Speciale/ Windows Server 2003 è qui

Dopo oltre tre anni di sviluppo Microsoft ha finalmente rilasciato la versione finale di Windows Server 2003, un prodotto chiave per le strategie enterprise del colosso e per la lotta con Unix e Linux, sia nei 32 che nei 64 bit


Redmond (USA) – Dopo un lungo e travagliato parto, costellato da ritardi e cambi di nome, Windows Server 2003 ha visto finalmente la luce. Lo scorso venerdì Microsoft ha infatti rilasciato la prima versione finale del prodotto, la Release to Manufacturing (RTM), che sancisce la definitiva chiusura della fase di testing di Windows Server 2003 e offre ai produttori la possibilità di iniziare a commercializzare il nuovo sistema operativo con i propri sistemi.

Figlio del progetto Whistler, lo stesso che ha dato i natali a Windows XP, il nuovo sistema operativo server di Microsoft è forse uno dei prodotti più ambiziosi mai sviluppati dal big di Redmond e, su stessa ammissione di quest’ultima, la più importante versione di Windows mai creata.

Atteso inizialmente per la seconda metà del 2001, Windows Server 2003 è stato oggetto di una profonda revisione del codice che ne ha ritardato l’uscita di almeno 16 mesi. Il suo compito, come successore delle versioni server di Windows 2000, sarà quello di aggredire la piattaforma Unix anche sui segmenti di mercato di fascia più alta e, nello stesso tempo, tenere testa alla minacciosa avanzata di Linux nel settore enterprise.

Windows Server 2003 sarà il più importante tassello dell’infrastruttura MS.NET e vettore di tutta una nuova serie di tecnologie e servizi, fra cui la piattaforma di instant messaging Greenwich , la tecnologia per la gestione delle proprietà intellettuali Windows Rights Management Services , lo strumento di collaborazione Windows Team Services, il sistema di gestione Group Policy Management Console e altri componenti modulari che si andranno progressivamente ad aggiungere a quelli nativi. Ed è proprio la modularità una delle nuove caratteristiche chiave che Microsoft, ispirandosi al mondo open source, ha voluto integrare nel suo nuovo sistema operativo per renderlo maggiormente flessibile e capace di adattarsi, per funzionalità e prezzo, ad una più vasta gamma di clienti.

Microsoft dichiara senza mezzi termini che Windows Server 2003 è “il sistema operativo server più sicuro, affidabile ed efficiente che abbiamo mai creato”. In passato si è più volte parlato delle migliorie apportate da Microsoft al suo nuovo Windows , citando come questa nuova versione di Windows rappresenti il più grande esame per l’iniziativa Trustworthy Computing varata oltre un anno fa da Bill Gates: un esame il cui esito avrà importantissime ripercussioni sull’immagine dell’azienda.

“Il nostro mandato era chiaro: costruire una release customer-driven che fornisse un netto passo avanti in fatto di qualità, fosse la numero uno nelle prestazioni e offrire un valore senza precedenti per le aziende di ogni dimensione”, ha proclamato Bill Veghte, corporate vice president di Microsoft per la Windows Server Division.

Ecco perché e in che modo Microsoft ritiene di aver centrato questi obiettivi.


Microsoft afferma che Windows Server 2003 è in grado di fornire sostanziali migliorie in vari campi: nel consolidamento, dove sarebbe in grado di ridurre dal 20% al 30% il numero dei server; nelle prestazioni, dove garantirebbe capacità di gestione dei carichi di lavoro almeno doppie rispetto a Windows 2000; nella gestione, dove permetterebbe di diminuire i costi del 20%; nella produttività, dove consentirebbe, nel 35% dei casi, il reimpiego dello staff aziendale in progetti a più alto valore; nel deployment, dove sarebbe in grado di tagliare i costi fino al 50% rispetto a Windows NT Server 4.0.

“I clienti con Windows NT Server 4.0 che migreranno a Windows Server 2003 vedranno i maggiori benefici grazie a sistemi che, rispetto a Windows NT, saranno 100 volte più scalabili ad un decimo del costo per transazione”, ha spiegato Microsoft in un comunicato. “In aggiunta, questi clienti potranno beneficiare di un incremento del 40% nella stabilità dovuta in parte al nuovo e più robusto modello di driver e alle funzionalità di system recovery progettate per massimizzare l’uptime”.

