SSD, Samsung corteggia l'Eee PC

Samsung ha introdotto nuovi modelli di disco a stato solido che, per prezzo e capacità, si rivolgono ai PC low cost

Roma – In tutto il mondo sta esplodendo la mania moda dei mini notebook a basso costo, target ideale dei dischi a stato solido (SSD). Ed è proprio questo il mercato che Samsung vorrebbe conquistare con i suoi nuovi modelli di SSD a bassa densità, modelli caratterizzati da un’interfaccia SATA II e da capacità comprese fra 8 e 32 GB.

Il costo per megabyte degli SSD è ancora significativamente superiore a quello degli hard disk, e per tale ragione i nuovi SSD di Samsung offrono capacità modeste: modeste ma comunque adeguate ai PC low-cost, come nettop e netbook. I nuovi SSD si adattano particolarmente bene ai PC ultracompatti e ultraportatili anche in termini di dimensione, che Samsung dichiara del 30% inferiore a quella di un tipico hard disk da 2,5 pollici.

Per contenere i costi di produzione, i dischi a stato solido del produttore coreano utilizzano le economiche memorie flash MLC (Multi-Level Cell): nonostante ciò, le performance rimangono accettabili, pari a 90 MB/s in lettura e 70-25 MB/s (in base al modello) in scrittura.

Grazie all’interfaccia SATA, i dischi flash coreani possono essere montati su pressoché tutti i PC sul mercato, e sono intercambiabili con i tradizionali hard disk.

Samsung afferma che nei prossimi tre anni il mercato degli SSD a bassa densità crescerà del 57% ogni anno, e questo principalmente grazie al boom dei PC a basso costo, Eee PC in testa.

Proprio negli scorsi giorni è emersa un’indiscrezione secondo cui i prossimi modelli di Eee PC monteranno SSD SATA.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • lufo88 scrive:
    ignoranza
    "avrebbe dovuto bloccare l'accesso agli indirizzi IP"Ottima idea! Così io blocco l'indirizzo x assegnato all'utente toni.toni si scollega da internet e si collega tizioA tizio viene assegnato l'ip x. tizio non può uplodare nulla ma toni sì.Anche da qui si capisce che abbiamo a che fare con veri ignoranti. l'ip non è univoco!
    • documentars i scrive:
      Re: ignoranza
      - Scritto da: lufo88
      Anche da qui si capisce che abbiamo a che fare
      con veri ignoranti. l'ip non è univoco!Il mio si. E quindi?
  • bash scrive:
    C'e' una chiara violazione di esclusiva
    Non avete capito niente.Eppure l'articolo parla chiaro.Il diritto violato non riguarda il filmato, ma il messaggio che il filmato trasmette.Si tratta di pornografia gay, e le major pretendono di avere loro l'esclusiva di sodomizzare i clienti.Guai se questi venissero a sapere che possono farsi sodomizzare anche da altri!
    • Perle ai porci scrive:
      Re: C'e' una chiara violazione di esclusiva
      - Scritto da: bash
      Non avete capito niente.
      Eppure l'articolo parla chiaro.

      Il diritto violato non riguarda il filmato, ma il
      messaggio che il filmato
      trasmette.

      Si tratta di pornografia gay, e le major
      pretendono di avere loro l'esclusiva di
      sodomizzare i
      clienti.
      Guai se questi venissero a sapere che possono
      farsi sodomizzare anche da
      altri!Bash,sei l'unico che ha centrato il punto!
  • pippo75 scrive:
    da oggi ho un nuovo lavoro
    Però devo trasferirmi in un remoto paese dove i diritti d'autore non valgono.Pagamento in nero.Ogni sera grazie alla banda larghissima invio un film a Mediaset che lo trasmetterà in prima serata senza pagare i diritti d'autore.Caso dovessero beccarla, sospendono la trasmissione e dicono che è colpa mia.Visto che dove mi trovo quel tipo di reato non esiste, io sono tranquillo.
    • ZioTano scrive:
      Re: da oggi ho un nuovo lavoro
      non è la stessa cosa, tu parli d mediaset in un palinsesto ben definito, svolgono un lavoro preventivo d controllo. Con youtube qst nn è possibile vista la mole d video caricati.
      • pippo75 scrive:
        Re: da oggi ho un nuovo lavoro
        - Scritto da: ZioTano
        non è la stessa cosa, tu parli d mediaset in un
        palinsesto ben definito, svolgono un lavoro
        preventivo d controllo. Con youtube qst nn è
        possibile vista la mole d video
        caricati.Cambia Mediaset in TeleBiellaMetti Telebiella dall'etere in rete.Metti qualche sponsor in contorno.Ora possono trasmettere film senza pagare, basta toglierli quando qualcuno si lamenta.
        • auhmm scrive:
          Re: da oggi ho un nuovo lavoro
          lo fa una volta.. due volte.. e poi e' bandito dal servizio, se non la bandisci ilpaese che ti ospita subira' pressioni internazionali come e' successo a piratebay
    • PGStargazer scrive:
      Re: da oggi ho un nuovo lavoro
      - Scritto da: pippo75
      Però devo trasferirmi in un remoto paese dove i
      diritti d'autore non
      valgono.
      Pagamento in nero.

