Soru: basta col gratis online

Il capo di Tiscali sostiene che il business model su internet non è più soltanto la connessione perché è l'ora dei contenuti

Roma – Renato Soru, il fondatore di Tiscali, ha spiegato che l’ora del “tutto gratis” sulla rete è finita. L’uomo che ha lanciato dalla Sardegna quello che oggi è divenuto un importante provider pan-europeo sfruttando proprio il successo del concetto di “free internet” ritiene che sia giunto il momento di pensare e sfruttare le opportunità della rete in modo diverso.

“Non si capisce – ha dichiarato Soru al Road Show del Nuovo Mercato – perché in internet notizie, informazioni, musica e quant’altro debbano essere free mentre le stesse cose costano, e molto, in edicola, in libreria, o in qualsiasi negozio”.

Renato Soru L’inventore della freelosophy ha spiegato che a dominare come modello di business per un provider internet oggi rimane naturalmente l’accesso, la connettività, ma ha anche sottolineato che questa situazione a suo parere non reggerà a lungo e la bilancia peserà a favore dei contenuti a pagamento. “Come tutte le nuove tecnologie – ha detto – all’inizio nessuno sa cosa farsene e non è in grado di dire qual è il business model” da seguire. Tra un decennio, ipotizza Soru, magari “ci guarderanno come degli stupidi perché cercavamo di guadagnare sulla connessione”.

Per il presente e il futuro di Tiscali Renato Soru non vede ombre. “Un anno fa – ha spiegato – ci dicevano che il cuore di internet erano i portali e che l’accesso non contava nulla e non generava revenue. I portali sono falliti e quelli sopravvissuti non versano in buone condizioni, noi siamo ancora qua e siamo cresciuti”.

Secondo Soru entro l’anno Tiscali sarà in pareggio di bilancio ma più che i bilanci, ha spiegato, per un’azienda europea conta di più che le radici non si secchino, che la “pianta sia solida”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    E la dissipazione termica ?
    l'ultimo strato dissipa sul penultimo, il penultimo su quello precedente ecc eccIl primo si ritrova a dissipare il calore generato da tutti gli altri strati soprastanti con quei pochissimi mm quadrati rimasti.BOH?
    • Anonimo scrive:
      Re: E la dissipazione termica ?
      ...faranno tanti piccoli canali e ogni tanto una nanoventolina di silicio...forse...
    • Anonimo scrive:
      Re: E la dissipazione termica ?
      Suppongo che sia un problema dei singoli modelli... al massimo ci porteremo dietro un cellulare con raffreddamento a liquido :-)
      • Anonimo scrive:
        Re: E la dissipazione termica ?
        è una flash non una dram o un microprocessore quindi non consuma e non richiede nemmeno di essere alimentata per mantenere i dati se non c'è accesso ai dati stessi, inoltre avranno sezionato l'alimentazione del chip 3d in equivalenti settori o cluster attivandoli e spegnandli sequenzialmente secondo le esigenze di accesso in lettura o scrittura.IMHO ovviamente...
        • Anonimo scrive:
          Re:
          oops rileggendo vedo che non precisa che sia una memoria non volatile tipo flash come pensavo, è che venivo dall'articolo sugli hd nanotech e lo davo per scontato :)
Chiudi i commenti