Il numero di clienti dei sistemi operativi server di Microsoft che in questi tre anni non hanno ritenuto necessario od opportuno passare a Windows 2000 sono, secondo alcune stime, il 35% del totale. Microsoft sta ora tentando di persuadere questo cospicuo bacino di utenti ad aggiornare i propri sistemi e fare un salto che li proietterà nell’era di MS.NET, dei Web service, dell’ autonomic computing e dei nuovi mezzi di comunicazione peer-to-peer. Microsoft è consapevole del fatto che buona parte dei clienti che oggi utilizzano ancora Windows NT sono spesso i più indecisi e, come tali, quelli maggiormente interessati a soluzioni alternative, magari a basso costo, come Linux.

Microsoft afferma che sono oltre 550.000 gli utenti che si sono iscritti al programma di beta testing, “il più alto numero nella storia dell’azienda”, per una versione server di Windows.

La softwarehouse lancerà ufficialmente sul mercato Windows Server 2003, Visual Studio.NET 2003 e SQL Server 2000 Enterprise Edition (64-bit) il 24 aprile presso il Bill Graham Civic Auditorium di San Francisco.

Windows Server 2003 sarà disponibile in cinque differenti edizioni: Standard Edition, per i sistemi low-end, supporterà la connettività sicura ad Internet e il deployment centralizzato delle applicazioni desktop; Enterprise Edition, per i server multi-processore, supporterà fino ad otto processori, inclusi i cluster ad otto nodi; Datacenter Edition, per i server hi-end, supporterà fino a 64 processori, cluster a 8 nodi e funzionalità di bilanciamento del carico; la nuova Web Edition, per lo sviluppo e l’hosting di siti e applicazioni Web; Terminal Server. Una sesta versione, Small Business, verrà rilasciata questa estate e avrà come target le piccole aziende.

Enterprise Edition e Datacenter Edition arriveranno sia in versione a 32 bit che in versione 64 bit per i sistemi basati su Itanium 2: le versioni a 64 bit incrementeranno il quantitativo massimo di memoria RAM supportato e, nel caso dell’edizione Datacenter, il numero di vie (da 32 a 64).

In occasione del debutto del suo nuovo sistema operativo, Microsoft introdurrà importanti modifiche al suo programma di licensing , fra cui la possibilità di acquistare le licenze client per utente: è possibile trovare maggiori dettagli qui . A partire dal primo aprile, invece, il big di Redmond darà il via a nuove modalità di licensing per i prodotti server già sul mercato: SQL Server 2000, BizTalk Server 2002, Internet Security e Acceleration Server 2000, Commerce Server 2002, Content Management Server 2002 e Host Integration Server 2002.

“Grazie all’introduzione del nuovo modello di Licensing Per Processor, Microsoft è in grado di soddisfare le richieste dei clienti che utilizzano sistemi di partizionamento, software di emulazione e di server consolidation, offrendo loro la possibilità di acquistare le licenze dei prodotti Microsoft per i processori effettivamente utilizzati, con significativi risparmi di costi”, ha affermato Microsoft in un comunicato.

Di seguito un’intervista a Microsoft in merito al modello di computing a 64 bit adottato per Windows Server 2003 e l’annuncio del rilascio di una nuova edizione di Windows XP a 64 bit.


Per meglio comprendere la posizione di Microsoft in merito al computing a 64 bit, in occasione dell’ultimo SMAU G. Fleres rivolse per conto di Punto Informatico alcune domande a Davide Salmistraro, product manager di Windows 2003 Server per Microsoft Italia. Nonostante siano passati diversi mesi dall’intervista, gli argomenti discussi sono ancora attuali.

Giovanni Fleres : Windows Server 2003 sarà il vostro primo sistema operativo server a supportare nativamente i processori a 64 bit. Questo sistema operativo supporterà anche le applicazioni a 32 bit?
Davide Salmistraro : Sì, Windows Server 2003 farà girare le applicazioni a 32 bit in modalità protetta insieme a quelle a 64 bit. La versione di SQL Server a 64 bit (Liberty) sarà la nostra prima applicazione significativa, che verrà rilasciata insieme a Windows Server 2003, per la nuova architettura.

G.F. : La scelta di offrire compatibilità alle applicazioni a 32 bit su una piattaforma a 64 bit sembra avvicinarvi alle scelte strategiche effettuate, sul lato dell’hardware, da AMD. Questo significa che giudicate la scelta di Intel meno opportuna o, comunque, più azzardata?
D.S. : Io credo che la scelta intrapresa da Intel, quella di una piattaforma a 64 bit pura, sia l’ideale. Tuttavia il passaggio verso la nuova architettura non può essere immediato. Noi abbiamo cominciato a spiegare ai nostri ISV e ai nostri partner come si programma a 64 bit solo a partire dall’uscita di Windows 2000 Limited Edition e con le beta di Windows Server 2003. Sono processi fisiologicamente lunghi.

