichera' le responsabilita' sul costruttore il costruttore le scarichera' sul conducente e il conducente tornera' alla guida.
  • Leguleio scrive:
    Strano sentore
    " Two areas of driverless technology will be covered in the review: cars with a qualified driver who can take over control of the driverless car and fully autonomous vehicles where there is no driver ."Chissà perché ho l'impressione che le uniche che si vedranno nelle tre città che si aggiudicheranno la prova saranno solo del primo tipo.
  • pietro scrive:
    ma........
    ma se un'auto senza pilota fa un incidente e muore qualcuno chi va in galera?il proprietario dell'auto, l'amministratore delegato della casa automobilistica, l'ingegnere capo della progettazione, il responsabile SW o il programmatore ?
    • Leguleio scrive:
      Re: ma........
      - Scritto da: pietro
      ma se un'auto senza pilota fa un incidente e
      muore qualcuno chi va in
      galera?
      il proprietario dell'auto, l'amministratore
      delegato della casa automobilistica, l'ingegnere
      capo della progettazione, il responsabile SW o il
      programmatore
      ?In questo caso, durante la prossima sperimentazione britannica, il ministro dei trasporti. Insieme all'auto che ha provocato l'incidente, però. :)
    • il signor rossi scrive:
      Re: ma........
      - Scritto da: pietro
      ma se un'auto senza pilota fa un incidente e
      muore qualcuno chi va in
      galera?
      il proprietario dell'auto, l'amministratore
      delegato della casa automobilistica, l'ingegnere
      capo della progettazione, il responsabile SW o il
      programmatore
      ?Nessuno, in quanto la colpa dell'incidente sarà il 99,999% delle volte dell'auto con pilota. Quando queste auto saranno diffuse, non ci sarà più da preoccuparsi in quanto gli incidenti stradali caleranno così tanto che ci si renderà finalmente conto del fatto che sono causati dall'imprudenza e dalla fallacia degli umani. Dopodiché, probabilmente (e sperabilmente) le auto senza pilota verranno rese obbligatorie. Ancor più sperabilmente, sarà vietato possedere una propria auto. Si risolveranno i problemi di traffico e di parcheggio, si potranno eliminare la maggior parte delle auto dalle città. Nel momento in cui si avrà bisogno di un'auto, si userà un'app per farci raggiungere da un'auto senza pilota in pochi minuti.
      • pietro scrive:
        Re: ma........
        - Scritto da: il signor rossi
        - Scritto da: pietro

        ma se un'auto senza pilota fa un incidente e

        muore qualcuno chi va in

        galera?

        il proprietario dell'auto, l'amministratore

        delegato della casa automobilistica, l'ingegnere

        capo della progettazione, il responsabile SW o
        il

        programmatore

        ?

        Nessuno, in quanto la colpa dell'incidente sarà
        il 99,999% delle volte dell'auto con pilota.
        Quando queste auto saranno diffuse, non ci sarà
        più da preoccuparsi in quanto gli incidenti
        stradali caleranno così tanto che ci si renderà
        finalmente conto del fatto che sono causati
        dall'imprudenza e dalla fallacia degli umani.fallacia che non scompare in un'auto senza pilota visto che è prodotta da umani. Ti è mai andato in crash il computer?
        • ... scrive:
          Re: ma........
          - Scritto da: pietro
          - Scritto da: il signor rossi

          - Scritto da: pietro


          ma se un'auto senza pilota fa un
          incidente
          e


          muore qualcuno chi va in


          galera?


          il proprietario dell'auto,
          l'amministratore


          delegato della casa automobilistica,
          l'ingegnere


          capo della progettazione, il
          responsabile SW
          o

          il


          programmatore


          ?



          Nessuno, in quanto la colpa dell'incidente
          sarà

          il 99,999% delle volte dell'auto con pilota.

          Quando queste auto saranno diffuse, non ci
          sarà

          più da preoccuparsi in quanto gli incidenti

          stradali caleranno così tanto che ci si
          renderà

          finalmente conto del fatto che sono causati

          dall'imprudenza e dalla fallacia degli umani.

          fallacia che non scompare in un'auto senza pilota
          visto che è prodotta da umani. Ti è mai andato in
          crash il
          computer?Appunto. Questi mica se ne rendono conto eh...
        • il signor rossi scrive:
          Re: ma........
          - Scritto da: pietro

          fallacia che non scompare in un'auto senza pilota
          visto che è prodotta da umani. Ti è mai andato in
          crash il
          computer?ti è mai andato in crash l'ESP o l'ABS e in conseguenza di ciò hai fatto un incidente? No. E' sucXXXXX a qualcuno? Non che si sappia, ma è possibile. Eppure si tratta di un hardware e un software montati ormai praticamente su ogni auto e a cui nessuno adesso si sognerebbe di rinunciare (se ti sei mai trovato in una situaizone in cui è intervenuto l'ESP lo sai). E scommetto che al momento dell'acquisto della tua auto non ti sei preoccupato troppo del fatto che acceleratore e volante siano in realtà controllati da un software (perché ormai è così).Quante vite sono state salvate grazie all'ESP e all'ABS in confronto a quante ne sono state perse per il loro malfunzionamento?Mi sembra palese che le auto a guida automatica saranno super testate prima di essere immesse sul mercato, e il software non andrà in crash come windows xp.Detto questo è chiaro che, come ogni prodotto umano, un software può avere dei bug, ma stai tranquillo che una volta stabile sarà molto, ma molto più affidabile dell'umano medio. Non si ubriacherà, non scriverà sms mentre guida, non si addormenterà perché è stanco, non supererà i limiti di velocità perché è in ritardo.La google car ha fatto mezzo milione di chilometri in guida automatica durante la sperimentazione, e un solo incidente. Responsabilità: un umano che l'ha tamponata.
          • Etype scrive:
            Re: ma........
            Sai cosa significa un auto completamente controllata da un computer ?Immagina una figura scomoda alla Snowden,una persona antipatica ai poteri forti,ecc ..."toh ha avuto un misterioso incidente stradale,il soggetto è deceduto,problema risolto" Ci sono già stati casi "strani" di questo tipo...Auto nuove da 60.000 Euro con freni non funzionanti ? mmmAuto che anzichè girare in curva vanno dritte ed accelerano ? mmmNessuno di questi strani incidenti ha avuto cittadini comuni :DIn fondo a chi puoi dare la colpa ? Puoi dire che sia una fatalità,un guasto imprevisto,il killer ideale.....Casi in cui in curva il volante torna forzatamente in pozione zero (ovvero dritto) sono tutt'altro che infrequenti.per non parlare che sanno tutto di te,dove stai andando,a quale velocità procedi e tante belle cosette...Poi cosa te ne fai di un'auto automatica ? Se sei solo un passggero tanto vale prendere un mezzo pubblico...avrà abche meno senso comprarne una.
        • panda rossa scrive:
          Re: ma........
          - Scritto da: pietro
          fallacia che non scompare in un'auto senza pilota
          visto che è prodotta da umani. Ti è mai andato in
          crash il
          computer?Io non ho winsozz.
          • pietro scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: pietro


            fallacia che non scompare in un'auto senza
            pilota

            visto che è prodotta da umani. Ti è mai
            andato
            in

            crash il

            computer?

