Spiccioli di Cassandra/ Ben ritrovato, Richard

di M. Calamari - Da 30 anni opera per cambiare l'informatica e l'umanità: ecco perché dovremmo ringraziare Richard Stallman

Roma – Pochi giorni fa sono stato invitato da un caro amico ad una conferenza, tenuta dalla persona che più profondamente e positivamente abbia forgiato l’informatica negli ultimi 30 anni. Gli informatissimi 24 lettori avranno capito immediatamente che, non trattandosi di una seduta spiritica, non poteva trattarsi di Steven Paul Jobs, e poiché i quotidiani non ne hanno parlato, nemmeno di William Henry Gates III. D’altra parte, nessuno dei suddetti si è nemmeno avvicinato, come contributi positivi, all’opera di Richard Matthew Stallman, noto anche con l’acronimo di RMS o col titolo, affettuosamente dispregiativo, di “Uomo Stalla”, mutuato dal costante look trasandato da hacker “classico”.

RMS Ricorre infatti in questi giorni il trentesimo anniversario di una sua iniziativa, a cui si è dedicato anima e corpo, che ha cambiato in senso positivo il mondo dell’informatica e della Rete, dominato allora solo da grandi aziende costose e poco innovative come ad esempio AT&T.
È una bella ed importante storia: se non la conoscete per favore continuate a leggere.

In quei tempi Unix (con la “U” maiuscola era appunto proprietà di AT&T, che ne cedeva i codici solo a caro prezzo e senza concedere la possibilità di modificarlo, quando invece esso permeava la maggior parte delle attività di ricerca sia in campo universitario che “hobbistico”.
Proprio nel settembre del 1983 Richard (Cassandra si permette un tono confidenziale perchè appartiene alla sua generazione e ne è da vent’anni strenuo sostenitore) lanciò su varie maillist di ARPANet un progetto per quei tempi già enorme ed estremamente ambizioso, ma i cui sviluppi sarebbero stati ancora più grandi, tali appunto da cambiare (in meglio) il mondo.

All’epoca si trattava “semplicemente” di riscrivere da zero il sistema operativo Unix, in modo tale che non solo il monopolio di AT&T fosse spezzato per sempre, ma che chiunque potesse usare, modificare ed adattare a suo piacimento il nuovo sistema operativo senza tuttavia poter limitare in nessun modo ad altri di esercitare gli stessi diritti.

Il nuovo sistema operativo, di cui allora esisteva solo un editor di testo, fu da lui battezzato con l’acronimo ricorsivo GNU (Gnu is Not Unix), e per creare le condizioni in cui questo lavoro potesse essere svolto, inventò il concetto di Software Libero, la filosofia Copyleft, la licenza GPL (General Public Licence) e fondò la FSF (Free Software Foundation).
Scusate se è poco!

Richard, in parole povere, riuscì a dare una accelerazione warp 9 alla collaborazione libera di chi scriveva già software e lo metteva a disposizione di tutti in Rete, ed a creare una preziosa meraviglia, un “circolo virtuoso” tra tutti quelli che devono sviluppare qualcosa che al 90 per cento è già pronto in Rete.

Convince molti ad aderire con entusiasmo a questo meccanismo, mentre contemporaneamente impedisce con la forza del copyright e dei tribunali, a coloro che avessero voluto cedere alla tentazione, di rubare il software che gli serviva, non rendere pubbliche le modifiche e le aggiunte, e di rivenderlo come proprio, di mettere in pratica queste cattive azioni. “Virtuosi per forza”, insomma.

Scardina con successo il monopolio del software proprietario con gli stessi strumenti usati da altri per mantenerlo, e spinge persino grandi aziende ad aderire, per pura convenienza, a questo modello (IBM per tutti: sapete cosa gira sui supermainframe Z9? Una serie di patch GPL del kernel di Gnu/Linux). Da allora vive attivamente ma in una povertà francescana, girando continuamente il mondo come un missionario, ripetendo instancabilmente un “credo” che deve inflessibilmente rimanere “puro” per continuare a funzionare, ed adattandolo continuamente e con estrema cura ai grandi cambiamenti tecnologici dell’informatica e della Rete.

Al suo confronto, quelli che vengono normalmente considerati Grandi dell’informatica scompaiono: Steve diventa un ottimo stilista dell’informatica e Bill un grande venditore, tutti e due però fortemente orientati al profitto proprio e delle proprie aziende, e non al progresso della Rete e del’Umanità.

Ed eccoci qui: Cassandra, che conosce ormai quasi a memoria la conferenza in corso, ascolta in sottofondo il discorso mentre scrive al computer, sorride alla classica performance di “Sant’IGNUzio e della Chiesa di EMACS”, nota con attenzione le piccole differenze nei concetti dovute ai 10 anni passati dall’ultima volta che li ha ascoltati direttamente dalle labbra del Profeta.

Rifiuta poi con garbo la possibilità di porre una domanda al Grand’Uomo e di dire qualche parola: tutto quello che serviva è già stato detto.

L’asta del peluche di Gnu conclude l’istruttivo spettacolo.
La grande terrazza è piena di gente: la maggior parte ha appena ascoltato per la prima volta dei concetti per loro nuovi e rivoluzionari.
Per alcuni forse l’inizio di una presa di coscienza, magari di una conversione.

Tra la piccola folla ci siamo ritrovati in parecchi “vecchi”, per la prima volta dopo mesi o anni.
Prima di salutarsi e tornare a casa è d’obbligo una piccola cerimonia.
Quattro boccali di birra (piccola, data l’ora e l’età) tintinnano dopo questo augurio: “Cento di questi anni Richard, abbiamo tutti bisogno di te!”.

