Stanca: legittimo l'SMS presidenziale

In un intervento ad una conferenza sulla privacy, il Ministro afferma che la normativa non deve rallentare ma anzi contribuire a sviluppare le nuove tecnologie


Roma – Il giorno dopo la presa di posizione del Garante per la privacy che ha difeso il ruolo dell’Autorità, il ministro all’Innovazione Lucio Stanca ha affermato che, in ogni caso, la normativa sulla privacy “deve essere un acceleratore e non un freno allo sviluppo delle nuove tecnologie”.

Stanca, che di recente ha avuto modo di criticare alcune posizioni del Garante , ha parlato in occasione del convegno Innovazioni tecnologiche e Privacy e ha sostenuto che “in tutta la nostra politica ed azione per la diffusione dell’innovazione tecnologica nel nostro Paese, a partire dall’e-government all’e-democracy abbiamo dato il massimo risalto alla tutela della privacy” (sul convegno vedi anche “Il garante accerchiato” , di Carlo Formenti su QuintoStato.it).

Ma se il Garante prima del Ministro aveva parlato di una difficile opera di equilibrio tra opposte esigenze, Stanca invece non ha nascosto che “nel trinomio sicurezza, innovazione e privacy ci sono aspetti ed esigenze contrastanti, soprattutto in relazione al momento, alle circostanze, alla fase storica in cui si collocano”.

Il Ministro nel suo intervento ha anche difeso l’iniziativa del Presidente del Consiglio che, come noto, ha avallato la spedizione di un SMS pre-elettorale in cui si ricordava a molti milioni di italiani gli orari dell’apertura dei seggi per le elezioni europee e amministrative. Una iniziativa che aveva suscitato una valanga di critiche e osservazioni .

Secondo Stanca “forse per la prima volta a livello nazionale si è realizzata una sorta di broadcasting nell’uso del telefonino, solitamente concepito come connessione punto a punto”. “Del resto – ha aggiunto – sarebbe stata sicuramente diversa la reazione di chi ha contestato questa iniziativa se, anziché un SMS, avesse ricevuto una lettera”.

“In realtà – ha continuato Stanca – le nuove tecnologie stanno cambiando il modo di comunicare non solo tra persone, ma anche dalle istituzioni verso i cittadini. Ad esempio, con l’evoluzione dell’infomobilità, GSM o GPRS abbinati al GPS, molti Comuni informano o informeranno i cittadini sulla percorribilità delle strade, sulle interruzioni dell’erogazione di servizi, etc. E, quindi, l’iniziativa della Presidenza del Consiglio ha solo anticipato su scala nazionale un modo innovativo, diffuso e rapido per comunicare, nello specifico per l’esercizio di un diritto-dovere, ma non ha certo violato la privacy” .

Va detto che il Garante sulla questione ancora non si è espresso e qualcuno ha fatto notare come, a differenza dei servizi comunali per i quali il cittadino chiede espressamente di ricevere tali informazioni, l’ SMS presidenziale , come è stato ribattezzato, è arrivato senza alcun consenso preventivo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    [OT]
    - Scritto da: Alex¸tg

    Be', un tempo pensavo che forse loro non
    avessero considerato la possibilita` di un
    migliore sviluppo dei loro stessi affari,
    per incremento della soddisfazione degli
    utenti, prendendo quella che ancora, con
    forte convinzione, considero "la giusta
    via". Insomma, che questi "mezzucci" per
    spremere 2 lire in cambio di una periferica
    o di un sistema che funziona cosi` cosi`,
    gli si ritorgano contro. Non hanno mai
    voluto verificarla davvero, questa teoria...
    hanno paura di perdere le 2 lire. Una cosa
    di certo l'hanno persa: la dignita`. Quando
    Bill sara` sul letto di morte, forse si
    rendera` conto che una volta spentosi, quasi
    nessuno lo ricordera` positivamente, e
    forse, dico forse, si considerera` il
    fallito che secondo me, a dispetto di
    tutti i "punti" che ha accumulato nel gioco
    della vita, egli e`.

    eehh... sono fatto cosi`, pazienza...Hai un sito in cui hai messo i tuoi videogiochi, programmi ecc ?ciao
  • theDRaKKaR scrive:
    Re: Utenti ignoranti o prodotti mal fatt
    eh? :|
  • Anonimo scrive:
    Re: Utonti ignoranti...

    necessitanodi input in
    quantità ma soprattutto in
    qualitàgià, come diceva un pittoresco professore:"processore: processa, cioè elabora, un input per ottenere un output... in pratica ragazzi se gli mettete dentro m*rda esce m*erda, processata ma sempre m*rda!"oh, se i branchi di utonti che scorrazzano felici al pascolo per queste praterie digitali (ergendosi a evangelisti del pc_elettrodomestico, come se un lavoro d'ufficio potesse essere fatto con una lavatrice o un microonde) passassero a prendere un po di frustate sotto il suo amorevole giogo...ma compratevi la PLEISTESCION!
  • Anonimo scrive:
    Re: un'esagerazione di funzioni inutili

    La gente deve PRODURRE, ma perchè
    diamine dovete costringere le persone a
    studiare per capire come fare con uno
    strumento nuovo le stesse cose che faceva
    benissimo con uno strumento vecchio?

    ciao a tutti (vi ho annoiati abbastanza),

    giorsEsatto punto per punto,Sto cominciando ad installare presso clienti Linux con l'open office, non di mia iniziativa, me lo chiedono loro per risparmiare e non poco.Fanno tutto quello che devono fare per mandare avanti l'ufficio, ogni tanto mi chiamano perche devono interfacciare l'open office con mysql ma ormai hanno imparato la procedura.Certo, settaggio del firewall, condivisione della connessione adsl o isdn on demand, predisposizione dei backup del file server, configurazione di eventuali database come postgresql ecc... richiedono ancora l'intervento del tecnico daltronde non credo che per un lavoro ben fatto non lo richiedano anche i sistemi windows.
  • Anonimo scrive:
    Re: Windows...
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Alla fine il pc rimane una macchina

    complessa da programmare ed utilizzare

    soprattuto in ambito produtto, senza un

    opportuno supporto e preparazione
    scrivere

    un lettera con la macchina da scrivere

    divente velocissimo rispetto a
    scriverla con

    il pc. :|

    Se tu impieghi più tempo a scrivere
    una lettera col PC rispetto che a sctriverla
    con la macchina da scrivere allora hai dei
    GROSSI problemi :0Tu impieghi troppo poco tempo a cercare di capire quello che leggi.Poniamo una persona che ha lavorato da sempre in ufficio con una macchina da scrivere, scrive il suo documento e lo archivia.Il pc deve accederlo, attendere il bootstrap, avviare word, digitare il testo, formattarlo, salvarlo, cercare disperatamente di "spegnare" l'assistente di office ecc...Ci sono indubbi vantaggi nell'uso del pc in ufficio nell'archiviazione, modifica e creazione documenti tramite template che velocizzano il lavoro, ma se l'utente non viene istruito su come utilizzare questi strumenti si trovera' bloccato da mille dubbi e problemi.Inoltre i pc con win, hanno la "strana" abitudine di inchiodarsi, fare cose strane, ospitare virus ecc... quindi serve un'adeguato supporto tecnico.Senza tutto questo la macchina da scrivere ha indubbi vantaggi.
  • theDRaKKaR scrive:
    Re: Utonti ignoranti...
    hai colto il segno!computer infatti "significa" assistenteassiste e spesso sostituisce l'uomo in tante cose - peccato però che ha bisogno mediamente di una gran quantità e qualità di inputper questo insisto nel dire che è sbagliato e fuorviante pensare al futuro dei computer assimilandolo a quello degli elettrodomesticimasterizzare un cd o un dvd, scaricare dati, comunicare, gestire informazioni, pilotare dispositivi, disegnare artisticamente o tecnicamente, programmare operazioni, sono attività che per ora (e penso per tanto tempo) necessitanodi input in quantità ma soprattutto in qualitàquando dico qualità intendo input non banali, consapevoli e studiatianche per usare un sw di p2p, che a torto sembra una cosa banale, sono necessarie attenzione e applicazioneo no? :)
  • Alessandrox scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità
    - Scritto da: Anonimo