G.F. : Un processore ibrido come l’Opteron di AMD può facilitarvi il compito?
D.S. : Il supporto per le applicazioni a 32 bit è un problema software, non di processore. Quando noi utilizziamo Itanium gli applicativi a 32 bit girano in una macchina virtuale che le emula. Noi privilegiamo quello che abbiamo. Non possiamo permetterci di fare girare esclusivamente applicazioni a 64 bit all’interno del sistema operativo. Nel prossimo futuro sarà importante vedere quali applicazioni avrà senso portare a 64 bit. Il limite fisico dei 32 bit è ancora lontano. I 64 bit ci servono solo per gestire grosse moli di dati, come nel caso dei database. Per questo abbiamo portato SQL e le applicazioni ad esso correlate a 64 bit. Un altro esempio è quello dell’Active Directory, che non trae alcun vantaggio nella migrazione a 64 bit. Posso sempre avere un server che gestisce in back-end l’Active Directory a 64 bit: ma ripeto, questo non porterebbe alcun vantaggio. (Fine intervista)

In concomitanza con il rilascio della versione RTM di Windows Server 2003, Microsoft ha annunciato la versione RTM di Windows XP 64-Bit Edition Version 2003, un aggiornamento del proprio sistema operativo desktop a 64 bit ottimizzata per i processori Itanium 2.

Rispetto alla versione a 32 bit rilasciata nel 2001, Windows XP a 64 bit promette maggiori prestazioni sulle workstation hi-end basate su Itanium, ed in particolare quelle dove girano applicazioni per il calcolo scientifico e ingegneristico, la modellazione 3D e il video processing.

“L’architettura a 64 bit – ha spiegato Microsoft – offre agli sviluppatori la libertà di creare applicazioni a 64 bit che utilizzano il familiare modello di programmazione di Windows, incoraggiando così lo sviluppo di una grande varietà di applicazioni software per questa piattaforma”.

Microsoft e Intel hanno iniziato a collaborare sul computing a 64 bit nel 1996. Nel 2001, con Windows XP 64-Bit Edition, il big di Redmond rilasciò la prima versione del proprio sistema operativo capace di supportare la piattaforma IA-64 di Intel.

Sebbene lo scorso anno Microsoft abbia confermato il proprio impegno nello sviluppare una versione dei propri sistemi operativi per i processori a 64 bit di AMD, ad oggi il colosso non ha ancora svelato piani di rilascio relativi ad una versione di Windows per Opteron.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    cercato una volta, trovato subito!
    Beh, in effetti è difficile da trovare.Forse si sono dimenticati che esistono i tag, cheben specificano cosa un file contenga.Comunque la canzone fa' veramente schifo!Non vale neppure il dollaro che pretendono!!
  • SiN scrive:
    MA che brav: ha capito il metodo
    In internet il fumo funziona MOLTO meglio della censura.E lo stanno capendo in molti...
  • Anonimo scrive:
    e chi la vuole la musica di mADONNA!!!
    sono contento: la sua "musica" meno si diffonde e meglio è.
    • Anonimo scrive:
      Re: e chi la vuole la musica di mADONNA!