Marco Calamari
Lo Slog (Static Blog) di Marco Calamari
Tutte le release di Cassandra Crossing sono disponibili a questo indirizzo

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nome e cognome scrive:
    moderazione
    qualcuno di voi frequenta mai il sito tom's hw? lì c'è la peggior feccia esistente che però, essendo politicamente schierata dalla stessa parte della testata, può sparare tutta l'immondizia che vuole, tanto non verrà mai censurata. viceversa, chi va fuori dal coro si becca un bel ban a vita.
    • krane scrive:
      Re: moderazione
      - Scritto da: Nome e cognome
      qualcuno di voi frequenta mai il sito tom's hw?
      lì c'è la peggior feccia esistente che però,
      essendo politicamente schierata dalla stessa
      parte della testata, può sparare tutta
      l'immondizia che vuole, tanto non verrà mai
      censurata. viceversa, chi va fuori dal coro si
      becca un bel ban a vita.Niente di paragonabile a quello che succede qua.
      • Nome e cognome scrive:
        Re: moderazione
        Se tu avessi ragione non saresti qui a rispondere
        • krane scrive:
          Re: moderazione
          - Scritto da: Nome e cognome
          Se tu avessi ragione non saresti qui a rispondereE perche' ? Basta non essere troppo disturbati dalle cancellazione a membro di segugio.
    • panda rossa scrive:
      Re: moderazione
      - Scritto da: Nome e cognome
      qualcuno di voi frequenta mai il sito tom's hw?
      lì c'è la peggior feccia esistente che però,
      essendo politicamente schierata dalla stessa
      parte della testata,Politicamente schierata come?
      • ottone scrive:
        Re: moderazione
        - Scritto da: panda rossa
        Politicamente schierata come?Dovrebbe essere rilevante?
        • panda rossa scrive:
          Re: moderazione
          - Scritto da: ottone
          - Scritto da: panda rossa

          Politicamente schierata come?
          Dovrebbe essere rilevante?Dipende da che parte e' schierata.
          • eccolo qua scrive:
            Re: moderazione
            - Scritto da: panda rossa
            Dipende da che parte e' schierata.Quindi dichiari di non essere super partes? :p
          • Nome e cognome scrive:
            Re: moderazione
            Se volevi sembrare più ridicolo di quanto già non lo sembri normalmente, ci sei riuscito in pieno
          • ottone scrive:
            Re: moderazione
            - Scritto da: panda rossa
            Dipende da che parte e' schierata.Quindi secondo te la censura è corretta se la fa un determinato schieramento?
          • ... scrive:
            Re: moderazione
            - Scritto da: ottone
            - Scritto da: panda rossa

            Dipende da che parte e' schierata.
            Quindi secondo te la censura è corretta se la fa
            un determinato
            schieramento?si, il suo :D
          • panda rossa scrive:
            Re: moderazione
            - Scritto da: ottone
            - Scritto da: panda rossa

            Dipende da che parte e' schierata.
            Quindi secondo te la censura è corretta se la fa
            un determinato
            schieramento?No, la censura non e' mai corretta.Ma se fanno censura, mi viene da pensare che appartengano ad un certo schieramento, per questo ho chiesto che schieramento fosse, per confermare la mia ipotesi.
          • Il Principe scrive:
            Re: moderazione
            Tom's è pro Microsoft Il Principe
  • ... scrive:
    La Funzione dei TROLL
    La Funzione dei TROLL:[yt]rI3Px-PKxYY[/yt]
    • Guarda che cagata scrive:
      Re: La Funzione dei TROLL
      Che bello, qualcuno ha postato un video su PI! Vediamo un po' di cosa si tratta.Beh ok... mi sembra un po'... insomma cioè allora... mi sembra un po' come dire, una po' così... un po' una cagata.Nooo, ma questa è davvero una vera cagata. XXXXX miseria ma che C A G A T A !!!
  • Phronesis scrive:
    Moderazione e Censura
    Salve è un argomento che mi preme particolarmente.Quindi ci tengo ad esprimere la mia opinione.Associare la moderazione alla censura è totalmente errato.Un "buon" moderatore non cancella un messaggio solo perchè non gli piace il contenuto o non lo condivide o perchè sa che è tecnicamente sbagliato e il resto degli utenti più esperti o schierati lo "smantelleranno".Un buon mod non si cura della linea editoriale della testata.Non è suo compito prevenire attacchi o critiche ragionate alla redazione.Il compito di un buon moderatore è non far strumentalizzare la discussione, permettendo così a tutti di esprimersi.Al contrario chi tiene alla linea editoriale o si avvale di discussioni semplicemente caotiche, perdona atteggiamenti errati come attacchi personali ad altri utenti è inevitabilmente una personea che adotterà la censura (cancellazione arbitraria e inappellabile del messaggio).Non preoccupiamoci comunque, quando si sarà totalmente dimeticato questo ci lasceranno sempre gli I.like.IT.Da avere così le visite da presentare come diceva qualcuno agli investitori ma nessuna possibilità di espressione.Saludos.
    • panda rossa scrive:
      Re: Moderazione e Censura
      - Scritto da: Phronesis
      Salve è un argomento che mi preme particolarmente.
      Quindi ci tengo ad esprimere la mia opinione.E ci mancherebbe: sei il benvenuto.
      Associare la moderazione alla censura è
      totalmente
      errato.+1
      Un "buon" moderatore non cancella un messaggio
      solo perchè non gli piace il contenuto o non lo
      condivide o perchè sa che è tecnicamente
      sbagliato e il resto degli utenti più esperti o
      schierati lo
      "smantelleranno".Smantelleranno chi? Il moderatore o il messaggio?
      Un buon mod non si cura della linea editoriale
      della testata.Nessuna testata assolda un buon mod.
      Non è suo compito prevenire attacchi o critiche
      ragionate alla
      redazione.

