Spammer redento apre un'azienda anti-spam

Accade in Texas, dove un 24enne ha restituito un milione di dollari guadagnati con lo spam ed ha deciso d'impegnarsi contro il fenomeno. Gli avevano chiesto un risarcimento da 500 milioni di dollari

Austin (USA) – Lo spam rende ricchi: Ryan Pitylak , giovane studente texano di 24anni, ne è la prova. Pitylak, accusato da Microsoft e dai magistrati del Texas di avere inviato 24 milioni di e-mail non desiderate , ha evitato il carcere previsto dall’ ordinamento americano impegnandosi a consegnare alle casse dello Stato il milione di dollari guadagnato attraverso la sua attività di spamming .

Secondo la celebre associazione antispam Spamhaus , Pitylak era il quarto spammer nella classifica dei dieci “pesi massimi” mondiali. Dopo aver venduto la sua villetta del valore di 430mila dollari, una macchina di lusso e sborsato oltre mezzo milione di dollari in contanti, Pitylak è improvvisamente diventato buono ed ha deciso di aprire un’azienda di consulenza informatica, Pitylak Security, per ripulire il mondo dallo spam .

“Ho sbagliato a pensare che lo spam fosse un gioco”, si legge sul blog personale di Pitylak, “e come giovane laureato in economia e filosofia, ho deciso di mettere a frutto la mia esperienza imprenditoriale per aiutare gli altri e creare un mondo senza spam”. Pitylak riusciva ad ottenere una rendita media pari a tre dollari per ciascun messaggio promozionale non desiderato e contava sul supporto economico di circa 200 aziende interessate al marketing a colpi di spam . Inizialmente, i magistrati americani che hanno indagato sul caso avevano richiesto un risarcimento danni pari a 500 milioni di dollari.