      sono contento: la sua "musica" meno si
      diffonde e meglio è.tranne che per alcunevaccate fatte in passato (tipo erotica) e' la mia cantante preferita.Quasi quasi mi cerco sia la cnazone sia il fake...
  • Anonimo scrive:
    anzi!
    upgrade del post fnc Veronica Ciccone:ormai la maggioranza delle band in circolazione è formata su misura per le esigenze commerciali, ovvero quello di fare passare di moda un genere più rapidamente possibile, e anche gli artisti affermati come quella tr.. come madonna lo hanno capito e fanno musica usa e getta buona per una stagione al massimo.quindi se prima un cd costava tot e rimaneva dio moda tot adesso che rimane di moda una frazione di tot, non dovrebbe costare anche una frazione di tot?
  • Anonimo scrive:
    grande!!!
    adesso campiono la voce di madonna che dice 'what the fuck r u doin'?!' e ci faccio un white label!! :))
    • Anonimo scrive:
      E' proprio quello che vuole lei. ;-)
      E' proprio quello che vuole lei HA HAHAAAHAA siete tutti dei babbalonchi chi e' che ha fatto i miliardi, voi o Madonna HUUUUUUhuuHUHUHuhBasta basta... :))))))))))))))- Scritto da: sand
      adesso campiono la voce di madonna che dice
      'what the fuck r u doin'?!' e ci faccio un
      white label!! :))
  • Anonimo scrive:
    fnc Veronica Ciccone
    a fata male!come c ti permetti dimandare a quel paese gente che fatica per 1000 euri al mese e a cui girano quando devono sborsare 30 euri per un tuo cd del lazzo? In cui tra l'altro metti all'80% roba vecchi?Per cui tra l'altro guadagni più di quanto un cittadino mediodotato come te (ma che non la da ai magnati della mafia del disco) guadagna nelle sue ultime tre vite?MA VERGOGNATI!la gente pirata perchè nei CD mettete schifezze vecchie riproposte (si, schifezze perchè le ho già comprate e mi costringete a ricomprarle, bstrds!): 1 cd = 80% roba vecchia -
    pirateria all'80%... i conti tornano.Da dove c voi della siae e madonna tirate fuori la vostra arroganza del c per derubare e prendere per i fondelli la gente che i soldi li guadagna, non li ruba come fate voi? se pirato all'80% di quello che compro, non ho rubato, ho solo fatto tornare i conti di quello che mi costringete a comprare 2-3-4-5 volte!
    • Anonimo scrive:
      Re: fnc Veronica Ciccone
      Bravo! Ben detto!Invece che trattare noi come delle merde che la facciamo diventare ricca, perche' non pensa a ridurre il costo dei suoi cd?Invece che derubarci con 20euro a cd, perche' non li vende a 5 ? Guadagnandoci lo stesso comunque!Bah....dovrebbe vergognarsi di fare queste cose.Byez
      • Anonimo scrive:
        Re: fnc Veronica Ciccone
        Ma come? Prima tutti a dire: se i cd costassero poco li comprerei; se potessi pagare il giusto per solo le canzone che voglio le comprerei. E poi, quando un'artista tenta questa strada, tutti a darle contro?Senza una minima garanzia di vendita nessun artista intraprenderà la strada "del commercio intelligente via internet". Tanto per fare un esempio assurdo: chi di voi aprirebbe un negozio sapendo che non venderà nulla?Lo vogliamo capire che ora la pirateria è una scusa per mantenere i prezzi alti e per imporre vincoli sempre più repressivi ai consumatori. L'unico modo per uscire da questo circolo vizioso è non comprare e non piratare!
        • Anonimo scrive:
          Re: fnc Veronica Ciccone
          - Scritto da: Anonimo
          Ma come? Prima tutti a dire: se i cd
          costassero poco li comprerei; se potessi
          pagare il giusto per solo le canzone che
          voglio le comprerei. E poi, quando
          un'artista tenta questa strada, tutti a
          darle contro?

          Senza una minima garanzia di vendita nessun
          artista intraprenderà la strada "del
          commercio intelligente via internet". Tanto
          per fare un esempio assurdo: chi di voi
          aprirebbe un negozio sapendo che non venderà
          nulla?