      Il compito di un buon moderatore è non far
      strumentalizzare la discussione, permettendo così
      a tutti di
      esprimersi.Per assolvere questo compito basta un buon forum, senza bisogno che ci sia un moderatore.
      Al contrario chi tiene alla linea editoriale o si
      avvale di discussioni semplicemente caotiche,
      perdona atteggiamenti errati come attacchi
      personali ad altri utenti è inevitabilmente una
      personea che adotterà la censura (cancellazione
      arbitraria e inappellabile del
      messaggio).Eh gia'.
      Non preoccupiamoci comunque, quando si sarà
      totalmente dimeticato questo ci lasceranno sempre
      gli
      I.like.IT.
      Da avere così le visite da presentare come diceva
      qualcuno agli investitori ma nessuna possibilità
      di espressione.Ma con garanzia di totale XXXXXXXXXta' dei followers.
      • Phronesis scrive:
        Re: Moderazione e Censura
        Ciao panda rossa.:)- Scritto da: panda rossa
        Smantelleranno chi? Il moderatore o il messaggio?Il messaggio. Intendevo dire che un buon moderatore anche se si accorge che un messaggio è concettualmente errato non se ne cura.Sarà la comunità di tecnici/appassionati a "screditare" il messaggio se vorrà farlo.Era un esempio per esprimere un parere a tutto tondo sul fatto che un buon moderatore non si cura del contenuto tecnico e o linguistico dei messaggi o del loro impatto sulle certezze della comunità, ma solo se il messaggio ha o non ha lo scopo di diturbare lo sviluppo della discussione.- Scritto da: panda rossa
        Per assolvere questo compito basta un buon forum,
        senza bisogno che ci sia un
        moderatore.So che la pensi così, forse in questo divergiamo.Concordo con te, ben inteso, che se tutti volessero discutere più o meno seriamente non ci sarebbe bisogno di un moderatore.Purtroppo però non credo che sia una cosa che si verifichi spesso, anzi molto di rado, quindi una figura che ha i mezzi tecnici per coadiuvare la discussione io la vedo propedeutica.Perché ci sono utenti che dopo poco, semplicemente lasciano la comunità se per esempio sono insultati gratuitamente e privano la comunità di idee.Ma è una mia opinione, potrebbe anche essere vista come una sorta di "selezione digitale" e accettata/accettabile- Scritto da: panda rossa
        Ma con garanzia di totale XXXXXXXXXta' dei
        followers.Puoi dirlo forte!Questa infatti dovrebbe essere la più grossa preoccupazione, almeno è l'aspetto che più mi "rattrista" tra le conseguenze delle scelte che hanno i portali, come quello oggetto dell'articolo, come chiudere lo spazio di discussione.Ciao.
    • Sg@bbio scrive:
      Re: Moderazione e Censura
      I moderatori buoni non esistono, visto che buona parte di chi copre il ruolo fa quel che gli pare e sono pure protetti degli amministratori. Basta vedere buona parte dei forum grossi dove i moderatori possono far stalking senza esser fermati.
      • Phronesis scrive:
        Re: Moderazione e Censura
        - Scritto da: Sg@bbio
        I moderatori buoni non esistono, Non concordo. O meglio io ho visto in passato buoni moderatori e buoni amministratori di forum.Adesso non faccio più parte di comunità in maniera regolare (ossia iscritto e attivamente partecipe) quindi parlerei di cose che non sono aggiornate.Posso dirti però da lurker quale sono molti dei forum storici sono degenerati tantissimo ultimamente e a dirlo sono gli stessi utenti storici.Discorso lungo che onestamente non voglio più aprire.:)
        visto che buona
        parte di chi copre il ruolo fa quel che gli pare
        e sono pure protetti degli amministratori. Basta
        vedere buona parte dei forum grossi dove i
        moderatori possono far stalking senza esser
        fermati.In un portale più o meno serio c'è (c'era, ci dovrebbe essere) un amministratore forum che è a capo dei moderatori e li sceglie.è scontato che se lui è "inidoneo" farà una squadra di "vigilantes" più che di "buoni poliziotti" passatemi il paragone ardito.
        • Sg@bbio scrive:
          Re: Moderazione e Censura
          - Scritto da: Phronesis
          Non concordo. O meglio io ho visto in passato
          buoni moderatori e buoni amministratori di
          forum.

