Sotto accusa per... forum a delinquere

In Svizzera una coppia di musulmani è accusata di aver gestito siti conniventi con cellule terroristiche; la difesa sostiene che i contenuti incriminati possono essere stati uplodati da chiunque
In Svizzera una coppia di musulmani è accusata di aver gestito siti conniventi con cellule terroristiche; la difesa sostiene che i contenuti incriminati possono essere stati uplodati da chiunque

L’istigazione a delinquere e l’apologia di reato sono diventati i protagonisti indiscussi del primo processo svizzero al terrorismo elettronico. Qualche giorno fa la Corte Federale di Bellinzona ha dato il via ad un procedimento che vede coinvolta una coppia di musulmani accusata di aver creato e gestito siti web “vicini”, se non proprio “conniventi”, con Al-Qaeda. L’accusa è di aver incitato alla violenza e alla discriminazione razziale , indicando anche metodi per realizzare bombe e gas velenosi , nonché strategie per attentati.

Moez Garsallaoui e sua moglie, Malika al-Aroud, si sono dichiarati innocenti e hanno rigettato ogni accusa, anche se alcuni dei loro spazi di discussione erano stati utilizzati da gruppi terroristici per scambiarsi informazioni. Gli inquirenti hanno sottolineato il buon livello di competenze di Garsallaoui, soprattutto nel campo delle telecomunicazioni, nel tentativo di rendere evidente una sua presunta responsabilità .

La Procura ha così chiesto due anni di reclusione Garsallaoui e un anno, con sospensione della pena, per la moglie – un’ inezia se si considera che il massimo per questi reati è di 7 anni e 6 mesi di reclusione.

Secondo Associated Press al-Aroud è la vedova di un terrorista suicida che ha partecipato all’uccisione del leader afghano mujahedin Ahmad Shah Mas’ud nel 2001. Un legame discutibile che insieme ai contenuti scottanti dei siti, come filmati di esecuzioni da parte di estremisti islamici, nel 2005 hanno messo in allerta la polizia svizzera. E portato alla chiusura di tutti i siti “incriminati”.

Garsallaoui, come ricorda Radio Free Europe , ha ribadito che i contenuti oggetto di esame potrebbero essere stati uplodati da utenti sconosciuti . La difesa, inoltre, ha ricordato che la loro pubblicazione online rientra fra le libertà di espressione.

Peter Lehr, esperto di terrorismo del Center for the Study of Terrorism and Political Violence , ha confermato che le cellule estremiste ormai fanno ampio uso di nuove tecnologie per la comunicazione. “I gestori dei siti agiscono come degli intermediari fra le persone interessate ad essere coinvolte nel terrorismo e quelle che dispongono di expertise specifiche”, ha spiegato Lehr.

“Il problema – ha detto ancora l’esperto – è come chiudere questi siti. Sapete bene che se ne chiudi uno, sarà semplicemente spostato velocemente su un altro server. Quindi per la Svizzera la situazione è piuttosto difficile – ha bisogno di concertare l’azione con tutte le nazione mondiali per monitorare la cosa. E questo porta a domande che riguardano i limiti dell’autorità”. Un tema, quello della sovranità, che anche in Germania è al centro di dibattito soprattutto a causa del cosiddetto hacking investigativo .

“Si tratta dell’altro lato della moneta. Se vuoi sicurezza, devi abbandonare qualche diritto, qualche libertà individuale”, ha concluso Lehr.

Dario d’Elia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

21 06 2007
Link copiato negli appunti