    tuttavia le considerazioni della gente
    sono

    solo un peso sul piatto della
    bilancia...
    no, no, non ci siamo porprio capiti: le
    considerazioni della gente determinano le
    leggi in ultima istanza e lascia da parte
    l'esempio del motorino va che sono cose
    completamente diverseSi OK si parla di motorini VS Computers...pero' il principio e' lo stesso.
    a qualche tecnocrate vetero-comunista forse
    piacerebbe scegliere per tutto il popolo ma
    non è così e grazie al cielo
    la maggioranza della gente non ha nessuna
    intenzione di spendere vagonate di soldi per
    aumentare la consapevolezza informatica
    quando c'é gente che fa fatica a
    tirare alla fine del meseNo no... non sia mai. La mia era solo la constatazione di un fatto
    cerchiamo di piantarla un pò con
    tutte queste inutili questioni di principio
    che costano uno sproposito alla
    comunità
    la cultura informatica si formerà nel
    tempo grazie all'introduzione della materia
    nelle scuole primarie senza bisogno di
    ulteriori inutili sprechi :@Su questo sono daccordo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Windows...
    Guarda che in pratica hai affermato, spero tra il serio e il faceto, a questo punto, che visto che dovranno imparare ad usare il computer questo li distrarrà dal loro vero lavoro...ora, se eri faceto ci sono cascatose non lo eri, beh, a parte che saranno principalmente gli amministrativi ad usare i computer (e si spera che quelli non operino nessuno)... è comunque una affermazione che lascia il tempo che trova, il computer per loro è semplicemente uno strumento da utilizzare. che gli farà perdere meno tempo davanti al fax, davanti alla fotocopiatrice, al telefono (sai, le mail, gli allegati, roba comoda), che ridurrà lo spreco di carta...si, lo so che sono 30 anni che si dice ed invece la produttività non è aumentata di una virgola (cmq certe statistiche e certi controlli ggi sono questione di minuti e non di mesi quando gli struimenti sono usati CORRETTAMENTE) e tantomeno è scattato un vero risparmio... ma il fatto è che la maggior parte degli utenti lavorativi è un branco di babbuini che se ne possono sbattere di imparare ad usare il nuovo strumento perchè il sistema attuale glielo consente.Facendo un parallelo, se 100 anni fa le masse avessero avuto la prosopopea (coltivata abilmente dal mercato e dai mercanti) di oggi nessuno si sarebbe dato la briga di imparare a leggere e scrivere in italiano.PS neanche tu conosci la persona con cui stai parlando quindi non trarre conclusioni affrettate
  • Anonimo scrive:
    Re: mi preoccupa che siano ignoranti

    beh se perdono tempo a studiare le nuove
    funzioni del SO certo ke restano indietro
    sulla medicina!anche se lo perdono con gli informatori...
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità

    tuttavia le considerazioni della gente sono
    solo un peso sul piatto della bilancia...no, no, non ci siamo porprio capiti: le considerazioni della gente determinano le leggi in ultima istanza e lascia da parte l'esempio del motorino va che sono cose completamente diversea qualche tecnocrate vetero-comunista forse piacerebbe scegliere per tutto il popolo ma non è così e grazie al cielo la maggioranza della gente non ha nessuna intenzione di spendere vagonate di soldi per aumentare la consapevolezza informatica quando c'é gente che fa fatica a tirare alla fine del mesecerchiamo di piantarla un pò con tutte queste inutili questioni di principio che costano uno sproposito alla comunitàla cultura informatica si formerà nel tempo grazie all'introduzione della materia nelle scuole primarie senza bisogno di ulteriori inutili sprechi :@
  • Anonimo scrive:
    Re: perchè non licenziare gli Utonti?
    - Scritto da: Anonimo
    Dalle strutture pubbliche?
    Chi non è in grado di usare con
    cognizione minima di conoscenza e
    capacità il PC -
    A CASA!
    Poi una bella denuncia per danni a M$ che ha
    introdotto simili "meraviglie"; è lei
    che deve pagare i danni per ciò che
    questa mentalità e modus operandi ha
    portato allo stato.Infatti vado solo dai medici che sanno usare il pc;)
  • Anonimo scrive:
    Re: mi preoccupa che siano ignoranti
    - Scritto da: Anonimo
    nella loro materia fondamentale cio' la
    medicina dato l'alto numero di danni causato
    agli ammalati per negligenza ed ignoranza
    medica, altro che ignoranza informatica!!!!beh se perdono tempo a studiare le nuove funzioni del SO certo ke restano indietro sulla medicina!
  • Anonimo scrive:
    Re: Windows...
    - Scritto da: Anonimo
    Trovo allarmante questa difesa
    dell'ingnoranza, mai come oggi il volgo
    è sazio delle proprie conoscenze,
    autoreferenziale nel definirsi colto e
    preparato, in sostanza pronto ad
    accontentarsi e a "viver come buti"L'avvocato che trolla su PI? :D :D :D
  • Alessandrox scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità
    - Scritto da: Anonimo
    Questa è la tua opinione che lascia
    il tempo che trova. La stragrande
    maggioranza delle persone non ha intenzione
    di fare ciò che vuoi tu ed il
    piccì lo vedono come un
    elettrodomestico. Visto che sono la
    maggioranza, e siamo in un paese
    democratico, se a tutti va bene così
    le tue opinioni lasciano appunto il tempo
    che trovano.L' opinione che si ha sulle cose NON cambia la natura delle cose. Un PC, specie se collegato in rete, NON e' un normale elettrodomestico esattamente come un motorino sulla strada NON e' come una bicicletta e da questo assunto dobbiamo partire; poi certamente e' anche bene considerare il *dato di fatto* che la maggioranza della gente *considera* il PC di casa come un elettrodomestico qualsiasi, tuttavia le considerazioni della gente sono solo un peso sul piatto della bilancia...La maggioranza della gente considerava scomodo guidare il motorino con il casco e uno spreco di tempo e soldi il patentino per poter guidare lo scooter, vedi te come e' andata...
  • Alessandrox scrive:
    Re: Utenti ignoranti o prodotti mal fatt
    - Scritto da: Anonimo
    Capisco benissimo che spesso sia lacunosa la
    preparazione informatica degli impiegati, ma
    volevo porre la questione su alcune
    questioni:
    - spesso vengono utilizzati software
    sviluppati su misura per le aziende
    sanitarie, sw diagnostici, gestionali o
    quantaltro
    - per questi sw non c'è ecdl che
    tenga, ed infatti le ditte serie in genere
    fanno corsi al personale su come utilizzare
    il loro sw
    - rimane ancora il fatto che spesso gli
    utenti di tali sw, anche dopo dei corsi di
    addestramento, facciano fatica ad usarli (ed
    è quanto emerge da questa ricerca).
    Ma mi chiedo io, si sono preoccupati di
    valutare *anche* l'usabilità di
    questi sw, spesso scadente (conosco casi di
    sw progettati basandosi su indicazioni dei
    medici, visto che "comandano" loro, ma tali
    sw dovevano poi venire utilizzati da altri
    utenti. Ovviamente tali sw erano poi poco
    usabili), invece di dare la colpa solo che
    all'impreparazione degli adetti alla
    sanità? Quando verrà presa in
    considerazione l'usabilità
    nell'aquisto dei prodotti? Quando si
    finirà di dare la colpa *solo* agli
    utenti finali?C'e' da dire che in molti casi manca una preparazione informatica di base. Spesso si vuole insegnare l' uso di un prodotto specifico a gente che non ha nessuna cognizione di base. Chiaramente questo influisce sulla capacita' di apprendimento di qualsiasi applicazione, dalla piu' banale alla piu' complessa.
  • Anonimo scrive:
    Re: Windows...
    - Scritto da: Anonimo