      Ogni sera grazie alla banda larghissima invio un
      film a Mediaset che lo trasmetterà in prima
      serata senza pagare i diritti
      d'autore.
      Caso dovessero beccarla, sospendono la
      trasmissione e dicono che è colpa
      mia.

      Visto che dove mi trovo quel tipo di reato non
      esiste, io sono
      tranquillo.Sai che novità prendi una qualsiasi azienda italiana medio-grossaguardacaso scopri che in italia hanno solo la sede mentre il reparto commerciale è in altri paesi tipo inghilterra dove dichiarano meno tassevendono poi su canali web per sparger eil prodotto all'estero ed ecco fatti i milioni alla faccia della legge e del fiscofin troppo facilepoi col tempo le pressioni internazionali si fan sentire e pescano come tempo fa i conti da nababbi dei pesci piccoli (solo per sacrificio dei grossi) nelle banche svizzere e poi si ricomincia d'accapo da un'altra parte
  • 1977 scrive:
    Te credo!
    Mi pare il minimo. Se una persona uccide un'altra con un colpo di pistola, i familiari della vittima non possono pensare di rifarsi con la ditta produttrice dell'arma..
  • Enjoy with Us scrive:
    Diritti!
    Ma allora se ospitare video protetti da DRM non è illegale, come fanno a perseguire quei blog in cui gli utenti si limitano a inserire dei link a materiale protetto o i server di chi si limita a supportare i P2P e che ovviamente non contengono neanche un file protetto da DRM?Anche tali servizi metteranno immagino un bel disclaimer in cui condannano lo scambio di materiale protetto no?
    • Teo_ scrive:
      Re: Diritti!
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Ma allora se ospitare video protetti da DRM non è
      illegaleQui siamo in Italia, non nel tribunale federale di San Jose.In Italia cè Mediaset contro Youtube e mi immagino già, se accusata è Youtube Italia e verrà giudicata in Italia, chi ricaverà un sacco di soldi.
      • H5N1 scrive:
        Re: Diritti!
        Direttiva Europea n° 31 del 2000 attuata parzialmente in Italia con Decreto Legislativo n° 70 del 2003:"Per quanto riguarda la responsabilità dei Provider, vale a dire dei fornitori dei servizi di accesso e di memorizzazione di informazioni su Internet, la Direttiva n° 31 del 2000 ed il suo Decreto di attuazione n° 70 del 2003 pongono il principio che la responsabilità dell'ISP (Internet Service Provider Fornitore di servizi Internet di base: accesso e memoria) o dell'ASP (Application Service Provider: sviluppatore e/o gestore di un sito web altrui) i cui servizi siano stati utilizzati a scopo illegale non sussiste solo se questo abbia avuto l'unico ruolo passivo di trasferire i dati, senza conoscerne i contenuti"
        • Teo_ scrive:
          Re: Diritti!
          - Scritto da: H5N1
          Direttiva Europea n° 31 del 2000 attuata
          parzialmente in Italia con Decreto Legislativo n°
          70 del
          2003Io temo però questo: http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2375765&m=2376262#p2376262
          • H5N1 scrive:
            Re: Diritti!
            Volevo solo far notare che non bisogna temere le leggi, ma chi le fa e le interpreta.
    • Nathaniel Hornblower scrive:
      Re: Diritti!
      Che c'entra il DRM? (newbie)
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Diritti!
      contenuto non disponibile
    • Fabio Scia scrive:
      Re: Diritti!
      Forse non hai capito la sentenza: è e rimane illegale ogni utilizzo di materiale protetto da copyright non autorizzato dal proprietario dei diritti. Però, solo perché alcuni disattendono le avvertenze e trasgrediscono il contratto di licenza d'uso del servizio non si può condannare e chiedere risarcimento ad una società che avverte i propri utenti, invoca ed agisce a favore della tutela dei diritti d'autore. In pratica: si poteva chiedere un risarcimento danni alle società produttrici di videoregistratori domestici perché c'era gente che distribuiva e rivendeva videocassette a mercato nero copie illegali delle stesse? Si poteva denunciare i produttori di masterizzatori di DVD per lo stesso motivo? Siti come youtube hanno lo stesso potenziale di un VCR o di un masterizzatore di DVD, immagazzinano e riproducono dati: basta la più veloce capacità di diffusione dei dati su un sito internet trasformare in colpa soggettiva della società di gestione l'eventuale uso illecito che gli utenti fanno del servizio?
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Diritti!
        - Scritto da: Fabio Scia
        Forse non hai capito la sentenza: è e rimane
        illegale ogni utilizzo di materiale protetto da
        copyright non autorizzato dal proprietario dei
        diritti. Però, solo perché alcuni disattendono le
        avvertenze e trasgrediscono il contratto di
        licenza d'uso del servizio non si può condannare
        e chiedere risarcimento ad una società che
        avverte i propri utenti, invoca ed agisce a
        favore della tutela dei diritti d'autore. In
        pratica: si poteva chiedere un risarcimento danni
        alle società produttrici di videoregistratori
        domestici perché c'era gente che distribuiva e
        rivendeva videocassette a mercato nero copie
        illegali delle stesse? Si poteva denunciare i
        produttori di masterizzatori di DVD per lo stesso
        motivo? Siti come youtube hanno lo stesso
        potenziale di un VCR o di un masterizzatore di
        DVD, immagazzinano e riproducono dati: basta la
        più veloce capacità di diffusione dei dati su un
        sito internet trasformare in colpa soggettiva
        della società di gestione l'eventuale uso
        illecito che gli utenti fanno del
        servizio?Ma se hanno oscurato Pirate bay e hanno chiuso decine di blog, dove nonostante i vari disclaimer di rito in cui si aborriva la copia o lo scambio di link a materiale protetto , erano poi presenti solo dei link al materiale protetto e non il materiale stesso!Qui invece si dice che se YouTube o simili si impegnano a rimuovere su richiesta della parte lesa a rimuovere i filmati protetti da diritto d'autore presenti sul loro sito (non quindi semplici link!) possono continuare ad operare in pace!Scusate ma i vari server P2P devono essere a conoscenza dei link scambiati dai vari utenti?No! Hanno dei disclaimer generici di condanna alla pirateria? Di solito si!E allora perchè vengono perseguiti? Chi commette l'illecito è appunto l'utente!
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: Diritti!
          contenuto non disponibile
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Diritti!
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Enjoy with Us