            Io non ho winsozz.sto provando Ubuntu, mi si freeza ogni 3x2 con firefox per "script non risponde" e "ferma lo script" è bloccato pure lui.
          • panda rossa scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: pietro
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: pietro




            fallacia che non scompare in un'auto
            senza

            pilota


            visto che è prodotta da umani. Ti è mai

            andato

            in


            crash il


            computer?



            Io non ho winsozz.
            sto provando Ubuntu, mi si freeza ogni 3x2 con
            firefox per "script non risponde" e "ferma lo
            script" è bloccato pure
            lui.Url?
          • pietro scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: pietro

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: pietro






            fallacia che non scompare in
            un'auto

            senza


            pilota



            visto che è prodotta da umani. Ti
            è
            mai


            andato


            in



            crash il



            computer?





            Io non ho winsozz.

            sto provando Ubuntu, mi si freeza ogni 3x2
            con

            firefox per "script non risponde" e "ferma lo

            script" è bloccato pure

            lui.

            Url?deve essere il corriere.it, ma non è quello il problema, il fatto è che anche linux come gli altri OS può avere dei problemi, e il problema è proprio linux perché non è in grado di killare firefox, è tutto bloccato. Comunque non è un problema solo mio.
          • panda rossa scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: pietro

            Url?
            deve essere il corriere.it, ma non è quello il
            problema, il fatto è che anche linux come gli
            altri OS può avere dei problemi, e il problema è
            proprio linux perché non è in grado di killare
            firefox, è tutto bloccato. Comunque non è un
            problema solo
            mio.Ripeto: tu mi dici l'url, io verifico e dimostro che stai facendo FUD.Hai sparato due panzane troppo grosse.La prima che FF si blocca.La seconda che non si riesce a killare FF.
          • ... scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: pietro
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: pietro


            - Scritto da: panda rossa



            - Scritto da: pietro








            fallacia che non scompare in

            un'auto


            senza



            pilota




            visto che è prodotta da
            umani.
            Ti

            è

            mai



            andato



            in




            crash il




            computer?







            Io non ho winsozz.


            sto provando Ubuntu, mi si freeza ogni
            3x2

            con


            firefox per "script non risponde" e
            "ferma
            lo


            script" è bloccato pure


            lui.



            Url?
            deve essere il corriere.it, ma non è quello il
            problema, il fatto è che anche linux come gli
            altri OS può avere dei problemi, e il problema è
            proprio linux perché non è in grado di killare
            firefox, è tutto bloccato. Comunque non è un
            problema solo
            mio.usare ubuntu e pretendere che funzioni bene e' come venire su punto in formatico e pretendere di non vedere articoli non schierati per apple: impossibile.
        • Skywalkersenior scrive:
          Re: ma........
          - Scritto da: pietro

          fallacia che non scompare in un'auto senza pilota
          visto che è prodotta da umani. Ti è mai andato in
          crash il
          computer?Il numero di guasti provocati da errata progettazione-costruzione-manutenzione credo sia enormemente inferiore rispetto agli incidenti causati da errore/imperizia dell'utilizzatore finale.Nel caso dei computer, la maggior parte dei crash è causata dall'uso di drivers instabili o dall'installazione di programmi discutibili. Molto più raramente sono causati da difetti nell'hardware
      • Leguleio scrive:
        Re: ma........
        - Scritto da: il signor rossi
        - Scritto da: pietro

        ma se un'auto senza pilota fa un incidente e

        muore qualcuno chi va in

        galera?

        il proprietario dell'auto, l'amministratore

        delegato della casa automobilistica, l'ingegnere

        capo della progettazione, il responsabile SW o
        il

        programmatore

        ?

        Nessuno, in quanto la colpa dell'incidente sarà
        il 99,999% delle volte dell'auto con pilota.
        Quando queste auto saranno diffuse, non ci sarà
        più da preoccuparsi in quanto gli incidenti
        stradali caleranno così tanto che ci si renderà
        finalmente conto del fatto che sono causati
        dall'imprudenza e dalla fallacia degli umani.
        Dopodiché, probabilmente (e sperabilmente) le
        auto senza pilota verranno rese obbligatorie.
        Ancor più sperabilmente, sarà vietato possedere
        una propria auto. ...E si abolirà la proprietà privata, e presto anche la necessità di avere più partiti in parlamento verrà superata, e ne resterà uno solo, l'unico in grado di sapere cosa è bene per noi.
      • ... scrive:
        Re: ma........
        - Scritto da: il signor rossi
        - Scritto da: pietro

        ma se un'auto senza pilota fa un incidente e

        muore qualcuno chi va in

        galera?

        il proprietario dell'auto, l'amministratore

        delegato della casa automobilistica, l'ingegnere

        capo della progettazione, il responsabile SW o
        il

        programmatore

        ?

