Sony: Xbox è un gradino sotto

Sony si proclama già vittoriosa nella guerra fra console e sostiene che con le proprie avversarie c'è un gap incolmabile. La PlayStation 3 può aspettare


Los Angeles (USA) – “La guerra fra console? Per quanto ci riguarda è già finita, e noi abbiamo vinto”. E’ con queste parole che Ken Kutaragi, inventore della prima Playstation e attuale CEO di Sony Computer Entertainment (SCE), ha liquidato l’argomento “console war” che da mesi sta ormai tenendo banco sui media del settore.

“Il gap esistente fra la PlayStation 2 e le sue due più dirette rivali (Xbox e GameCube, NdR) è ampio come il Grand Canyon”, ha proclamato Kutaragi, intervenuto in occasione dell’evento E3.

Il boss di SCE ha poi detto che la competizione non è tanto nella potenza dell’hardware quanto, semmai, nella qualità e nell’originalità dei giochi disponibili per una console.

“Io sono convinto – ha affermato Kutaragi – che non vi sia alcuna necessità di aggiornare la PS2 con un altro modello per almeno altri cinque o sei anni. L’attuale tecnologia è ancora adeguata.”

Un’affermazione, questa, che contrasta con quanto riportato di recente dall’agenzia giapponese Kyodo News che, riguardo la data di rilascio della PlayStation 3, parlò di 2005. Secondo molti, però, questo più lungo arco di tempo giustificherebbe la scelta, da parte di Sony, di rendere la PS3 così dipendente dalla connettività a larga banda.

Ribadendo poi la maggiore importanza del medium – in questo caso i videogiochi – rispetto all’hardware, Kutaragi ha fatto l’esempio di due dispositivi ancora largamente usati, come il lettore di CD e la TV, “vecchi” però di molte decine di anni.

Durante l’E3 Kutaragi ha poi annunciato che la divisione americana di SCE lancerà i primi servizi di gioco on-line ad agosto, periodo in cui rilascerà, al prezzo di 40 dollari, anche l’adattatore di rete per la PS2. Per il momento non si hanno dettagli sui piani relativi all’Europa.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Gentile ignorante(nel senso che ignori)....
    Ci sono famiglie che hanno anche più di un computer a casa ma non hanno l'acqua nei rubinetti non perchè non se la possono permettere bensì perchè non gli viene erogata.... il paragone acqua/adsl non ha nessun nesso logico...sarebbe come sommare le famose patate ai pomodori(vedi esempi del maestro di prima elementare rigardo le 4 operazioni)...vi abbraccio
    • Anonimo scrive:
      Re: Gentile ignorante(nel senso che ignori)....
      - Scritto da: colui che vi sveglia
      Ci sono famiglie che hanno anche più di un
      computer a casa ma non hanno l'acqua nei
      rubinetti non perchè non se la possono
      permettere bensì perchè non gli viene
      erogata.... il paragone acqua/adsl non ha
      nessun nesso logicolo scrittore dell'articolo si riferiva, a mio avviso, al fatto che qualche politico, come anche i mezzi di informazione, esprimono spesso commenti troppo ottimistici basati su informazioni falsate (volutamente o no) o parziali. tanto da dire che l'adsl sia diventato un servizio universale dimenticando che nel nostro paese ci sono zone in cui non si riesce nemmeno a fornire un servizio decente per l'acqua. ovviamente fa molto figo dire che in italia siamo così evoluti che l'adsl è un servizio ormai di base; questo serve a far dimenticare alla gente che in realtà esistono veri prolblemi e a creare un clima favorevole sorvolando sulle cose che a nessuno piace sentire.non si riferiva al fatto che le famiglie non si possono permettere l'acqua.il paragone acqua/adsl ha un preciso nesso logico.ciao.
  • Anonimo scrive:
    [OT] differenze nord sud ? poveri? e ricchi?
    Sicuramente un po' OT, ma questo non toglie che se proprio vogliamo andare a vedere bene...a Milano quasi la totalità della popolazione può disporre di ADSL, sicuramente hanno l'acqua... ma sono trent'anni che devono costruire il depuratore, nel frattempo a... Ferrara per esempio, con l'acqua sudicia di Milano pescata nel Po, ci alimentano l'acquedotto...
  • Anonimo scrive:
    Palermo Cyberpunk
    Con sprezzo del ridicolo non esito a mettere Palermo tra le grandi metropoli decadenti di questo pianeta. Nel mazzo ci stanno anche citta' come Buenos Aieres o Citta' del Messico.Quello che forse non sfugge ad alcun osservatore che sia sia letto un po' di Gibson, e' quanto cyberpunk possa sembra una citta' come Palermo, sia a viverla di notte che di giorno.Quello che sorprende altri osservatori e' la stranezza di vedere picchi di genialita' nel bene e nel male sopraffarre l'incombenete medieta'.Non e' luogo questo per chiedersi i perche', ma e' sensata la constatazione di quante anomalie accadano alla periferia dell'impero...
  • Anonimo scrive:
    Piove governo ladro...
    ..e bhe si in effetti l'acqua è proprio bagnata!
  • Anonimo scrive:
    Si stava meglio quando si stava peggio...
    la verita' scesa dal cielo!
  • Anonimo scrive:
    Sicilia: acqua o computers?
    Mi associo a quanto detto da Paolo Dell?Unto: la tecnologia non è, di per sé, un segno di civiltà: è come la si utilizza la vera discriminante.La nostra generazione ha una enorme responsabilità: abbiamo a disposizione le tecnologie per far vivere nel benessere tutti gli abitanti del pianeta e noi che facciamo? Continuiamo a farci le guerre per l?acqua e per il petrolio. Io comunque sono contento per un altro motivo (che il tuo articolo purtroppo manca di segnalare): il popolo siciliano comincia finalmente a ribellarsi alla cronica mancanza d?acqua. Come tutti sanno, in Sicilia l?acqua c?è, ma molta va sprecata e quella che rimane la vendono a peso d?oro. Ditte private la portano con i camion negli alberghi, negli uffici pubblici e nelle case di chi può pagare. E chi non può? Si arrangia.Dopo centinaia di anni di paziente rassegnazione, la gente comincia ad arrabbiarsi perché non sopporta più questo stato di cose. Questo è l?unico vero segno di progresso che vedo in questa triste vicenda.Voltaire 2001
  • Anonimo scrive:
    Non credo sia proprio cosi'
    Scusatemi se sono un po' fuori dagli elogi a Massimo x questo suo articolo, ma personalmente non ne colgo il significato. A parte il folclore nell'accostare adsl e l'acqua, non credo, forse saro' smentito, che le famiglie disagiate spendano + delle altre per l'acquisto di un PC; credo che i dati statistici debbano essere interpretati oltre che letti...cosa significa spendere di piu' ? Se e' un di + in percentuale allora e' ovvio visto che il prezzo dei PC standard e' grossomodo lo stesso e in rapporto ad un reddito basso fa una percentuale alta. Se e' un di + in senso assoluto puo' invece darsi semplicemente che il mercato non abbia offerto nulla di troppo accattivante e chi aveva gia' un PC non lo ha cambiato mentre alcuni che non lo avevano lo hanno potuto acquistare magari perche' si sono abbassati i prezzi (ricordiamoci che i dati ISTAT sono indagini statistiche su base annua). Ammettendo che invece fosse tutto esattamente come descritto da Massimo, mi perdonera' se non ho il suo stesso entusiasmo e la sua stessa scala di valori, ma non ritengo un PC un bene necessario e se le famiglie disagiate spendono per acquistare un PC anziche' altro sono molto preoccupato per la scala di priorita' che la societa' diffonde tra le famiglie. Infine una nota di colore, Massimo crede che la ''modernita'' possa portare assieme all'innovazione tecnologica anche l'acqua nelle case di tutti gli italiani....anche qui non credo si debba chiamare modernita' visto che i Romani ancora oggi sono considerati maestri nell'idraulica....basterebbe un po' di buon senso, capacita' organizzativa e competenza tecnica, forse anche di buona volonta', ma non certo modernita'.Saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: Non credo sia proprio cosi'
      Non dimenticando che un pcci si può comperare, è disponibile, l'acqua in certe zone è controllata da chi sappiamo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non credo sia proprio cosi'
        - Scritto da: ex sinistro
        ... l'acqua in certe
        zone è controllata da chi sappiamo.E perche' il piccì da chi credi che sia controllato? ;-) Non è mafia quella dei s.o.?
        • Anonimo scrive:
          Re: Non credo sia proprio cosi'