            Ma se hanno oscurato Pirate bay

            TPB è stato oscurato da un giudice italiano e
            pure preventivamente (non è ancora stata nemmeno
            discussa la legalità del
            sito).

            L'articolo invece parla di una decisione avvenuta
            a San Jose (California, USA) che è avvenuta a
            fine
            processo.

            Non c'è nulla in comune tra le due cose: posti
            diversi, presunti reati diversi, livelli di
            sentenza diversi (in italia non c'è stata alcuna
            sentenza).

            Come puoi lamentarti della coerenza della legge
            in due scenari così
            diversi?

            E ovvio che quello italiano di TPB sia una caso
            bizzarro di cui bisogna seguire con attenzione
            l'evoluzione.
            Vedremo.Non mi riferivo solo a Pirate Bay ma anche ai vari server P2P sequestrati in europa e ai vari blog chiusi in italia per supposta pubblicazione di semplici Link a materiale protetto! Simili iniziative giudiziare sono quantomeno in contrasto con questa sentenza!
      • sbbb scrive:
        Re: Diritti!
        Beh, pero' chi produce DVD writer e cassette lucra, e lo fa sapendo che saranno usati in prevalenza in modo illegale.troppe leggi .....
  • francososo scrive:
    veoh ....
    prima youtube, oggi veoh...... ma domani?
    • anonimo scrive:
      Re: veoh ....
      - Scritto da: francososo
      prima youtube, oggi veoh...... ma domani?Veramente prima Veoh visto che il caso risale al 2006.Domani è un altro giorno come diceva Rossella in Via col Vento.
Chiudi i commenti