        Nessuno, in quanto la colpa dell'incidente sarà
        il 99,999% delle volte dell'auto con pilotaQuando un programma che hai installato ti crasha è al 99,999% colpa tua?
        • Ma ce la fate scrive:
          Re: ma........
          Mi scrivi quanti incidenti aerei ci sono stati per colpa del pilota automatico? attendo la risposta..
          • pietro scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: Ma ce la fate
            Mi scrivi quanti incidenti aerei ci sono stati
            per colpa del pilota automatico? attendo la
            risposta..il pilota automatico non decolla, non atterra e non cambia rotta. Si limita ad andare dritto per x ore.
          • il signor rossi scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: pietro

            il pilota automatico non decolla, non atterra e
            non cambia rotta. Si limita ad andare dritto per
            x
            ore.ahahaha! tu sì che ne sai... per inciso, il pilota automatico che dici tu è quello degli anni '70... non hai la minima idea, è evidente da quello che scrivi, di cosa faccia il computer sugli aerei di oggi.
          • ... scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: il signor rossi
            - Scritto da: pietro



            il pilota automatico non decolla, non atterra e

            non cambia rotta. Si limita ad andare dritto per

            x

            ore.

            ahahaha! tu sì che ne sai... per inciso, il
            pilota automatico che dici tu è quello degli anni
            '70... non hai la minima idea, è evidente da
            quello che scrivi, di cosa faccia il computer
            sugli aerei di
            oggiSei un pilota?
          • Fulmy(nato) scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: il signor rossi
            - Scritto da: pietro



            il pilota automatico non decolla, non atterra e

            non cambia rotta. Si limita ad andare dritto per

            x

            ore.

            ahahaha! tu sì che ne sai... per inciso, il
            pilota automatico che dici tu è quello degli anni
            '70... non hai la minima idea, è evidente da
            quello che scrivi, di cosa faccia il computer
            sugli aerei di oggi.Sicuramente sono più evoluti di allora, ciò non toglie che i piloti a bordo ci sono sempre, e che determinate operazioni siano loro ad effettuarle, e tra queste il decollo e l'atterraggio, oltre ad essere pronti a prendere i comandi in qualsiasi momento.
          • PinguinoCattivo scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: Fulmy(nato)

            Sicuramente sono più evoluti di allora, ciò non
            toglie che i piloti a bordo ci sono sempre, e che
            determinate operazioni siano loro ad effettuarle,
            e tra queste il decollo e l'atterraggio, oltre ad
            essere pronti a prendere i comandi in qualsiasi
            momento.Non è più così. Ad oggi il pilota automatico può tranquillamente affrontare operazioni come decollo ed atterraggio, che anzi è una modalità preferenziale in condizioni critiche o di scarsa visibilità.
          • panda rossa scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: pietro
            - Scritto da: Ma ce la fate

            Mi scrivi quanti incidenti aerei ci sono
            stati

            per colpa del pilota automatico? attendo la

            risposta..
            il pilota automatico non decolla, non atterra e
            non cambia rotta. Si limita ad andare dritto per
            x
            ore.E' veramente insopportabile il disfattismo di certa gente che non solo ostenta una vergognosa ignoranza nel campo tecnologico ma pretende pure di difendere tesrardamente il proprio orticello di intermediario parassita.La tecnologia fara' scomparire la gente come te, e nessuno ti rimpiangera'.
          • ... scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: pietro

            - Scritto da: Ma ce la fate


            Mi scrivi quanti incidenti aerei ci sono

            stati


            per colpa del pilota automatico?
            attendo
            la


            risposta..

            il pilota automatico non decolla, non
            atterra
            e

            non cambia rotta. Si limita ad andare dritto
            per

            x

            ore.

            E' veramente insopportabile il disfattismo di
            certa gente che non solo ostenta una vergognosa
            ignoranza nel campo tecnologico ma pretende pure
            di difendere tesrardamente il proprio orticello
            di intermediario
            parassita.Deliri di un malato di mente.
          • istessquel scrive:
            Re: ma........
            Uguale uguale al cruise della dacia logan insomma(rotfl)- Scritto da: pietro
            - Scritto da: Ma ce la fate

            Mi scrivi quanti incidenti aerei ci sono
            stati

            per colpa del pilota automatico? attendo la

            risposta..
            il pilota automatico non decolla, non atterra e
            non cambia rotta. Si limita ad andare dritto per
            x
            ore.
          • Elrond scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: pietro
            - Scritto da: Ma ce la fate

            Mi scrivi quanti incidenti aerei ci sono
            stati

            per colpa del pilota automatico? attendo la

            risposta..
            il pilota automatico non decolla, non atterra e
            non cambia rotta. Si limita ad andare dritto per
            x
            ore.Mi pare di aver letto un po' di tempo fa che attualmente il pilota automatico atterra, eccome... Anzi, se non sbaglio l'articolo diceva pure che ogni tot atterraggi è obbligatorio che uno venga fatto la pilota automatico.
          • Deuterio scrive:
            Re: ma........

            Mi pare di aver letto un po' di tempo fa che
            attualmente il pilota automatico atterra,
            eccome... Anzi, se non sbaglio l'articolo dicevaInfatti, si chiama autoland, e c'è anche sui vecchi MD80.Inoltre in volo non si limita ad andare dritto, ma segue il piano di volo, mantiene quota e velocità, e i profili di salita/discesa per economizzare il carburante.D
          • pietro scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: Deuterio

            Mi pare di aver letto un po' di tempo fa che

            attualmente il pilota automatico atterra,

            eccome... Anzi, se non sbaglio l'articolo diceva

            Infatti, si chiama autoland, e c'è anche sui
            vecchi
            MD80.

            Inoltre in volo non si limita ad andare dritto,
            ma segue il piano di volo, mantiene quota e
            velocità, e i profili di salita/discesa per
            economizzare il
            carburante.

            Dche per lui è equivalente ad andare dritto sul percorso preprogrammato, ma è in grado di prendere decisioni autonome, per esempio il cambio rapido di quota se si dovesse trovare su una rotta di collisione con un altro aereo?
          • panda rossa scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: pietro
            che per lui è equivalente ad andare dritto sul
            percorso preprogrammato, ma è in grado di
            prendere decisioni autonome, per esempio il
            cambio rapido di quota se si dovesse trovare su
            una rotta di collisione con un altro
            aereo?Gli aerei militari hanno queste capacita' in automatico.Ovviamente non sono installate sui voli civili, ma un aereo militare sa quando viene agganciato da un aereo nemico o da un missile, ed automaticamente effettua manovre di elusione e sgancia dei traccianti per confondere l'aggressore.
          • ... scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: pietro


            che per lui è equivalente ad andare dritto
            sul

            percorso preprogrammato, ma è in grado di

            prendere decisioni autonome, per esempio il

            cambio rapido di quota se si dovesse trovare
            su

            una rotta di collisione con un altro

            aereo?