          Adesso non faccio più parte di comunità in
          maniera regolare (ossia iscritto e attivamente
          partecipe) quindi parlerei di cose che non sono
          aggiornate.Fin da quando internet si diffuse in massa in italia, che ci stavano tantissimi posti con moderatori che facevano quel che volevano e non li si poteva nemmeno criticare, potevano pure insultare gli utenti, senza esser ripresi, oppure quando si mettevano a fare del nonnismo verso chi critica ecc ecc.Poi velo pietoso dei forum odierni, che oltre ad aver regole kilometriche spesso e volentieri hanno pure un paragrafo sulla intoccabilità dei moderatori, ma niente che riguarda ai moderatori stessi.
          Posso dirti però da lurker quale sono molti dei
          forum storici sono degenerati tantissimo
          ultimamente e a dirlo sono gli stessi utenti
          storici.In che senso "degenerati" ?
          In un portale più o meno serio c'è (c'era, ci
          dovrebbe essere) un amministratore forum che è a
          capo dei moderatori e li
          sceglie.
          è scontato che se lui è "inidoneo" farà una
          squadra di "vigilantes" più che di "buoni
          poliziotti" passatemi il paragone
          ardito.Diciamo che il problema di fondo è che puoi mettere come moderatori, utenti di vecchia data che conoscono il posto, però se non si da lo spazio alle lamentele/critica nel loro operato, la moderazione diventa peggio dei trolleggio selvaggio. Ne ho visti di forum decadere quando cancellavano e bannavano ad ogni XXXXXXXXXX.
          • Phronesis scrive:
            Re: Moderazione e Censura
            - Scritto da: Sg@bbio
            Diciamo che il problema di fondo è che puoi
            mettere come moderatori, utenti di vecchia data
            che conoscono il posto, però se non si da lo
            spazio alle lamentele/critica nel loro operato,
            la moderazione diventa peggio dei trolleggio
            selvaggio. Concordo.Per questo in un altro 3d su di un articolo simile parlavo dell'importanza della struttura, e che quindi, dalla mia esperienza i commenti stile blog "non permettono a priori" una buona moderazione.Servono sia gli strumenti da dare ai moderatori che gli strumenti da dare agli utenti per interagire con i moderatori.Per il resto non te la prendere, non posso spiegare (leggi se vuoi che non ho le capacità linguistiche per farlo) senza esempi concreti quello che penso e non ho intenzioni di farlo usando esempi concreti.Ciao Sgabbio.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Moderazione e Censura
            Un buon forum, deve avere sia una buona libertà di parola, che una moderazione gestita decentemente, sono pochi che fanno cosi.Tra l'altro faccio una critica ad un posto che finge di avere la libertà di parola ed ha una moderazione dittatoriale.
        • sbrotfl scrive:
          Re: Moderazione e Censura
          - Scritto da: Phronesis
          In un portale più o meno serio c'è (c'era, ci
          dovrebbe essere) un amministratore forum che è a
          capo dei moderatori e li
          sceglie.E in altri, c'è il T-1000 :(
  • Etype scrive:
    sex
    Parlare di questo argomento è un po' come parlare del sesso degli angeli. Tolto lo SPAM e le offese, chi si arroga il diritto di definire un commento come "sensato" o come una "trollata"? Il rischio è che si censuri un post solo perché contrario al parere del moderatore, dell'articolista o della linea editoriale. Tutto questo senza contare che comunque, entro certi limiti, le litigate tra i troll portano comunque visite al sito. da troll quale sono, esigo che non mi si censui
    • panda rossa scrive:
      Re: sex
      - Scritto da: Etype
      Il
      rischio è che si censuri un post solo perché
      contrario al parere del moderatore,
      dell'articolista o della linea editoriale. Rischio?Un rischio presuppone una eventualita', anche minima, che l'evento possa non accadere.Ma se tu vai su un qualunque forum schierato, dove si discute di ciarlataneria (scie chimiche, oroscopi, etc) e scrivi il tuo commento ragionato dove spieghi in maniera chiara incontrovertibile che loro sono degli ignoranti patentati, o peggio meschini approfittatori in malafede, la censura e' una CERTEZZA, altro che rischio.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: sex
      contenuto non disponibile
      • bertuccia scrive:
        Re: sex
        - Scritto da: unaDuraLezione

        Ciò che ieri era detto dai troll, domani sarà
        detto dai saggi.
        E le stesse persone che ieri insultavano i troll,
        domani plauderanno i saggi.

        I saggi non sono altri che troll, solo che,
        anzichè spararla nel mucchio, hanno la'ccortezza
        di aspettare che il vento cambi.


        Basta pensare al datagate.
        I troll dicevano che google/apple/ms/ spiano
        tutti e tutto, ma la gente li prendeva per
        scemi.
        Ora che i giornalisti ci marciano, il vento è
        cambiato, ed ecco che tutti dicono "ma come, non
        lo sapevi? era ovvio!"quindi linux andrà al tappeto? o lo è già?
      • Phronesis scrive:
        Re: sex
        Ciao.- Scritto da: unaDuraLezione
        Ciò che ieri era detto dai troll, domani sarà
        detto dai
        saggi.Volevo sapere.Quando dici "troll" parli di questo?http://it.wikipedia.org/wiki/Troll_%28Internet%29- Scritto da: Wikipedia...Con il termine troll, nel gergo di internet, e, in particolare, delle comunità virtuali, si indica una persona che interagisce con gli altri utenti tramite messaggi provocatori, irritanti, fuori tema o semplicemente senza senso, con l'obiettivo di disturbare la comunicazione e fomentare gli animi ...No perchè gli "illuminati" o gli "allarmisti"o i "paranoici" non sono troll.
        E le stesse persone che ieri insultavano i troll,
        domani plauderanno i
        saggi.

        I saggi non sono altri che troll, solo che,
        anzichè spararla nel mucchio, hanno la'ccortezza
        di aspettare che il vento
        cambi.


        Basta pensare al datagate.
        I troll dicevano che google/apple/ms/ spiano
        tutti e tutto, ma la gente li prendeva per
        scemi.
        Ora che i giornalisti ci marciano, il vento è
        cambiato, ed ecco che tutti dicono "ma come, non
        lo sapevi? era
        ovvio!"Non concordo, prendendo il datagate un troll di norma direbbe..."Ma cosa credi di dover nascondere, cosa pensi glie ne freghi al governo di uno che ha la stagnola in testa?"Sviando automaticamente i successivi messaggi.Ho visto che qui si utilizza l'espressione "dito-luna".Un troll non dice cose scomode, un troll dice cerca un modo per non far discutere anche su cose scomode, poi se è pagato dal criticato certamente prende altri nomi.
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: sex
          contenuto non disponibile
          • panda rossa scrive:
            Re: sex
            - Scritto da: unaDuraLezione

            I troll di cui parlo io sono quelli che riconosci
            al primo messaggio. Anche se cambiano nick tutti
            i santissimi giorni
            (cylon)Solo oggi Legu' ha cambiato nick almeno 3 volte.
  • Zukkino scrive:
    il trollaggio...
    ... è la versione informatica dei fischi allo stadio o i "booo" a teatro, esiste perchè l'uomo esiste.Mettere delle forme di disciplina dei commenti è una cosa relativamente facile, il problema forse è il modello di buisness dei siti editoriali commerciali. In fondo i troll contano uno esattamente come i disciplinati, e quando si deve presentare un sito agli inserzionisti pubblicitari la prima cosa che si richiede non è il livello qualitativo dell'audience ma il numero.Ma in rete il numero degli utenti è una figura di merito simile al PIL, dice qualcosa di generico sulla salute di una testata editoriale ma quasi nulla sui motivi del suo sucXXXXX o del suo fallimento.Qualificare la discussione rischia di far perdere numeri(tutti da verificare tra l'altro) e quei pochi utenti motivati che rimangono possono non rientrare negli schemi di utente-target a cui vendere bibite gassate o crociere.Se quindi si vuole perseguire contemporaneamente la qualità dell'audience e il numero allora occorre fare una ripassata di meccanica quantistica, perchè qualità e quantità nel marketing sono come velocità e posizione in fisica.
  • Paolo T. scrive:
    Conosciamo la storia
    Sembra la storia di Punto Informatico...
    • bertuccia scrive:
      Re: Conosciamo la storia
      - Scritto da: Paolo T.