          Lo vogliamo capire che ora la pirateria è
          una scusa per mantenere i prezzi alti e per
          imporre vincoli sempre più repressivi ai
          consumatori. L'unico modo per uscire da
          questo circolo vizioso è non comprare e non
          piratare!Le critiche non erano rivolte al fatto che vende le canzoni a un dollaro su internet, ma al ridicolo tentativo di impedire lo scambio della sua canzone immettendo centinaia di copie fasulle.Ciao Mario
          • Anonimo scrive:
            Re: fnc Veronica Ciccone
            Restando il fatto che sia tutto da dimostrare che i fake siano stati promossi da lei, da utenti generici, o da spammers.Oggi se cerchi una suoneria, ad esempio, il motore di ricerca riporta soprattutto siti con dialer che promettono di tutto pur di fartelo installare.E pure nei circuti P2P (ebbene si, li uso pure io) cominciano a circolare file che ti rimandano a dialer per scaricare "meglio ed in sicurezza" il file che cerchi.La mia politica personale è: * se un artista non ti piace non lo filare.* se pensi potrebbe piacerti puoi scaricarti le canzoni per decidere se comprare e se buttare tutto nel cestino* se ti piace la conclusione è ovvia.* se cerchi qualcosa di particolare sia dal punto di vista musicale che software il P2P oramai stà diventando l'unico possibile canale di distribuzione (e se lo ha capito uno stupido come me, come mai le major non lo hanno ancora capito?)Saluti, Kino
          • Anonimo scrive:
            Re: fnc Veronica Ciccone
            Madonna è libera di vendere in internet cio' che vuole al prezzo che vuole...ma rompere le scatole agli utenti del p2p prendendoli poi per stupidi, mi sembra un'emerita cavolata.Cosi' facendo...se per caso qualcuno era intenzionato a comprare il suo brano per 1 dollaro, ora che ha stizzito tutti gli utenti internet non lo comprera' piu nessuno.Un conto è vendere in modo alternativo, un conto è andare a rompere le scatole agli altri.Luc
    • Anonimo scrive:
      Re: fnc Veronica Ciccone
      - Scritto da: Anonimo
      a fata male!
      come c ti permetti dimandare a quel paese
      gente che fatica per 1000 euri al mese e a
      cui girano quando devono sborsare 30 euri
      per un tuo cd del lazzo? In cui tra l'altro
      metti all'80% roba vecchi?
      Per cui tra l'altro guadagni più di quanto
      un cittadino mediodotato come te (ma che non
      la da ai magnati della mafia del disco)
      guadagna nelle sue ultime tre vite?
      MA VERGOGNATI!
      la gente pirata perchè nei CD mettete
      schifezze vecchie riproposte (si, schifezze
      perchè le ho già comprate e mi costringete a
      ricomprarle, bstrds!): 1 cd = 80% roba
      vecchia -
      pirateria all'80%... i conti
      tornano.
      Da dove c voi della siae e madonna tirate
      fuori la vostra arroganza del c per derubare
      e prendere per i fondelli la gente che i
      soldi li guadagna, non li ruba come fate
      voi? se pirato all'80% di quello che compro,
      non ho rubato, ho solo fatto tornare i conti
      di quello che mi costringete a comprare
      2-3-4-5 volte!partendo dal presupposto che risulta igiusto pagare un cd 15-20 euro, e altrettanto ingiusto rubare quello che un altra persona produce con le proprie capacità.se tu guadagni poco ma comunque vuoi ascoltare musica, puoi tranquillamente scegliere strade alternative al furto, come comprare i cd a basso prezzo di artisti comunisti (molto difficile trovarli e alla fin fine non costano poi cosi poco), oppure album vecchi in sconto in molti supermercati.comunque e ingiusto accusare una persona di attivita illegali quando sei tu stesso ad essere un ladro di musica.
      • Anonimo scrive:
        Re: fnc Veronica Ciccone
        Ci risiamo con questi discorsi !Quasi tutti quelli che scaricano questi brani,probabilmente non comprerebbe MAI questo CD se non lo trovassero nel p2p.Quindi mi pare ovvio che non procurino NESSUN danno all'artista e nessun mancato guadagno.Infatti il ragionamento mio e di moltissimi, è questo:se lo trovo me lo scarico e me lo ascolto, altrimenti pace amen e lo ascoltero' in radio quando lo passano.Ma non lo compro! VUoi xche non mi va di spedere cosi' tanti soldi per un cd, o vuoi xche non ritengo ne valga la pena etc ..Tanto i veri fan invece lo comprerebbero anche se lo trovassero nel p2p.QUindi il mercato non ne viene per nulla danneggiato o alterato.Spero di essere stato chiaro, per l'ennesima volta.Luc
      • Anonimo scrive:
        Re: fnc Veronica Ciccone