            Gli aerei militari hanno queste capacita' in
            automatico.
            Ovviamente non sono installate sui voli civili,
            ma un aereo militare sa quando viene agganciato
            da un aereo nemico o da un missile, ed
            automaticamente effettua manovre di elusione e
            sgancia dei traccianti per confondere
            l'aggressoreSmettila di girarci intorno. Nessun programma sa prendere decisioni autonome, e guidare nel traffico cittadino per esempio è pieno di imprevisti di fronti ai quali un computer non saprebbe cosa fare. Se tu credi che non ci sarà alcun problema, credici pure, ma mi spiace dirti che verrai smentito clamorosamente se queste auto saranno mai approvate per la guida autonoma in situazioni del genere. Ne vedremo di marce indietro immediate in quel caso, oh se ne vedremo.
          • panda rossa scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: pietro




            che per lui è equivalente ad andare
            dritto

            sul


            percorso preprogrammato, ma è in grado
            di


            prendere decisioni autonome, per
            esempio
            il


            cambio rapido di quota se si dovesse
            trovare

            su


            una rotta di collisione con un altro


            aereo?



            Gli aerei militari hanno queste capacita' in

            automatico.

            Ovviamente non sono installate sui voli
            civili,

            ma un aereo militare sa quando viene
            agganciato

            da un aereo nemico o da un missile, ed

            automaticamente effettua manovre di elusione
            e

            sgancia dei traccianti per confondere

            l'aggressore

            Smettila di girarci intorno.Non ho alcuna intenzione di smettere.
            Nessun programma sa
            prendere decisioni autonome, e guidare nel
            traffico cittadino per esempio è pieno di
            imprevisti di fronti ai quali un computer non
            saprebbe cosa fare.Nessun programma scritto da te.Un programma comunque non decide proprio niente. Risponde semplicemente ad eventi.E lo fa molto meglio e molto piu' rapidamente di qualunque essere umano.Puoi provare tu stesso a guidare senza elettronica su un percorso misto accidentato con fondo bagnato o ghiacciato: vai a sbattere alla prima curva.
            Se tu credi che non ci sarà
            alcun problema, credici pure, ma mi spiace dirti
            che verrai smentito clamorosamente se queste auto
            saranno mai approvate per la guida autonoma in
            situazioni del genere. Ne vedremo di marce
            indietro immediate in quel caso, oh se ne
            vedremo.Io non ho fretta.Ho qui una lista di cose da sbattere in faccia a gente come te su questo forum, che nel frattempo hanno pensato bene di sparire.Ti aggiungo in fondo alla lista e ci rivedremo quando l'auto senza pilota girera' per le strade.
          • krane scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: panda rossa
            Se tu credi che non ci sarà
            alcun problema, credici pure, ma mi spiace dirti
            che verrai smentito clamorosamente se queste auto
            saranno mai approvate per la guida autonoma in
            situazioni del genere. Ne vedremo di marce
            indietro immediate in quel caso, oh se ne
            vedremo.Ma sicuro che saranno di piu' di quelle che vediamo ora ?Sicuro sicuro ?Giusto qualche gg fa un amico ipovedente mi raccontava che una signora guidando lo stava per mettere sotto in retromarcia uscita dal posteggio perche': "i sensori non le avevano detto che c'era lui dietro" ...
          • ... scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: Elrond
            - Scritto da: pietro

            - Scritto da: Ma ce la fate


            Mi scrivi quanti incidenti aerei ci sono

            stati


            per colpa del pilota automatico? attendo la


            risposta..

            il pilota automatico non decolla, non atterra e

            non cambia rotta. Si limita ad andare dritto per

            x

            ore.

            Mi pare di aver letto un po' di tempo fa che
            attualmente il pilota automatico atterra,
            eccome... Anzi, se non sbaglio l'articolo diceva
            pure che ogni tot atterraggi è obbligatorio che
            uno venga fatto la pilota
            automatico.No, dico, hai presente come si svolge l'atterraggio di un aereo? Viene comunicato prima se la pista è sgombra, la traiettoria è sempre dritta, l'atterraggio dura poche decine di secondi. Tu credi che il numero di variabili sia minimamente paragonabile al viaggiare su una strada cittadina, dove nulla è preparato e bisogna fare attenzione a mille cose?
          • pietro scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: Elrond
            - Scritto da: pietro

            - Scritto da: Ma ce la fate


            Mi scrivi quanti incidenti aerei ci sono

            stati


            per colpa del pilota automatico? attendo la


            risposta..

            il pilota automatico non decolla, non atterra e

            non cambia rotta. Si limita ad andare dritto per

            x

            ore.

            Mi pare di aver letto un po' di tempo fa che
            attualmente il pilota automatico atterra,
            eccome... Anzi, se non sbaglio l'articolo diceva
            pure che ogni tot atterraggi è obbligatorio che
            uno venga fatto la pilota
            automatico.non atterra il pilota automatico, atterra il pilota con l'assistenza del pilota automatico, è diverso
          • ... scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: Ma ce la fate
            Mi scrivi quanti incidenti aerei ci sono stati
            per colpa del pilota automatico? attendo la
            risposta..Le azioni compiute dal pilota automatico sono incredibilmente semplici rispetto a quelle che deve compiere una macchina sulla strada, inoltre nel cielo le possibilità di scontrarsi con qualcosa sono incredibilmente basse.
          • Skywalker scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: Ma ce la fate
            Mi scrivi quanti incidenti aerei ci sono stati
            per colpa del pilota automatico? attendo la
            risposta..Diversi. In genere perché va dritto contro una montagna mentre il pilota è distratto a fare altro. O si schianta al suolo perché si disinserisce mentre il pilota è distratto da altro. EAL 401 fu un caso scuola, che portò a moltiplicare gli avvertimenti AL PILOTA.Un altro altrettanto famoso e recente è il volo Air France 447, che si schiantò perché l'autopilota si è disinserito per problemi tecnici ed i piloti senza supporto sono andati in stallo.Detti così, a memoria.E parliamo di aerei di linea, molto più simili ai Treni che alle Automobili. Se poi andiamo nell'Aviazione Generale non sono immaginare...
      • Fulmy(nato) scrive:
        Re: ma........
        - Scritto da: il signor rossi
        Quando queste auto saranno diffuse, non ci sarà
        più da preoccuparsi in quanto gli incidenti
        stradali caleranno così tanto che ci si renderà
        finalmente conto del fatto che sono causati
        dall'imprudenza e dalla fallacia degli umani.è noto infatti che ingegneri e programmatori siano infallibili, quindi si può essere certi che le auto senza pilota saranno assolutamente perfette...
        • ... scrive:
          Re: ma........
          - Scritto da: Fulmy(nato)
          - Scritto da: il signor rossi


          Quando queste auto saranno diffuse, non ci
          sarà

          più da preoccuparsi in quanto gli incidenti

          stradali caleranno così tanto che ci si
          renderà

          finalmente conto del fatto che sono causati

          dall'imprudenza e dalla fallacia degli umani.