    Vorrà dire che formeremo un
    sacco di

    tecnici che sanno tutto del pc ma
    niente del

    resto per scrivere le lettere
    certo, certo, infatti quando la gente ha
    dovuto imparare a leggere ed a scrivere ha
    disimparato tutte le atri et mestieri che
    conosceva prima... oggi dovranno imparare
    o'compùtèr e disimpareranno
    tutto il resto...
    ma vieni al mondo!ti ricordo la frase a cui ho risposto:"Alla fine il pc rimane una macchina complessa da programmare ed utilizzare soprattuto in ambito produtto, senza un opportuno supporto e preparazione scrivere un lettera con la macchina da scrivere divente velocissimo rispetto a scriverla con il pc."
    e poi imparare ad usare uno strumento ti
    rende "un tecnico"? Io leggo una frase in cui c'è scritto "programmare ed utilizzare in ambito produttivo". Se secondo te i programmatori non sono tecnici...Ed in ogni caso ritengo abbia seri problemi chi crede che gli "utonti" (così li definite, no?) stiano più tempo a scrivere una lettera con il pc piuttosto che con la macchina da scrivere. Forse fate tesoro dei vostri primi anni di apprendistato davanti al pc?
    Ma evita di parlare di cose che non conosci!Ehm, forse ti conviene evitare di giudicare chi non conosci...
    come se uno che sa leggere e scrivere fosse
    definito un letterato... chi impara a USARE
    il computer sarà semplicemente un
    impiegato o quadro come prima, solo che
    userà un nuovo strumento oggi
    indispensabile.
    Trovo allarmante questa difesa
    dell'ingnoranza, mai come oggi il volgo
    è sazio delle proprie conoscenze,
    autoreferenziale nel definirsi colto e
    preparato, in sostanza pronto ad
    accontentarsi e a "viver come buti", senza
    curiosità, senza possibilità
    di critica nè autocritica.Vabbé, solito sfogo da novello superuomo (no, non quello di nietzsche, che ovviamente tu saprai cos'è, vista la tua critica all'ignoranza) che lascia il tempo che trova
  • pippo75 scrive:
    Re: perchè non licenziare gli Utonti?
    - Scritto da: Anonimo
    Dalle strutture pubbliche?
    Chi non è in grado di usare con
    cognizione minima di conoscenza e
    capacità il PC -
    A CASA!perche' magari ci sono medici bravissimi che il computer non sanno neanche dove e' il dritto, lo manderesti a casa e magari ti tieni il medico bravissimo con il PC ma che na sa curare.ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: Ignoranza, ma anche dall'altra parte
    - Scritto da: Anonimo
    Tutto molto bello, ma fare come fanno ora
    rende molto di più.... e a loro
    questo solo interessa. A microsoft e a tutti
    gli altri produttori di software. Io sono
    daccordo con te, ma loro no...

    DjMixBe', un tempo pensavo che forse loro non avessero considerato la possibilita` di un migliore sviluppo dei loro stessi affari, per incremento della soddisfazione degli utenti, prendendo quella che ancora, con forte convinzione, considero "la giusta via". Insomma, che questi "mezzucci" per spremere 2 lire in cambio di una periferica o di un sistema che funziona cosi` cosi`, gli si ritorgano contro. Non hanno mai voluto verificarla davvero, questa teoria... hanno paura di perdere le 2 lire. Una cosa di certo l'hanno persa: la dignita`. Quando Bill sara` sul letto di morte, forse si rendera` conto che una volta spentosi, quasi nessuno lo ricordera` positivamente, e forse, dico forse, si considerera` il fallito che secondo me, a dispetto di tutti i "punti" che ha accumulato nel gioco della vita, egli e`.eehh... sono fatto cosi`, pazienza...
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità

    (hai visto che non eravamo su posizioni
    antitetiche? basta chiarirsi! :) );-)
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità
    - Scritto da: Anonimo
    Gli esempi con la patente per quanto mi
    riguarda sono ridicoli perché si sta
    parlando di mettere a repentaglio la vita
    umana, cosa vuoi sarò arrogante ma mi
    sembra proprio un'idiozia mettere a
    confronto due cose del genere.Eh ma vedi, c'è stato un qui-pro-quo, io non ho mai parlato di patente; il paragone con la strada per me vale per il discorso di responsabilità verso terzi; come dire che uno è libero di far quello che vuole, fino a quando però non causa danni ad altri, tutto qui; non è certo la patente a fare di un automobilista un automobilista modello. Il senso di responsabilità non si acquisisce con un po' di carta telata, no?
    Per inciso se il legislatore avesse reputato
    anche solo lontanamente simile il contesto,
    stai pur certo che la patente informatica
    sarebbe un obbligo da tempo.Ti risulta che la percezione di chi dovrebbe deliberare in merito sia già aggiornata come dovrebbe? Ci arriveranno ma stando all'impraticità di attualizzazione di proposte quali quella di conservare presso un paio di biblioteche copia di tutti i siti, penso che debbano lavorarci ancora su.Non a caso si parla dell'istituzione di una commissione per capire internet.Anche con questo non sto affatto sostenendo la necessità dell'istituzione di una patente informatica; potrebbe addirittura non esserci una soluzione attuabile in termini legali, ma continuo a pensare che con un po' più di, diciamo, sensibilità, le cose potrebbero andare meglio.
    Ad ogni modo, senza perderci troppo in
    argomentazioni capziose, credo che
    l'introduzione di una patente per l'uso del
    PC non farebbe altro che rallentare lo
    sviluppo e la diffusione dell'informatica e
    non mi sembra proprio il caso.Aggiungo che mi preoccupa la possibilità che si crei il solito giro che porta soldi nelle tasche degli amici di amici senza davvero arricchire il bagaglio culturale di chi sgancia.
    Allo stato attuale il numero di incidenti
    non giustifica minimamente i costi colossali
    per introdurre una patente a livello europeo
    o peggio ancora mondiale.

    Costi a carico dell'intera comunità,
    non solo quella dei tecnocrati, che in
    questo momento avrebbe bisogno di spendere
    per altre priorità.Continuo a concordare, non so quale possa essere la soluzione, di certo non la patente. Mi ha fatto piacere semmai, in corsi di alfabetizzazione telematica, notare che molte persone che erano all'oscuro di questi problemi si sono mostrate ricettive (certo, se poi hanno davvero modificato e quanto gli eventuali comportamenti a rischio non so)Il guaio è che queste "molte" persone sono comunque pochissime rispetto al totale degli utenti, e che non si può certo alfabetizzare a forza chi non lo voglia.
    Considerando anche il tempo che ci vorrebbe
    credo proprio che l'introduzione della
    materia già nella scuola primaria sia
    la trada giusta da perseguire, poi si
    vedrà.

    Proprio come si fa con l'educazione civica.Certo, considerando la migliore ricettività dei bambini l'idea è ottima, prima è, meglio è, ma posso aggiungere che a differenza di materie di studio classiche, per la sensibilizzazione di cui sopra "non è mai troppo tardi" :)
    Se proprio volessi fare il provocatore ti
    direi che preferirei vedere un patentino
    proprio per l'educazione civica vista la
    generale incapacità di seguire le
    più basilari regole (montagne di
    monnezza fuori dai finestrini, schiamazzi,
    motorini con marmitte da 200 decibel,
    generale disaffezione per qualunque tipo di
    regola di civile convivenza).Quoto al 100%!...ma che per caso oggi hai visto quello che, fermo nel traffico, ha vuotato il posacenere dal finestrino davanti a me mentre tornavo a casa per pranzo? il vento mi ha recapitato tutto :)se mai decidessi davvero di provocare in tal senso, sappi che mi associo!KaysiX(hai visto che non eravamo su posizioni antitetiche? basta chiarirsi! :) )
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità

    Oltre metà della banda mondiale
    sprecata per spamming, mass amiling worms,
    da macchine zombie che DDoSsano server anche
    di servizi di primaria utilità, sai
    quante cose utili e vitali ci si sarebbero
    fatte con quei soldi?La banda è pagata dai privati ed il costo sarebbe esattamente uguale se non ci fossero tutte quelle cose, rimarebbe solo idle più tempo.Primaria utilità è una parola grossa per Internet e comunque ripeto: i costi per una patente informatica obbligatoria sarebbero enormi.Per non parlare delle problematiche legate al come garantire che chi utilizza un computer sia effettivamente munito di patente.Facciamo fare la ronda ai vigili in casa delle persone? oppure introduciamo un meccanismo di riconoscimento delle persone al collegamento? Quest'ultimo problema già di per se fonte di insormontabili polemiche.
    Considerare le legioni di macchine
    "sprotette" (perchè dotate di sistemi
    colabrodo e padroni pure peggio) e usate
    come arieti, come un problema marginale
    significa ignorare la realtà di una
    delle maggiori economie di scala mondiale.
    L'impatto economico è altissimo e non
    occorre che ti dica come in questa scala un
    impatto molto superiore a una manovra
    economica si traduca in distrazione di fondi
    da attività anche vitali come
    previdenza, sanità, pubblica
    istruzione.L'impatto economico di cosa? al momento non mi risulta proprio che ci sia nessuna spesa accollata alla comunità per i problemi che delinei.
  • Anonimo scrive:
    Re: Windows...
    - Scritto da: Anonimo
    Alla fine il pc rimane una macchina
    complessa da programmare ed utilizzare
    soprattuto in ambito produtto, senza un
    opportuno supporto e preparazione scrivere
    un lettera con la macchina da scrivere
    divente velocissimo rispetto a scriverla con
    il pc. :|Se tu impieghi più tempo a scrivere una lettera col PC rispetto che a sctriverla con la macchina da scrivere allora hai dei GROSSI problemi :0
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità

    Allo stato attuale il numero di incidenti
    non giustifica minimamente i costi colossali
    per introdurre una patente a livello europeo
    o peggio ancora mondiale.Oltre metà della banda mondiale sprecata per spamming, mass amiling worms, da macchine zombie che DDoSsano server anche di servizi di primaria utilità, sai quante cose utili e vitali ci si sarebbero fatte con quei soldi?Considerare le legioni di macchine "sprotette" (perchè dotate di sistemi colabrodo e padroni pure peggio) e usate come arieti, come un problema marginale significa ignorare la realtà di una delle maggiori economie di scala mondiale.L'impatto economico è altissimo e non occorre che ti dica come in questa scala un impatto molto superiore a una manovra economica si traduca in distrazione di fondi da attività anche vitali come previdenza, sanità, pubblica istruzione.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità
    Gli esempi con la patente per quanto mi riguarda sono ridicoli perché si sta parlando di mettere a repentaglio la vita umana, cosa vuoi sarò arrogante ma mi sembra proprio un'idiozia mettere a confronto due cose del genere.Per inciso se il legislatore avesse reputato anche solo lontanamente simile il contesto, stai pur certo che la patente informatica sarebbe un obbligo da tempo.Ad ogni modo, senza perderci troppo in argomentazioni capziose, credo che l'introduzione di una patente per l'uso del PC non farebbe altro che rallentare lo sviluppo e la diffusione dell'informatica e non mi sembra proprio il caso.Allo stato attuale il numero di incidenti non giustifica minimamente i costi colossali per introdurre una patente a livello europeo o peggio ancora mondiale.Costi a carico dell'intera comunità, non solo quella dei tecnocrati, che in questo momento avrebbe bisogno di spendere per altre priorità.Considerando anche il tempo che ci vorrebbe credo proprio che l'introduzione della materia già nella scuola primaria sia la trada giusta da perseguire, poi si vedrà.Proprio come si fa con l'educazione civica.Se proprio volessi fare il provocatore ti direi che preferirei vedere un patentino proprio per l'educazione civica vista la generale incapacità di seguire le più basilari regole (montagne di monnezza fuori dai finestrini, schiamazzi, motorini con marmitte da 200 decibel, generale disaffezione per qualunque tipo di regola di civile convivenza).
  • Anonimo scrive:
    Re: perchè non licenziare gli Utonti?
    - Scritto da: Anonimo
    Dalle strutture pubbliche?
    Chi non è in grado di usare con
    cognizione minima di conoscenza e
    capacità il PC -
    A CASA!
    Poi una bella denuncia per danni a M$ che ha
    introdotto simili "meraviglie"; è lei
    che deve pagare i danni per ciò che
    questa mentalità e modus operandi ha
    portato allo stato.Mi pare che tra il nulla e l'eccesso ci possano essere mezze misure. Quello che c'e' adesso e' il nulla: va bene cosi' perche' bisogna imparare ad usare tutto, ma non il PC, quello che dici tu e' l'eliminazione di chi non lo sa usare. Forse fare un po' di informazione e far pesare la non collaborazione dei dipendenti/utenti ANCHE per l'uso corretto del PC potrebbe essere una soluzione.Saluti...................Enrico (linux)
  • Anonimo scrive:
    Re: Ignoranza, ma anche dall'altra parte
    Tutto molto bello, ma fare come fanno ora rende molto di più.... e a loro questo solo interessa. A microsoft e a tutti gli altri produttori di software. Io sono daccordo con te, ma loro no... DjMix
  • Anonimo scrive:
    perchè non licenziare gli Utonti?
    Dalle strutture pubbliche?Chi non è in grado di usare con cognizione minima di conoscenza e capacità il PC -
    A CASA!Poi una bella denuncia per danni a M$ che ha introdotto simili "meraviglie"; è lei che deve pagare i danni per ciò che questa mentalità e modus operandi ha portato allo stato.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità
    - Scritto da: Anonimo
    ronf dai su fatti la tua ricerchina poi
    torni e andiamo avanti da un'altro esempio
    più calzanteglissiamo sul patetico tono di superiorità...se tu fossi interessato davvero a discutere avresti postato link a suffragio della tua tesi, non tutti passano la vita qui come sembra dimostrare il tuo tempo di risposta al primo messaggio, 2 minuti (se sei lo stesso di prima, beninteso, questo in effetti non lo so)la responsabilità verso terzi non è un'opinione e calza benissimo se non dimostri il contrario. per qualsiasi azienda, inclusa quella dove lavoro, stare sempre in guardia per impedire danni e anche solo aggiornare filtri antispam contro propaganda filonazi costa. E se si subissero danni a causa di uno zero-day exploit, non reggerebbe la scusa che l'amministratore locale è incompetente. Ovvio che il suddetto amministratore è lì per lavorare e portare a casa la pagnotta, ma tali costi sarebbero decisamente inferiori con meno menefreghismo in giro.Il recente DDoS subìto da Akamai non sarebbe stato tale se il numero di zombie coinvolti fosse stato diciamo della metà (prendendo per buona la loro spiegazione dell'accaduto).Come vedi, dalla strada siamo tornati su internet, calza?(Ah, non sto tirando acqua al mio mulino, non faccio l'amministratore di rete)se poi mi dici che, agonizzante a causa di un incidente nel quale sei stato investito da un libero individuo maggioritario, ti si chiede se ti piace quella libertà e rispondi di sì, allora tutto ok, liberissimo di pensarla così se coerente fino in fondo, e degno anzi del massimo rispetto, senza ironie o sarcasmi.KaysiX
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità
    - Scritto da: Anonimo

    un pc per ora non è assimilabile
    ad

    un elettrodomestico in fatto di
    facilita di

    uso, per cui tutti quelli che lo usano
    e che

    non vogliono *studiare* lo usano al 5%

    e questo è un dato di fatto


    quando, e dico quando, la
    facilità di

    uso di un pc sarà come quella di
    una

    tv (se sarà mai possibile) allora

    puoi parlare di questa tua teoria

    teoria una fava, questi sono i fatti ad
    oggi: la maggior parte della gente lo usa
    come fosse un elettrodomesticoQuesto non vuol dire niente. Fino ad adesso, per guidare il motorino bastava avere 14 anni. Quando la riforma del patentino finalmente andra' in porto, bisognera' anche saperlo usare....Ti pare sbagliato?Con l'aumento del traffico, degli incidenti, ecc... si e' pensato di dire: se vuoi usarlo DEVI SAPERLO FARE!Cosi' dev'essere anche per il PC: all'inizio i PC erano isole, e se tu ti facevi male te lo facevi da solo, adesso puoi far danni agli altri, ergo:- o metti in commercio PC limitati che NON ti consentono di fare danni;- o OBBLIGHI la gente a saper usare il PC;- o tutti e due, e il consumatore sceglie.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità
    ronf dai su fatti la tua ricerchina poi torni e andiamo avanti da un'altro esempio più calzante
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità
    - Scritto da: Anonimo

    questa schifaniana visione del concetto
    di

    maggioranza fa sì che, portando
    il

    tutto sulle strade, dove la maggioranza

    "vuole guidare senza patente e un
    minimo di

    conoscenza del codice stradale"


    una metafora, si capisce?), non lascia
    il

    tempo che trova ma morti per strada, e
    se ci

    capitassi tu forse non saresti tanto

    felice...



    vuoi guidare a 300Km/h senza avere

    responsabilità? fallo in pista

    la metafora della strada l'abbiamo
    già ampiamente discussa la settimana
    scorsa non ti rispondo neppure, cerca nel
    foruminvece hai appena risposto, mostra almeno coerenza in quello che scrivi... o chiederti di esprimere idee *tue* invece di rifarti a quanto espresso da altri equivale a fare violenza alla tua necessità di pensiero precotto?KaysiX
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità

    Il consumatore pretende di andare al
    Carrefour e tirare su il PC per i figli come
    fa con il DVD ed il ricettore digitale
    terrestre, e il mercato si sta organizzando
    sempre di più perché riesca a
    farlo.C'è già da 10 anni, si chiama PLAISTASCION.E per comunicare anche, si chiamano fax e cellulare.E per guardare Rocco, c'è il satellite e il vhs.La gente che raccatta i pc senza cognizione di causa lo fa perchè suo cuggino gli ha detto che può scaricarsi i pornazzi e i giochi aggratis, seriamente se non fosse per questo chi spenderebbe qualche milionata per fare cose che già fa? Anche se diventasse così semplice sarebbe comunque un doppione senza mercato, più costoso e più grosso delle controparti, anche messe insieme.
    Un buon PC con Win pre-installato ed i vari
    antivirus/personal firewall è
    adeguato per il livello informatico attuale.No, è un groviera e necessita di continui aggiornamenti (sistema e antivirus, come minimo), in più se installi e disinstalli allegramente spazzatura da cd promozionali e demoware grazie al dllhell riesci a sputtanare il sistema operativo che è un piacere. Nulla di paragonabile alla stabilità di una macchina dedicata (anche senza tirare in ballo linux e altri sistemi operativi veri).
    segregato ad una fetta di mercato
    insignificante nel mondo home/desktop.gli utenti che necessitano un computer sono pochi, essere di nicchia non è un male.gli altri hanno semplicemente sentito il cuggino che gli diceva che col computer può... e così via, gli si vende quello che ha un maggiore ritorno economico, anche come assistenza, ovviamente!
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità

    questa schifaniana visione del concetto di
    maggioranza fa sì che, portando il
    tutto sulle strade, dove la maggioranza
    "vuole guidare senza patente e un minimo di
    conoscenza del codice stradale" (è
    una metafora, si capisce?), non lascia il
    tempo che trova ma morti per strada, e se ci
    capitassi tu forse non saresti tanto
    felice...

    vuoi guidare a 300Km/h senza avere
    responsabilità? fallo in pistala metafora della strada l'abbiamo già ampiamente discussa la settimana scorsa non ti rispondo neppure, cerca nel forum
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità
    - Scritto da: Anonimo
    Questa è la tua opinione che lascia
    il tempo che trova. La stragrande
    maggioranza delle persone non ha intenzione
    di fare ciò che vuoi tu ed il
    piccì lo vedono come un
    elettrodomestico. Visto che sono la
    maggioranza, e siamo in un paese
    democratico, se a tutti va bene così
    le tue opinioni lasciano appunto il tempo
    che trovano.questa schifaniana visione del concetto di maggioranza fa sì che, portando il tutto sulle strade, dove la maggioranza "vuole guidare senza patente e un minimo di conoscenza del codice stradale" (è una metafora, si capisce?), non lascia il tempo che trova ma morti per strada, e se ci capitassi tu forse non saresti tanto felice...vuoi guidare a 300Km/h senza avere responsabilità? fallo in pistaKaysiX
  • Anonimo scrive:
    Re: mi preoccupa che siano ignoranti
    - Scritto da: Anonimo
    nella loro materia fondamentale cio' la
    medicina dato l'alto numero di danni causato
    agli ammalati per negligenza ed ignoranza
    medica, altro che ignoranza informatica!!!!Finalmente un essere pensante: grazie di esistere!L'AICA vuole semplicemente mettere il dentino su una fetta della torta degli ECM (http://ecm.sanita.it/BancaDati/SB_Lista_Cerca_Accr.asp)che risultano già una farsa nel campo medico, figuriamoci nel campo informatico...Finirà come la pagliaccita del controllo di qualità ISO9000sull'apropriatezza del percorso diagnostico terapeutico(come se il malato fosse fatto di pistoni e rondelle).Giro di varzer fra fondi europei, fondazioni bancarie, società no profit, ospedali, e i beati che ci mangiano.Non porterà sfiga speculare sulla gente che soffre?
  • Anonimo scrive:
    Re: Windows...

    Vorrà dire che formeremo un sacco di
    tecnici che sanno tutto del pc ma niente del
    resto per scrivere le letterecerto, certo, infatti quando la gente ha dovuto imparare a leggere ed a scrivere ha disimparato tutte le atri et mestieri che conosceva prima... oggi dovranno imparare o'compùtèr e disimpareranno tutto il resto...ma vieni al mondo!e poi imparare ad usare uno strumento ti rende "un tecnico"? Ma evita di parlare di cose che non conosci!come se uno che sa leggere e scrivere fosse definito un letterato... chi impara a USARE il computer sarà semplicemente un impiegato o quadro come prima, solo che userà un nuovo strumento oggi indispensabile.Trovo allarmante questa difesa dell'ingnoranza, mai come oggi il volgo è sazio delle proprie conoscenze, autoreferenziale nel definirsi colto e preparato, in sostanza pronto ad accontentarsi e a "viver come buti", senza curiosità, senza possibilità di critica nè autocritica.
  • Anonimo scrive:
    Re: mi preoccupa che siano ignoranti
    - Scritto da: Anonimo
    nella loro materia fondamentale cio' la
    medicina dato l'alto numero di danni causato
    agli ammalati per negligenza ed ignoranza
    medica, altro che ignoranza informatica!!!!Vai tu a curare la gente, no:|:|
  • Anonimo scrive:
    mi preoccupa che siano ignoranti
    nella loro materia fondamentale cio' la medicina dato l'alto numero di danni causato agli ammalati per negligenza ed ignoranza medica, altro che ignoranza informatica!!!!
  • Anonimo scrive:
    Ignoranza, ma anche dall'altra parte...
    ...ovvero quella dei programmatori.Se non proprio di ignoranza si puo` parlare, nel loro caso, di certo c'e` un certo "scarso senso pratico". La MS ha voluto si` muovere in favore del 100% user-friendly, e anche secondo me e` un concetto sbagliato in partenza (usa-senza-imparare e` un'assurdita`), pero` e` anche vero che quel che ha fatto per semplificare l'utilizzo, lo ha fatto male.Quanti di questi costi potrebbero riferirsi al software scadente? E quanti alla mania di chi produce periferiche di inventarsi sempre nuove interfacce proprietarie invece di accumunare almeno le funzioni di base in modo che seguano uno e un solo standard? Se ho uno scanner molto sofisticato, va bene che col suo driver io possa usare le sue funzioni specifiche, ma che ci vuole a mettere nel firmware una funzioncina standard che dice "se ti arriva questo codice di comando, seguito da questi parametri in quest'ordine, fai una scansione con le impostazioni di default?"... per esempio...
  • Anonimo scrive:
    Re: Windows...
    - Scritto da: Anonimo
    Il concetto di "il pc facile per tutti" e'
    quello che ha voluto introdurre il caro Bill
    per vendere i suoi prodotti.
    Non piu' un monitor nero con una riga di
    comando, ma un bellissimo schermo pieno di
    colori e di temi diversi.
    Alla fine il pc rimane una macchina
    complessa da programmare ed utilizzare
    soprattuto in ambito produtto, senza un
    opportuno supporto e preparazione scrivere
    un lettera con la macchina da scrivere
    divente velocissimo rispetto a scriverla con
    il pc. :|Vorrà dire che formeremo un sacco di tecnici che sanno tutto del pc ma niente del resto per scrivere le lettere
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità


    Ciccio infatti ribadivo solo che nel

    constesto home è assurdo avere

    pretese.
    Il consumatore pretende in media:
    di avere il "sistema facile" su cui
    smanettare per fare finta di essere dei
    draghiIl consumatore pretende di andare al Carrefour e tirare su il PC per i figli come fa con il DVD ed il ricettore digitale terrestre, e il mercato si sta organizzando sempre di più perché riesca a farlo.Un buon PC con Win pre-installato ed i vari antivirus/personal firewall è adeguato per il livello informatico attuale.Chiusa la storia. Finché al supermercato non ci saranno sistemi Linux pre-installati e pronti all'uso per quelli che voi definite "utonti" significherà che Linux rimarrà segregato ad una fetta di mercato insignificante nel mondo home/desktop.Il resto sono parole, parole, parole.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità

    certo sig. Negroponte!
    Forse non avevo capito bene il senso
    dell'articolo, dunque non si parlava di
    Sanità ma di Sim Hospital...Ciccio il primo commento del thread rimandava a contesti più generali da cui la precisazione.
    Si, i videogames dovrebbero diventare
    più amichevoli, che fatica alzarsi e
    mettere il cd nella plàistascìon!!!Cicco ma sai che sei forte neh? Fai proprio ridere neh adesso però fa balà l'oeucc sul tic che l'é tardi e cumincia a lavurà un zic
  • rosco44 scrive:
    Re: Confermo (ma ATTENZIONE)
    Attenzione a non confondere le problematiche!- Scritto da: Anonimo
    ehm io lavoro nel ced di un ospedale e
    spesso devo muovermi in auto per CAMBIARE UN
    TONER o VEDERE SE C' E' UNA SPINA STACCATASe fossi il capo di quello che chiama il CED per farsi cambiare il toner o ricollegare una spina, allorquando leggessi la tua relazione di intervento con le motivazioni della "chiamata" e cosa sia stato da te effettivamente trovato, farei una grossa lavata di testa all'amministrativo.Il fatto vero è che nelle strutture pubbliche, ma talvolta anche in quelle private, il capo non ha alcun potere di "strigliata" perché tutti (forse lui stesso) sono stati assunti per... "grazia ricevuta" dal politico (o dal suo portaborse) di turno. Tu comunque parati il cu£o inviando a tutti una mail indicando quanto tempo hai dovuto impiegare per fare ciò che hai fatto.In ogni caso la cattiva volontà del singolo utilizzatore non esclude la validità del discorso di chi ha indicato come i programmi spesso e volentieri siano fatti a ca$$o! Spesso i "sedicenti" programmatori (quelli nutriti a mouse e iconcine da mamma Microzozz) dimenticano che la parte più importante di un software che ambisca definirsi tale DEVE innanzitutto avere una "gestione dell'errore" maniacale.Il programmatore deve impedire tutto all'operatore in modo che possa pigiare solo i tasti consentiti in ogni fase del lavoro. Certo è più difficile ricordarsi di controllare SEMPRE l'input ma poi accade che venga consentito in ingresso una stringa più lunga e questa vada a sovrascrivere zone di memoria riservata al programma e... chi ha buone orecchie per intendere ha intesociauzrosco44 ==================================Modificato dall'autore il 21/06/2004 13.42.56
  • Anonimo scrive:
    Windows...
    Il concetto di "il pc facile per tutti" e' quello che ha voluto introdurre il caro Bill per vendere i suoi prodotti.Non piu' un monitor nero con una riga di comando, ma un bellissimo schermo pieno di colori e di temi diversi.Alla fine il pc rimane una macchina complessa da programmare ed utilizzare soprattuto in ambito produtto, senza un opportuno supporto e preparazione scrivere un lettera con la macchina da scrivere divente velocissimo rispetto a scriverla con il pc. :|
  • Anonimo scrive:
    E il costo del Digital Divide???
    ...E quanto costa alle piccole aziende, ai professionisti e a quanti sanno usare il mezzo informatico, l'odiato divario tecnologico voluto da un Governo succube ai comodi di Telecom Italia?La verità è questa.....Poi gli imbecilli ignoranti ci sono dappertutto in qualsiasi campo....
  • Anonimo scrive:
    Re: Utenti ignoranti o prodotti mal fatt
    - Scritto da: theDRaKKaR
    ?!??!


    Molto triste l'accenno alla "patente

    europea" che ritengo un

    banale balzello (visto il costo)

    sei mica obbligato..


    e uno

    strumento di propaganda

    per i prodotti micro$oft (come se
    ancora ce

    ne fosse bisogno)

    sei mica obbligato a usare prodotti ms, usa
    staroffice/openoffice e kde o gnome e fai
    gli esami su quelle piattafomreho capito quello che dici ma te che volevi dire? :|
  • warrior666 scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità
    Io invece contraddico la tua teoria, e ovvio che il buon senso dovrebbe guidare la nostra vita in generale, sia che si tratti di utilizzare un computer, che di andare in macchina, che prepare da mangiare..Però mentre per l'uso domestico posso accettare che uno abbia l'ultimo mac solo per estetica e non sappia accenderlo, credo che quei
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma questi vendono corsi!
    - Scritto da: Anonimo

    Sara' anche vero quello che hanno
    "scoperto"

    questi qui, ma certe fonti sono

    inattendibili per definizione.
    già, ma quando si parla di ignoranza
    i dati sui danni risultanti sono sempre
    sottostimati.
    come li monetizzi?
    consideri la cattiva pubblicità? la
    perdita di fiducia nella struttura o
    istituzione? la perdita dei clienti? i danni
    morali alle persone coinvolte come vittime?Ma ci voleva questa indagine per arrivare a queste conclusioni?Come se non e' mai successo a nessuno di andare a fare la fila per una visita o per un ticket, che quando si inceppa la stampante chiudono tutto il reparto di accettazione con la scusa che il computer e' rotto (sic!) e aspettano l'assistenza...Il punto e' che questa dei computer che non si sanno usare e' una scusa bella e buona.La realta' dei fatti e' che siamo circondati da una massa di parassiti parastatali, che non hanno la cultura del lavoro, che non muovono un unghia piu' di quello che vogliono fare, protetti da un sindacato anacronisitico e talvolta vergognoso.Il semplice concetto che e' l'impiegato a svolgere il lavoro e che la macchina (sia essa un computer, un martello o una ruota) e' solo uno strumento al servizio del lavoratore.Il lavoro si fa con la testa e la testa deve sopperire ai malfunzionamenti delle macchine quando queste si guastano.Si fatichera' un po' di piu', in attesa che vengano riparate, ma intanto si lavora.E vedrete che cosi' facendo, la gente sara' stimolata ad imparare ad usare meglio gli strumenti, a trattarli con le dovute cautele, e quando possibile, intervenire personalmente alla manutenzione che nel 99.95% consiste nel resettare il PC o a pulire il mouse per far scorrere meglio la pallina.
  • Anonimo scrive:
    Re: Confermo

    ehm io lavoro nel ced di un ospedale e
    spesso devo muovermi in auto per CAMBIARE UN
    TONER o VEDERE SE C' E' UNA SPINA STACCATA
    in un distretto dove il personale sanitario
    ma più spesso amministrativo NON SA O
    NON VUOLE farlo Non hai capito la raffinatezza di questa strategia... ;)Un individuo imbufalito in più in auto -
    leggermente più ingorghi, più inquinamento... -
    aumento delle persone stressate, delle somatizzazioni, dei traumi, delle patologie collegate alle polveri sottili ed agli inquinanti -
    più lavoro per il settore ospedalieroamplificando questo discorso per tutti gli addetti ai ced, usati come testa di ponte del settore ospedaliero, abbiamo un bel guadagno netto!Fai girare anche tu l'ecomonia!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità

    Ciccio infatti ribadivo solo che nel
    constesto home è assurdo avere
    pretese. Il consumatore pretende in media:di avere il "sistema facile" su cui smanettare per fare finta di essere dei draghidi avere un picci assemblato per due liredi comprare hardware senza cognizione di causa e montandolo con ancora meno cognizioni di causa, però ovviamente l'hw deve essere poco costoso quindi niente tempo per il testing per i produttoridi collegarsi a siti pirata per scaricare roba pirata (come girare nei bassifondi di notte... una situazione mica tanto amichevole)se uno vuole il sistema elettrodomestico che si compri una play o una xbox, se deve ricevere messaggi da un elettrodomestico che si guardio il televideo, gli sms che si compri un fax, che si scarichi le mail su un palmare con os strasicuro... o che si faccia assemblare una linuxbox da chi ne sa e non pretenda di metterci le mani, o che compri un apple e che non ci tampini più di tanto, e in tutti questi casi mettici su solo periferiche testate e di una generazione coerente con il resto della macchina (ah, ma costano... che belli i gadget tech che trovi nel detersivo aggratisse)Il problema è che l'utonto vuole il picci facile come un auto ma pretende di mettere le mani sotto il cofano senza cognizione di causa.Seriamente, che mercato avrebbero delle box (con *x o quel che ti pare) in cui semplicemente attacchi l'hw e funziona, scarichi le mail e non ti prendi virus, accendi un programmam di produttività personale e funziona senza inchiodarsi?NESSUNO!I commercianti che ci hanno provato sono falliti (alla faccia delle facili previsioni dei tanti nostradamus dell'usabilità) perchè l'utonto vuole fare il drago a fare vedere che ci ha il fotoschiopp 8 crackato, che va sui siti ardcore (e non si è ancora accorto del dialer), che monta e smonta (metafora sessuale?) i gadget hw e i demoware (o crackware) che gli pare perchè lui è furbo, lui ha trovato sta gran bazza del ciddi nei cereali del fratellino, o la periferica che ti misura la temperatura dell'iride su porta usb nel detersivo.... Perchè lui è furbo, ha speso 4 milioni per un picci con 64 mb di ram ma tanto suo cuggino gli ha detto che non serve eppoi ci ha la sk video da 256 megabbite da 1 milione e il processore da 5 THz! E questo gli ha fatto risparmiare di comprarsi ben due giochi per plaistascion e ben 10 album in mp3 (anche se 8 sono delle fake e uno si sente da cani) e il divix dell'ultimo film di rocco cruise, anche se poi l'ha cancellato a metà del primo tempo perchè lo faceva dormire...e anche se poi ha speso 500 euri di bolletta del telefono perchè l'adsl supereconomica non andava allora si è allacciato a consumo e quel sito porno visitato gli ha fatto comaprre una strana finestra... ma non può essere quello,lui l'ha fatta andare via subito clikkando su "si"...purtroppo è questo che l'utente casalingo vuole:vuole tutto, ma non sa che cosa, se non che vuole sentirsi furbo e se qualcuno prova a dargli una soluzione funzionante (e legale!) lo fa fallire senza rimpianti affidandosi al primo ciarlatano che incontra salvo poi postare qui chiedendo aiuto!!! con la prima pagina bloccata su pompe.com (cit.)
  • Anonimo scrive:
    Beh abbiamo gente tipo urbani
    Beh abbiamo gente tipo urbaniche pretendete
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità
    Fai male ad essere così sicuro. Intanto chiediti: perchè tutti considerano il pc un elettrodomestico? 10 anni fa ce lo aveva "quasi" solo chi lo usava seriamente. Ora ce l'hanno tutti. E il bello è che 10 anni fa nessuno si sarebbe mai sognato di considerare un pc come un elettrodomestico.... forse si è vista troppa pubblicità? Troppo martellamento che il pc _deve_ essere facile? Non credi che fra essere _facile_ e _efficente_ ci sia differenza? Per giocare è molto più semplice usare la playstation o il dreamcast, altro che perdersi col pc e i driver della scheda video e installare il gioco ecc ecc. E almeno, se ne sei proprio così sicuro, spiegaci almeno il perchè.DjMix
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità

    Ciccio infatti ribadivo solo che nel
    constesto home è assurdo avere
    pretese. ovviamente in quello lavorativo no.
    ma questo è abbastanza lapalissiano
    non credi ciccio?certo sig. Negroponte!Forse non avevo capito bene il senso dell'articolo, dunque non si parlava di Sanità ma di Sim Hospital...Si, i videogames dovrebbero diventare più amichevoli, che fatica alzarsi e mettere il cd nella plàistascìon!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Confermo
    ehm io lavoro nel ced di un ospedale e spesso devo muovermi in auto per CAMBIARE UN TONER o VEDERE SE C' E' UNA SPINA STACCATA in un distretto dove il personale sanitario ma più spesso amministrativo NON SA O NON VUOLE farlo e quasi sempre alla richiesta di provare a leggere le istruzioni o guidarli per telefono la risposta è che loro non sono tecnici e non hanno tempo e se non ci vado subito chiudono il servizio e comunicheranno a chi dovere che il ced non collaboraquanto costa l'ignoranza dell'operatore ? un' ora del mio tempo, le spese di trasporto, l'interruzione del servizio...nessuno vuole mandare gli informatici a fare i sanitari ma richiedere un minimo di formazione e buona volontà a questi ultimiinoltre da quando lavoro in ospedale ho un terrore folle di ammalarmi perchè per me mancanza di buon senso, trascuratezza, superficialità, faciloneria e noncuranza sono attitudini generali per cui quando vedo come applicano le pratiche informatizzate temo si comportino allo stesso modo con quelle sanitarie

    Non sanno nemmeno copiare un floppy, a

    cogliere il tabacco!!!

    E in ospedale poi chi ci mettiamo? Te?
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma questi vendono corsi!

    Sara' anche vero quello che hanno "scoperto"
    questi qui, ma certe fonti sono
    inattendibili per definizione.già, ma quando si parla di ignoranza i dati sui danni risultanti sono sempre sottostimati.come li monetizzi?consideri la cattiva pubblicità? la perdita di fiducia nella struttura o istituzione? la perdita dei clienti? i danni morali alle persone coinvolte come vittime?i dati saranno anche fortemente sospetti, ma purtroppo non sono che la cima di un iceberg molto ma molto più grosso.per quanto io prenda con le molle dati simili purtroppo so bene che i danni dimostrabili non sono che una frazione insignificante dei danni reali, quindi anche se la stima è esagerata per interesse di parte so che è ancora molto ma molto meno di una stima realistica.PS fatti non foste a viver come bruti.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità

    un pc per ora non è assimilabile ad
    un elettrodomestico in fatto di facilita di
    uso, per cui tutti quelli che lo usano e che
    non vogliono *studiare* lo usano al 5%e questo è un dato di fatto
    quando, e dico quando, la facilità di
    uso di un pc sarà come quella di una
    tv (se sarà mai possibile) allora
    puoi parlare di questa tua teoriateoria una fava, questi sono i fatti ad oggi: la maggior parte della gente lo usa come fosse un elettrodomestico
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità
    Ciccio infatti ribadivo solo che nel constesto home è assurdo avere pretese. ovviamente in quello lavorativo no. ma questo è abbastanza lapalissiano non credi ciccio?
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità

    Questa risposta va bene per il tuo
    piccì ed in casa tua per i tuoi fini.
    Se permetti, l'infermiera che deve gestire i
    dati dei miei malanni la vorrei un filo
    più preparata.e infatti mi riferivo esclusivamente al contesto home
  • Anonimo scrive:
    Ma questi vendono corsi!
    Mi ricorda una gif che commentava una vecchia notizia qui su PI e diceva:CHIEDI ALL'OSTE SE IL VINO E' BUONO.Sara' anche vero quello che hanno "scoperto" questi qui, ma certe fonti sono inattendibili per definizione.Si chiama "conflitto di interessi" e' lo stesso che macchia le ricerche economiche finanziate da M$ che alla fine scoprono sempre che Linux costa di piu' di Windows.
  • Anonimo scrive:
    Re: Confermo
    - Scritto da: Anonimo
    Non sanno nemmeno copiare un floppy, a
    cogliere il tabacco!!! E in ospedale poi chi ci mettiamo? Te?
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità

    il
    piccì lo vedono come un
    elettrodomestico. senti ciccio, la capisci la differenza tra un giocattolo e uno strumento di lavoro?il picci può essere entrambe le cose, quando è un giocattolo (tuo) puoi pretendere che sia come pare a te, quando è uno strumento di lavoro deve essere efficiente, e di solito non si lavora col cervello spento.Quando usi il picci per lavoro hai il dovere di imparare ad usarlo per quello che l'incarico richiede, e quello che l'incarico richiede lo stabilisce il datore di lavoro ed il ced.punto.se pensi che usare il picci PER LAVORO voglia dire che andare al lavoro è come premere on sulla televisione vuole dire che non sai cosa sia un lavoro, il picci non c'entra proprio.se una cosa la può fare il picci da solo, stai tranquillo che il ced dirà al proprietario che l'omino che clicca su ok può stare a casa, oggi e anche domani.Se invece vuoi giocarci col picci giocaci, ma non confondere il picci che ti viene incontyro per intrattenimento con il poter tenere il cervello spento "perchè tanto c'è il picci" al lavoro. Credimi, i datori di lavoro amano scoprire le situazioni in cui questo è possibile e lasciare a casa la gente, il picci dopotutto è un lavoratore molto economico, peccato che abbia il cervello spento... quindi l'unico modo per non farsi fregare è tenere il cervello acceso, almeno quando lavori, poi quando giochi (col picci) puoi anche tenerlo spento perchè sono appunto solo affari tuoi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Utonti ignoranti...