        comunque e ingiusto accusare una persona di
        attivita illegali quando sei tu stesso ad
        essere un ladro di musica.ma sei suonato o cosa?1) se mettiamo insieme i CD commercializzati vedrai quante canzoni doppie, triple e quadruple si becca un fan di qualunque artista! Quante volte glielo pago il diritto d'autore? Questo è un furto bello e buono che fanno le major.2) perchè le major fanno e disfano le mode sempre con maggiore frequanza? Per vendere di più. Ma allora perchè devo pagare la stessa cifra per una canzone che stava di moda 10 anni o più e oggi per una canzonetta che sta di moda una stagione al max? E' un furto da parte delle major.3) il prezzo dei cd è enormemente sproporzionato al loro costo, sia come produzione che pagando per la promozio e e per i diritti d'autore cifre ragionevoli (= che consentano di vivere bene), se poi le major riclicano il denaro della mafia con fatture gonfiate di miliardi di dollari per un passaggio di 3 secondi su MTV o per i diritti su un pupazzetto vanno cacciati in galera!Vedi ad esempio le produzioni e gli artisti indipendenti: per loro i costi di produzione sono enormemente più alti che per una major, ma alla fine escono sul mercato a prezzi anche inferiori!e così chi copia sarebbe un ladro?chi copia fa quadrare i conti con quello che le major gli hanno estorto su ogni singolo cd che ha comprato, e ora ancora di più dato l'aumento della tassazione (estorsione) sui media vergini, anche quelli che uso per i miei backup!il balzello sui media c'era anche prima, l'hanno solo alzato, mentre è assolutamente illegittimo e doveva essere tolto (esiste una cosuccia chiamata presunzione d'innocenza secondo cui non può essere applicata una misura punitiva se prima non si dimostra la colpevolezza dell'imputato...)
  • Anonimo scrive:
    Tzé
    La sua sfida va venire voglia di scaricare la sua canzone dal P2P e spedirgliela a mo' di sfregio in email anche a chi dei suoi strimpellamenti non può fregar di meno.
  • Anonimo scrive:
    Madonna, sei grande!
    La madre di tutti gli artisti!
  • Anonimo scrive:
    Madonna...ma vada via le ciapp...
    Madonna...ma ci credi proprio così stupidi??Bah....per l'ennesima volta non hanno capito nulla...col p2p devono allearsi e non combatterlo.Ma quando lo capiranno?
  • Gallone scrive:
    Madonna...
    Ma che c*** credi di fare tu piuttosto.Un fake? ahahahahahahma davvero pensi che gli utenti p2p siano così deficienti da farsi scoraggiare da un fake (tra l'altro non sono una novità)messo in giro volutamente?non farmi ridere, anzi adesso che ho letto questa notizia appena arrivo a casa mi scarico la tua canzone non fake e la condivido lasciando scaricare a tutti e scrivendo bene in chiaro: NON è UN FAKEp2p r0x
  • Anonimo scrive:
    Se nessuno comprasse...
    madonna si attaccherebbe al ca**o!!! Solo che la gente continua a comprare e quindi non cambia mai nulla!BOICOTTARE, BOICOTTARE, BOICOTTARE, BOICOTTAREBOICOTTARE, BOICOTTARE, BOICOTTARE, BOICOTTAREBOICOTTARE, BOICOTTARE, BOICOTTARE, BOICOTTAREBOICOTTARE, BOICOTTARE, BOICOTTARE, BOICOTTAREBOICOTTARE, BOICOTTARE, BOICOTTARE, BOICOTTARE
  • Anonimo scrive:
    ot anteprima divx
    Ciaocome si fa a vedere un'anteprima dei file divx?Thanks
    • Anonimo scrive:
      Re: ot anteprima divx
      - Scritto da: Anonimo
      Ciao

      come si fa a vedere un'anteprima dei file
      divx?
      Thankshttp://www.avipreview.com/avipreview.htmCiao.
    • Anonimo scrive:
      Re: ot anteprima divx
      - Scritto da: Anonimo
      Ciao