          è noto infatti che ingegneri e programmatori
          siano infallibili, quindi si può essere certi che
          le auto senza pilota saranno assolutamente
          perfette...Non solo sono fallibili, ma nell'industria del software c'è spessissimo un atteggiamento di sufficienza e menefreghismo indecente, sia tra i manager e sia tra i programmatori. Grazie anche a due decenni di cultura dominante in cui s'è dato peso alla fuffa e non al concreto, e in cui i bug e i crash sono stati visti come qualcosa di normale. Ringraziate soprattutto Microsoft al riguardo (ma anche tra l'open source c'è chi ha portato avanti questo atteggiamento).
      • Skywalker scrive:
        Re: ma........
        Se l'auto senza pilota investe il mio gattino e prosegue senza prestargli soccorso, chi ne risponde? Chi paga la multa? E chi eventualmente ne risponde ai sensi del Art. 544-ter C.P.?
        • Jack scrive:
          Re: ma........
          - Scritto da: Skywalker
          Se l'auto senza pilota investe il mio gattino e
          prosegue senza prestargli soccorso, chi ne
          risponde?


          Chi paga la multa? E chi eventualmente ne
          risponde ai sensi del Art. 544-ter
          C.P.?Se il tuo gattino venisse schiacciato dal cancello automatico del tuo vicino mentre si sta chiudendo, chi ne risponde?(tra l'altro, il gattino è piccolo abbastanza da non far scattare le fotocellule del cancello)
      • surak 2.0 scrive:
        Re: ma........
        Perfetto.le critiche alle auto automatiche sono quasi sempre stupidate di chi teme la cosa sia da un punto di vista vendita-gestione auto (e sono centinaia di miglia di persone, solo in Italia) e di chi considera la guida un gioco-hobby, e sono quelli pericolosi sulla strada, irrinunciabile.Oltre ai vantaggi che hai citato, da dire che se anche capitasse un incidente su un milione (rispetto ad oggi), i danni potrebbe pagarli lo Stato, in quanto risparmierebbe miliardi sul milione meno 1 d'incidenti evitati
        • ... scrive:
          Re: ma........
          - Scritto da: surak 2.0
          Perfetto.
          le critiche alle auto automatiche sono quasi
          sempre stupidate di

          chi teme la cosa sia da un punto di vista
          vendita-gestione auto

          (e sono centinaia di miglia di persone, solo in
          Italia) e di chi considera la guida un
          gioco-hobby, e sono quelli pericolosi

          sulla strada, irrinunciabile.Ma Dio che diluvio di XXXXXXXte.
      • Allibito scrive:
        Re: ma........
        - Scritto da: il signor rossi
        - Scritto da: pietro

        ma se un'auto senza pilota fa un incidente e

        muore qualcuno chi va in

        galera?

        il proprietario dell'auto, l'amministratore

        delegato della casa automobilistica, l'ingegnere

        capo della progettazione, il responsabile SW o
        il

        programmatore

        ?

        Nessuno, in quanto la colpa dell'incidente sarà
        il 99,999% delle volte dell'auto con pilota.
        Quando queste auto saranno diffuse, non ci sarà
        più da preoccuparsi in quanto gli incidenti
        stradali caleranno così tanto che ci si renderà
        finalmente conto del fatto che sono causati
        dall'imprudenza e dalla fallacia degli umani.
        Dopodiché, probabilmente (e sperabilmente) le
        auto senza pilota verranno rese obbligatorie.
        Ancor più sperabilmente, sarà vietato possedere
        una propria auto. Si risolveranno i problemi di
        traffico e di parcheggio, si potranno eliminare
        la maggior parte delle auto dalle città. Nel
        momento in cui si avrà bisogno di un'auto, si
        userà un'app per farci raggiungere da un'auto
        senza pilota in pochi
        minuti.Gli aerei sono già in grado da tempo di decollare e atterrare senza toccare un solo tasto, la presenza di due piloti però è indispensabile. I crash di sistema non sono rarissimi anche con la migliore tecnologia disponibile (quasi tutta doppia). Credo molto più in un futuro con sole auto senza conducente che in un sistema ibrido, il diverso modo di reagire allo stesso stimolo può essere un problema e a nulla vale il fatto che il computer sia più veloce del conducente umano se comunque ci sarà un incidente. Se in una rada ci si ancora tutti con la stessa catena e una sola ancora non ci sarà mai collisione tra le imbarcazioni, se uno solo usa 2 ancore al primo cambio di direzione del vento ci sarà un mucchio selvaggio.Visto che non ha bisogno di vedere ne di udire, si preoccuperà di un rumore sospetto anche se nessun sensore rivela anomalie? Se uno lega un secondo il cane al paraurti, se ne accorgerà o parte in quarta? Ci sono milioni di se.
    • panda rossa scrive:
      Re: ma........
      - Scritto da: pietro
      ma se un'auto senza pilota fa un incidente e
      muore qualcuno chi va in
      galera?Se oggi un'auto con pilota fa un incidene e tu muori, non va in galera proprio nessuno.
    • Skywalkersenior scrive:
      Re: ma........
      - Scritto da: pietro
      ma se un'auto senza pilota fa un incidente e
      muore qualcuno chi va in
      galera?
      il proprietario dell'auto, l'amministratore
      delegato della casa automobilistica, l'ingegnere
      capo della progettazione, il responsabile SW o il
      programmatore
      ?Se un aereo cade a causa di un guasto, chi va in galera? Raramente è colpa del pilota.Ci sono delle indagini e, se il guasto è provocato da un errore umano (progettazione, costruzione, manutenzione) evitabile, si individua il responsabile.Se il guasto risulterà non prevedibile, potrà capitare anche che nessuno finisca in galera, come d'altro canto accade oggi in molti casi di incidenti d'auto.Se ti si squarcia un pneumatico che avevi appena cambiato, tu perdi il controllo del mezzo e ammazzi un passante, si tratta al massimo di omicidio colposo (poi si potranno cercare le eventuali colpe del gommista o del produttore).Se ti si squarcia un pneumatico che risulti già al limite della legalità, potrebbe verificarsi un "dolo eventuale" e la pena sarebbe maggiore.Al di là di tutte queste considerazioni, comunque, bisognerebbe sempre ricordarsi che la stragrande maggioranza degli incidenti è provocato da un errore del guidatore (imprudenza, distrazione, alta velocità, coscienza alterata da alcolici o droghe, pessima manutenzione del veicolo...). Un mezzo che si guida da solo riduce la possibilità di incidenti perché possono essere causati solo da guasti tecnici che, per quanto possibili, sono meno frequenti degli errori umani al volante.
      • Leguleio scrive:
        Re: ma........