      Sembra la storia di Punto Informatico...mmm non mi pare
      • un chain scrive:
        Re: Conosciamo la storia
        - Scritto da: bertuccia
        - Scritto da: Paolo T.



        Sembra la storia di Punto Informatico...

        mmm non mi parehai ragione... PI consente i commenti... solo che li censura a suo piacimento...
  • flyonthenet scrive:
    Non è così semplice
    Non credo sia così semplice: metto un buon mod ed ho commenti di qualità.Un conto è se scrivo delle volgarità, offese, ecc., ma se io scrivo semplicemente la mia opinione (stupida o sbagliata che sia), con che criterio dovrei moderare?Il problema secondo me più profondo, nella mediocrità dell'utente medio.Per cui certi siti fanno bene a chiudere i commenti, sarebbe solo un'inutile lotta contro i mulini a vento.D.
    • Ricky Portera scrive:
      Re: Non è così semplice

      Non credo sia così semplice: metto un buon mod ed
      ho commenti di
      qualità.Un buon moderatore, altrimenti, così abbreviato, è castrato.L'articolo in effetti sfiora questo aspetto: cito: "sui siti editoriali sarebbero dovuti essere pre-moderati e pubblicati solo nel momento in cui aggiungevano orizzonte e contenuto all'articolo". <I
      Popular science </I
      non aveva voglia di investire in moderatori, e ha scelto di chiudere ai commenti (a parte in alcune sezioni, va detto).Chi invece i moderatori li ha, e anche ben funzionanti, questi problemi non li sperimenta. Esempio: il quotidiano diretto da Padellaro.
      • ... scrive:
        Re: Non è così semplice
        - Scritto da: Ricky Portera

        Non credo sia così semplice: metto un buon
        mod
        ed

        ho commenti di

        qualità.

        Un buon moderatore, altrimenti, così abbreviato,
        è
        castrato.
        L'articolo in effetti sfiora questo aspetto:
        cito: "sui siti editoriali sarebbero dovuti
        essere pre-moderati e pubblicati solo nel momento
        in cui aggiungevano orizzonte e contenuto
        all'articolo". <I
        Popular science
        </I
        non aveva voglia di investire in
        moderatori, e ha scelto di chiudere ai commenti
        (a parte in alcune sezioni, va
        detto).Avete mai provato a leggerli quei commenti?
        Chi invece i moderatori li ha, e anche ben
        funzionanti, questi problemi non li sperimenta.
        Esempio: il quotidiano diretto da
        Padellaro.Non è un giornale tecnico, e ti DEVI registrare per commentare ;)
        • Ricky Portera scrive:
          Re: Non è così semplice

          Avete mai provato a leggerli quei commenti?A dire il vero, no.Tu lo hai fatto?

          Chi invece i moderatori li ha, e anche ben

          funzionanti, questi problemi non li
          sperimenta.

          Esempio: il quotidiano diretto da

          Padellaro.

          Non è un giornale tecnico, e ti DEVI registrare
          per commentare
          ;)Vero che non è un giornale tecnico, ma non farti intimidre dal titolo. Anche il sito di popular science ospita articoli in gran parte fuori dalla scienza:http://www.popsci.com/article/gadgets/faa-panel-recommends-lifting-ban-gadget-use-during-flights?dom=PSC&loc=recent&lnk=10&con=faa-panel-recommends-lifting-ban-on-gadget-use-during-flightshttp://www.popsci.com/gadgets/gallery/2013-09/tools-21st-century-pet-care/?image=0Mai più senza.Per quanto riguarda le registrazione, guarda che quella non evita la presenza di commenti di disturbo oppure di pura provocazione.
          • bubba scrive:
            Re: Non è così semplice
            - Scritto da: Ricky Portera
            Per quanto riguarda le registrazione, guarda che
            quella non evita la presenza di commenti di
            disturbo oppure di pura
            provocazione.e TU lo sai CON CERTEZZA, vero? gh :D :) :P :
          • Leguleio scrive:
            Re: Non è così semplice
            Un saluto di cuore al caro Leguleio.....
          • ... scrive:
            Re: Non è così semplice
            - Scritto da: Ricky Portera

            Avete mai provato a leggerli quei commenti?

