Starlink può essere sfruttato come servizio GPS

Starlink può essere sfruttato come servizio GPS

I ricercatori dell'Università del Texas hanno sviluppato un sistema che permette di usare il servizio satellitare di Starlink come alternativa al GPS.
I ricercatori dell'Università del Texas hanno sviluppato un sistema che permette di usare il servizio satellitare di Starlink come alternativa al GPS.

Starlink è un servizio di connettività satellitare che permette agli utenti di accedere ad Internet in quasi tutto il mondo (anche al Polo Sud). I ricercatori dell’Università del Texas a Austin hanno scoperto che il segnale può essere utilizzato come alternativa al GPS. SpaceX potrebbe fornire dati aggiuntivi per migliorare la precisione, ma ha comunicato di non volere “distrazioni” dal core business.

Starlink: connettività e posizionamento globale

Todd Humphreys, responsabile del Radionavigation Laboratory dell’università texana, aveva proposto l’uso alternativo a SpaceX circa due anni, ricevendo un feedback positivo. I dirigenti dell’azienda guidata da Elon Musk hanno successivamente cambiato idea perché ciò avrebbe tolto risorse al business principale. I ricercatori hanno quindi deciso di sviluppare un sistema di posizionamento globale senza l’aiuto di SpaceX.

Dopo aver acquistato un terminale (antenna) hanno studiato i segnali ricevuti dai satelliti durante lo streaming di un video su YouTube. Il team ha quindi scoperto che Starlink usa la tecnologia OFDM (Orthogonal Frequency-Division Multiplexing) per la trasmissione digitale.

L’obiettivo dei ricercatori non era decifrare i dati, ma solo cercare le sequenze di sincronizzazione, ovvero i segnali usati da satelliti e ricevitori per “parlare” tra loro. Le sequenze trasmesse (quattro ogni millisecondo) contengono informazioni su velocità e distanza dei satelliti.

La posizione dei satelliti in orbita viene pubblicamente fornita da SpaceX per evitare collisioni. È quindi possibile sfruttare la regolarità delle sequenze per calcolare da quale satellite provengono e calcolare la distanza da quel satellite. Ripetendo il processo per satelliti multipli si può determinare la posizione del ricevitore entro 30 metri. Starlink può essere utilizzato anche su veicoli in movimento (camper, navi e aerei), per cui potrebbe essere un’alternativa al GPS.

C’è tuttavia il rovescio della medaglia. Secondo Humphreys, la prevedibilità delle sequenze di sincronizzazione rappresenta una vulnerabilità di sicurezza. Il segnale satellitare può essere intercettato, falsificato o bloccato, come probabilmente è accaduto in Ucraina nel mese di settembre. Lo stesso Musk ha evidenziato il rischio:

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 24 ott 2022
Link copiato negli appunti