        ma se un'auto senza pilota fa un incidente e

        muore qualcuno chi va in

        galera?

        il proprietario dell'auto, l'amministratore

        delegato della casa automobilistica, l'ingegnere

        capo della progettazione, il responsabile SW o
        il

        programmatore

        ?

        Se un aereo cade a causa di un guasto, chi va in
        galera? Raramente è colpa del
        pilota.Il pilota quasi sempre è morto. Solo negli aerei militari c'è il seggiolino eiettabile. :)Comunque un caso in cui la colpa del pilota è stata riconosciuta, è questo:http://www.corriere.it/cronache/09_marzo_23/condanne_atr72_aereo_caduto_62eaac46-17aa-11de-b00e-00144f486ba6.shtmlDieci anni di carcere.
        Se ti si squarcia un pneumatico che avevi appena
        cambiato, tu perdi il controllo del mezzo e
        ammazzi un passante, si tratta al massimo di
        omicidio colposo (poi si potranno cercare le
        eventuali colpe del gommista o del
        produttore).Gurda che negli incidenti automobilistici in strada si tratta sempre di omicidio colposo, cioè dovuto a colpa o inosservanza delle regole, più o meno grave. I killer che si vedono nei film pagati per simulare un incidente sono, appunto da film.
        • Skywalkersenior scrive:
          Re: ma........
          - Scritto da: Leguleio



          Se un aereo cade a causa di un guasto, chi
          va
          in

          galera? Raramente è colpa del

          pilota.

          Il pilota quasi sempre è morto. Questo non impedisce agli investigatori di attribuirgli la responsabilità dell'incidente (e le conseguenze ricadono sui familiari), se le indagini portassero a questa conclusione-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 agosto 2014 20.37-----------------------------------------------------------
          • Leguleio scrive:
            Re: ma........



            Se un aereo cade a causa di un guasto,
            chi

            va

            in


            galera? Raramente è colpa del


            pilota.



            Il pilota quasi sempre è morto.

            Questo non impedisce agli investigatori di
            attribuirgli la responsabilità dell'incidente (e
            le conseguenze ricadono sui familiari), se le
            indagini portassero a questa
            conclusioneNo, le conseguenze non ricadono sui familiari, perché non si può processare un morto. Non nel diritto europeo, perlomeno.
          • Skywalkersenior scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: Leguleio



            Se un aereo cade a causa di un
            guasto,

            chi


            va


            in



            galera? Raramente è colpa del



            pilota.





            Il pilota quasi sempre è morto.



            Questo non impedisce agli investigatori di

            attribuirgli la responsabilità
            dell'incidente
            (e

            le conseguenze ricadono sui familiari), se le

            indagini portassero a questa

            conclusione

            No, le conseguenze non ricadono sui familiari,
            perché non si può processare un morto. Non nel
            diritto europeo,
            perlomeno.Processare no, ma le indagini sugli incidenti aerei arrivano quasi sempre ad una conclusione (a volte ci mettono anni) e, se si stabilisce che è stata colpa del pilota, nel rapporto viene scritto, con tutte le conseguenze (ovviamente anche psicologiche) per la famiglia
          • Leguleio scrive:
            Re: ma........





            Se un aereo cade a causa di un

            guasto,


            chi



            va



            in




            galera? Raramente è colpa del




            pilota.







            Il pilota quasi sempre è morto.





            Questo non impedisce agli investigatori
            di


            attribuirgli la responsabilità

            dell'incidente

            (e


            le conseguenze ricadono sui familiari),
            se
            le


            indagini portassero a questa


            conclusione



            No, le conseguenze non ricadono sui
            familiari,

            perché non si può processare un morto. Non
            nel

            diritto europeo,

            perlomeno.

            Processare no, ma le indagini sugli incidenti
            aerei arrivano quasi sempre ad una conclusione (a
            volte ci mettono anni) e, se si stabilisce che è
            stata colpa del pilota, nel rapporto viene
            scritto, con tutte le conseguenze (ovviamente
            anche psicologiche) per la
            famigliaAh, in quel senso sì. Vale anche per gli incidenti d'auto e per le "morti bianche" sul lavoro, però, quando l'inchiesta stabilisce che il disastro è stato in gran parte causato da una delle vittime, in particolare.
          • Skywalkersenior scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: Leguleio

            Ah, in quel senso sì. Vale anche per gli
            incidenti d'auto e per le "morti bianche" sul
            lavoro, però, quando l'inchiesta stabilisce che
            il disastro è stato in gran parte causato da una
            delle vittime, in
            particolare.Gli incidenti aerei hanno il "vantaggio" di essere più rari, di conseguenza si ha più tempo per indagare e giungere a conclusioni sufficientemente certe.Per mettere lo stesso impegno in ogni incidente stradale o sul lavoro, non basterebbero tutti gli organi investigativi del mondo
          • Allibito scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: Skywalkersenior
            - Scritto da: Leguleio




            Se un aereo cade a causa di un

            guasto,


            chi



            va



            in




            galera? Raramente è colpa del




            pilota.







            Il pilota quasi sempre è morto.





            Questo non impedisce agli investigatori
            di


            attribuirgli la responsabilità

            dell'incidente

            (e


            le conseguenze ricadono sui familiari),
            se
            le


            indagini portassero a questa


            conclusione



            No, le conseguenze non ricadono sui
            familiari,

            perché non si può processare un morto. Non
            nel

            diritto europeo,

            perlomeno.