            A dire il vero, no.
            Tu lo hai fatto?
            Si, normalmente un articolo aveva 3, 4 commenti, più o meno sensati ;) tranne quando erano argomenti "sensibili" tipo: cambiamenti climatici, viaggi spaziali, o tecnologie verdi, in quei casi le armate dei troll erano incontenibili :(
    • Trollollero scrive:
      Re: Non è così semplice
      - Scritto da: flyonthenet
      Non credo sia così semplice: metto un buon mod ed
      ho commenti di
      qualità.
      Un conto è se scrivo delle volgarità, offese,
      ecc., ma se io scrivo semplicemente la mia
      opinione (stupida o sbagliata che sia), con che
      criterio dovrei
      moderare?Premesso che sono di scuola Torvalds (ovvero, un XXXXXXXX e' un XXXXXXXX anche a chiamarlo "diversamente furbo", quindi tanto vale chiamarlo XXXXXXXX fin da subito....), come la mettiamo quando (e non <i
      se </i
      ) l'unica replica sensata ad un post/domanda/problema e' una raffica di insulti ?Una cosa cosi', per capirci:"Nvidia has been one of the worst trouble spots we've had with hardware manufacturers. And that's really sad because Nvidia tries to sell a lot of chips into the Android market. And Nvidia has been the single worst company we've ever dealt with. So, Nvidia, <b
      FUCK YOU </b
      . I think it's really sad when you sell hardware and use Linux and you are being really difficult about it. Don't get me wrong I'm not saying that other companies are perfect either."Ora, un intervento del genere a mio avviso non e' da cassare: e' da incorniciare e mostrare a mo' di esempio alle generazioni future.Vuoi far soldi a partire dal lavoro degli altri e non collabori ?XXXXXXXXXX.Plain and simple.
      Il problema secondo me più profondo, nella
      mediocrità dell'utente
      medio.Ohibo', un utente "medio" non "mediocre" lo vedo un po' difficile da trovare. Specialmente se la media la fai a partire dal bacino di utenza della rete......
      Per cui certi siti fanno bene a chiudere i
      commenti, sarebbe solo un'inutile lotta contro i
      mulini a
      vento.
      D.Non vuoi i commenti ?Pubblica su carta.Il web esiste ESATTAMENTE per scambiarsi informazioni e relativi opinioni/commenti, se non ti va bene la porta e' di la' -----
    • Trollollero scrive:
      Re: Non è così semplice
      - Scritto da: flyonthenet
      Non credo sia così semplice: metto un buon mod ed
      ho commenti di
      qualità.
      Un conto è se scrivo delle volgarità, offese,
      ecc., ma se io scrivo semplicemente la mia
      opinione (stupida o sbagliata che sia), con che
      criterio dovrei
      moderare?Premesso che sono di scuola Torvalds (ovvero, un XXXXXXXX e' un XXXXXXXX anche a chiamarlo "diversamente furbo", quindi tanto vale chiamarlo XXXXXXXX fin da subito....), come la mettiamo quando (e non <i
      se </i
      ) l'unica replica sensata ad un post/domanda/problema e' una raffica di insulti ?Una cosa cosi', per capirci:"Nvidia has been one of the worst trouble spots we've had with hardware manufacturers. And that's really sad because Nvidia tries to sell a lot of chips into the Android market. And Nvidia has been the single worst company we've ever dealt with. So, Nvidia, <b
      FUCK YOU </b
      . I think it's really sad when you sell hardware and use Linux and you are being really difficult about it. Don't get me wrong I'm not saying that other companies are perfect either."Ora, un intervento del genere a mio avviso non e' da cassare: e' da incorniciare e mostrare a mo' di esempio alle generazioni future.Vuoi far soldi a partire dal lavoro degli altri e non collabori ?XXXXXXXXXX.Plain and simple.
      Il problema secondo me più profondo, nella
      mediocrità dell'utente
      medio.Ohibo', un utente "medio" non "mediocre" lo vedo un po' difficile da trovare. Specialmente se la media la fai a partire dal bacino di utenza della rete......
      Per cui certi siti fanno bene a chiudere i
      commenti, sarebbe solo un'inutile lotta contro i
      mulini a
      vento.
      D.Non vuoi i commenti ?Pubblica su carta.Il web esiste ESATTAMENTE per scambiarsi informazioni e relativi opinioni/commenti, se non ti va bene la porta e' di la' -----
    • banban scrive:
      Re: Non è così semplice
      - Scritto da: flyonthenet
      Non credo sia così semplice: metto un buon mod ed
      ho commenti di
      qualità.
      Un conto è se scrivo delle volgarità, offese,
      ecc., ma se io scrivo semplicemente la mia
      opinione (stupida o sbagliata che sia), con che
      criterio dovrei
      moderare?
      Il problema secondo me più profondo, nella
      mediocrità dell'utente
      medio.
      Per cui certi siti fanno bene a chiudere i
      commenti, sarebbe solo un'inutile lotta contro i
      mulini a
      vento.
      D.Il buon mod non esiste, è un'illusione. Nessuno vorrebbe vedere insulti o spam ma nemmeno post censurati secondo criteri soggettivi.Ad ogni modo, potendo scegliere, preferisco un sito che permetta i commenti se non altro per capire cosa ne pensa la maggior parte dei lettori della notizia riportata.
      • Ricky Portera scrive:
        Re: Non è così semplice

        Il buon mod non esiste, è un'illusione. Nessuno
        vorrebbe vedere insulti o spam ma nemmeno post
        censurati secondo criteri
        soggettivi.Non sempre si tratta di criteri soggettivi. Ad esempio in diversi forum è scritto chiaramente che, oltre alle ovvie parolacce e ai link evidentemente commerciali, e quindi assimilabili allo spam, è passibile di cancellazione anche un commento fuori tema.
        Ad ogni modo, potendo scegliere, preferisco un
        sito che permetta i commenti se non altro per
        capire cosa ne pensa la maggior parte dei lettori
        della notizia
        riportata.A dirla tutta, a volte non si capisce nemmeno quello, pur in presenza di decine di commenti. :-DProprio perché si parla di tutto, fuorché del contenuto dell'articolo...
    • Dottor Stranamore scrive:
      Re: Non è così semplice
      In Italia dal punto di vista legale sarebbe rischioso per l'editore pre-moderare i commenti in base alla qualità, almeno così diceva Luca AnnunziataNei quotidiani letti da milioni di persone alla fine si dà spazio solo ai pareri più reazionari o inutili. La BBC non è un caso che sul suo sito non abbia i commenti. Spero che prima o poi il Corriere, il Fatto Quotidiano e tanti altri giornali prendano esempio da loro. Io quindi toglierei i commenti nei giornali, compreso questo, li lascerei solo su i piccoli blog tipo quello di Mantellini. Anche se pure sul suo blog ci sono un paio di personaggini che commentano con continuità ogni suo post e lo fanno solo per mettersi in mostra, la cosa che mi lascia perplesso è che di solito nessuno se li fila. Quindi mi chiedo cosa li spinga a continuare.Per non parlare di PI. Cosa è diventata la sezione dei commenti? C'è un gruppetto di ossessionati che scrive in continuazione tutti i giorni a tutte le ore utilizzando sempre toni assolutamente infantili. E' chiaro che poi se uno vuole scrivere qualcosa di interessante non spreca un attimo di tempo qua dentro o se lo fa si adegua ai toni del sito.Ma tanto questo giornale ormai sembra non esserci più, se uno va a vedere la maggior parte delle notizie le scrive una persona sola e più che articoli sembrano quei pezzi aridi e sintetici che si trovano nei dispacci d'agenzia.
      • Ricky Portera scrive:
        Re: Non è così semplice
        - Scritto da: Dottor Stranamore
        In Italia dal punto di vista legale sarebbe
        rischioso per l'editore pre-moderare i commenti
        in base alla qualità, almeno così diceva Luca
        AnnunziataPuoi spiegare meglio? Mi pare una cosa strana.
        Nei quotidiani letti da milioni di persone alla
        fine si dà spazio solo ai pareri più reazionari o
        inutili.