    quando si capirà che usare il pc vuol
    dire usare il cervello le cose cambieranno...
    non si potrà mai arrivare a
    semplificare l'uso del pc come si è
    semplificato l'uso della automobile:Sante parole!C'è una gran confusione sull'uso del "compùtèr", che vuole dire tutto e niente!In pratica un computer è una macchina multifunzione, il che significa che può essere usato a livello ricreativo, e li si che diventa come la tv o l'automobile, alla portata di tutti, si va avanti ad automatismi.Oppure può essere anche strumento di LAVORO! E il lavoro è fatica! Nessuno ti paga per fare cose che si possono automatizzare, altrimenti basta mettere su una macchina!Il lavoro che si fa al computer è la parte non automatizzabile, cioè quella in cui si deve usare la testa, è poi il computer che fa la parte che invece è automatizzabile.Vorrei vedere tutti questi fenomeni che dicono "il còmputèr è difficile" se riuscissero a fare le statistiche e i controlli incrociati A MANO con la velocità che si richiede oggi (PA a parte, per ovvi motivi di tempi comunque biblici ;) suvvia, stiamo parlando di lavori veri...), o reperire in un archivio cartaceo (o anche di microfilm, sono buono) le informazioni come potrebbe fare su internet o su una banca dati (anche un cessetto scritto in VB su acCess).Quindi il computer potrà diventare più gradevole, meno rumoroso, più stabile con una grafica eccezionale, ma richiederà sempre di usare la testa se lo usate per lavorare perchè nessuno vi pagherà più per fare andare il telaio o tirare i blocchi delle piramidi, perchè per quello ci sono le macchine di calcolo e di lavoro bruto.E se avete qualche luddistica nostalgia del passato, vi consiglierei qualche giorno fuori dagli uffici a lavorare con qualche agricoltore o operaio che la fatica la deve fare ancora davvero, magari quando tornate davanti al computer lo guarderete con più rispetto in quanto vostro strumento di lavoro, come un artigiano guarda con rispetto il suo tornio (con su il CAD)... oppure, be quando si dice braccia rubate all'agricoltura... dato che oggi usare il computer è come saper scrivere... non avete ancora capito la carriera che consiglio come alternativa???
  • Anonimo scrive:
    0,84 della spesa totale
    0,84 della spesa totale:ecco perchè le aziende informaiche vanno in malora e le case farmaceutiche ti regalano le vacanze...
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità
    Questa risposta va bene per il tuo piccì ed in casa tua per i tuoi fini.Se permetti, l'infermiera che deve gestire i dati dei miei malanni la vorrei un filo più preparata.Mi consenta...
  • Anonimo scrive:
    Confermo
    Non sanno nemmeno copiare un floppy, a cogliere il tabacco!!!
  • theDRaKKaR scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità
    un pc per ora non è assimilabile ad un elettrodomestico in fatto di facilita di uso, per cui tutti quelli che lo usano e che non vogliono *studiare* lo usano al 5%quando, e dico quando, la facilità di uso di un pc sarà come quella di una tv (se sarà mai possibile) allora puoi parlare di questa tua teoriasaluti
  • theDRaKKaR scrive:
    Re: Utenti ignoranti o prodotti mal fatt
    vabè su - software inusabili ce ne sono ma sono molto di più le persone che si pongono davanti ad un pc con lo stessa motivazione di chi si pone davanti alla tvquando si capirà che usare il pc vuol dire usare il cervello le cose cambierannoquanti si pongono davanti ad un sw gestionale con la stessa serietà di quelli che si pongono davanti ad un sw di sviluppo?non si potrà mai arrivare a semplificare l'uso del pc come si è semplificato l'uso della automobile: in altre parole per queste tecnologie informatiche avremo sempre difficoltà di utilizzo da parte della massa a meno che la massa non faccia un salto di livello conoscitvo
  • theDRaKKaR scrive:
    Re: Utenti ignoranti o prodotti mal fatt
    ?!??!
    Molto triste l'accenno alla "patente
    europea" che ritengo un
    banale balzello (visto il costo)sei mica obbligato..
    e uno
    strumento di propaganda
    per i prodotti micro$oft (come se ancora ce
    ne fosse bisogno)sei mica obbligato a usare prodotti ms, usa staroffice/openoffice e kde o gnome e fai gli esami su quelle piattafomre
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità
    senti questo! enjoy brodini a 300 km orari senza freni :|
  • Anonimo scrive:
    Re: Utenti ignoranti o prodotti mal fatt
    Sottoscrivo in pieno, e vorrei aggiungere che il "problema" delsw scritto da fenomeni è purtroppo riscontrabile in molti altricasi (che non sto a citare ma che ho visto di persona).Senza contare il costo per la realizzazione di tali scempi...Molto triste l'accenno alla "patente europea" che ritengo unbanale balzello (visto il costo) e uno strumento di propagandaper i prodotti micro$oft (come se ancora ce ne fosse bisogno)
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità
    Questa è la tua opinione che lascia il tempo che trova. La stragrande maggioranza delle persone non ha intenzione di fare ciò che vuoi tu ed il piccì lo vedono come un elettrodomestico. Visto che sono la maggioranza, e siamo in un paese democratico, se a tutti va bene così le tue opinioni lasciano appunto il tempo che trovano.
  • TADsince1995 scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità
    - Scritto da: Anonimo

    Siete sempre sicuri

    che chi usa un pc non debba sapere che
    ha

    fra le mani?

    Io sono sicuro per quanto riguarda l'uso
    domestico.Così poi si diffondono worm et similia? Secondo me questo è sbagliatissimo. Il PC non è un elettrodomestico come la lavatrice o l'aspirapolvere, ma è una macchina multiforme e complessa, che va studiata almeno un minimo, sottolineo almeno il minimo necessario a capire che cliccare quà e là per "vedere cosa succede" è un'idea insana.TAD
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non solo nella sanità

    Siete sempre sicuri
    che chi usa un pc non debba sapere che ha
    fra le mani?Io sono sicuro per quanto riguarda l'uso domestico.
  • Anonimo scrive:
    Ma non solo nella sanità
    Non vorrei dire cose banali ma è facile vedere che il discorso, preso in via generale, vale un pò per tutti i settori. Abbiamo troppa gente che usa il pc senza saperlo fare. Questo non è mai un bene, l'ignoranza è sempre una perdita... di profitto, per esempio. A tutti quelli che sono convinti del diritto dell'utente di essere ignorante: avete mai pensato che ogni volta, quando un impiegato per esempio della pubblica amministrazione, sbaglia a fare un documento (per voi) vi potrebbe far perdere giorni? Quella roba poteva essere già pronta e invece niente? A me purtroppo è capitato di vedere scene del genere. Siete sempre sicuri che chi usa un pc non debba sapere che ha fra le mani?DjMix
  • Anonimo scrive:
    Utenti ignoranti o prodotti mal fatti?
    "Oltre un quarto degli addetti alla Sanità, secondo gli autori del rapporto, sono dunque impreparati a utilizzare gli strumenti informatici di base. Un'adeguata formazione, come quella fornita dalle organizzazioni che hanno steso il rapporto, consentirebbe a loro parere di ottenere benefici e rientri per almeno 2 miliardi di euro. Una stima che si basa sui risultati ottenuti con la formazione per la ECDL, la patente europea del computer, associati alle valutazioni e analisi già effettuate in ambito sanitario in altri paesi europei."Mi sembra sia un po' troppo semplicistica la conclusione della bocconi (mi ricordo di un altra ricerca di pochi giorni fa su ricchezza e rispetto del diritto d'autore). Capisco benissimo che spesso sia lacunosa la preparazione informatica degli impiegati, ma volevo porre la questione su alcune questioni:- spesso vengono utilizzati software sviluppati su misura per le aziende sanitarie, sw diagnostici, gestionali o quantaltro- per questi sw non c'è ecdl che tenga, ed infatti le ditte serie in genere fanno corsi al personale su come utilizzare il loro sw- rimane ancora il fatto che spesso gli utenti di tali sw, anche dopo dei corsi di addestramento, facciano fatica ad usarli (ed è quanto emerge da questa ricerca). Ma mi chiedo io, si sono preoccupati di valutare *anche* l'usabilità di questi sw, spesso scadente (conosco casi di sw progettati basandosi su indicazioni dei medici, visto che "comandano" loro, ma tali sw dovevano poi venire utilizzati da altri utenti. Ovviamente tali sw erano poi poco usabili), invece di dare la colpa solo che all'impreparazione degli adetti alla sanità? Quando verrà presa in considerazione l'usabilità nell'aquisto dei prodotti? Quando si finirà di dare la colpa *solo* agli utenti finali?
Chiudi i commenti