          E perche' il piccì da chi credi che sia
          controllato? ;-) Non è mafia quella dei
          s.o.?Dipende dal S.O. ;)'Iao
  • Anonimo scrive:
    Mantellini, posso stringerti la mano?
    Bellissimo articolo.Un articolo POLITICO nel senso nobile, che dimostra, se mai ce ne fosse stato bisogno, che anche il piccolo ghetto in cui amiamo rinchiuderci (la tecnologia e l'IT) può - e deve - dare un occhiata anche al resto
    • Anonimo scrive:
      Re: Mantellini, posso stringerti la mano?
      Concordo: la chicca: "spesso da noi essere moderni sia prima di tutto una categoria estetica, una idea predefinita, talvolta con poca attinenza con la realtà. Un desiderio o una ossessione forse, che sopravvive anche ad eventi di segno del tutto opposto come la cronica mancanza di acqua dai rubinetti di vaste zone del paese".Hai fatto centro in pieno!
  • Anonimo scrive:
    [OT] C'è chi ha la Fibra e chi non ha l'acqua.
    C'è chi ha la Fibra, c'è chi ha la copertura ADSL, ma c'è chi non ha nemmeno ISDN, e NEMMENO L'ACQUA!!!Beh... c'è anche chi ha la copertura ADSL, ma non ha l'acqua, ma preferireste l'acqua o la copertura ADSL? Meglio internet veloce o farsi la doccia rifrescante d'estate due volte al giorno?Mah... io la copertura ADSL non c'è l'ho ma l'acqua fortunatamente sì.Ehm... sono OT, scusate è stato un brutto week-end.
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] C'è chi ha la Fibra e chi non ha l'acqua.
      Se non hai l' acqua non ti lamentare ora, ma dovevi farlo (o per te i tuoi genitori) quando tremila enti inutili nascevano e si spartivano i soldi per la tua acqua tenendo in piedi strutture fatiscenti.Io ad esempio sono pugliese anche da me non piove ma cmq un ottima gestione dell' Acquedotto Pugliese ci consente oggi di superare tale difficoltà senza alcun peso.
Chiudi i commenti