            Processare no, ma le indagini sugli incidenti
            aerei arrivano quasi sempre ad una conclusione (a
            volte ci mettono anni) e, se si stabilisce che è
            stata colpa del pilota, nel rapporto viene
            scritto, con tutte le conseguenze (ovviamente
            anche psicologiche) per la
            famigliaSe segui le famose trasmissioni sugli incidenti aerei vedi che non è mai una sola causa a provocare lo schianto di un aereo ma SEMPRE e sottolineo sempre, è un concatenarsi di cause e solo dopo ogni incidente, sempre diverso dai precedenti si apportano modifiche strutturali o ai vari programmi. Fino a che non esisteranno solo sistemi automatici, l'interazione con sistemi manuali richiederà sempre la presenza di un supervisore.
          • Skywalkersenior scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: Allibito
            Se segui le famose trasmissioni sugli incidenti
            aerei vedi che non è mai una sola causa a
            provocare lo schianto di un aereo ma SEMPRE e
            sottolineo sempre, è un concatenarsi di cause e
            solo dopo ogni incidente, sempre diverso dai
            precedenti si apportano modifiche strutturali o
            ai vari programmi. Fino a che non esisteranno
            solo sistemi automatici, l'interazione con
            sistemi manuali richiederà sempre la presenza di
            un
            supervisore.Si, ne ho visti tanti di quei documentari e so che spesso si arriva alla conclusione che qualcuno, in qualche fase del proXXXXX di progettazione/costruzione/manutenzione ha sbagliato qualcosa. Un'automobile ha, per contro, una struttura decisamente più semplice di un aereo e ha un indubbio vantaggio: si potrebbe fare in modo che se un automatismo non funziona a dovere, l'auto semplicemente si fermi, cosa che ovviamente non può essere fatta su un aereo.Poi, anche per la macchine autonome, dovrà esserci una fase di "rodaggio" nel mondo reale, che consenta di individuare problemi a cui non si era fatto caso.Sono convinto che se, per ipotesi, domani mattina venissero sostituite per magia tutte le automobili di Milano con questo tipo di mezzi, anche con la tecnologia immatura che abbiamo adesso, ci sarebbero molti meno incidenti.E' pacifico che non possa essere realizzata dalla sera alla mattina un'automobile driverless perfetta, ma resto dell'idea che questi bug, problemi di programmazione, ecc. saranno numericamente molto inferiori rispetto ai possibili errori umani durante la guida di un autoveicolo, che quotidianamente portano a migliaia di incidenti.
      • ... scrive:
        Re: ma........
        - Scritto da: Skywalkersenior
        Un mezzo che si guida da solo riduce la
        possibilità di incidenti perché possono essere
        causati solo da guasti tecniciAssolutamente falso. Possono essere causati da errori di programmazione e da situazioni non previste dai programmatori. E Dio sa quante volte succede con un computer.
        • Skywalkersenior scrive:
          Re: ma........
          - Scritto da: ...
          - Scritto da: Skywalkersenior


          Un mezzo che si guida da solo riduce la

          possibilità di incidenti perché possono
          essere

          causati solo da guasti tecnici

          Assolutamente falso. Possono essere causati da
          errori di programmazione e da situazioni non
          previste dai programmatori. E Dio sa quante volte
          succede con un
          computer.Se permetti, prima di mettere in circolazione un mezzo potenzialmente mortale, ci si fa un po' più di debugging rispetto ad un sistema operativo che, mal che vada, ti causa la perdita di qualche dato.
          • Leguleio scrive:
            Re: ma........



            Un mezzo che si guida da solo riduce la


            possibilità di incidenti perché possono

            essere


            causati solo da guasti tecnici



            Assolutamente falso. Possono essere causati
            da

            errori di programmazione e da situazioni non

            previste dai programmatori. E Dio sa quante
            volte

            succede con un

            computer.

            Se permetti, prima di mettere in circolazione un
            mezzo potenzialmente mortale, ci si fa un po' più
            di debugging La notizia parla proprio di questo.Esistono anche i debugging che si concludono con un rifiuto all'omologazione. O con ulteriori periodi di debugging che possono durare anche 10 anni.
          • Skywalkersenior scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: Leguleio

            La notizia parla proprio di questo.
            Esistono anche i debugging che si concludono con
            un rifiuto all'omologazione. O con ulteriori
            periodi di debugging che possono durare anche 10
            anni.Se l'UK ha dato l'OK alla circolazione "controllata", penso voglia dire che buona parte di questo debugging è stato portato a termine e le auto rispondono ai loro requisiti di sicurezza
          • Leguleio scrive:
            Re: ma........


            La notizia parla proprio di questo.

            Esistono anche i debugging che si concludono
            con

            un rifiuto all'omologazione. O con ulteriori

            periodi di debugging che possono durare
            anche
            10

            anni.

            Se l'UK ha dato l'OK alla circolazione
            "controllata", penso voglia dire che buona parte
            di questo debugging è stato portato a termine e
            le auto rispondono ai loro requisiti di
            sicurezzaGià il fatto che l'abbia autorizzata dal 2015 e solo su tre città fa capire che ci vanno coi piedi di piombo. Comunque la prova sul campo si può fare solo lasciandole sulle strade in situzioni reali, le simulazioni non bastano, da sole.
          • Skywalkersenior scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: Leguleio