      come si fa a vedere un'anteprima dei file
      divx?
      Thanksusa divfixricostruisci l'indice e puoi vedere una copia del file che stai scaricandoma devi fare una copia in locale
  • LockOne scrive:
    Fenomenologia del guadagno futuro.
    dunque, la questione funziona piu' o meno nel modo che segue.l'artista (il termine puo' pure riferirsi a madonna, diciamo) nei tempi a venire avra' titolo a guadagnare solo nei live show. quelli e solo quelli rappresentano, innanzitutto, una forma di lavoro. e di produzione creativa, dove il guadagno (che puo' essere assai consistente) dipende dalla qualita' dell'artista.quanto ai supporti con sopra materiale digitale, quelli smetteranno per sempre di fornire guadagno a loro, a siae, e reti di distribuzione e produzione che nell'ultimo mezzo secolo hanno straguadagnato. questo a causa delle grottesche somme derivanti, essenzialmente, da puro far niente.si tratta di corsi e ricordi storici nella fenomenologia del guadagno, che si rapporta all'effettiva natura di bene prodotto realmente, e, se permettete, con reale sforzo lavorativo.traduzione: i cantanti la smetteranno di fare i nababbi utilizzando la raccolta parassitaria di danaro derivante dal diritto d'autore. se vorranno la rolls, dovranno sbattersi. senno', si accontentino della misera audi, che c'e' di peggio.a lavorare, barboni.nel frattempo, qualcuno asciuga il mare col cucchiaio mettendo fakes nei p2p. patetici.
    • Anonimo scrive:
      Re: Fenomenologia del guadagno futuro.
      Sono pienamente daccordo con te, ma purtroppo mi sembra un tantino irrealizzabile. Bisognerebbe introdurre una legge, ma visto che loro controllano pure i governi (vedi l'allungamento dei diritti d'autore di 20 anni negli USA) la vedo brutta. L'unico paese dove una legge cosi' potrebbe venir approvata è in Svizzera dove la popolazione può fare un'iniziativa per cambiare una legge, ma oltre ai Gottard e Dj Bobo non cambierebbe nulla. Altrimenti l'unico modo è che qualche vero artista decida spontaneamente di rinunciare a un qualche zero e a dare l'esempio.Mah, io sono pessimista ma non smetto di sperarci. Saluti Grigu.
  • Anonimo scrive:
    ahahahahha io sulla mia macchina conness
    a in rete ho solo fake, e devi vedere i babacioni che ci cascano, da poco ho inserito il divx di DAREDEVIL 1.5 gbyte di byte senza senso, e devi vedere come scaricano.pagherei per vedere la faccia del babacione quando prova a lanciarlo dopo due o tre giorni di scarico a manetta ahahahahahahhahahahahhahahahhahahahhhahaahahahhahahhahah
    • Anonimo scrive:
      Re: ahahahahha io sulla mia macchina conness
      Bhe' divertente.Grasse risate.
      • Anonimo scrive:
        Re: ahahahahha io sulla mia macchina conness
        Un altro fenomeno on line, si e no scaricheranno 3 k poi vedenco dall'anteprima che è una ciofega finisci allegramente nelle back list....
    • LockOne scrive:
      Re: ahahahahha io sulla mia macchina conness
      - Scritto da: Anonimo
      a in rete ho solo fake, bla blama come, non aprono in anteprima i files?io si.poi se il caso dico quello che penso a quelli come te.buona giornata ciccio.
    • Akiro scrive:
      Re: ahahahahha io sulla mia macchina con
      a me sembri solo un babbeo.
    • Anonimo scrive:
      Re: ahahahahha io sulla mia macchina conness
      Ecco qui un altro fenomeno...ma la mamma degli stupidi è sempre incinta?Certo che ne hai di tempo da perdere ciccio...vai a fare qualcosa di piu utile...va...che è meglio.
    • Anonimo scrive:
      Re: ahahahahha io sulla mia macchina con

      a in rete ho solo fake, e devi vedere i
      babacioni che ci cascano, da poco ho
      inserito il divx di DAREDEVIL 1.5 gbyte di
      byte senza senso, e devi vedere come
      scaricano.

      pagherei per vedere la faccia del babacione
      quando prova a lanciarlo dopo due o tre
      giorni di scarico a manetta
      ahahahahahahhahahahahhah
      ahahhahahahhhaha
      ahahahhahahhahahMinchia che divertimento!
    • Anonimo scrive:
      Re: ahahahahha io sulla mia macchina con
      - Scritto da: Anonimo
      a in rete ho solo fake, e devi vedere i
      babacioni che ci cascano, da poco ho
      inserito il divx di DAREDEVIL 1.5 gbyte di
      byte senza senso, e devi vedere come
      scaricano.Per fortuna ci sono programmi come DivFix o VideoLan che permettono di vedere l'anteprima dei divx anche dopo poke centinaia di kb scaricati, mentre gli mp3 si aprono tranquilli con winamp.
    • Anonimo scrive:
      Re: ahahahahha io sulla mia macchina conness
      - Scritto da: Anonimo
      a in rete ho solo fake, e devi vedere i
      babacioni che ci cascano, da poco ho
      inserito il divx di DAREDEVIL 1.5 gbyte di
      byte senza senso, e devi vedere come
      scaricano.

      pagherei per vedere la faccia del babacione
      quando prova a lanciarlo dopo due o tre
      giorni di scarico a manettaBhe, non so su win, ma su LINUX puoi aprire un file mentre lo scarichi. Dopo dieci minuti di download una controllatina la si fa...
      • Anonimo scrive:
        Re: ahahahahha io sulla mia macchina con