In Italia il fenomeno dello spam cresce tuttora incontrollato e non bastano leggi apposite a contrastare il fenomeno. In altri paesi, come Australia e Stati Uniti, sono molti gli spammer finiti nei guai sebbene rimanga tuttora elevatissima la quantità di posta indesiderata lì prodotta e da lì trasmessa. Secondo Spamhaus, Interbusiness.it è il nono operatore mondiale tra quelli meno attivi nel contrastare lo spam.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • sandra scrive:
    Ci risiamo......
    Proprio adesso ne è arrivata una in azienda, nuova nuova.Ritoccato anche l'importo: 958!!!Cento euro in più, caspita.La lettera allegata al modulo di ordine indica che lo stesso modulo va utilizzato "nel caso vorreste passare a un ordine soggetto a spese", mentre per la registrazione gratuita basta andare sul loro sito. Effetto-cazziatone???
    • sandra scrive:
      Re: Ci risiamo......
      Dimenticavo: il logo molto simile a quello della Telecom è stato sostituito da una specie di radice quadrata in rosso.
  • Anonimo scrive:
    Caratteri piccoli?
    Io mi sono andato a vedere le scansioni pubblicate al link indicato in un altro commento e i caratteri con cui è scritta la parte relativa all'impegno a pagare gli 800 e scivola euro all'anno non mi sono affatto sembrati più piccoli di quelli di tutto il resto del contratto. Oltretutto, compilare una cosa del genere, ricevuta da non si sa bene chi (anche se fosse telecom poco cambia, ma comunque un "logo simile" non giustifica il fatto che uno compili, non legga e rispedisca), su cui non è scritto da nessuna parte che si tratta di un servizio gratuito, mi sembra una cosa quantomeno imprudente.Boh, adesso sparatemi pure addosso ma onestamente mi sembra che chi ci casca se lo meriti un po', senza con questo giustificare chi ha pensato a un'operazione del genere...
  • Anonimo scrive:
    Emigranti italiani all'estro?
    Chissa' p)
  • Anonimo scrive:
    E' arrivata anche a me!
    A parte che parlano di un dominio non appartenente all'azienda (e già qui non so chi ci caschi), poi il num. di fax è lievemente sospetto: 0049 40 75 11 99 11... ma dov'è, sulla Luna?Però il logo è MOLTO simile a quello di Telecom...
    • Anonimo scrive:
      Re: E' arrivata anche a me!
      L'ho ricevuta anch'io, per un dominio .it che non esiste, perchè il mio è .com. Anzi, ne sono arrivate due, a pochi giorni di distanza l'una dall'altra...
  • Anonimo scrive:
    Re: Domini, occhio alle lettere dalla Ge
    C'e' già un provvedimento dell'authority per la concorrenza:http://www.agcm.it/agcm_ita/DSAP/DSAP_PI.NSF/0/44c93a70c73e5e35c12570810049ed9c?OpenDocument
  • opazz scrive:
    Re: Domini, occhio alle lettere dalla Ge
    A me in azienda per i 2 domini principali è capitato.. A me facevan quasi ridere come lettere..
  • Anonimo scrive:
    Crucchi peracottari!
    ...e non aggiungo altro! :@ :@ :@ :D :D :D
  • Anonimo scrive:
    Le scansioni della lettera
    Potete trovare le scansioni della lettera all'indirizzo:http://www.e-moka.net/blog/2006/06/02/phishing-cartaceo/
  • Anonimo scrive:
    Precisazione e Fair Guide
    Tengo a precisare che gli 858 euro sono la quota "annuale" mentre il contratto e' triennale. Vale a dire che una volta apposta la firma su quel pezzo di carta ci si impegna a pagare per 2574 euro!Altra grande azienda truffaldina che opera con modalita' quasi identiche e' quella relativa alla Fair Guide.Con quest'ultima, nel mio ufficio, ci si e' cascati e alla fine dopo vari tira e molla si e' deciso di pagare una somma "forfettaria" in accordo con un ufficio svizzero di riscossione crediti a cui quelli dalla FairGuide avevano delegato l'incasso. Si basano sul fatto che se non si giunge all'accordo ci si dovrebbe comunque pagare le spese per una trasferta al tribunale competente (austria, germania, svizzera, spagna, etc) che sono sicuramente maggiori dell'importo che propongono come accordo. Poi magari vinci la causa (in rete ci sono numerose sentenze di condanna di queste societa') pero' intanto devi pagare e poi... alla fine decide sempre un giudice.
    • Anonimo scrive:
      Re: Precisazione e Fair Guide
      - Scritto da:
      Tengo a precisare che gli 858 euro sono la quota
      "annuale" mentre il contratto e' triennale. Vale
      a dire che una volta apposta la firma su quel
      pezzo di carta ci si impegna a pagare per 2574
      euro!"L'ordine vale per i tre prossimi anni/le tre prossime edizioni e viene rinnovato ogni anno di un ulteriore anno, se non ha luogo una disdetta del contratto per iscritto almeno tre mesi prima della sua scadenza"Adesso, ok che uno non legge quando compila (e si fa fregare), ma se poi continua a non farlo anche dopo vuol proprio dire che la fregatura se la cerca... :)
  • Anonimo scrive:
    aggiungerei anche: occhio al logo ...
    anche il logo sulla lettera non scherza: sembra tanto quello di TelecomSi potrebbe dire che questa casa editrice, la DAD di Amburgo, rimestola un po' nel torbido ...Comunque nel nostro caso hanno preso i dati da una pagina di likink di un sito partner, ma hanno toppato l'attività ed il settore; probabilmente fanno tutto in maniera automatica.
    • Anonimo scrive:
      Re: aggiungerei anche: occhio al logo ..
      - Scritto da:
      Comunque nel nostro caso hanno preso i dati da
      una pagina di likink di un sito partner, ma hanno
      toppato l'attività ed il settore; probabilmente
      fanno tutto in maniera
      automatica.Pare che la "toppatura" sia voluta, in quanto spingerebbe la "vittima" a rispondere, per correggere l'errore, sottoscrivendo nel contempo il famigerato servizio.
Chiudi i commenti