            Già il fatto che l'abbia autorizzata dal 2015 e
            solo su tre città fa capire che ci vanno coi
            piedi di piombo. Beh, mi pare naturale. Sarebbe azzardato il contrario.Anche i farmaci, dopo tutte le ricerche ed i test, quando ricevono l'OK per l'uso sull'uomo vengono sperimentati in gruppi di controllo limitati prima della commercializzazione.
            Comunque la prova sul campo si
            può fare solo lasciandole sulle strade in
            situzioni reali, le simulazioni non bastano, da
            sole.Per quanto mi riguarda, non vedo l'ora di non dover avere più a che fare con la masnada di schumacher-wannabe o di "uomini col cappello" che, nella migliore delle ipotesi, intasano la strada (nelle peggiori, la rendono un pericolo mortale)
          • Zack scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: Skywalkersenior
            Per quanto mi riguarda, non vedo l'ora di non
            dover avere più a che fare con la masnada di
            schumacher-wannabe o di "uomini col cappello"
            che, nella migliore delle ipotesi, intasano la
            strada (nelle peggiori, la rendono un pericolo
            mortale)Non dimenticare: donna che fuma, fighetto con donzela a fianco, ubriachi vari e "..." che fanno sicuramente parte della categoria.
          • Skywalkersenior scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: Zack
            Non dimenticare: donna che fuma, fighetto con
            donzela a fianco, ubriachi vari e "..." che fanno
            sicuramente parte della
            categoria.Donna che si trucca, dirigente che legge le notizie economiche, genitori sconsiderati che guidano col pargolo in grembo (poi tutti a piangere quando il piccolo resta vittima di un incidente)... la lista è tristemente lunga
    • iRoby scrive:
      Re: ma........
      Il fondo vittime della strada.Quello a cui fai richiesta quando hai un incidente per cause di animali selvatici, di voragini causate da piogge. Per incuria delle strade.Sempre se riesci a farti pagare. Sento che ci vogliono minimo 5 anni...Insomma in pratica le multinazionali si faranno i soldi propinando questi trabiccoli e lo Stato pagherà quando falliscono.È ovvio che quando ne uccideranno qualcuno di troppo la gente non si fiderà e finirà la mania del veicolo automatico.Oppure prevederanno strade apposta per loro, transennate, come certe corsie per tram e filobus.E vai di altro cemento, lavori pubblici, appalti. Gli Stati saranno sempre i grandi foraggiatori delle aziende, sempre. Il denaro non si usa per il benessere della gente, viene fagocitato tutto dalle aziende ben "ammanicate".-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 agosto 2014 22.51-----------------------------------------------------------
      • Skywalkersenior scrive:
        Re: ma........
        - Scritto da: iRoby
        ovvio che quando ne uccideranno qualcuno
        di troppo la gente non si fiderà e finirà la
        mania del veicolo
        automatico.
        Parti dal presupposto che questi "trabiccoli" provocheranno più vittime di quante ne provocano adesso gli umani.Certo, l'umanità è strana ed isterica ed è possibilissimo che, mentre guarda con noncuranza alle migliaia di vittime che ci sono adesso, scenda in piazza con le fiaccole ed i forconi non appena una macchina automatica tirerà sotto un pedone ubriaco che si è buttato in mezzo alla strada...
        • iRoby scrive:
          Re: ma........
          Non mi preoccupano i trabiccoli in sé, se tutto il sistema fosse funzionante.E con sistema intendo anche la società e il codice della strada.Nel senso che solo in Svizzera e in poche nazioni del pianeta c'è una segnaletica ben fatta, efficiente e chiara, messa a dovere. Strade con una buona manutenzione e pulizia ecc. E ovviamente utenti della strada diligenti.Sono solo i paesi ricchi con buon reddito pro-capite, con buona disponibilità economica delle PA per la manutenzione delle strade, che potranno vedere le macchinette automatiche.Nel "sud" del mondo invece vige il caos più totale, non parlo solo di metropoli del sud Italia ormai farcite di veicoli e guidati molto "allegramente". Ma parlo di Cina, India, Sud America.L'automobile automatica semplicemente non è pronta per la jungla d'asfalto.Anche il semplice inchiodarsi lì davanti ad un pericolo presunto tale, che può essere pure una manovra di uno scooter, la mette in pericolo di essere tamponata da chi arriva veloce da dietro.Per le masse isteriche basterà un bambino morto mentre una GCar lo portava a scuola.È anche vero però che i media TUTTI asserviti saranno bravissimi a nascondere o minimizzare la cosa se gli viene ordinato ciò...
          • Skywalkersenior scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: iRoby
            Non mi preoccupano i trabiccoli in sé, se tutto
            il sistema fosse
            funzionante.
            E con sistema intendo anche la società e il
            codice della
            strada.
            Così come si sono diffusi gradualmente i mezzi meccanici in sostituzione della locomozione animale, altrettanto gradualmente si diffonderanno i mezzi autonomi al posto di quelli manuali.Nessuno che sia dotato di un minimo di ragionevolezza può pretendere che vengano sostituiti tutti dalla sera alla mattina
          • Leguleio scrive:
            Re: ma........

            Nessuno che sia dotato di un minimo di
            ragionevolezza può pretendere che vengano
            sostituiti tutti dalla sera alla
            mattinaNo, qui sul forum qualcuno c'è. Non do i link per decenza...
          • iRoby scrive:
            Re: ma........
            E io e le mie Harley?Cioè io voglio guidare per il piacere di guidare un motore che sbuffa e si agita, odora di benzina e fa potatò potatò. Che me ne fotte a me motociclista dell'automobile automatica?L'automobilina automatica è unaXXXXXta per il pendolare dell'interland milanese perché si può fare un'altra ora di sonno imbottigliato in tangenziale mentre che la macchinina a passo di lumaca lo porta al lavoro senza necessitare della sua attenzione...La macchinina la posso chiamare tipo taxi che mi viene a prendere a casa e mi porta a fare spese in città...Ma per il resto ho la bici e la moto.
          • Skywalkersenior scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: iRoby
            E io e le mie Harley?
            Goditela finché puoi! :-)
          • Funz scrive:
            Re: ma........
            - Scritto da: iRoby
            E io e le mie Harley?

            Cioè io voglio guidare per il piacere di guidare
            un motore che sbuffa e si agita, odora di benzina
            e fa potatò potatò. Che me ne fotte a me
            motociclista dell'automobile
            automatica?verrai rieducato nella stanza 901. Ti verranno collegati dei cavi elettrici ai testicoli e dall'altra parte del cavo uno che pigia sull'acceleratore di una Tesla :p

            L'automobilina automatica è unaXXXXXta per il
            pendolare dell'interland milanese perché si può
            fare un'altra ora di sonno imbottigliato in
            tangenziale mentre che la macchinina a passo di
            lumaca lo porta al lavoro senza necessitare della
            sua
            attenzione...figata, non chiedo di meglio.E tu dietro a roderti il fegato sul tuo trabiccolo puzzolente :p

            La macchinina la posso chiamare tipo taxi che mi
            viene a prendere a casa e mi porta a fare spese
            in
            città...
            Ma per il resto ho la bici e la moto.togli la moto, ti resterà solo la bici :p
Chiudi i commenti