        Bhe, non so su win, ma su LINUX puoi aprire
        un file mentre lo scarichi. Dopo dieci
        minuti di download una controllatina la si
        fa...cosa usi per scaricare su linux? io sono abituato a winmx e slsk ma non credo esistano per l'altro lato della barriccata
        • Anonimo scrive:
          Re: ahahahahha io sulla mia macchina con
          mldonkey, client eDonkey.Fornisce interfaccia grafica (non proprio bellissima) interfaccia Web e interfccia Telnet.Funziona molto bene.Home Page:http://savannah.nongnu.org/projects/mldonkey/Ciao, Krecker
          • Anonimo scrive:
            Re: ahahahahha io sulla mia macchina con
            Io uso lopster, credo davvero sia il migliore se hai la possibilità provalo, lopster.sourceforge.net l'ultima versione è potentissima.
    • Anonimo scrive:
      Re: ha fatto la battuta!
      bravo p1r7a, quanti GB di dati senza senso ti tieni sull'hard disk?e pensa che potresti beccare uno anche più p1r7a di te (lo so che è difficile, ma a volte, il caso...) che ti lascia scaricare un bel GB costituito solo da virus e qualche trojan, più una spruzzatina di dialers e hijacker!
    • Anonimo scrive:
      Trollate
      cdte non spreco altre parole inutili.
    • Anonimo scrive:
      Re: ahahahahha io sulla mia macchina con
      si vede che a te la banda la regalanoo vedendo il tipo sei uno di quelli che ha banda disponibile e fai scaricare la gente a 0,00001kcomplimenti, continua a farti le tue risate e a rimpiangere e a roderti del fatto di non poter vedere la faccia della gente mentre ti augura le peggiori cosesaluti
    • Anonimo scrive:
      Re: ahahahahha io sulla mia macchina conness
      Se per caso nella tua vita avessi scaricato un solo Kb con un programma di P2P penso che tu possa comodamente esse etichettato come stronzo così grosso che se ti spalmassero sul sahara lo concimeresti tutto peggio del limo del nilo.volevo partire anche con le offese alla mamma ma lei non ha colpa per aver partorito un simile ammasso di merdaFuThWo
    • Anonimo scrive:
      C:
      dir *.* ......:confused: ????
      Niente, non ci sono più files....Prima o poi ti succederà e allora rideremo tutti ;-)
  • Anonimo scrive:
    usare le anteprime
    Ho poco tempo, e non posso leggere gli altri posts, quindi mi scuso se scrivo una cosa già detta. Usare le anteprime no ? Basta scaricare pochi KBytes, per controllare se il pezzo è quello cercato e la qualità è ok. Poi, certo, i problemi possono presentarsi più avanti. Ma con le anteprime, qualche fake lo si riesce ad evitare.Saluti,Piwi
  • Anonimo scrive:
    ma ancora scrivete ste cazzate?
    ma io dico .. ancora ste cacatone mi tocca leggerela guerra al p2p è una guerra persa.. e anche se mettete dei file fasulli si trova sempre la musica che si vuole....poi non ho capito ... madonna che ha di diverso da gli altri ?a parte il nome che lo ha rubato ad una "donna" con un po' più di buon senso è una delle tante cantanti che vuole vendere cd a 20 euro nei quali su 14 tracce ce ne sono 3 nuove e il resto la solita broda bolita...il p2p è la risposta che i ragazzi danno alla discografia.." i cde me li metti a 20 euro?nessun problema.... ne compro uno e lo presto all'infinito ....gli altri fanno lo stesso .. e così il prezzo scende...."poi arriva la siae che vuol far pagare 0.40 euro sui cd vergini hahahahahasarebbe come dre che la xerox fa pagare 0.4 euro in più su ogni risma di carte che vende per poi dare quei soldi a tutti gli scrittori del mondo ...la solita cazzata....Il p2p continuerà a crescere ....
    • Anonimo scrive:
      Re: ma ancora scrivete ste cazzate?
      - Scritto da: Anonimo
      ma io dico .. ancora ste cacatone mi tocca
      leggerepuoi smettere in qualsiasi istanteio voglio leggere quello che loro hanno da scrivere
  • Anonimo scrive:
    per i fessi che non cancellano i fake
    i fessi che si scaricano i fake e condividono la cartella dei download sono la rovina del p2p.perchè sono loro stessi utenti e quindi sono nella massa ... eppure non capiscono che fanno lo stesso genere di schifo che non si vorrebbero beccare loro.idioti!!!!si condivide solo la cartella APPOSITA dello sharing, la cartella dei download va tenuta separata e NON in sharing, in modo da poter testare e DOPO spostare nella parte della condivisione!Sharing rulez
  • Anonimo scrive:
    basta usare shareaza + bitzi e votare
    gli utenti sono MILIONI, loro sono troppo pochi.la giustizia è dei molti, il lucro dei pochi.il sistema che identifica i fake deve essere usato, così si suca stoc**** lei, invece che tentare di fregarci.il problema dei fake è ben vecchio, cosa credono di fare? sono arrivati con 3 anni di ritardo a tentare la guerriglia.certo, se ci si ostina con quel sistema del cavolo, kazaa ... beh, allora certo.
Chiudi i commenti