        La BBC non è un caso che sul suo sito non abbia i
        commenti. Spero che prima o poi il Corriere, il
        Fatto Quotidiano e tanti altri giornali prendano
        esempio da loro.Alcuni articoli sul Corriere non ammettono commenti.Non è tanto questione di prendere esempio. Quella dei commenti alle notizie, anche le più banali, è una moda nata attorno al 2001. E non è che fosse tecnicamente complicato introdurlo nell'edizione online prima del 2001, ma nessuno ne sentiva l'esigenza.
      • panda rossa scrive:
        Re: Non è così semplice
        - Scritto da: Dottor Stranamore
        In Italia dal punto di vista legale sarebbe
        rischioso per l'editore pre-moderare i commenti
        in base alla qualità, almeno così diceva Luca
        AnnunziataSe lo dice lui...
        Nei quotidiani letti da milioni di persone alla
        fine si dà spazio solo ai pareri più reazionari o
        inutili.I quotidiani letti da milioni di persone sono sfacciatamente schierati.L'edizione sul web ha pure il difetto di non poter essere usata per incartare il pesce o sostituire la carta igienica in caso di necessita'.
        La BBC non è un caso che sul suo sito non abbia i
        commenti. La BBC non e' un quotidiano ma una emittente televisiva.Mele con pere, come sempre.
        Spero che prima o poi il Corriere, il
        Fatto Quotidiano e tanti altri giornali prendano
        esempio da loro.Aspetta e spera...
        Io quindi toglierei i commenti nei giornali,
        compreso questo,Fatti il tuo giornale e fattelo senza possibilita' di commenti.E' un paese libero questo, sai?
        li lascerei solo su i piccoli
        blog tipo quello di Mantellini.Il blog e' una cosa diversa.
        Anche se pure sul
        suo blog ci sono un paio di personaggini che
        commentano con continuità ogni suo post e lo
        fanno solo per mettersi in mostra, la cosa che mi
        lascia perplesso è che di solito nessuno se li
        fila. Quindi mi chiedo cosa li spinga a
        continuare.Dovresti chiederlo a quello che vedi nello specchio.
        Per non parlare di PI. Cosa è diventata la
        sezione dei commenti? Quello che e' sempre stata: un forum.C'e' pure scritto.
        C'è un gruppetto di
        ossessionati che scrive in continuazione tutti i
        giorni a tutte le ore utilizzando sempre toni
        assolutamente infantili.E' per farsi capire da interlocutori come te.Ci abbiamo provato a usare toni piu' adeguati, ma e' stato inutile.I muri capiscono cio' che e' oscuro per molta gente.
        E' chiaro che poi se uno
        vuole scrivere qualcosa di interessante non
        spreca un attimo di tempo qua dentro o se lo fa
        si adegua ai toni del
        sito.Se uno vuole scrivere qualcosa di interessante non lo fa sul forum di PI.
        Ma tanto questo giornale ormai sembra non esserci
        più, se uno va a vedere la maggior parte delle
        notizie le scrive una persona sola e più che
        articoli sembrano quei pezzi aridi e sintetici
        che si trovano nei dispacci
        d'agenzia.L'importante e' che ci sia il forum.
        • saverio_ve scrive:
          Re: Non è così semplice
          WOW! Questo si che si chiama "avere la coda di paglia"!(rotfl)
          • krane scrive:
            Re: Non è così semplice
            - Scritto da: saverio_ve
            WOW! Questo si che si chiama "avere la coda di
            paglia"!

            (rotfl)Si veramente, avere tanta paura dei forum rivela proprio tutta la coda di paglia del nr: Dottor Stranamore.
  • ospite scrive:
    Hanno fatto bene
    Secondo me hanno fatto bene.Non ho mai capito l'utilità di una sezione commenti, tra fanboy e troll è impossibile instaurare una discussione seria e utile su qualsiasi argomento. Ci sono già i social network come facebook per raccogliere la spazzatura della rete, lasciamo che i commenti vadano li sopra.Dovrebbero farlo anche qui, il sito ne guadagnerebbe in prestigio.
    • cicciobello scrive:
      Re: Hanno fatto bene
      Se lo facessero qui perderebbero quasi tutti i visitatori abituali, tanto varrebbe chiudere.
    • tucumcari scrive:
      Re: Hanno fatto bene
      - Scritto da: ospite
      Dovrebbero farlo anche qui, il sito ne
      guadagnerebbe in
      prestigio.Quale prestigio? O)
      • krane scrive:
        Re: Hanno fatto bene
        - Scritto da: tucumcari
        - Scritto da: ospite

        Dovrebbero farlo anche qui, il sito ne

        guadagnerebbe in

        prestigio.
        Quale prestigio? O)Forse parla dei giochi di prestigio con cui scompaiono i post ?
        • tucumcari scrive:
          Re: Hanno fatto bene
          - Scritto da: krane
          Forse parla dei giochi di prestigio con cui
          scompaiono i post
          ?Forse... Titolo: "Trattato di prestidigitazione con post e thread". Autore: il t-1000. :-D
      • krane scrive:
        Re: Hanno fatto bene
        - Scritto da: tucumcari
        - Scritto da: ospite

        Dovrebbero farlo anche qui, il sito ne

        guadagnerebbe in

        prestigio.
        Quale prestigio? O)Quello del forum.
      • tucumcari scrive:
        Re: Hanno fatto bene
        - Scritto da: tucumcari
        - Scritto da: ospite

        Dovrebbero farlo anche qui, il sito ne

        guadagnerebbe in

        prestigio.
        Quale prestigio? O)Questo...[img]http://c.punto-informatico.it/l/community/avatar/2a6d5a999222e9054394a00680105bba/Avatar.JPG[/img]
      • tucumcari scrive:
        Re: Hanno fatto bene
        - Scritto da: tucumcari
        - Scritto da: ospite

        Dovrebbero farlo anche qui, il sito ne

        guadagnerebbe in

        prestigio.
        Quale prestigio? O)questo[img]http://c.punto-informatico.it/l/community/avatar/2a6d5a999222e9054394a00680105bba/Avatar.JPG[/img]
      • tucumcari scrive:
        Re: Hanno fatto bene
        - Scritto da: tucumcari
        - Scritto da: ospite

        Dovrebbero farlo anche qui, il sito ne

        guadagnerebbe in

        prestigio.
        Quale prestigio? O)questo[img]http://c.punto-informatico.it/l/community/avatar/2a6d5a999222e9054394a00680105bba/Avatar.JPG[/img]
      • tucumcari scrive:
        Re: Hanno fatto bene
        - Scritto da: tucumcari
        - Scritto da: ospite

        Dovrebbero farlo anche qui, il sito ne

        guadagnerebbe in

        prestigio.
        Quale prestigio? O)questo[img]http://c.punto-informatico.it/l/community/avatar/2a6d5a999222e9054394a00680105bba/Avatar.JPG[/img]
    • Ricky Portera scrive:
      Re: Hanno fatto bene

      Secondo me hanno fatto bene.

      Non ho mai capito l'utilità di una sezione
      commenti, tra fanboy e troll è impossibile
      instaurare una discussione seria e utile su
      qualsiasi argomento. L'utilità è venire qui con l'aria di quello che è totalmente estraneo agli eventi, in gergo si dice "fa il pesce in barile", per lamentarsi di troll e fanboy. Se i commenti non ci fossero sarebbe impossibile. Proverbio: "Chi disprezza compra".
    • thebecker scrive:
      Re: Hanno fatto bene
      - Scritto da: ospite
      Secondo me hanno fatto bene.

      Non ho mai capito l'utilità di una sezione
      commenti, tra fanboy e troll è impossibile
      instaurare una discussione seria e utile su
      qualsiasi argomento. Ci sono già i social network
      come facebook per raccogliere la spazzatura della
      rete, lasciamo che i commenti vadano li
      sopra.

      Dovrebbero farlo anche qui, il sito ne
      guadagnerebbe in
      prestigio.PI è un sito generalista di Informatica non è proprio prestigioso. :DIl Forum classico è tra i migliori per discutere le notizie.I Troll? Basta ignorali e poi i commeti costruttivi con link diventano anche un approfondimento della news quindi i commenti sono un valore aggiunto per qualsiasi sito. Di solito quando incontro siti di informazioni senza la possibilità di commentare non li metto mai nei miei segnalibri, tranne se i contenuti meritano molto.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Hanno fatto bene
      contenuto non disponibile
    • anon scrive:
      Re: Hanno fatto bene
      - Scritto da: ospite
      Non ho mai capito l'utilità di una sezione
      commenti, tra fanboy e troll è impossibile
      instaurare una discussione seria e utile su
      qualsiasi argomento.Ma perché tutto questo accanimento contro troll e fanboys?Sono così simpatici... Aggiungono colore e sapore ad ogni sito/forum/blog. Se non fosse per loro, non varrebbe neanche la pena leggere l'articolo che commentano... [ok qui forse esagero, ma ci siamo capiti] ;)
    • Funz scrive:
      Re: Hanno fatto bene
      - Scritto da: ospite
      Secondo me hanno fatto bene.

      Non ho mai capito l'utilità di una sezione
      commenti, tra fanboy e troll è impossibile
      instaurare una discussione seria e utile su
      qualsiasi argomento. Ci sono già i social network
      come facebook per raccogliere la spazzatura della
      rete, lasciamo che i commenti vadano li
      sopra.

      Dovrebbero farlo anche qui, il sito ne
      guadagnerebbe in
      prestigio.Non sono d'accordo, una moderazione seria la si può fare, anche coinvolgendo gli utenti abituali come per un periodo si era fatto qui dentro, e si otterrebbe un sito molto più ricco e vivo ad un prezzo contenuto.Voler chiudere tutti i commenti è come se la Scala chiudesse il loggione per paura dei troll che fischiano il tenore quando stecca... con questo non voglio dire che Popsci o PI siano la Scala, neh! ;)
  • SIAE Pianeta Video ecc ecc ecc scrive:
    ...
    Sono sempre io con vari nick. Per piacere, non fatelo anche su p.i. :'(
    • Una Mamma Preoccupat a scrive:
      Re: ...
      - Scritto da: SIAE Pianeta Video ecc ecc ecc

      Sono sempre io con vari nick. Per piacere, non
      fatelo anche su p.i.
      :'(spettabile Redazione,se questa cosa è vera significa che la stessa persona può scrivere ogni volta con un nome diverso?Lo trovo inaccettabile, dovete prendere provvedimentiUna Mamma preoccupata
Chiudi i commenti